Sonia


Il maître di Albosaggia

Sonia

Òlta, 'ncarna, bionda, öc grànc' e ciàr, i bèscoli gròsi che li se möeva bèe, nàas miga gròs ma fort: tüc' chìsc' particólàr, 'ntàt che 'n pasava sü per i tornadù fìna itè sù a la Moia, iera abòt per fam 'mpresiù.

Tüta la bèlezza de la Sonia lo idüda nóma quànca 'n se ruàac' sü al ristorànt.

El me autista Walter 'l gh'eva mès la machena ilò da l'otra part de la stràda, e vignìvi giò da ültèm, 'n póo a piàa cólpa de li méei gàmbi sacramentàdi da li vari fratüri aüdi.

'L ristorànt l'era 'na cà mèsa daparlee.

Tüt 'ntóren, noc' fónda, nóma 'l védro sü 'n del üs l'era lüsènt che 'l pareva 'n diamant.

Sonia l'era denàz a nùu. La sùa sàgoma se la vedeva cùntra la lüus, òlta, sutìla, dal portamèet fòdemèret.

(libera traduzione di Vittorio C.)

L'avventura in Valtellina di Mario Soldati 1966

Sonia

Alta, muscolosa, bionda, con grandi occhi chiari, labbra generose e mobilissime, naso non grosso ma forte: tutti questi particolari, durante il breve tragitto su per i tornanti della montagna fino ad Albosaggia, bastavano certo a commuovermi.

Ma la bellezza completa di Sonia si è davvero rivelata soltanto quando arrivammo al ristorante.

Walter aveva parcheggiato la macchina dall'altra parte della strada, e uscivo per ultimo, con la fastidiosa lentezza a cui mi obbligano le mie varie fratture.

Il ristorante era una casa isolata.

Tutto intorno, notte fonda salvo la vetrata dell'ingresso che sfolgorava come intagliata in un enorme diamante. Sonia vi si avviava, precedendoci.

E la sua figura si disegnava in controluce, alta, snella, slanciata, upsopigea.