Esopo e l'atleta vittorioso


ESOPO E L’ATLETA VINCITÖR

‘Na olta en baüscia Milanées

l’ha veigiüt ‘na gara cuntra sées 1)

regiòor da l’uspizi apèna scapàac’:

trìi con la gamba zifola, trìì ‘zopàac’! 2)-3)

Al piantava pü lì da vantàs, ‘sto matèl: 4)

“ma coma sóo brao, ma coma sóo bèl !”

N’om savi cà per caso al ‘scoltava,

al scürliva la crapa, la barba al gratava:

“Te batüut di gran campiù, vantèt pór!

Ol pusé en gamba, fra pòoch al mór!

I ótri cinch, se sa miga sa a-i tira noc’,

te mèritet ‘na medaia de butéer coc’!” 5)

(Paolo Piani)

NOTE

1) Sées: sei

2) gamba zifola: una gamba che ti regge a malapena

3) ‘zopàac’: azzoppati

4) matèl: giovanotto

5) butéer coc’: burro cotto

ESOPO E L'ATLETA VITTORIOSO

Il saggio, quando vide un campione sportivo

darsi troppa importanza per aver vinto una gara,

gli chiese se era stato più forte del suo rivale.

<< È evidente. Certo che sono più forte, e come ! >>

<< E allora, dov'è il merito ?

che merito c'è a battere uno più debole ?

Saresti più simpatico se dicessi che sei forte

perché hai superato un altro atleta che, fisicamente,

è più dotato di te. >>

La boria del vincitore.

(Fedro)

 

'l ghè nè amò