Òl lupo e òl càa

di Paolo Piani


ÒL LUPO E ÒL CÀA

'N lupo scandrìit, 'n dì al mercàat,

'n cagnöl ciciotèl l’ha 'ncuntràat:

 

“Ma te stée a l’albergo par vès iscé gràs e lüsènt,

mentre mi söo stràc e patìit cóma 'n serpènt?”

 

“Ven con mi ca 'l me padrù te presenti,

e tarée finìit da fàa ‘na vita de stenti!”

 

Entàat ca a-i bieva en bianc corèt,

'l lupo al ghe scapàat l’öc’ sül colèt

 

dèl càa di sciör:

Che brüt ségn, o Gesù Signór!

 

“Cosa te fàc’ sül col, te sée malàat?”

“No … dal dì a-i me tè ligàat …

 

… ma miga sèmpre, nòma en quài moment …

… durant la nòc’, giri liberament!”

 

“Aaah, ho capìit tüt:

chel cà te diset l’è pròpi brüt!

 

Preferisi patìi 'n pöo la fam,

che stàa ligàat cóma 'n salam!”

(Paolo Piani)

IL LUPO E IL CANE

Un lupo magro e affamato incontra un cane ben pasciuto.

<< Da dove vieni così lucido e bello ? Cosa mangi per mantenerti così ?

Io sono più forte ma patisco la fame. >>

<< Puoi star bene anche tu se vuoi, basta che presti lo stesso servizio al padrone. >>

<< Quale servizio ? >>

<< Custodire la casa di notte e spaventare i ladri. >>

<< Ma io ci sto ! Sono stanco di questa vita di stenti.

Deve essere bello avere un tetto e riempirsi la pancia senza cacciare.

Vengo con te. >>

Cammin facendo il lupo vide che il collo del cane era un po' segnato:

<< Cos'è quel segno ? >>

<< Oh .. non è niente. >>

<< Mi interessa sapere. >>

<< Qualche volta, mi tengono legato, perché possa riposare durante il giorno,

e rimanere sveglio durante la notte.

Ma alla sera posso girare liberamente, e mi danno da mangiare. >>

<< Ma se si ha voglia di uscire si ha il permesso ? >>

<< Ogni volta che si vuole ... no. >>

<< Addio amico, preferisco mangiar poco in libertà che molto in prigionia. >>

Quanto sia dolce la libertà, voglio esporlo in breve.

(Fedro)

 

'l ghè nè amò