'L piógiàt


di Vittorio Crapella  12-05-2019

'L PIÓGIÀT 

´N piógiàt là vendüut i sṍ bée e la fàc' s-cià 'n grànt gherù d'òr; lè 'ndàc' sènsa dìi negót a piacàl sóta téra, ma 'nséma, sènsa savìl, là piacàat àa ól sò cṍr.

'L pasàva iló ògna dì par controlàa, e´l fisàva coi ṍc’ la téra e 'ndela sùa mèet 'l vidìva l' òr a lüsìi .

´N viláa, ǜü dól paés, 'l se 'ncòrgiüt de stà quistiù e là scavàat la téra, sènsa fàš idìi, e là pórtáat ià tǜt.

Quànca 'l piógiàt lè tornáat a controlàa, là idüut la téra muiüda e l'òr 'l gh'era ca pǜ; ilùra là cuminciat a óśàa e a strepàs i cavéi.

´N galantóm ca'l pasàva par càas de iló, là domandàat ´l mutìf e pò´l lghà dìc':

" Lamentèt ca, fàa ca de ti ´n óm ìnsürìt. Mèt al sò pòst 'n sàs e fà cǜnt de vìi sótráat l'òr ca te gharée 'l stèś tornacünt."

Móràl dela fàola: A chè 'l servìs ès sciór, con táac' sòldi, se pò se ca bùu de üsài ?

L' AVARO

Un avaro vendette i suoi beni e ha fatto una gran quantità d'oro; andò senza dire nulla a nasconderlo sotterra, ma assieme, senza saperlo, vi nascose anche il suo cuore.

Passava di là ogni giorno per controllare e fissava cogli occhi la terra e nella sua mente vedeva loro luccicare.

Un villano, uno del paese, si è accorto di questa faccenda e scavò la terra, senza farsi vedere, e si portò via tutto.

Quando l' avaro Tornò a controllare, vide la terra mossa e l'oro non c'era più; allora cominciò a gridare e a stracciarsi i capelli.

Un galantuomo che passava per caso di lì, chiese il motivo e poi gli disse: " Non lamentarti, non fare di te un uomo triste.

Metti al suo posto un sasso e fa conto di aver sotterrato dell'oro che avrai lo stesso profitto."

Morale della favola: A che serve essere ricchi, con tanti soldi, se poi non si è capaci di usarli ?

 

'l ghè nè amò