Regole grammaticali


Per scrivere in dialetto

Puoi aiutarti anche con questo traduttore Dall'Italiano al Dialetto

Come digitare le strane lettere accentate utilizzando il tasto ALT + numero (vedi fondo pagina)

 

Le vocali da utilizzare sono a à e è é i ì o ò ó ö u ù ü (ǜ ṍ)

É é per i suoni chiusi : fée, ne sé, scialésc, scodéscia, d’in ’i té (pr. del Tursciù), téra (filari della vigna)

È è per i suoni aperti : èrba, caśèra, sorèla, d’in ‘i tè (pr. dela Mòia), tèra (terra)

Ó ó per i suoni chiusi: bósch la ‘i gió, bólp, sógn

Ò ò per i suoni aperti : còrna, gòs, margòt, sòrela

Ö ö per la o turbata chiusa: böc’, manźöl, giön0c’

Ü ü per la u turbata: füm, müraca, vendül, püsée

c’ per la c dolce in finale di parola: cavìc’, butìc’

ch per il suono duro della c in finale di parola: föch

ś ź per s e z sonore come röśa (fiore) e źòca

s z per s e z sorde come rósa (rossa) e zèrp

v anche quando la v è semivocalica come cavéi

Doppia vocale per i suoni accentuati e prolungati:

l’agràat, pràat, magnàa, mùut, ranźìi, matuchìi, vìi ,maiàa, bìif, nìif, laoràa ,piée, öoit, ridisìi, chèl ca góo, nuu ‘n ga ca tèep, vargùu, l’è tìis de buu tèep, cristiàa, capelàa, domàa , càa, pàa, gèet, tàat, vèet, sùul, deréet, fiàat, soràa.

ǜ ṍ da usare solo quando sono doppie e nella prima cade l’accento tonico es: lǜü, lǜüs - cṍöga, l’ṍöf

USO DEGLI ACCENTI

Premesso che la maggior parte delle parole in dialetto e anche in italiano sono piane, cioè hanno l'accento sulla penultima sillaba, per facilitare la scrittura dei testi evitando di scrivere gli accenti dove non sono necessari procedere come qui di seguito specificato.

Parole Tronche (parole con l'accento sull'ultima sillaba)

es.: ditè, dispiasè ACCENTO OBBLIGATORIO

Parole Piane (parole con l'accento sulla penultima sillaba)

es.: dozena, mata, palta ACCENTO FACOLTATIVO,

mettere l'accento solo per le parole che hanno la doppia vocale come: lavàa, pusèe, amìis.

Parole Sdrucciole (parole con l'accento sulla terzultima sillaba)

es.: sòfoca, lüsèrta ACCENTO OBBLIGATORIO

càpita (verbo capitàa)

li mè càpita tuti a mi =capitano tutte a me

Parole Bisdrucciole (parole con l'accento sulla quartultima sillaba) ACCENTO OBBLIGATORIO

Personalmente adotto anche questo metodo: pronuncio il vocabolo leggendo le vocali come si pronuncerebbero da sole e sento se il suono è corretto o no.

Se ad esempio pronunci una "e" normale senti se il suono è giusto o no, "met" (mettere) non suona affatto bene, allora non rimane che provare con i due tipi di accento sulla "e" per trovare quella giusta, "mèt".

Altro esempio scrivo "tera" e voglio dare il significato di terra quella "e" normale da un altro suono e quasi un altro significato poi provo con i due accenti e comprendo che ci vuole "è" cioè "tèra" anche perché "téra" sarebbe "striscia di terreno tra due filari di viti".

Stesso metodo lo uso anche per la lettera "o" provo a leggere "o" normale poi capisco che accento mettere.

Ovviamente questo vale se si conosce la pronuncia giusta della parola in dialetto.

PREPOSIZIONI:

di = de - del = dèl - della = dèla - dei = dei - delle = deli

con = con - col = col - colla = con la - coi = coi - colle = con li

su = - sul = sǜ-'ndèl - sulla = sǜ-'ndèla - sui = sǜ-'ndi - sulle = sǜ-'ndelli

per = par - per il = par ‘l (par ól) - per la = par la - pei = par i - per le = par li

tra = ‘ntrà - tra i = ‘ntrà i - tra le = ‘ntrà li

fra = fra - fra i = fra i - fra le = fra li

da = da - dal = dal - dalla = dala - dai = dai - dalle = dali

a = a - al = al - alla = a la - ai = ai - alle = a li

in = en - nel = ‘ndèl - nella = ‘ndèla - nei = ‘ndei - nelle = ‘ndeli

CONIUGAZIONE VERBI REGOLARI:

es. lavàa = lavare

presente = mi lavi, ti te lavet ecc.

passato = mi ò lavàat, ti te lavàat ecc.

imperfetto = lavàvi oppure séri rèet a lavàà

futuro = lavaròo

condizionale = lavaris

p. passato = lavàat

imperativo = lava!

Verbi Irregolari

ANDARE = 'ndàa

mi 'ndòo

ti te 'ndèe

lüu 'l va

nùu 'n va

otri 'ndìi

lor i va

imperativo = ‘ndèm! o ‘ndóm!

VERBI AUSILIARI:

AVERE = avìch (vìch)

vìch frèc’ = avere freddo

Participio passato = aüt o üt

l’aüt besógn = ha avuto bisogno gh’ò üt la féora = ho avuto la febbre

presente:

gh’è gh’è la scèca = c’è la nebbia

mi gh’òo (gh’óo) mi gh’óo trei vachi = possiedo tre mucche

mi ò ò ciapàt ‘na stòrta = ho preso una distorsione

ti te gh’èe (gh’ée) ti te gh’èe dói pégori = tu hai due pecore

lǜϋ 'l gh’à ‘l ga ‘na gàmba róta = ha una gamba rotta

lǜϋ 'l’à l‘à rót ‘na gàmba = ha rotto una gamba

nùu 'n gh’à ‘n gh’à tàac’ bósch = abbiamo tanti boschi

otri gh’ìi gh’ìi parégi cà = avete parecchie case

lór i gh’à i gh’à ‘na fràca de monédi = hanno tantissimi soldi

futuro:

mi gh’aróo

ti te gh’arée

lǜϋ ‘l gh’arà

nùu 'n gh’arà

otri gh’arìi

lór i gh’arà

condizionale:

mi arés (arès)

ti te gh’aresét

lǜϋ ‘l gh’arés

nùu 'n gh’arés

otri gh’areséf

lór i gh’arés

ESSERE:

vès (ès) = essere ès stràch = essere stanco

vès e no ès = essere e non essere, tutto sommato

indicativo presente:

mi sóo (sòo)

ti te sée (sèe)

lǜϋ l'è

nùu 'n sé (sè)

otri sìi

lór i è

participio passato:

mi seri

ti te seret

lǜϋ l'era

nùu 'n sera

otri sevef

lór iera

futuro:

mi saróo

ti te sarée

lǜϋ ‘l sarà

nùu 'n sarà

otri sarìi

lór i sarà

condizionale:

mi sarés

ti te saréset

lǜϋ ‘l sarés

nùu 'n sarés

otri sarésef

lór i sarés

congiuntivo, passato prossimo:

che mi födés

che ti te födesét

che lǜϋ ‘l fös (födés)

che nùu 'n fös (födés)

che otri födeséf

che lór ‘l fös (födés)

VOLERE ulìi (vulìi)

mi öli (völi)

ti te ölet (völet)

lǜϋ 'l völ chi che öl i fa cóma i pöl = chi vuole fa come può

nùu 'n völ

otri ulìi (vulìi)

lór i öl (völ)

POTERE = pudìi

mi pödi

ti te pödet

lǜϋ 'l pṍ (pöl) chi che pöl i fa cóma i völ = chi può fa come vuole

nùu 'n pṍ (pöl)

otri pudìi

lór i pṍ (pöl)

METTERE = mèt

Presente:

mi mèti

ti te mètet

lǜϋ ‘l mèt

nùu ‘n mèt

otri mètìi

lór i mèt

passato prossimo:

mi mètevi

ti te mètevet

lǜϋ ‘l mèteva

nùu ‘n mèteva

otri mètevef

lór i mèteva

futuro:

mi mèteróo

ti te mètarée

lǜϋ ‘l mètarà

nùu ‘n mètarà

otri metarée

lór i mètarà