Vocabòi particòlar

Ci sono vocaboli che non hanno un equivalente italiano ma necessitano di una spiegazione; li trovate qui in ordine alfabetico (clicca la lettera scelta).


A - B -C- D -E - F- G - I - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - Z

vocabòi particòlar - A

  • agràat = graticcio sopra il focolare per seccare le castagne
  • agrèr (<-- clicca )= botticella in legno dove si mantiene e produce l'agra
  • aiguàl = roggia che partiva dal fiume Livrio e passava in mezzo ai prati sotto loc. Zapelàc' fino a congiungersi all'Adda sotto loc. Caselle
  • alivèrsi = venire al dunque |al vee ca pü aliversi=non viene al dunque, non si sbriga
  • alrìc' = in ordine, ben fatto
  • àmm = Locuzione usata per imboccare il piccolo |àmm la pàpa
  •  andàna  (<--clicca) = erba che si ammucchia dietro al falciatore e anche fieno raccolto con rastrello a file lunghe
  • angégher = soldato o poliziotto tedesco e svizzero
  • arcabànch = attrezzo complicato
  • aretüra = addirittura, nientemeno, persino

vocabòi particòlar - B

  • bacüch = solo nella locuzione vecchio bacucco, persona decrepita
  • badèrla = attrezzo per fare le matasse (“àsci”)
  • bàgiol (<-- clicca ) = baccio, bastone lungo e robusto, leggermente arcuato, con due incavature alle estremità, cui si appendevano i secchi | te capisèt cà, gnàa cà picat gió col bàgiol = non capisci neanche a colpirti col bacchio
  • bagliàa = tenere a balia, allattare, dietro compenso, un bambino di altri
  • bagnìi = grosso catino con manici (per lavare i panni; anticamente per fare il bagno ai bambini)
  • bàit (<--clicca) = modesta e piccola costruzione, all’interno della quale si faceva scorrere una roggia d’acqua, in cui si tenevano a bagno le caldere in rame, in cui veniva conferito il latte dalle famiglie della contrada
  • balòt = piccolo corpo tondeggiante di sostanza molliccia | balòt de pulènta = piccola palla di polenta
  • bancaràal = panca con alto schienale che sta tutto intorno al focolare
  • banimàa = mano a mano |a banimàa ca 'l me vèe 'n mèet li paròli 'n dialèt, te li disi
  • baràda = grande testata, come usa fare il montone (bar)
  • bardèn = bardana maggiore (arctium lappa l.), pianta erbacea che produce una bacca verde che si attacca con facilità ai vesti
  • baregàa = girare intorno senza meta
  • belegòc' = castagne secche e cotte
  • bèrgom = solo nell’espressione fàa ‘l bèrgom = fare lo spavaldo
  • bèsciulù = persona con grosse labbra
  • bètega = buccia dell’uva e di altri frutti; la parte esterna, superficiale di qualcosa
  • betònega = donna invadente e pettegola | l’è ‘na betònega = è una donna molto pettegola
  • biaròt = miscuglio latte e siero per i vitelli o miscugli vari per il maiale
  • binàa = rincalzare la terra attorno alle piante di patate, ecc.
  • bindèla = nastro graduato per grandi misurazioni, di solito lungo 10 o 20 metri; sega a nastro
  • bistèch = si congiungono il pollice e l’indice e poi si fa scattare l’indice
  • bórsetàda = quanto può contenere una borsa piena
  • bósola (<-- clicca ) = corteccia delle betulle che quando appassisce si arrotola, e secca è usata per accendere il fuoco
  • bróia = liquido che rimane dopo la scolatura della pasta
  • bróncàa = piangere e gridare
  •  bróns  (<-- clicca ) = pentola di bronzo
  • bròstola = crosta su una ferita che sta guarendo
  • brüsa = falò; nei maggenghi lo si preparava ammucchiando arbusti di "zenéór"(ginepro) e "malacrii"(rododendro) |òl dì dela Sensiù dela Madóna òl miis de Aóst se fàva fèsta a San Salvadù, ai vegnéva da tüc’ i magènch entóren a Mèśa e a maiàa la büsèca. De 'n sìra,ognantüu 'ndi sòo magènch se pizàva la brǜsa e 'se fàva a chi ca 'l è fàva püsée òlta = il giorno dell'Assunta il mese di agosto si faceva festa a San Salvatore,venivano da tutti i maggenghi dei dintorni a Messa e a mangiare la trippa. Di sera tornati al proprio maggengo si accendeva il falò e si faceva a gara a chi lo faceva più alto
  • brüsèch = rimasuglio di cosa bruciata
  • brüsegù = caldarrosta troppo bruciacchiata | brüsegù e tètafò = caldarroste e castagne bollite
  • buchèl = piccola presa d’acqua praticata nelle rogge per deviare l’acqua per irrigare
  • budunàa = girare intorno a vuoto rumorosamente come un “bubù”
  • budunèra = gonfiore nella pancia con flatulenza
  • bufèt = soffietto da focolare
  • bulsìi = tossire di tosse secca e fastidiosa
  • bulugnìi = blocco di calcestruzzo prefabbricato
  • bunùra = di buon mattino | levasú a bunùra = alzarsi all’alba
  • burdiù = corda fatta di filo d’acciaio e canapa
  • burèl = tronco d’albero di piccole dimensioni; sezione di tronco, tagliato a misura di stufa
  • buriù (<-- clicca ) = grosso tappo che chiude il foro della botte
  • bütüm = impasto di cemento e sabbia, normalmente usato dai muratori per pavimenti o altre opere
  • bùul = recipiente in rame o alluminio contenente acqua calda per scaldare il letto d'inverno

vocabòi particòlar - C

  • càbra = usato solo nell’espressione “l’è màgra la càbra” = è magra, essere in una situazione finanziaria critica
  • cadólca = bevanda di vino e latte | colór cadólca = colore violaceo
  • cagnàa = addentare con forza
  • càgola (càgoli) = sterco delle pecore, delle capre, di alcuni ungulati
  • càgulii = escrementi di capra
  • cainàa = gridare dal dolore; guaire
  • calcadura = infezione al piedi delle mucche che può avvenire quando lo zoccolo appoggia in sassi acuminati
  • calcarìsc’ = attrezzo costituito da un grosso pestello di legno lungo circa un metro, a tronco di cono, con un cerchio di ferro alla base e provvisto di un’impugnatura per le due mani, posta all’estremità superiore; serve per picchiare e pareggiare l’acciottolato
  • cambrìi = larva della mosca che cresce in certi alimenti come carne e salumi
  • camolàa = parlata dei bambini piccoli vedere “tarlacàa”
  • campàc’ (<-- clicca)= gerla a largo intreccio, usata per il fieno ed il fogliame (campàgia, più grande; campàgìi più piccolo)
  • canàola = collare in legno che si mette al collo delle capre e al quale viene fissato un piccolo campanello (brunzìi)
  • candelòra = Madonna candelora ( 2 febbraio: presentazione di gesù al tempio); sinonimo: sciriṍla | la Madóna candelòra da l’anverèn semo fòra, ma se ‘l piöf ó sa al tìra vènt, par quaranta dì an gh’è torna dènt! | alla Madonna candelora dall’inverno siamo fuori, però se piove o c’è vento, per quaranta giorni ritorna l’inverno
  • cànoa = cantina seminterrata per la conservazione dei formaggi | la cànoa di poèr = la mensa dei poveri
  • cantéer =cantiere o trave utilizzata nella struttura del tetto in tegole (“piodi”) delle baite di montagna, posto ortogonalmente all’orditura principale formata da culmìgna, tersèra, muri perimetrali | ciòot cantéer = grosso chiodo che serve per tenere insieme culmìgna, tersèra e cantéer.
  • capelàda = quantità contenuta in un cappello; errore madornale | ‘na capelàda de fónch = un cappello pieno di funghi; hó fac’ ‘na gràn capelàda = ho commesso un grosso sbaglio
  • capii = piccolo cappio fatto all'estremità di un filo
  • capunàa = accoppiarsi tra gallo e gallina vedere “galàa”
  • carampógn= aggiustatura mal fatta su un capo di biancheria o di vestiario (anche rampógn)
  • caréc’ (<-- clicca)= strame o foraggio di poco conto, rifiutato dalle mucche; carice | o da gióen o da vec’, sg’ha da maiàa ol caréc’ = o da giovani o da vecchi capiteranno di sicuro momenti di grande disagio
  • carèta = macchinario malandato e di poco conto; persona malmessa e di scarsa salute
  • càrga = carico pesante che si porta generalmente sulle spalle | ‘na càrga de légna = un pesante carico di legna; ‘na càrga de bóti = una gran quantità di bòtte
  • carilìi (<-- clicca )= rocchetto sul quale è avvolto il refe |carilii dal rèf
  • cariolàda = quanto si può trasportare con una carriola
  • Càrlo códega = Arretratezza |te sèe restàat ai tèep de Carlo códega=sei rimasto indietro ai tempi di….
  • carlùna = cosa mal fatta, alla buona, approssimativa | en mestéer fac’ a la carlùna = un lavoro fatto alla bell’e meglio, in modo approssimativo
  • carpéli = ferretti che si applicano agli scarponi per non scivolare sul ghiaccio, ramponi
  • casèl (<-- clicca)= piccolo edificio di servizio | ol casèl del làc’ = piccola baita, attraversata da un ruscello, dove si teneva il latte al fresco (vedi anche “bait dal lac”)
  • casinèr = adetto al vettovagliamento sugli alpeggi oltre che pastore
  • càsp = gabbia del torchio in legno; per estensione, il contenuto in vinacce | ho duút fàa dùu càsp parchè li ghè cà stàci gió tuti en d’en bòt = ho dovuto riempire due volte il torchio perché (le vinacce) non ci sono state tutte in una volta sola
  • cavadù (<-- clicca)= attrezzo a lama curva per scavare nel legno
  • cavalòt (cavalòc’) (<-- clicca)= cavalletto | ol cavalòt dela gràsa = il cavalletto per il letame (supporto formato da tre pali, di cui quello centrale mobile sul posteriore, uniti in alto mediante una grossa vite o chiodo, su cui veniva appoggiata la gerla per agevolare il carico di letame e la presa sulle spalle mediante le “stròpe”)
  • cèra (<-- clicca )= festuca alpestriserba alpina filiforme, dura e scivolosa
  • cercòt (cercòc’) = uno che chiede sempre (caramelle, cibo in genere, elemosina)
  • ciampìn = solo nell’espressione: porco ciampìn = perbacco, accidenti
  • cianfügn = chi svolge un lavoro in modo approssimativo, disprezzabile
  • ciapèl (<-- clicca )= scodella in legno; ciotola | bìif fó dal ciapèl = bere dalla scodella di legno (che veniva fatta passare da uno all’altro bevitore)
  • cinquèna = forca a cinque denti (usata per trasferire le vinacce dal tino alla “brènta” o al torchio
  • colarìna = cinghia che si mette al collo dei cani per applicarvi la catena o il guinzaglio; cinghia che si mette al collo dei bovini per applicarvi il campanaccio
  • coldéra (<-- clicca) = grosso recipiente in rame per il latte
  • colèr = albero di nocciolo 
  • colóbbia = residuo slavato della lavorazione del latte | ’ndàa òl sànch en colóbbia = andare il sangue in acqua
  • colondél = parte di eredità |m'a fac' gió i colondéi par fa la divisiù dela roba= abbiamo stabilito le parti per la divisione dell'eredità parte di eredità |m'à fàc' gió i colondéi par fa la divisiù dela roba= abbiamo stabilito le parti per la divisione dell'eredità
  • cónca = recipiente basso e largo  in rame in italiano anche ramina, più bassa della “coldéra” ove si conserva il latte nel "bait" (<-- clicca )
  • coràda = polmone degli animali macellati
  • còrna(córni) = macigno staccatori dalla montagna e rimasto isolato | la còrna di maligèn = il masso del sorbo dell’uccellatore
  • cornagìi (<-- clicca )= silene, pianta erbacea delle cariofillacee, commestibile e molto buona
  • cròscia = usato solo nell’espressione “fàa cròscia” riferito alla gallina che si mette nella posizione di covare
  • crüzzi = preoccupazione per un fatto che richiede un impegno prolungato non preventivato | chè crüzzi chèla fèmna! = esprime preoccupazione, e a volte fastidio mal celato, per le cure assidue nei riguardi di …
  • cübbièt= pezzo di corda adatta al trasporto di oggetti come ad esempio un fascio di legna;termina con un anello sui due lati;un anello entra nell'altro così da stringere l'oggetto da trasportare
  • cunsciaòs = persona che cura distorsioni o lussazioni, chiropratico
  • cupèta = dolce tipico valtellinese fatto con miele, noci tritate, racchiuso tra due cialde | a Santa Caterina, se crùmpa la cupèta = a Santa Caterina (25 novembre, Santa Caterina d’Alessandria, patrona di Albosaggia si acquista la “cupèta”)
  • cùul (<-- clicca)= apposito utensile in rame o anche in legno "ol cùul dal làc’" con foro dove sono poste radici sottili “li radis dol cùul" per filtrare il latte appena munto (vedi culàa)

vocabòi particòlar - D

  • dà réet = dare qualcosa a qualcuno che parte
  • da rigola = vedi "da vers" - svolgere attività necessaria ad accudire gli animali nella stalla
  • da vers = svolgere attività necessaria ad accudire gli animali nella stalla
  • daa scià = Farsi vivo,arrivare, rinvenire|l’è già tri dì ca ‘l da ca scià chel cagnüsc, al sarà pó en caloor=sono tre giorni che non si fa vivo,quel cagnaccio,sarà in calore |l’a ciapat fastédi, ma dopo ‘n atem l’è daat scià dapé=è svenuto,ma dopo un attimo è rinvenuto
  • dàch sóta = lavorare con impegno, mettersi a lavorare di buona lena
  • dàch sǜ = alzare la voce, alzare il volume in un canto
  • dalùra = da molto tempo
  • daluramài = da moltissimo tempo
  • danàa = usato solo nell’espressione “fàa danàa” = far disperare
  • danególi = in nessun posto, in nessun luogo
  • daparlór = da soli
  • dàsa = ramo d’abete alle estremità più sottili
  • dasèla = rametti secchi di abate
  • dasṍl = aghi di abete secchi, caduti a terra | rèma sǜ ‘l dasṍl par fach lec’ ai vedéi = raccogliere gli aghi caduti sotto i pini per fare la lettiera ai vitelli
  • degónt = perdere le forze, essere debole | al degont dala fam = sta morendo di fame
  • densǜ = in alto, sul maggengo in montagna |l’è stàc’ densǜ tüta la stàat = è rimasto in montagna tutta l’estate
  • dèrbet (dèrbec’) = fungo della pelle di animali e anche dell’uomo
  • despetolàs = liberarsi da un impegno |mi ó sbagliat a dach a meet e iscé gl’a favi ca pü a despetolàsen= ho sbagliato a dargli retta così non riuscivo più a liberarmene
  • despregàa = rifiutare in malo modo o disprezzare l’offerta di un aiuto | la càora ‘nbuscìda la gh’è ‘n desprèga al bósc’ = la capra pregna prende a cornate il caprone
  • dì gió = annunciare dal pulpito
  • doméga = orzo pilato usato anche per minestre
  • dulàa = lisciare o ridurre di spessore un bastone o un pezzo di legno, con la roncola.

vocabòi particòlar - E

  • 'mpicàat = trovarsi in un grosso guaio o in un posto stretto | magro empicàat=molto magro
  • 'ncùtra = andare incontro |al rua ‘l pa,dom ca ‘nghe va ‘ncutra=il papà sta arrivan do, andiamogli incontro
  • 'ndàna (<-- clicca )= striscia di erba che si accumula accanto al falciatore, lungo il tratto falciato | trà fö li ‘ndàni = spargere, distendere sul prato l’erba falciata (affinché asciughi)
  • éndes = uovo che rimane nel pollaio come riferimento per le galline per depositarle l'uovo nel posto giusto
  • 'nfesciàs = andare a mettersi e rimanere in qualche impiccio
  • 'ngignàs = capacità di disimpegnarsi in ogni circostanza | me sòo ‘ngignàat = mi sono ingegnato, arrangiato
  • 'ngosàs = riferito a cibo rimasto sul gozzo (nella parte superiore del tubo digerente)
  • 'ngrüfèet = dall'aspetto malaticcio,triste e arrabbiato, demoralizzato
  • 'ngrügnìit = afflitto per un dispiacere| engrügnìit dal fréc’ = rattrappito dal freddo
  • 'nsìn = usato nell’espressione “te pṍdet ‘nsìn” = puoi farne a meno, non devi disturbarti
  • 'ntremògia = persona poco sveglia anche un po’ ritardata
  • èrba dóna (<-- clicca ) = erba infestante che secerne un liquido giallo
  • èrbi sèchi = verze appese essicate da utilizzare per la minestra in inverno
  • ès sóta = essere alle dipendenze di qualcuno; essere di turno nel gioco del nascondino

vocabòi particòlar - F

  • fà ité = ricavare qualcosa da qualche materiale o da una persona| so cà che fa ité ‘ndel me fiṍl = non so cosa fare con mio figlio, perché non fa
  • fa paìscia = fare leva utilizzando la “levéra” o lo “źapìi”
  • fàs tè = prendere confidenza e familiarità, attaccar discorso | al gà ‘n bèl càrater, al se fa itè con tǜc’ = ha buoni rapporti con tutti.
  • filàgna = filamento (solitamente del formaggio), anche filo con amo per pescare
  • filòch = filamento di fibra tessile di scarto; filamento che si stacca dalla carne lessata
  • finàaza = confine tra una proprietà e l’altra | detto anche òl tèrmen = il confine fissato da un sasso conficcato nel terreno
  • firligòt = filaccio di metallo di uso generico
  • fitù (<-- clicca )= piccolo cuneo in ferro, dotato di anello, che si piantava in un tronco al fine di trainarlo con una corda
  • foiarṍla = ingiallimento precoce e caduta delle foglie, nei mesi estivi, a causa della siccità
  • fólscèt (<-- clicca ) = vedi "fulscèt" specie di macete con la punta ricurva usato per "scalvàa"(levare i rami ) un albero di piccole dimensioni
  • fösbée / fösbèe = pressappoco, più o meno, quanto basta, a occhio e croce, circa 
  • fozzùra = fuori-sopra, che tracima dal proprio contenitore| qualsiasi cosa che esce da un contenitore 'l làc' 'l va fozzura quant cal boi, varda mó chel pignatii c'al bói, smorsel prüma ca 'l lac' al vaghi fozzùra=guarda quel pentolino che bolle, spegnilo prima che il latte venga fuori; nell’espressione: “la ghe va ca fozzùra“ = si trova in ristrettezze economiche
  • fràca = grande quantità (di cose o persone) | ‘na fràca de gèet = una moltitudine
  • frìtola = frittella di farina bianca o nera, piatta, cotta con l’aggiunta di formaggi
  • frǜa = guadagno del contadino
  • füdügnàa = sbrigare faccende con poco impegno
  • fulàa = eseguire l’ultima pigiatura dell’uva
  • fümèri = fumo denso e acre che si alza da un incendio o dal bruciare di ramaglia ancora verde
  • fundǜl = Il rimasuglio del caffè che rimane nel fondo del pentolino
  • funfuanàa = fare qualcosda senza criterio
  • furaṍc’ = libellula degli stagni

vocabòi particòlar - G

  • gabbiòt = piccolo deposito precario in legno o lamiera
  • gabbiù = grossa ciliegia carnosa e un po’ dura
  • gabinàt  (<-- clicca ) = esclamazione  conosciuta in tutti i paesi della nostra zona, forse deriva dal tedesco “gaben nacht” (= notte dei doni). La parola si pronuncia dalle 17 della vigilia fino a mezzogiorno dell’Epifania, quando si incontrano gli amici e conoscenti, con l’intento di prevenirli; chi infatti pronuncia per primo “gabinàt” ha diritto di farsi pagare qualcosa (per esempio da bere), il pegno può essere attenuato rispondendo “la cùa del gàt”. <--clicca link
  • galès = usato solo nell’espressione “cantàa ‘n galè” = cantare in gallese, cantar vittoria
  • garòt (<-- clicca ) = contenitore fatto di doghe bucherellate, si mette la ricotta appena fatta onde permettere al siero in essa contenuto, di fuoruscire
  • gasciólèra = quando si ha in gola quella tossicina fastidiosa vedi “raspighìi”
  • gavètola = piegatura strozzata inopportuna da evitare che può crearsi in un filo di ferro o corda a fili intrecciati di acciaio
  • géia = pellicina tra il guscio e la parte commestibile della castagna
  • gherù = una buona quantità di qualcosa | ‘n gherù de nóos = un sacco di noci
  • gigiòla = usato solo nell’espressione “portàa a gigiòla” = portare a cavalluccio
  • gìgna = scanalature nelle doghe dove si incastra il fondo della botte
  • giṍf = giogo che si metteva sul collo di un animale che tirava il carro o l’aratro
  • giraméet = usato solo nell’espressione “giramént de cràpa” = capogiro
  • gìsc’ = terreno tufaceo, molto duro
  • gnàta = gonfiore tipico degli ascessi o di una puntura di insetti
  • gràat = grata per far seccare le castagne, sin. “l’agràat”
  • grèzol = racimolo, rametto del grappolo della vite; anche, piccolo grappolo d'uva
  • gróndanàa = essere bagnato fradicio, grondare di sudore
  • grṍva = grossa fascina di legna, strettamente legata, che veniva trascinata lungo i sentieri ripidi (vedere “tiradù) del bosco
  • grǜgn = grosso pezzo di cibo; | ‘n grǜgn de pulènta = un pezzo di polenta
  • guastadìsc’ = vitello nato prematuro; individuo magro, misero e debole
  • guàta = baccello dei fagioli o dei piselli; si compone di due valve più i semi in esse contenuti
  • guatolèra (guatolèri) = le due valve che contengono i fagioli o i piselli

vocabòi particòlar - I

  • ingrànda = usato solo nell’espressione “a l’ingrànda” = alla grande
  • ìset = marza è il rametto che si usa nel mese di marzo per gli innesti, innesto

vocabòi particòlar - L

  • lagà fò = riferito a panni che perdono il colore, durante il lavaggio; allargare un capo di vestiario | lagà fò li bràghi = allargare i pantaloni
  • làga pó = non importa
  • lagà stàa = non toccare, lascia stare
  • laitrè = la dentro (laitèfosù - laitrèfogió - laitrèilò)
  • laitrefesǜ = combinazione fra: là dentro e lassù
  • làa fò gió = là fuori, in basso
  • làa fò sü = là fuori, in alto
  • làa ité gió = là dentro in basso
  • làa itè sü = là dentro in alto
  • làa ité = là dentro; anche "laitéiló","laitéfó","laitéfósù"
  • laó = (coso) persona di poco conto | ‘n pòor laó = un povero diavolo
  • laorentù = grande lavoratore
  • laorèri = grande lavoro nel quale era impiegata molta manodopera; i “laoréri” in Valtellina erano quelli per la costruzione delle dighe e delle centrali elettriche
  • lapà sǜ = mangiare tutto in fretta
  • lasciṍl = stringa di cuoio per le scarpe
  • lavà gió = lavare i piatti | l’è ùra da tacàa sǜ da lavà gió = essere alla frutta, essere alla fine del pasto, o alla conclusione, in senso negativo, di qualcosa; gh’ò lavàat gió ‘l mǜs = lo sgridato, gli ho dato una lavata di capo
  • lavà sǜ = lavare i pavimenti
  • lavadüsc’ = acqua della sciacquatura delle stoviglie
  • lecéra = tavolato sopraelevato, largo quanto l’altezza di un uomo. e molto lungo, su cui dormivano i pastori in alpeggio (anche paièer)
  • levéra (<-- clicca )= leva di ferro pesante per rimuovere grossi massi; si dice anche “livéra”
  • liòr = finito, all’ultimo stadio | l’è scià liòr finìit = si dice di una persona molto malata, ma anche di animali e di oggetti inutilizzabili o lavori finiti
  • lìra = attrezzo in legno e corde metalliche sottili usato per frastagliare la cagliata per fare il formaggio
  • lisagnòt = persona lenta nel fare le cose
  • lìsca - lischèt = striscia di terreno
  • lisen (<-- clicca ) = salice delle capre | vedi anche védesc’
  • lìt = usato solo nell’espressione “tacà lìt” = litigare
  • lṍöch = pezzo di terra anche impervio, coltivato
  • lómból = pezzo di cordina a fili d’acciaio intrecciati | ò ciapàat ‘n lómból, lò giràat ‘nréet fòncóo e ghò mès dùu morsèc’, iscè pös üsàl còma fìl par tiràa = ho preso un pezzo di cordina d’acciaio, l’ho ripiegata indietro alle estremità e messo due morsetti, così la posso usare come corda da traino
  • lòta = usato solo nell’espressione “ ‘na lòta de gràśa” = un grumo di letame appiattito; 'na lota de fée= una grande fetta di fieno stagionato tagliato con apposito arnese "taiadù dal fée" da portare dal fienile "masù dal fèe" nella stalla " masù 'dli vachi"
  • lótrér = l’altro ieri
  • lótrérasc’ = il giorno prima dell’altro ieri
  • lóza = liquame, liquame sul pavimento della stalla | li vàchi i è itè ‘n dela lóza, mètech sóta ‘n pòo de pàia = le mucche sono coi piedi immersi nel liquame, cambiagli la lettiera (pisina)
  •  

vocabòi particòlar - M

  • màch = manèstra de màch = minestra con latte, castagne secche e riso  o orzo pilato
  • madòsca = espressione di meraviglia
  • maestàa = immaginetta sacra
  • màgia = punto di lavoro a maglia
  • magàda - M A G A D A - (<-- clicca )
  • magnöla = impugnatura della falce (anche particolare spoletta ferma corda)
  • màh = ma! non so che dire
  • maidé = ma sì, abbastanza bene, non male | te stée bée? = stai bene -> risp. maidé = ma, sì, non male
  • màla guìsa = messo male
  • màlpacia = persona poco affidabile
  • malparàda = situazione scabrosa e difficile
  • maltraciansèm = persona trasandata nel vestire e sregolata nel comportamento
  • mànfrech = persona che svolge un lavoro in modo non corretto e senza arguzia
  • manzṍl = vitellone
  • mariàna = gioco delle carte simile alla briscola
  • marsciù = oggetto o prodotto scadente; persona ripugnante
  • marù = castagno, pianta che produce i marroni
  • masciàdro = individuo impertinente (detto in modo scherzoso)
  • mas-ciadüra (<-- clicca )= di assi maschio-femmina
  • mas-ciàsc’ = donna o ragazza, con comportamento mascolino
  • masèr = contadino che lavora la terra in affitto
  • màsna = cassone di legno, che serviva al norcino per mescolare la carne di maiale tritata, con sale e altri ingredienti per fare salsicce e salami
  • masnàda = quantità macinata in una sola volta
  • matolàm = insieme di persone stupidotte o stravaganti
  • melegàsc (<-- clicca ) = pianta secca del granoturco, con le foglie
  • melègòt = castagne lessate
  • melüsc’ = roncola di qualità scadente
  • menàda = lungaggine noiosa e inconcludente
  • menàda = per far la “menàda” si tagliano alcuni rami della vite, con foglie e grappoli, poi si intrecciano e si legano con rametti di salice
  • menadù (<-- clicca )= vedi anche "tiradù" - avvallamento ripido nel bosco
  • menadù = la parte iniziale della legatura (vigna) tra palo e pertica
  • mèrs = rametto di salice che si usa per legare le viti
  • mersulì = rametto di salice più piccolo del “mèrs” che si usa per legare i tralci più piccoli della vite
  • mezalàna = tessuto di poco pregio di canapa e lana
  • mezuràscia = mezzora abbondante
  • mezzèna = metà di una bestia macellata
  • migulù = grosso escremento a forma di cilindro
  • milésem = data incisa su un fabbricato per ricordare l’anno di costruzione
  • minüz = pasticcio di patate e fagioli (vedere “taròz”)
  • móli = castagne secche sgusciate e cotte nel latte
  • mòrbi = forma morbosa che può colpire le mammelle di una mucca
  • móśàa = mostrare le parti intime del corpo
  • mósciàa = innalzamento della temperatura con conseguente fusione della neve
  • móschegiàa = l’agitarsi delle mucche disturbate da mosche e tafani | ‘ncöo ghè ‘ngìr i tavàa e li vàchi li móschegia = oggi girano i tafani e le mucche sono agitate
  • mòta = piccola quantità di sostanze molli plasmata a forma tondeggiante | ‘na mòta de bütér = un piccolo blocco tondeggiante di burro
  • mulidüra = quota da pagare al mugnaio per la macinazione del granoturco
  • müràda = muro dell'argine del fiume Livrio
  • murciunàa = ardere sotto la cenere, senza fare fiamma

vocabòi particòlar - N

  • narìc’ = muco del naso (vedere “margòt”)
  • navèt (<-- clicca ) = traghetto che attraversava l’Adda al Porto prima che costruissero il ponte
  • negótìi = per dire ancora meno di niente (en negótìi d'or piegat su 'nde na fòia de zeneòr)
  • netà sü = pulire il pavimento
  • nogheröl = giovane pianta di noce
  • nudrigàa = gestire,muovere,darsi da fare| òl borelér ‘l gh’è dà a nudrigàa li bóri par fali pàśa gió réet al tiradù=il boscaiolo muove i tronchi per farli scendere lungo il "tiradù"
  • naśèer = posto dove c’è una sorgiva, sorgente d’acqua | ilò ghè 'n naśèer de acqua frèsca = lì c’è una sorgente di acqua fresca

vocabòi particòlar - O

  • ochèli = la tràc’ sü a li ochèli (forse le tonsille)
  • ogiàche = e già, oh già | ogiàche, te gh'è resù = e già, hai ragione | ogiàche, tròp fàcel iscè = oh già, troppo facile così
  • ögialèr = uomo che porta gli occhiali
  • ögialèra = donna che porta gli occhiali
  • ögiöl = occhiello (per lo più quello delle scarpe dove passano le stringhe)
  • öidàa gió = vuotare dentro
  • ól gh’è = ól gh’è ca = non c’è
  • oltà gió = piegare i tralci delle viti
  • oltà itè = si usa solo nell’espressione “oltà itè li màneghi” = rimboccarsi le maniche
  • oltà sü = si usa solo nell’espressione “oltà sü ‘l müs” = rimanere disgustato
  • opól = terreno pianeggiante, a coltivazione mista: vite, cereali e anche piante da frutto
  • órbeda = striscia erbosa di terreno al limite di un fondo
  • orgarṍl (orgarṍi) =  curva del sentiero
  • otomàtech = bottone automatico

vocabòi particòlar - P

  • pàbi = erba infestante
  • paciaròt = bimbo ben pasciuto
  • palàda = filare di una vigna composto da pali, pertiche, “ràca” e due fili sopra la pertica; la “palàda” è posta in senso verticale rispetto alla montagna - vedere “trevèrs”
  • palféri (<-- clicca )= attrezzo agricolo in ferro che serve per fare i buchi nel terreno nei quali vengono conficcati i pali della vigna
  • palutii (<-- clicca )= piccola assicella in legno con manico per lavorare il burro
  • panarìz = infezione molto dolorosa sulla punta di un dito, vicino all’unghia
  • panigàda = usato solo n’espressione “te la dó mi la panigàda = ora ti arrangio io
  • panìscia = usato solo nell’espressione “panìscia màrscia” = quando nel gioco del nascondino c’è uno scambio di persona (purea di mirtilli)
  • pàrmi = muffa del formaggio vecchio che lo consuma formando dei buchi| 'sto fórmài l'a fac’ té li pàrmi, l'è smasùtit=questo formaggio è troppo stagionato
  • parü (<-- clicca )= spinacio selvatico
  • paśalà = usato solo nell’espressione “dàch ‘n paśalà” = compiere un’azione affrettatamente e con leggerezza
  • patérès = si dice di persona che prega spesso, ma con una nota di esibizionismo; si dice anche di frutti a grani come l’uva quando gli acini sono troppo distanti o la loro maturazione non è omogenea
  • pavarìna = erba infestante
  • pécena = pettine che si usa per le mucche
  • pechìno = usato solo nell’espressione “ ‘ndàa a pechìno” = andare in malora
  • pèdo nìgro = fante di picche
  • pédria = grosso imbuto usato per il travaso del vino | al bìif cóma ‘na pédria = beve smodatamente
  • pèe de fèr (<-- clicca )= incudine del calzolaio a sagoma del piede
  • pelà fò = ottenere qualcosa da qualcuno contro la sua volontà
  • pèn = usato solo nell’espressione “làc’ pèn” = liquido che rimane nella zangola quando si fa il burro, detto anche ”làc’ del bütér”
  • penàgia (<-- clicca ) = zangola a stantuffo a funzionamento manuale per fare il burro
  • pendégia = pendenza molto ripida, nome di località situala appena sopra le contrade Barbagli e Lazzaretto al Torchione | s’aris da spianaa la Pendegia par vich en pit pusé de suul d’enveren= bisognerebbe spianare la Pendegia per avere un po più di sole d’inverno
  • pènula = parte (maschio) sporgente in un incastro
  • peràa = avere tempo | 'n pèra ca = non abbiamo tempo
  • perteghèta = listello di legno, i petègheti venivano fissate al legni si sostegno del soffitto di un locale per poi poter intonacare
  • pestà fò = sgusciare le castagne secche con il “pestù”
  • petulù = vestito da donna lungo
  • piàch = usato solo nell’espressione “da piàc” = di nascosto
  • piatìna = carrello su binari
  • picà itè = picà itè ‘n ciòt = piantare un chiodo; picà itè la màchina = andare a sbattere con l’auto
  • picà sü = gh’ò picàat sü la cràpa ‘ndel tèc’ = ho battuto la testa su una trave del tetto
  • piluchìi = granelli sulle maglie di lana
  • piòt (<-- clicca ) = componente in legno della mangiatoia, serve anche per legare le vacche nella stalla
  • pireröla = piccolo cesto fissato all’estremità di una pertica, per cogliere i frutti dei rami più lontani
  • pirpisöl = bacca del biancospino
  • piśìna = liquame composto da urina e sterco di mucca
  • pistèch = schiocco - si congiungono il pollice e l’indice e poi si fa scattare l’indice
  • plonzèer = blocco tondeggiante di ferro che scorre sull’asta graduata delle bilance a stadera chiamato romano
  • pòpen = gozzo dei gallinacei
  • portèa = porta fatta con piccoli tronchi o rami di legno per chiudere l’orto o un recinto
  • pòśa = sedile per il riposo, lungo le strade dei campi c’erano dei muretti dove poter appoggiare la gerla o il “campàc’”, per una breve sosta
  • pradèr = stomaco dei gallinacei
  • pùgia (pògia) = usato con le mucche per fargli spostare la gamba e anche per gli equini
  • pugià gió = appoggiare in basso | pugià gió bàs = posare in terra
  • pulèna (<-- clicca )= sorta di argano dove si appende la caldaia contente il latte da scaldare per fare il formaggio. E’ un congegno girevole poggiato su un sasso incavato a lato del focolare, composto da una parte verticale e una orizzontale dove si appende la caldaia, così da poterla mettere e togliere dal fuoco
  • punciòt = utensile in acciaio utilizzato dagli scalpellini per spaccare blocchi di granito
  • pundà gió = mettere in basso, per terra
  • pundàa = mettere da qualche parte qualcosa
  • pürìf = non esposto al sole, Albosaggia si trova nel versante (orobico)“ pürìf” della valle

vocabòi particòlar - Q

  • quàdrada = pavimento in legno, solaio, soffitta (sin. spazacà)
  • quadrelàda = parete divisoria fatta con mattoni forati
  • quarantìi = prodotto agricolo che matura in quaranta giorni (patate)
  • quàrta = misura di lunghezza corrispondente alla distanza tra il pollice e l’indice della mano aperta (vedere “spànda”) | l’è gnǜt giǜ ‘na quàrta de nìif = è caduta un spanna di neve
  • quartirṍl = detto di fieno tardivo, quarto taglio del fieno, tipo di formaggio della val Taleggio
  • quatà gió = coprire con le coperte, tumulare
  • quatàs sǜ = coprirsi con indumenti

vocabòi particòlar - R

  • ràaca (<-- clicca) = elemento dei filari delle vigne; si tratta di un filo di ferro (o di tralci di viti legati tra loro) che viene teso una quarantina di centimetri sotto la pertica e dove si legano i tralci destinati a produrre uva | fàa su la raca
  • ràas = una gerla piena di fieno (en ràas de fèe)
  • ràiten = operazione fatta per stringere una legatura fatta con il filo di ferro, si mette un chiodo tra la legatura e la cosa da legare e si fa girare il chiodo, finché il filo di ferro si tende al massimo
  • rangiàa fó = ristrutturare la casa
  • ranù = si usa solo nell’espressione “ ‘ndàa a ranù” = gattonare
  • ranzài = ritagli di carne
  • ràosola - ravòsola =buca abbastanza profonda scavata per introdurre concime a nutrimento delle viti
  • ras-ciàda = colpo di tridente | ‘na ras-ciàda = un colpo di tridente
  • rasèl = grembiule tirato in alto e tenuto con una mano per contenere cose|rastela bée ca 'l ve su amó 'n rasèl de fée=rastrella bene che ne raccogli ancora un pò di fieno
  • rasèna = carico portato con il campaggio | ‘na rasèna de patǜsc’ = un campaggio pieno fino all’orlo di strame
  • rasìa = voglia sfrenata | al me vée la rasìa = mi viene la voglia
  • raspighìi = irritazione alla gola | ghó gió ‘n raspìi ‘ndela góla, saró pó réet a ciapàa la ’nfrüènza = ho la gola irritata, sto covando l’influenza
  • rasteladǜsc’ = piccola quantità di fieno rastrellato
  • rastèlèt = attacca panno a muro di solito in legno
  • ratàda = una cosa fatta male
  • ratèra = armadio con rete per formaggi in cantina a prova di topo
  • ravìscia = pianta della rapa bianca
  • rebandèl = giro su se stesso, capitombolo, rotolone; rotolarsi più volte su se stesso, andare a rotoli | la se scapüsciada e l’è ‘ndacia a rebandéi = si è inciampata ed è andata a rotoli
  • rebṍc’ = usato solo nell’espressione “ndàa dal rebṍc’” = cibo andato di traverso
  • recaòlt = tornante di un sentiero o mulattiera di montagna
  • regàta = a più non posso, prestissimo, vicinissimo, immediatamente | m’à fàc’ a régàta = ce lo siamo rubato dalle mani | a régàta d’àcqua = immediatamente prima della pioggia ( “chi pöl pü“ è un sinonimo; fàa a chi pöl pü = fare a più non  posso) 
  • regrès = terreni attorno alle case
  • remenàla =rimestare vecchie questioni |al contìnua a remanàla = continua a insistere | tǜti li ólti al le reména sü =ogni volta insiste su quel fatto
  • remondàa = tagliare l’erba che si trova ai bordi dei prati, dopo la falciatura meccanica | gh’ò laoràat a fàa li remóndi = ho l’erba rismasta ai bordi del prato
  • rèden (rèndegn) = finimento del cavallo
  • rénegàa = provare sensazione molto sgradevole di cattivo odore |sé rénega dala spǜzza = si soffoca per la puzza
  • réngàa = incornarsi da parte delle mucche | dói vàchi li fa la rénga = due mucche si prendono a cornate (anche fàa sòta)
  • rèntàa = legare gli animali | l’asen l’è rentàat defò dela porta =l’asino è legato dietro la porta
  • requiàa (truàa requiàa) = fermarsi a riposare un momento | làghem requiàa ‘n àmen = lasciami riposare un attimo
  • rìsc’ (<-- clicca) = riccio della castagna; piccolo mammifero insettivoro con il dorso ricoperto di aculei
  • risìna = riso di seconda scelta, veniva utilizzato come mangime per le galline
  • rizàa (<-- clicca) = legare i tralci alla pertica e alla “ràca”
  • rödàna = solco lasciato da una ruota sul terreno molle, fangoso o innevato
  • róśola = tipo di uva di colore rosso
  • rösöa = residuo di fieno da raccogliere nel prato con il rastrello (anche rüspa)
  • ròscia = folla, moltitudine di persone o di animali | ‘na ròscia de rèdès = una moltitudine di bambini
  • rucàda = manciata di lana posta sulla rocca per essere filata
  • ruchèt (<--clicca) = rocchetto per filo (refe)
  • röèra / rüéra = ammasso, accozzaglia di cose, cianfrusaglie alla rinfusa
  • rügàda = lavoretto da nulla, un po’ noioso eseguito senza particolare fatica o impegno
  • rügamèet = disturbo intestinale | gh’ò ‘n rügamèet de vètro = ho un disturbo intestinale
  • rǜs (ruz) = nel gioco delle biglie è un rettangolo, largo 4 o 5 centimetri e lungo 30 o più centimetri, dove ogni giocatore mette una biglia, vedere “gióch de li cìchi”
  • rüscàa = lavorare con molta fatica per guadagnarsi da vivere
  • rusnìsc’ = ragazzetto miserello tenuto in poca considerazione
  • rǜstech = parte della casa o costruzione isolata adibita a stalla e fienile
  • rustì gió = versare un soffritto di burro e cipolle sulla pasta, sui maccheroni o altri primi piatti
  • rüsümàda = uovo sbattuto con l’aggiunta di zucchero e vino o birra
  • rùuch = terreno dissodato in profondità e adattato alla coltivazione della vite
  • rüzàa sǜ = rimproverare aspramente

vocabòi particòlar - S

  • sàc’ = tenace al morso, difficile da incidere; anche anziano molto vigoroso
  • sacògia , sacolòt = sacca che si lega a mezza vita usata per metterci ciò che si sta raccogliendo a mano, come noci, castagne, ecc.
  • salèr (<-- clicca) = borsa contenete il sale per gli animali
  • sanaciù = esperto nello sterilizzare i maiali
  • sarnegù = individuo che respira affannosamente
  • sbaregàa = portar via il bestiame dal recinto (bàrech)
  • sbarlatàa = aprire completamente (una porta, una finestra, ecc.)
  • sbecàat = rotto su un orlo (riferito a recipiente di vetro o di terracotta)
  • sbólógnàa = rifilare a qualcuno cose inutili oppure cose o persone fastidiose
  • scaléra = scaffalatura per la stagionatura dei formaggi
  • scàlf = giro manica nei lavori a maglia
  • scalfaròt = calza di lana grossa, lavorata a maglia
  • scalfìi = soletta della calza lavorata a maglia
  • scarelàa = spianare la pasta
  • scarpinàda = faticosa e lunga camminata
  • scarselàda = quantità pari al contenuto di una tasca | ‘na scarselàda de nós = una tasca piena di noci
  • scartìi = carta di nessun valore al gioco, es. il due a briscola
  • scavigiàs = procurarsi una distorsione alla caviglia
  • schevezù (segù) = grande sega con due manici, usata per tagliare grossi tronchi
  • schitàc’ = fucile giocattolo fatto con un tronchetto di sambuco senza midollo
  • schitarṍla = mirtillo rosso
  • scialèscia (<-- clicca) = ramo di salice utilizzato nella vigna per fare le legature: grossa, per legare le pertiche ai pali; media, per legare le viti alle pertiche; piccola (mèrs), per legare i tralci
  • scialiscii = ramoscello di sdalice vedi anche "mers"
  • scialòt = scarpone malandato | nìgro cóma ‘n scialòt. = nero come uno scarpone.
  • s-ciào = espressione di ras-segnazione e di pazienza
  • scigàmbola = camminata instabile | li gàmbi li va a scigàmbola = le gambe mi reggono a mala pena
  •  scighèz  (<-- clicca) = falcetto a falce di luna con manico in legno usato per tagliare piccole quantità di erba
  • scighósta (<-- clicca) = catena per appendere la pentola alla "pulena"e regolarne l'altezza sopra il fuoco del focolare
  • scigógna (<-- clicca) = pulena, congegno girevole a lato del focolare, poggiato su un sasso incavato, composto da una parte verticale e una orizzontale dove si appende la caldaia, così da poterla ruotare dentro o fuori il focolare
  • scigrisṍla = timo selvatico
  • scilù (<-- clicca) = manico della falce
  • scimarṍl = parte finale della cima del larice
  • scimǜt = formaggio casalingo giovane
  • s-cinquantàla = discutere animosamente e cavillosamente
  • s-ciopetàa = scoppiettare tipico della legna che arde
  • sciosèl = residuo del fieno nel fienile, composto per la maggior parte di semi
  • sciospolàa = tipico dei pulcini sotto la chioccia
  • sciosciòola = penzoloni, ciondoloni; penzolante, ciondolante | al bùfa a ’l càa, ‘l ghà fò la lèngua a sciosciòola = è affannato anche il cane, ha la lingua che gli ciondola
  • sciriṍla = Madonna Candelora che si festeggia il 2 febbraio
  • sciscìi = si mette un pezzo di burro tra due fette di polenta calda, il burro col caldo della polenta si scioglie
  • scìscioli = trucioli o rimasugli di legna
  • sciǜca (sciǜch) = grosso ceppo usato per spaccare la legna
  • scṍcia = siero rimasto dopo la produzione della ricotta,lasciato acidificare serve per coaugulare il siero fresco per rifare la ricotta,vedi anche "agra"
  • scodéscia = listello di nocciolo, lungo, sottile e flessibile serve per intrecciare cesti e gerle
  • scorentàa = far scappare, inseguire minacciando
  • scorgnàa = assalire con le corna – riferito ai tori o ad altri animali cornuti
  • scörlèra = smagliatura in una calza
  • scotamǜs = piatto caratteristico, costituito da pezzetti di polenta fredda messi in una scodella di latte bollente
  • scüdelàda = quantità contenuta in una scodella
  • scuèt (scuéc’) (<-- clicca) = scopino realizzato con rametti di betulla o larice scorticati (vedi "cagna")
  • ségia (sègiù) (<-- clicca) = secchia di legno fatta a doghe
  • segnàs = farsi il segno della croce
  • séra = freno dei carri agricoli trainati da animali
  • setù = usato solo nell’espressione “sǜ ‘n setù” = a letto, ma seduti in modo che il busto sia fuori dalle coperte
  • sfèrsàa = versare il burro fritto come condimento | sfèrsàa la pulènta a féti e fòrmai par fa la pùlenta giò sòlèer = condire con burro fritto la polenta a fette e formaggio per ottenere la polenta “giò sòlèer”
  • sgagnàa = addentare con forza, mangiare avidamente
  • sgambìt = avere le gambe molli dopo una camminata in discesa a passo sostenuto
  • sgarzólàa =togliere i virgulti della vite in eccesso (“garzṍi)
  • sgherbàa = fare un raccolto prematuro
  • sgnaolàda = miagolio prolungato
  • sgrafignù = individuo avido pronto a impossessarsi delle cose altrui
  • sgrṍbbia (brustia) (<-- clicca)= raspa col manico per pulire le mucche
  • sgüràa = pulire sfregando fortemente pentole, posate, tegami; lucidare, lustrare
  • singèla (singéli) = caratteristico muretto di recinzione del sagrato della chiesa
  • sléciàda = grande quantità di oggetti, moltitudine
  • snarigiàa = soffiarsi il naso rumorosamente, frequentemente
  • solegiàda = falce con il filo da taglio danneggiato
  • sólèr = si usa solo nell’espressione “pulènta gió sólèr” | ricetta: su un piatto di portata concavo si mette uno strato di fette di polenta calda poi si mette uno strato di fette di formaggio giovane, un altro strato di polenta e così via, alla fine gli si versa sopra un soffritto di burro e cipolla
  • somelegàa = lampeggiare prima del temporale
  • sorlevèet = individuo con la testa per aria
  • sóstagnàa = stendere un sottile strato di stagno nella parte interna delle secchie di rame
  • sovènda = modo di trasportare il legname da monte a valle lungo le mulattiere e i "tiradù": si collocano dei tronchi sui bordi dei "tiradù" specie nelle curve per facilitare lo scorrimento degli altri tronche che vengono spinti con l'apposito arnese (zapii)
  • spadòla = spatola di legno, stecche di legno della gerla; sono bacchette lunghe e ben sagomate che costituiscono la parte strutturale della gerla e le danno la forma caratteristica, le “spadòli” venivano poi fissate con le “scodèsci”
  • spadólàa = falciare l’erba in modo non professionale
  • sparantèl (<-- clicca) = chiavistello delle catene per legare le mucche; farfalla
  • sparsèl = ferro usato per incastrare i ferri delle botti
  • spatasciàs = cadere rovinosamente, cadere lungo e disteso e farsi male | al se spatasciàat = è caduto lungo e disteso e si è fatto male
  • spéra = schizzo di latte che esce nella spremitura di una mammella di un mammifero tipo mucca, pecora, capra, ecc..
  • spiàna (<-- clicca) = recipente in legno tipo scodella ma più piatto usato per retrarre la cagliata e per togliere la panna che si formava in superficie nella "còldera", con la quale fare poi il burro
  • spresór (<-- clicca)= asse di forma circolare con i bordi rialzati e con un’apertura da un lato, dove si metteva il formaggio appena fatto, sopra al formaggio si metteva un peso per facilitare l’uscita del siero
  • squagiàs = spaventarsi improvvisamente, provare grande paura
  • stàa ià = stare lontano, essere assente
  • stachèta (<-- clicca) = chiodo corto con larga capocchia sagomata che veniva usato una volta come protezione delle suole delle scarpe
  • stratèep = temporale improvviso, tempo che cambia in peggio repentinamente
  • strefuzìi = spago
  • stròpa = ramo flessibile e ritorto di salice, di betulla che viene usato per fare gli spallacci di gerle e per legare fascine di legna
  • stropaiṍl = legaccio di salice o betulla
  • stǜa = locale rivestito di legno e riscaldato da una grossa stufa, nelle case signorili i rivestimenti in legno erano lavorati artisticamente
  • stupàda = impacco contro slogature | fatta con stoppa imbevuta di albume d’uovo e allume di rocca; veniva usata per guarire distorsioni e slogature, si metteva anche sulla guancia contro il mal di denti
  • süèl = linfa delle piante | li pianti li va ‘n süèl in primavera le piante, quando tagli un ramo, emettono un liquido che è la linfa. si dice anche che “al piàisc’ li vìit” = piangono le viti.
  • süràn = qualcosa che è andato oltre l’anno, sopranno: capo di bestiame che ha superato l’anno di età
  • sürtümóos = ubertoso, terreno fertile, abbondantemente produttivo

vocabòi particòlar - T

  • tacàa gió = attaccarsi al fondo di un recipiente durante la cottura | la minèstra l’è tacàda gió = la minestra si attaccata al fondo della pentola
  • tacàa sóta = aggiogare un animale al carro
  • tacàat gió = tempo piovoso senza squarci di sereno
  • taiapulènta = taglia polenta in legno, coltello in legno per tagliare la polenta
  • talàch = piccolo campanaccio di lamiera (x capre)
  • talocia (<-- clicca) = spezzone d'asse ("tavel") con manico per poterlo impugnare, usata dal muratore per tenere un po' di molta da prendere e da spandere poi con la cazzuola
  • tamàzi = individuo grande e grosso e poco avveduto
  • tàola = misura di superficie, è un sottomultiplo della “pèrtega”
  • tapasciàda = camminata lunga e a passo svelto
  • taràgna = polenta con aggiunta di burro e formaggio, durante la cottura
  • tarài (<-- clicca) = matterello per rimestare la polenta
  • taré =terreno sul quale la neve si è appena sciolta; anche località sopra Cà di Mòi
  • tarenàa = apparire della terra, quando la neve si sta sciogliendo
  • tarlacàa = parlata dei bambini piccoli vedere “camolàa”
  • taròz = pasticcio di patate, fagioli, verze o altre verdure schiacciate e impastate e condite con burro o strutto di maiale (anche ”minüz”)
  • tartaiàda = discorso incomprensibile e sconclusionato
  • tartifolèr (<-- clicca) = pianta della patate; individuo duro di comprendonio
  • tarüsciàda = lavoro eseguito in modo approssimativo
  • tastarṍl = trivellino per assaggio del formaggio
  • téec’ = sporco di nero, sporco di fuliggine | tùca ca ité ‘n dòl parṍl ca l’è téec’ = non toccare il paiolo che è sporco di fuliggine
  • tignìs sǜ = prendersi cura di sé stesso; tenersi su di morale
  • tioltàól (<-- clicca)= altalena formata da una lunga asse, appoggiata su un perno centrale, alle estremità della suddetta asse si siedono due bambini, uno per parte
  • tiràa scià = tirare in ballo; prendere per mostrare | tìra ca scià ràcoli = non accampare scuse
  • tiràa sóta = investire con un veicolo; gocciolare; avere poco da vivere
  • tirabràghi = individuo lento e inconcludente
  • tiràs scià = ristabilirsi in salute, riprendere le forze dopo una malattia
  • trà fò òlt = buttar via, scaraventare lontano
  • trempèl = attrezzo usato sugli alpeggi per frantumare lo sterco dei bovini (“sciòta”)
  • trespedàda = dell'erba del prato o di colture calpestate e danneggiate, trapestio delle streghe che ballano col diavolo
  • trevèrs = filare posto in senso longitudinale (orizzontale) rispetto alla montagna – vedere “palàda”
  • trìga = usato solo nell’espressione: “ al ruarà ‘l trìga trìga “ = arriverà chi ti metterà a posto, ti fermerai - trighèet = fermati, soprassedi un attimo
  • trùch = calzatura in legno e cuoio
  • trǜscia = si usa solo nell’espressione “ ès ‘n trǜscia” = darsi da fare, lavorare con impegno e frenesia
  • tupìca = usato solo nell’espressione “ ‘ndàa a tupìca” = inciampare, cadere
  • tupinèra = topinaia, piccolo cumulo di terra fatto dalle talpe che si notano nei prati.
  • tǜr = parte dura del tronco (di un albero)
  • tustìi (<-- clicca)= attrezzo per tostare il caffè o anche l’orzo

vocabòi particòlar - U

  • uciàa = intingere in cose unte in un piatto o in tegame
  • udurǜsc = cattivo odore
  • ulènt = uccellino pronto a lasciare il nido, capace di volare
  • üscèla = femmina di uccello che depone le uova nel nido
  • üs-ciṍl = piccola porticina delle botti, serve per poter estrarre la feccia, quando si travasa il vino

vocabòi particòlar - V

  • vànt (<-- clicca) = vagliare utilizzando il vaglio (vedere: vàl) | vànt ‘l tṍrch = vagliare il granoturco
  • vardàa réet = seguire con lo sguardo,avere interesse, esaminare un problema, avere cura, badare | vardàch réet a li matèli = avere interesse per le ragazze; vardèch réet a stò rübinèt cal pèrt = controlla questo rubinetto che perde
  • varṍla =cicatrice prodotta dalla vaccinazione antivaiolosa
  • vàsch = spugnoso riferito a frutta o verdura | ‘n ravanèl vàsch = rapanello spugnoso, insapore, insipido
  • veciǜra - viciǜra = prestazione e costo del trasporto per conto terzi
  • védesc’ (<-- clicca) = salicione delle capre, pianta simile al salice, ma meno flessibile, gattice
  • vedràas = erba infestante che piace molto alle galline, parietaria, muraiola, vetriola
  • verṍl = perno di legno, anche zeppa di legno
  • verticàal = organetto di Barberia = caratteristico piano meccanico a manovella dei suonatori ambulanti, montato su un carretto a due ruote; jukebox dei primi anni 50 del 1900
  • vèrtüs = scriminatura dei capelli = linea sottile che segna la spartizione dei capelli | l’è pecenàat a la vèrtüs = è pettinato con una linea sottile, al centro della testa, che segna la spartizione dei capelli: metà a destra e metà a sinistra
  • vidisciù (<-- clicca)= tralcio della vite tagliato alla potatura | ‘n mazṍl de vidisciù = una fascina di tralci
  • vignìch sǜ = far tornare alla memoria, risolvere un problema, capirci qualcosa
  • vignìi ià = allontanarsi da un luogo
  • vignìi scià = dare profitto (specialmente nelle coltivazioni) | al me gnüt scià dèes quintài de üa = ho prodotto dieci quintali di uva
  • vignṍl - vignulìi= piccolo vigneto
  • viscèl (<-- clicca) = ramo con le foglie secche che serviva come cibo, in inverno, per le pecore e le capre; questi rami venivano tagliati in agosto, così facendo le foglie, seccando, mantenevano il colore verde
  • visèna = vino scadente e qualche volta con aggiunta di acqua
  • voltàa gió = piegare all’ingiù i tralci della vite, dopo la potaura
  • vulturàa = pagare un debito

vocabòi particòlar - Z

  • źambrót = piatto di cibi mollicci e brodosi; persona pasticciona e inconcludente
  • źambrótàda = cosa confusa, cosa di poco conto; brodaglia, piatto preparato con ingredienti eterogenei | l’à fac’ sǜ ‘na źambrótàda = ha farfugliato frasi senza senso
  • źànfa (<-- clicca) = erba dei prati simile all’angelica
  • zapìi (<-- clicca) = uncino da boscaiolo, formato da un robusto manico di legno al quale era fissato un arpione di ferro, che veniva utilizzato per muovere e trascinare tronchi
  • źapitìi (<-- clicca) = zappa piccola che si usa nell’orto
  • źèrp = terreno incolto e improduttivo
  • źìch - źinźìn = piccola quantità, pezzettino
  • zochèl = piccola buca nel terreno
  • züchèra (<-- clicca) = pianta che produce le zucche