se üsa dìi

Van a Bàg...

Van a Bag' a sunàa l'òrghen

 

Vai a Baggio a suonar l'organo, vai fuori dai piedi! (Nella chiesa di Baggio l'organo è finto, dipinto sulla parete)

se üsa dìi

Te ghée 'l màal...

 Te ghèe ol màal da fàa ?

Hai il male di chi deve partorire ?
(chi ha una strana irrequietezza)

se üsa dìi

Pulènta e mèla

L'è crèsüut a pulènta e mèla 

È cresciuto a polenta e roncola

per dire che mancava il companatico, cresciuto in tempi magri dove la fame era tanta

se üsa dìi

Lè ùu de chìi ca 'l ghà ...

Lè ùu de chìi ca 'l ghà fac' itè i öc' ai pölech

È uno di quelli che gli ha fatto gli occhi alle pulci  - è un precisino di uno; tedioso, che vuole mettere sempre i puntini sulle i

 

se üsa dìi

M'na fàc' scià 'n ràas

Süáat cóme 'n ciù   = uno molto sudato misto a sporco

Suàat cóme 'n ladro = sudato come uno che ha dovuto fare di corsa come un ladro

Lè sturgiüut cóme 'na stropa = ritorto come uno spallaccio di una gerla fatto con un ramo di betulla

Màt cóme 'n cavàl   = uno un po' imbizzarrito coem un cavallo

Strach cóme 'n asen  = molto stanco dopo tanto lavoro

Mort da la fàm cóme ‘n lüf = molto affamato come un lupo

Svèlt cóme ‘n gàt  = svelto nell'agire come un gatto

Viscol cóme ‘n pès = si muove scattante e guizzante come un pesce

Al salta come en saiot = agile nel saltare come una cavalletta

Sempri ‘n gìr cóme ‘n càa = un girovago sempre in giro coem un cane

Magro cóme 'na caora  = di uno molto magro come una capra

Magro cóme 'n pìch = di uno molto magro da paragonare ad un uncino di ferro

Sciüsciàat da lì vespi = smilzo, corporatura asciutta (succhiato dalle vespe)

Sac’ cóme ‘n corf = robusto e dedito al lavoro anche in tarda età, longevo come un corvo

Sàa cóma 'n bróns = sano di costituzione, inscalfibile come un bronzo

Fürbo cóme 'n gèrlo 'nprüu = uno poco furbo paragonabile alla gerla capovolta

Bianch cóme ol làc' = qualcosa di veramente bianco come il latte

Nigro cóme stizzù  = qualcosa di veramente nera come uno tizzone spento

Lè giò 'ndè'n gèrlo = di uno poco sveglio da essere giù nella gerla

Lè 'mpóo cargàat 'nréet = di uno poco sveglio, ritardato 

An sè a cavàl de 'n asen = siamo fortunati in senso ironico

Lè piée cóma 'n öof = di qualcosa veramente saturo coem uno che ha bevuto molto

Lè réet a tiràa sòta = qualcosa che si sta esaurendo coem quando esce pochissimo vino dalla spina

Al piöof sü 'ndèl bagnàat = quando la fortuna sta con chi ne ha già avuta molta

Güz cóma 'n pasù = con acume approsimato come può essere la punta di un palo 

Ghe sempri ol diaol ca'l möof la cùa = quando va storto qualcosa è come se ci fosse sempre lo zampino del diavolo

Lè rèstàat biót cóme 'na rana = è rimasto denudato come una rana, ad esembio di uno che ha perso tutto al gioco

Lè fò dali ascii = quando uno è fuori dai gangeri, molto arrabbiato, in senso figurato è uscito dal perimetro di una matassa di fili di lana

Lè fàc' gió col sügürèl = uno alla buona, dai modi non tanto raffinati

Laghèla bói ca lè méei = lascia stare che è meglio, lasciala bollire che è meglio

'L saltafò i travèrs sót gamba = scavalca i filari della vigna sotto gamba, si dice di chi è veramente abile nel fare qualcosa

amò d'òtri

 

se üsa dìi

Pianta 'l pàal...

Pianta 'l pàal e töilà 'l böc' 

 

Pianta il palo e togli il buco
(ma solo la fantasia e la situazione del momento può dare adito ad altre interpretazioni e sottintesi)

Audio icon m_painta_pal.mp3
se üsa dìi

Al me 'ndàc' ...

Al me 'ndàc' gió dal birlo

Ha perso la mia stima

Audio icon ndacgio.mp3
se üsa dìi

L'è ca còma dìla

L'è ca còma dìla

Non è come dirlo  (a parole è tutto facile)

Audio icon comedila.mp3
se üsa dìi

Al ghé öl ca tàat...

Al ghé öl ca tàat a capìi pòoch

Non ci vuole molto per capire poco 

Audio icon capipoc.mp3
se üsa dìi

Al se pecèna la stria

Al se pecèna la stria  -  usato prevalentemente alla Moia
Al se marida la bópl  -  usato al Torchione

Si pettina la strega
Si sposa la volpe
si usa quando piove mentre splende il sole 

Audio icon pecena.mp3