L'üsignṍl e 'l cucù

di Vittorio Crapella 18-05-2019


L'üsignṍl e 'l cucù

´N dì l' üsignṍl 'l górgóiava pròpi 'n d'en bèl modo par vidìi sé la ğéet i fódes sensìbei ala bèla sùnada dól sò cant.

Quai matéi ca i giügàva par i pràc’ ià cuntinuáat i sóo giṍch sènsa dàch vasiù.

´Nchèla àa´l cucù là ulüut pruàa la sùa óos e là utignìit da lór mìla batüdi de màa.

Chìi bùu rèdes i grignàva a crépa pèl e i ripéteva vinti òlti chèl alégro cucù, cucù.

Là dìc' ´l cucù al l' üsignṍl: "Te sentet cóma il sùu dèla mia óos 'l fà piasé a li óregi de stì gióegn?

I prefeìs li mei cantàdi a li tòi."

En chèla 'na Pastorela la traversàva piàn piàa chèla rìva piéna de fiór e ´l cucù 'l pianta ca ilò da cantàa.

La pastorela la se dégna ca de scoltàa chèl cant nòios.

L'üsignṍl là ricuminciat li sṍi bèli cantadi e la matèla, ciapàda dala belèza de chèl cant la sè comòsa e dai sṍö ṍc’ 'l ghe vegneva giò làgrimi de afeziù.

L'üsignṍl ilùra 'l ghè dìs al cucù: "Te védet quàl ca l'è ól risültàat par chi ca i canta a li ànèmi sensìbeli.

'L me fà pǜsè onór 'na làgrima dèla s-cèta ca li táati batüdi de màa ca te ghée ricéut ti."

L'USIGNOLO E IL CUCULO

Un giorno l'usignolo gorgheggiava divinamente per vedere se gli uomini fossero sensibili alla melodia del suo canto.

Alcuni ragazzi che giocavano per i prati continuarono i loro giochi senza farvi attenzione.

Ne frattempo anche il Cuculo volle provare la sua voce e ottenne da loro mille acclamazioni.

Quei buoni fanciulli ridevano a crepapelle e ripeterono venti volte quell'allegro cucù, cucù.

Disse il Cuculo all'usignolo: "Senti come i trilli della mia voce solleticano le orecchie di questi giovani.

Preferiscono le mie ariette alle tue."

In quel mentre una Pastorella attraversa pian piano quella riva piena di fiori e il cuculo non cessa i suoi canti.

La pastorella non si degna di ascoltare quel canto noioso.

L'usignolo ricominciò le sue melodie e la ragazza, presa dalla dolcezza di quel canto, si è commossa e dai suoi occhi scendevano lacrime di tenerezza.

L'usignolo allora si volse al cuculo: "Vedi qual è il risultato per chi canta alle anime sensibili.

Mi fa più onore una lacrima della ragazza che i tanti applausi che hai ricevuto tu."

 

'l ghè nè amò