Ól cervàt

di Vittorio Crapella 11-05-2019


 il cerbiatto

´L CERVÀT  

´L Cervàt 'n dì 'l ghà dìc' al pà Cèrf:

" Ti te sée pǜsée grànt e pǜ śvèlt dei càa, ti te pòrtet di còrègn belebée grànc' ca te pöddarisèt afróntài e scórentài, parché dùnca te ghée iscé pùra ?"

'L pà Cèrf, 'ntàat chel grignàva, ´l ghè dìs:

" Ti te dìset bée, mè càar fiṍl, ma sò àach bée chè apèna i senti bagiàa, mi ciàpi, sò ca cóma, táata pùra ca'l mè vée da scapàa de corsa e dei mée còrègn 'l me vee ca gnàa en mèet."

Móràl dela fàola: Chi l'è purós de natüra 'l ghè-rua ca a guarìi.

 

'l ghè nè amò

IL CERBIATTO

Il Cerbiatto un giorno disse al padre Cervo:

" Tu sei più grande e più veloce dei cani, tu porti delle corna superbe e potresti affrontarli e farli scappare;

perché dunque hai così paura ?"

Il padre Cervo ridendo, gli disse:

Tu dici bene, mio caro figlio, ma so bene altresì che appena li sento abbaiare, io prendo, non so come, tanta paura che mi viene da scappare di corsa e delle mie corna non mi viene neppure in mente."

Morale della favola : Chi è timido per natura difficilmente guarisce.