Filógni = Filastrocche


Lè fò l'órs dala trùna    <<-- audio

L'è fò ol ginèer

l'è scià ol feorèer

l'è fò l'órs da la trùna:

sa l'è nìol al trà 'n sàlt,

'n petù e 'n gìol;

sa'l fiòca al bàla e 'l tròta,

sa'l piöof al fà bàla ol cóo,

sa'l bùfa ol vèet

par quaranta dì 'n torna 'nréet.

L'orso è fuori dalla tana

È finoto il gennaio

è arrivato il febbraio

è uscito l'orso dalla tana

se è nuvoloso fà un salto,

un peto e un ruglio;

se nevica balla e trotta,

se piove fa ballare la testa,

se soffia il vento

si torna indietro di quaranta giorni.

____________________________________

Filógna di mée àaf

Filógna di mei àaf,

dì nǜs-c’ e nòc’ sènsa sógn

cola la schéna sǜ 'ndèl cusìi

par mì ai préga 'l destìi.

Con mì ai torna rèdès,

ai fà vèrs ai püìi,

i me regala 'n giüghìi,

´n biscòt dèl bozèt.

Ai sà già chè tèep 'l faràe

ca 'l tèep al sé 'n và,

sà i ciapàa ol solènch

rui mi e 'l mandi ià.

La filastrocca dei miei nonni

Giorni lenti, stanchi e notti insonne

con la schiena adossata al cuscino

per me pregano il destino.

Con me tornano bambini

fanno richiami per gli uccellini,

mi regalano un giochino,

un biscotto preso dal vasetto.

Sanno già che tempo farà

e che il tempo se ne va,

se sono tristi e pensierosi

arrivo io e tornano gioiosi.

______________________________________

Al me piasarìs      <<-- audio

Al me piasarìs cal rués la nìif par andàa a sciàa coi mée amìis; 

al fiòca al fiòca sura i tec', tüc' i dorma 'ndèl sò lèc' ; 

i rèdès piscèn i fa la nàna 'n sèma al pà e ala mama.

Mi piacerebbe

Mi piacerebbe  che arrivasse la neve per andare a sciare con i miei amici;

fiocca fiocca sopra i tetti, tutti dormono nel suo letto;

i bambini piccoli fanno la nanna assieme al papà e alla mamma.

________________________________________

Cràpa pèlada     <<-- audio

Cràpa pelada la fac’ i tortéi,

sènsa daghèn ai söo fradèi,

i söo fradèi i a fàc’ la cagiada

sensa daghen a la crapa pelada

Testa rasata

Testa rasata ha fatto i tortelli,

senza dargliene  ai suoi fratelli,

i suoi fratelli hanno fatto la cagliata

senza dargliene al testa rapata.

_________________________________

Góo fàm    <<-- audio

Góo famm,

maia ‘l scagn,

ol scagn l’è dür,

maia ‘l mür,

ol mür l’è fàt,

maia ‘l ràt,

ol ràt al cór,

maia l'amór

Ho fame

Ho fame,

mangia lo sgabello,

lo sgabello è duro,

mangia il muro,

il muro è isipido,

mangia il topo,

il topo corre,

mangia l'amore.

____________________________

Al piöof      <<-- audio

Al Piöf,  

la galina la fa l’öf,

la fa l’öf en pilisina,

brüta porca d’ina galina.

Piove

Piove,

la gallina fa l'uovo,

fa l'uovo sensa guscio,

brutta porca d'una gallina.

______________________________

Sant Antoni         <<-- audio

Sant Antoni dèl Grümèl,

ca'l sunava ‘l campanèl,

‘l campanèl al sè spacàat,

sant Antoni al se piacàat,

al se piacàat deréet a na porta,

'nghée ca 'l ghera 'na fèmna morta,

la fèmna morta l’a tusiit,

sant Antoni al sè strimìit,

al sè strimìit èn tàal manera,

ca ogni àn ai fà la fera,

iera pìz i candeléer,

sant Antoni al ghè 'ndàc’ réet,

al ghe 'ndàc’ réet par fach ónóor,

sant Antoni l’era ‘n scióor,

l’era ‘n sciór sènsa pècàat,

sant Antoni al s’è salvàat,

al s’è salvàat en Paradìis,

Sant Antoni e san Liviis.

Sant Antonio

Sant Antonio del Grumello,

che suonava il campanello,

il campanello si è rotto,

sant Antonio si è nascosto,

si è nascosto dietro una porta,

dove c'era una donna morta,

la donna morta ha tossito,

sant Antonio si è spaventato,

si è spaventato così tanto,

che ogni anno fanno la fiera,

erano accesi i candelabri,

sant Antonio gli è andato dietro,

gli è andato dietro per fargli onore,

sant Antonio era un signore,

era un signore senza peccato,

sant Antonio si è salvato,

si è salvato in Paradiso,

sant Antonio e sant Luigi.

_________________________________

Caterina de la val     <<-- audio

Caterina dèla val,

leva sü cal canta ‘l gàl,

al canta ‘l gàal e la galina,

leva sü ti Caterina,

Caterina dai corai,

leva sü ca l canta i gài,

canta ‘l gàal e la galina,

leva sü ca l’e matina

Caterina della Valle

Caterina della valle,

alzati che canta il gallo,

canta il gallo e la gallina,

alzati te Caterina,

Caterina dei coralli,

alzati che cantano i galli,

canta il gallo e la gallina,

alzati che è mattina.

________________________________

Trènta, quaranta    <<-- audio

La pegora la canta,

la canta sül sentéer

par ciama ‘l pegorèer,

‘l pegorèer l’è ‘ndac’ a Roma

par trua la praduna,

la padruna l’è ‘n agonia

suna suna metèla via.

Trenta, quaranta

la pecora canta,

canta sul sentiero

per chiamare il pecoraio,

il pecoraio è andato a Roma

per trovare la padrona,

la padrona è in agonia

suona suona mettila via.

__________________________________

La vegia tuntuna     <<-- audio

La vegia tuntuna la bala e la suna,

la va al mercàat, la crumpa la sàal,

la torna ‘nréet, la cünta i danèer,

la maia ‘n bunbun, la dìs ca l’è bùn,

la torna a cà, la fà scià ‘l disnà,

la ne maia ‘n bucù, la dis ca l’e bùu,

la va gio ‘n cantina, la tira la spina,

la ne biif 'n gutii, la dis a l’è vii,

la tira ‘l büsciù, la ne biif 'n gutù,

la vit 'n üsel, la dis sa l’è bèl,

la se mèt sül sofà, la taca a rognà,

la va sü 'ndèl lec' e la fà dei bei sognèc'

La vegia tuntuna

La vecchia tonta balla e suona,

va al mercato, compera il sale,

torna indietro, conta i soldi,

mangia un dolcetto, dice che è buono,

torna a casa, fa da mangiare,

mangia un boccone, dice che è buono,

va in cantina, apre la spina,

ne beve un goccio, dice che è vino,

apre il tappo, ne beve un po'.

vede un uccello, dice che è bello,

si siede sul sofà , si mette a litigare,

va nel letto, e fa dei bei sogni.

_______________________________________

La cansù del Barbator:     <<-- audio

gnáa ‘l fic l’è ca la nos,

gnáa la nos l’è ca ‘l fic,

gnáa la tera l’è ca ‘l panìic,

gnáa 'l panìic l’è ca la tera,

gnáa la páas l’è ca la guera,

gnáa la guera l’è ca la pas,

gnáa la stupa l’è ca ‘l bombas,

gnáa ‘l bombas l’è ca la stupa,

gnáa ‘l füs l’è ca la ruca,

gnáa la ruca l’è ca ‘l füs,

gnáa la finestra l’è ca ‘l büs,

gnáa ‘l bϋs l’ècala finestra,

gnáa ‘l paa l’è ca la minestra,

gnáa la minestra l’è ca‘l paa,

gnáa ‘ncö l’è ca domáa,

gnáa domàa l’è ca ‘ncöo,

gnáa la vaca l’è ca ‘l böo,

gnáa ‘l bö l’è ca la vaca

gnáa ‘l badil l’è ca la zapa,

gnáa la zapa l’è ca ‘l badil,

gnáa ‘l mars al vee l’april.

La canzone del Barbatore:

nemmeno il ..... non è una noce,

nemmeno la noce non è un .....,

nemmeno la terra non il miglio,

nemmeno il miglio non è la terra,

nemmeno la pace non è la guerra,

nemmeno la guerra non è la pace,

nemmeno la canape non è il cotone,

nemmeno il cotone non è la canape,

nemmeno il fuso non è la rocca,

nemmeno la rocca non è il fuso.

nemmeno la finestra non è un buco,

nemmeno il buco non è una finestra,

nemmeno il pane non è la minestra,

nemmeno la minestra non è il pane,

nemmeno oggi non è domani,

nemmeno domani non è oggi,

nemmeno la mucca non è un bue,

nemmeno il bue non è una mucca,

nemmeno la pala non è una zappa,

nemmeno la zappa non è una pala,

nemmeno marzo è aprile.

_______________________________________

Stela stilina     <<-- audio

la noc' la sè visina

la fiama dèla lüm la trabala

la vaca lè 'ndèla stala

la vaca e'l vedèl

la pegora e l'agnèl

la sciüta ei puìi

ogna màma 'l sò ridisìi

ognantü 'l ghà 'l sò licìi

'ndua tüc' i va a durmìi.

Stella stellina

la notte si avvicina

la fiamma della lanterna traballa

la mucca nella stalla

la mucca e il vitello 

la pecora e l'agenllo

la chioccia e i pulcini

ogni mamma ha il suoi figlioletto

ognuno ha il suo lettino

dove tutti vanno a dormire.

___________________________________