Vocabolario formato testo per la ricerca


a menadìit  (a menadìic'), loc. avv.

a menadito --- 

a téc’, inter.

al riparo, sotto un tetto TO | al piöeva e me sóo mès a téc’ sòta ‘n pésc’ = pioveva e mi sono riparato sotto un pino --- 

a tèc’, inter.

al riparo, sotto un tetto MO | al piöeva e me sóo mès a tèc’ sòta ‘n pésc’ = pioveva e mi sono riparato sotto un pino --- 

a ufa, inter.

a sbafo --- 

a, cong.

anche  |  al vée a lǜü = viene anche lui; de pulènta, n’ò fàc’ giò a da tǜta la cuntràda = di polenta ne ho fatta anche per la contrada intera --- 

a, prep.

a (complemento di luogo) - a Sóndri =  a Sondrio; (c. di tempo) - a natàal = a natale; (c. di modo) - a màa = a mano; (di termine) - a mi, a ti = a me, a te; davanti ai verbi all’infinito: a ulìi dila tǜta = a voler dirla tutta --- 

àa, cong.

anche | vegni àa mi = vengo anch’io; damèn àa ca mi = danne anche a me --- 

àach, cong.

anche | prǜma vègni ia en de ti, dopo ‘ndòo àach a Sóndri = prima vengo da te poi vado anche a Sondrio --- 

àaf, s.m.

avo, antenato, nonno  |  i mée  àaf ai me cüntava sǜ = i miei nonni mi raccontavano --- 

abondànt, agg.m.

abbondante  |  al sarà ‘n quintàal abondànt = sarà un quintale abbondante (… anche ironico, se riferito a persona) --- 

abòt, avv.

abbastanza, a sufficienza  |  basìi e carézzi abòt abòt, ma aiǜt negót = baci e carezze a sazietà, ma aiuto nessuno; a n’óo abòt = ne ho abbastanza, sono stanchissimo --- 

abòtento, avv.

più che abbastanza| a gh’n’òo abòt abòtento = ne ho proprio abbastanza --- 

abunàa, v.tr.

abbonare --- 

abüsif, agg.m. (abüsiva, agg.f.) --- 

abusivo --- 

acampamèet, s.m.

accampamento --- 

acanìs, v.intr.

accanirsi --- 

acènt, s.m.

accento --- 

àcet, agg.m. (àceda, agg.f.) --- 

acido, aspro; acida, aspra |  te sée àcet  cóma ‘n limù = sei acido come un limone (detto a persona … simpaticissima eh eh eh) --- 

acetàat, agg. pp.

accettato --- 

acidènt, s.m.

accidente --- 

acórdi, s.m.

accordo, intesa  – TO --- 

acòrdi, s.m.

accordo, intesa  |  ‘ndàa d’acòrdi = andare d’accordo; ‘ndàa d’amóor e d’acòrdi = andare d’amore e d’accordo; mètes d’acòrdi = mettersi d’accordo, accordarsi – MO --- 

àcqua, s.f.

acqua  |  l’àcqua la gh’a ca i corègn = l’acqua non ha le corna (non si ferma contro niente; làga ‘ndàa l’àcqua en gió e òl füm en sǜ = lascia andare l’acqua in giù ed il fumo in su(…lascia perdere, lascia andare le cose come vanno, fregatene!); l’è en de ‘n àcqua sùula = è tutto sudato (letteralmente: è tutto acqua); l’è méi vìi còlt che àcqua frégia! = è meglio vino caldo che acqua fredda (frase molto usata in contrada “strécia”, abitata da ottimi bevitori!); a fṍra de tra sǜ àcqua ‘n d’en mǜür, ‘n pòo la rèsta = a furia di buttare acqua su un muro, un po’ resta (si intende: a forza di dare buoni consigli, magari ad un figlio, qualcosa rimane attaccato … almeno si spera!) --- 

acquaràsa, s.f.

acquaragia --- 

àcquari, s.m.

acquario --- 

àcquaròt, s.m.

acqua sporca --- 

acùnt, s.m.

acconto --- 

adatàa, v. tr.

adattare, accomodare, adeguare --- 

adatàs, v.intr.

adattarsi --- 

adès, avv.

adesso, ora, in questo momento --- 

àdio, inter.

addio   |  (addio: a Dio), àdio Signóor = è proprio finita, non c’è più nulla da fare --- 

adiziù, s.f --- 

addizione --- 

adoràa, v. tr.

adorare  |  adoràa òl Signóor = adorare Gesù;  bèla s-cèta, te adori = bella ragazza, ti adoro (mi piaci molto, ti amo …) --- 

adòs, avv.

addosso  |  oia da fan, saltèm adòs = voglia di farne, saltami addosso …e tu pigrizia non mi abbandonare!  --- 

adotàa, v. tr.

adottare --- 

afàri, s.m.

affare, faccenda,  contratto, interesse, vicenda clamorosa, scandalo, oggetto, arnese, cosa (quando non si conosce o non si ricorda il nome specifico di un attrezzo) .  |  che bèl afàri ca te fàc’! = che bell’affare hai fatto! (…ironico!); ca l’è ‘sto afàri? = cos’è questo attrezzo? di che vicenda si tratta? --- 

afeziù, s.f.

affetto, tenerezza, amorevolezza --- 

afrónt, s.m --- 

affronto --- 

afróntàa, v. tr.

affrontare --- 

agiàat, agg.m. (agiàda, agg.f.) --- 

agiato, agiata, benestante --- 

àgio, s.m.

agio, comodità, possibilità, occasione, benessere, agiatezza, ricchezza  |  avìch àgio de =  avere la possibilità di; dàch àgio al colèt de la camìśa = allargare il collo della camicia, troppo stretto --- 

agitàs, v. intr.

agitarsi, inquietarsi, rimanere molto turbati; dimenarsi  |  àgitèt ca tròp = non agitarti troppo, stai calmo --- 

agnèl (agnéi), s.m.

agnello  |  l’è brào  cóma n’agnèl = è bravo come un agnellino --- 

(agnèi – MO) --- 

agra, s.f.  --- 

siero della ricotta “scöcia” acidificata che serve a coagulare il siero fresco del latte dopo il formaggio per farne la ricotta --- 

agrèer, s.m.

botticella in legno dove si mantiene e produce l'agra --- 

àgro, agg.m. (àgra, agg.f.) --- 

agro, acido, acre, acerbo, aspro; agra, acida; fig.:  pigro, restio a fare alcunché  |  sto làc’ l’è agro = questo latte è andato a male; a fàa vargót, l’è agro = a fare qualche lavoro (a lavorare) è molto restio --- 

agunìa, s.f.

agonia --- 

ai, prep.

ai, agli  | digol ai töi = dillo ai tuoi (familiari) --- 

ài, s.m.

aglio --- 

àia, inter.

ahi (espressione di dolore) --- 

aiàal, s.m.

pianoro adibito alla fabbricazione del carbone mediante “poiàt”; usato anche come toponimo per indicare un piccolo spiazzo lungo il sentiero tra Piazz e S. Salvatore (detto anche aiàlìi)  --- 

àigola, s.f.

aquila, poiana | ‘l gh’è vìt püsée de n’àigola = ci vede meglio di un’aquila; te sée ‘n àigola! = sei un genio, una cima! (… ironico) --- 

Aiguàl, s.f. n.p.

roggia che partiva dal fiume Livrio e passava in mezzo ai prati sotto loc. Zapelàt fino a congiungersi all'Adda sotto loc. Caselle; nei libri dell'800 letteralmente significava acquaiolo = trasporto d'acqua  --- 

aiǜt, s.m.

aiuto --- 

al (ai), pron. pers.

egli (essi), lui (loro) | al piàisc’ = egli piange | ai màia = essi mangiano | si usa anche come soggetto nei verbi impersonali (i verbi impersonali sono costruiti solo sulla terza persona) al fiòca = nevica; al piööf = piove --- 

al gh’è, loc.v.

c’è --- 

al ṍc’, avv.

all’occhio | stà al ṍc’ = stai attento  --- 

al sìra, avv.

ieri sera --- 

al, prep.art.

al, allo  | digol al tò fradèl = dillo a tuo fratello --- 

ala (ali), s.f.

ala | sbàsa li ali = abbassa le ali, modera l’altezzosità; molàa giò li ali = dimostrare grande stanchezza, sia fisica che morale --- 

àla, prep.   --- 

alla | àla fìi dèla stràda = alla fine della strada --- 

alastéch, s.m.

elastico  |  al ghe se rót l’alastéch de li müdandi = gli si è rotto l’elastico delle mutande --- 

alavèrsa (alivérsi), loc.

venire al dunque, non si sbriga – TO| al vée ca alavèrsa = non viene al dunque;  al vée ca pǜ alivérsi = non viene più a farci visita    --- 

alavèrsa (alivèrsi), loc.

venire al dunque, non si sbriga – MO| al vèe ca alavèrsa = non viene al dunque;  al vèe ca pǜ alivèrsi = non viene più a farci visita   --- 

albèra, s.f.  --- 

pioppo  |  la legna de albèra, la val ca niènt! = la legna di pioppo non vale nulla, non rende --- 

albèrgo, s.m.

albergo, hotel --- 

albicòch, s.m.

albicocco --- 

alégrìa, s.f.

allegria --- 

alégro (alegri), agg..m.

contento, lieto, gaio, di buon umore; divertente, scherzoso, spassoso; piacevole, vivace (spec. di colore); --- 

alenàs, v. rifl.  --- 

allenarsi |fàs la gàmba = camminare per allenamento (vedi “andadüra”) --- 

alfabét, s.m.

alfabeto --- 

àli, prep.

alle | àli cìnch dendòmàa = alle cinque del mattino --- 

almanàch, s.m.

calendario (vedi “lünàri” e “tacüìi”) --- 

almànch, avv.

ci mancherebbe --- 

alméno, avv.

almeno, quantomeno, perlomeno  |  par ‘sto laoràa, öli alméno cènt euri = per questo lavoro, voglio almeno cento euro --- 

alòc’, s.m.

alloggio  |  a gòo ca da dàch alòc’ a ‘sti póri gèet = non ho la possibilità di dare alloggio a queste povere persone --- 

alpìi, s.m.

alpino (militare)  |  la ròba püsé preziosa ca göo, l’è òl me capèl d’alpìi ! = la cosa più preziosa che possiedo, è il mio cappello d’alpino --- 

alrìc', agg.

in ordine, ben fatto, fatto giusto  |  l’è pròpi fàc’ sǜ alrìc’ = è proprio ben realizzato,  ben fatto (anche di persona); a  le fa ca alrìc’ = non lo fa bene  --- 

alsìra, avv.

ieri sera  --- 

altar, altarii, s.m.

altare, altarino --- 

alteràs, v. rifl.

alterarsi --- 

altretàat, avv.

altrettanto --- 

altǜra (altǜri), s.f.  --- 

altura --- 

alùra, avv. (anche: ilùra) --- 

allora, in quel tempo (seguito dal punto interrogativo, vuole anche dire: ebbene? dunque? --- 

aluviù, s.f.

alluvione; ( anche “stratèep”) --- 

àm, s.m.

amo per pescare --- 

amàr, agg.m.

amaro, aspro, mordace; spiacevole, triste  |  amàr  cóma ghinsana = amaro come la radice della genziana --- 

amàra (amàri), agg.f.

amara (usato anche màra e màri) --- 

amarèt (amarèc’), s.m.

amaretti --- 

ambiènt, s.m.   --- 

locale pubblico, stanza  |  al gh’à sǜ n’ambiènt a Sóndri = gestisce un locale pubblico in Sondrio; tiràa fò ‘n ambiènt par la fiṍla = ricavare una stanza per la figlia  --- 

àmèn, inter.

attimo, istante, breve momento; così sia, pazienza! (esprime scherzosa rassegnazione)  |  ‘l  me dac’ gió ‘n bicéer e ‘l se rót: àmèn! = mi è caduto un bicchiere e si è rotto: pazienza! --- 

Amèrica, s.f.

America (inteso Americhe del sud e del nord) (vedi “Mèrica”) --- 

àmet, s.m.   --- 

amido --- 

amèt, v.tr.

ammettere --- 

amìis, s.m.

amico | sóo 'ndàc' a truàa 'n'amìis = sono andato a trovare un amico --- 

àmm, loc.

locuzione usata per imboccare il piccolo |àmm la pàpa --- 

amó, avv.

ancora, nuovamente – TO  --- 

amò, avv.

ancora, nuovamente  |  daghèn amò = dagliene ancora / l'è amò bèla ! = è ancora bella, questa è bella!; amò ‘n pò ca ‘l ghe crès la bàga, al pàśa ca pǜ dala pòrta = se ingrassa (cresce la pancia) ancora un po’, non passa più dalla porta – MO --- 

amóor, s.m.

amore  |  l’amóor e la fàm, i ie sènt tǜc’ i salàm! = l’amore e la fame, li sentono tutti;  ‘ndàa d’amóor e d’acórdi = andare d’amore e d’accordo --- 

ampédria, s.f.

grosso imbuto in legno (vedi  “pédria” e “’mpédria”) --- 

ampulìi, s.m.  --- 

ampolla per l'olio e l'aceto, a collo stretto e ventre largo; piccolo vaso ove viene conservato l’olio santo --- 

àn (àgn), s.m.

anno  |  de ‘sti àgn = un tempo, una volta; al pàśa i dì, i mìis e i àgn,  cóma l’àcqua fò da ‘n cavàgn = passano i giorni, i mesi e gli anni, come l’acqua da una cesta (cioè molto in fretta) --- 

anàda (anàdi), s.f.

annata  |  chèsta, par la vendemmia l’è stàcia  ‘na bèla anàda = questa, per la vendemmia, è stata una annata molto favorevole --- 

ànda, s.f.

in movimento, in programma  |  vès in ànda - essere in ballo, star facendo qualcosa; vìch in ànda da fàa vargót = avere in animo di fare qualcosa --- 

andadóra, s.f.

passaggio, strada angusta, piano inclinato --- 

andadüra, s.f.

andatura (vedi “alenàs”) --- 

andamèet, s.m.

andamento, andazzo, il procedere di una situazione  |  chèst’an òl tèep al gha ‘n brǘt andamèet = quest’anno il tempo ha un brutto andamento (non ne combina) --- 

andànt, agg.

ordinario, comune, di qualità non eccelsa; continuo, senza interruzioni; corrente, in corso  |  ‘na ròba andànta = una cosa di poco valore; ‘n laoràà andànt = un lavoro eseguito alla carlona --- 

andàz, s.m.

andazzo, abitudine, piega (specialmente in senso negativo)  |  òl me óm l’à ciapàat n’andàz ca pròpi ‘l me va ca gió! = mio marito ha preso un andazzo che proprio non riesco a mandar giù (digerire)! --- 

àndet (àndec’), s.m.

passaggio, androne, andito riposto e abbandonato --- 

anèl (anéi), s.m.

anello; vera nuziale  |  anèl al dìit, còrda al còl = anello al dito, corda al collo (proverbio ironico) – TO --- 

anèl (anèi), s.m.

anello; vera nuziale  – MO --- 

ànèma, s.f.

anima; persona, essere umano  |  gh’è ‘n gir gnàa n’ànèma = non c’è in giro nessuno --- 

ànès, s.m.

anice; cumino (anche liquore) | 'n bicirìi de ànès = un bicchierino di anice --- 

angarìa (angarìi), s.f.

bugia, fandonia, frottola | cǜnta ca sǜ angarìi = non raccontare frottole --- 

angégher, s.m.

soldato o poliziotto tedesco e svizzero; detto in modo ironico anche ai bambini molto vivaci  |  te sée n’angégher = sei una birba --- 

àngel (àngei), s.m.

angelo  |  te sée n’àngel … quànca te dormèt! = sei un angelo … quando dormi!  (ironico) --- 

àngol (àngoi), s.m.

angolo, cantuccio  |  la maèstra,  l’à ma metüut en de ‘n àngol, ‘n castìich = la maestra mi ha messo nell’angolo, in castigo --- 

angóśa, s.f.

angoscia, ansia; desiderio ardente, brama  |  fàam ca stàa en angóśa = non farmi stare in ansia --- 

anguìla (anguìli), s.f.

anguilla --- 

anilìi, s.m.

anellino --- 

animàl (animài), s.m.

animale, bestia | 'l cavàl l'è 'n bèl animàl = il cavallo è un bel animale --- 

ansàa, v.intr.

ansimare, respirare con affanno --- 

ànta (ànti), s.f.

imposta di finestra; sportello di armadio | l'ànta de l'armàri la s'è róta = l'anta dell'armadio si è rotta --- 

antacrìst, s.m.

anticristo; persona insolente, maleducata, cattiva, diabolica --- 

antèl (antéi), s.m.

piccolo sportello, generalmente di legno – TO --- 

antèl (antèi), s.m.

piccolo sportello, generalmente di legno – MO | gh'ò seràat l'antèl dèl pulèer = ho chiuso lo sportello del pollaio --- 

antèna (anténi), s.f.

antenna; lungo palo, generalmente di conifera, che reggeva i ponteggi inerenti la costruzione di una casa  – TO  --- 

antèna (antèni), s.f.

antenna; lungo palo – MO --- 

antenàat, s.m.

antenato --- 

antipàtech, agg.m.

antipatico, spiacevole, inviso, odioso | pós ca idìl, 'l m'è tròp antipàtech = non posso vederlo, mi è troppo antipatico --- 

antipàtega (antipàteghi), agg.f.

antipatica, insopportabile, odiosa --- 

antràchen, s.m.

arnese complicato, marchingegno  (vedi “entràchen”) --- 

aocàat (aocàc’), s.m.

avvocato | stìi lóntàa dai aocàc' = state lontani dagli avvocati --- 

aóst, s.m.

agosto  |  aóst, quant ca al va giò òl sùul, l’è fósch = agosto, appena tramonta il sole, è subito buio --- 

apèna (pèna), avv. e cong.

appena, soltanto, un poco; da pochissimo tempo; subito dopo che  |  a s’ ghé vìt apèna = ci si vede appena; l’è pèna li dées = sono appena le dieci; l’era pèna ruàda = era arrivata da poco; apèna aróo finìit da da rìgola, te ciamaróó = non appena avrò finito di regolare (le mucche), ti chiamerò --- 

apiàa, avv.  --- 

adagio | camìni apiàa, 'l me fà màal 'na cavìgia = cammino adagio, mi fa male una caviglia --- 

apòsta, avv.

apposta, di proposito, intenzionalmente; appositamente, per un fine specifico  |  gnàa ca a fal apòsta = neanche a farlo apposta (per sottolineare una coincidenza sfavorevole); sòo ignüut apòsta = sono venuto appositamente --- 

apòstol (apòstoi), s.m.

apostolo --- 

aprìl, s.m.

aprile  |  ‘n aprìl, ogni góta l’è ‘n barìl = in aprile, ogni goccia un barile --- 

aprṍöf, avv.e prep.

vicino, appresso, attaccato  |  dàm vargót da maiàa aprṍöf a la pulènta = dammi qualcosa da mangiare con la polenta --- 

àquila, s.f.

aquila  (vedi “àigola”) --- 

aràa, v. tr.

arare --- 

aradèl (aradéi), s.m.

aratro –TO --- 

aradèl (aradèi), s.m.

aratro – MO --- 

aradio, s.f.                 --- 

radio ricevitore | ‘ntórén ai àgn ‘50 i’era ca tac’ ca i gheva l’aradio = intorno agli anni ‘50 non erano in molti ad avere la radio --- 

aràns, s.m.

arancia (vedi “pómaràns”) | i aràns i me fà ignìi 'n mèet òl Natàal = le arance mi fanno venire in mente il Natale --- 

àrbol (àrboi), s.m.

castagno | l'àrbol l'è póo àach òl castàa = si dice anche castagno --- 

arcabànch, s.m.

attrezzo complicato; mobile o strumento di grosse dimensioni ma malandato; persona grande e grossa ma restia ad impegnarsi --- 

archèt (archec’), s.m.

archetto, bacchetta piegata usata per tendere i lacci per la cattura di selvaggina --- 

arènch, s.m.

aringa --- 

arènt, agg. e avv.

aderente | arènt al mǜür = radente il muro --- 

aretüra, avv.

addirittura, nientemeno, persino --- 

argáat, s.m.

resina dei larici (vedi “trimintìna” e “ràsa”) --- 

argàgn, s.m. e agg.m.

uomo impacciato, goffo; poco affidabile; oggetto non altrimenti definito e/o malfato  | te me parèt 'n argàgn = mi sembri un po' impedito --- 

arganèl (arganéi), s.m.

piccolo argano a carrucola o motorizzato – TO --- 

arganèl (arganèi), s.m.

piccolo argano a carrucola o motorizzato – MO --- 

àrgen, s.m.

argine | l'àcqua dèl Tursciù 'n bòt l'à ròt l'àrgen = l'acqua del Torchione una volta ha rotto l'argine --- 

argènt, s.m.

argento --- 

arghèn (arghégn), s.m.

argano, congegno --- 

aria (àri), s.f.  --- 

aria  |  ‘ndàa a l’ària fìna = andare in montagna;  dàs àri = darsi delle arie, fare lo sbruffone --- 

arivedés, inter.

arrivederci --- 

arlichìi, s.m.

arlecchino --- 

armàa, v.tr.

armare --- 

armadǜra (armadüri), s.f.

armatura --- 

armàri, s.m.

armadio; persona corpulenta --- 

armisṍl (armisṍi), s.m.

chiavistello --- 

armònica, s.f.

armonica | 'l me piasarìs vès bùu de sunàa l'armònica = mi piacerebbe essere capace di suonare la fisarmonica --- 

arnées, s.m.   --- 

arnese, attrezzo; anche di persona inaffidabile, stupidotta, stramba --- 

àrs, agg.m. (àrsa, agg.f.) --- 

arso, inaridito, secco, riarso; arsa, secca  |  mi sóo àrs dala sìit = sono arso dalla sete --- 

arsènàal (arsènai), s.m.

arsenale; luogo o oggetto molto grande; fig.: persona corpulenta e bizzarra --- 

arsènech, s.m.

arsenico | l'è tósech  cóma l'arsènech = è tossico come l'arsenico --- 

arsǜra (arsǜri), s.f.

arsura, sensazione di caldo e sete che si traduce per lo più in un ansioso desiderio di fresco e d'acqua, bruciore di stomaco --- 

àrt, s.m.

lardo | l’àrt ‘n bòt i le metéva gió ‘ndèla manèstra  cóma cundimèet = il lardo una volta lo mettevano nella minestra come condimento  --- 

àrticol (àrticoi), s.m.

articolo; fig.: persona alquanto stramba --- 

artrìtega, s.f --- 

artrite --- 

às, s.f.

asse, tavola di segheria; asso (nel gioco delle carte)  |  às da lavàa = asse per lavare i panni, l’às la gh’à sèmpre ‘n padrù! --- 

asasìi, s.m.

assassino --- 

ascès, s.m.

ascesso --- 

àscia (àsci), s.f.

matassa  | tiràa li àsci, morire | vès fò da li àsci = essere fuori dai gangheri --- 

asée,  avv.

abbastanza  | avighèn asée - averne abbastanza, non poterne più --- 

aséet, s.m.

aceto – MO| te sèe dùls  cóma l’aséet, sei dolce come l’aceto (… ironico)  --- 

aśégn, s.m.

assegno – TO --- 

aśègn, s.m.

assegno – MO --- 

asen (asegn), s.m.   --- 

asino; persona di scarsa cultura --- 

àśèn, s.m.    --- 

usato solo nell’espressione: in àśèn = fatto bene --- 

aśènt, avv.

fatto a regola d’arte | l’è ‘n mestéer fàc’ in aśènt = in lavoro fatto a regola d’arte --- 

àser, s.m.

acero --- 

asèta (aséti), s.f.

asola – TO --- 

asèta (asèti), s.f.

asola – MO | l'asèta la se rómp ca, l'è òl butù ca ‘l se destàca sèmpre = l'asola non si rompe mai, è il bottone che si stacca sempre --- 

asìit, s.m.

aceto  – TO| asìit de vii e asìit de póm= aceto di vino e aceto di mele --- 

asìlo, s.m.

asilo --- 

aśistènt (aśistènc’), s.m.

assistente --- 

asmàri, s.m.

armadio; persona corpulenta – TO  (vedi “armàri”) --- 

asnàda (asnàdi), s.f.

asineria; atto, discorso, comportamento da ignorante | te fàc' 'n asnàda a vènt fò tǜt = hai fatto una fesseria a vendere tutto --- 

àsp, s.m.

aspo, arcolaio, strumento girevole che serve per avvolgere in matassa un filato o viceversa in gomitolo --- 

asperges, s.m.

aspersorio per l'incenso --- 

àsta (àsti), s.f.

asta | àsta de lègn = asta di legno --- 

astǜut, s.m.

astuto --- 

astǜzia (astǜzi), s.f.

astuzia --- 

atèm, s.m.

attimo --- 

atensiù, s.f.

attenzione --- 

atènt, agg.

attento  | stà atènt = fa’ attenzione --- 

atògnimodo, avv.

comunque (vedi “otramèet”) --- 

atóren, avv.

attorno --- 

àva (àvi), s.f.

nonna; ape --- 

avàar, agg.m. (avàra, agg.f.) --- 

avaro, avara --- 

avàns, s.m.

avanzo, resto, rimanenza  |  bàt ca ià i avàns = non buttare gli avanzi (del pranzo)  (vedi “vansarṍl”) --- 

avansàa, v.tr. e intr.

avanzare (vedi “vansàa”) --- 

avèrt, agg.m. (avèrta, agg.f.) --- 

aperto, aperta (vedi “vèert”) --- 

avèz, s.m.

abete bianco  | si differenzia dal “pèsc’”  perché ha la corteccia del tronco argentata --- 

avìch, v.tr.

avere, possedere; ‘ngarés = avremmo | ‘ngarés besógn = avremmo bisogno;   t’arée bée idüüt ! = avrai ben visto! --- 

avìis, s.m.

avviso --- 

aźàal, s.m.  --- 

acciaio --- 

aźiprèvet, s.m.

arciprete --- 

azǘr, agg.m. (azǘra, agg.f.) --- 

azzurro, azzurra --- 

bàaca (bàachi), s.f.

panca | la fàc' sǜ 'na bàaca pròpi bèla = ha costruito una panca proprio bella --- 

babào, s.m.

vedi “bào” --- 

babilònia, s.f.

caos --- 

bacàa, s.m.

contadino ricco, con molte terre e capi di bestiame  | chèl lì, l’è pròpi ‘n gràn bacàa! = quello lì  possiede terre e bestiame, è proprio una persona agiata ! --- 

bacàn, s.m.

baccano, fracasso, rumore |  parchè te fée tǜt ‘sto bacàn? = perché stai facendo tutto questo baccano?  --- 

bacanéri, s.m.

baccano, grande chiasso continuo e assordante, confusione rumorosa  |  chèl ca l’è tǜt ‘sto gràn bacanéri? = cos’è tutto questo casino? --- 

bachèt (bachéc’), s.m.

ramoscello, piccolo bastoncino – TO --- 

bachèt (bachèc’), s.m.

ramoscello, piccolo bastoncino – MO --- 

bachèta (bachéti), s.f.

bacchetta, verga; tondino di ferro per cemento armato; stecca verticale dèl campac’ – TO --- 

bachèta (bachèti), s.f.

bacchetta, verga; tondino di ferro per cemento armato; stecca verticale dèl campac’ – MO --- 

bachetàda (bachetàdi), s.f.

colpo di verga, di bacchetta | dàch ca tàati bachetàdi a chili pòri vàchi = non dargli tante bacchettate a quelle povere mucche --- 

bachetàm, s.m.

ramoscelli secchi piuttosto sottili (vedi “cavìc’ “ e “brochéi”) --- 

bacilàa, v. intr.

vacillare; tentennare, titubare, sragionare  |  l’è n’óm che bacila ca = e’ un uomo che sa bene quello che fa, e lo fa con decisione --- 

bacǜch, agg.m. (bacǜca, agg.f.) --- 

bacucco, bacucca; persona decrepita, rimbambita per l’età molto avanzata  |  l'è n végia bacǜca = è un vecchia decrepita --- 

badentàa, v. tr.

tenere a bada, intrattenere  |  badènta ‘n póo chèl rèdès = intrattieni un momento quel bambino --- 

badentàs, v. rifl.

divertirsi, passare il tempo gradevolmente | 'l se badentàat a giügàa coli cichi --- 

badèrla, s.f.

attrezzo per fare le  matasse (“àsci”) --- 

badìl (badìi), s.m.

badile --- 

badintìi, s.m.

giocattolino, trastullo, passatempo --- 

bàf, s.m.

baffi | la lagàat crès i bàf = ha lasciato crescere i baffi --- 

bafǜ, s.m. e agg.m.

baffone, uomo dai folti baffi (in molti casi, diventa un soprannome) --- 

bàga, s.f.

grossa pancia; ventre adiposo --- 

bagài, s.m.

ragazzo | dàc' vargót da maiàa a chèl bagài = dagli qualcosa da mangiare a quel ragazzo --- 

bagaiàda, s.f.

ragazzata --- 

bagiàa, v.intr.

abbaiare, latrare (vedi “baiàa”) --- 

bagianàda (bagiànadi), s.f.

cosa da poco, stupidata --- 

bàgiol (bàgioi), s.m.

bacchio, bastone lungo e robusto, leggermente arcuato, con due incavature alle estremità, cui si appendono i secchi  |  te capisèt ca, gnàa  ca picàt giò col bàgiol = non capisci neanche a colpirti col bacchio --- 

bàglia (bàgli), s.f.

balia, nutrice --- 

bagliàa, v. tr.

tenere a balia, allattare, dietro compenso, un bambino di altri --- 

bàgliadech, s.m.

bambino tenuto a balia --- 

bagliù, s.m.  --- 

marito della bàglia --- 

bàgn, s.m.

bagno | mèt gió a bàgn = mettere in ammollo --- 

bagnàa, v. tr.

bagnare  |  bagnàa òl bèch = bere un goccio,  solitamente di vino; bagnàa ‘l nàas = superare, far meglio di qualcuno; bagnàa la vigna = fare il trattamento al vigneto  --- 

bagnàat (bagnàac’), agg.m.

bagnato, inzuppato, fradicio |  al piöf sul bagnàat = piove sul bagnato (si dice per significare che le fortune o le disgrazie non vengono mai  sole) --- 

bagnàda (bagnàdi), agg.f.

bagnata, inzuppata, fradicia  |  spósa bagnàda, spósa furtünàda = sposa bagnata, sposa fortunata --- 

bagnìi, s.m.

grosso catino con manici (per lavare i panni; anticamente per fare il bagno ai bambini) --- 

bàgol, s.m.

residuo di tabacco che rimane in fondo alla pipa (nei tempi passati, qualche vecchio lo metteva in bocca e lo masticava).

bàgóli, s.f.

escrementi di capra o topi --- 

baiàa réet, v. tr.

sgridare, rimproverare, gridare contro qualcuno --- 

baiàa, v. tr.

abbaiare, latrare – fig. urlare  |  baiàch réet a vargǜü = parlare male di qualcuno, alle spalle  (vedi “bagiàa”) --- 

baiàda, s.f.

chiacchiera, fandonia, pettegolezzo, gossip  |  al se viàat fò, a gh’è ‘n gìir,  'na baiàda = sta montando, si sente  in giro, una brutta voce, diceria, maldicenza --- 

baiòch, s.m.

soldi, baiocchi --- 

bàit, s.m.

modesta e piccola costruzione, all’interno della quale si faceva scorrere una roggia d’acqua, in cui si tenevano a bagno le caldaie in rame, in cui veniva conferito il latte dalle famiglie della contrada, le quali a turno provvedevano alla sua trasformazione in burro, formaggio e ricotta  |  òl bàit dal làc’ = la baitella per la conservazione del latte; cassone in tavole di legno adatto a contenere due persone sdraiate, nel quale si entrava da una porticella, usato dai pastori in alpeggio per ripararsi la notte --- 

bàita (bàiti), s.f.

baita, casupola di montagna (dim. “baitèl” s.m.) --- 

baitèl (baitéi), s.m.

piccola baita TO --- 

baitèl (baitèi), s.m.

piccola baita MO --- 

baitòz, agg.m.  --- 

falso, briccone, imbroglione --- 

baitòza (baitòzi), agg.f.

falsa, briccona, imbrogliona | l’è ‘n baitòza de üna = è una falsa di una..

bàl, s.m.

ballo, anche nell’espressione: essere in ballo  |  vès en bàl = essere in ballo, essere coinvolti in qualche iniziativa; vìch en bàl = avere in corso qualche attività, lavoro, ecc.

bàla (bàli), s.f.

bugia;  palla; testicolo; balla di fieno  |  cuntàa sǜ bàli = raccontare frottole; tiràa a bàli = tirare in giro, non giungere a conclusioni |  bàla de  s-ciop = palla da fucile | fa giràa li bàli = far arrabbiare --- 

balàa, v. intr.

ballare, danzare; stare molto largo  |  al  bàla ‘l màt = si comporta da matto;  fa balàa li màti = far ballare le ragazze;  en de ‘sto vistìit, ghe bàli ité = questo vestito lo sento molto largo --- 

balabiót, s.m.

balordo, infingardo, teppista, inaffidabile --- 

balàda (balàdi), s.f.

ballo | che bèli balàdi ma fàc’ = che belle ballate abbiamo fatto --- 

baladù, s.m.

soffitta, solaio --- 

balàgiò, v. tr.

calpestare (specialmente l’erba, l’orto, il terreno coltivato) --- 

balànsa, s.f.

bilancia --- 

balansìi, s.m.

bilancino; bilancino da farmacista | attrezzo in legno con tre anelli per fissare, da una parte due tiranti attaccati all'animali da  tiro e dall'altra con anello al centro per attaccare ciò che si vuole tirare --- 

baldachìi, s.m.

baldacchino (drappo quadrangolare, sostenuto da quattro o più aste, sotto il quale si porta in processione il SS. Sacramento;  un tempo faceva anche da copertura ai letti) --- 

baldràca (baldràchi), s.f.

donna poco seria --- 

balèer, s.m.  agg.m.

bugiardo (vedi "bosàrt") --- 

baléngo, s.m.  --- 

stravagante, strano negli atti e nel detto --- 

balerìi, s.m.

ballerino --- 

balìi, s.m.

pallino delle bocce; pallino del fucile (solitamente al plurale)  |  vìch en màa òl balìi = condurre, comandare il  gioco; ‘ndàa a balìi = andare in rovina; zaino con dentro gli indumenti del pastore in alpeggio  --- 

balìsta, s.m.

bugiardo, menzognero  |  l’è ‘n balìsta de prüma categoria = è un gran ciarlatano --- 

balöc’, agg. m.

strabico --- 

balögia (balögi), agg. f.

strabica --- 

balòos, s.m. e agg.m.

ingannatore, mariolo, inaffidabile, sleale; monello --- 

balórt, s.m.

balordo, persona poco affidabile --- 

balòśa (balòśi), s.m. e agg.f.

ingannatrice,  inaffidabile, sleale; monella --- 

balòt, s.m.

piccolo corpo tondeggiante di sostanza molliccia  |  balòt de pulènta = piccola palla di polenta --- 

balurdù, s.m.

vertigine, giramento di capo --- 

Bambìn, s.m.

Gesù Bambino --- 

bàmbo, s.m.

rimbambito, tonto, stupidotto --- 

bambòc’, s.m.

bimbo grassoccio, uomo poco sveglio --- 

bàmbola, s.f.

solo nell’espressione ‘ndàa ‘n bàmbola = rimanere imbambolato, restare incantato --- 

bànca (bànchi), s.f.

banca --- 

bancàal (bancài), s.m.

bancale --- 

bancaràal, s.m.

panca con alto schienale che sta tutto intorno al focolare --- 

bànch, s.m.

banco di scuola, della chiesa --- 

banchèt (banchéc’), s.m.

bancarella (della fiera) – TO --- 

banchèt (banchèc’), s.m.

bancarella (della fiera) – MO --- 

bànda, s.f.

banda musicale; gruppo organizzato di malviventi --- 

banderàal (banderai), s.m. agg.m.

sventato, senza giudizio; detto di ragazzo, significa anche molto birichino --- 

bàndòl, s.m.

bandolo, capo del gomitolo (vedi “còo”) --- 

bandunàat, agg.m.

abbandonato, tralasciato --- 

bandunàda (bandunàdi), agg.f.

abbandonata, trascurata --- 

banimàa, avv.

mano a mano | da banimàa ca 'l me vèe en mèet li paròli en dialèt, te li disi =man mano che mi viene in mente le parole in dialetto te le dico --- 

bào, s.m.

insetto indistinto; diavolo  |  l’è brut e catìif  cóma ‘l bào = e’ brutto e cattivo come il diavolo  (vedi “babào”) --- 

bàr, s.m.

montone; persona cocciuta e testarda  |  te ghée la cràpa de ‘n bàr = sei duro di comprendonio  --- 

baràba, s.m.

barabba, uomo cattivo --- 

baràca (baràchi), s.f.

baracca, casa fatiscente, costruzione provvisoria dei cantieri di lavoro;  avventura  |  al vìif en de ‘na baràca = vive in una casa molto malridotta; tiràa avanti la baràca = mantenere la famiglia con qualche difficoltà; fàa ciòca e baràca = ubriacarsi e fare festa --- 

baràda (baràdi), s.f.

grande testata, come usa fare il montone (“bàr”) --- 

baraónda, s.f.

confusione --- 

baratàa, v.tr.

barattare, scambiare --- 

bàrba de tṍrch, s.f.

barba del granoturco, stilo (in botanica lo stilo è la parte del pistillo che, in forma di filamento sottile, sorregge lo stigma cioè la parte superiore del pistillo stesso)   --- 

bàrba, s.f.

barba; zio scapolo --- 

barbacàa, s.m.

barbacane, opera muraria di rinforzo davanti a muri portanti o antiche fortificazioni --- 

barbéer, s.m.

barbiere, parrucchiere --- 

barbìis, s.m.

baffo  |  grignàa sóta i barbìis = sogghignare;  lècas i barbìis = apprezzare grandemente un cibo, anche figurato:  l’è na s-cèta da lècas i barbìis = è una ragazza molto piacente e gradevole --- 

barbòz, s.m.

mento --- 

barbù, s.m.

persona con folta barba; vagabondo senza fissa dimora né occupazione, molto trasandato --- 

barchèta (barchéti), s.f.

piccola barca; slittino fatto con delle asticelle messe in senso longitudinale e distanziate l’una dall’altra (vedi “slitìi”) --- 

bardèn, s.m.

bardana maggiore (arctium lappa l.), pianta erbacea che produce una bacca verde che si attacca con facilità ai vestiti  |  il velcro  (sistema di chiusura di giacche e scarpe) è stato inventato, da  uno scienziato dopo essersi imbattuto in questa pianta --- 

bàrèch, s.m.

radura, spesso circoscritta da un muretto a secco, ove venivano raccolte le mucche per la mungitura e,  salvo cattivo tempo,  per passarvi la notte --- 

baregàa, v. tr.

girare intorno senza meta --- 

barèla (baréli), s.f.

barella; portantina (in tempi passati, usata principalmente dai manovali per portare i sassi ai muratori) – TO --- 

barèla (barèli), s.f.

barella; portantina (in tempi passati, usata principalmente dai manovali per portare i sassi ai muratori) – MO --- 

barèt (baréc’), s.m.

berretto, copricapo  |  fam ca giràa òl barèt = non farmi arrabbiare – TO --- 

barèt (barèc’), s.m.

berretto, copricapo  |  fam ca giràa òl barèt = non farmi arrabbiare – MO --- 

barèta (baréti), s.f.

berretta, copricapo di varie forme, in genere senza tese  |  la barèta da noc’ = la berretta da notte; la barèta dèl prèvèet = la berretta del prete – TO --- 

barèta (barèti), s.f.

berretta, copricapo di varie forme, in genere senza tese  |  la barèta da noc’ = la berretta da notte; la barèta dèl prèvèet = la berretta del prete – MO --- 

bargèli, s.f.

bargigli del gallo, tacchini, capre --- 

barìl (barìi), s.m.

barile --- 

barilòt (barilòc’), s.m.

barilotto, piccola botte; detto scherzosamente anche di uomo piccolo e cicciotto  --- 

barlafǜs, s.m.

persona scorretta, inaffidabile, sleale, immorale --- 

barlǜm, s.m.

barlume --- 

bàs, agg.m. (bàsa, agg.f.) --- 

basso, bassa; piccolo, piccola (di statura) --- 

basà sǜ, v.tr --- 

baciare --- 

basàa, v. tr.  --- 

baciare --- 

basacǜla, s.f.

tipo di bilancia --- 

basalìsch, s.m.

balordo, individuo subdolo e cattivo; deriva dal nome di una specie di drago mitologico, evocato anche nella nostra tradizione come un serpente alato e con la cresta come di gallo dagli occhi fiammeggianti e il fiato velenoso, capace di ipnotizzare e di uccidere con lo sguardo --- 

basamèet, s.m.

basamento, fondamenta --- 

basàs sǜ,  v.rifl.

baciarsi --- 

basèrga, s.f.

casa, cascinale in rovina, cadente, malmesso --- 

basèta, s.f.

basetta --- 

basìi, s.m.

bacio --- 

bàsla, s.f.

tafferia, piatto in legno ampio e tondo per la polenta --- 

bàst, s.m.   --- 

basto, grossa e rozza sella di legno che si pone sul dorso delle bestie da soma per collocarvi o appendervi il carico --- 

bastàrda (bastàrdi), agg.f.

bastarda, illegittima, adulterina; alterata, impura; meticcia, mezzosangue --- 

bastàrt, agg.m.

bastardo, illegittimo, adulterino; alterato, impuro; meticcio, mezzosangue --- 

bastimèet, s.m.

bastimento --- 

bastù, s.m.

bastone --- 

bastunàda (bastunàdi), s.f.

bastonata, colpo di bastone --- 

bàt, v. tr.  --- 

battere  (specie la segale, l’orzo e il grano saraceno), colpire, percuotere  |  bàt la fiàca = battere la fiacca, lavorare di malavoglia; bàt i dèc’ = battere i denti; bàt a màchena = battere a macchina, dattilografare; bàt li màa =battere le mani, applaudire; bàt càsa = battere cassa, chiedere denaro; bàt òl fèr ‘ntàat ca l’è còlt = battere il ferro finché è caldo, cogliere il momento favorevole; la lèngua la bàt ‘ndùa ‘l dṍl òl dèet = la lingua batte dove duole il dente, si finisce sempre col parlare di ciò che più assilla; bàt i sòci a brìscola = battere gli amici a briscola; al me bàt òl cór = mi batte il cuore, sono molto turbato, emozionato  --- 

batàch, s.m.

battaglio, batacchio  (vedi “batènt”) --- 

batèl, s.m.

battello --- 

bàtela, --- 

tirare avanti a stento; battila verbo battere (vedi “bàt”) --- 

batènt, s.m.

battente, battacchio o battaglio; parte che pesta contro il metallo per far suonare campane o campanacci (vedi “batàch”) --- 

batésèm, s.m.

battesimo --- 

baticṍr, s.m.

batticuore --- 

batifóndo, s.m.

caos --- 

batòsta, s.f.

batosta, botte da orbi --- 

batǜda (batüdi), s.f. e agg.f.

battuta, battuta umoristica; raffica di botte  |  gh’è n’ò dac’ ‘na bèla batǜda = l’ho preso a botte --- 

batǜüt, s.m. agg.m.     --- 

battuto --- 

baǜl, s.m.

baule --- 

baǜscia, s.m.

persona che si dà arie; cittadino milanese --- 

baǜscina, s.f.

bavaglino --- 

bavèra, s.m.

bavera --- 

bazzegàa, v.tr.

girare a vuoto --- 

bé, avv.

ebbene, dunque  |  bé, par ‘ncṍö n’ò fàc’ abòt = ebbene, per oggi ho lavorato abbastanza; bé? = ebbene?, cosa vuoi dire, fare?; a bé dich da fàa vargót, al ne zéga miga = anche a dirgli di fare qualcosa, non ne combina   – TO  (vedi “embée”)  --- 

bè, avv.

ebbene, dunque  – MO  (vedi “embèe”) --- 

becàa, v. tr.

beccare; prendere  |  l’à becàat ‘na bèla multa = si è preso una bella multa --- 

bècàat, v. tr. e rifl --- 

beccato; preso in fallo  |  ò fàc’ ‘n’asnàda, ma i m’à bècàat = ho fatto una stupidaggine, ma sono stato presso in fallo  --- 

becàda, s.f.

beccata; quanto viene beccato --- 

becalù, s.m.

uomo alto --- 

becamòrt, s.m.

beccamorto, becchino, seppellitore; menagramo --- 

bèch, s.m.

becco; caprone --- 

becù, s.m.

bestia poco produttiva --- 

bèdèrgna (bédérgni), s.f.  --- 

carne scadente della pancia – TO --- 

bèdèrgna (bèdèrgni), s.f.  --- 

carne scadente della pancia – MO --- 

bedóla, s.f.

betulla --- 

bée, s.m. e avv.

bene, il bene  |  con tǜt òl bée ca te öli = con tutto il bene che ti voglio; te sté bée? = stai bene?; chèsto l’è pròpi ‘n mestéer fàc’ bée! = questo è proprio un lavoro ben fatto! – TO --- 

bèe, s.m. e avv.

bene, il bene – MO --- 

bega (beghi), s.f.  --- 

bega, lite, alterco, faccenda intricata, porcheria | te me dàc’ ‘na bega = mi hai dato una porcheria  --- 

bégàa, v. tr.

litigare, discutere animatamente --- 

bèl (béi), agg.m.

bello |  al fa bèl (tèep) = è bel tempo – TO --- 

bèl (bèi), agg.m.

bello -  MO --- 

bèla (béli), agg.f.

bella, spareggio, partita che decide la vittoria | l’è ‘ndàc’ a spàs con la sùa bèla = è andato a spasso con la sua bella, morosa, innamorata| an sé trìi pari, me da fàa la bèla = siamo tre pari, dobbiamo giocare la partita decisiva  – TO --- 

bèla (bèli), agg.f.

bella  – MO --- 

bèladro, s.m.

aconito (aconitum napellus l.) --- 

bèlbèl, loc.

piano piano, bellamente | 'l va a bèlbèl = cammina pian piano  --- 

belebée, avv.

molto, assai assai  |  ‘ncṍö, ma caminàat belebée = oggi abbiamo camminato moltissimo; sóo belebée stràch = sono stanchissimo;  l’era ciòch belebée = era ubriaco fradicio – TO --- 

belebèe, avv.

molto, assai assai  | sòo belebèe stràch = sono stanchissimo – MO --- 

belegòc’, s.m.

castagne secche e cotte --- 

belèt, s.m.

rossetto --- 

belèza, s.f.

bellezza, bella da vedere --- 

belfàa, loc.

facile da fare --- 

belòo, s.m.

bellimbusto --- 

benedèt, agg.m.   --- 

benedetto --- 

benedèta, agg.f.

benedetta --- 

benediziù, s.f.

benedizione --- 

benefìzi, s.m.

beneficio --- 

bénènto, avv.

molto bene  |  stó bée bénènto = sto bene, benissimo --- 

bènola, s.f.

donnola --- 

benservìit, s.m.

benservito --- 

bèrgom, s.m.

solo nell’espressione fàa ‘l bèrgom = fare lo spavaldo  |  gh’è ca tàat da fàa ’l bèrgom = c’è poco da scherzare --- 

bes-ciàm, s.m.

bestiame, l’insieme delle bestie da stalla --- 

bes-ciöl, s.m.

mucca, animale domestico --- 

beśacǜca, s.f.

trisnonna --- 

beśacǜch, s.m.

trisnonno --- 

beśaf, s.m.            --- 

bisnonno --- 

beśava (besàvi), s.f.  --- 

bisnonna   --- 

bèsciola  (béscioli), s.f.

labbro  |  al me ignǜüt fó la feöra da piach en deli béscioli = mi è uscito un herpes sulle labbra – TO --- 

bèsciola  (bèscioli), s.f.

labbro  |  al me ignǜüt fò la feöra da piach en deli bèscioli = mi è uscito un herpes sulle labbra – MO --- 

bèsciulù, s.m. e agg.m.

signore con grosse labbra --- 

bèsciulùna (bèsciulùni), s.m. e agg.

signora con grosse labbra --- 

beséi, s.m.

lingua di serpe,  pungiglione degli insetti – TO   --- 

besèi, s.m.

lingua di serpe, pungiglione degli insetti – MO --- 

beséi, s.m.           --- 

pungiglione | l’à mès fó ‘l béséi  =  si dice quando in una discussione i accentuano i contrasti  --- 

besénfi, agg.m.

gonfio, gonfiato  |  al gà òl mǜüs besénfi  cóma ‘n ciocàt = ha la faccia gonfia, da ubriacone – TO --- 

besènfi, agg.m.

gonfio, gonfiato  – MO --- 

besènfia, agg.f.

gonfia, gonfiata – MO (besénfia -TO) --- 

besèst, agg.m.

bisestile --- 

besógn, s.m.

bisogno, necessità --- 

bèsol, s.m.

belato --- 

bèsolàa, v. tr.

belare --- 

bèstema (bèstemi), s.f.

bestemmia --- 

bestemàa, v. tr.

bestemmiare --- 

bèstia, s.f.

bestia, animale di ogni specie; stupido, somaro, birbantello (spesso scherzoso)  |  che brǜta bèstia  ca te sée = che brutta bestia sei ) --- 

bestiù, s.m.

individuo grande e grosso, spesso ignorante --- 

bètega, s.f.

buccia dell’uva e di altri frutti; la parte esterna, superficiale di qualcosa --- 

betègàa, v. tr.

balbettare --- 

betegù, s.m. e agg.m.

balbuziente --- 

bètola, s.f.

bettola, osteria  |  l’è sempre ité e fó da li bètoli = passa da un’osteria all’altra --- 

betònega, s.f.

donna invadente e pettegola  |  l’è ‘na betònega = è una donna molto pettegola --- 

biàca, s.f.

biacca; vecchio tipo di vernice a base di piombo e zinco --- 

biàdech, s.m.

abiatico, nipote di nonno --- 

biànch, agg. m. (biànca, agg.f.) --- 

bianco, bianca  |  biànch  cóma òl làc’ = bianco come il latte; l’è tǜt biànch de cavéi = è canuto --- 

biaròt, s.m.

beverone, miscuglio latte e siero per i vitelli o miscugli vari per il maiale --- 

bicéer, s.m.

bicchiere  |  ‘l n’à gió ‘n bicéer = è alticcio --- 

biceràda, s.f., --- 

bicchierata tra amici --- 

biceròt, s.m.

bicchierone | ‘n biceròt de chèl bùu = un bel bicchiere di quel buono --- 

biciclèta, s.f.

bicicletta --- 

bicìi, s.m.

vitellino --- 

bicirìi, s.m.

bicchierino, bicchiere da liquore --- 

bidù, s.m.

bidone, recipiente generico piuttosto grande --- 

bidunàda, s.f.

bidonata, fregatura, imbroglio --- 

bièla, s.f.

terrina, zuppiera, insalatiera --- 

bigliàrt, s.m.

bigliardo --- 

biglièt, s.m.

biglietto --- 

bignàa, v.tr.

dovere, occorrere --- 

bignù, s.m.  --- 

bubbone, grosso foruncolo (vedi “bügnù”)   --- 

bìgol, s.m.

ombelico;  uomo stupido e facilone  |  te sée ‘n pòor bìgol ! = sei un povero pirla! --- 

bigòt, s.m.

bigotto, individuo troppo attaccato alla religione --- 

bìif,  (mi bìvi, bǜut), v. tr.

bere (anche metaforicamente)  |  bìif ‘n bòt! = bevi un po’; te ca da bìif gió tǜt chèl ca i te cünta sǜ = non devi credere a tutto quello che ti raccontano --- 

binàa, v. tr.

rincalzare la terra attorno alle piante di patate, ecc.

binadǜra (binadǜri), s.f.

rincalzo  |  binàa ‘l tṍrch e i tartìfoi = rincalzare le piante di granoturco e patate --- 

bìnda (bìndi), s.f.

benda --- 

bindèl (bindéi), s.m.

nastro, fettuccia, passamano – TO --- 

bindèl (bindèi), s.m.

nastro, fettuccia, passamano – MO --- 

bindèla, s.f.

nastro graduato per grandi misurazioni, di solito lungo 20 o 50 metri; sega a nastro --- 

bindìna, avv.

finalmente, a furia di  |  te sée ruàat, bindìna? = sei arrivato, finalmente?;  t’è finìit, bindìna! = hai finito, finalmente! --- 

bindù, s.m.

mascalzoncello, birbone, rubacuori --- 

binidìi, v. tr.

benedire  |  ‘n bòt òl prèvòst, col so cèrech, al vàva a binidìi li cà, e a li masù = ai tempi andati, il prevosto, con il chierichetto al seguito, andava a benedire le case, e anche le stalle --- 

binìis, s.m.

confetto  |  da fò i binìis = distribuire i confetti, prima delle nozze --- 

binzìna, s.f.

benzina --- 

biónt, agg.m. (bionda, agg.f.), s.m.f.

biondo, bionda --- 

biörch, agg.m.

biforcato  --- 

biót, agg. (bióta, agg.f.) --- 

nudo, nuda  |  biót biotènto = completamente nudo --- 

bìra, s.f.

birra  |  a tüta bìra = di corsa, in modo frenetico --- 

bìrba, s.f.

birba, anche di bimbo vivace --- 

birbànt, s.m.

birbante, anche di  bimbo vivace --- 

bìrlo, s.m.

ghiribizzo, estro  |  sa ‘l me vée ‘l birlo = se mi viene la voglia; ‘ndàa gió dal bìrlo = perdere le simpatie --- 

biròc’ s.m --- 

carretto --- 

birucìi, s.m.

carrettino - diminutivo di “biroc’ “ --- 

bìs, s.m.

biscia  |  finìi a bìs e sciac’ = finire a schifio --- 

bìsacia, s.f.

bisaccia --- 

bischìzi, s.m.

schifo; persona sudicia, anche moralmente; misero  |  fàa bischìzi = fare schifo;  vès ‘n pòor bischìzi = essere una brutta persona --- 

biscòt (biscòc’), s.m.

biscotto --- 

bisèga, s.f.

vento freddo di tramontana --- 

bisognóos, agg.m.

bisognoso, poveretto --- 

bìsola (bìsoli), s.f.

truciolo (vedi anche “scìsciola”) --- 

bisòoch, s.m.

tutolo (contaminazione col dialetto di Caiolo)   --- 

(vedi “ràspol” e anche “risinìi”) --- 

bistèca (bistéchi), s.f.

bistecca – TO --- 

bistèca (bistèchi), s.f.

bistecca – MO --- 

bistèch, s.m.

si congiungono il pollice e l’indice e poi si fa scattare l’indice, parola usata solo in alcune contrade (vedi “pistèch”) --- 

biǜda, s.f.

bevuta  |  ó fàc’ ‘na gràn biǜda = ho fatto una gran bevuta --- 

biǜüt, agg.e pp.

bevuto, participio passato del verbo “bìif” --- 

blagṍr, s.m.

borioso, vanaglorioso --- 

blṍ, agg.m.

blù --- 

bobòo, s.m.

insetto --- 

bṍc’, s.m.

buco --- 

bòc’, s.m. (accr. buciù) --- 

sasso, pietra di moderate dimensioni --- 

bòcia, s.f. (dim. bucìna) --- 

boccia, pallone da gioco --- 

bòcia, s.m.

ragazzo, giovincello; apprendista (specialmente muratore);  recluta degli alpini --- 

bociàda, s.f.

colpo con le bocce --- 

bociàrda, s.f.

bocciarda (usata per rendere ruvide le pareti di cemento) --- 

bociàrdàa, v. tr.

bocciardare --- 

bòciol (bociṍi), s.m.

bocciolo, gemma rigonfia di un fiore – TO --- 

bòciol (bòcioi), s.m.

bocciolo, gemma rigonfia di un fiore – MO --- 

bṍgia, s.f.

epa, pancia  (vedi “vètro”) --- 

bói,  intr.

bollire  |  fa ignìi a bói = portare ad ebollizione;  te vardàat gió ‘ndèla tina sa ‘l  bói li vinasci? = hai controllato nel tino se le vinacce stanno fermentando?;  lagàa bói = lasciar perdere --- 

bòia, s.m.

boia; individuo spregevole  |  l’è viàat scià ‘n mónt bòia = stiamo vivendo un brutto periodo --- 

boiàca, s.f.

boiacca (malta di cemento molto fluida) --- 

boiàda, s.f.

boiata, azione o cosa mal fatta --- 

bòiascia, s.f.

sterco delle mucche --- 

boièet, agg.e pp  --- 

bollente (vedi “bói”) --- 

bólp, s.f.

volpe --- 

bombàs, s.m.

bambagia, ovatta --- 

bombasìna, s.f.

bambagia, ovatta  |  ai t’ha levàat sǜ ‘ndèla bombasìna = ti hanno allevato con eccessive cure e riguardi --- 

bṍö, s.m.

bue --- 

bóra (bóri), s.f.

tronco d’albero, di grosse dimensioni, tagliato e pulito dai rami – TO --- 

bordèl, s.m.

bordello;  un’azione pasticciata, incasinata, confusa (vedi “casòt”) --- 

borèl (bóréi), s.m.

tronco d’albero di piccole dimensioni;  sezione di tronco, tagliato a misura di stufa – TO   (vedi “burèl” – MO) --- 

borèla (bóréli - fàa li), s.f. - v. tr.

rotolone; rotolarsi, (fare le) capriole – TO --- 

borelàa, v. tr.

rotolare | borelàa fò dal lèc’ = cadere dal letto | fàa borelàa ‘n sàs = far rotolare un sasso --- 

borelèer, s.m.

boscaiolo, tagliaboschi; (colui che gestisce “li bóri”) – TO --- 

bòria, s.f.

superbia --- 

bórsa, s.f.

borsa   |  ü la bórsa, ü la vita! = o la borsa, o la vita! --- 

borsàt, s.m.

borsello --- 

bórsèta, s.f.

borsa per signora; borsa per la spesa --- 

bórsetàda, s.f.

quanto può contenere una borsa piena; colpo inferto con la borsetta  |  ‘na borsetàda de castégni = una borsa piena di castagne; ‘n ladro al voleva robach la pinsiù, ma la scióra la ga tiràat ‘na gràn borsetàda ‘ndèla crapa = un ladro  voleva rubarle la pensione, ma la signora gli ha tirato una gran colpo in testa con la propria borsetta --- 

bósàart, s.m.

bugiardo --- 

bóśàc’, s.m.

abitante di Albosaggia, albosaggino  --- 

bósàrt, agg.m. (bósarda, agg.f.) --- 

bugiardo, bugiarda  |  chi ca l’è bosàrt, l’è àa ladro = chi è bugiardo è anche ladro; l’è bósarda còma òl diaòl = è bugiarda come il diavolo --- 

bósc’, s.m.

caprone, becco --- 

bósch, s.m.

bosco --- 

bóscial, s.m.

capretto --- 

bóscialìi, s.m.

caprettino --- 

bòśol, s.m.

bossolo --- 

bòsola (bósoli), s.f.

parte bianca della corteccia delle betulle che quando appassisce si arrotola, è usata per accendere il fuoco – TO --- 

bòsola (bòsoli), s.f.

parte bianca della corteccia delle betulle che quando appassisce si arrotola, è usata per accendere il fuoco – MO --- 

bót, s.f. (dim. bótasèl) --- 

botte --- 

bòt, s.m.

istante, momento;  epoca passata  |  en d’en bòt = in una volta sola;  ‘n bòt = una volta, nei tempi andati; levàa sǜ de bòt = alzarsi presto al mattino; ‘ndàa de bòt = andare  velocemente; fa de bòt! = sbrigati, svegliati; òl prüm bòt = la prima volta --- 

bòta, s.f.

botta, colpo doloroso  |  ciapàa ‘na bòta = prendere una botta;  tignìi bòta = resistere, sopportare, tener duro --- 

botasciṍl, s.m.

polpaccio --- 

botéga, s.f.  --- 

bottega, negozio  |  seràa sǜ botéga = chiudere bottega, smettere di svolgere una attività,  morire (…satirico!); vìch la botéga vèrta = avere i pantaloni sbottonati  --- 

boteghèer, s.m.

bottegaio, negoziante – MO --- 

bozzèt, s.m.

bottiglietta --- 

bràca, s.f.

manciata, piccola quantità; in caso di soldi: molti  |  l’ha ciapàat ‘na bràca de soldi = ha preso un sacco di soldi --- 

bradéla (bradéli), s.f.

predella, asse in legno per lavare i panni  al ruscello – TO --- 

bradèla (bradèli), s.f.

predella, asse in legno per lavare i panni al ruscello – MO --- 

bràga de l’órs, s.f.

erba strega, licopodio --- 

bràghi, s.f.

pantaloni, calzoni  | ‘ndùa gh’è bràga, òl scosàal non paga = se (al bar, al ristorante) sono presenti i pantaloni (cioè un uomo), la donna non paga --- 

bramóos, agg.m.

docile, mansueto, addomesticato --- 

bramósa (bramósi), agg.f.

docile, mansueta, addomesticata --- 

brancàa, v. tr.

prendere, afferrare, acchiappare --- 

branchèl (branchéi), s.m.

manciata – TO --- 

branchèl (branchèi), s.m.

manciata – MO --- 

brào (bràvi), s.m.

bravo --- 

bràśa, s.f.

brace --- 

bràsc’, s.m.

braccio --- 

braschèer, s.m.

caldarrosta --- 

brascià scià, v. tr.

abbracciare --- 

brasciàda, s.f.

bracciata, quanto si può stringere con le braccia  |  ‘na brasciàda de fée = una bracciata di fieno --- 

brasciàs scià, v. rifl.  --- 

abbracciarsi --- 

brasciṍl (brsciṍi), s.m.

piccola bracciata | ‘n brasciṍl de bruchìna = una bracciata di legna fine  (sinonimo di “brasciàda”) --- 

braśéri, s.m.

grande quantità di brace ardente  (sin. “brasèer”) --- 

bràva (bràvi), s.f.

brava --- 

bràz, s.m.

tessuto, stoffa  |  al vènt ròba de bràz = vende tessuti --- 

brazadèla (brazadéli), s.f.

forma di pane di segale a ciambella – TO --- 

brazadèla (brazadèli), s.f.

forma di pane di segale a ciambella – MO --- 

brazèta, s.f.

braccetto | a brazèta = a braccetto --- 

brégn, s.m.

rudere, edificio diroccato appartenente ad un vecchio nucleo abitativo, tipo Cà di Mói, nonché l’intero nucleo che trovasi nelle stesse condizioni  – TO --- 

brègn, s.m.

rudere, edificio diroccato appartenente ad un vecchio nucleo abitativo – MO --- 

brènta (brénti), s.f --- 

brenta; bigoncia – TO --- 

brènta (brènti), s.f.

brenta; bigoncia – MO --- 

bréntàl, s.m.

piccola brenta, recipiente per il latte, brentina --- 

brentù, s.m.

bigoncio; tinozza; recipiente in cemento costruito nelle vigne usato per preparare l'acqua verde rame con cui innaffiare le viti contro i parassiti  --- 

bretù, s.m.

uomo corpulento, con grande pancia --- 

brèvet, agg.

mano senza forza incapace di svolgere le sue normali azioni di presa e  movimento priva di sensibilità (vedi “engrafignàat”) --- 

brìch, avv.

niente  |  pòoch ü brìch = poco o niente --- 

brìch, s.m.

dirupo, luogo scosceso; case diroccate --- 

brichèt, s.m.

accendino --- 

brìga, s.f.

impegno | ciapàa la brìga = prendere l’impegno --- 

brigàa, v. intr.

brigare, impegnarsi --- 

brigànt, s.m.

brigante, malvivente; bambino  furbetto --- 

brighèla, s.m.

ragazzetto vispo e simpatico --- 

brigolàa, v. tr.

brulicare, formicolare;  non stare mai fermi --- 

brìna, s.f.

brina | sta noc’ l’è ruàat la brìna = questa notte è arrivata la brina --- 

briòt, s.m.

cappello, copricapo (in senso spregiativo) --- 

brisàola, s.f.

bresaola --- 

brìscola, s.f.

briscola (gioco alle carte)  |  te cüntet cóma òl dùu de pich, quànca brìscola l’è quadro = non conti niente --- 

brṍa, agg.

di cibo bollito| ‘ncóo la pàsta  l’ó facia ‘n brṍa = oggi la pasta l’ho fatta in brodo  --- 

brṍc’, s.m.

bruco, verme, larva; rutto  (vedi “òri”) --- 

bròca (bróchi), s.f.

ramo, ramo secco staccato dall’albero – TO --- 

bròca (bròchi), s.f.

ramo, ramo secco staccato dall’albero – MO --- 

bròch, s.m.

brocco, atleta di scarsa qualità --- 

brochèl (brochéi), s.m.

rametto – TO --- 

bròchèl (brochèi), s.m.

rametto – MO --- 

brochèta, s.f.

bulletta, chiodo per scarpe;  tappo posto sulla sommità della parete anteriore della botte --- 

brṍda, s.f.

brodaglia --- 

bródech, agg.m. e s.m.

sporco, lercio; sporcizia; persona poco perbene --- 

bródega, agg.f.

sporca, lercia --- 

brodegàa, v. tr.

sporcare, lordare --- 

brodegàs, v. rifl.

sporcarsi --- 

brògia, agg.f.

umida | lègna brògia = legna umida che fa fatica a bruciare e fa solo fumo --- 

brogiòt, agg. s.m.      --- 

 vecchio depravato, impudico, lascivo, vizioso, libidinoso | --- 

 l’è ‘n brogiòt d’en véc’ ca ‘l gh’è piàas amò li fèmmi giöéni = è un vecchio lascivo e depravato che sbava per le giovane donne --- 

bróia, s.f.

liquido che rimane in fondo alla pentola dopo la colatura della pasta --- 

bróncàa, v. tr.

piangere e gridare --- 

bróns, s.m.

pentola di bronzo --- 

bróntolàa, v.intr.

brontolare --- 

brónza, s.f.

campanaccio in bronzo --- 

bronźèla (bronźéli), s.f.

felce – TO --- 

bronźèla (bronźèli), s.f.  --- 

felce – MO --- 

brṍöt, s.m.  --- 

brodo  |  ‘ndàa ‘n brṍöt = andare in brodo di giuggiole, gongolare --- 

brösṍl, s.m.

foruncolo, brufolo --- 

bròstola (bróstoli), s.f.

crosta su una ferita che sta guarendo – TO --- 

bròstola (bròstoli), s.f.

crosta su una ferita che sta guarendo – MO --- 

bruchìna, s.f.

legna sottile, serve per accendere il fuoco --- 

brǜgna, s.f.

prugna --- 

brügnèra, s.f.  --- 

prugno --- 

brügnṍla, s.f.

uva brugnola --- 

brünìi, s.m.

imbrunire --- 

brunzìi, s.m.

campanella usata per i vitelli --- 

brǜs-cia, s.f.

spazzola, brusca, striglia; usato anche “brüstia” (vedi “sgrṍbbia”) --- 

brüs-ciàa, v. tr.

spazzolare, strigliare; sfregare con una spazzola di saggina --- 

brǜśa, s.f.

falò; nei maggenghi lo si preparava ammucchiando arbusti di "zenéór"(ginepro) e "malacrii"(rododendro) |òl dì dèla Sensiù dèla Madóna òl mìis de Aóst se fàva fèsta a San Salvadù, ai vegnéva da tüc’ i magènch entóren a Mèśa e  a maiàa la büsèca. De 'n sìra, ognantüu 'ndi sòo magènch se pizàva la brǜsa e 'se fàva a chi ca 'l è fàva püsée òlta = il giorno dell'Assunta il mese di agosto si faceva festa a San Salvatore, venivano da tutti i maggenghi dei dintorni a Messa e a mangiare la trippa. Di sera tornati al proprio maggengo si accendeva il falò e si faceva a gara a chi lo faceva più alto --- 

brǜscàa, v.tr.

scivolare (vedi “derüscàa) --- 

brüśèch, s.m.

rimasuglio di cosa bruciata --- 

brüśegàa, v. tr.

bruciacchiare --- 

brüśegàat, agg.m.

bruciacchiato --- 

brüśegàda (brüśegadi), agg.f.

bruciacchiata --- 

brüśegù, s.m.

caldarrosta troppo bruciacchiata  |  brüsegù e tètafò = caldarroste e castagne bollite --- 

brüśṍr, s.m.

bruciore --- 

brüstulìi, v. tr.

abbrustolire; arrostire  |  maiaris ‘na bèla luganèga brüstulida sura la bràśa = mangerei una bella salsiccia arrostita sulla brace --- 

brǜt, agg. e s.m. (brǜta, agg.f.) --- 

brutto, brutta (de brǜt = molto intensamente  |  brǜt  cóma òl pecàat = brutto come il peccato; al piöf de brǜt = piove a dirotto --- 

brütǜra, s.f.

bruttura  |  chèl quadro l’è ‘na gràn brütǜra = quel quadro è proprio brutto --- 

brǜüch, s.m.

erica --- 

bùbola, s.f.

upupa --- 

bùca de leù, s.m.

bocca di leone (nome scientifico antirhinum majusl) --- 

bùca, s.f.

bocca --- 

bucàda, s.f.

boccata | bucàda de àcqua = boccata di acqua  --- 

bucalèer, agg.m. (bucalèera, agg.f.) --- 

ingordo, ingorda; che mangia  con voracità e/o avidità --- 

bucàto, s.m.

gusto, sapore in bocca | ò de fàch tè òl bucàto = devo abituarmi al sapore  --- 

buchèl, s.m.

piccola presa d’acqua praticata nelle rogge per deviare l’acqua per irrigare  --- 

buchéta (buchéti), s.f.

bocchetta, valico – TO --- 

buchèta (buchèti), s.f.

bocchetta, valico – MO --- 

buchìi, s.m.

bocchino (della pipa; cannuccia per infilare le sigarette da fumare --- 

bucìi, s.m.

pallino delle bocce --- 

buciünada, s.f.

sassata --- 

bucù, s.m.

boccone  |  ‘n bucù de pàa = un pezzetto di pane --- 

bucunàda, s.f.

quantità di un boccone --- 

büdèl, s.m.

budello, intestino  |  büdèl cülàri =  budello dell’intestino crasso, usato per l’insaccatura dei salami --- 

budù, s.m.

bombo, insetto simile alla vespa ma più tozzo --- 

budunàa, v.intr.

girare intorno a vuoto rumorosamente come un “budù” --- 

budunèra, s.f.

gonfiore nella pancia con flatulenza – nido del “budù” --- 

buf, s.m.

soffio  |  fàa ‘n d’en buf = fare in un attimo, in un lampo --- 

bufàa, v. tr.

soffiare con forza; respirare affannosamente  |  bufàa gió ‘ndèla manèstra par fala soràa = soffiare nella minestra per farla intiepidire; òl gàt scotàat al bufa sul soràat = il gatto scottato soffia anche sulle cose già intiepidite (proverbio) --- 

bufàda, s.f.

faticaccia; respiro affannoso; soffio di vento improvviso  |  n’ò fàc’ ‘na gràn bufàda = è stata una gran fatica --- 

büfé, s.m.

credenza --- 

bufèt, s.m.

soffietto da focolare  |  Bufèt = Boffetto, frazione di piateda; òl bufèt  dal zòfrèch = mantice per solforare le viti; --- 

bügàda, s.f.

bucato fatto con acqua bollente --- 

bügiegàt, s.m.

nascondiglio, piccolo vano, bugigattolo --- 

bǜgna, s.f.

bernoccolo, rigonfiamento  |  òl mǜür l’ha fàc’ fó ‘na bǜgna = il muro ha subito un rigonfiamento --- 

bügnù, s.m.

bubbone, grosso foruncolo (vedi “bignù”) --- 

büi, s.m.

trogolo per maiali fatto con tronco scavato --- 

büiat, s.m.

abitante della contrada Buglio --- 

bùl, s.m.

bollo --- 

bùla, s.f.

livella a bolla d’aria --- 

bulàa, v. tr.

bollare; marchiare  |  bulàa la vaca = marchiare una mucca; la forestàal l’à bulàat li pianti da taia giò = la forestale ha marchiato le piante da tagliare --- 

bulèta (buléti), s.f.

bolletta  |  vès a bulèta = essere in bolletta, senza un soldo; la bulèta dèla lǜüs = la bolletta della luce --- 

bùlgia, s.f.

grossa pancia, ventre di adiposo; donna grassissima  |  te ghée pròpi fó ‘na bèla bùlgia, sa dio ṍl = hai proprio una bella pancia, se dio vuole (…ironico!)    (vedi “bṍgia”) --- 

bulìi, s.m.

bollino, francobollo --- 

bulitìi, s.m.

bollettino --- 

bǜlo, s.m.

bullo, spaccone, persona che si dà molte arie --- 

bùls, agg.m. (bùlsa, bùlsi), agg.f.

bolso, bolsa, bronchitico cronico; che respira a fatica, ansando --- 

bulsìi, v. intr.

tossire di tosse secca e fastidiosa --- 

bulù, s.m.

bullone, groviglio, cumulo  |  ‘n bulù de stràsc’ = un cumulo di stracci --- 

bulugnìi, s.m.

blocco di calcestruzzo prefabbricato --- 

bumarcàat, loc.

a buon mercato, sottocosto, sottoprezzo --- 

bumbù, s.m.

confetto, caramella, dolce in genere --- 

bumbulìif, s.m.

Ombelico (anche bumbulìi) --- 

bùna (bùni), agg.f.

buona, gradita al palato; capace, idonea;  di buon cuore  |  chèl lì, l’è üu da tignìi d’en bùna = quel tipo, è una persona con cui è meglio andare d’accordo; l’è n’óm fàc’ a la bùna = e’ un uomo semplice --- 

bunamàa, loc.

buonamano, aiuto --- 

bunanòc’, inter.

buonanotte --- 

bunàsc’, s.m.  --- 

bonaccione | accr. “bunasciù” --- 

bunasìra, inter.

buonasera --- 

bundì, inter.

buongiorno --- 

bundiṍla, s.f.

coppa di maiale (vedi “cópa”) --- 

buntèmpù, s.m.

buontempone --- 

bunùra, s.f.  --- 

di buon mattino  |  levasú a bunùra = alzarsi all’alba --- 

bùra, s.f.

tronco d’albero, di grosse dimensioni, tagliato e pulito dai rami – MO --- 

burdiù, s.m.

corda fatta di filo d’acciaio e canapa --- 

burèl (burèi), s.m.

tronco d’albero di piccole dimensioni  – MO  (vedi “borèl” – TO) --- 

burèla (burèli - fàa li), s.f. - v. tr.

rotolone; rotolasi, (fare le) capriole – MO --- 

burelèer, s.m.

tagliaboschi (persona che …) – MO --- 

burilìi, s.m.

piccolo tronco d'albero, sezione di tronco, tagliato a misura di stufa --- 

(vedi “bora” e “borèl”) --- 

buriṍl, s.m.

tappo in legno per botte o grosso recipiente (vedi “buriù”) --- 

buriù, s.m.

grosso tappo che chiude il foro della botte  |  tignìi de spina e molàa de buriù = chiudere bene la spina e aprire il tappo (figurativo; si intende: fare molta attenzione alle cose insignificanti,  e non curarsi di quelle rilevanti) --- 

bǜrla, s.f.

scherzo --- 

bürlóos, agg.m. (bürlósa, agg.f.) --- 

simpatico/a burlone/a, mattacchione --- 

bürlù, s.m.

tipo scherzoso --- 

bursìi, s.m.

borsellino, portafoglio  |  fin ca ‘l düra òl bursìi dèl vécio, ciòca e baraca la noc’ e ‘l dì = fin quando il portafoglio del papà eroga quattrini, festa notte e giorno --- 

bursilìi, s.m.   --- 

vedi “bursìi” --- 

büsardàda, s.f.

menzogna --- 

buschìna, s.f.

boscaglia (in genere si intende una boscaglia lungo l’Adda) --- 

büsciàa, v. intr.

essere frizzante; dare segni di follia  |  te büscèt? = sei impazzito? --- 

büsciù, s.m.

tappo di sughero --- 

büsèca, s.f.

trippa | a San Salvadù de aóst gh’è ‘na fèsta e ‘n bòt i fàva la büsèca  = a San Salvatore in agosto fanno una festa e una volta facevano la trippa --- 

büséchi, p.f.

interiora – TO --- 

büsèchi, p.f.

interiora – MO --- 

büsìa, s.f.

bugia --- 

bǜsola, s.f.

bussola --- 

bǜst, s.m.

busto | al sé fàc’ màal ‘ndèla schéna e adès la da portàa òl bǜst = si è fatto male alla schiena ed ora deve portare il busto --- 

bǜsta, s.f.

busta --- 

bǜt, s.m.

germoglio --- 

bütàa, v. intr.

germogliare; spuntare  |  l’è ‘n mìis ca ò piantàat l’ansalata, e la büta càach sǜ = e’ un mese che ho piantato l’insalata e non spunta ancora --- 

bütàs gió, v intr.

coricarsi --- 

butèep, s.m.    --- 

buontempo,  spassarsela; avere molto tempo a disposizione, tanto da poterlo sprecare in  cose futili  --- 

| vìch butèep = avere del buontempo --- 

bütéer, s.m.

burro  |  ‘na mòta de butéer = un pezzo di burro, di forma quadrata --- 

butéga, s.f.

bottega, negozio  |  seràa sǜ butéga = chiudere bottega, smettere di svolgere una attività,  morire (…satirico!); vìch la butéga vèrta = avere i pantaloni sbottonati  – TO --- 

buteghèer, s.m.

bottegaio, negoziante – TO --- 

butìc’, s.m.

piccola botticella fatta a doghe, della capacità di quattro o cinque litri, per trasporto vino in campagna --- 

butìglia, s.f.

bottiglia --- 

butiglìi, s.m.

bottiglietta --- 

butìgliù, s.m.

bottiglione  --- 

butù, s.m.

bottone  |  tacàa butù = attaccare discorso --- 

bütǜm, s.m.

impasto di cemento e sabbia, normalmente usato dai muratori per pavimenti o altre opere --- 

bütǜmiera, s.f.

betoniera --- 

butunàa, v. tr.

abbottonare; raggirare --- 

butunàat (butunàac’), agg.m.

abbottonato --- 

butunàda (butunàdi), agg.f. - s.f.

abbottonata; raggiro, fregatura | l’à ciapàat ‘na butunàda = è stato raggirato --- 

butunèra, s.f.

allacciatura con bottoni --- 

bùu, agg.

buono, gradito al palato; capace, idoneo;  di buon cuore  |  ‘sto fórmài, l’è pròpi bùu = questo formaggio è proprio buono; l’è bùu da fàa de tǜt = sa fare di tutto; òl bùu dèla nóos = il gheriglio della noce; l’è òl so bùu = e’ proprio ciò che ci vuole --- 

bùul, s.m.

recipiente in rame o alluminio contenente acqua calda per scaldare il letto d'inverno --- 

bǜüs, agg.m.  --- 

bucato, cavo, vuoto | ité ‘nmèz l’è bǜüs = in mezzo è vuoto, è cavo --- 

bǜüśa (bǜüśi), agg.f.

bucata, cava, vuota |  cràpa bǜüśa = testa vuota; al ghà li màa bǜüśi = ha le mani bucate --- 

bǜüt, v. tr.

ebbi  (da dire)  |  al ga bǜüt da dìi = ha avuto da ridire --- 

ca, avv.

usato come particella di negazione, equivalente a miga;  che  |  i è ca bùu da niént = non sono capaci di far nulla | fa ca dèl mal ca l’è pecàat, fa ca dèl bèe ca l’è sprecàat = non fare del male che è peccato, non fare del bene che è sprecato --- 

cà, s.f.

1) casa, abitazione; edificio.   2) contrada  |  an va ca a cà? = non andiamo a casa?;  an va càach a cà? = non andiamo ancora a casa? --- 

càa, s.m.

cane  |  déec’ de càa = tarassaco (cagnṍl, diminutivo; cagnùsc’  dispregiativo; cagnàsc’ grosso) --- 

càach, avv.

non ancora | ‘l fée  l'è càach sèch = il fieno non è ancora secco --- 

càaga, s.f.

l’à ciapàat la càaga = farsela addosso per lo spavento --- 

càap, s.m.

campo --- 

càar, agg.m.  --- 

caro, costoso| càar fó de müsüra! = costoso oltre misura --- 

caro, amato | te me se pròpi càar! = mi sei proprio caro !  --- 

càas, s.m.

caso, occasione, combinazione, fatalità --- 

càbra, s.f.

usato solo nell’espressione “l’è màgra la càbra” = è magra, essere in una situazione finanziaria critica --- 

càc’, s.m.

caglio, sostanza acidula che si usa nella lavorazione del latte per fare il formaggio, può essere chiamato anche “liquét” --- 

càch, s.m.

kaki --- 

cadéna (cadéni), s.f.

catena  – TO --- 

cadèna (cadèni), s.f.

catena -  MO --- 

cadenàsc’, s.m.

catenaccio; macchina vecchia e malandata --- 

cadènèla, s.f.

catenella, monile, collana; serie di maglie con cui si avvia un lavoro all’uncinetto; bordo finale di calze fatte a mano, maglie, ecc.

cadìi, s.m.

catino --- 

cadólca, s.f.

bevanda di vino e latte  |  colóor cadólca = colore violaceo --- 

cadréga (cadréghi), s.f.

seggiola; sedia  |  l’è tacàat a la cadréga = e’ attaccato alla propria posizione privilegiata --- 

cadregòt, s.m.

seggiolone (dei bambini) --- 

cadùlca, s.f.

latte e vino  (vedi “cadólca”) --- 

cafè, s.m.

caffè --- 

cafèlac’, s.m.

caffelatte --- 

caghèta, s.f.

diarrea  |  te ghée la caghèta? = hai fretta? --- 

cagiàa, v. intr.

cagliare, eseguire tutte le operazioni relative alla lavorazione del latte per ottenere burro e formaggio --- 

cagiàda (cagiàdi), s.f.

cagliata --- 

càgna (càgni), s.f.

bruco dal quale si libera la farfalla cavolaia, larva; cagna (cane femmina); bastoncino ad un capo intaccato con un taglio a forma di Y dove infilare i rametti in "suèl" per poterli spellare da essere utilizzati a mazzetti legati per formare uno "scuèt" --- 

cagnàa, v. tr.

addentare con forza --- 

cagnàda, s.f.

morsicata, morso; boccone asportato con un morso --- 

cagnàra, s.f.

cagnara, baccano, confusione --- 

càgni, s.f.

fiori del castagno --- 

cagnìi, s.f.

cagnolino, nell’espressione “fàa i cagnìi” = rimettere --- 

cagnù, s.m.

verme, baco che si forma nella terra, nel legno, in sostanze in decomposizione  |  ‘ndàa a cagnù = marcire; deteriorarsi, anche dal punto di vista economico --- 

cagnüsc’, s.m.

cagnaccio --- 

càgola (càgoli), s.f.

sterco delle pecore, delle capre, di alcuni ungulati --- 

càgulii, s.m --- 

escrementi di capra --- 

caìi, agg.

cattivo, traditore, perfido  | ‘ndàa a caìi = andare in malora --- 

cainàa, v. intr.

gridare dal dolore; guaire --- 

càl (cài), s.m.

callo; diminuzione; calare un punto nel lavoro a maglia  |  fas òl càl = abituarsi alle situazioni più sfavorevoli;  en càl de lüna = in luna calante;  --- 

cala, avv.

se; nel caso in cui  |  cala ca t’esét da d’agiò = nel caso in cui ti succeda di cadere, se tu dovessi cadere … --- 

calàa, v. tr.

calare, diminuire di peso o prezzo  |  te ghée pùra da calàa òl làc’? = temi di sprecarti? (…nel fare questo lavoro …) --- 

calaurù, s.m.

calabrone --- 

calcàa, v.tr.

spingere, schiacciare, forzare --- 

calcadüra, s.f.

infezione al piedi delle mucche che può avvenire quando lo zoccolo appoggia in sassi acuminati --- 

calcàgn, s.m.

calcagno --- 

calcarìsc’, s.m.

attrezzo costituito da un grosso pestello di legno lungo circa un metro, a tronco di cono, con un cerchio di ferro alla base e provvisto di un’impugnatura per le due mani, posta all’estremità superiore; serve per picchiare e pareggiare l’acciottolato --- 

calchìi, s.m.

piccolo calcio (…anche come alterazione ironica …)  |  te meritarisèt ‘n calchìi ‘ndèl cǜ  = meriteresti un calcio nel sedere --- 

càlcol, s.m.

calcolo matematico, conto; litiasi --- 

calcolàa, v. tr.

calcolare; valutare, riflettere sui pro e contro --- 

calendàri, s.m.

calendario --- 

càles, s.m.

calice, bicchiere  |  ven, ca me ‘n bìif ‘n càles  = vieni che ne beviamo un calice (sottinteso di vino, noi due insieme) --- 

calìgen, s.f.

fuliggine --- 

calòor, s.m.

calore --- 

caloròos, agg.m. (caloróosa), agg.f.

caloroso, calorosa; che non ha mai freddo; cordiale; facilmente eccitabile --- 

calvàri, s.m.

calvario, grande tormento, patimento prolungato --- 

camamèla, s.f.

camomilla --- 

cambiàa, v. tr.

cambiare; convertire; passare da una marcia all’altra --- 

cambiàs, v. rifl.

cambiarsi gli indumenti  |  t’ariset da cambiàs ‘n bòt òl maglìi = dovresti cambiarti la canottiera una buona volta --- 

càmbra, s.f.

cambra, sbarra di ferro ripiegata ai lati ad angolo retto --- 

cambrìi, p.m.

larva della mosca che cresce in certi alimenti come carne e salumi --- 

càmera, s.f.

camera da letto --- 

camì, s.m.

camino; comignolo; canna fumaria --- 

caminàa, v. intr.

camminare --- 

càmio, s.m.  --- 

camion, autocarro --- 

camirìi, s.m.

cameretta --- 

camìsa, s.f.

camicia  |  i è cül e camìśa = sono in grande intimità; nàs con la camìśa = nascere molto fortunati --- 

camisèta (camiséti), s.f.

camicetta, camicia da donna – TO --- 

camisèta (camisèti), s.f.

camicetta, camicia da donna – MO --- 

càmola, s.f.

larva e insetto di vario tipo che infesta le coltivazioni e gli alimenti come le farine --- 

camolàa, v.intr.

parlata dei bambini piccoli (vedi “tarlacàa”) --- 

camósc’, s.m.

camoscio --- 

campàc’, s.m.

gerla a largo intreccio, usata per il fieno ed il fogliame (campàgia, più grande; campàgìi più piccolo) --- 

campàna, s.f.

campana  |  sórt  cóma ‘na campàna = completamente sordo --- 

campanèl (campanéi), s.m.

campanello (di casa, bicicletta) TO --- 

campanèl (campanèi), s.m.

campanello (di casa, bicicletta) MO --- 

campanèla (campanéli), s.f.

campanula (fiore alpestre) TO --- 

campanèla (campanèli), s.f.

campanula (fiore alpestre) MO --- 

campanìl, s.m.

campanile  |  gh’é miga ‘na bèla géśa sènsa ‘n bèl campanìl = non c’è una bella chiesa senza un bel campanile (si dice ironicamente di uomo con un grande naso!) --- 

camperàa, v. tr.

sequestrare il bestiame fuori dalla proprietà del padrone delle bestie --- 

campiù, s.m.

campione  |  campiù dèl mónt = campione del mondo --- 

campsànt, s.m.

camposanto, cimitero  |  (i nostri vecchi, con pronuncia stretta, dicevano: cazzant. che fosse una forma di scaramanzia? ah ah) --- 

càna (càni), s.f.

canna, tubo; canna da pesca; canna d’organo  |  bìif a càna = bere direttamente dalla bottiglia; canàda = grande boccata di vino, acqua o altri liquidi --- 

canàa, v. tr.

sbagliare tutto --- 

canàal (canai), s.f.

canale, conduttura d’acqua; grondaia del tetto --- 

canàda, s.f.

bevuta --- 

canaia, s.m.

bambino, ragazzo  |  si usa solo nella frazione Torchione, è sinonimo di “rèdès”; canaglia, briccone --- 

canaiǜsc’, s.m.

bambino cattivo, ragazzaccio --- 

canàola, s.f.  --- 

collare in legno che si mette al collo delle capre e al quale viene fissato un piccolo campanello (brunzìi) --- 

canarìi, s.m.

canarino --- 

canarǜz, s.m.

gola, gargarozzo, esofago --- 

cànchèr, s.m --- 

canchero, persona fastidiosa e lamentosa --- 

candelèer, s.m.

candelabro, porta candele --- 

candelòra, s.f.  --- 

Madonna candelora ( 2 febbraio: presentazione di  Gesù al tempio); sinonimo: sciriṍla  |  la Madóna candelòra da l’anvèren an se fòra, ma se ‘l piöf ó sa al tìra vènt, par quaranta dì an gh’è torna dènt! | alla Madonna candelora  dall’inverno siamo fuori, però se piove o c’è vento, per quaranta giorni ritorna l’inverno --- 

canèf, s.m.

canapa  (vedi “sfraca-canèf”) --- 

canèla, s.f.

cannella --- 

canèstro, s.m.

canestro --- 

canèta, s.f.

cannello, cannetta --- 

canevèla (canevéli), s.f.

caviglia – TO --- 

canevèla (canevèli), s.f.

caviglia – MO --- 

cànoa, s.f.               --- 

cantina seminterrata per la conservazione dei formaggi  |  la cànoa di poèr = la mensa dei poveri --- 

canṍgiàal, s.m.

cannocchiale --- 

canònèch, s.m.

canonico --- 

canònega, s.f.

canonica, abitazione del parroco --- 

canotiéra, s.f.

canottiera (vedi “maglìi”) --- 

cansù, s.f.

canzone --- 

cantàa, v. tr. e intr.

cantare  |  se pó ca cantàa e portàa la cróos = non si può cantare e portare la croce (in processione), intendendo dire che non si possono fare due cose diverse nel medesimo momento --- 

cantànt, s.m.

cantante  --- 

cantaràa, s.m.

comò --- 

cantéer, s.m.

cantiere;  trave utilizzata nella struttura del tetto in tegole (“piṍdi”) delle baite di montagna, posto ortogonalmente all’orditura principale formata da culmìgna, tersèra, muri perimetrali |  ciòot de cantéer = grosso chiodo che serve per tenere insieme culmìgna, tersèra e cantéer --- 

cantìna, s.f.

cantina; sinonimo di “niòlt” --- 

cantinèla (cantinéli), s.f.

muro divisorio interno, costruito con mattoni forati – TO --- 

cantinèla (cantinèli), s.f.

muro divisorio interno, costruito con mattoni forati – MO --- 

cantóor, s.m.

chi canta nel coro --- 

cantù, s.m.  --- 

angolo, cantone  |  i quatro cantù: gioco infantile che consiste nel correre tra i quattro vertici di un quadrilatero, considerati zona franca, senza che il posto venga occupato da un quinto giocatore che sta in mezzo al quadrato --- 

canù, s.m.

cannone; canna fumaria della stufa --- 

canùcia, s.f.  --- 

cannuccia, in particolare la piccola canna dove si infilava il pennino per scrivere con l’inchiostro --- 

canunàda, s.f.

cannonata --- 

càora, s.f.

capra --- 

càorabèsol, s.m.

succiacapre o caprimulgo europeo  --- 

càorèer, s.m.  --- 

capraio, pastore di capre --- 

caorèt (caoréc’), s.m.

capretto; orzaiolo (vedi “orzṍl”) TO --- 

caorèt (caorèc’), s.m.

capretto; orzaiolo (vedi “orzṍl”) MO --- 

capàra, s.f.

caparra, acconto  |  avìghen ǜüt capàra = aver provato situazioni gravose --- 

capàras, v. intr.

accaparrarsi, acquisire, fare proprio --- 

capèl, s.m.

cappello --- 

capèla, s.f.

cappello del fungo, di un chiodo  |  l’è ‘ndac’ tǜt òl ciòot en capèla = e’ andato tutto in niente (un lavoro, un impegno) --- 

capelàda, s.f.

quantità contenuta in un cappello; errore madornale  |  ‘na capelàda de fónch = un cappello pieno di funghi;  ò  fàc’ ‘na gràn capelàda = ho commesso un grosso sbaglio --- 

capelù, s.m.

fungo matto, fungo che non viene raccolto --- 

capii, s.m.

piccolo cappio fatto all'estremità di un filo di ferro --- 

capìi, v. tr.

capire, comprendere  |  te capìit la sólfa? = hai capito il concetto? (la questione, l’andazzo?, l’antifona?) --- 

capitàa, v. intr.

capitare, accadere, avvenire  |  sòo capitàat ilò sènsa avisàa e i ò truàac’ fó de pòst = sono arrivato senza avvisare e li ho trovati in flagrante --- 

capitèl (capitéi), s.m.

cappelletta, edicola votiva, tabernacolo lungo una strada di campagna o sui monti – TO --- 

capitèl (capitèi), s.m.

cappelletta, edicola votiva, tabernacolo lungo una strada di campagna o sui monti – MO --- 

càpo, s.m.

capo, comandante, superiore gerarchico --- 

capomàstro, s.m.

capomastro, capo e coordinatore di un gruppo di muratori --- 

caporàal, s.m.

caporale; persona usa a comandare con pugno ferreo  |  la mìa fèmma l’è ‘n caporàal = mia moglie vuole sempre comandare lei! --- 

capriṍl, s.m.

capriolo --- 

caprìzi, s.m.

capriccio --- 

capù, s.m.

cappone --- 

capunàa, v. tr.

accoppiarsi tra gallo e gallina (vedi “galàa”) --- 

capunèra, s.f.

stia per i polli --- 

capǜsc‘, s.m.

cappuccio, berretta, cuffietta per neonati (capǜscìi) --- 

càr, s.m.

carro --- 

càra (càri), agg.f.

cara, costosa, amata --- 

càra, s.f.

carezza, moina --- 

carabignéer, s.m.

carabiniere --- 

caradóor, s.m.

carrettiere, carradore, carraio, artigiano esperto nella costruzione di carri --- 

caràgnàa, v. intr.

piangere a dirotto --- 

caragnàda, s.f.

pianto, sfogo di pianto  |  fàa ‘na gràn caragnàda = piangere a dirotto --- 

caramèla (caraméli), s.f.

caramella – TO --- 

caramèla (caramèli), s.f.

caramella – MO --- 

carampàna, s.f.

vecchia decrepita, megera (in senso dispregiativo o canzonatorio) --- 

carampógn, s.m.

aggiustatura mal fatta su un capo di biancheria o di vestiario (anche “rampógn”) --- 

caràter, s.m.

carattere, temperamento --- 

carbù, s.m.

carbone --- 

caré, s.m.

cumino --- 

caréc’, s.m.

strame o foraggio di poco conto, rifiutato dalle mucche; carice  |  o da gióen o da vec’, sg’ha da maiàa òl caréc’ = o da giovani o da vecchi capiteranno di sicuro  momenti  di grande disagio --- 

càrech, s.m.

carico;  (asso e tre) nel gioco della briscola | cafè càrech = caffè concentrato --- 

carèen, s.f.

carne (vedi “carna”) --- 

caregiàda, s.f.  --- 

carreggiata  |  ‘ndàa fó de caregiàda = perdere la testa, mancare ai propri doveri --- 

carèl, s.m.

arcolaio, filarello per filare lana, canapa, lino --- 

carèt, s.m.

carretto --- 

carèta, s.f.

macchinario malandato e di poco conto; persona malmessa e di scarsa salute, carriola  (sinonimo di “caröla”) --- 

càrga, s.f.

carico pesante che si porta generalmente sulle spalle  |  ‘na càrga de légna = un pesante carico di legna; ‘na càrga de bóti = una gran quantità di botte --- 

cargàa, v. tr.

caricare, riempire, dare la carica  |  cargàa òl gèrlo = riempire la gerla; cargàa l’orolòc’ = dare la carica all’orologio; cargàa mùut = monticare, trasferire il bestiame sugli alpeggi | cargàat ‘ndréet = tonto, ignorante --- 

cargàat (cargàc’), agg.m.

carico, caricato, che porta un peso | l'è 'n póo cargàat en réet = è un povero cristo, è duro di comprendonio --- 

cargàda (cargàdi), agg.f.

carica, caricata --- 

cargamùut, loc. - s.m.

monticare, transumanza con le mucche; colui che gestisce l’alpeggio --- 

carghèt (carghéc’), s.m.

gerla piena oltre l’orlo – TO   (vedi “ràas”) --- 

carghèt (carghèc’), s.m.

gerla piena oltre l’orlo – MO --- 

cariéra, s.f.

carriera, avanzamento di grado; andatura veloce  |  te fàc’ ‘na gran cariéra = hai fatto una gran carriera lavorativa;  ò idüut ‘n cavàl ca ‘l vava de gran cariéra = ho visto un cavallo che andava a gran velocità --- 

carilìi, s.m.  --- 

rocchetto | carilii dal rèf = rocchetto del refe --- 

carimàa, s.m.

calamaio; occhiaie --- 

cariṍla  (cariṍli), s.f.

carriola  (vedi “carèta”) --- 

cariolàda, s.f.

quanto si può trasportare con una carriola --- 

Càrlo códega, loc.

arretratezza | te sèe restàat ai tèep de Carlo códega = sei rimasto indietro ai tempi di….

carlùna (a la), avv.

cosa mal fatta, alla buona, approssimativa  |  ‘n mestéer fàc’ a la carlùna = un lavoro fatto alla bell’e meglio, in modo approssimativo --- 

càrna, s.f.

carne --- 

carnasìna, s.f.

fungo lingua di bue --- 

carnevàl, s.m.

carnevale  |  l’ò pagada ‘na ciòca de carnevàl = l’ho pagata pochissimo --- 

caroàna, s.f.

carovana --- 

carógna, s.f. e s.m.

carogna, corpo di animale morto; persona cattiva  |  te sée ‘na (en) carógna = sei una persona perfida e cattiva --- 

carṍl, s.m.

tarlo  | chèsto légn l’à fàc’ òl carṍl = questo legno è tarlato|  ‘sto fórmài  l’à fàc’ òl caröl = questo formaggio è tarlato; te gh’e ité ‘l caröl ‘ndèla cràpa = hai la testa bacata --- 

carolàat, agg.m.

tarlato; danneggiato dalle tarme |  ‘n légn tǜt carolàat = un legno completamente tarlato  --- 

carolèet, agg.m.

ammalorato, deteriorato, fiaccato dall'età; cariato  |  te ghée i déec’ carolèec’ = hai i denti cariati --- 

caròtola (carótoli), s.f.

carota  -TO --- 

caròtola (caròtoli), s.f.

carota – MO --- 

caròzza, s.f.

carrozza  |  ‘ndàa en caròzza = vivere bene, superare le difficoltà con facilità  --- 

carpéli, f.pl.

ferretti, particolari bullette (“stachèti”), che si applicano agli scarponi per non scivolare sul ghiaccio, ramponi --- 

càrta, s.f.

carta; atto, documento; carta da gioco  |  càrta canta, vilàa dorma = carta canta, villan dorme (quello che è scritto su un documento non può essere contraddetto, e quindi il contadino può dormire sonni tranquilli; analogo al significato del detto latino “verba volant, scripta manent” --- 

cartasüga, s.f.  --- 

carta assorbente --- 

cartavedràda, s.f.

carta vetrata --- 

cartèla, s.f.

cartella scolastica --- 

cartìna, s.f.

carta geografica; carta finissima per avvolgere il tabacco e farne una sigaretta --- 

cartù, s.m.

cartone --- 

cartùcia, s.f.

cartuccia per fucile da caccia --- 

cartulìna, s.f.

cartolina; cartolina di precetto --- 

càśa (càśi), s.f.

cassa, contenitore fatto di assi; cassa da morto --- 

casàda, s.f.

famiglia, casato --- 

casamèet, s.m.

grande edificio --- 

casàs, v. intr.

accasarsi, mettere su casa; sposarsi --- 

cascàda (cascàdi), s.f.

cascata --- 

càscia, s.f.

caccia   |  ‘ndàa a càscia = cacciare --- 

casciàa, v. tr. e intr.

germogliare; effondere calore; nascondere, cacciare  |  ‘sti cö i cascia da matt = questi tralci germogliano alla grande; ‘nghée ca te l’e casciàat? = dove l’hai nascosto?;  casciàa ité legna ‘ndèla pigna = mettere legna nella stufa --- 

casciàda (casciàdi), s.f.  --- 

fare una battuta allusiva, sarcastica, pungente e ironica | dàch ‘na casciàda = battuta sarcastica rivolta a qualcuno; in alpeggio portare le mucche al pascolo in un posto fuori mano e impervio  --- 

casciadù, s.m.

cacciatore --- 

casciàsla, v. intr.

dolersi, darsi pensiero, prendersela, preoccuparsi --- 

casciavìit, s.m.

cacciavite --- 

cascìi, s.m.

giovincello aiutante del pastore --- 

casèer, s.m.

casaro; addetto alla caseificazione sugli alpeggi --- 

caśéer, s.m.  --- 

cassiere --- 

casèl, s.m.

piccolo edificio di servizio  |  òl casèl dèl làc’ = piccola baita, attraversata da un ruscello, dove si teneva il latte al fresco  --- 

(vedi “bait dal làc”) --- 

casèra, s.f.

latteria, edificio adibito alla raccolta e lavorazione del latte --- 

caśèt (caśéc’), s.m.

cassetto – TO --- 

caśèt (caśèc’), s.m.

cassetto -  MO --- 

caśèta, s.f.

cassetta per frutta --- 

casèta, s.f.   --- 

casetta, piccola casa --- 

caśinèer, s.m.

addetto al vettovagliamento sugli alpeggi oltre che pastore --- 

casìsc’, s.m.

casa crollata --- 

càso; càas s.m.

caso  |  càso mai = eventualmente;  l’è miga ‘l càas = non è il caso --- 

casòt, s.m.

casotto, bordello, grande confusione  (vedi “bordèl”) --- 

càsp, s.m.

gabbia del torchio in legno; per estensione, il contenuto in vinacce  |  ò duüt fàa dùu càsp parchè li ghe ca stàci giò tüti en d’en bòt = ho dovuto riempire due volte il torchio perché (le vinacce) non ci sono state tutte in una volta sola --- 

càspòla, s.f.

mestolo forato, schiumaiola  --- 

castàa, s.m.

castagno; color castano --- 

castègna, s.f.

castagna;  pugno (ironicamente) --- 

castèl (castéi), s.m.

castello – TO --- 

castèl (castèi), s.m.

castello -  MO --- 

castigàa, v. tr --- 

castigare --- 

castigamàt, s.m.

castigamatti, castigatore, vendicatore |’l végnarà ‘l castigamàt = arriverà il castigamatti (colui che metteva ordine nei manicomi) --- 

castìich, s.m.

castigo; persona incapace e ingombrante --- 

castràat, s.m.

agnello castrato --- 

castrù, s.m.

animale castrato --- 

catapiz, s.m.   --- 

precipizio, luogo scosceso, dirupato in cui una caduta sarebbe fatale   --- 

catàr, s.m.

catarro --- 

catèlana, s.f.

coperta pesante di lana --- 

catìif, agg.m. (catìva, catìvi), agg.f --- 

cattivo, cattiva  |  catìif  cóma ‘n bào = cattivo come il diavolo --- 

catràm, s.m.

catrame --- 

cauriṍl, s.m.

cirro, viticcio,  |  cirro organo di attacco o di sostegno di piante rampicanti, viticcio = cirro della vite --- 

cavàa, v. tr.

zappare --- 

cavabüsciù, s.m.

cavatappi --- 

cavadù, s.m.

attrezzo a lama curva per scavare nel legno  --- 

cavàgn, s.m.  --- 

cesto in vimini --- 

cavàgna, s.f.

cesto in vimini, più grande del “cavàgn” e di forma allungata --- 

cavagnìi, s.m.

cesto in vimini, più piccolo del “cavàgn” --- 

cavagnṍl, s.m.

cesto in vimini, come il “cavàgn” --- 

cavàl (cavai), s.m.

cavallo  |  vès a cavàl di n’asèn = essere in una brutta situazione;  vès sèmpri a cavàl dèl fṍöch = essere sempre accanto al fuoco (essere freddoloso) --- 

cavaléer, s.m.

baco da seta --- 

cavalèt (cavaléc’), s.m.

cavalletto  |  òl cavalèt dèla legna = il cavalletto per tagliare la legna – TO --- 

cavalèt (cavalèc’), s.m.

cavalletto  |  òl cavalèt dèla legna = il cavalletto per tagliare la legna |òl cavalèt dèla gràśa = il cavalletto del letame– MO --- 

cavalìna, s.f.  --- 

coda di cavallo, erba infestante frequente nei terreni coltivati, equiseto dei campi --- 

cavalòt (cavalòc’), s.m.

cavalletto  |  òl cavalòt dèla  gràśa = il cavalletto per il letame (supporto formato da tre pali, di cui quello centrale mobile sul posteriore, uniti in alto mediante una grossa vite o chiodo, su cui veniva appoggiata la gerla per agevolare il carico di letame e la presa sulle spalle mediante le “stròpe”) --- 

cavèl (cavéi), s.m.

capello  -  TO --- 

cavèl (cavèi), s.m.

capello – MO --- 

cavìc’, s.m.

bastoncino, rametto --- 

cavìgia, s.f.

caviglia --- 

càzza, s.f.

mestolo --- 

cazzànt, s.m.

cimitero --- 

cazzèt, s.m.

mestolo piccolo --- 

cazzìi, s.m.

mestolo piccolo --- 

cazzṍl, s.m.

mestolo --- 

cazzṍla, s.f.

cazzuola; verzata --- 

cazzòt (cazzòc’), s.m.

cazzotto, pugno;  castagna non formata --- 

cél, s.m.

cielo  |  cél dèla bùca = palàto --- 

celèst, agg.m.

celeste --- 

cènt, agg.num.card. e s.m.

cento --- 

centèna, s.f --- 

centinaio --- 

céntesèm, s.m.  --- 

centesimo; monetina  |  góo gnàa ‘n céntesèm = non ho il becco di un quattrino --- 

centimetro, s.m.

centimetro; metro a nastro dei sarti --- 

céra (céri), s.f.

cera --- 

céra, s.f.

colorito, aspetto  |  te ghée ‘na bruta céra = hai un aspetto malsano --- 

cèra, s.f.

festuca alpestris, erba alpina filiforme, dura e scivolosa --- 

cercòt (cercòc’), s.m.  --- 

uno che chiede sempre (caramelle, cibo in genere, elemosina) --- 

cèrech, s.m.

chierichetto --- 

cèrega, s.f.

chierica dei frati o dei preti --- 

cèrf, s.m.

cervo --- 

cèrfuiù, s.m.

cespuglio --- 

ceròt, s.m.

cerotto --- 

cès, s.m.

cesso, latrina --- 

cesàa, v.tr.

cessare, finire --- 

cét, v. intr.

cedere, crollare, non farcela; arrendersi  |  te cédet ? = ti arrendi ?;  ti dai per  sconfitto ? --- 

chè, agg. inter.e esclam.

che, quale |  chè vistìit ca te mètet sǜ ? = che vestito ti metti ? | chè bèl ! = che bello! --- 

chée  pron. interr.

che cosa | chée ca te ghée? = cos’hai | chée ca l’è?= cos’è  TO --- 

chèe  pron. interr.

che cosa | chèe ca te ghèe? = cos’hai | chèe ca l’è?= cos’è  MO --- 

chèl (chìi), agg. e pron.

quello, quel, colui, ciò | chèl  l’è ‘l me fradèl = quello è mio fratello| chìi de Faèt = quelli di Faedo| al gà nóma chèl = ha solo quello --- 

chèla (chìli), agg. e pron.

quella, colei | ‘n sè amò a chèla! = siamo alle solite! | chìili d’en bòt = quelle di una volta --- 

chèsta (chìsti), agg. e pron.  --- 

questa, costei  --- 

chèsto (chìs-c’), agg. e pron.  --- 

questo, questi, costui, ciò  --- 

chèvèz, agg.m.

ben messo, pulito, a posto; birbante  |  te sée pròpi chevèz! = sei proprio un gran birbante! --- 

chèvèźa (chèvèźi), agg.f.

ben messa, pulita, in ordine; furbetta --- 

chèvèzza, s.f.

cavezza; finimento di cuoio o corda messo in testa ad un animale, per condurlo a mano o per legarlo --- 

chevèzzàa, v. tr.

sistemare, mettere a posto, rassettare --- 

chi, pron.

 chi| chi ca l’è? = chi è?  --- 

chìchera, s.f.

tazzina, chicchera --- 

chigàa, v. tr.

defecare --- 

chignṍl, s.m.

piccolo cuneo, in legno o ferro --- 

chiló, avv.

qui | ven scià chiló  = vieni qui – TO --- 

chilò, avv.

qui | ven scià chilò  = vieni qui – MO --- 

chìlo, s.m.

chilogrammo --- 

chipàa, v.tr.

capovolgere --- 

chisà, avv.

chissà, forse --- 

chisciṍl, s.m.

grande frittella di farina nera e formaggio, tipica del tiranese --- 

ciàaf, s.f.

chiave  |  l’ò scià mi la ciàaf dèl niòlt! = ce l’ho io la chiave della cantina (ironico: significa che sono io che comando a casa mia!) --- 

ciàar, s.m. agg.m.

luce, lampadina; chiaro; evidente, lampante  |  pizza òl ciàar = accendi la luce| al ciàar de luna = al chiar di luna|  al me par ciàar ca te ólèt fregam! = mi sembra evidente che vuoi fregarmi!| fam ciàar = fammi luce --- 

ciàcera, s.f.

chiacchiera --- 

ciacerù, agg.m.

chiacchierone, loquace --- 

ciacerùna (ciacerùni), agg.f.

chiacchierona, loquace --- 

ciacòla (ciacòli), s.f.

pettegolezzo, chiacchiericcio; voce infondata; maldicenza --- 

ciacolàa, v. intr.

chiacchierare, spettegolare --- 

ciacolàda, s.f.

“ciacòla” prolungata --- 

ciafarulìi, s.f.

chiave inglese o chiave a rullino --- 

cialàda, s.f.

sciocchezza, piccola quantità  |  l’ò pagàat ‘na cialàda = l’ho pagato pochissimo --- 

ciamàa, v. tr.

chiamare --- 

ciampìn, s.m.

solo nell’espressione: porco ciampìn = perbacco, accidenti --- 

cianfèr, s.m.  --- 

attrezzo non affidabile,  uomo buono a nulla, inetto --- 

cianfrügnàa, v. tr.

svolgere, combinare cose da poco (vedi “fonfognàa”) --- 

cianfrüsadi, s.f.

cianfrusaglie, cose di poco valore (vedi “ratatòia”) --- 

cianfǜgn, s.m.

chi svolge un lavoro in modo approssimativo, disprezzabile --- 

ciào, inter.

ciao --- 

ciàpa, s.f.

natica --- 

ciapàa ité, v. tr.

urtare | ò ciapàat tè ‘n sàs = ho urtato un sasso --- 

ciapàa scià, v. tr. e intr.

intraprendere, iniziare  |  ciapàa scià da lavàa gió = accingersi a lavare i piatti --- 

ciapàa sóta, v. tr.

investire (anche tiràa sóta) --- 

ciapàa sǜ, v. tr.

sollevare; portare con sé; prendere una malattia  |  ò ciapàat sǜ ‘n brǜt fegiór = mi sono preso un brutto raffreddore --- 

ciapàa, v. tr.

prendere; acchiappare, catturare; guadagnare  | ciapàa l’acqua = bagnarsi per la pioggia; quàat ca te ciapèt al mìis? = quanto guadagni al mese? --- 

ciapàat, agg.m.

preso, occupato; scombussolato  |  sòo tǜt ciapàat = sono molto occupato| ò biüut ‘n bicéer de vìi fréc’, e al m’ha ciapàat! = ho bevuto un bicchiere di vino freddo, e mi ha preso! --- 

ciapàda (ciapàdi), agg.f.

presa, occupata; scombussolata --- 

ciapàla réet, v. tr.

prendere in grande antipatia | ‘l me l’à ciapàda réet = gli sono antipatico --- 

ciapàli, v. intr.

prenderle (le bòtte) --- 

ciapàsla, v. intr.

prendersela, preoccuparsi; offendersi  |  ciàpetla ca! = non prendertela  (vedi “scoldàsèla”) --- 

ciapèl, s.m.

scodella in legno; ciotola  |  bìif fó dal ciapèl = bere dalla scodella di legno (che veniva fatta passare da uno all’altro bevitore) --- 

ciapǜsc’, s.m.

uomo di poco conto, pasticcione, incapace, inetto --- 

ciaputìi, s.m.

bambinello grassoccio --- 

ciàra, s.m. agg.f.

albume, chiara, limpida  | ciàra de l’ṍöf = albume --- 

ciavàa, v.tr.

chiudere a chiave --- 

ciavenàsca, s.f.

uva chiavennasca, nebbiolo --- 

ciavii, s.m.

chiave piccola per serratura --- 

cica, s.f.

biglia --- 

cicàa, v. intr.

masticare tabacco; sputare --- 

cicàda, s.f.

sputo --- 

cichèt, s.m.

bicchierino di liquore; rimprovero --- 

cicolàat, s.m.

cioccolato --- 

cimènt, s.m.      --- 

cemento --- 

cimentàa, v. tr.

tirare in  ballo, coinvolgere | cimentèm ca = non coinvolgermi --- 

cimitéri, s.m.

cimitero, camposanto --- 

cìnch, s.m.

cinque --- 

cinquèna, s.f.

forca a cinque denti (usata per trasferire le vinacce dal tino alla “brènta”  o al torchio) – MO --- 

cinquìna, s.f.

forca a cinque denti (usata per trasferire le vinacce dal tino alla “brènta”  o al torchio) – TO --- 

cìnta, s.f.

cintura --- 

cintàa, v. tr.

recintare --- 

cintrìi, s.m.

centrino ricamato --- 

cintürìi, s.m.

cinturino dell’orologio --- 

ciöc-pulìi, s.m.

parassita delle galline --- 

ciṍc’, s.m.

pidocchio; persona avara --- 

ciòca de carnevàal, s.f.

somma risibile | l’ò pagàat ‘na ciòca de carnevàal = l’ho pagato pochissimo --- 

ciòca, s.f. e agg.f.

ubriacatura, sbornia; ubriaca | fin ch’al dura òl bursìi dèl véc’, ciòca e baràca tǜt òl dì = fin che dura il portafoglio del genitore, gran bevute e sollazzi tutto il giorno --- 

ciocàt (ciocàc’), s.m.

bevitore abituale di alcolici, spesso ubriaco --- 

ciòch, s.m. e agg.m.

ubriaco --- 

ciodàa, v.tr.

chiodare, piantare  chiodi (vedi  "enciodàa") --- 

ciṍgiàt, s.m. e agg.m.

avaro, tirchio, spilorcio --- 

ciòot, s.m.

chiodo   |  l’è  cóma sciüsciàa ‘n ciòot = come succhiare un chiodo (non se ne cava niente); róbi da ciòot = cose da non credere; ciòot da cantéer = grosso chiodo da carpenteria --- 

ciosèl, s.m.

residuo di fieno nel fienile, composto per la maggior parte di semi – MO --- 

ciósèl, s.m.

residuo che rimane sul pavimento del fienile --- 

cipolàa, v. intr.

pigolare --- 

circòl, s.m.   --- 

circolo, ritrovo, associazione | ‘n bòt ai ‘ndàva al circòl par balàa = una volta andavano al circolo associativo a ballare --- 

cistìi, s.m.

cestino| òl cistii dì rèf = il cestino dei fili per il rammendo --- 

cìto, inter.

silenzio!, stai zitto! --- 

ciù, s.m.

maiale | ‘l gh’è ca gnaa ‘n ciù chè divènta vec’, ma tàac’ vec’ chè divènta ciù = non c’è maiale che diventi vecchio (si acquistavano a ottobre e si macellavano a febbraio dell’anno successivo) ma tante persone che invecchiando diventano maiali --- 

ciuchetù, s.m.

ubriacone --- 

ciudìi, s.m.

chiodo di piccole dimensioni; fungo detto anche famigliola --- 

ciǜf, s.m.

ciuffo, ciuffo di capelli --- 

ciùna, s.f.

scrofa --- 

ciunàda, s.f.

maialata, porcata, porcheria; lavoro fatto molto male --- 

ciùnìi, s.m.

maialino --- 

ciùrlo, s.m.

brodaglia, vino andato a male, bevanda di caffè ma non caffè --- 

ciǜsa (ciǜsai), agg.f.

chiusa, sigillata --- 

ciǜüs, agg.m.

chiuso, sigillato --- 

clèer, s.m.

saracinesca, serranda --- 

clinto, s.m.

uva clinton, di origine americana, molto dolce --- 

clòsc’, v. intr.

lamentarsi;  chiocciare | chèla galìna la closc’, la öl sciutii = quella gallina chioccia, vuole covare --- 

còc’, agg.m.

cotto --- 

còch, s.m.  --- 

fungo amanita --- 

còcia, agg.f.

cotta  |  vignìn, ca l’è còcia = venite (a tavola) che è cotta --- 

cocóc’, s.m.

crocchia --- 

cocóna, s.f.

pigna; torso della pannocchia del granoturco – TO --- 

cocòna, s.f.

pigna; torso della pannocchia del granoturco – MO --- 

codèer, s.m.

fodero utilizzato come contenitore della cote --- 

códega, s.f.

cotenna del maiale; strato superficiale erboso del prato --- 

codegòt, s.m.

grosso insaccato a base di cotenne di maiale, simile all’impasto del cotechino --- 

cògoma, s.f.

caffettiera; napoletana --- 

coiò, s.m.

babbeo –  MO | te sèe ‘n pòor coiò = sei un povero babbeo --- 

coió, s.m.      --- 

babbeo – TO | te sée ‘n póor coió = sei un povero babbeo     --- 

còl, prep.

con --- 

còl, s.m.

collo  |  a róta de còl = a rotto di collo (di gran corsa) --- 

colàna, s.f.

collana; parte terminale attorno al collo di un maglione o di una calza (scalfaròt) --- 

colarìì, s.m.

collarino --- 

colarìna (colarìni), s.f.

cinghia che si mette al collo dei cani per applicarvi la catena o il guinzaglio; cinghia che si mette al collo dei bovini per applicarvi il campanaccio --- 

còlda (còldi), agg.f.

calda --- 

coldarìi, s.m.

paiolo  |  coldarìi dala pulènta = paiolo per polenta --- 

coldéra, s.f.

caldaia, grosso recipiente in rame per il latte --- 

colderàt, s.m.

piccola caldaia in rame per il latte --- 

colèr, s.m.

albero di nocciolo  --- 

colèt (coléc’), s.m.

colletto di un abito o di una camicia – TO --- 

colèt (colèc’), s.m.

colletto di un abito o di una camicia  – MO --- 

colóbbia, s.f.

residuo slavato della lavorazione del latte; miscuglio di vari residui per dare in pasto ai maiali  |  ’ndàa òl sànch en colóbbia = andare il sangue in acqua --- 

colocàa, v. tr.

collocare --- 

colombèer, s.m.

colombaia --- 

colónda, s.f.

colonna in genere di legno usata in genere nelle tettoie per sorreggere il tetto --- 

colondél, s.m.

parte di eredità | m’à fàc' gió i colondéi par fa la divisiù dèla roba = abbiamo stabilito le parti per la divisione dell'eredità --- 

cólóor, s.m.

colore --- 

coloràa, v. tr.

colorare --- 

colòstro, s.m.

colostro (liquido secreto dalle ghiandole mammarie durante la gravidanza e immediatamente dopo il parto) --- 

cólp, s.m.

colpo, percossa; accidente improvviso e mortale; spavento; sparo  |  l’è mòrt da ‘n cólp = e’ morto d’infarto; l’ha ciapàat ‘n cólp = ha preso una botta (oppure ha preso un infarto); ò ciapàat ‘n cólp = ho preso uno spavento --- 

cólpa, s.f.

colpa, torto  |  l’ha duüt ciapas la cólpa = ha dovuto prendersi il torto --- 

còlsa (cólsi), s.f.  --- 

calza  |  tiràa sǜ li cólsi = decidersi a fare una certa cosa – TO --- 

còlsa (còlsi), s.f.  --- 

calza  |  tiràa sǜ li còlsi = decidersi a fare una certa cosa -  MO --- 

còlt, agg.m.

caldo --- 

cóma, avv. e cong.

come --- 

comàara, s.f.

comare, levatrice --- 

comandàa, v. tr.

comandare --- 

comandànt, s.m.

comandante, capo, condottiero --- 

comédia, s.f.

commedia, finzione, inganno, atto ridicolo --- 

comerciànt, s.m.

commerciante, mercante --- 

comèrcio, s.m.

commercio, negoziazione, traffico --- 

comodàa, v. tr.

sistemare, aggiustare -  MO (vedi “cumodàa” -TO) --- 

còmot, agg.m. e s.m.

comodo, agevole; pigrone; latrina, cesso --- 

compaesàa, s.m.

compaesano, abitante dello stesso paese --- 

compàgn, s.m. e agg.m.

compagno (di scuola, di giochi); uguale, simile; allo stesso modo  |  l’à fàc’ compàgn de mì = ha fatto come ho fatto io --- 

compàgna (compàgni), s.f. e agg.f.

compagna (di scuola, di giochi); uguale, simile; allo stesso modo  |  l’è compàgna ala mìa = è uguale alla mia --- 

compagnàa, v. tr.

accompagnare --- 

companatèch, s.m.

companatico --- 

comparìi, v. tr.

comparire, apparire all’improvviso, presentarsi --- 

compaśiù, s.f.

compassione, pietà, commiserazione --- 

compèt (compec’), s.m.

compito --- 

comprendòni, s.m.

comprendonio | l’è ‘ndréet de comprendòni  --- 

comprendònio, s.m.

comprendonio, discernimento, intelligenza --- 

cónc’, agg.m.

concio; condito --- 

cónca, s.f.

caldaia in rame ove si raccoglie il latte, pù bassa della “coldéra” --- 

conciàat, agg.m.

malconcio  |  conciàat da sbàt ià = conciato da buttar via (ridotto in pessimo stato; inutilizzabile ulteriormente) --- 

confesàa, v.tr.

confessare --- 

confesàs, v. rifl.

confessarsi --- 

confratèl (confratéi), s.m.

confratello – TO --- 

confratèl (confratèi), s.m.

confratello -  MO --- 

confrònt, s.m.

confronto --- 

confrontàa, v.tr.

confrontare --- 

confǜs, agg.m.

confuso --- 

conóos, v. tr.

conoscere --- 

consèrva, s.f.

conserva, salsa di pomodoro --- 

conservàa, v. tr.

conservare, tenere in buono stato --- 

consideràa, v.tr.

considerare --- 

consolàa, v. tr.

consolare, portare conforto --- 

consorèla, s.f.

consorella (donna appartenente ad uno stesso ordine religioso o confraternita; le filiali di una medesima azienda o le aziende di un medesimo gruppo) --- 

contèet (contéec’), agg.m.

contento, soddisfatto, felice – TO --- 

contèet (contèec’), agg.m.

contento, soddisfatto, felice – MO --- 

contèeta (contéeti), agg.f.

contenta, soddisfatta, felice – TO --- 

contèeta (contèeti), agg.f.

contenta, soddisfatta, felice – MO --- 

contentàa, v. tr.

accontentare, soddisfare, esaudire un desiderio --- 

contentàs, v. intr.

accontentarsi --- 

cóo, avv.

capo, inizio e termine di ogni cosa; | giò ‘n cóo = giù in fondo | sǜ ‘n cóo = in cima | ia ‘n cóo = là in fondo  TO --- 

còo, avv.

capo, inizio e termine di ogni cosa; |  giò ‘n còo = giù in fondo | sǜ ‘n còo = in cima; | ia ‘n còo = là in fondo  MO --- 

cóo, s.m.

capo, tralcio della vite; capo di bestiame  | oltagió i cóo = ripiegare i tralci della vite; al mùisc’ sèt cóo  = munge sette mucche | còo de l’àscia = il bandolo della matassa --- 

cṍöch, s.m.

cuoco --- 

cṍöga (cṍöghi), s.f.

cuoca --- 

cṍor, s.m.

cuore --- 

còort (còorc’), s.m.

secondo taglio del fieno --- 

cṍös, v. intr.

cuoce  |  al cṍös = sta cuocendo --- 

cópa, s.f.

coppa, salume ricavato dalla parte posteriore del collo del maiale --- 

cór, v. intr.

correre --- 

coràda, s.f.

polmone degli animali macellati --- 

coràgio, s.m.

coraggio --- 

coràm, s.m.

cuoio, pelle conciata --- 

còrda, s.f.

corda  |  vès gió de còrda = essere giù di corda --- 

cordaiṍl, s.m.

cordicella --- 

cordàna, s.f.

nervo, tendine; giro di vimini intrecciati in cima alla gerla o al “campàc’“ --- 

còrdol, s.m.

cordolo --- 

corédo, s.m.

corredo  |  la Gina la prepàra òl corédo parché la ghà en mèet da maridàs = Gina sta preparando il corredo poiché intende andare sposa --- 

corégia (corégi), s.f.

correggia, cinghia di cuoio – TO --- 

corègia (corègi), s.f.

correggia, cinghia di cuoio – MO --- 

coregiṍla, s.f.

erba infestante --- 

còregn, s.m.

corno --- 

coréisc’, v. tr.  --- 

correggere – TO --- 

corèisc’, v. tr.  --- 

correggere – MO --- 

corènt, s.f.

corrente (elettrica, d’aria, di un fiume); aggiornato |  vès al corènt = essere aggiornato --- 

còrf, s.m.

corvo --- 

corgnàda, s.f.

cornata, colpo di corna di mucca --- 

còrna (córni), s.f.

macigno staccatosi dalla montagna e rimasto isolato  |  la còrna di maligèn = il masso del sorbo dell’uccellatore – TO --- 

còrna (còrni), s.f.

macigno staccatosi dalla montagna e rimasto isolato  |  la còrna di maligèn = il masso del sorbo dell’uccellatore – MO --- 

cornagìi, s.m.

silene, pianta erbacea delle cariofillacee, commestibile e molto buona, anche nel riso --- 

cornèta, s.f.

cornetta del telefono --- 

cörṍla (cörṍli), s.f.

usato solo nell’espressione “  ‘na cörṍla de lügàneghi “ = gruppo di salsicce legate con un spago in modo da formare una sorta di catena --- 

corpèt, s.m.

camiciola per neonati; corpetto, panciotto, corpino --- 

corsèt, s.m.

bustino femminile --- 

cṍrt (cṍrc), agg.m.  --- 

corto --- 

córt, s.f.

corte, cortile rustico, spazio comune su cui si affacciano più case; latrina --- 

cṍrta (cṍrti), agg.f.

corta --- 

cortèl (cortéi), s.m.

coltello – TO --- 

cortèl (cortèi), s.m.

coltello – MO --- 

cortelàda, s.f.

colpo di coltello; cordolo fatto  di sassi appiattiti posti verticalmente, di taglio --- 

còsta, s.f.

costa, costola; bietola; fianco di un monte  |  ‘ndàa ‘n còsta = andare di traverso --- 

costaiṍla, s.f.

costina di maiale --- 

còta, s.f.

cotta, innamoramento; veste sacra del prete --- 

còtola (cótóli), s.f.

caccola, grumo di sterco attaccato alla lana delle pecore o alle natiche delle mucche, intreccio di capelli inestricabile  -TO --- 

còtola (còtoli), s.f.

caccola, grumo di sterco attaccato alla lana delle pecore o alle natiche delle mucche, intreccio di capelli inestricabile – MO --- 

cotolèta (cotoléti), s.f.  --- 

cotoletta, braciola – TO --- 

cotolèta (cotolèti), s.f.  --- 

cotoletta, braciola – MO --- 

cràp, s.m.

roccia, rupe, sasso --- 

cràpa (cràpi), s.f.

testa, capo | l’è ‘na cràpa dǜra = non vuol sentir ragioni --- 

crapàda, s.f.

colpo dato con la testa --- 

crapadù, s.m.

schiaffo, sberla, manrovescio --- 

crapìi, s.m.

persona originale, eccentrica, bislacca, svitata --- 

crapòt (crapòc’), s.m.

testone, capoccione, testa dura (o di legno), testardo --- 

craputìi, s.m.

testolina, persona cocciuta, persona capricciosa (anche crapotèl, crapotéi)  --- 

crapù, s.m.

testone; persona testarda; girino --- 

cràsc’, s.m.

corvo; menagramo --- 

crèansa, s.f.

creanza --- 

créda (tèra), s.f.

creta --- 

credèch, v. intr.

crederci --- 

credènsa, s.f.

credenza nel senso di credere, piccolo armadio per stoviglie --- 

créna, s.f.

fessura, pertugio --- 

crenàa, v. intr.

patire, soffrire atrocemente --- 

crèp, agg.m.

incrinato, spaccato per il lungo --- 

crèpa (crépi), s.f.

crepa, incrinatura, fenditura nel legno o nel muro – TO --- 

crèpa (crèpi), s.f.

crepa, incrinatura, fenditura nel legno o nel muro – MO --- 

crepàa, v. intr.

morire; fendersi, incrinarsi --- 

crepàat (crepàac’), agg.m.

presenta delle crepe, fessurato, screpolato; uno che è morto --- 

crepàda (crepàdi), agg.f.

presenta una crepa, fessurata, screpolata; una che è morta --- 

crès, v. intr.

crescere, aumentare; rincarare; essere in sovrappiù  |  crès de lüna = luna crescente --- 

crésma, s.f.

cresima  |  òl güdaz dèla crésma = il padrino della cresima --- 

cresmàa, v. tr.

cresimare; schiaffeggiare (ironico) --- 

crèspa (créspi), s.f.

piega, ruga | ‘n pedàgn a créspi = una gonna a pieghe – TO --- 

crèspa (crèspi), s.f.

piega, ruga | ‘n pedàgn a crèspi = una gonna a pieghe -  MO --- 

crét, v. intr.

credere --- 

crevàa, v.intr.

soccombere, piegarsi, cedere, crollare (vedi  anche“cröàa”) --- 

criànsa, s.f.

creanza, gentilezza, buon garbo, rispetto --- 

cribbiàa, v. tr.

setacciare sabbia, terra, ecc.

crìbi, s.m.

setaccio a buchi o maglie larghe, usato dai muratori --- 

crìca, s.f.

maniglia di serratura;  combriccola --- 

cristéri, s.m.

clistere --- 

cristiàa, s.m.

cristiano --- 

cröàa, v.intr.

soccombere, piegarsi, cedere, crollare  --- 

cröàat, agg.m.

piegato, crollato | cröàat sóta ‘l gèrlo = piegato dalla gerla troppo pesante --- 

crócifìs, s.m.

crocifisso --- 

crocolàa, v. intr.

gorgogliare, ribollire --- 

crodàa, v. intr.

cadere, cascare, detto specialmente di foglie, castagne, noci, nocciole  |  l’è crodàat gió me ‘n salàm = e’ caduto come un salame (in modo ingenuo);  de Otóri al cróda li castégni = in ottobre cascano le castagne | crodàa gió dal sógn = cadere dal sonno --- 

crodèl, s.m.

vino spillato dal tino, appena prima della torchiatura delle vinacce --- 

cròi, s.m.

avaro --- 

cròia, s.f.

avara --- 

cróos, s.f.

croce; tribolazione, peso, tormento  |  ti te sée la mìa cróos = tu sei il mio tormento; fàch sǜ la cróos = accantonare definitivamente un progetto o desiderio; rompere un rapporto; mèt en cróos vargǜü = tormentare qualcuno --- 

croscé, s.m.

uncinetto --- 

cròscia --- 

usato solo nell’espressione “fàa cròscia” riferito alla gallina che si mette nella posizione di covare --- 

crósta, s.f.

crosta (specialmente del formaggio) --- 

crumpàa, v. tr.

comperare, acquistare --- 

crǜsca, s.f.

crusca --- 

crusciulù (en), s.m.

accovacciato, inginocchiato   |  ‘ndàa gió ‘n crusciulù a pregàa = inginocchiarsi a pregare --- 

crǜüa, agg.f.

cruda | càrna crǜüa = carne cruda --- 

crǜüf, agg.m.

crudo --- 

crǜzia, s.f.

sacrificio, sofferenza, pena, fatica  --- 

crüziàat (crüziac’), agg.m.

sacrificato, sofferente, in pena --- 

crüziàda (crüziadi), agg.f.

sacrificata, sofferente, in pena --- 

crǜzzi, s.m.

preoccupazione per un fatto che richiede un impegno prolungato non preventivato | chè crǜzzi chèla fèmna! = esprime preoccupazione, e a volte fastidio mal celato, per le cure assidue nei riguardi di … --- 

cùa, s.f.

coda --- 

cuàa, v. tr.

covare  |  cuàa l’enflüènsa = percepire i primi sintomi dell’influenza --- 

cuàat, s.m.

covato; ombreggiato; coperto --- 

cuàda, s.f.

covata; colpo di coda --- 

cuanìi, s.m.

ultimo nato di una nidiata, ultimogenito --- 

cübàa, v.tr.

cubare | cübàa ‘l fèe = stimare il fieno --- 

cùbbia, s.f.

coppia --- 

cubbiàa, v. tr.

accoppiare (di corde, ecc.), riunire a due a due  --- 

cübbièt, s.m.

pezzo di corda adatta al trasporto di oggetti come ad esempio un fascio di legna; termina con un anello sui due lati; un anello entra nell'altro così da stringere l'oggetto da trasportare --- 

cǜch, s.m.

gufo  |  véc’ coma ’n cǜch = vecchio decrepito --- 

cùcia, s.f.

cuccia; giaciglio del cane  |  fa’ la cùcia! = stai lì accovacciato --- 

cùcola, s.f.

critica, discorso lungo e noioso, diceria, pettegolezzo | la m’à fàc’ sǜ ‘na cùcola = mi ha fatto un discorso lungo e noioso | fàch sǜ la cùcola = fare un pettegolezzo --- 

cucù, s.m.

cuculo --- 

cücǜmer, s.m.

cetriolo --- 

cucunàa, v. tr.

bere dal guscio un uovo fresco --- 

cucunèra, s.f.

cocchiume (foro superiore della bótte) --- 

cudighìi, s.m.

cotechino (piccolo insaccato a base di cotenne di maiale) --- 

cuèrc’, s.m.

coperchio --- 

cuerciàa, v. tr.

mettere il coperchio, coprire --- 

cuèrta (cuérti), s.f.

coperta – TO --- 

cuèrta (cuèrti), s.f.

coperta – MO --- 

cügiàa, s.m.

cucchiaio --- 

cügiaràda, s.f.

cucchiaiata --- 

cügiarìi, s.m.

cucchiaino --- 

cügnàat (cügnàac’), s.m.

cognato | lóor dùu i’è cügnàac’= loro due sono cognati --- 

cügnàda (cügnadi), s.f.

cognata --- 

cuic’, s.m.

codino, diminutivo di coda; raccolta di un ciuffo di capelli a treccina --- 

cuìi, s.m.

codino; qualunque cosa che possa avere attinenza ad una piccola coda; anche riferita ai codini di animali | ‘l cuìi dol ciù = il codino del maiale  --- 

cuisciàa, v. tr.

rattoppare, cucire un po’  alla buona --- 

cuiù, s.m.    --- 

coglione  --- 

cǜl, s.m.

culo, sedere, deretano  |  ciapàa par òl cǜl = prendere in giro, deridere pesantemente --- 

culàa, v. tr.

filtrare, colare il latte  |  ‘ndàa a culàa ‘l làc’ = andare a colare il latte (far passare il latte attraverso il “cùul”, apposito utensile in rame da porre sopra la  “coldéra” per pulire il latte appena munto dai “vasèc” (piccole particelle non igieniche cadute dentro durante la mungitura).

cülàda, s.f.

culata, botta al deretano|ò picàat gió ‘na cülàda = ho battuto il sedere --- 

cülàta (cülàti), s.f.

natica --- 

culaziù, s.f.     --- 

colazione (vedi “colaziù” e “disnaa”) --- 

culìi, s.m.

colino (anche sculìi) --- 

cülmartèl (cülmartéi), s.m.

capitombolo, ruzzolone; caduta rovinosa involontaria – TO | só  ‘ndàc’ a cülmartéi = sono andato a ruzzoloni  --- 

cülmartèl (cülmartèi), s.m.

capitombolo, ruzzolone; caduta rovinosa involontaria – MO | sò scapüsciàda è ò fàc’ ‘n cülmartèl = sono inciampata e ho fatto un capitombolo --- 

culmìgna, s.f.

grosso tronco posto al colmo della struttura del  tetto --- 

culscìna, s.f.

calcina, calce --- 

culscinàsc’, s.m.

calcinaccio --- 

culsìi, s.m.

calzino --- 

cumbrìcola, s.f.

combriccola, gruppo di persone --- 

cumìgnol, s.m.

comignolo --- 

cuminciàa, v. tr.

cominciare, iniziare --- 

cuminiù, s.f.

comunione  |  fàa la cuminiù = ricevere l’eucarestia --- 

cumìzi, s.m.

comizio --- 

cümò, s.m.

comò, cassettone, canterano --- 

cumodàa, v. tr.

sistemare, aggiustare – TO (vedi “comodàa” -MO) --- 

cùmol, agg. e s.m.

colmo, trasbordante; dosso --- 

cùmola, agg.f.

colma, trasbordante --- 

cumpìi, v. tr.

compiere (gli anni) --- 

cumpliméet (cumpliméec'), s.m.

complimenti  | la fava ca tac' cumpliméec' l'ava = non faceva tangti complimenti la nonna --- 

cümǜ, s.m.

comune; municipio --- 

cumudìi, s.m.

comodino --- 

cǜna, s.f.

culla  | ninàa la cǜna = far dondolare la culla per addormentare il bambino|  giràa òl bambìn giò ‘ndèla cǜna = stravolgere il discorso, alterare l’attribuzione della colpa da un soggetto all’altro --- 

cundìi, v. tr.

condire; accontentare con poco --- 

cundimèet, s.m.

condimento --- 

cünèta (cünéti), s.f.

condire; accontentare con poco – TO --- 

cünèta (cünèti), s.f.

cunetta, piccolo avvallamento – MO --- 

cunfìi, s.m.

confine --- 

cunìc’, s.m.

coniglio --- 

cunsciàa, v.tr.

conciare --- 

cunsciaòs, s.m.

chiropratico, persona che cura distorsioni o lussazioni --- 

cunsigliàa, v. tr.

consiliare, dare consigli opportuni --- 

cunsǜm, s.m.

consumo --- 

cunsümàa, v. tr. e intr.

consumare, terminare, esaurire --- 

cǜnt (cǜnc’), s.m.

conto, calcolo  |  fa gió òl cǜnt = fare il conto, tirare le somme;  fa cǜnt de = decidere di;  fasèn cǜnt = fare assegnamento; tignìi cǜnt = tener conto, tenere in considerazione; par cǜnt mè = a  mio parere; ‘ndàa ognantùu par so cǜnt = andare ciascuno per la propria strada;  laoràa par cǜnt so = lavorare in proprio --- 

cǜnta, s.f.

conta, conteggio  |  tràa giò la cǜnta = fare la conta per vedere a chi tocca una certa cosa --- 

cǜntàa sǜ, v. tr.

raccontare, narrare | cǜnta ca sǜ stóri = non raccontare storie --- 

cǜntàa, v. tr.  --- 

contare, numerare; avere importanza  |  al cǜnta ca niént = fa nulla, non preoccuparti --- 

cǜntadóor, s.m.     --- 

contatore della corrente --- 

cǜntàla, v. intr.

chiacchierare --- 

cuntinuàa, v. tr. e intr.

continuare, proseguire --- 

cùntra, prep. avv.

contro  | ià cùntra = là contro;  fàa cùntra = contrastare --- 

cuntràal, s.m.

aratro --- 

cuntrabandéer, s.m.

contrabbandiere --- 

cuntrabànt, s.m.

contrabbando --- 

cuntràda (cuntràdi), s.f.

contrada --- 

cuntrapées, s.m.

contrappeso --- 

cuntràri, agg.

contrario, di altro parere, antitetico; avverso, sfavorevole; che si muove in direzione opposta; la cosa opposta; in edilizia, tecnico che controlla la corretta esecuzione di un opera  |  bastiàa cuntràri = persona che dissente sempre per partito preso --- 

cuntràst, s.m.

contrasto, divergenza; scontro, discordia --- 

cuntrastàa, v. tr.

contrastare, opporsi; far contrasto, opporre resistenza --- 

cuntràt, s.m.

contratto --- 

cunvìnsc’, v. tr.

convincere --- 

cùp, s.m.

sessola in legno usata dal venditore per farinacei, riso, sale, ecc. prendendoli dal sacco da 50 kg per pesare la quantità chiesta dal compratore, quando questi prodotti si vendevano sfusi | seme di cuori nel gioco delle carte --- 

cùpa, s.f.

nuca, collottola (più frequente: cupìi)  |  a tiràa i cavéi dèla cùpa, al fa urìi la bùca = tirare i capelli della nuca, fa aprire la bocca (per il male) --- 

cupàa, v. tr.

uccidere, ammazzare --- 

cupèta, s.f.

dolce tipico valtellinese fatto con miele, noci tritate, racchiuso tra due cialde  |  a Santa Caterina, se crùmpa la cupèta = a Santa Caterina (25 novembre, Santa Caterina d’Alessandria, patrona di Albosaggia si acquista la “cupèta”) --- 

cupìi, s.m.

nuca, parte posteriore del collo, collottola (vedi “cùpa”) --- 

cùra, s.f.

pigna (frutto delle delle conifere) --- 

cüràa, (cüuri), s.f.

curare, prendersi cura, sorvegliare, attendere al varco --- 

curdìna, s.f.

cavo metallico con fili intrecciati usato per teleferiche e fili a sbalzo --- 

curdù, s.m.

cingolo dei frati | curdù di fràa = cordone dei frati --- 

curidóor, s.m.

corridore, ciclista --- 

curidù, s.m.

corridoio --- 

curigìi, s.m.

cintura in cuoio per pantaloni, cinturino --- 

curióos, agg.m.

curioso, indiscreto  |  somèeza de curióos = semente di curiosi (risposta sarcastica a chi chiede inopportunamente cosa sia una certa cosa) --- 

curiósa (curiósi), agg.f.

curiosa, indiscreta --- 

curnìis, s.f.

cornice  --- 

curǜda, s.f.

corsa | trìi pàs e ‘na curǜda, te sée bèle ca ruàat = tre passi ed una corsa e sei subito arrivato (… ironico) --- 

curùna, s.f.

corona del rosario  |  di sǜ la curùna par òl pòro mòrt = recitare il rosario per il defunto --- 

cǜrva (cǜrvi), s.f. e agg.f.

curva, svolta; piegata ricurva --- 

cǜrvo, agg.m.

curvo, ripiegato --- 

cüsàa, v. tr.

dichiarare (nel gioco delle carte)  |  cǜsi mariàna de pich = dichiaro di avere re e donna di picche --- 

cuscrìt, s.m. e agg.m.

coetaneo, coscritto, compagno di leva --- 

cüsìdǜra (cüsìdǜri), s.f.

cucitura --- 

cuśìi, s.m.

cuscino --- 

cüśìi, v. tr.

cucire --- 

cüśìn, s.m.

cugino --- 

cüśìna  (cüsini), s.f.

cugina; cucina --- 

custìna (custìni), s.f.

costina di maiale --- 

cutizzàa, v. tr.

educare a scapaccioni --- 

cutù, s.m.

cotone --- 

cutǜra  (cutǜri), s.f.

cottura  |  vès endréet de cutǜra = capire poco --- 

cùul, s.m.

apposito utensile in rame o anche in legno "òl cùul dol làc’" con foro dove sono poste radici sottili “li radìis dol cùul" per filtrare il latte appena munto (vedi “culàa”) --- 

cüura, (cüuri), s.f.

cura --- 

cùźìi, s.m.

torsolo – MO; torso, quello che resta all’interno delle verdure a palla private delle foglie esterne (cavolo);   (vedi “sgaüsc’ “ – TO) --- 

dà ‘ndréet, v.tr.

restituire, cadere indietro --- 

dà fò, v.intr.

distribuire, elargire; distribuire le carte da gioco, emergere, venir fuori; infuriarsi, perdere il lume della ragione  | al me dàc’ fò la strachèza = d’un tratto mi sono sentito stanco  |  l’è dàc’ fò da màt = è impazzito – MO --- 

dà fó, v.tr.

distribuire, elargire; distribuire le carte da gioco, emergere, venir fuori; infuriarsi, perdere il lume della ragione  | al me dàc’ fó la strachèza = d’un tratto mi sono sentito stanco | l’è dàc’ fó da màt = è impazzito -TO --- 

dà gió, v. intr.

cadere; somministrare (specie una medicina, per bocca) --- 

dà ià, v.tr.

elargire, dare in gestione qualcosa a qualcuno  |  ò dàc’ ià la vìgna = ho dato la vigna in affitto --- 

dà ité, v.tr.

dare in cambio; includere in una trattativa -TO --- 

dà itè, v.tr.

dare in cambio; includere in una trattativa – MO --- 

dà réet, v.tr.

dare qualcosa a qualcuno che parte --- 

dà rìgola, v. tr.

svolgere attività necessaria ad accudire gli animali nella stalla  --- 

(vedi "da vèrs" ) --- 

dà scià, loc.v.

farsi vivo, arrivare, rinvenire | l’è già trii dì ca ‘l dà ca scià chèl  cagnüsc, al sarà pò en calóor = sono tre giorni che non si fa vivo, quel cagnaccio, sarà in calore | l’à ciapàat fastédi, ma dopo ‘n atèm l’è dàc’ scià dapé = è svenuto, ma dopo un attimo è rinvenuto --- 

dà scià, v.intr.

porgere, maturare, apparire, comparire, sopraggiungere | damòl mó scià!= dammelo!| l’è dàc’ scià ‘l padrù = è apparso il padrone| l’è dac’ scià ‘n bèl pìt de üa chèst àn = è maturata tanta uva quest’anno --- 

dà sǜ, v.tr.

irrorare  |  gh’ò dàc’ sǜ l’àcqua a li vìit = ho irrorato le viti --- 

da vèrs, v.tr.

svolgere attività necessaria ad accudire gli animali nella stalla --- 

da,  prep.

da --- 

dàa, v.tr.

dare, porgere; pagare  |  dàa a tràa = dare ascolto, accettare consigli | gh’ò dàc’ desmìla frànch = gli ho dato diecimila lire  --- 

dabée, agg.m.

buono, calmo, mansueto – TO | ‘n rèdès dabée = un bambino buono --- 

dabèe, agg.m.

buono, calmo, mansueto – MO | ‘n rèdès dabèe = un bambino buono --- 

dabéna (dabéni), agg.f.

buona, calma, mansueta – TO  | rèdèsa dabéna = bambina buona --- 

dabèna (dabéni), agg.f.

buona, calma, mansueta – MO | rèdèsa dabèna =  bambina buona --- 

dàch réet, v.intr.

impegnarsi a fondo, affidare qualcosa a qualcuno che parte  --- 

dàch sóta, v.intr.

lavorare con impegno, mettersi a lavorare di buona lena --- 

dàch sǜ, v.tr.

alzare la voce, alzare il volume in un canto --- 

dacórdi, loc. avv.

d’accordo | al và dacórdi con tüc’ = va d’accordo con tutti – TO --- 

dacòrdi, loc. avv.

d’accordo | al và dacòrdi con tüc’ = va d’accordo con tutti – MO --- 

dàghli, v. tr.

dargliele, riempirlo di botte --- 

dàgn, s.m.

danno --- 

dai, prep.

dai, dagli --- 

dal, prep.          --- 

dal, dallo  | la ghà li spàli cuerciàdi dal sciàl = ha le spalle coperte dallo scialle --- 

dala, prep.       --- 

dalla --- 

dali, prep.       --- 

dalle --- 

dalparniént, avv. e agg.

gratis, gratuitamente; gratuito – TO ---

dalparniènt, avv. e agg.

gratis, gratuitamente; gratuito – MO ---

dalùra, avv.

da molto tempo --- 

daluramài, avv.

da moltissimo tempo --- 

danàa, v. tr.

usato solo nell’espressione “fàa danàa” = far disperare --- 

danególi, avv.

in nessun posto, in nessun luogo --- 

daparlée, avv.

da sola (lei) --- 

daparlóor, avv.

da soli (loro) --- 

daparlǜü, avv.   --- 

da solo (lui) --- 

daparmì, avv.  --- 

da solo (io) --- 

daparótri, avv.

da soli (voi) --- 

dapartì, avv.

da solo (tu) --- 

dapartǜt, avv.

dappertutto, ovunque   --- 

dapé, avv.  --- 

di nuovo, ancora – TO --- 

dapè, avv.  --- 

di nuovo, ancora – MO --- 

daprṍöf, avv.

da vicino --- 

dàs, v.intr.

darsi, gloriarsi |  dàs arìi = darsi delle arie, | al pó a dàs = può anche darsi --- 

dàsa (dàsi), s.f.

ramo d’abete alle estremità più sottili --- 

dascià, loc.v.

farsi vivo, arrivare, rinvenire | l’è già tri dì ca ‘l da ca scià chèl  cagnüsc, al sarà pò en calóor = sono tre giorni che non si fa vivo, quel cagnaccio, sarà in calore | l’à ciapàat fastédi, ma dopo ‘n atèm l’è dàc’ scià dapé = è svenuto, ma dopo un attimo è rinvenuto --- 

dasèla s.f.

rametti secchi di abete  --- 

dàsli, v. rifl.

picchiarsi | ai va ca dacordi chii dùu iló, ai cùntinua a dàsli = non vanno d’accordo quei due, continuano a darsele --- 

dasṍl, s.m.

aghi di abete secchi, caduti a terra | rèma sǜ ‘l  dasṍl par fach lec’ ai vedéi = raccogliere gli aghi caduti sotto i pini per fare la lettiera ai vitelli --- 

davéc’, loc.

da vecchi, vecchiaia | da vecchi, vecchiaia |davéc’ tüti li ròbi li và a péc’ = con la vecchiaia tutte le cose peggiorano --- 

davéra, avv.

davvero, proprio  --- 

de nèt, loc.

di netto| taiàa de nèt = tagliare di netto --- 

de spetòrgna, loc.

di malavoglia |  ‘l laóra de spetòrgna = lavora con malavoglia --- 

de strǜsc’, loc --- 

dal verbo “strüsnaa”, rasentare essere molto aderente --- 

de, prep.

di --- 

dèbet (dèbec’), s.m.

debito  |  l’è cargàat de dèbec’  cóma ‘n sciǜch de furmìghi = è pieno di debiti come un nido di formiche  --- 

débòl  (débói), agg.m.

debole, fiacco --- 

débòla  (débóli), agg.m.

debole, fiacca --- 

debòt, avv.

presto  |  l’è amò debòt da cargàa la Piàna = e’ ancora presto di recarsi all’alpe Piana (transumanza delle mucche d’estate); metafora per dire: è ancora presto di fidanzarsi e/o sposarsi --- 

decisiù, s.f.

decisione --- 

decìt, v. tr.

decidere --- 

dées, agg.m. num. card.

dieci --- 

dèet (déec’), s.m.

dente – TO  | déec’ de càa  = tarassaco, cicoria selvatica --- 

dèet (dèec’), s.m.

dente – MO  | dèec’ da làc’ = denti da latte --- 

défati, cong.

in realtà, infatti --- 

déghen, s.m.

maggiociondolo --- 

degià, cong.

giacché --- 

degónt, s.m. e agg.

perdere le forze, essere spossato, debole; andare in brodo di giuggiole | al degónt dala fàm = perde le forze dalla fame --- 

dèlaià, avv.      --- 

di là, dall’altra parte --- 

dèlascià, avv.  --- 

di qua, da questa parte --- 

deleguàa, v. intr.

dileguare, sciogliere --- 

demóni, s.m.

demonio, diavolo; cosa enorme  | porco demóni!  = tipica imprecazione – TO --- 

demòni, s.m.

demonio, diavolo; cosa enorme  | demòni de ‘n ròp = un aggeggio enorme – MO --- 

demṍöt, agg.            --- 

adeguato, a modo, di misura, quello che ci vuole, azzeccato | --- 

chèl tochèl de às ilò le de möot = quel pezzo di asse è quello che ci vuole, è di misura, è adeguato  | --- 

te ghè sǜ 'na camìśa ca l’è de möot, la sè 'ntuna bèe col rèst ... = hai una camicia che è azzeccata, si abbina con il resto...

denàaz, avv.

davanti --- 

dendómàa, avv.

di mattina, al mattino – TO --- 

dendòmàa, avv.

di mattina, al mattino – MO --- 

dengió, avv.

al basso, al piano rispetto al maggengo --- 

densìra, avv.

di sera --- 

densǜ, avv.

sui monti, sul maggengo in montagna | l’è stàc’ densǜ tüta l’estàat = è rimasto in montagna tutta l’estate --- 

dèrbet (dèrbec’), s.m.

fungo della pelle di animali e anche dell’uomo --- 

deréet, avv.

dietro, nella parte posteriore (vedi “despǜüs”) --- 

deròcàa, v.tr.

precipitare, cadere da un dirupo o posto impervio, casa che va in rovina | chèla cà l’è réet a derocàa = quella casa stà per cadere --- 

deròcàat, agg.m.

diroccato, precipitato da un dirupo | ‘n castèl deròcàat = un castello diroccato; chèl óm l’è derocàat ‘n chèl sentéer = quell’uomo è precipitato su quel sentiero --- 

deròcàda (deròcadi), agg.f.

diroccata, precipitata da un dirupo o posto impervio --- 

deròch, agg.m.

diruto, diroccato, in rovina  |  l’è tǜt ‘n deròch = è tutto diroccato  --- 

dersèt, agg.m. num.card.

diciassette --- 

derüscàa, v. tr.

scivolare, scortecciare, levare la corteccia di un tronco --- 

  (vedi “brǜscàa”) --- 

derüscàda (derüscàdi), agg.f.

scorticata, spellata | l’è ‘na piànta derüscàda = è una pianta scorticata --- 

derüscàda (derüscàdi), s.f.

sbucciatura, escoriazione, spellatura | disinfèta chèla derüscada = disinfetta quella escoriazione --- 

derüscàs, v. rifl.

sbucciarsi, procurarsi un’escoriazione  | derüscàs i giönṍc’ = sbucciarsi le ginocchia --- 

dervìi, v. tr.

aprire, sin. di “urìi”  --- 

des-ciodàa, v. tr.

schiodare, levare i chiodi da un’asse o un legno; senso fig.= smuovere --- 

desbroiàa, v. tr.

districare, sbrogliare, cavare da un impiccio --- 

desbroiàs fò, v. rifl.

districarsi, cavarsi da un impiccio --- 

desbutunàa, v. tr.

sbottonare  | desbutunàa la giàca = sbottonare la giacca --- 

desbutunàs, v. intr.

sbottonarsi; confidare cose riservate --- 

descamisàs, v.rifl.

togliersi la camicia --- 

descargàa, v.tr.  --- 

demonticare, scaricare   |  descargàa mùut = demonticare dall’alpe, scendere con il bestiame (transumanza) --- 

descartàa, v. tr.

scartare, levare la carta che avvolge --- 

descomodàa, v.tr.

scomodare --- 

descòmot, agg.m.            --- 

scomodo, malagevole --- 

descór, v.intr.

discorrere, conversare --- 

descórs, s.m.

discorso --- 

descuerciàa, v.tr.

scoperchiare --- 

descüsìi, v. tr.

scucire --- 

desdòt, agg.m. num.card.

diciotto --- 

desedàa, v. tr.

svegliare, destare --- 

desedàat (desedàac’), agg.m.

sveglio, svegliato --- 

desedàda (desedàdi), agg.f.

sveglia, svegliata --- 

desedàs fò, v. intr.  --- 

svegliarsi, sbrigarsi | desedàs fò dala matunèra = svegliarsi dalla sonnolenza --- 

desedàs, v. intr.  --- 

svegliarsi --- 

desegnàa, v.tr.

preannunciare, predire --- 

deséna (deséni), s.f.

decina --- 

desèrt, s.m. agg.

deserto, solitario, desolato, senza nessuno --- 

desfà fó, v. tr.

svegliare; aprire un pacco, un involucro  | al s’en desfa ca fó = non si raccapezza, non ci capisce niente -TO --- 

desfà fò, v. tr.

svegliare; aprire un pacco, un involucro  | desfèt fò dèla matunèra = svegliati, datti una mossa – MO   --- 

desfà gió, v. tr.

districare, sciogliere un nodo; abbattere | desfà gió ‘n mǜür = abbattere un muro --- 

desfàa, v.tr.

disfare, distruggere, manomettere  --- 

desfàc’, s.m.

disfatto  |  te se ‘n desfàc’= sei uno mal messo; disordinato; trasandato     --- 

desfàs fò, v. intr.  --- 

smuoversi, svegliarsi (anche in senso figurato) --- 

desfàs, v. intr.  --- 

disfarsi, liberarsi --- 

desfesciàs, v. intr.

liberarsi, sbarazzarsi  | le mei desfesciàs de chìi rotàm  = è meglio sbarazzarsi di quei rottami | desfésciaśèn = liberarsene --- 

desfurtünàat, agg.

sfortunato  (vedi “sfurtünàat”) --- 

desgarbóiàa, v. tr.

districare, sciogliere un groviglio --- 

desgelàa, v.intr.

sgelare, disgelare, sciogliersi dal gelo  --- 

desgótàa, v. intr.

(anche desgótòlaa) sgocciolare, liberarsi delle ultime gocce| l’è còlt, al desgóta i tec’= è caldo, i tetti sgocciolano (dopo il gelo del rigido inverno) | fal desgótòlaa bée ‘sto fórmài prüma da salàl = fallo ben sgocciolare questo formaggio prima di salarlo (fase della caseificazione) --- 

desligàa, v. tr.

slegare, sciogliere lacci e nodi --- 

desmentegàa, v. tr.

dimenticare, non ricordare --- 

desmentegàs, v. rifl.

dimenticarsi --- 

desmèt, v. intr.

smettere  (è piu usato “pianta iló (ilò)” --- 

desnṍöf,  --- 

num. card. diciannove --- 

desotràa, v. tr.

dissotterrare --- 

despecenàat, agg.

spettinato --- 

despecenàs, v.rifl.

spettinarsi --- 

despegnàa, v. tr.

disimpegnare, sganciare, liberare da un appiglio, da un intoppo --- 

desperàat, agg.

disperato --- 

dèspès, avv.

frequentemente, assiduamente, ripetutamente, di frequente --- 

despetolàs, intr.

liberarsi da un impegno | mi ó sbagliàat a dach a mèet e iscé  ghè la favi ca pǜ a despetolàśen = ho sbagliato a dargli retta così non riuscivo più a liberarmene --- 

despregàa v. intr.

rifiutare in malo modo o disprezzare l’offerta di un aiuto  |  la càora ‘nbuscìda la gh’è ‘n desprèga al bósc’  = la capra pregna prende a cornate il caprone --- 

despregàghen, v. intr.

rifiutare o disprezzare l’offerta di un piacere o un aiuto  --- 

desprézi, s.m.

dispregio, dispetto  --- 

despǜüs, avv.

dietro | al se piacàat despüüs a la porta òl rèdès = si è nascosto dietro la porta il bambino  (vedi “deréet”) --- 

desquatàa, v. tr.

( anche”desquatàa gió”)  scoprire, togliere il coperchio, togliere la coperta --- 

destacàa, v. tr.

staccare, distaccare, levare da un gancio --- 

destacàs, v. rifl.

staccarsi --- 

destént, tr.

stendere  |  destént i stràsc’ = stendere la biancheria --- 

destṍs, v. intr. pron.

togliersi, levarsi dai piedi per non disturbare  --- 

dèstṍt, v. intr.

togliti   |  togliti dai piedi; vai via | destṍt! = vattene! --- 

destrigàs, v. rifl.

districarsi, liberarsi da qualche appiglio; uscire da una situazione difficile --- 

destupàa, v. tr.

sturare, togliere il tappo o l’intoppo che chiude o impedisce il passaggio --- 

dì fò, v. tr.

( di fó TO) sproloquiare --- 

dì gió, v.tr.

 annunciare dal pulpito --- 

dì réet, v. tr.  --- 

sparlare --- 

dì sǜ, v. tr.

recitare  | dì sǜ i Pàter = recitare le preghiere --- 

di, prep.

di, dei --- 

dì, s.m.

giorno, dì  | al dì de ‘ncṍö = al giorno d’oggi  |  dì e nòc’ dǜra sèmpre = un giorno dopo l’altro si va avanti  --- 

dialèt, s.m.

dialetto --- 

diàol te pórti, inter.

diamine TO  ( anche “dial te pórti “ ) --- 

diàol te pòrti, inter.

diamine MO ( anche “dial te pòrti “ ) --- 

diàol, s.m.

diavolo  | a ca dèl diàol = lontanissimo --- 

diaoléri, s.m.

baraonda, confusione, imbroglio --- 

diaoléria, s.f.

diavoleria, sortilegio, stratagemma --- 

dicèmbre, s.m. sing.

dicembre  --- 

didàal, s.m.

ditale --- 

didulìi, s.m.

mignolo, quinto dito del piede --- 

didulù, s.m.

pollice, alluce --- 

difìcèl, agg.

difficile --- 

digestiù, s.f.

digestione --- 

dìi, v. tr.

dire, esprimersi a parole   |  gh’ò dìc’ =  gli/le ho detto --- 

dìit, s.m.

dito --- 

dilǜvi, s.m.

diluvio --- 

dìnàn, loc.

dello stesso anno | l’è dìnàn dol mè = è dello stesso anno del mio  --- 

dintìi, s.m.

dentino  --- 

Dìo, s.m.

Dio  | chèl che Dìo vṍl l’è mài tròp = quello che Dio vuole non è mai troppo, bisogna accettare i casi della vita  --- 

direziù, s.f.  --- 

direzione --- 

disàstro (disàstri), s.m.

disastro --- 

discórs, s.m.

discorso, conversazione, colloquio --- 

discǜt, v. tr. e intr.

discutere, conversare animatamente --- 

diśégn, s.m.

disegno – TO --- 

diśègn, s.m.

disegno – MO --- 

disegnàa, v.tr.

disegnare --- 

diśinfètàa, v.tr.

disinfettare --- 

disnàa, s.f.

colazione | l’ò prónt òl disnàa = è pronta la colazione --- 

disnàa, v.tr.

desinare, fare colazione --- 

dìsper, agg.m.

dispari --- 

dispèrs, agg..m.  --- 

disperso --- 

dispèrsa (dispèrsa), agg..f.  --- 

dispersa --- 

dispiasé, s.m.

dispiacere, preoccupazione --- 

dispòst, agg.m.

disposto --- 

dispòsta (dispósti), agg.f.

disposta --- 

disprézi, s.m.

dispetto  --- 

distintìif, s.m.

distintivo --- 

disubidìi, v.tr.

disobbedire --- 

dité, avv.

dentro – TO | ‘l fée l’è dité = il fieno è al coperto --- 

ditè, avv.

dentro – MO | ‘l fèe l’è ditè = il fieno è al coperto --- 

diventàa, v. intr.

diventare  |  al me fà diventàa màta = mi fa diventare pazza --- 

divèrs, agg.m.

diverso, differente --- 

divèrsa (divérsi), agg.f.

diversa differente – TO --- 

divèrsa (divèrsi), agg.f.

diversa differente – MO --- 

diversamèet, avv.

diversamente --- 

divertìs, v. intr. pron.

divertirsi --- 

divisiù, s.f.

divisione matematica e divisione dei beni --- 

dódes, agg.m. num. card.

dodici --- 

dol,  prep.     --- 

del, dello --- 

dṍl, v. intr.

dolere  |  al me dṍl la cràpa = mi fa male la testa --- 

dolóos, agg.m.

doloso --- 

dóm, s.m.

duomo – TO | l’è còma ól dóm de Milàa = è come il duomo di Milano  --- 

dòm, s.m.

duomo – MO | l’è còma òl dòm de Milàa = è come il duomo di Milano  --- 

domàa, s.m.

domani --- 

domàa, v.tr.

domare --- 

domandàa, v.tr.

domandare, chiedere --- 

domatòst, s.m.

domani mattina --- 

dòmazzìra, avv.

domani sera --- 

domènega (doméneghi), s.f.

domenica – TO --- 

domènega (domèneghi), s.f.

domenica – MO --- 

domestèch, agg.m.

domestico, docile (riferito agli animali) --- 

domestèga (domestèghi), agg.f.

domestica, docile (riferito agli animali) --- 

dóna dal giṍch, s.f.

caos, cosa che non si sbroglia |’l par ca l’è ruàat la dóna dal giṍch = fa riferimento a una situazione particolarmente caotica | “dóna dal giṍc”: un tempo era il nome attribuito ad un personaggio fantastico, maligno, che veniva evocato per incutere paura (simile alla “magàda”, ma spaventava producendo rumori e luci inspiegabili)   --- 

dóndàa, v. intr.

dondolare, barcollare, vacillare --- 

dóndól, s.m.

dondolo --- 

dòpo, avv. e prep.

dopo, in seguito --- 

dopodomàa, avv.

dopodomani --- 

dopomesdì, avv.

nel pomeriggio --- 

dormentù, s.m.

dormiglione --- 

dórt, s.m.

tordo, uccello simile al merlo --- 

dòs, s.m.

dosso  |  òl dòs de Bǜi = il dosso di Buglio(maggengo sopra Albosaggia) --- 

dósént, agg.m. num.card.

duecento --- 

dòta, s.f.

dote, beni portati dalla donna che va a stare nella casa del marito al momento del matrimonio | l’era porèta, la gheva ca nient de dòta = era povera, non aveva la dote --- 

dótòor, s.m.

dottore --- 

dóvéer, v. intr.

dovere --- 

dózéna, s.f.

dozzina, dodici | ‘na dózéna de ṍöf = una dozzina di uova | ‘n ròp de dózéna = una cosa dozzinale, di qualità scadente TO --- 

dózèna, s.f.

dozzina, dodici | ‘na dózèna de ṍöf = una dozzina di uova | ‘n ròp de dózèna = una cosa dozzinale, di qualità scadente MO --- 

drìto, s.m.

usato solo nell’espressione “fàa ‘l drìto” = fare il furbo --- 

dùa, s.f.

doga della botte --- 

dǜbi, s.m.

dubbio --- 

ducà, avv.

dunque;  espressione di esortazione, stimolo, richiamo  |  vèn ducà! = vieni! |  scià ducà = spicciati! --- 

dücümèet, s.m.

documento --- 

dulàa, v. tr.

lisciare o ridurre di spessore un bastone o un pezzo di legno, con la roncola --- 

dulìi, v. intr.

dolere | sa mangi tàac’ braschèer al me vée a dulìi ‘l vètro = se mangio tante caldarroste mi viene il  mal di pancia  --- 

dùls, agg.m.

dolce --- 

dùlsa (dùlsi), agg.f.

dolce --- 

dulsìi, s.m.

radice dolce, polipodio --- 

dùnca, inter.

dunque? e allora? --- 

duperàa, v. tr.  --- 

adoperare, usare --- 

dùpi, agg. e avv.

doppio --- 

dùpia (dùpi), agg.f. e avv.

doppia --- 

dupiàa, v.tr.

doppiare --- 

düràa, v.intr.

durare --- 

durmìda (durmìdi), s.f.

dormita, sonno ristoratore --- 

durmìi, v.intr.

dormire  |  al dorma dala quarta =  dorme profondamente --- 

dürù, s.m.

durone, callo sotto la pianta del piede --- 

dutrìna, s.f.

dottrina --- 

dùu, n.card.m. (dói, n.card.f.) --- 

due | al gheva dói vachi e dùu vedei = aveva due mucche e due vitelli --- 

dǜur, agg.m.

duro  |  l’è dǜur còma ‘n sàs  = è duro come un sasso --- 

dǜura, agg.f.

dura  |  ai l’è mèt gió dǜra =  si da delle arie, si da importanza --- 

düut, v.intr.

dovuto --- 

e, cong.

e  | ti e mi = tu e io --- 

ècco, avv. e inter.

ecco --- 

ècola, inter.

eccola, ecco, proprio così (vedi “tèla”)  --- 

economìa (economìi), s.f.

economia, parsimonia  |  fàa economìa = risparmiare --- 

édera, s.f.

edera --- 

èera, s.f.

aia, casa condivisa per battere la segale --- 

el (‘l), art. sing.

il, lo; nel dialetto moderno ha sostituito “òl” |’l càa = il cane |’l zücher = lo zucchero --- 

el (‘l), particella pronominale --- 

è utilizzata davanti alla terza persona singolare dei verbi, se il soggetto è maschile o nelle forme impersonali, è sinonimo di “al”| lǜü ‘l giǜga (lǜü al giǜga) = egli gioca  --- 

eletrèch, agg.m.

elettrico --- 

elmèt, s.m.

elmetto --- 

embacǜchìit, agg.

essere vestiti molto pesantemente; rimbambito  |  te sée ‘mbacǘchìit? = ti sei rimbambito? --- 

embalórdìi, v.tr.

confondere --- 

embambólàat, agg.m.

imbambolato --- 

embambólàda  --- 

(embambólàdi), agg.f.

imbambolata --- 

embarcàs, v.intr. pron.

imbarcarsi; intraprendere un’attività complessa  --- 

embastidǜra, s.f.

cucitura, imbastitura --- 

embastìi, v. tr.

imbastire --- 

embatès, intr.pron.

imbattersi, incontrarsi per caso | mé so ‘mbatǜda = mi sono incontrata   --- 

embecàda (embecàdi), s.f.

imbeccata, suggerimento iniziale --- 

embée, inter.

ebbene, dunque – TO --- 

embèe, inter.

ebbene, dunque – MO --- 

embesüida (embesüidi), agg.f.

istupidita, intontita, ottusa  --- 

embesüìit, agg.m.

istupidito, intontito, ottuso  --- 

embesuìs, v. rifl.

istupidirsi, intontirsi --- 

embógiàa, v. tr.

imbucare --- 

embrambìda (embrambìdi), agg.f.

fissata --- 

embrambìit, agg.m.

fissato --- 

embranàat (embranàac’), agg.m.

imbranato, impacciato, tonto --- 

embranàda (embranàadi), agg.f.

imbranata, impacciata, tonta --- 

embratàat, agg.m.

imbrattato, impiastrato, impiastricciato --- 

embrinsiù, s.m.

 fissazione – pensieri  inutili --- 

embròi, s.m.

imbroglio, inganno  |  si dice anche di persona poco stimabile = l’è ‘n ‘mbrói   --- 

embróiàa, v. tr.

imbrogliare, ingannare --- 

embrómbàat (embrómbàc’),agg.m.

bagnato, fradicio, inzuppato – TO --- 

embrómbàda (embrómbàdi),agg.f.

bagnata, fradicia, inzuppata – TO --- 

embrómbàs, v. intr. pron.

infradiciarsi, bagnarsi, inzupparsi, impregnarsi --- 

embrombràda (mbrombràdi), agg.

bagnata, fradicia, inzuppata – MO --- 

embruiù, s.m.

imbroglione --- 

embrunsunàs, intr. pron.

inciamparsi, incespicarsi   (vedi “scapüsciàs”) --- 

embrunsunàs, v. rifl.

inciampare, incespicare    (vedi “scapüsciàs”) --- 

embuscìda, agg.f.

Ingravidata | la càora l’è ‘nbuscìda = la capra è pregna  --- 

embǜstàa, v. tr.

imbustare --- 

embütàa, v.tr.

rinfacciare, imputare e attribuire --- 

emmögià, v. tr.

ammucchiare  |  ‘mmögià ‘l fé = ammucchiare il fieno  --- 

empadrunìs, v.rifl.

impadronirsi --- 

empaiàat, agg.

impagliato --- 

empaiàda (empaiàdi), agg.

impagliata --- 

empalàat, agg.m.

impalato, fermo, immobile; irrigidito | al me se ‘mpalàat ‘na gàmba = mi si è irrigidito una gamba|  si dice anche di persona quando  non sta lavorando = sta ca ilò empalàat !  --- 

empalàda (empalàdi), agg.f.

impalata, ferma, immobile; irrigidita --- 

empalaià, v.tr.

sistemare  i pali nella vigna,  si  rinforzano se traballanti o si  rimpiazzano se troppo deteriorati  (vedi “refondàa”) --- 

empaltàat, agg.m.

infangato, fangoso --- 

empaltàs, v. intr. pron.

sporcarsi, coprirsi, imbrattarsi di fango  --- 

empanàa, v.tr.

impanare --- 

empanìit, agg.m.

infeltrito  --- 

empapinàs, v. intr. pron.

imbrogliarsi nel parlare, confondersi, impappinarsi --- 

emparàa, v.tr.

imparare --- 

empatacàat, agg.m.

impasticciato, imbrattato, insudiciato --- 

empatàla, v. tr.

decidere | sö miga  cóma empatàla = non so come fare, cosa decidere --- 

empédria, s.f.

grosso imbuto in legno, sin. di “pédria” --- 

empée, s.m. e agg.m.

in piedi, ritto; ripido | al Campèi i pràac’ iè ca tàat ‘mpée = al Campei i prati non sono tanto  ripidi --- 

empègn, s.m.

impegno --- 

empegnàs, intr.pron.

impegnarsi --- 

empègolàat, agg.m.

inguaiato  --- 

empestàa, v. tr.

appestare --- 

empestàat, agg.m.

appestato --- 

empetolàs, v. rifl.

immischiarsi  |  trovarsi in un grosso guaio | ti te ca da ‘mpetolaśèn = non te ne devi immischiare --- 

empiastràa, v. tr.

imbrattare, insudiciare, cospargere di unguento --- 

empiastràs, v. intr. pron.

imbrattarsi, insudiciarsi; schiantarsi --- 

empicàat, agg.m.

trovarsi in un grosso guaio o in un posto stretto  |  magro empicàat = molto magro  --- 

empicàs, v. intr. pron.

impiccarsi; mettersi in una situazione difficile, pericolosa, senza via d’uscita --- 

empidìda (empidìdi), agg.f.

impedita; imbranata, goffa, poco agile --- 

empidìi, v. tr.

impedire, ostacolare --- 

empidìit, agg.m.

impedito; imbranato, goffo, poco agile --- 

empidimént, s.m.

impedimento, ostacolo --- 

empidriṍl (empidriṍi), s.m.

imbuto --- 

empiegàat, s.m.

impiegato --- 

empiegàda (empiegàdi), s.m.

impiegata --- 

empilàa, v.tr.

impilare  |  empilà la lègna = impilare la legna --- 

empinìi, v.tr.

riempire, colmare  --- 

empipaśèn, v.rifl.

fregarsene | ’l se ne ‘mpìpa = se ne frega --- 

empontàs, intr. pron.

impuntarsi, ostinarsi  |  al sé ‘mpùnta  cóma ‘n mül = si ostina come un mulo  --- 

emportànt, agg.

importante --- 

empóstor, s.m.

 impostore --- 

emprestàa, v. tr.

prestare --- 

empresunàa, v. tr.

imprigionare --- 

emprǜna (emprǜni), agg.

prona, rovesciata, capovolta --- 

emprünàa, v. tr.

rovesciare, capovolgere  --- 

emprünàs, v. rifl.

cadere, inciampare --- 

emprǜü, agg.

prono, rovesciato, capovolto | ‘n gèrlo ‘mprǜü = una gerla capovolta |  te se emprǜü  cóma ‘n gèrlo = sei rovesciato come una gerla “sei stupido” --- 

en, agg. num. card.

uno   --- 

en, art. sing. m.

un, uno  |  ‘n per de scàrpi = un paio di scarpe | ‘n chìlo de pàa = un chilo di pane --- 

en, particella pron.

è utilizzato per la prima persona plurale dei verbi  | ‘n và = noi andiamo --- 

en, prep.

in  | en ca = in casa --- 

en, pron. pers.

ne, di questo, di quello, di questi, di quelli | ‘n màai amò = ne mangio ancora --- 

ena, art. sing. f.

una; si usa ‘n davanti alle parole che iniziano per vocale e ‘na in tutti gli altri casi | ‘n anetra = un anatra |  ‘na féra = una fiera; ‘na pértéga de pràat = una pertica di prato |’na ròba gròśa = una cosa grossa --- 

enaquàa, v. tr.

irrigare --- 

enàzi, avv.

invece, nel senso di preferire (vedi “inàzi”) | mi ṍi ‘nazi  tartifòi che fasṍi  =  preferisco le patate ai fagioli --- 

enbosolàa, v. tr.

arrotolare  (vedi “bòsola”) --- 

enbosolàat, agg.m.

arrotolato  (vedi “bòsola”) --- 

encantàs, v. rifl.

rimanere immobile, rimanere incantato e stupito; incepparsi --- 

encapelàs, v.rifl.

arrabbiarsi --- 

encartàs, v. intr. pron.

incartarsi, rimanere con carte male utilizzabili (nei giochi delle carte) --- 

encàstras, intr.pron.

incastrarsi |  mè sòo ‘ncastràat = mi sono incastrato; anche trovarsi  in un brutto guaio --- 

encavolàs, v.rifl.

arrabbiarsi --- 

encazìs, v. intr. pron.

intestardirsi, ostinarsi, non cedere --- 

enciócàa, v.tr.

ubriacare --- 

enciócàs, v.rifl.

ubriacarsi --- 

enciodàa, v.tr --- 

fissare qualcosa con uno o più chiodi, inchiodare | ‘nciodàat = inchiodato = anche colpito a morte (vedi “ciodàa”) --- 

enclinàat, agg.

inclinato --- 

encolàat, agg.

incollato --- 

encṍö, avv.s.m.

oggi --- 

encòrges, v. rifl.

accorgersi --- 

encrespàat, agg.

spiegazzato --- 

encrespàda, agg.  --- 

piena di rughe o pieghe, arricciata --- 

encrosàa, v.tr.

incrociare --- 

encrosàat, agg.

incrociato --- 

encròsciàs, v.intr. pron.

accovacciarsi, riferito a gallina che si mette nella posizione di covare --- 

encròsciolàs, v.intr. pron.

accovacciarsi, rannicchiarsi piegando le gambe per riposare o nascondersi --- 

encuciàs, v. intr. pron.

accucciarsi, accoccolarsi --- 

encudeghìit, agg.

inselvatichito, proprio di prato non più coltivato --- 

encùntra, avv.

incontro | l’ava la me vegnéva ‘ncùtra = la nonna mi  veniva incontro --- 

encuntràs, v. intr. pron.

incontrarsi --- 

encùtra, loc.

 andare incontro | al rua ‘l pà, dom ca ‘nghe va ‘ncùtra = il papà sta arrivando, andiamogli incontro --- 

enda ‘n formìga, --- 

formicolare | al me va ‘n furmìga ‘na màa = mi formicola una mano brulicare --- 

endà ‘nréet, v. intr.

retrocedere; peggiorare le condizioni economiche o di salute  --- 

endà fó, v. intr.

uscire | vàn fó di pèe! = vattene – TO --- 

endà fò, v. intr.

uscire | vàn fò di pèe! = vattene – MO --- 

endà réet, v. intr.

seguire, imitare, prendere esempio --- 

endàa ‘n furmìga, v.tr.

formicolio | ‘l me va ‘n furmìga ‘na gàmba = ho un formicolio in una gamba --- 

endàa in eméus, v.tr.   --- 

dimenticare, confondersi, perdersi via | l’è ‘ndàc’ in eméus = è andato in confusione --- 

endàa, v. intr.

andare, procedere, funzionare | ‘ndàa debòt = andare in fretta; ‘ndàa giózzóta = andare da basso; ‘ndàa bée = andare nel migliore dei modi; ‘ndàa a balìi = andare male;  ‘ndàa a pichi - cadere rovinosamente --- 

endàc’ iscé (iscè), agg.

avariato |‘ndàc’ iscé = andato a male, avariato --- 

endàc’, agg.

andato, finito, spacciato --- 

endàcia iscé (iscè), (pl.endàci), agg.

finita, spacciata; avariata --- 

endàna, s.f.

erba che si ammucchia dietro al falciatore e anche fieno raccolto con rastrello a file lunghe (vedi “endana”) | l'è 'ndàc' a tràa fò li ‘ndàni = è andato a spandere le file di erba/fieno --- 

endegàat, avv.

mentre, intanto, nel frattempo |’ndegàat ca te pòset  van gió ‘n cantina a tõ ‘l vìi= mentre riposi  vai in cantina a prendere il vino (vedi  “ ‘ntàat”) --- 

endegnàa, v.tr.

infettare, irritare --- 

endegnaas, v. rifl.

infiammarsi --- 

endegnàat, agg.m.

infettato, ferita non curata che tende a incancrenirsi --- 

endegnàda, s.f. e agg.f.

infettata, infetta --- 

endèl, prep.

nel, nello   --- 

endèla, prep.

nella --- 

endéli, prep.

nelle – TO --- 

endèli, prep.

nelle – MO --- 

endes, s.m.

uovo che rimane nel pollaio come riferimento per le galline per depositarle l'uovo nel posto giusto --- 

endi, prep.

nei, negli     --- 

endiavólàat, agg.

indiavolato --- 

endormèet, agg.m.

addormentato --- 

endórmentàs, v. intr. pron.

addormentarsi --- 

endormèta (endorméeti), agg.f.

addormentata – TO --- 

endormèta (endormèeti), agg.f.

addormentata – MO --- 

endòs, avv.

indosso, addosso --- 

endrizàa sǜ, v. tr.

sgridare, correggere, riportare all’ordine --- 

endrizàa, v. tr.

raddrizzare, far tornare diritto --- 

endùa, avv.

dove  --- 

endügiàa, v. tr.

aspettare   |  ò ‘ndügiàat ‘n momént = ho aspettato un attimo  --- 

endulsìi, v.tr.

addolcire --- 

enfarinàat. agg.m.

infarinato --- 

enfarinàda (enfarinàdi). agg.f.

infarinata --- 

enfàti, cong.

infatti  --- 

enfèren, s.m.

inferno  --- 

enfésc’, s.m.

impiccio, ostacolo, grattacapo – TO --- 

enfèsc’, s.m.

impiccio, ostacolo, grattacapo – MO --- 

enfesciàa, v. tr.

impedire, ostacolare --- 

enfesciàat, agg.m.

inguaiato; indigesto, dall’intestino appesantito  --- 

enfesciàda (enfesciàdi), agg.

inguaiata; indigesta, dall’intestino appesantito --- 

enfesciàs, v. rifl.

intromettersi, andare a mettersi e rimanere in qualche impiccio --- 

enfeziù, s.f.

infezione (vedi “endegnàda”) --- 

enfiàat (enfiàac’), agg.m.

gonfio | le levàat sǜ coi öc’ ‘nfiàac’ = si è alzato con gli occhi gonfi --- 

enfiàda (enfiàdi), agg.f.

gonfia | la ghà ‘na cavìgia ‘nfiàda = ha una caviglia gonfia --- 

enfiamàat (enfiamàc’), agg.m.

infiammato | al sé enfiamàat = si è arrabbiato | li gingivi ‘nfiamadi = le gengive infiammate --- 

enfiamàda (enfiamàdi), agg.f.

infiammata | la sé enfiamàda = si è arrabbiata | la ghà ‘na gingìva ‘nfiamada = ha una  gengiva infiammata --- 

enfiamàs, v.rifl.

infiammarsi --- 

enfilàa, v. tr.  --- 

infilare; far passare per un foro  |  ‘nfilà la gǜgia = infilare l’ago | l’ò  ‘nfilàat = l’ho cacciato  via  --- 

enfilsàa, v. tr.

infilzare, trafiggere --- 

enfilsàs, v. rifl.

infilzarsi, trafiggersi --- 

enfingàart, agg.m.

infingardo --- 

enfisàs, intr.pron.    --- 

intestardirsi; essere testardo  |  l’è ‘nfisàat  cóma ‘n mül = è testardo come un mulo --- 

enfògió, avv.

laggiù, in giù (in giù in fuori) (vedi “làagió”) --- 

enfrascàa, v.tr.

infrascare --- 

enfregiàat, agg.m.

raffreddato | te see ‘nfregiàat = sei raffreddato --- 

enfregiàda (enfregiàdi), agg.f.  --- 

raffreddata | l’è tüta ‘nfregiàda = è raffreddata, ha il raffreddore --- 

enfregiolèet, agg.m.

infreddolito  (vedi “fregiólóos”) --- 

enfregiolèeta, agg.f.

infreddolita   --- 

enfruènza (enfluènzi), s.f.

influenza  --- 

enfularmàat, agg.m.

preoccupato, infervorato, agitato --- 

enfularmàda (enfularmàdi), agg.f.

preoccupata, infervorata, agitata --- 

enfularmàs, v. intr. pron.

preoccuparsi, infervorarsi, agitarsi --- 

engabolàa, v.tr.

imbrogliare | te se fàc’ ‘ngabolàa = ti sei fatto imbrogliare --- 

engalüzìit, agg.m.

ingalluzzito, ardito --- 

engàmba, agg.

capace, abile; gode di ottima salute | te se bèl ‘ngàmba = sei in forma, in salute --- 

engarbòiàa, v.tr.

aggrovigliare --- 

engarboiàat, agg.m.

complicato, difficile, ingarbugliato --- 

engarboiàda (engarboiàdi), agg.f.

complicata, difficile, ingarbugliata --- 

engeràa, v.tr.

inghiaiare, insabbiare | ‘ngeràa li stràdi = mettere la ghiaia sulle strade  --- 

engeràat, agg.m.

non aver digerito, avere tutto sullo stomaco  | me sòo ‘ngeràat = mi sono riempito troppo; ho fatto una indigestione  --- 

engeràda, agg.f.

insabbiata | la stràda l’è ‘ngeràda = la strada è insabbiata  --- 

(vedi “ ’nsabbiàda”) --- 

enghée?, avv.

dove? | ‘nghèe ca l’è? = dov’è? --- 

engìgn, s.m.

ingegno   | te ghée ca gnàa òl mìnem ‘ngìgn = non hai nemmeno le minime capacità   --- 

engignàat, agg.

ingegnato, arrangiato | me sòo ‘ngignàat = mi sono arrangiato --- 

engignàs, v. intr. pron.

ingegnarsi, arrangiarsi; capacità di disimpegnarsi in ogni circostanza  --- 

engiönögiàs, v. intr. pron.

inginocchiarsi, genuflettersi  --- 

engiuinàa, v. tr.

indovinare |’ngivina mó = indovina un po’ --- 

engórda (engórdi), agg.f.

ingorda --- 

engórt (engórc’), agg.m.

ingordo --- 

engosàs, v. rifl.

ingozzarsi; riferito a cibo rimasto sul gozzo (nella parte superiore del tubo digerente) --- 

engrafignàat (engrafignàc’),agg.m.

intorpidito, anchilosato, impedito nel movimento gli arti,  ad esempio mano o piede privi di sensibilità  (vedi “brèvet”) --- 

engrafignàda (engrafignàdi), agg.f.

intorpidita, anchilosata, movimento difficoltoso di un arto,  ad esempio la mano priva di sensibilità  (vedi “brèvet”) --- 

engranàa, v.tr.

ingranare, riuscire | al ne 'ngrana ca gnaa una = non ne fa una di giusta --- 

engranàat (engranàc’), agg.m.

ubriaco | cióch ‘ngranàat = ubriaco fradicio  --- 

engranàda (engranàdi), agg.f.

ubrica --- 

engranàs, v.rifl.

ubriacarsi --- 

engrandìi, v.tr.

ingrandire --- 

engrasàa, v.tr.  --- 

ingrassare | ‘ngrasàa ‘l pràat = concimare il prato  --- 

engrosàat, agg.

ingrossato --- 

engrüfèet, agg.

dall'aspetto malaticcio, triste e arrabbiato, demoralizzato --- 

engrufiit, agg.

irritato, furente e insieme impaurito  --- 

engrügnìit, agg.

contrariato, arrabbiato, immusonito, ingrugnito --- 

engrupìit, agg.

rattrappito | l’è tǜt ‘ngrupìit = è tutto rattrappito quasi gobbo --- 

engrupìs, v.rifl.

anchilosarsi --- 

engruśìit (engruśìic’), agg.

pieno, zeppo, gremito | ‘ngrusìit de furmìghi = pieno di formiche  --- 

engubìs, v. intr. pron.

ingobbirsi, diventare sempre più gobbo --- 

engüràa, v. tr.

augurare | te 'ngüri da fa bèl = ti auguro di divertirti| ah! sa me 'ngüri ca! = ah! come non mi auguro! --- 

engüràs, v.rifl.

augurarsi --- 

engurdìsc’, agg.

ingordo, ghiotto, avido --- 

engüzzàa, v.tr.

rendere appuntito, aguzzare --- 

enpée, s.m. e agg.

in piedi, ritto, ripido | al Campèi i pràac’ iè ca tàat ‘mpèe = al Campei i prati non sono tanto ripidi  --- 

enpéna (enpéni), agg.

ripida --- 

enquièt, agg.

inquieto --- 

enrabbias, v. intr. pron.

arrabbiarsi --- 

enréet, avv.

indietro   | cargàat ‘ndréet = duro di comprendonio | l’è restàat ‘nréet = è rimasto indietro  --- 

enrìc’, loc.

al diritto | te l’è ca sǜ da ‘nrìc’ òl maglìi = non l’hai messa al diritto la canottiera --- 

enrisciàa, v. tr.

acciottolare, coprire di ciottoli una via o una piazza --- 

ensabbiàda (ensabbiàdi), agg.f.

insabbiata  (vedi “ ’ngeràda”) --- 

ensacàa, v. tr.

insaccare, raccogliere in un sacco; introdurre la carne di maiale, lavorata e macinata, in budelli per la confezione di salumi --- 

ensacàda, s.f.

insaccata --- 

ensalàta (ansàlàta), s.f --- 

insalata --- 

ensalvadegàs, v.rifl --- 

inselvatichirsi --- 

ensaunàa, v. tr.

insaponare --- 

ensciüchìs, v.rifl.

assopirsi --- 

ensegnàa, v.tr.

insegnare --- 

ensèm, s.m. e avv.

assieme, insieme | ’nèm de róbi = un insieme di cose; an s’è tüc’ ‘nsèm = siamo tutti assieme --- 

enséma, avv.

assieme, insieme --- 

enseràat, agg.

costipato, influenzato  --- 

ensìn, loc.

usato nell’espressione “te pṍdet ‘nsìn” = puoi farne a meno, non devi disturbarti  --- 

ensìna, loc.

vedi “ensìn” --- 

ensìst, v.intr.

insistere --- 

ensofregàa, v.tr.

dare lo zolfo (vedi “zofregàa”)  --- 

ensóm, loc.

in cima | sǜ ‘nsom a ‘na selva de castàa = in cima a una selva dei castagni --- 

ensóma, avv.

insomma --- 

ensommiàs, v. rifl.

sognarsi | té sé réet a ‘nsommias? = ti stai sognando? cosa stai dicendo? --- 

ensoportabél, agg.

insopportabile --- 

ensüìi, agg.

supino | mi dòrmi ‘nsüìi = io dormo supino --- 

ensumigliàs, v. rifl.

assomigliare, assomigliarsi --- 

ensürìda (ensürìdi), agg.f.

avvilita, depressa, moralmente stanca e abbattuta --- 

ensürìit, agg.m.

avvilito, depresso, moralmente stanco e abbattuto --- 

ensurtìs, v.rifl.

sortire, decidersi | te se ‘nsurtìset? = ti decidi ? --- 

entàat, avv.

intanto, mentre, durante --- 

entaiàa, v.tr --- 

intagliare il legno --- 

entasàat, agg.

intasato; costipato --- 

entàt, agg.

intatto, intonso --- 

entèet, agg.

intento, indaffarato --- 

entèndes, v. intr.

intendere, comprendere | làghet ca ‘ntènt de andàa a spàss = non osare, non lasciare intendere, non farti sentire che vai a spasso    --- 

entendès, v. rifl.

intendersi --- 

entènt, s.m.

intento --- 

entènt, v. tr. e intr.

capire, intendere | ruàch a daghèla de ‘ntènt = riuscire a fargliela capire | al me la po’  dàcia de ‘ntènt = ha voluto farmi credere --- 

entènta (entènti), agg.

intenta, indaffarata --- 

enteresànt, agg.

interessante --- 

enteresànta (enteresànti), agg.

interessante --- 

enteresàs, intr.pron.

interessarsi, darsi da fare --- 

enterogatòri, s.m.

interrogatorio --- 

entestàa, v.tr.

intestare (intestare proprietà) --- 

entevedǜüt, agg.

avveduto, sveglio --- 

entimàa, v. tr.

intimare, minacciare --- 

entiśàa, v.intr.

saziare, dar da mangiare --- 

entiśàs, v.rifl --- 

saziarsi di cibo  --- 

entividìi, v.tr.

intiepidire (vedi “tévet”) --- 

entórbólàa, v. tr.

intorbidire o intorbidare --- 

entóren, avv.

intorno, circa, all’incirca --- 

entośegàa, v. tr.

intossicare, avvelenare --- 

entośegàs, v.rifl.  --- 

intossicarsi, avvelenarsi --- 

entràa, prep.

tra, fra  |  ‘ntràa de nùu = tra di noi   --- 

entràc’, s.m.

sorso, un goccio |bìif ‘ntràc’ de vìi = bere un sorso di vino (vedi “sórs”) --- 

entràch, v. intr.

entrarci, essere coinvolto --- 

entràchen, agg.m.

non semplice, macchinoso, scadente anche di persona strana, di poco valore | ‘ntràchen de ü = una persona strana, non normale --- 

entrachenàda, s.f.

diavoleria congegnata malamente --- 

entrapolàa, v. tr.

intrappolare, imbrogliare --- 

entràsenfó, intr.pron.

capire, risolvere | gh’è la fò ca a ‘ntràsen fó = non riesco a capire, non riesco a risolvere il  problema   --- 

entravidìi, v.tr --- 

intravedere --- 

entréech, agg.m.

intero,  anche riferito ad una persona tonta, poco sveglia --- 

entréga (entréghi), agg.f.

intera,  anche riferito ad una persona tonta, poco sveglia – TO --- 

entrèga (entrèghi), agg.f.

intera,  anche riferito ad una persona tonta, poco sveglia – MO --- 

entremès-cia, agg.f.

utilizzato solo nell’espressione: l’ǜa l’è ‘ntremès-cia = l’uva è metà rossa e metà verde  --- 

entremògia, s.f.  --- 

persona poco sveglia anche un po’ ritardata --- 

entresciàa, v.tr --- 

intrecciare --- 

entromètès, v. rifl.

immischiarsi, impicciarsi, intromettersi | ‘ntromètès ca ! = non intrometterti ! --- 

entunàa, v.tr --- 

intonare --- 

entuntìda (entuntìdi), agg.

intontita --- 

entuntìit, agg.

intontito, tonto --- 

entupegàs, v. rifl.

inciamparsi, incespicarsi  (vedi “scapüsciàs”) --- 

envàli, avv.

che vale, fatto bene --- 

envéci, avv.

invece --- 

envédia, s.f.

invidia | sa no ca ‘nvèdia! = non ti invidio proprio! --- 

envédia, sf.

invidia  |  n’ò ca ‘nvédia = non ho invidia  --- 

enventàa, v. tr.

inventare  |  ‘nvéntàn de tǜc’ i cólóor = inventarne di tutti i colori  --- 

envèren (anvèren), s.m.

inverno  |  d’envèren al fa fréc’ = d’inverno fa freddo,  la’nvèren pasàat / pasàda = l’inverno scorso --- 

envernisàa, v. tr.

verniciare, pitturare --- 

envernisàat, agg.m.

verniciato, pitturato --- 

envernisàda (envernisàdi), agg.f.

verniciata, pitturata --- 

envernìsc’, agg.

relativo all’inverno --- 

envèrs, agg.m.

 --- 

maldisposto, di cattivo umore| laghem ès stadómàa ca sóo già ‘nvèrs abòt = lasciami stare stamattina che sono gia molto di cattivo umore --- 

rovescio, al rovescio | anche di persona irritata | l’é envèrs = è irritato, nervoso | da ‘nvèrs = a rovescio | ‘na màgia da ’nric’ è una da ‘nvers = una maglia a diritto e una a rovescio --- 

envèrsa (envèrsi), agg.f.

rovescio  | anche di persona irritata | l’é envèrsa = è irritata, nervosa | la màa ‘nvèrsa = la mano sinistra --- 

enversàa, v. tr.

rovesciare, rivoltare --- 

enversàat, agg. m.

rovesciato --- 

enversàs, v. intr. pron.

rovesciarsi, cadere malamente --- 

envià fó, v. tr.

 diffondere |‘nviàa fó li vàchi =  far uscire le mucche dalla stalla – TO --- 

envià fò, v. tr.

diffondere | ià ‘nviàat fò la baiàda … =  si è diffusa la voce …  – MO --- 

envià gió, v. tr.

inghiottire, subire | ’nviela gió tuta la midisina = inghiottisci tutta la medicina| ‘nviàli gió tǜti = subire senza possibilità di reagire --- 

envià itè, v. tr.

immettere  | ‘nvià itè l’àcqua n’ dèl pràat = immettere l’acqua nel prato per irrigarlo (quando c’erano le rogge)  --- 

envià sǜ, v. tr.

iniziare a cucinare  --- 

enviàa, v. tr.

iniziare, incominciare; avviare --- 

enviàs, intr.pron.

avviarsi  |  ‘n sé inviàa = ci avviamo, iniziare un cammino  --- 

envidàa, v. tr.

avvitare --- 

envidiàa, v. tr.

invidiare --- 

envidiṍs, agg.m.

invidioso --- 

envidiósa (envidiósi), agg.f.

invidiosa --- 

envigìda (envigìdi), agg.f.

invecchiata --- 

envigìit, agg.m.

invecchiato --- 

enviperìda (enviperìdi), agg.f.

inviperita, molto arrabbiata --- 

enviperìit, agg.m.

inviperito, molto arrabbiato --- 

enźèrnàat, agg.

senza affilatura, lama di un coltello che perde l’affilatura --- 

enźèrnada (enźèrnadi), agg.             --- 

falce con il filo della lama danneggiato, non taglia bene    --- 

èrba dèl saù, s.f.

saponaria --- 

èrba dóna, s.f.

erba infestante che secerne un liquido giallo --- 

èrba ìva, s.f.

achillea moscata, erba iva (vedi “fiṍr de mùut”) --- 

èrba scènsa, s.f.

assenzio --- 

èrba, s.f.  --- 

erba --- 

èrbi sèchi --- 

verze appese essiccate da utilizzare per la minestra in inverno --- 

èrbi, s.f.

coste (verdura) --- 

ès, v. ausiliare e intr.

essere | lagàa ès = lasciar correre  | ès sótsùra = essere in discordia (vedi “vès”) --- 

esémpi, s.m.

esempio, imitazione  |  tṍö gió esémpi = prendere a modello – TO --- 

esèmpi, s.m.

esempio, imitazione  |  par esèmpi = per esempio – MO --- 

esercìzi, s.m.

esercizi, esercitazione; osteria, bottega --- 

esetàa, v.tr.  --- 

sopportare, usato solo nella frazione Centro --- 

esploradóor, s.m.

esploratore --- 

espòst, s.m.

trovatello  --- 

estàat, s.f.

estate --- 

èster, s.m.

estero --- 

etèrno (etèrni), agg.m.

eterno  | ‘n se mìga etèrni = non siamo eterni   --- 

èto (éti), s.m.

ettogrammo  | dùu éti de brisàola = due etti di bresaola –TO --- 

èto (èti), s.m.

ettogrammo  | ‘n èto de brisàola = un etto di bresaola – MO --- 

fà bée, loc.v.

fare bene, fa bene -TO  --- 

fà bèe, loc.v.

fare bene, fa bene – MO | bìif àcqua al fa bèe = bere acqua fa bene --- 

fà bèl, loc.v.

abbellire, rendere piacevole, passare un bel momento; fa bene | la camamèla la fa bèl par òl màl de vètro = la camomilla fa bene per il mal di pancia --- 

fà fó, loc.v.

mescere, versare; sgranare, sgusciare |  fa fó li guàti = sgusciare i fagioli – TO  --- 

fà fò, loc.v.

mescere, versare; sgranare, sgusciare – MO  |  fà fò ‘l tṍrch = sgranare il granoturco --- 

fà gió, loc.v.

disegnare, ritrarre; sminuzzare, spezzettare; tagliare; scendere le scale; soffiare il naso | fà gió ‘l nàas = soffiare il naso | fà gió la pólver =  spolverare --- 

fà ià, loc.v.

spalare; allontanare  | fà ià la nìif = spalare la neve  --- 

fà ité, loc.v..

ricavare qualcosa da qualche materiale o da una persona| só ca che fa ité ‘ndèl  me fiṍl  = non so cosa fare con mio figlio, perché non fa giudizio – TO --- 

fà itè, loc.v.

ottenere qualcosa da qualche materiale o da una persona| fà itè ‘l mànech  ‘ndèl sügürèl = fare il manico all’accetta – MO --- 

fa paìscia, s.m.

fare leva utilizzando la “lévera” o lo “źapìi” --- 

fà réet, loc.v.

curare, accudire  --- 

fà scià, loc.v.

cucinare | fàa scià da maiàa = cucinare  --- 

fa spàs, loc.v.

giocare | a tǜc' i rèdès al ghe pias fa spàs = a tutti i bambini piace giocare --- 

fà sǜ, loc.v.

costruire, realizzare, confezionare |  fà  sǜ  li scàli = salire le scale | fà sǜ ‘l lèc’ = rifare il letto | fà sǜ ‘l ciù = lavorare la carne del  maiale   --- 

fà sü da bèl, loc.v.

corteggiare, incensare, adulare, lusingare, ossequiare | quànca li ‘ncuntri, sèmpri al me fa sü da bèl = quando lo incontro mi corteggia sempre --- 

fàa, v. tr.

fare, praticare; compiere, fabbricare, realizzare; modo di fare, comportamento; partorire; fare (riferito al tempo)  |  fà bèl = ottenere un risultato positivo; divertirsi  | fà cìto = tacere  |  fàa a mèz = dividere a metà, spartire | fàgla pó bùna! = dagliela vinta! |  ‘l  gh’à ‘n bèl  fàa = ha un bel modo di fare | la vàca l’à fàc’ = la mucca ha partorito |  al fà bèl  tèep = fa bel tempo --- 

fàbrica (fàbrichi), s.f.

fabbrica, stabilimento, opificio industriale --- 

fabricéer, s.m.

fabbriciere, consulente nell’amministrazione dei beni della parrocchia  --- 

fàcel (fàcei), agg.m.

facile --- 

fàcia (fàci), s.f.  --- 

faccia, viso  |  fàcia de tòla = faccia tosta --- 

fadìga (fadìghi), s.f.

fatica --- 

fadigàa, v. intr.

faticare, affaticarsi --- 

fadigóos, agg.m.

faticoso --- 

fadigósa (fadigósi), agg.f.

faticosa --- 

fagòt, s.m.

fagotto --- 

fàla (fàli), s.f.

falla, imperfezione in un manufatto (specie in una stoffa) --- 

faladìsc’, agg.m.

senza frutto, sterile (vedi “stèrlo”) --- 

faléc’, sm.sing.

strame, fogliame  che serve per il giaciglio alle mucche nella stalla  --- 

falìi, v.intr.

perdere le forze per stanchezza; fare fallimento --- 

falìva, s.f.

favilla, scintilla, leggero frammento di legna infiammato che esce da un fuoco svolazzando nel circondario --- 

fàls, agg.m.

falso --- 

fàlsa (fàlsi), agg.f.

falsa --- 

fàm, s.f.

fame  |  lónch  cóma la fàm = lungo come la fame (modo di dire lungo oltre misura) |  trìi èffe: fàm, fǜm, frèc’ = tre effe: fame, fumo, freddo  --- 

fàmada, s.f.

apertura senza infissi del solaio --- 

famadù, s.m.

grossa apertura senza infissi del solaio, più grande della “famàda”  --- 

faméi, s.m.

garzone, servitore   |  sóo stàc’ a faméi = sono andato a lavorare come garzone (a volte si lavorava solo per avere in cambio il vitto e l’alloggio) –TO --- 

famèi, s.m.

garzone, servitore   |  sòo stàc’ a famèi = sono andato a lavorare come garzone (a volte si lavorava solo per avere in cambio il vitto e l’alloggio) –TO --- 

fanàtèch, agg.m.

fanatico --- 

fanàtèga (fanàteghi), agg.f.

fanatica --- 

fanegutù, s.m.

fannullone, lazzarone --- 

fanèstra (fanèstri), s.f.

finestra| urìs scià la fanèstra ca l'e còlt = apri la finestra che è caldo --- 

fanestrṍl, s.m.

finestrella --- 

fànt (fànc’), s.m.

fante, soldato di fanteria; fante (carta da gioco)  --- 

farè, s.m.

fabbro ferraio  (vedi “ferèer”) --- 

farìna (farìni), s.f.

farina  |  farìna giàlda = farina di mais | farìna nìgra (farìna de formentù) = farina di grano saraceno | farìna de sìghel = farina di segale --- 

farinèl (farinéi), s.m.

erba infestante  commestibile – TO --- 

farinèl (farinèi), s.m.

erba infestante commestibile  – MO --- 

farinóos, agg.m.

farinoso --- 

farinósa (farinósi), agg.f.

farinosa --- 

fàs fó, v. intr. pron.

emanciparsi, prendere iniziative – TO --- 

fàs fò, v. intr. pron.

emanciparsi, prendere iniziative – MO --- 

fàs sǜ, v. intr. pron.

ingrandirsi, espandersi, arricchirsi --- 

fàs sǜ, v. rifl.

conciarsi, sporcarsi  |  fàs sǜ  cóma  ‘n ciù = sporcarsi come un maiale --- 

fàs tè, v. intr. pron.

prendere confidenza e familiarità, attaccar discorso | al gà ‘n bèl càrater, al se fa itè con tǜc’ = ha buoni rapporti con tutti --- 

fàśa (fàśi), s.f.

fascia per  neonati; fascia con la quale i soldati si avvolgevano le gambe --- 

faśà sǜ, v. tr.

fasciare, bendare --- 

faśàa, v. tr.

fasciare, bendare --- 

faśarṍl (fasarṍi), s.m.

fascera  |  fascia circolare in legno usata per inserire la pasta del formaggio (féta) per ottenere la forma rotonda  --- 

faśèra (faśeri), s.f.

fascera, sinonimo di “faśarṍl” --- 

faśìna (faśìni), s.f.

fascina --- 

fasṍl (fasṍi), s.m.

fagiolo --- 

fasòlèer, s.m.

pianta di fagioli  |  si dice anche di persona alta e goffa --- 

fàss, v.intr.

farsi  |‘l laóra fàss = sta facendosi --- 

fastédi, s.m.

fastidio  |  ciapàa fastédi = prendere un malore, svenire; te me dée fastédi = mi infastidisci --- 

fàt, agg.m. (fàta, fàti), agg.f.

insipido, insipida; senza sale  |  si dice anche di persona insulsa --- 

fatǜra (fatǜri), s.f.

fattura commerciale; mano d’opera per la confezione di abiti o di altri manufatti  --- 

fàva (fàvi), sf.

fava; anche terza persona del passato del verbo fare  |  l’à cüntàat sǜ la ràva e la fàva = ha raccontato tutto nei minimi particolari  --- 

favèla, s.f.

favella, facoltà di parlare  |  l’à pèrs la favèla = ha perso la parola --- 

fée, s.m.

fieno – TO  |  òl prǜm fée, òl cóort, òl tersṍl = il primo, il secondo, il terzo taglio; in alta montagna i tagli erano solo due  --- 

fèe, s.m.

fieno – MO  |  ‘ndàa rèet a fèe = andare a lavorare il fieno; ‘muntunàa ‘l fèe = raccogliere il fieno a piccoli mucchi --- 

fèmma (fémmi), s.f.

femmina, moglie – TO --- 

fèmma (fèmmi), s.f.

femmina, moglie – MO --- 

fèmna (fémni), s.f.

femmina, moglie – TO --- 

fèmna (fèmni), s.f.

femmina, moglie  – MO --- 

fenarṍl (fenarṍi), s.m.

insetto del fieno --- 

féora da piàch, s.f.

herpes --- 

féora, s.f.  --- 

febbre  |  ‘na féora da cavàl = una febbre altissima  --- 

féorèer, s.m.

febbraio --- 

fèr, s.m.

ferro --- 

féra, s.f.

fiera, mercato   |  ala fìi dèla féra = in conclusione --- 

feràa, v. tr.

ferrare, mettere i ferri sotto le zampe dei muli e dei cavalli --- 

feràda (feràdi), s.f.

inferriata --- 

feraóst, s.m.

ferragosto, la festa della Madonna del 15 agosto --- 

ferèer, s.m.

fabbro ferraio  (vedi “farè”) --- 

fèrla, s.f.

verga, ramoscello dritto e lungo senza diramazioni --- 

fermàs, v.rifl.

fermarsi --- 

ferǜdi, s.f. pl.

castagne lessate --- 

ferùia, s.f --- 

ferrovia --- 

féscia, s.f. sing.

feccia, residuo di vino rossiccio e denso che si deposita nel fondo delle botti --- 

fèsta (fésti), s.f.

festa, giorno festivo – TO --- 

fèsta (fèsti), s.f.

festa, giorno festivo – MO --- 

festegiàa, v.tr.

festeggiare --- 

fèta, s.f.

porzione, fetta (di torta, di polenta; latte appena cagliato, molle   --- 

fetàl, s.m.

piccola fetta --- 

fiàat, s.m.

fiato, respiro  |  al fa sta giò òl fiàat = fa preoccupare, opprimere   --- 

fiàca (fiàchi), s.f. e agg.f.

fiacca |  al bàt la fiàca = fa finta di essere stanco  --- 

fiàch, agg.m.

fiacco, stanco, indolente --- 

fiadàa, v.intr.

fiatare, respirare  |  làghem fiadàa = lasciami stare, non opprimermi --- 

fiàma (fiàmi), s.f.

fiamma --- 

fiamàda (fiamàdi), s.f.

fiammata --- 

fiamifèr, s.m.

fiammifero (vedi "zufrighii") --- 

fiasch, s.m.

fiasco --- 

fìc’, s.m.

affitto  |  te sé  cóma ‘n fìc‘ = sei come un affitto, un peso (ad. es. farsi mantenere) --- 

fìca (fìchi), s.f.

dispetto, scherzo  |  fa fìchi = fare dispetti   --- 

ficiàa, v.tr.

affittare --- 

ficóos, agg.m. (ficóśa, ficóśi), agg.f.

dispettoso, dispettosa --- 

fidansamèet, s.m --- 

fidanzamento --- 

fidàs, intr.pron.

fidarsi --- 

fìdech, s.m.

fegato  |  al me fa mangiàs ‘l fìdech = mi fa arrabbiare talmente tanto che mi si consuma il fegato --- 

fidelòch, s.m.

minestra di spaghetti --- 

fidilìi, s.m.

pasta lunga e sottile --- 

fidǜcia, s.f --- 

fiducia --- 

fìfa, s.f. sing.

fifa, paura --- 

fifù, agg.m. (fifùna, fifùni), agg.f.

fifone, fifona; pauroso, paurosa; vigliacco, vigliacca --- 

fighèer, s.m.

fico (pianta) --- 

figǜra (figǜri), s.f.

figura, aspetto; figura (re, donna, fante) nel gioco delle carte  | fàa ‘na figǜra = fare una figuraccia --- 

figüràs, intr.pron.  --- 

figurarsi!  |  figüràs = figuriamoci! --- 

figǜret, inter.

figurati --- 

fìi, agg.m.

fine sottile; fine, acuto di mente, preciso; signorile --- 

fìi, s.f.

fine, conclusione | a la fìn fìi = in fin dei conti --- 

fìich, s.m.

fico (frutto) --- 

fìl (fìi-i), s.m.

filo  --- 

fìla (fìli), s.f.

fila, lunga serie, grande quantità --- 

filàa, v.tr.

filare  |  filàa rìc’ = rigare diritto (comportarsi bene)|  iè filàc’ gió dala stèśa rùca = sono stati filati con la stessa rocca, sono fatti della stessa pasta ovvero sono uguali   --- 

filàgna (filàgni), s.f.

filamento (solitamente del formaggio), anche filo con amo per pescare --- 

filaròt (filaròc’), s.m.

filo sfilacciato --- 

fildefèr, s.m.

filo di ferro --- 

filèt (filéc’), s.m.

filetto – TO --- 

filèt (filèc’), s.m.

filetto – MO --- 

filòch, s.m.

filamento di fibra tessile di scarto; filamento che si stacca dalla carne lessata; filo interno dei cornetti troppo maturi --- 

filógna (filógni), s.f.

filastrocca, piccola recita --- 

filónga (filónghi), s.f.

filo d’erba --- 

filòsera, s.f.

malattia della vite --- 

filòzzera, s.f.

tipo di innesto, propaggine --- 

filù, agg.

avveduto, furbo (anche in senso spregiativo) --- 

filù, s.m.

usato  nell’espressione : ‘l filù dèla schéna = spina dorsale --- 

fina (fìni), agg.f.

fine sottile  | ària fina = aria buona --- 

fìna, prep.

sino, persino   |  fìnamài = abbastanza = fìna finòrum = da molto tempo   --- 

finàaza (finàzzi), s.f.

confine tra una proprietà e l’altra | detto anche òl tèrmen = il confine fissato da un sasso conficcato nel terreno --- 

finadès, avv.

finora, sinora --- 

finalmèet, avv.

finalmente --- 

finamài, avv.

abbastanza, anche troppo; già da tempo --- 

finìi,  v.tr.

finire --- 

fiòca, s.f.

neve  | al vèe la fiòca = sta per nevicare --- 

fiocàa, v. intr.

nevicare --- 

fiocàda (fiocàdi), s.f.

nevicata --- 

fiṍl, s.m.

figlio --- 

fióor, s.m.

fiore; seme di fiori nel gioco delle carte   --- 

fiór de mùut, s.m.

achillea moscata, erba iva --- 

fiórèt, s.m.

fioretto --- 

fiòsc’, s.m.  --- 

figlioccio, di Battesimo o Cresima --- 

fiòscia (fiòsci), s.f.

figlioccia di Battesimo e Cresima --- 

firligòt (firligòc’), s.m.  --- 

filaccio di metallo di uso generico --- 

firligòtada (firligòtadi) s.f.

legaccio ingrovigliato mediante un filaccio di metallo | l'à fàc' sü 'n firligòtada atóren al pàal col fìldefèr = ha effettuato una legatura aggrovigliata attorno al palo con il filo di ferro --- 

fiśa, s.f.

spicchio  |  ‘na fiśa de ài = uno spicchio di aglio  (vedi “spìch”) --- 

fisàa, v.tr.

fissare --- 

fisaziù, s.f --- 

fissazione (vedi “embrinsiù”) --- 

fisèch, s.m.

fisico nel senso di corpo --- 

fisèla, s.f.

cordicella usata dai muratori per tenere la linea orizzontale dei muri  --- 

fìsica, s.f.

ipnosi | al gh’éva dàc’ la fìsica = l’aveva ipnotizzato --- 

fitù, s.m.

piccolo cuneo in ferro, dotato di anello, che si piantava in un tronco al fine di trainarlo con una corda --- 

fiuchisnàa, v. intr.

nevischiare --- 

fiǜm, s.m.

fiume --- 

fiurida (fiuridi), agg.f.

fiorita --- 

fiurìi, s.m.

ricotta fresca, dolce e tenerissima --- 

fiurìi, v.tr.

fiorire --- 

fiurìit (fiuric’), agg.m.

fiorito --- 

fiurù, s.m.

fico di prima maturazione --- 

flàber, s.m.

debole, che vale poco (sia di persona che di oggetto) --- 

flanèla, s.f --- 

tessuto di flanella --- 

flusunumìa, s.f.

fisionomia, aspetto, lineamenti del volto --- 

fò de mèret, agg.

esagerato, che eccede i limiti del giusto e del conveniente --- 

fó, avv.

fuori – TO --- 

fò, avv.

fuori – MO | de fò = all’aperto --- 

fṍdra, s.f.

fodera (di un vestito) --- 

födreghéta, s.f.

federa del cuscino --- 

fṍdro, s.m.

fodero --- 

fógnàda (fógnadi), s.f.

(anche “fónfógnàda) bagatella, bazzecola, lavoretto di poco conto; piccolo, poco | l’è costat ‘na fógnada = è costato molto poco --- 

fói, s.m.

foglio; foglie  – TO --- 

fòi, s.m.

foglio; foglie – MO --- 

fòia (fói), s.f.

foglia  – TO --- 

fòia (fòi), s.f.

foglia  – MO --- 

foiàm, s.m.

fogliame che si usa come lettiera per gli animali domestici --- 

foiarṍla, s.f.

ingiallimento precoce e caduta delle foglie, nei mesi estivi, a causa della siccità  --- 

foiàsc’, s.m.

brattee, cartocci, foglie che avvolgono la pannocchia, anticamente usate per imbottire i materassi --- 

folegàsc’, s.m.

vedi “melegàsc’” --- 

fòlsc’, s.f.

falce  --- 

fólscèt, s.m.

specie di machete con la punta ricurva usato per "scalvàa" (levare i rami ) un albero di piccole dimensioni  (vedi "fulscèt") --- 

fónch, s.m.

fungo --- 

fóndàa, v. intr.

affondare, sprofondare nel fango o nella neve --- 

fondamèet ( fondameec’), s.m.

fondamenta --- 

fónfógn, s.m.

inconcludente, incapace --- 

fonfognàa, v. intr.

lavoricchiare; svolgere, combinare cose di poco conto, tirar tardi | chèl ca 'l fonfognarà mó stadómàa! = cosa combinerà mai stamattina! --- 

fóngàt, s.m.

esperto cercatore di funghi --- 

fónt, s.m.

fondo  |   giò ‘n fónt = in fondo;  al gh’à gió ‘l fónt = ha lo stomaco senza fondo, non è mai sazio  --- 

fontàna (fontàni), s.f.

fontana --- 

fóo, s.m.

faggio – TO  | faccio verbo fàa = fare --- 

fòo, s.m.

faggio – MO | faccio verbo fàa = fare --- 

fṍöch salvàdech, s.m.

fuoco di S. Antonio --- 

fṍöch, s.m.

fuoco  |  smòrenza ‘l fṍöch = spegni il fuoco; a fṍöch e fiàmi = agire di premura, con irruenza --- 

fòpa (fòpi), s.f.

buca, fossato, terreno abbassato e potrebbe identificare delle località che occupano una depressione ma anche un luogo pianeggiante in montagna tipo un maggengo   --- 

fòrbes, s.f.

forbici --- 

fórbeśàda (fórbeśadi), s.f.

forbiciata, colpo di forbice --- 

forbesèta (forbeséti), s.f.

forbicina, forfecchia (insetto) – TO  --- 

forbesèta (forbesèti), s.f.

forbicina, forfecchia (insetto) – MO  --- 

fórca (fórchi), s.f.

forca a due rebbi  | fàs li fórchi = farsi concorrenza, farsi dispetti --- 

fórcada(fórcadi), s.f.

forcata, colpo inferto con una forca; quanto si può sollevare in una volta con la forca --- 

forchetàda (forchetàdi), s.f.

forchettata  | ‘na forchetàda de pàsta = una forchettata di pasta --- 

forèst (forésc’), s.m. e agg.m.

forestiero – TO --- 

forèst (forèsc’), s.m. e agg.m.

forestiero – MO --- 

forèsta (forésti), s.f. e agg.f.

forestiera – TO --- 

forèsta (forèsti), s.f. e agg.f.

forestiera – MO --- 

fórma (fórmi), s.f.

forma  | ‘na fórma de fórmài = una forma di formaggio --- 

fórmai, fórmac’, s.m.

formaggio, formaggi --- 

formèet, s.m.

frumento --- 

fórmentù, s.m.

grano saraceno --- 

fòrsa (fórsi), s.f.

forza – TO |  con tǜti li fórsi  = con tutte le forze  --- 

fòrsa (fòrsi), s.f.

forza – MO |  a fòrsa de … = a furia di … --- 

fórsi, avv.

forse – TO --- 

fòrsi, avv.

forse – MO --- 

fòrt, agg.m.

forte, robusto --- 

fòs, s.m.

fosso --- 

fòśa (fośi), s.f.

fossa (specie per la piantagione delle viti)  |  fa giò fòśi = scavare le fossa per le viti --- 

fösbée, avv.

pressappoco, più o meno, quanto basta, a occhio e croce, circa – TO --- 

fösbèe, avv.

pressappoco, più o meno, quanto basta, a occhio e croce, circa – MO --- 

fósch, agg.

fosco, quasi buio  |  ‘l mìis de aṍst giò ‘l sùul l’è fósch = il mese di agosto tramontato il sole è quasi buio   --- 

fotografìa, s.f --- 

fotografia --- 

fozzùra, avv.

fuori-sopra, che tracima dal proprio contenitore| qualsiasi cosa che esce da un contenitore | 'l làc' 'l va fozzuùra quànca ‘l bói = il latte esce dal pentolino quando bolle; varda mó chèl pignatii c'al bói, smorsel  prüma ca 'l làc' al vaghi fozzùra = guarda quel pentolino che bolle, spegnilo prima che il latte venga fuori; nell’espressione: “la ghè va ca fozzùra“ = si trova in ristrettezze economiche --- 

frà, prep.

fra --- 

fràa, s.m.

frate; frammento | fràa cercòt = frate questuante; ’n fràa de mòlta = un po’ di malta --- 

fracà sǜ, v. tr.

rompere, spezzare, fracassare --- 

fràca, s.f.

grande quantità (di cose o persone)  |  ‘na fràca de gèet = una moltitudine di gente --- 

fracàa, v. tr.

rompere, spezzare, fracassare --- 

fracàs, s.m.

baccano, strepito, rumore fastidioso --- 

fracaséri, s.m.

fracasso, frastuono, baccano indiavolato --- 

fradèl (fradéi), s.m.

fratello – TO --- 

fradèl (fradèi), s.m.

fratello – MO --- 

francàa, v.tr.

fissare, bloccare --- 

francées, s.m. e agg.m.

francese --- 

frànch, s.m.

franco ( moneta), saldo, ben fissato | al costa cinch franch al chilo = costa cinque (franchi), (lire), euro al chilo| stà atènt sǜ 'ndè chèla scala, l'è ca tàat franca = attento su quella scala non è ben salda|  fàla frànca = non farsi scoprire --- 

franculìi, s.m --- 

francolino --- 

franghèl, s.m.

fringuello --- 

frào, s.m.

fragola --- 

fràsca, s.f.

lungo ramo (serviva per impalcare le viti) --- 

fràśen, s.m.

frassino --- 

fratàz, s.m.

frattazzo --- 

fratazàa, v. tr.

passare il frattazzo sulla parete per lisciare bene l’intonaco --- 

fratazìi, s.m.

piccolo frattazzo --- 

fràtüs, s.m.

fratello | sinonimo di “fradèl” --- 

fraziù, s.f --- 

frazione --- 

fréc’, agg.m.  --- 

freddo – TO  |  gèlt dal fréc’ = di persona paurosa poco intraprendente --- 

frèc’, agg.m.  --- 

freddo – MO  |  gélt dal frèc’ = di persona paurosa poco intraprendente --- 

freciàm, s.m.

farina di castagne --- 

fregàa, v.tr.

fregare, strofinare, pulire; imbrogliare  |  ‘l m’à fregàat = mi ha imbrogliato  --- 

fregàda (fregàdi), s.f.

strofinata; fregatura, danno  |  ò ciapàat ‘na fregàda = ho preso una fregatura --- 

fregafǜm, s.m.

nel gioco della briscola, s'intende una briscola di poco valore ma adatta a dar fastidio all’avversario e a non lasciarlo strozzare; persona che non mantiene la parola --- 

fregiàa, v. intr.

raffreddare  |  laghèl fregiàa = lascialo raffreddare (se scotta) --- 

fregiólóos, agg.m.

freddoloso, infreddolito   (vedi “enfregiolèet”) --- 

fregiólósa, (fregiólósi), agg.f.

freddolosa, infreddolita --- 

fregióor, s.m.

raffreddore --- 

fregiǜra, s.f.

costipazione, raffreddore --- 

frégola (frégoli), s.f.

briciola  |  remà scià li frègoli = raccogliere le briciole --- 

fregù, s.m.

straccio, canovaccio  --- 

frèno, s.m.

freno --- 

frésa (frési), s.f.

fresatrice --- 

frésch, agg.m.

fresco --- 

frignàa, v.intr.

fare moine --- 

frìgo,sm.

frigorifero  --- 

frìtola, s.f.

frittella di farina bianca o nera, piatta, cotta con l’aggiunta di formaggio --- 

fritǜra, s.f.

frittura --- 

frolàa, v.tr.

frollare; frollare la carne --- 

frónt, s.m.

fronte (della testa); fronte (militare) --- 

fròol, agg.m.

frollo --- 

fròola (fròoli), agg.f.

frolla --- 

fròta (fróti), s.f.

gruppo numeroso, branco, sciame  --- 

frǜa, s.f.

guadagno del contadino; il frutto --- 

frǜc’, agg.  --- 

non nuovo, usato, logoro; frusto   --- 

frǜcia (frǜci), agg.f.

non nuova, usata, logora   --- 

frǜst, agg.m.

non nuovo, usato, logoro   --- 

frǜsta (frǜsti), agg. e s.m.

frusta; usata, logora  | al vàl ‘na cìca frǜsta  = non vale niente --- 

frǜta (frǜti), s.f.

frutta, frutto --- 

frütarṍl (frütarṍi), s.m.

fruttivendolo --- 

füdügnàa, r. v.int.

sbrigare faccende con poco impegno --- 

fùfa, s.f.

fuffa, merce voluminosa e scadente --- 

fugglàa, s.m.

focolare --- 

fugìi, v.tr.

fuggire --- 

fuìi, s.m.

faina, animale mammifero  | ‘l fuìi l’ha cupàat li galìni = la faina ha ammazzato le galline --- 

fulàa, v.tr.

eseguire la pigiatura dell’uva nel tino --- 

fulàsc’, s.m.

la buccia dell’acino dell’uva --- 

fulèt, s.m.

folletto, bimbo vivace --- 

fǜlmen, s.m.

fulmine --- 

fulscèt, s.m.

specie di macete con la punta ricurva usato per "scalvàa" (levare i rami ) un albero di piccole dimensioni  (vedi "fólscèt") --- 

fǜm, s.m.

fumo --- 

fümàa, v. intr.

fumare, esalare fumo; fumare la pipa, la sigaretta o il toscano  | al fǜma  cóma ‘n tǜrco = fuma come un turco --- 

fümèri, s.m.

fumo denso e acre che si alza da un incendio o dal bruciare di ramaglia ancora verde --- 

fundìna (fundìni), s.f.

fondina, piatto fondo --- 

fundǜl (fundǜi), s.m.

il rimasuglio del caffè che rimane nel fondo del pentolino --- 

funsiù, s.f.

funzione, cerimonia --- 

furàa, v.tr. e intr.

forare, fare buchi  |  furà fò = uscire a fatica da una strettoia; furà itè = introdurre qualcosa in un buco --- 

furabṍc’, s.m. - agg.m.

girabacchino; ficcanaso, intrigante, invadente  |  l’è un furabṍc’= ragazzino curioso e vivace (vedi “girabichìi “) --- 

furaṍc’, s.m.

libellula degli stagni --- 

fǜrba (fǜrbi), agg.f.

furba, avveduta, astuta --- 

fǜrbo (fǜrbi), agg.m.

furbo, avveduto, astuto --- 

furcù, s.m.

zappa a due denti --- 

fùren, s.m.

forno --- 

fǜria, s.f --- 

furia; fretta, premura |  a fǜria de dài = a furia di insistere   --- 

(vedi “préśa”) --- 

furmìga (furmìghi), s.f.

formica  |  l’è ‘na furmìga róśa = persona che non sta mai ferma, vivace, un po’ impertinente --- 

furmighèer, s.m.

formicaio --- 

furmigolàa, v.tr.

formicolare, brulicare --- 

furmigù, s.m.

grossa formica --- 

furnèl (furnéi), s.m.

fornello – TO --- 

furnèl (furnèi), s.m.

fornello – MO --- 

fursilìna (fursilìni), s.f.

forchetta --- 

furtǜna (furtǜni), s.f.

fortuna, buona sorte --- 

furtünàat (furtünàac’), agg.m.

fortunato --- 

furtünàda (furtünàdi), agg.f.

fortunata --- 

furù, s.m.

legno appuntito --- 

fǜs, s.m.   --- 

fuso (per filare la lana) --- 

füsìl (füsìi), s.m.

fucile, sinonimo di “s-ciòp”  --- 

fǜst, s.m.

fusto  |  l’è ‘ndàc’ tǜt en fǜst = è andato tutto in fusto (quando  una pianta dell’orto va oltre la maturazione e fa il fusto con le sementi) --- 

füstàgn, s.m.

fustagno  |  bràghi de füstàgn = pantaloni di fustagno --- 

füstèla, s.f.

fustellatrice, attrezzo usato per praticare i fori nelle cinture in genere di cuoio --- 

fùta, s.f.

stizza  | ciapàa la fùta = irritarsi --- 

gàaf, s.m.

crampo | gh’ò ité ‘l gàaf  en de sta gàmba = ho un crampo in questa gamba (vedi “rànfech”)  --- 

gàal (gàai), s.f.

gallo --- 

gabàna (gabàni), s.f.

donnaccia, donna del malaffare --- 

gabàz, s.m.

grosso vassoio usato dai muratori per metterci la malta --- 

gabbiòt, s.m.

piccolo deposito precario in legno o lamiera --- 

gabbiù, s.m.

grossa ciliegia carnosa e un po’ dura --- 

gabinàt, inter.

esclamazione conosciuta in tutti i paesi della nostra zona, forse deriva dal tedesco “gaben nacht” (= notte dei doni). La parola si pronuncia dalle 17 della vigilia fino a mezzogiorno dell’Epifania, quando si incontrano gli amici e conoscenti, con l’intento di prevenirli; chi infatti pronuncia per primo “gabinàt”  ha diritto di farsi pagare qualcosa (per esempio da bere), il pegno può essere attenuato rispondendo “la cùa dèl gàt”.   --- 

gàbola (gàboli), s.f.

imbroglio, inganno, raggiro --- 

gabǜs, s.m.

cuore della verza --- 

gàfen, s.m.

attrezzo logoro, attrezzo di poco valore --- 

gàgia (gàgi), s.f.

gazza --- 

gàla (gàli), s.f.

fiocco per capelli o vestito  | la ghéva sǜ dói béli trésci con la gàla = aveva due belle trecce con il fiocco --- 

galàa, v.tr.

accoppiarsi tra gallo e gallina --- 

galandǜsa, s.f.

ghiandola --- 

galegiàa, v.intr.

galleggiare --- 

galéra (gàléri), s.f.

prigione, carcere --- 

galerìa, s.f.

galleria --- 

galès, inter.

usato solo nell’espressione “cantàa ‘n galè” = cantare in gallese, cantar vittoria --- 

galèt (galéc’), s.m.

galletto – TO --- 

galèt (galèc’), s.m.

galletto – MO --- 

galéti, s.f.

arachidi – TO --- 

galèti, s.f.

arachidi – MO --- 

galìna (galìni), s.f.

gallina  |  parla quànch al pìśa li galìni = stai zitto --- 

galìna dèl Signóor, s.f.

coccinella --- 

galopàa, v.intr.

galoppare, correre --- 

galù, s.m.

coscia --- 

galǜp, s.m.

giovane avventato --- 

gàmba (gàmbi), s.f.

gamba, arto inferiore; gamba del tavolo   |  ciapaà sót gàmba = prendere qualcosa alla leggera; fàa ‘l pàs segónt la gàmba = fare le solo le cose alla propria portata; l’è ‘n gàmba fìn al giönṍc’ = è in gamba fino al ginocchio (detto in modo scherzoso di una persona considerata incapace) --- 

gambàl (gambài), s.m.

stivale di gomma --- 

gambèr, s.m.  --- 

gambero  |  ‘ndàa  cóma i gambèr = andare indietro, retrocedere --- 

gambisṍl (gambisṍi), sm.

gambette, gambe smilze di bambino  --- 

gambisù, s.m.

con gambe lunghe --- 

gamüsèl (gamüséi), s.m.

gomitolo – TO --- 

gamüsèl (gamüsèi), s.m.

gomitolo – MO  |  l’è  cóma i gamüsèi sa ü al se fa sǜ, l’òtro al se desfà gió = se qualcuno guadagna, qualcun altro perde --- 

ganàsa (ganàsi), s.f.

guancia, ganascia --- 

ganàsa, s.m.

gradasso --- 

ganasàl (ganasài), s.m.

dente molare --- 

gànda (gàndi), s.f.

terreno sassoso, pietraia (vedi “müràca”).  --- 

gandéla, s.f.

candela --- 

gandù, s.m.

terreno sassoso, accr. di “gànda” --- 

gangréna, s.f.

cancro, necrosi --- 

garàndól (garàndói), agg.m.

brioso, vivace, baldanzoso  |  l’è amò garàndól  = è ancora arzillo (riferito ad un anziano) --- 

garàndóla (garàndóli), agg.f.

briosa, vivace, baldanzosa --- 

garbìsc’, s.m.

terreno poco fertile --- 

garbòi, s.m.

garbuglio, groviglio --- 

garboiada, s.f. e agg.f.

garbuglio, complicazione; ingarbogliata (vedi “engarboiada") | l 'è iscé 'na garboiada! = è un tale garbuglio| --- 

gargaròz, s.m.

gola --- 

garibóldèl (garibóidéi), s.m.

grimaldello, congegno ingannevole, espediente – TO --- 

garibóldèl (garibóidèi), s.m.

grimaldello, congegno ingannevole, espediente – MO  --- 

garìi, s.m.

gheriglio, la parte mangereccia della noce  |  de sòlet se dis òl bùu dèl la nóos, qùanca  al vée fò tǜt ‘ntréech al se ciàma cöröcöcṍö = di solito si usa dire il buono della noce, quando il gheriglio esce tutto intatto si usa chiamarlo cöröcöcṍö --- 

garléc’, s.m.

gambette o coscette (di pollo) --- 

garòfól (garòfói), s.m.

garofano --- 

garòt (garòc’), agg..m. e s.m.

rotto, sconnesso; persona con poca salute; recipiente di legno alto 30/40 cm e con diametro di 20/25 cm. dove si mette la "maschèrpa" a scolare --- 

garòta (garòti), s.f.

rotta, sconnessa; persona con poca salute; contenitore fatto di doghe bucherellate, si metteva la ricotta appena fatta onde permettere al siero in essa contenuto, di fuoruscire --- 

garzṍl (garzṍi), s.m.

tenero germoglio della vite --- 

gasciól, s.m.

solletico --- 

gasciólèra, s.f.

quando si ha in gola quella tossicina fastidiosa (vedi “raspighìi”) --- 

gàstrega, s.f --- 

gastrite --- 

gàt  (gàc’), s.m.

gatto | ‘na pisàda de ’n gàt = quando è piovuto troppo poco --- 

gàta (gàti), s.f.

gatta --- 

gatìi, s.m.

gattino --- 

gatüsc’, s.m.

gattaccio --- 

gavèl (gavéi), agg.m.

uomo con le gambe arcuate – TO --- 

gavèl (gavèi), agg.m.

uomo con le gambe arcuate – MO --- 

gavèla (gavéli), agg.f.

donna con le gambe arcuate – TO  |  al gh’é ca ‘na bèla matèla ca la sìa ca gavèla, chili brǜti iè gavéli tǜti --- 

gavèla (gavèli), agg.f.

donna con le gambe arcuate – MO  |  al gh’è ca ‘na bèla matèla ca la sìa ca gavèla, chili brǜti iè gavèli tǜti --- 

gavèta (gavéti), s.f.

gavetta   (gavèti = gavette – MO) --- 

gavètola (gavétoli), s.f.

piegatura strozzata inopportuna da evitare che può crearsi in un filo di ferro o corda a fili intrecciati di acciaio – TO --- 

gavètola (gavètoli), s.f.

piegatura strozzata inopportuna da evitare che può crearsi in un filo di ferro o corda a fili intrecciati di acciaio – MO --- 

gavinèl (gavinéi), s.m.

falchetto – TO --- 

gavinèl (gavinèi), s.m.

falchetto – MO --- 

gazzòt (gazzòc’), s.m.

uccello della famiglia delle gazze --- 

gèa, s.f.

pellicola che ricopre le castagne, sotto il guscio  – MO (vedi “gìa) --- 

géet, s.f.

gente – TO --- 

gèet, s.f.

gente – MO --- 

gelàa, v. intr.

gelare, ghiacciare --- 

gelàda (gelàdi), s.f. e agg.f.

gelata --- 

gelatèer, s.m.

gelataio  --- 

gelàto, s.m. e agg.m.

gelato --- 

gelóos, agg.m.

geloso --- 

gelsumìi, s.m.

gelsomino --- 

gélt, s.m. agg.m.

gelo, grande fretto, gelido, gelato  – TO --- 

gèlt, s.m. agg.m.

gelo, grande fretto, gelido, gelato  – MO --- 

gélta (gélti), agg.f.

gelida, gelata  |  l’è cóma rügàa itè ‘ndèla tèera gélta = è lavoro difficile e infruttifero – TO --- 

gèlta (gèlti), agg.f.

gelida, gelata  |  l’è còma rügàa ité ‘ndèla tèera gèlta = è lavoro difficile e infruttifero – MO --- 

gèma (gèmi), s.f.

gemma --- 

gèndro (géndri), s.m.

genero – TO --- 

gèndro (gèndri), s.m.

genero – MO --- 

generàal (generàai), s.m.

generale  |  òl me fiṍl l’è vargót de ràal, generàal  o caporàal = mio figlio è qualcosa di “rale”, generale o caporale --- 

gèra (géri), s.f.

ghiaia – TO --- 

gèra (gèri), s.f.

ghiaia – MO --- 

gerlàt, s.m.

piccola gerla usata dai bambini --- 

gèrlo (gérli), s.m.

gerla – TO --- 

gèrlo (gèrli), s.m.

gerla – MO --- 

germàa, s.m.                       --- 

cugino  (vedi “cüsìn”) --- 

germàna (germàni), s.f.

cugina   (vedi “cüsìna”) --- 

gerù, s.m.

ghiaia grossa; zona di Albosaggia dove è situato il campus scolastico --- 

gès, s.m.

gesso, gessetto da sarto o per la lavagna --- 

géṡa (gési), s.f.

chiesa --- 

Gesǜ, s.m.

Gesù --- 

getàa, v.tr.

gettare, fare una colata di cemento --- 

gh’à, avv.

ci ha, c’ha, ci hanno |  al gh’à vìst = c’ha visto --- 

gh’è, avv.

ci è, c’è, ci sono |  al gh’è = c’è;  i gh’è tǜc’ = ci sono tutti --- 

gh’ì, avv.

ci avete, gli avete | ù gh’ì dìc’ = voi gli avete detto --- 

gh’ò, avv.   --- 

ci ho, c’ho  |  gh’ò fréc’ = c’ho freddo;  --- 

gh’ò pènsàat mì = ci ho pensato io --- 

ghe, avv.

ci |  ghe stòo  = ci stò --- 

ghe, pron. dimostr.

ci, ce  |  ghe pénsi mi = ci penso io; a ghe l’ò mi la mèla = ce l’ho io la roncola --- 

gheslù, s.m.

mirtillo, vocabolo usato in alcune contrade  (vedi “ghislù”) --- 

ghèl (ghéi), s.m.

centesimo; centimetro  – TO --- 

ghèl (ghèi), s.m.

centesimo; centimetro – MO  |  al cósta cìnch ghèi = costa cinque centesimi; l’è lónch dèes ghèi = è lungo dieci centimetri --- 

ghèrba (ghérbi), agg.f.

acerba – TO --- 

ghèrba (ghèrbi), agg.f.

acerba – MO --- 

ghérp, agg.m.

acerbo  --- 

gherù, s.m.

una buona quantità di qualcosa, enormità | ‘n gherù de nóos = un sacco di noci  --- 

ghìgna (ghìgni), s.f.

ghigno, faccia  |  al gh’à ‘na brǜta ghìgna = è una persona malvagia --- 

ghingheri, s.m.

vistosa eleganza |ès ‘n ghìngheri = essere ben vestito, con eleganza --- 

ghinsàna, s.f.

genziana (gentiana punctata) --- 

ghirigòri, s.m.

scarabocchio, ghirigoro  --- 

ghislù, s.m.

mirtillo  --- 

già, avv.

già, vero, sì | ah già = proprio così --- 

gìa, s.f.

pellicina che ricopre le castagne – TO (vedi “gèa”); piccola quantità, tocchetto  |  ‘na gìa de bütéer = un tocchetto di burro  (vedi “gìva”) --- 

giàca (giàchi), s.f.

giacca --- 

giàlda (giàldi), agg.f.

gialla --- 

gialdìi, agg.

giallo chiaro --- 

giàlt, agg.m.

giallo --- 

giambù, s.m.

prosciutto cotto --- 

giànda (giàndi), s.f.  --- 

nòcciolo, ghianda --- 

gianèta (gianéti), s.f.

bastone ricurvo – TO --- 

gianèta (gianèti), s.f.

bastone ricurvo – MO --- 

giàngia (giàngi), s.f.  --- 

particolare cadenza nel parlare --- 

giargianées, s.m.

usato in tono dispregiativo, e significa “straniero”, “imbroglione“, o anche di “lingua incomprensibile“; nella seconda guerra mondiale, si chiamavano così gli Albanesi  --- 

giazàl (giazài), s.m.

savoiardo --- 

gibolàa, v. tr.

ammaccare, provocare escoriazioni --- 

gibolàat, agg.m.

ammaccato --- 

gibolàda (gibolàdi), agg.f.

ammaccata --- 

gigiòla, s.f.

usato solo nell’espressione “portàa a gigiòla” = portare a cavalluccio --- 

gìgna (gìgni), s.f.

scanalature nelle doghe dove si incastra il fondo della botte --- 

gilè, s.m.

panciotto --- 

ginèer, s.m.

gennaio |  la sera del 31 gennaio si invitava, con un pretesto qualsiasi, una persona ad uscire di casa, e poi, se questa persona usciva, si gridava l’è fò ‘l ginèer! --- 

gingìva (gingìvi), s.f.

gengiva --- 

gió bàs, avv.

per terra --- 

gió a prṍöf, loc.

giù vicino | gió a prṍöf a cà = giù vicino a casa --- 

gió, avv.

giù, in basso  |  gió bàs = per terra --- 

gióanòt, s.m.

giovanotto, più appropriato “matèl” --- 

gióanotèl, s.m.

dim. di “gióanòt” --- 

giṍch de li cìchi, loc.

il gioco delle biglie: si disegna sul terreno una riga di partenza e a distanza di 3 o 4 metri si disegna il “rǜz” (dove ogni giocatore mette una biglia); si gioca a turno, ogni giocatore ha l’obiettivo di colpire, con una biglia, le biglie che sono nel “rǜz” --- 

giṍch, s.m.

gioco  --- 

gioedì, s.m.

giovedì --- 

gióen, agg. e s.m.  --- 

giovane uomo --- 

gióena (gióeni), agg.f. e s.f.

giovane donna --- 

giól (giòi), s.m.

grido stridulo, grido acuto --- 

giolàa, v. intr.

gridare, emettere suoni striduli e acuti --- 

giomètro, s.m.

geometra --- 

giönṍc’, s.m.

ginocchio  |  ‘l gh’à ‘na cràpa cóma ‘n giönṍc’ = non si riesce a farlo ragionare --- 

giönögèra (giönögéri), s.f.

ginocchiera, fascia elastica per il ginocchio – TO --- 

giönögèra (giönögèri), s.f.

ginocchiera, fascia elastica per il ginocchio – MO --- 

giönögiàda (giönögiàdi), s.f.

ginocchiata, colpo ricevuto sul ginocchio --- 

giónta (giónti), s.f.

giunto, il punto stesso dove si congiungono due cose; aggiunta --- 

gióntàa gió, v. tr.

aggiungere qualcosa --- 

gióntàa, v. tr.

aggiungere, congiungere due cose  --- 

gióntàch, v. tr.

rimetterci, perdere in un affare  |  gióntàch ‘l rèf e la pèza = rimetterci il filo e la pezza, rimetterci tutto --- 

giṍöf, s.m.

giogo che si metteva sul collo di un animale che tirava il carro o l’aratro --- 

giórnàda (giórnàdi), s.f.

giornata; giornata di lavoro  |  ‘ndàa ‘n giornàda = prestare una giornata di lavoro alle dipendenze altrui --- 

giórnàl (giórnài), s.m.

giornale, quotidiano, periodico --- 

gióstri, s.f.

luna park --- 

giózzót/giózzóta, avv.

giù di sotto, da basso --- 

gipunìi, s.m.

maglietta intima di lana  --- 

gìr, s.m.

giro; passeggiata  |  ‘ndàa ‘n gìr = andare a zonzo --- 

gìra, s.f.

ghiro --- 

giràa, v. tr. e intr.

girare, muovere in senso rotatorio; andare in giro --- 

girabichìi, s.m.

girabacchino, arnese piegato a gomito, fornito di mandrino per l’applicazione delle punte; serve per forare a mano il legno (trapano a mano) (vedi “furabṍc’ “) --- 

giràda (giràdi), s.f.

passeggiata, giretto; sgridata --- 

giramèet, s.m.

usato solo nell’espressione “giramèent de cràpa” = capogiro --- 

girèl (girèi), s.m.

assicella posta agli angoli del campo di bocce per favorire il giro della boccia stessa; anche girello per bambini --- 

girèla (girèli), s.f.

carrucola --- 

girìi, s.m.

girino --- 

girùca, s.f.

giraffa --- 

gìsc’, s.m.

terreno tufaceo, molto duro --- 

giübèt, s.m.

giubbetto --- 

giübót, s.m.

giubbotto --- 

giüdé, s.m.

giudeo, uomo perfido e sacrilego   |  al bestèma  cóma  ‘n giüdé = bestemmia come un giudeo --- 

giüdìzi, s.m.

giudizio, senno, prudenza  |  fa giüdìzi! = fai il bravo! --- 

giügàa, v. intr.

giocare --- 

giüghetù, s.m.

giocherellone --- 

giügiǜna (giügiǜni), agg.f.

digiuna --- 

giügiünàa, v.intr.

digiunare --- 

giügiǜu, agg.m.

digiuno --- 

giǜgn, s.m.

giugno --- 

giümèl (giüméi), s.m.

gemello  – TO --- 

giümèl (giümèi), s.m.

gemello  – MO --- 

giümelàa, v. intr.

partorire due gemelli; guadagnare o produrre molto  --- 

giüntǜra (giüntǜri), s.f.

giuntura, articolazione, snodo delle ossa --- 

giünügiù, avv.

ginocchioni | sóo ‘ndàc’ giò a giünügiù = mi sono messo a ginocchioni --- 

giupìi, s.m.

burattino, marionetta; persona che si lascia manovrare da altri per mancanza di carattere o di personalità --- 

giupinàda (giupinàdi), s.f.

stupidaggine, comportarsi da burattino --- 

giupinàt, s.m.

burattinaio --- 

giupinèl, s.m.

vezzeggiativo di “giupìi” --- 

giüràa, v. tr. e intr.

giurare --- 

giüramèet (giüraméec’), s.m.

giuramento – TO --- 

giüramèet (giüramèec’), s.m.

giuramento – MO --- 

giürin giürèta, inter.

giuro! (forma di giuramento infantile, accompagnata dal gesto di porre le dita incrociate sulle labbra) --- 

giǜst, agg.m. e s.m.

giusto, corretto, imparziale --- 

giǜsta (giǜsti), agg.f. e s.f.

giusta, corretto, imparziale --- 

giüstàa, v. tr.

aggiustare, riparare: vestiti, scarpe e attrezzi vari --- 

gìva, s.f.

un’inezia, pochettino, pochetto | ‘na gìva de bütéer = un pochetto di burro (vedi “gìa”) --- 

glàsc’, s.m.

ghiaccio --- 

glòria (glóri), s.f.

gloria (preghiera) --- 

gnàa, avv. e cong.

neanche, neppure --- 

gnàach, avv. e cong.

neanche, neppure --- 

gnàda (gnàdi), s.f.

nido --- 

gnagnèra (gnagnéri), s.f --- 

febbriciattola, inizio d’influenza, debolezza – TO --- 

gnagnèra (gnagnèri), s.f --- 

febbriciattola, inizio d’influenza, debolezza – MO --- 

gnamò, avv.

non ancora --- 

gnàta (gnàti), s.f.

gonfiore tipico degli ascessi o di una puntura di insetti --- 

gné, avv. e cong.

neanche, neppure --- 

gnèca (gnéchi), agg.f.

nervosa, triste, arrabbiata – TO --- 

gnèca (gnèchi), agg.f.

nervosa, triste, arrabbiata – MO --- 

gnèch, agg.m.

nervoso, triste, arrabbiato  --- 

gniàal (gniàai), s.m.

nido dove la gallina depone le uova --- 

gnòch, s.m.

gnocco;  sciocco, ingenuo, stupidotto |  gnòch de patàti = gnocchi di patate --- 

gnognòla, --- 

quisquilia, scemenza | l’è nóma lǜü e gnognòli = è solo lui e stupidate --- 

gnǜca (gnǜchi), agg.f.

testa; dura; testarda, di poca intelligenza |  fàa a  la gnǜca = prendersi a testate --- 

gnücàda (gnücàdi), s.f.

testata --- 

gnǜch, agg.m.

duro; testardo, di poca intelligenza --- 

gṍba (gṍbi), s.f.

si usa solo nell’espressione:  mét gió la gṍba = lavorare duramente --- 

gòba (góbi), s.f. e agg.f.

gobba – TO    --- 

gòba (gòbi), s.f. e agg.f.

gobba – MO --- 

góla (góli), s.f.

gola --- 

gólóos, agg.m.

goloso, ghiotto --- 

gólósa (gólósi), agg.f.

golosa, ghiotta --- 

gòma (gòmi), s.f.

gomma --- 

gomàt, s.m.

gommista --- 

gómbet (gómnec’), s.m.

gomito --- 

gòmet, s.m.

vomito  |  strèpet de gòmet = conato di vomito --- 

góndól (góndói). s.m.

gorgo, vortice o mulinello in corrispondenza di circoscritte zone di maggior profondità di un corso d’acqua --- 

gòos, s.m.

gozzo  |  abitante della frazione Torchione  che si contrappone a “corgnàl”, abitante della frazione Moia --- 

gòot, v. intr.

godere, sentir piacere; sfruttare appieno un bene --- 

gòp, agg.m. e s.m.

gobbo --- 

gòsa (gòsi), s.f.

scoiattolo --- 

gót, s.m.

goccio --- 

góta (góti), s.f.

goccia --- 

gótàa, v. intr.

gocciolare --- 

gràa, s.m.  --- 

grano, chicco  |  gràa de tṍrch = chicco di granoturco --- 

gràat, s.f.

grata; impiantito in legno e rete fitta, posto sopra un focolare (fugglàa), usato per l'essiccazione in particolare delle castagne --- 

sin. “l’agràat” --- 

gràata (gràati), s.f.

grappolo d’uva --- 

gràm, agg.m.

gramo, misero, cattivo --- 

gràm, s.m.

grammo, piccola quantità --- 

gràma (gràmi), agg.f.  --- 

grama, misera, cattiva  |  l’è ‘na vìta gràma = è una vita contrassegnata da stenti e da rinunce --- 

gramìgna, s.f.

gramigna (erba infestante tenace e difficile da estirpare); persona avara --- 

gràna (gràni), s.f.

seccatura, fastidio, intoppo --- 

gràna, s.f.

soldi; formaggio grana (si dice “fórmài de gràna”)  | cagliata frastagliata dalla “lira” e ridotta a grandezza di grani di riso --- 

grànda (gràndi), agg.f.

grande --- 

grandióos, agg.m.

grandioso, immenso, maestoso --- 

granèl (granèi), s.m.

granello --- 

grànt, agg.m.

grande --- 

gràpa (gràpi), s.f.

grappa, acquavite --- 

grapàt, s.m.

distillatore di grappa --- 

grapìi, s.m.

grappino --- 

gràs, s.m. e agg.m.

grasso;  grasso, obeso |  gràs de ròst = grasso di arrosto, persona difficile e fastidiosa --- 

gràśa  (gràśi), agg.m.  e s.f.

grassa, obesa; letame, concime --- 

graśéi, s.m.

songino ( valerianella olitoria, più conosciuta come insalata valeriana) --- 

gratàa, v. tr.

grattugiare; rubare, grattare | gràta ca cal se ‘ndègna nóma = non grattare che si irrita soltanto --- 

gratarṍla (gratarṍli), s.f.

grattugia --- 

gratàs, v. rifl.

grattarsi, sfregare con le unghie sulla cute, per attenuare il fastidio del prurito --- 

gratèl (gratéi), s.m.

piccolo grappolo di uva – TO   (vedi “grèzol”) --- 

gratèl (gratèi), s.m.

piccolo grappolo di uva – MO --- 

gratulù. s.m.

grosso grappolo d’uva --- 

gravéc’, s.m.

fastidio – TO | al me vée gravéc’ = provo fastidio --- 

gravèc’, s.m.

fastidio – MO | al me vèe gravèc’ = provo fastidio --- 

gréef, agg.m.

pesante --- 

grèmola (grémoli), s.f.

cicciolo, residuo abbrustolito delle parti grasse, fuse per ricavarne lo strutto – TO --- 

grèmola (grèmoli), s.f.

cicciolo, residuo abbrustolito delle parti grasse, fuse per ricavarne lo strutto – MO --- 

grèpeda (grépedi), s.f.

incrostazione di sporcizia corpo e anche nelle botti vecchie definito: greppola, cremortartaro, gromma o  gruma  – TO --- 

grèpeda (grèpedi), s.f.

incrostazione di sporcizia corpo e anche nelle botti vecchie definito: greppola, cremortartaro, gromma o  gruma – MO --- 

grèpet, s.m.

persona striminzita, mingherlina (riferito di solito a ragazzo) --- 

gréva (grévi), agg.f.

pesante --- 

grèzol, s.m.  --- 

racimolo, rametto del grappolo della vite; anche, piccolo grappolo d'uva (vedi “gratèl”) --- 

grignàa fó, v. intr.

deridere, espressione usata solo in alcune contrade vicino Caiolo --- 

grignàa réet, v. intr.

deridere  --- 

grignàa, v. intr.

ridere --- 

grignàda (grignàdi), s.f.

risata  |  ò fàc’ ‘na bèla grignàda = ho fatto una bella risata --- 

grignarṍla (grignarṍli), s.f.

riderella,  serie di eccessi  irrefrenabili di riso --- 

grìis, agg.m.

grigio --- 

grìl (grìi), s.m.

grillo --- 

grilét (griléc’), s.m.

grilletto – TO --- 

grilèt (grilèc’), s.m.

grilletto – MO --- 

grìsa (grìsi), agg.f.

grigia  |  l’è grìsa = è dura --- 

grṍazèl (grṍazéi), s.m.

diminutivo di  grṍōf – TO --- 

grṍazèl (grṍazèi), s.m.

diminutivo di  grṍōf – MO --- 

gróndàna (gróndàni), s.f.

grondaia --- 

gróndanàa, v. intr.

essere bagnato fradicio, essere madido di sudore; piovere abbondantemente --- 

grṍōf, s.m.

fascina (vedi “grṍva”) | van a fàa ‘n grṍōf de dàsi de làres = vai a fare una fascina di rami di larice --- 

gròoś, agg.m.

grosso, Grosio --- 

gróp, s.m.

nodo (di un filo, corda); nodo (del  legno)  |  fa sǜ ‘l gróp dèla cravàta = fare il nodo della cravatta; màal dèl gróp = difterite --- 

grópólóos, agg.m.

nodoso, pieno di nodi --- 

grópólósa (grópólósi), agg.f.

nodosa, piena di nodi --- 

gròśa (gròśi), agg.f.  --- 

grossa  |  sàl gròśa = sale grosso --- 

grṍva, s.f.

grossa fascina di legna, strettamente legata, che veniva trascinata lungo i sentieri ripidi  del bosco (vedi “tiradù”)  --- 

grǜgn, s.m.

grosso pezzo di cibo;   |  ‘n grǜgn de pulènta = un pezzo di polenta  --- 

grügnìi, v. intr.

grugnire --- 

grupìi, v. tr.

fare nodi, annodare;  (diminutivo di “gróp”) --- 

gualìif, agg.m.

piano, ben livellato --- 

gualìva (gualìvi), agg.f.

piana, ben livellata --- 

guastàa, v. tr.

guastare, rovinare; abortire  |  la vàca l’à guastàat = la mucca ha abortito --- 

guastadìsc’, s.m.

vitello nato prematuro; individuo magro,  misero e debole --- 

guàta (guàti), s.f.

baccello dei fagioli o dei piselli; si compone di due valve più i semi  in esse contenuti --- 

guatolèra (guatoléri), s.f.

le due valve che contengono i fagioli o i piselli – TO --- 

guatolèra (guatolèri), s.f.

le due valve che contengono i fagioli o i piselli – MO --- 

güdàz, s.m.

padrino di Battesimo e di Cresima --- 

güdàza (güdàzi), s.m.

madrina di Battesimo e di Cresima --- 

gudivól, agg.m.

fruibile, utilizzabile --- 

gudivóla (gudivóli), agg.f.

fruibile, utilizzabile  --- 

guèra (guèri), s.m.

guerra --- 

guèrsc’, agg.m.

guercio, orbo, strabico  --- 

guèrscia (guérsci), agg.f.

guercia, orba, strabica – TO --- 

guèrscia (guèrsci), agg.f.

guercia, orba, strabica – MO --- 

gǜgia (gǜgi), s.f.

ago per cucire o ferro per fare la calza    --- 

gügiàda (gügiàdi), s.f.

gugliata  |  tègn a màa la gügiàda e trasàa ‘l gamüsèl = risparmiare la gugliata e sprecare il gomitolo --- 

gügiarṍl (gügiarṍi), s.m.

agoraio, piccolo astuccio dove si custodiscono gli aghi --- 

gügièta (gügiéti), s.f.

forcina per i capelli – TO  --- 

gügièta (gügièti), s.f.

forcina per i capelli – MO  --- 

gügìi, s.m.

spillo --- 

guisa (guisi), s.f.

guisa, condizione, modo o maniera di presentarsi o configurarsi esteriormente --- 

gümàa, v. tr.  --- 

trasudare; filtrare, in forma di piccole gocce, di un liquido attraverso materiali porosi o da una apertura non chiusa ermeticamente; lavorare   |  la spìna dèla bót la gǜma = dalla spina della botte escono piccole gocce di vino; al ne gǜma mìga = non ha voglia di lavorare, lavora con scarso profitto  --- 

gümèer, s.m.

individuo che presenta la mascella inferiore sporgente rispetto a quella superiore (morso inverso) --- 

gunfiàa, v. tr.

gonfiare  (vedi “sgunfiàa”, più usato) --- 

gǜś, s.m.

guscio --- 

güsmarìi, s.m.

rosmarino | rustìi gió con ‘n pìt de güsmarìi = arrostire con pochino di rosmarino      (vedi “rosmarìi”) --- 

gǜst (gusc’), s.m.

gusto, sapore --- 

gutìi, s.m.

goccio, goccino | n’óo büut nòma ‘n gutìi = ne ho bevuto solo un goccio --- 

gǜz, agg.m.

aguzzo; astuto, furbo  |  l’è gǜz  cóma ‘na bòcia = è aguzzo come una palla, è poco furbo --- 

gǜza (gǜzi), agg.f.

aguzza --- 

i, art. pl.  --- 

i, gli  |  i pèe = i piedi; i asegn = gli asini --- 

ià e scià, loc.

avanti e indietro --- 

ià, avv.

via, lontano  |  làa ià = la, lontano; ‘ndàa ià = andare via  --- 

iàa; ìi; iǜüh --- 

vai! ordine dato a cavalli, muli e asini --- 

ìbbia, agg.f.

noiosa, insistente, antipatica --- 

ìbbio, agg.f.

noioso, insistente, antipatico --- 

icèt, s.m.

pettirosso  --- 

idéa (idéi), s.f.  --- 

idea  |  gnàa par idéa = nemmeno per sogno --- 

idìi, v. tr.

vedere | fam mó idìi = fammi vedere (vedi “vidìi”) --- 

ìdola, s.f.

convolvolo, erba infestante con fusto volubile che si avvolge a sostegni, foglie cuoriformi, fiori ascellari a campanula   --- 

idǜda (idǜdi), agg.f.

vista --- 

idǜüt, agg.m.

visto  | te l’è ca idǜt? = non l’hai visto?  --- 

ièe --- 

fermati! ordine dato a cavalli, muli e asini --- 

iéer, avv.

ieri --- 

ignìi, v. tr.

venire --- 

ilà, loc.

in là, spostato | dàch ilà = spostalo in là; mètel 'n póo ilà = mettilo un po’ in là;  vàn ilà = vai in là;  tṍöt ilà = spostati, vai via  --- 

(vedi “dèstṍt”) --- 

iló iló, avv.  --- 

fra poco, essere in procinto, lì lì| s'eri iló iló par respóndech, ma me sòo tegnǜda = stavo per rispondergli, ma mi sono trattenuta --- 

iló réet, avv.

nei dintorni --- 

iló, avv.

lì, la – TO --- 

ilò, avv.

lì, la – MO --- 

iloiscè, avv.

lì, in quel posto   --- 

iloréet, avv.

presso, limitrofo, dintorno, lì intorno, nei pressi --- 

ilùra, avv.  --- 

allora, in quel tempo; (seguito dal punto interrogativo, vuole anche dire: ebbene? dunque?) --- 

immaginaziù, s.m.

immaginazione --- 

ìmpet, s.m.

impeto, iniziativa | de sò ìmpet = di sua iniziativa --- 

impresàri, s.m.

imprenditore edile --- 

imprónta (imprónti), s.f.  --- 

impronta | al gh’èra gió li imprónti ‘ndèla nìif = c’erano i segni dei piedi nella neve --- 

inàaz, avv.

avanti, in avanti | tirèm inàaz = tiriamo avanti --- 

inàzi, avv.

invece, nel senso di preferire (vedi “enàzi”) --- 

incàstro (incàstri), s.m.

incastro --- 

incéns, s.m.

incenso --- 

inchiostro, s.m.

inchiostro --- 

incidènt (incidénc’), s.m.

incidente – TO --- 

incidènt (incidènc’), s.m.

incidente – MO --- 

incombènsa, s.f.

incarico --- 

incǜgen, s.m.

incudine --- 

indirìz, s.m.

indirizzo, recapito postale --- 

inèdi, s.m.

inedia --- 

ingegnéer, s.m.

ingegnere --- 

ingegnóos, agg.m.

ingegnoso, geniale --- 

ingegnósa (ingegnósi), agg.f.

ingegnosa, geniale --- 

ingìgn, s.m.

ingegno, capacità di disimpegnarsi in ogni circostanza --- 

inglés, agg.

inglese maschio --- 

inglésa (inglési), agg.f.  --- 

inglese femmina  --- 

ingranàc', s.m.

ingranaggio --- 

ingrànda, loc.

usato solo nell’espressione “a l’ingrànda” = alla grande --- 

ingròs, avv.

all’ingrosso --- 

inṍdi, s.m.

fastidio, avversione --- 

insidìi, v. tr.

innestare (le piante) --- 

intài, s.m.

paranco, carrucola doppia --- 

inteligènt, agg.m.

intelligente --- 

inteligènta (inteligénti), agg.f.

intelligente --- 

interióor, s.m.

interiora --- 

interutóor, s.m.

interruttore --- 

inustùra, avv.    --- 

poc’anzi, recentemente, poco fa, un momento fa | l’ò idüut inustùra ca’l sbüsava la cariöla = lo visto poco fa che spingeva la carriola --- 

inǜtel (inǜtei), agg.m.

inutile --- 

inǜtela (inǜteli), agg.f.

inutile --- 

invèci, avv.

invece --- 

invòlt, s.m.

cantina – MO --- 

iṍl, s.m.

capretto --- 

iösṍs --- 

Gesù - iösṍs dal latino Iēsūs -| iösṍs Maria! = Gesù Maria!, mamma mia! --- 

 esclamazione di preoccupazione per un evento indesiderato che sarebbe potuto capitare;  iösṍs che pùra = Dio mio che paura --- 

iscé, avv.

così; andato a male – TO  |  l’è ‘ndàc’ iscé = è andato a male --- 

iscè, avv.

così; andato a male – MO  |  l’è ‘ndàc’ iscè = è andato a male --- 

iscià, avv.

di qua, da questa parte --- 

ìset, s.m.

marza è il rametto che si usa nel mese di marzo per gli innesti, innesto --- 

isolàat, agg.m.

isolato --- 

istès, agg. e pron.

stesso, uguale, simile; la stessa cosa  --- 

istès, avv.

ugualmente |  al va bèe ‘stès = va bene ugualmente --- 

istèśa (istéśi), agg. e pron.

stessa, uguale, simile; la stessa cosa – TO --- 

istèśa (istèśi), agg. e pron.

stessa, uguale, simile; la stessa cosa – MO --- 

istrüìs, v.rifl.

istruirsi --- 

Itàglia, s.f.

Italia  |  l’Itàglia la vàida i nòś  = l’Italia aiuta i nostri (detto in modo ironico) --- 

italiàa, agg.

italiano lingua (vedi “tagliàn” = cittadino italiano) --- 

italiàna (italiàni), agg.f.

Italiana   --- 

ité, avv.

dentro  |  ité ‘n ca = in casa – TO --- 

itè, avv.

dentro  |  itè en ca = in casa – MO --- 

la, art. f.

la   |  la màma = la mamma --- 

là, avv.

là  |  ‘ndàa de scià e de là = andare a zonzo; l’è püsée de là che de scià = è più di là che di qua, è più morto che vivo --- 

la, part. pronom.

la (è utilizzata davanti alla terza persona singolare dei verbi, se il soggetto è femminile)  |  lée la giǜga = ella gioca --- 

la, pron. pers. f.

la (complemento oggetto)  |  mi la mài = io la mangio --- 

làach, s.m.

lago --- 

làafò, avv.  --- 

là fuori, là verso ovest, al Torchione (il Torchione si trova a ovest rispetto alla Moia)  – TO --- 

làafó, avv.   --- 

là fuori, là verso ovest, al Torchione (il Torchione si trova a ovest rispetto alla Moia)  – TO --- 

làafógió, avv.   --- 

là fuori, in basso; a sera, a occidente – TO --- 

làafògió, avv.   --- 

là fuori, in basso, a sera, a occidente – MO --- 

làafòsǜ, avv.  --- 

là fuori, in alto – MO --- 

làafósǜ, avv.   --- 

là fuori, in alto – TO --- 

làagió, avv.  --- 

laggiù --- 

làaité, avv.  --- 

là dentro; a mattina, a oriente; pure "laitéiló","laitéfó","laitéfósù" – TO --- 

làaitè, avv.  --- 

là dentro; a mattina, a oriente; pure "laitèiló","laitèfó","laitèfósù" – MO --- 

làaitégió, avv --- 

là dentro  in basso – TO --- 

làaitègió, avv.  --- 

là dentro  in basso – MO --- 

làaitèsǜ, avv.  --- 

là dentro in alto – MO --- 

làaitésǜ, avv.   --- 

là dentro in alto – TO --- 

làasǜ, avv.  --- 

lassù --- 

lac’ serù, s.m.

Siero  (vedi “lazzerù”) --- 

làc’, s.m.

latte  |  al gh’è mànca gnàa ‘l lac’ de galìna = non gli manca neanche latte di gallina, non gli manca niente --- 

laciàa, v. tr.

allattare, dare il latte ai neonati --- 

laciàda (laciàdi), s.f.

l’azione di allattare; inteso anche come quantità di latte occorrente --- 

ladìi, agg.m.

svelto, veloce nel lavorare; maneggevole, scorrevole; fare qualcosa con leggerezza e cautela; facile da fendere| òl larès al và ciapàat 'ndèl grupìi e òl pésc’ 'ndèl ladìi = per fendere il larice va pestato nel  nodo mentre il pino dove e libero da nodi --- 

ladìna (ladìni), agg.f.

vedi “ladìi” --- 

làdra (làdri), s.f.

ladra --- 

làdro (làdri), s.m.

ladro; presa elettrica multipla --- 

ladrù, s.m.

ladrone --- 

lafegió, avv.        --- 

laggiù, espressione usata nelle contrade confinanti con il comune di Faedo --- 

lafesǜ, avv.

lassù, espressione usata nelle contrade confinanti con il comune di Faedo --- 

lagà fó, v. tr.

riferito a panni che perdono il colore, durante il lavaggio; allargare un capo di vestiario   – TO --- 

lagà fò, v. tr.

riferito a panni che perdono il colore, durante il lavaggio; allargare un capo di vestiario  |  lagà fò li bràghi = allargare i pantaloni – MO --- 

làga pó, inter.

non importa, lascia poi --- 

lagà stàa, v. tr.

non toccare,  lascia stare --- 

lagàa ‘ndàa, v. tr.

lasciare libero, lascia andare; fare un sconto  --- 

lagàa ‘nréet, v. tr.  --- 

tralasciare, omettere; lasciare avanzi; lasciare indietro, lasciare beni in eredità  --- 

lagàa gió, v. tr.

calare, abbassare | lagàa gió li bràghi = calare le brache, essere eccessivamente remissivo --- 

lagàa, v. tr.

lasciare --- 

lagàs fó, v. rifl.

andare su tutte le furie – TO --- 

lagàs fò, v. rifl.

andare su tutte le furie – MO --- 

lagàs gió, v. rifl.

piovere a dirotto --- 

lagàs sǜ, v. rifl.

innalzarsi, crescere |  ‘l tò fiṍl al se lagàat sǜ = tuo figlio è cresciuto molto --- 

laghèt (laghéc’), s.m.

laghetto – TO  --- 

laghèt(laghèc’), s.m.

laghetto – MO  --- 

làgrima (làgrimi), s.f.

lacrima --- 

làigió, avv.

laggiù --- 

làitè, avv.  --- 

là dentro, là verso est, alla Moia (la Moia si trova a est rispetto al Torchione) – MO --- 

làité, avv.   --- 

là dentro, là verso est, alla Moia (la Moia si trova a est rispetto al Torchione) – TO --- 

laitrè, avv.

la dentro (laitèfosù - laitrèfogiò - laitrèilò) --- 

laitrefesǜ, avv.

combinazione fra: là dentro e lassù, espressione usata nelle contrade confinanti con il comune di Faedo --- 

làma (làmi), s.f.

lama --- 

lambaròt (lambaròc’), s.m.

lombrico  --- 

làmbech, s.m.

alambicco, apparecchio per distillare  --- 

lambegàa, v. tr.

rimuginare, agitare nella mente, in assoluta fissità, pensieri e proposte; scervellarsi alla ricerca di una soluzione difficile da trovare --- 

lamèet, s.m.

lamento --- 

lamentàs, v. rifl.

lamentarsi --- 

laméra (laméri), s.f.

lamiera, lastra metallica |  ‘n tèc’ de laméri = un tetto di lamiere (di solito si usano le lamiere ondulate) --- 

lamèta (laméti), s.f.

lametta, lametta per la barba – TO --- 

lamèta (lamèti), s.f.

lametta, lametta per la barba – MO --- 

lampadàri, s.m.

lampadario --- 

lampànt, agg.m.

lampante --- 

lampidìi, s.m.                --- 

lampadina | i lampadìi / li lampadìni = le lampadine --- 

lampiù, s.m.

lampione --- 

làna, s.f.

lana  |  quànca ‘l cièl al fa la làna, l’àcqua l’è pòoch lontana = cielo a pecorelle, acqua a catinelle   --- 

lantèrna (lantérni), s.f.

lanterna, lampada – TO --- 

lantèrna (lantèrni), s.f.

lanterna, lampada – MO --- 

lanternù, s.m.

persona alta e allampanata --- 

laó, s.m.

persona di poco conto  |  ‘n pòor laó = un povero diavolo --- 

laóor, s.m.

un qualcosa di non specifico, in generale di cose o lavoro  --- 

laoràa, s.m.

lavoro  |  gh’ò ‘n bàl ‘n laoràa = sto facendo un lavoro --- 

laoràa, v. intr.  --- 

lavorare  |  laoràa par la gésa dèl Palǜ = lavorare inutilmente --- 

laoràat, agg.m.

lavorato, decorato --- 

laoràda (laoràdi), agg.f.

lavorata, decorata --- 

laorèet (laorèec’), s.m.

lavorante, bracciante agricolo a giornata | i laorèec’ del Fàva a laoràa  i gelàva, a maiàa  i süàva = il lavoranti del Fava mentre lavoravano pativano il freddo, mentre mangiavano sudavano; lavoravano poco e mangiavano molto --- 

laorentù, s.m.

grande lavoratore --- 

laorèri, s.m.

grande lavoro nel quale era impiegata molta manodopera; i “laoréri” in Valtellina erano quelli per la costruzione delle dighe e delle centrali elettriche --- 

lapà sǜ, v. tr.

mangiare tutto in fretta --- 

làpa, s.f.

parlantina  |  fa ‘ndàa la làpa = chiacchierare troppo; quài òlti al vàl püsée la làpa che la zàpa = in alcuni casi vale di più una buona parlantina che un onesto lavoro --- 

lapàa, v. tr.

mangiare ingordamente --- 

lapèda (làpedi), s.f.

lapide --- 

làpes, làpis, s.m.

matita --- 

làrch, agg.

largo  |  l’è püsée làrch che lónch = è più largo che lungo, è un tipo tozzo --- 

làres, s.m.

larice --- 

laresù, s.m.

larice di grosse dimensioni che si trova sui monti di Albosaggia --- 

làrga (làrghi), agg.f.

larga --- 

lasc’, s.m.

laccio, legaccio --- 

lasciṍl (lasciṍi), s.m.

stringa per le scarpe --- 

làstra (làstri), s.f.

lastra --- 

lastregàa, v.tr.

lastricare --- 

lastrù, s.m.

lastrone  (vedi piüdisca) --- 

làta (làti), s.f.

asse, elemento dell’assito del tetto --- 

latrìna, s.f.

cesso --- 

laurìi, s.m.

bambino gracile che fa tenerezza --- 

lavà gió, v. tr.

lavare i piatti  |  l’è ùra da tacàa sǜ da lavà gió = essere alla frutta, essere alla fine del pasto, o alla conclusione, in senso negativo, di qualcosa;  gh’ò lavàat gió ‘l mǜüs = lo sgridato, gli  ho dato una lavata di capo   --- 

lavà sǜ, v. tr.

lavare i pavimenti --- 

lavàa, v. tr.

lavare --- 

lavàda (lavàdi), s.f.

lavata, bagnata  |  ciapàn ‘na lavàda = bagnarsi completamente --- 

lavadǜsc’, s.m.

acqua della sciacquatura delle stoviglie --- 

lavàgna (lavàgni), s.f.

lavagna (di scuola) --- 

lavandìi, s.m.

lavandino --- 

lavàs gió, v. rif.

lavarsi --- 

lavatìif, s.m.

lavativo, birbante, maleducato --- 

lavatòi, s.m.

lavatoio, vasca in muratura e cemento posta vicino alla fontana di contrada da cui prende l'acqua, provvisto di un piano inclinato per il lavaggio dei panni --- 

lavàza (lavàzi), s.f.

romice, erba con grandi foglie, molto comune nei prati umidi e ben concimati, cresce bene vicino alle concimaie, è una specie di rabarbaro selvatico  --- 

lavéc’, s.m.

pentola in pietra ollare  --- 

lavigìi, s.m.

piccola pentola in pietra ollare --- 

lazarèt, s.m.

vecchio ospedale --- 

lazarù, s.m.  --- 

lazzarone --- 

lazarunàa, v. tr.

oziare, evitare ogni lavoro --- 

lazzerù, s.m.

Siero  (vedi “lac’ serù”) --- 

léc’, s.m.

letto – TO   --- 

lèc’, s.m.

letto – MO  |  fàa sǜ ‘l lèc’ = rifare il letto --- 

lèca (léchi), s.f. e agg.

colpo, botta, urto; schizzinosa, di gusti difficili nel mangiare – TO  |  iè léchi  = sono di gusti difficili nel mangiare --- 

lèca (lèchi), s.f. e agg.

colpo, botta, urto; schizzinosa, di gusti difficili nel mangiare – MO  |  gh’ò ciapàat ‘na lèca = ho preso una brutta botta --- 

lecà gió, v. tr.

leccare  |  lecàch gió ‘l cǜl = fare il leccapiedi, adulatore privo di qualsiasi dignità --- 

lecà sǜ, v. tr.

leccare  |  ‘l gàt al lecà sǜ ‘l piàt = il gatto lecca il piatto --- 

lecàa, v. tr.

leccare --- 

lecéra, s.f.

tavolato sopraelevato, largo quanto l’altezza di un uomo e molto lungo, su cui dormivano i pastori in alpeggio --- 

lèch, agg.m.

schizzinoso, di gusti difficili nel mangiare  --- 

lechèt, s.m.

vezzo, vizio   |  tèl tṍi fò mi sto lechèt = te lo faccio passare io questo vizio --- 

léda, s.f.

sabbia finissima --- 

lée, pron. pers. e s.f.

ella, lei; lei, intesa come la partner (moglie, compagna): la mia lei  |  lée la vàrda = ella guarda; de lée me fìdi ca = di lei non mi fido; dighól a lée = dillo a lei | lée l’è d’initè e lǜü l’è d’en fó = la moglie è della Moia e il marito è del Torchione   --- 

lèfò, avv.   --- 

è fuori | quànca l’è fò da la pàta l’è itè ‘ndèla cràpa --- 

lége (légi), s.f.  --- 

legge --- 

lègió, avv.  --- 

è giù --- 

légn, s.m.

legno – TO --- 

lègn, s.m.

legno – MO --- 

légna, s.f.

legna – TO --- 

lègna, s.f.

legna – MO --- 

legnàda (legnàdi), s.f.

legnata, bastonata --- 

legnàm, s.m.

legname da costruzione --- 

legnamèer, s.m.

falegname  --- 

legnóos, agg.m.

legnoso, coriaceo --- 

legnósa (legnósi), agg.f.

legnosa, coriacea --- 

leguéer, s.m.

ramarro – TO --- 

leguèer, s.m.

ramarro – MO --- 

lèià, avv.    --- 

è là; anche: rotto | l’è ‘ndàc’ ià = si è spezzato --- 

léisc’ gió, v. tr.  --- 

leggere – TO --- 

lèisc’ giò, v. tr.  --- 

leggere – MO --- 

léisc’ sǜ, v. tr.  --- 

leggere – TO --- 

lèisc’ sǜ, v. tr.  --- 

leggere – MO --- 

léisc’, v. tr.  --- 

leggere – TO --- 

lèisc’, v. tr.  --- 

leggere – MO --- 

lèiscé, avv.   --- 

è così | l’è iscé e basta = è così e basta  --- 

lèité, avv.    --- 

è dentro | sa l’è itè ciàpel cal gh’è  --- 

léla --- 

usato solo nell’espressione “dèl léla” = di nessun conto |  ‘n  aocàat  del léla = un avvocato poco valido --- 

lemòsna (lemòsni), s.f.

elemosina --- 

lèndena (léndeni), s.f.

uovo di pidocchio – TO --- 

lèndena (lèndeni), s.f.

uovo di pidocchio – MO  |  spacàa la lendèna ‘n quàtro = dividere l’uovo di pidocchio in quattro, essere molto pignolo --- 

lengéer, agg.

leggero --- 

lengéra (lengéri), agg.f.

leggera --- 

lengerèza, s.f.

leggerezza --- 

lèngua (léngui), s.f.

lingua – TO |  la gh’à ‘na lèngua che tàia ‘l fèr = ha una lingua lunga e maligna; tiràa a strǜz la lèngua = biascicare (tipico degli ubriachi) --- 

lèngua (lèngui), s.f.

lingua – MO |  la gh’à ‘na lèngua che tàia ‘l fèr = ha una lingua lunga e maligna; tiràa a strǜz la lèngua = biascicare (tipico degli ubriachi) --- 

lenśṍl (lenśṍi), s.m.

lenzuolo --- 

leonèsa (leonési), s.f.

leonessa – TO --- 

leonèsa (leonèsi), s.f.

leonessa – MO --- 

leór, s.f.

lepre  – TO --- 

leòr, s.f.

lepre  – MO --- 

lès, s.m.

lesso  --- 

lèscià, avv.  --- 

è arrivato --- 

lèsna (lésni), s.f.

lesina (del calzolaio) – TO --- 

lèsna (lèsni), s.f.

lesina (del calzolaio) – MO --- 

lèsǜ, avv.     --- 

è su --- 

lètera (léteri), s.f.

lettera – TO --- 

lètera (lèteri), s.f.

lettera – MO --- 

leù, s.m.

leone --- 

levà sǜ,  intr.

alzarsi, allevare --- 

levàa, v. tr. e intr.

alzarsi dal letto, lievitare --- 

levàat, s.m.  --- 

lievito --- 

lévera (léveri), s.f.

leva di ferro pesante per rimuovere grossi massi; si dice anche “lìvera” --- 

levertìis, s.m.

luppolo (humulus lupulus l) --- 

leziù, s.f.

lezione --- 

li, art. pl. f.

le | li màa = le mani --- 

liànda (liàndi), s.f.

abitudine, andazzo --- 

lìber, agg.m.

libero --- 

lìbera (lìberi), agg.f.

libera --- 

librèt (librèc’), s.m --- 

libretto, (block notes), librèt dèl làc' dove segnavano ad ogni colata il peso del latte --- 

librèta (libréti), s.f.

libretto di risparmio – TO --- 

librèta (librèti), s.f.

libretto di risparmio – MO --- 

lìbro, s.m.

libro --- 

lifròch, s.m.

fannullone, persona che ha poca voglia o poca forza per lavorare, persona senza iniziativa, lazzarone --- 

ligàa gió, v. tr.

legare  | ligàa gió ‘n càr de fèe = legare il fieno caricato sul carro, per non perderlo --- 

ligàa scià, v. tr.

legare  |  ligàa scià ‘n mazṍl de lègna = legare una fascina di legna --- 

ligàa sǜ, v. tr.

legare, fasciare (una ferita) | ligàa sǜ = legare i tralci della vite --- 

ligàa, v. tr.

legare --- 

ligàm, s.m.

spago, cordicella  (vedi “strefuzìi”) --- 

ligaröl, s.m.

lavoretto, piccola faccenda domestica o sul lavoro --- 

ligitèm, agg.m.

legittimo --- 

lìi, s.m.

lino  |  ‘n lensṍl de lìi = un lenzuolo di lino --- 

lìis, agg.m.

logoro, liso --- 

lìisa (lìisi), agg.f.

logora, lisa --- 

lìmbo, s.m.

limbo --- 

lìmeda (lìmedi), s.f.

piccolo appezzamento di terreno poco fertile --- 

limedù, s.m.  --- 

accrescitivo di “lìmet” --- 

lìmet, s.m.

limite, margine di una strada o di un campo, ciglio erboso --- 

limù, s.m.

limone --- 

limunàda (limunàdi), s.f.

limonata --- 

lingéra (lingéri), s.m.

giovanotto sfaccendato, un po’ brioso ma inconcludente --- 

linguèta (linguéti), s.f.

linguetta delle scarpa – TO --- 

linguèta (linguèti), s.f.

linguetta delle scarpa – MO --- 

linguìna (linguìni), s.f.

tipo di erba di montagna con le  foglie a forma di lingua   --- 

lìnia (lìni), s.f.

linea  |  gh’ò trèi lìni de féora = ho tre linee di febbre  --- 

liòr, s.m.

all’ultimo stadio, si usa anche per dire che si ha finito di fare qualcosa | l’è scià liòr finìit = si dice di una persona molto malata, ma anche di animali e di oggetti inutilizzabili | ò liòr da segàa = ho finito di falciare --- 

lioràa, v. tr.

esaurire, ultimare, terminare, finire | 'ndèl frìgo ghè ca pü itè negot, ò liòràat fò tüt = nel frigorifero non c’è più nulla, ho finito fuori tutto; ò da lioràa ià tüc’ i mestéer = devo ultimare tutti i lavori --- 

lìpa, s.f.

lippa (gioco infantile) --- 

lìra, s.f.

lira | attrezzo in legno e corde metalliche sottili usato per frastagliare la cagliata per fare il formaggio --- 

lìs, agg.m.

liscio  |  ‘ndàa lìs = nel gioco delle carte, giocare un carta senza valore --- 

lìśa (lìśi), agg.f.

liscia --- 

liśagnòt, agg.m.

persona lenta nel fare le cose --- 

liśagnòta (lisagnòti), agg.f.

persona lenta nel fare le cose --- 

lìsca (lìschi), s.f.

striscia di terreno --- 

lischèt (lischéc’), s.m.

piccola striscia di terreno – TO --- 

lischèt (lischèc’), s.m.

piccola striscia di terreno – MO --- 

lisèn, s.m.

salice delle capre  (vedi “védesc’ “) --- 

lisìva, s.f.

lisciva, acqua bollente e cenere --- 

lìsta (lìsti), s.f.

lista, elenco --- 

listèl (listéi), s.m.

listello di falegnameria – TO --- 

listèl (listèi), s.m.

listello di falegnameria – MO --- 

lìt, s.m.

usato solo nell’espressione “tacà lìt” = litigare --- 

litanìi, s.f.

litanie della Madonna e dei Santi --- 

lìtro (lìtri), s.m.

litro, boccale da un litro --- 

livèl (livéi), s.m.

livello, quota; livella a bolla; livello, contratto agrario, a titolo oneroso, per il quale una terra veniva concessa in godimento per un certo periodo di tempo – TO --- 

livèl (livèi), s.m.

livello, quota; livella a bolla; livello, contratto agrario, a titolo oneroso, per il quale una terra veniva concessa in godimento per un certo periodo di tempo – MO --- 

lìvera, s.f.

vedi "lévera" --- 

lòbbia, s.f.

balconata in legno --- 

lobbièt, s.m.

terrazzino --- 

lócaal (lócai), s.m.

locale, vano di una casa --- 

lòfa (lòfi), s.f.

peto silenzioso e puzzolente --- 

lṍgia (lṍgi), s.f.

donna di malaffare; termine usato anche per mucche in genere vecchie  --- 

lògiàa, v. tr.

alloggiare, dare ospitalità --- 

lögṍr, s.m.

ramarro – MO --- 

lómból (lómbói), s.m.

pezzo di cordina a fili d’acciaio intrecciati | ò ciapàat ‘n lómból, lò giràat ‘nréet fòncóo e ghò mès dùu morsèc’, iscè pös üsàl còma fìl par tiràa = ho preso un pezzo di cordina d’acciaio, l’ho ripiegata indietro alle estremità e messo due morsetti, così la posso usare come corda da traino --- 

lónch, agg.m.

lungo; diluito --- 

lónga( lónghi), agg.f.

lunga; diluita --- 

lóngo, avv.

durante  |  lóngo la sitimàna = durante la settimana --- 

lontàa, agg. e avv.

lontano --- 

lontàna (lontàni), agg. e avv.

lontana --- 

lṍöch, s.m.

pezzo di  terra anche impervio, coltivato --- 

lóor, pron. pers.  --- 

essi, esse, loro --- 

lòta (lòti), s.f.

usato solo nell’espressione “ ‘na lòta de gràśa” = un grumo di letame appiattito; 'na lota de fée = una grande fetta di fieno stagionato tagliato con apposito arnese "taiadù dal fée" da portare dal fienile "masù dal fèe"  nella stalla " masù 'dli vachi" --- 

lótréer, s.m.

l’altro ieri --- 

lótrérasc’, s.m.

il giorno prima dell’altro ieri  --- 

lózza, s.f.

liquame, liquame sul pavimento della stalla  |  li vàchi i è itè ‘ndèla lózza, mètech sóta ‘n pòo de patǜsc' = le mucche sono coi piedi immersi nel liquame, mettigli un po’ strame nuovo, cambiagli la lettiera --- 

lùcciola (lùccioli), s.f.

lucciola --- 

lǜcet, s.m.

lucido per scarpe --- 

lùch, s.m.

bellimbusto --- 

lüchèt (lüchéc’), s.m.  --- 

luchetto  sin. “mas-clòs” – TO --- 

lüchèt (lüchèc’), s.m.  --- 

luchetto  sin. “mas-clòs” – MO --- 

lǜf, s.m.

lupo --- 

lügànega (lügàneghi), s.f.

salsiccia da bollire o secca --- 

lüganeghèta (lüganeghéti) s.f.

salsiccia lunga e sottile, salsiccetta – TO --- 

lüganeghèta (lüganeghèti) s.f.

salsiccia lunga e sottile, salsiccetta – MO --- 

lüganegòt, s.m.

salsicciotto --- 

lüganegù, s.m.

salsiccione, uomo grande e grosso --- 

lǜi, s.m.

luglio --- 

lǜm de ròch, s.m.

allume di rocca (detto anche “indèròch”) --- 

lǜm, s.f.

lume, lucerna, lanterna | lǜm a òli = lanterna a olio | lǜm a carburo = lanterna ad acetilene --- 

lümàga (lümàghi), s.f.

lumaca con o senza guscio --- 

lümagòt, s.m.

lumacone, lumaca senza guscio, persona lenta --- 

lümagù, s.m.

lumacone, persona molto lenta --- 

lümìi, s.m.

lumino, candela votiva --- 

lǜminio, s.m.

alluminio --- 

lǜna (lǜni), s.f.

luna | vìch la lǜna stòrta = avere la luna storta, essere di malumore --- 

lünàri, s.m.

almanacco, calendario | sbarcàa ‘l lünàri = sbarcare il lunario, tirare avanti a stento --- 

lünàtech, agg.m.

lunatico --- 

lünàtega (lünàteghi), agg.f.

lunatica --- 

lündesdì, s.m.

lunedì --- 

lüsènt (lüsénc’), agg.m.

lucente – TO --- 

lüsènt (lüsènc’), agg.m.

lucente – MO --- 

lüsènta (lüsénti), agg.f.

lucente – TO --- 

lüsènta (lüsènti), agg.f.

lucente – MO --- 

lüsèrta (lüsérti), s.f.

lucertola – TO --- 

lüsèrta (lüsèrti), s.f.

lucertola – MO --- 

lǜśo (lǜśi), s.m.

lusso --- 

lǜstra (lǜstri), agg.f.

lustra, lucida, pulita --- 

lüstràa, v. tr.

lucidare  |  lüstràa li scàrpi = lucidare le scarpe --- 

lüstrìsem, agg.m.

illustrissimo --- 

lǜstro (lǜstri), agg.m.

lustro, lucido, pulito; lucido per scarpe --- 

lǜt, s.m.

lutto --- 

lǜü, pron. pers. e s.m.

egli, lui; lui, inteso come il patner (marito, compagno): il mio lui |  dighèl a lǜü = dillo a lui; laghèl fàa da lǜü = lascialo fare da solo | lǜü l’è d’initè e lée l’è d’en fó = il marito è della Moia e la moglie è del Torchione   --- 

lǜüs, s.f.

luce, corrente elettrica | vidìi la lǜüs = nascere --- 

ma già, loc.

ma certamente --- 

ma, cong.

ma --- 

màa ‘nrìcia, s.f.

mano destra --- 

màa ‘nvèrsa, s.f.

mano sinistra --- 

màa a màa, avv.

man mano, a poco a poco --- 

màa, s.f.

1- mano  |  tignì a màa = risparmiare; dach ‘na màa = aiutarlo; lavasèn li màa = disinteressarsi; das la màa = tenersi per mano; vìch sǜ la màa = essere esperto in qualcosa; ès gió de màa = essere fuori allenamento; tṍch sǜ la màa = prendere dimestichezza; fò de màa = lontano, scomodo | 2 - strato, passata  |  dach sǜ ‘na màa de pitǜra = dare uno strato di pittura |3 - giro (nei giochi delle carte)  |  ès de màa = essere il primo a cominciare il gioco --- 

màal (màai), avv. e s.m.

male, malamente, in malo modo, dolore, malattia; sintìs màal = svenire; ‘ndàa a màal = guastarsi (riferito a cibo); vìghen a màal = offendersi; màal de cràpa = mal di testa; màal cadǜch = epilessia --- 

màar, s.m.

mare  |  ‘ndàa al màar = andare in villeggiatura al mare --- 

màardì, s.m.            --- 

martedì --- 

mac’, s.m.

maggio, matti --- 

macàco, s.m.

stupidotto --- 

macarù, s.m.

maccheroni; sciocco --- 

macaruscìi, s.m.

maccheroncini --- 

macèl (macèi), sm --- 

macello, disastro  |  l’è sücès ‘n gràn macèl = è avvenuto un disastro --- 

macelàr, s.m.

macellaio --- 

màch, s.m.

manèstra de màch = minestra con latte, castagne secche e riso   --- 

maché, inter.

macché  --- 

màchena (màcheni), s.f.

macchina  |  màchena da cüsìi = macchina per cucire --- 

machinàa, v. tr.

macchinare, pensare e ripensare per trovare una soluzione --- 

machinàri, s.m.

macchinario, meccanismo --- 

machinèta (machinéti), s.f.

piccola macchina – TO  |  parlàa e machinèta = parlare velocemente --- 

machinèta (machinèti), s.f.

piccola macchina – MO  |  machinèta dèl cafè = caffettiera --- 

maciavèlica, s.f.

marchingegno; espediente – MO --- 

Madóna, s.f.

Madonna  --- 

madòsca, inter.

espressione di meraviglia --- 

madrìgna (madrìgni), s.f.

matrigna  --- 

maestàa, s.f.

immaginetta sacra --- 

maèstra (maèstri), s.f.

maestra elementare --- 

maèstro (maèstri), s.m.

maestro elementare --- 

màfia, s.f.

boria, alterigia --- 

mafióos, agg.m.

borioso, superbo, altero --- 

mafiósa (mafiósi), agg.f.

boriosa, superba, altera --- 

magàda, s.f.

maga, strega  |  cràp dèla magàda = sasso della “magàda” --- 

magàgna (magàgni), s.f.

imbroglio, inganno; magagna, difetto --- 

magagnàa, v. intr.

ingannare, imbrogliare, barare nel gioco delle carte --- 

magagnù, s.m.

imbroglione, baro --- 

magàri, avv.

forse, magari --- 

magènch, s.m.

maggengo, proprietà montana costituita da prati e baita --- 

màgia (màgi), s.f.  --- 

punto di lavoro a maglia --- 

maginàs, inter.

ci mancherebbe --- 

magióor, s.m. e agg.m.

maggiore (ufficiale dell’esercito); maggiore, più grande --- 

magióra (magióri), agg.f.

maggiore, più grande --- 

màglia, s.f.

maglia  --- 

maglìi, s.m.

maglia intima, canottiera (vedi “canotiéra”) --- 

magliù, s.m.

maglione di lana --- 

magnàa, s.m.

stagnino, calderaio, stagnaio, esperto nell’uso dello stagno |  i “magnàa” della Valmalenco, giravano di paese in paese a riparare pentole e tegami e a stendere un sottile strato di stagno all’interno delle secchie di rame che si utilizzavano per l’acqua potabile    --- 

magnṍla, s.f.

impugnatura della falce --- 

màgra (màgri), agg.f.

magra, misera  |  l’è màgra!  =  è dura! --- 

màgro (màgri), agg.m.

magro, misero --- 

magù, s.m.

accoramento, nostalgia  |  al gh’à ‘l magù = gli viene da piangere --- 

màh, inter.

ma! non so che dire --- 

mài, avv.

mai --- 

màia pàter, s.m.

bigotto --- 

maiàa fó, v. tr.

svendere, dilapidare – TO --- 

maiàa fò, v. tr.

svendere, dilapidare – MO --- 

maiàa, v. tr.

mangiare  |  maiàa da crepàa, se sta mal da murì = mangiare troppo si sta male --- 

maiàat, agg.m.

mangiato --- 

maiàda (maiàdi), s.f.

mangiata, scorpacciata --- 

maidé --- 

ma sì, abbastanza bene, non male | te stée bée? = stai bene -> risp. maidé = ma, sì --- 

maierìa, s.f.

prurito --- 

mal trac’ ensèm, agg.

male in arnese, persona trasandata nel vestire e sregolata nel comportamento --- 

màla guìsa --- 

messo male  |  Faèt de màla guìsa trènta ciṍc’ a la camìsa = abitante di Faedo mal messo con trenta pidocchi nella camicia --- 

màla ventǜra --- 

sfortunato, sventurato  |  Bósàc’ de màla ventǜra d’estàat ‘l sùul, d’ènveren la lüna = albosaggino sfortunato d’estate il sole d’inverno la luna --- 

malàat, agg. e s.m.  --- 

malato --- 

malacrìi, s.m.

rododendro --- 

malàda (malàdi), agg. e s.f.

malata --- 

maladìi, v. tr.

maledire, lanciare improperi e maledizioni  |  te maladìsi al màt! = sei pazzo!   --- 

malamèet, avv.

malamente --- 

malandàc’ (malandàac’), agg.m.

malandato, malridotto, in cattivo stato di salute --- 

malandàcia (malandàci), agg.f.

malandata, malridotta, in cattivo stato di salute --- 

malaòia, s.f.

malavoglia, indolenza  (vedi “spetòrgna”) --- 

malàs, v. rifl.

ammalarsi --- 

malatìa (malatìi), s.f.

malattia, peronospora --- 

malcontèet, s.m.

malcontento --- 

maledücàat, agg.m.

maleducato, incivile --- 

maledücàda (maledücàdi), agg.f.

maleducata, incivile --- 

malfàc’, agg.m.

fatto male --- 

malfàcia (malfàci), agg.f.

fatta male --- 

malfidèet (mafidèec’), agg.m.

diffidente, sospettoso – MO --- 

malfidèet (malfidéec’), agg.m.

diffidente, sospettoso – TO --- 

malfidèta (malfidéti), agg.f.

diffidente, sospettosa – TO --- 

malfidèta (malfidèti), agg.f.

diffidente, sospettosa – MO --- 

malfìzi, s.m. pl.

sventure, disgrazie, maleficio, dispetti --- 

màlga (màlghi), s.f.

mandria, gruppo di bestie --- 

maligén, s.m.

sorbo dell’uccellatore --- 

malizióos, agg.m.

furbo --- 

malizióśa (malizióśi), agg.f.

furba --- 

malmarendàat, agg.m.

nervoso, di cattivo umore --- 

malmarendàda (malmarendàdi), agg.f.

nervosa, di cattivo umore --- 

malmaridàat, agg.m.

sposato male, accoppiato con persona non idonea --- 

malmaridàda (malmaridàdi), agg.f.  --- 

sposata male, accoppiata con persona non idonea --- 

malmóstóos, agg.m.

scontroso, permaloso, poco socievole --- 

malmóstósa (malmóstósi), agg.f.

scontrosa, permalosa, poco socievole --- 

malnàat, agg.m.

disgraziato, sciagurato --- 

malnàda (malnàdi), agg.f.

disgraziata, sciagurata --- 

malógn, s.m.

malanno, malessere, un brutto male --- 

màlpacia, s.m.

persona poco affidabile --- 

malparàda (malparàdi), s.f.

situazione scabrosa e difficile --- 

malùra, s.f.

malora, disgrazia, rovina  |  l’è ‘ndàc’ ‘n malùra = è finito in miseria --- 

malǜsc’, s.m.

brutto male, tumore --- 

malvólentéra, avv.

malvolentieri, di malavoglia --- 

màma (màmi), s.f.

mamma, madre --- 

mamalǜch, s.m.

mammalucco, persona sciocca --- 

mamao, s.m.

"pisellino" di un bambino --- 

màna (màni), s.f.

lampone --- 

mancàa, v. intr.

mancare, essere assente; morire  |  sintìs mancàa = avere la sensazione di svenire | l’è ignǜüt a mancàa = è morto  --- 

mandàa fò, v. tr.

emettere, divulgare --- 

mandàa gió, v. tr.

deglutire; sopportare --- 

mandàa, v. tr.

mandare, inviare --- 

mandàda (mandàdi), s.f.

mandata, giro della chiave nella serratura --- 

màndra, s.f.

salamandra --- 

mandrù, s.m.

straccio, cencio; vestito malandato --- 

manèch, s.m.

manico  |  manèch dèla scùa = manico della scopa --- 

manèer, s.m.

pianta dei lamponi --- 

manèga (manèghi), s.f.

manica di un vestito; combriccola, banda di malintenzionati  | vès de manèga làrga = essere generoso; vès itè ‘ndèla manèga = godere di simpatie e favori di qualcuno; oltaitè li manèghi = rimboccarsi le maniche, mettersi a lavorare di buona lena; l’è ‘n òtro pèer de manèghi = è tutt’altra cosa --- 

maneghèta (maneghéti), s.f.  --- 

 --- 

manichetta | mezza manica (con elastici) usata per proteggere le  maniche della camicia, giacca o altro – TO --- 

maneghèta (maneghèti), s.f.   --- 

manichetta | mezza manica (con elastici) usata per proteggere le  maniche della camicia, giacca o altro  – MO --- 

manegiàa, v. tr.

maneggiare, manovrare, usare con perizia un attrezzo --- 

manegiù, s.m.

maneggione, intrigante --- 

manéra (manéri), s.f.

maniera, modo  |  l’è la manéra da fàa! = è il modo di fare!; l’è fac’ a la sùa manèra = è un tipo originale --- 

manèstra (manéstri), s.f.

minestra – TO   --- 

manestrù, s.m.

minestrone --- 

manèta (manèti), s.f.

maniglia, impugnatura  |  ‘ndàa a manèta = andare veloce --- 

mànfrech, agg.m.

persona che svolge un lavoro in modo non corretto e senza arguzia --- 

mànfrega (mànfreghi), agg.f.

persona che svolge un lavoro in modo non corretto e senza arguzia --- 

mangiàa, s.m.

mangiare (vedi  “ maià”) --- 

mangiù, s.m.

mangione, ingordo, ghiottone --- 

màni, s.f.

lamponi (frutto e pianta) --- 

maniàch, agg.m.

maniaco --- 

manìglia (manìgli), s.f.

maniglia --- 

manìi scià, v.tr.

preparare | cumincém a manìi scià da ‘ndàa en sü = cominciamo a preparare il necessario per andare sul maggengo --- 

manìi, s.m.

vedi "urigina" --- 

manìna (manìna), s.f.

piccola mano; tipo di fungo; individuo avaro --- 

manìol (maniói), agg.m.

maneggevole, di facile uso --- 

manìola (manióli), agg.f.

maneggevole, di facile uso --- 

maniù, s.f.

oggetti personali, un gran numero di cose|  tǜta la sùa maniù = tutti i suoi oggetti --- 

manizìi, s.m.

polsino --- 

manóàl (manóài), s.m.

manovale  --- 

manoèla (manoéli), s.f.

manovella – TO --- 

manoèla (manoèli), s.f.

manovella – MO --- 

màns, s.m.

manzo, bue, bovino giovane  |  ‘ndàa al màns = essere in calore --- 

manscìi, agg.m.

mancino --- 

mantèl (mantéi), s.m.

mantello – TO --- 

mantèl (mantèi), s.m.

mantello – MO --- 

màntes, s.m.

mantice --- 

mantignìi, v. tr.

mantenere, finanziare --- 

mantignìs, v. rifl.

mantenersi  |  al se mantègn daparlǜü = è autosufficiente --- 

mantìi, s.m.

tovagliolo --- 

mantilìna (mantilìni), s.f.  --- 

mantellina --- 

mantisìi, s.m.

piccolo mantice, fisarmonica a bocca --- 

mànza (mànzi), s.f.

giovenca prossima al primo parto --- 

manzṍl (manzṍi), s.m.

vitellone --- 

màpa, s.f.

mappa --- 

marascàl (marascài), s.m.

maniscalco --- 

marascàlch, s.m --- 

maniscalco --- 

marasciàl (marasciàai), s.m.

maresciallo  |  marasciàl dèla fórestàl = maresciallo della forestale --- 

maravéia, s.f.

meraviglia, stupore – TO --- 

maravèia, s.f.

meraviglia, stupore – MO --- 

màrca (màrchi), s.f.

marca, marchio di fabbrica  |  màrca da bùl = marca da bollo --- 

marcàa gió, v. tr.

annotare, registrare --- 

marcàa sǜ, v. tr.

annotare, segnare --- 

marcàa, v. tr.

annotare, segnare  |  fà marcàa = comprare a credito; marcàa màal = volgere al peggio --- 

marcàat, s.m.

mercato  |  ‘ndàa al marcàat = andare al mercato --- 

marcànt, s.m.

mercante, commerciante  |  ‘l marcànt de li vàchi = commerciante di bestiame --- 

màrcia (màrci), s.f.

marcia, camminata --- 

marciapè, s.m.

marciapiedi --- 

marciapìch, s.m.

martello pneumatico --- 

marculdì, s.m.

mercoledì --- 

marèl (marèi), s.m.

bastone, manganello  |  al tò cavàl te gh’è crùmpet biàda màrca marèl ? = il tuo cavallo, lo prendi a bastonate? --- 

marelàda (mareladi), s.f.

bastonata --- 

maréna (maréni), s.f.

amarena – TO --- 

marèna (marèni), s.f.

amarena – MO --- 

marènda (maréndi), s.f.

merenda, pranzo di mezzogiorno – TO --- 

marènda (marèndi), s.f.

merenda, pranzo di mezzogiorno – MO --- 

marendàa, v. tr.

pranzare --- 

marèndina (maréndini), s.f.

merendina (del pomeriggio) --- 

marenèra (marenéri), s.f.

pianta di  amarene – TO --- 

marenèra (marenèri), s.f.

pianta di  amarene – MO --- 

margài, s.m. pl.

escrescenze sul collo delle capre --- 

margèl, s.m.

muco --- 

margnàch, s.m.

stupido, tonto ma furbetto, ometto non troppo cresciuto --- 

margnifù, agg.m.

falso, astuto, imbroglione --- 

margnifùna  (margnifùni), agg.f.

falsa, astuta, imbrogliona --- 

margnigṍ, agg.m.

furbastro  |  gòos, gòos margnigṍ tṍö fò l’ṍöf fò dal pulṍ, tṍl fò ti ca mi non pòs, al me pesa tròp òl gòos = uomo gozzuto furbastro prendi l’uovo dal pollaio, prendilo tu che io non posso, mi pesa troppo il gozzo --- 

margòt, s.m.

muco denso --- 

margotèer, s.m.

moccioso --- 

margutù, s.m.

accrescitivo di “margòt”; individuo stupido --- 

mariàna, s.f.

gioco delle carte simile alla briscola, che si gioca con cinque carte, si fa “mariàna” quando si hanno il re e la regina dello stesso seme --- 

maridàa, v. tr.

sposare, maritare, prendere marito --- 

maridàs, v. rifl.

sposarsi, prendere marito, anche prendere moglie  |  con la compagnìa al se marìda a i fràa = con la compagnia si sposano anche i frati --- 

marindìna, s.f.

spuntino --- 

marmàia, s.f.

marmaglia, gruppo di individui volgari --- 

marmelàda, s.f.

marmellata --- 

marmìta, s.f.

grande pentola --- 

marmòl, s.m.

marmo  | l’è svèlt  cóma ‘n gàt de marmòl = è svelto come un gatto di marmo --- 

marmulìi, s.m.

marmista, operaio specializzato nella lavorazione del marmo e di altre pietre da rivestimento --- 

marmulìna, s.f.

biglia di marmo --- 

maròs, s.m.

ontano che cresce in montagna --- 

màrs, s.m.

marzo --- 

màrsc’, agg.

marcio, guasto --- 

màrscia ( màrsci), agg.f.

marcia, guasta  |  màrscia marscènta = completamente marcia --- 

marscìi, v. intr.

marcire, imputridire --- 

marsciòt, agg.m.

troppo maturo, prossimo a marcire --- 

marsciòta (marsciòti), agg.f.

troppo matura, prossima a marcire --- 

marsciù, s.m.

oggetto o prodotto scadente; persona ripugnante --- 

marsciùna (marsciùni), s.f.

persona ripugnante --- 

marsìna, s.f.

giacchetta --- 

martèl (martéi), s.m.

martello | martéi dèla fólsc’ = martello e incudine per affilare la  falce -TO --- 

martèl (martèi), s.m.

martello | martèi dèla fólsc’ = martello e incudine per affilare la falce – MO --- 

martelàa, v. tr.

martellare, battere con il martello  |  martelàa la fòlsc’ = affilare appiattendo  la lama  della falce con apposito incudine e martello --- 

martelàda (martelàdi), s.f.

martellata, colpo di martello --- 

martilìna (martilìni), s.f.  --- 

bosso (arbusto utilizzato per le siepi) --- 

marù, s.m. e agg.m.

marrone (grossa castagna);  marrone (colore)|  fàa marù = farsi prendere in castagna, farsi cogliere in fallo --- 

marǜda (marǜdi), agg.f.

matura --- 

marüdàa, v. intr.

maturare --- 

marüdèl, s.m.  --- 

stupidino --- 

marunèer, s.m.

castagno, pianta che produce i marroni  |  l’à picàat te la cràpa ‘ndèl marunèer = ha preso una cantonata --- 

marǜut (marǜuc’), agg.m.

maturo --- 

màs-c’, s.m.

maschio --- 

mas-ciàa, v. intr.

incastrare due oggetti ad esempio le perline di legno, che sono concave da un lato (femmina) e convesse dall’altro (maschio)   --- 

mas-ciadǜra, s.f.

incastro di assi maschio-femmina --- 

mas-ciàsc’, s.m.

donna o ragazza, con comportamento mascolino --- 

mas-clòs, s.m.

lucchetto --- 

màschera (màscheri), s.f.

maschera  |  ‘nda ‘n màschera = girare di casa in casa, mascherati, nel periodo di carnevale --- 

maschèrpa (maschérpi), s.f.

ricotta;  il corpo carnoso del cardo selvatico |  restàa  cóma chèl  dèla maschèrpa = rimanere deluso e sorpreso – TO   --- 

maschèrpa (maschèrpi), s.f.

ricotta;  il corpo carnoso del cardo selvatico|  restàa  cóma chèl  dèla maschèrpa = rimanere deluso e sorpreso – MO --- 

maschìrina (maschìrini), s.f.

mascherina chirurgica | mèt sü la maschìrina se te ölèt ca ciapàa òl virus = mettiti la mascherina se non vuoi prendere il virus --- 

masciàdro (masciàdri), s.m.

individuo impertinente (detto in modo scherzoso) --- 

maśèer, s.m.

mezzadro o fattore, massaio,  (massaro), contadino che lavora la terra in affitto o a  mezzadria  |  póorèt chèl masèer càl laóra ‘l mìis de ginèer = povero quel contadino costretto a lavorare durante il mese di gennaio --- 

maseràa, v. tr.

macerare, lasciare a mollo --- 

maseràat, agg.m.

macerato --- 

maseràda (maseràdi), agg.f.

macerata --- 

maśìz, agg.m.

massiccio --- 

maśìza (masìzi), agg.m.

massiccia --- 

màsna (màsni), s.f.

cassone di legno, che serviva al norcino per mescolare la carne  di maiale tritata, con sale e altri ingredienti per fare salsicce e salami --- 

masnàa, v. tr.

macinare --- 

masnàda (masnàdi), agg.f.

macinata --- 

masnàda (masnàdi), s.f.

quantità macinata in una sola volta  |  gh’è n’ò dàc’ ‘na masnàda = gli ho dato un sacco di botte --- 

masnìi, s.m.

macinino  |  ‘l masnìi dal cafè = il macinino del caffè --- 

mastèch, s.m.

mastice, colla --- 

mastegàa, v. tr.

masticare --- 

mastèl (mastèi), s.m.

mastello, recipiente di legno --- 

masù, s.f.

stalla, fienile  |  masù dal fèe = fienile --- 

màt, agg.m.

matto, pazzo, folle, malato di mente  |  fónch màt = fungo non porcino; da fò da màt = impazzire; l’è màt matènto = è completamente pazzo; al me piàas da màt = mi piace molto --- 

màta (màti), agg.f.

pazza, malata di mente --- 

mataràz, s.m.

materasso, di lana o di crine --- 

matarazèer, s.m.

materassaio --- 

matèl (matéi), s.m.

ragazzo, giovanotto – TO --- 

matèl (matèi), s.m.

ragazzo, giovanotto – MO --- 

matèla (matéli), s.f.

ragazza, signorina da marito – TO  |  curìi, curìi matéli ca l’è scià ‘l màt de li scüdéli = accorrete ragazze che è arrivato lo straccivendolo (era usanza di dare una scodella in cambio di una certa quantità di stracci vecchi) --- 

matèla (matèli), s.f.

ragazza, signorina da marito – MO  |  curìi, curìi matèli ca l’è scià ‘l màt de li scüdèli = accorrete ragazze che è arrivato lo straccivendolo (era usanza di dare una scodella in cambio di una certa quantità di stracci vecchi) --- 

matèria, s.f.

pus --- 

material (materiài), agg.m.

rozzo, grossolano, maleducato, sgraziato (accrescitivo “materialàsc’ ”) --- 

material (materiài), s.m.   --- 

materiale, prodotto o manufatto dotato di proprietà o caratteristiche particolari  |  materiàl = scarti nelle costruzioni edili   --- 

materiàla (materiàli), agg.f.

rozza,  grossolana, maleducata, sgraziata --- 

matilìi, s.m.  --- 

diminutivo di “matèl” --- 

matilìna (matilìni), s.f.

diminutivo di “matèla” --- 

matìta (matiti), s.f.

matita  sinonimo di “làpes” --- 

matocàda (matocàdi), s.f.  --- 

stupidata --- 

matòch, s.m.

pupazzo, statua, persona stupida --- 

matòcola (matòcoli), s.f.

donna stupida --- 

matolàm, s.m.

persona stupidotta o stravagante --- 

matolàt (matolac'), s.m.

uomo pazzerello, stravagante, lunatico --- 

matuchìi, s.m.

stupidino, diminutivo di “matòc” --- 

matunèra (matunéri), s.f.

sonnolenza, torpore – TO  |  svègliet fó dala matunèra! = svegliati!, datti una mossa!  (vedi “piśochèra”) --- 

matunèra (matunèri), s.f.

sonnolenza – MO | svègliet fò dala matunèra! = svegliati!, datti una mossa!  (vedi “piśochèra”) --- 

matǜsc’, s.m.

matto in senso bonario --- 

màz, s.m.

mazzo, fascio  |  màz de càrti = mazzo di carte da gioco --- 

màza (màzi), s.f.

mazza --- 

màza ciù, s.m.

norcino, persona esperta nel macellare i maiali e lavorarne le carni per farne salumi --- 

mazàa, v. tr.

ammazzare, uccidere  |  mazàa ‘l ciù = uccidere il maiale --- 

mazṍl (mazṍi), s.m.

mazzo, fascina  |  ‘n mazṍl de lègna = una fascina di legna --- 

mazòt, s.m.

grosso martello, piccola mazza (mazzotta) |l’è réet de pùnta e mazòt = stà usando la punta con una piccola mazza --- 

mazücàat, agg.m.

ammaccato --- 

mazücàda (mazücàdi), agg.f.

ammaccata --- 

mazzàcher, s.m.

individuo sciocco --- 

mazzòcol, s.m.

individuo sciocco --- 

mazzöla, s.f.

mazzuola di legno  --- 

mazzù, s.m.

carota selvatica --- 

mè, agg. e pron.

mio  |  ‘l mè fradèl = mio fratello; sǜ ‘ndèl mè = sulla mia proprietà --- 

me, pron. pers. sing.

mi, me  |  ‘l me piàas = mi piace; me la sènti ca = non me la sento --- 

mecànech, s.m.

meccanico --- 

medàia (medài), s.f.

medaglia --- 

medaiù, s.m.

medaglione --- 

medegàa, v. tr.

medicare, curare una ferita --- 

medegù, s.m.

praticone, esperto di qualcosa (in senso ironico) --- 

médro, s.m.

cartamodello, modello ritagliato su carta per fare abiti o altri capi di vestiario --- 

mée, méei, agg. e pron.

miei  |  i mée = i miei genitori; iè méei = sono miei --- 

méesdì, s.m.

mezzogiorno  --- 

mèet, s.f.

mente  |  tignìi a mèet = ricordare; dàa a mèet  = ascoltare, seguire i suggerimenti --- 

méi, agg.

meglio, migliore – TO --- 

mèi, agg.

meglio, migliore – MO --- 

mèla (méli), s.f.

roncola – TO --- 

mèla (mèli), s.f.

roncola – MO --- 

mèlega, s.f.

saggina  |  ‘na scùa de mèlega = una scopa di saggina --- 

melegàsc’, s.m. pl.

pianta secca del granoturco, con le foglie --- 

melègòt (melègòc’), s.m.

castagne lessate --- 

mèlma, s.f.

terra intrisa d’acqua, palude, pozzanghera --- 

melǜsc’, s.m.

roncola di qualità scadente  |  tǜc’ i melǜsc’ tàia carnǜsc’ = anche con le roncole di qualità scadente ci si può ferire --- 

menàa, v.tr.

condurre --- 

menàda (menàdi), s.f.

lungaggine noiosa e inconcludente; treccia fatta con pampini (tralci) e grappoli d’uva; per  far la “menàda” si tagliano alcuni rami della vite, con foglie e grappoli, poi si intrecciano e si legano con rametti di salice (scialèsci). Si scelgono i grappoli più belli, di solito si usa l’uva “Brugnṍla”. La “menàda” viene appesa in casa e l’uva si mangia in inverno durante le feste --- 

menadù, s.m.

avvallamento ripido nel bosco; parte della “stròpa” che si fa girare per legare la vite al palo  (vedi "tiradù") --- 

menagràm, s.m.  --- 

menagramo, iettatore --- 

mèndàa, v. tr.

rammendare --- 

méno, avv.

meno --- 

mènta, s.f.

menta --- 

mercoldì, s.m.

mercoledì  (vedi ”marculdì”) --- 

Mèrica, s.f.

America, Stati Uniti – MO --- 

mericàa, s.m.

americano --- 

mèrla, s.f.

merla, usato anche nell’espressione: i dì dèla mèrla = i giorni della merla, 29, 30, 31 gennaio  --- 

mèrlo (mèrli), s.m.

merlo --- 

mèrs, s.m.

rametto di salice che si usa per legare le viti  --- 

mersulìi, s.m.

rametto di salice più piccolo del “mèrs” che si usa per legare i tralci più piccoli della vite --- 

mès-c’, agg.m.

misto, miscelato  --- 

mès-cia ( més-ci), agg.f.

mista, miscelata – TO --- 

mès-cia ( mès-ci), agg.f.

mista, miscelata – MO --- 

mes-ciàa, v. tr.

mischiare, miscelare mescolare --- 

mes-ciadù s.m.

miscuglio --- 

Mèśa (Méśi), s.f.

Messa, rito liturgico – TO  |  Mèśa prǜma = prima Messa della giornata, celebrata molto presto al mattino --- 

Mèśa (Mèśi), s.f.

Messa, rito liturgico – MO  |  Mèśa grànda = Messa principale della domenica mattina --- 

meśàl (meśai), s.m.

messale, libro liturgico che contiene le letture per la celebrazione della messa --- 

mesédàa, v.tr.  --- 

mischiare, usato solo nell’espressione: “tìra, mòla e meséda” = indugiare a lungo, continuando a perdere tempo, a furia di temporeggiare --- 

meśéer, s.m.

contadino benestante --- 

meśerù, s.m.

contadino benestante, accrescitivo di “meśér” --- 

mestéer, s.m.

mestiere, lavoro  |  fàa i mestéer = sbrigare le faccende domestiche --- 

mesteràsc’, s.m.

lavoro pesante o noioso --- 

mesterulìi, s.m.

lavoretto poco faticoso --- 

mèt dité, v. tr.

mettere dentro – TO  |  mét dité ‘l fée = riporre il fieno nel fienile --- 

mèt ditè, v. tr.

mettere dentro – MO  |  mèt ditè ‘l fèe = riporre il fieno nel fienile --- 

mèt ensèm, v. tr.

assemblare, aggregare  --- 

mèt fó, v. tr.

esporre – TO  |  mèt fó li spési = esporre i conti --- 

mèt fò, v. tr.

esporre – MO  |  mèt fò li spési = esporre i conti --- 

mèt gió, v. tr.

posare, seminare |  mèt gió bàs = posare per terra; mèt gió i tartifòi = seminare le patate --- 

mèt sóta, v. tr.

assumere |  mèt sóta ‘n aocàat = chiedere il patrocinio di un avvocato --- 

mèt sǜ, v. tr.

indossare, convincere qualcuno a fare qualcosa  |  mét sǜ li bràghi = indossare i pantaloni --- 

mèt, v. tr.

mettere, porre, collocare |  mèt a pòst = sistemare, ordinare --- 

mètes, v. rifl.

mettersi, sistemarsi |  mètes ‘n mèet = fissarsi, in testa, un’idea  (sbagliata); mètes a pòst = sistemarsi; mètes sóta = impegnarsi a fondo --- 

métro, s.m.

metro --- 

mèz, agg.m.

mezzo   |  fàa a mèz = dividere a metà; ‘ndàch de mèz = subire un danno --- 

mèz, s.m.

boccale da mezzo litro |  dàmen ‘n mèz = dammi  un boccale di vino, da mezzo litro --- 

mèza (mézi), agg.f.

mezza – TO  |  gh’ò ‘na mèza idèa = ho una mezza idea --- 

mèza (mèzi), agg.f.

mezza – MO |  gh’ò ‘na mèza idèa = ho una mezza idea --- 

mèzalàna, s.f.

tessuto di poco pregio di canapa e lana --- 

mèzalǜna (mezalǜni), s.f.

mezzaluna, attrezzo da cucina --- 

mèzanòc’, s.f.

mezzanotte --- 

mèzlitro, s.m.

mezzo litro --- 

mèzo (mèzi), s.m.

mezzo, mezzo di trasporto, veicolo vettura  --- 

mezùra (mezùri), s.f.

mezzora --- 

mezuràscia, s.f.

mezzora abbondante --- 

mezurèta (mezuréti), s.f.

mezz'oretta -  TO --- 

mezurèta (mezurèti), s.f.

mezz'oretta -  MO --- 

mezzàa, s.m --- 

mezzano --- 

mezzéna, s.f.

metà di una bestia macellata – TO --- 

mezzèna, s.f.

metà di una bestia macellata – MO --- 

mì, pron. pers. sing.

mi, me  |  a mì al me piàs = a me piace; al sa ca gnè de mì gnè de tì = non ha alcun sapore --- 

mìa (mei), agg. e  pron. poss.  --- 

mia | l’è la mìa amìsa = è la mia amica; l’è püsée bèla dèla mìa = è più bella della mia --- 

mìca (mìchi), s.f.

forma di pane  poca più grossa di un pugno --- 

michèta (michéti), s.f.

dim. di “mìca” – TO --- 

michèta (michèti), s.f.

dim. di “mìca” – MO --- 

michìi, s.m.

dim. di “mìca”  --- 

midisìna (midisìni), s.f.

medicina --- 

mìga, avv.

non, mica, sin. di “ca”  |  gh’è no mìga òia = non ne ho voglia --- 

migliardàri, s.m.

miliardario --- 

migliàrt, s.m.

miliardo --- 

miglióràa, v. tr. e intr.

migliorare --- 

miglióramèet, s.m.

miglioramento  |  miglióramèet dèla mòrt = l’apparente miglioramento  prima di morire --- 

migliù, s.m.

milione --- 

migliunàri, s.m.

milionario --- 

mignào, s.m.

gattici, compaiono in primavera prima delle foglie su tutte le piante salicacee  --- 

migulù, s.m.

grosso escremento a forma di cilindro --- 

mìis, s.m.

mese --- 

mìl, s.f.

miele | l’è dùls  cóma la mìl = è dolce come il miele --- 

mìla, agg. num.

mille --- 

milafòi, s.m.

millefoglio (achillea millefolium) – MO --- 

milafói, sm --- 

millefoglio (achillea millefolium) – TO --- 

milésem, s.m.

data incisa su un fabbricato per ricordare l’anno di costruzione --- 

milìi, s.m.

piccola roncola --- 

mìlsa (mìlsi), s.f.

milza --- 

mimìi, s.m.

agnellino --- 

mìna (mìni), s.f.

mina, carica esplosiva  | ciòch  cóma ‘na mìna = ubriaco fradicio --- 

minadù, s.m.

minatore di galleria o di miniera --- 

mìnem, s.m.

minimo --- 

minènt, agg.

pericolante, instabile --- 

minéra, s.f.

cava di sassi nella montagna, idonei per costruzioni di case, mediante sparo di mine – TO --- 

minèra, s.f.

cava di sassi nella montagna, idonei per costruzioni di case, mediante sparo di mine – MO --- 

minèstra (minéstri), s.f.

minestra – TO  | accrescitivo “minèstrù” (vedi arcaico “manèstra”) --- 

minèstra (minèstri), s.f.

minestra – MO | accrescitivo “minèstrù” (vedi arcaico “manèstra”) --- 

minigrèla (minigréli), s.f.

cosa di poca importanza – TO --- 

minigrèla (minigrèli), s.f.

cosa di poca importanza – MO --- 

minṍr, s.m.

minatore (vedi “minadù”) --- 

mintìi, s.m.

mentina, pasticca di zucchero aromatizzata con essenza di menta --- 

miòl, s.m.

midollo --- 

miòla (miòli), s.f.

midolla, midollo, mollica del pane --- 

mìra, s.f.

mira | ciapàa la mìra = prendere la mira --- 

mìra! escl.

guarda! | mìra mò = guarda un po’ --- 

miràcol, s.m.

miracolo --- 

mirìc’, s.m.

mezzogiorno | Mirìc’ = Meric’ = Meriggio monte  --- 

mirìi, s.m.

mirino --- 

misàda (misàdi), s.f.

salario, stipendio mensile --- 

miscisciàol, agg.

essere buono e affettuoso, ma ancora indifeso e che deve  farsi le ossa --- 

miscisciaulìi, agg.

tenerezze affettuose, coccole --- 

miseràbél, agg.m.

miserabile  --- 

mizzàa, v.tr.

schiacciare, sminuzzare; rompere in piccoli frantumi | mìzza ciṍc’ = avaro, pignolo | mizzàa li nóos = rompere le noci --- 

mizzàciṍc’, s.m.

individuo puntuale e pignolo --- 

mó, avv.

usato solo come rafforzativo dell’imperativo – TO | dàm mó scià ‘l martèl! = dammi il martello! --- 

mò, avv.

usato solo come rafforzativo dell’imperativo – MO |  dàm mò scià ‘l martèl! = dammi il martello! --- 

mòbol, s.m.

mobile --- 

móc’, s.m.

mozzicone di sigaretta --- 

móca (móchi), agg.f.

senza punta, spuntata --- 

móch, agg.m.

senza punta, spuntato (riferito soprattutto a piccone, zappa ecc.) --- 

móchela, v. imp.

piantala, smettila | móchela gió! = stai zitta! --- 

modèl, s.m.

modello --- 

mögél, s.m.

mucchietto --- 

mögia, s.m.

mucchio | l’è ‘na grànt mögia de legna = è un gran mucchio di legna --- 

mögiàa, v. intr.

muggire | la vàca la mṍgia = la mucca muggisce --- 

mógn, agg.m.

bigio, grigio scuro  |  gàt mógn = gatto grigio --- 

mógna (mógni), agg.f.

color cenere, grigia scura  |  gàta mógna = gattamorta, ostentare semplicità o indifferenza per ingannare il prossimo --- 

mognólàa, v. intr.

brontolare, mormorare, borbottare, mugugnare --- 

M --- 

ognólada (mognóladi), s.f.

borbottio | la fàc’ sǜ ‘na mognólada = ha fatto un discorso incomprensibile --- 

mói, s.m.

usato solo nell’espressione: mét a mói = mettere in ammollo – TO --- 

mòi, s.m.

usato solo nell’espressione: mèt a mòi = mettere in ammollo – MO --- 

mòia (mói), s.f.

acquitrino, palude, pantano – TO --- 

mòia (mòi), s.f.

acquitrino, palude, pantano – MO --- 

moièta (moiéti), s.f.

molla, pinza che serve per attizzare il fuoco e rimuovere i carboni accesi  – TO --- 

moièta (moièti), s.f.

molla, pinza che serve per attizzare il fuoco e rimuovere i carboni accesi  – MO --- 

mòl, agg.m.  --- 

molle, tenero --- 

mòla (mòli), agg.f.

molle, tenera --- 

mòla (mòli), s.f.

molla --- 

mṍla (mṍli), s.f.

mola dell’arrotino, macina del mulino --- 

molàa, v. tr.

allentare, lasciar libero, lasciar andare --- 

molegàa, v.intr.

indugiare, masticare qualcosa a lungo  --- 

molèta (moléti), s.f.

molletta, piccolo arnese a molla utilizzato per fermare i panni stesi o per fermare i capelli  –  TO --- 

molèta (molèti), s.f.

molletta, piccolo arnese a molla utilizzato per fermare i panni stesi o per fermare i capelli  -  MO --- 

móoli, s.f.

castagne secche sgusciate e lessate – TO --- 

mòoli, s.f.

castagne secche sgusciate e lessate – MO --- 

mòlta, s.f.

malta  --- 

momèet, s.m.      --- 

momento inteso come tempo | l’è ca òl momèet = non è il momento  --- 

momènt, s.m.

momento, istante |  spècia ‘n momènt = aspetta un momento --- 

moménti, loc.

usato solo nell’espressione “ moménti” = quasi, fra poco, per poco – TO --- 

momènti, loc.

usato solo nell’espressione “ momènti” = quasi, fra poco, per poco – MO  | momènti dàvi gió = è mancato poco che cadessi --- 

momòo, s.m.

uomo nero  | al vèe ‘l momòo = viene l’uomo nero, così si diceva ai bambini, per spaventarli, quando facevano i capricci --- 

mondàa, v. tr.

mondare, ripulire  |  mondàa l’òrt = togliere le erbacce infestanti dall’orto utilizzando un sarchiello (vedi “źapitìi”) --- 

mondàda (mondàdi), s.f.

caldarrosta pulita  --- 

mondèela --- 

usato solo nell’espressione “ ’n mondèela” = in abiti succinti  --- 

(vedi “biót”) --- 

móndola (móndoli), s.f.

placenta --- 

mónech, s.m.

sagrestano --- 

mónech, s.m.

prima dei recipienti di rame, alluminio o gomma (vedi “bùul”) lo scaldaletto era di legno costruito in modo da tenere sollevate le coperte e dentro in mezzo veniva depositato un recipiente con la brace  --- 

monéda (monédi), s.f.

moneta, soldi --- 

mónega (móneghi), s.f.

monaca, suora --- 

mónt, s.m.

mondo;  annullare  |  tràa a mónt = annullare una partita di carte -TO --- 

mònt, s.m.

mondo;  annullare  |  tràa a mònt = annullare una partita di carte --- 

montàgna (montàgni), s.f.

montagna --- 

montanàar, s.m.

montanaro --- 

montanèla (montanéli), s.f.

marmotta – TO --- 

montanèla (montanèli), s.f.  --- 

marmotta – MO --- 

mṍöf, v. tr.

muovere --- 

mòol, s.m.

molle, tenero; mollezza, fiacchezza  |  te ‘l tìri fò mì ‘l mòol! = te la tolgo io la fiacchezza che hai addosso! --- 

móor, agg.m.

verde cupo  | ‘l pràat l’è móor = il prato è di un bel verde cupo --- 

móra (móri), s.f.  --- 

mora (frutto) frutto dèli róedi;  --- 

mòra, s.f. e agg.f.

donna dai capelli neri; gioco della morra --- 

móràl, agg. e s.m.

morale; travetto di legno squadrato | l'è giò de móràl = è affranto --- 

mòrbi, s.m. e agg.m.

forma morbosa che può colpire le mammelle di una mucca; fertile --- 

mòrbia (mòrbi), agg.f.

fertile --- 

mòrd, loc.v.

usato solo nell’espressione “òs da mòrd” = ossi da mordere, dolci molto secchi --- 

morèel (morèei), agg. e s.m.

ematoma, bluastro    --- 

morèl (moréi), agg. e s.m.

livido, bluastro; ematoma, lividore procurato da un colpo ricevuto – TO --- 

morèl (morèi), agg. e s.m.

livido, bluastro; ematoma, lividore procurato da un colpo ricevuto – MO --- 

móróos, s.m.

fidanzato --- 

mórósa (mórósi), s.f.

fidanzata --- 

mòrt (mòrc’), agg. e s.m./f.

morto, defunto; morte  |  i pòri mòrc’ = i defunti; sunàa da mòrt  = suonare le campane per un funerale --- 

mòrta (mòrti), agg. e s.f.

morta, defunta --- 

mortadèla (mortadéli), s.f.

mortadella – TO --- 

mortadèla (mortadèli), s.f.

mortadella – MO --- 

móśàa, v. tr.  --- 

mostrare le parti intime del corpo --- 

mósc’, agg.m.

moscio, depresso, avvilito --- 

mósca (móschi), s.f.

mosca | l’è bùu da fàs ià li móschi = sa farsi valere --- 

móschegiàa, v. tr.

l’agitarsi delle mucche disturbate da mosche e tafani | ‘ncöo ghè ‘ngìr i tavàa e li vàchi li móschegia = oggi girano i tafani e le mucche sono agitate --- 

móscia (mósci), agg.f.

moscia, depressa, avvilita --- 

mósciàa, v. tr.

innalzamento della temperatura con conseguente fusione  della neve  | al móscia = si sta sciogliendo la neve --- 

móstascìi, s.m.

birbantello, monello, bricconcello --- 

móstro (móstri), s.m.

mostro, mascalzone (in senso bonario) --- 

móstro, inter.

certo! che diamine! | tǜt a móstro = tutto in disordine, fuori posto --- 

mòta (mòti), s.f.

quantità di sostanze molli plasmata a forma tondeggiante | ‘na mòta de bütéer = una quantità tondeggiante di burro --- 

móta (móti), s.f. e agg.f.

senza corna  |  ‘na càora móta = una capra senza corna --- 

motàl (motéi), s.m.

panetto di burro – TO --- 

motàl (motèi), s.m.

panetto di burro – MO --- 

mòto, s.f.

motocicletta --- 

mótóor, s.m.

motore --- 

mṍves, v. rifl.

muoversi  |  mṍvet! = spicciati! --- 

mubìglia, s.f.

mobilio --- 

muciù, s.m.

moncone --- 

müdàa, v. tr.

travasare  |  müdàa ‘l vìi = travasare il vino --- 

müdànda (müdàndi), s.f.

mutande  --- 

mǜfa (mǜfi), s.f.

muffa  |  ‘l làga ca ilò i sòldi a fàa la mǜfa = non lascia il soldi ad ammuffire, è uno spendaccione --- 

müfìda (müfìdi), agg.f.

ammuffita; poveretta --- 

müfìi, v. tr.

ammuffire --- 

müfìit, agg.m.

ammuffito; poveretto --- 

müfól, s.m.

pino mugo --- 

mǜga, s.f.

geloni (alle mani o ai piedi)  |  gh’ò itè la mǜga ‘ndèli màa = ho i  geloni nelle mani --- 

muidìi, loc. avv.

fammi vedere --- 

muigiǜda (muigiǜdi), agg. e s.f.

mungitura; munta --- 

müinǜz, s.m.

pasticcio di patate e fagioli (vedi “taròz”) --- 

mùisc’, v. tr.

mungere --- 

mǜl (mǜi), s.m.

mulo | vìch sǜ ‘l mǜl = tenere il broncio --- 

mǜla (mǜli), s.f.

mula --- 

mulàa, v. tr.

molare, affilare  |  mulàa la mèla = affilare la roncola --- 

mulàda (mulàdi), s.f.

affilata; arginatura (vedi “mürada”) --- 

mulèta, s.m.

arrotino | ‘l me pà al fa ‘l mulèta, mi fo ‘l mulitìi, ‘l me pà al mùla ‘n prèsa, mi mùli piàn piànìi = il mio papà fa l’arrotino, io faccio l’apprendista arrotino, mio papà arrota velocemente, io lentamente --- 

mulgìi, agg.

molle, molliccio (vedi "mulisìi") --- 

mulginàa, v. tr.

ammollire, ammorbidire, mettere a mollo  |  l’à mès gió i stràsc’ a mulginàa = ha messo i panni in ammollo --- 

mulì, s.m.

mulino --- 

mulidǜra (mulidǜri), s.f.

quota da pagare al mugnaio per la macinazione del granoturco --- 

mulinèer, s.m.

mugnaio  --- 

mulisìi, agg.m.

soffice, molle (vedi “mulgìi”) --- 

mulisìna (mulisìni), agg.f.

soffice, molle --- 

multiplicàa, v.tr.

moltiplicare --- 

mumintìi, s.m.

attimo, momentino  --- 

mundulù, s.m.

straccio, abito logoro   --- 

muntù’, s.m.

mucchio  |  ‘n muntù de fèe = un mucchio di fieno --- 

muntunàa, v. tr.

ammucchiare, ammassare (anche 'nmuntunàa, specialmente relativo al fieno) | l'è scià l'acqua, m'à da 'ndàa a 'muntunàa = sta per piovere dobbiamo ammucchiare il fieno --- 

muntuscèl (muntuscéi), s.m.

accumulo | fa sǜ ‘n muntuscèl de foia = fare un accumulo di fogliame --- 

muntuscii, s.m.

mucchietto (passaggio nella lavorazione per l'essiccazione dell'erba tagliata nei prati) | fà ca sǜ muntù, fà sǜ muntuscii ca òl fée  l'è càach sèch abòt = non fare mucchi grandi, fai mucchietti perché il fieno non è secco abbastanza --- 

münǜda (münǜdi), agg.f.

minuta, sottile, esile --- 

münümèet, s.m.

monumento --- 

münǜt (münǜc’), s.m.  --- 

minuto primo  |  cìnch münǜt = cinque minuti --- 

münǜüt (münǜüc’), agg.m.

minuto, sottile, esile --- 

müràa, v. tr.

murare, fissare al muro --- 

müràca (müràchi), s.f.

pietraia, mucchio di sassi ai lati di una vigna o di un campo  |  i sàs se i tra sǜ ‘ndèli müràchi = i sassi si buttano nelle pietraie = dare a chi ha già avuto tanto --- 

mürachèl (mürachéi), s.m.

piccolo mucchio di sassi – TO --- 

mürachèl (mürachèi), s.m.

piccolo mucchio di sassi – MO --- 

müracù, s.m.

accr. di “müràca” --- 

müràda, s.f.

muro dell'argine del fiume Livrio --- 

müradèl (müradéi), s.m.

muricciolo – TO --- 

müradèl (müradèi), s.m.

muricciolo – MO --- 

müradóor, s.m.

muratore --- 

müràia, s.f.

parete di casa --- 

murciunàa, v. intr.

ardere sotto la cenere, senza fare fiamma --- 

mürèt (mürèc’), s.m.

muretto --- 

murìi, v. intr.

morire; spegnersi  |  ‘l fṍch l’è réet a murìi = il fuoco si sta spegnendo --- 

murù, s.m.

frutto del gelso --- 

murunèer, s.m.

gelso (pianta) --- 

mǜs-c’, s.m.

muschio --- 

müśal (müśai), s.m.

museruola per bovini  (si metteva ai vitelli appena nati per impedire che mangiassero fieno o paglia) --- 

müsarṍla (müsarṍli), s.f.

museruola (anche al maschile “müsarṍl, müsarṍi”) --- 

muschìi, musìi, s.m.

moscerino --- 

mǜsìi, s.m.

musetto, faccino --- 

müsràgn, s.m.

piccolo topo di campagna --- 

musǜra (musǜri), s.f.

misura, dimensione  |  de musǜra = quantità appena sufficiente --- 

musüràa, v. tr.

misurare --- 

musurìi, s.m.

misurino --- 

mǜt (mǜc’), agg. e s.m.

muto --- 

mǜta (mǜti), agg. e s.f.

muta --- 

mutìif, s.m.

motivo, causa --- 

mǜür, s.m.

muro, parete --- 

mǜüs, s.m.

muso di animale; volto, faccia di uomo; espressione del volto  |  che brǜt mǜüs = che brutta faccia; òltà sǜ ‘l mǜüs = assumere un’espressione di disapprovazione --- 

mùut, s.m.

alpeggio, alpe | l’è già ‘ndàc’ i mùut coli vàchi = è già andato in alpe con le mucche  --- 

nàaf, s.f.

nave --- 

nàas, s.m.

naso --- 

nàia, s.f.

servizio militare --- 

nàna, s.f.

sonno dei bimbi --- 

nanìi, s.m.

bambinello --- 

narìc’, s.m.

muco del naso (vedi “margòt”) --- 

narigiàt, s.m.

moccioso (vedi “margotèer”) --- 

nàs, v. intr.

nascere --- 

naśèer, s.m.

posto dove c’è una sorgiva, sorgente d’acqua | ilò ghè 'n naśèer de acqua frèsca = lì c’è una sorgente di acqua fresca --- 

nàsta, s.f.

odorato, acuto senso dell’olfatto (specialmente riferito cani e ai gatti) --- 

nastalìna, s.f.

naftalina --- 

nastóla (nastóli), s.f.

fettuccia --- 

nàstro (nàstri), s.m.

nastro --- 

nasù, s.m.

nasone --- 

nasüda (nasüdi), agg.f.   --- 

nata  |  l’è ca nasüda iéer = non è nata ieri --- 

nasüut, agg.     --- 

nato  |  so mìga nasüut iéer = non sono nato ieri, non me la dai a bere --- 

Natàal (Natàai), s.m.

Natale --- 

natìif (natìva, nativi), agg.m./f.

nativo, nativa --- 

natrulìna, s.f.

candeggina --- 

natüra, s.f.

natura, anche organo esterno femminile degli animali --- 

natüràl (natürài), agg.m- --- 

naturale --- 

natüràla (natüràli), agg.f.

naturale --- 

navèt, s.m.

traghetto che attraversava l’Adda al Porto prima che costruissero il ponte --- 

ne, pron.

ne, di questo, di quello, di questi, di quelli --- 

necesàri, s.m.

necessario  |  al me mànca ‘l necesàri = mi manca quello di cui ho bisogno --- 

negàa, v. intr.

annegare, affogare; non ammettere --- 

negót, avv. e s.m.

niente, molto poco, nulla --- 

negótìi, s.m.

per dire ancora meno di niente | en negótìi d'òor piegàat sǜ 'nde na fòia de zeneòr = un nulla d’oro avvolto in una foglia di ginepro;  (vedi “negutìi”) --- 

negoziàa, v.tr.

negoziare --- 

negǜna, pron. indef.

nessuna, nessuna persona --- 

negutiì, s.m.

per dire ancora meno di niente | (vedi “negótìi”) --- 

negǜu, pron. indef.

nessuno, nessuna persona --- 

nencòrges, v. intr.

accorgersi, rendersi conto  --- 

neòra (neòri), s.f.

nuora --- 

nèrc’, s.m. e agg.m.

gracile, mingherlino  --- 

nèrf, s.m.

nervo (nervo di bue usato come frustino)         --- 

nervadǜra (nervadǜri), s.f.

nervatura --- 

nervóos, agg.m.

nervoso  --- 

nervóos, s.m.

nervosismo | ‘l mè igüut ‘n nervóos … = mi è venuto un nervoso ...

nervósa (nervósi), agg.f.

nervosa --- 

nesé, inter.

capito, mi raccomando | fà 'l brào nesé = fai il bravo mi raccomando --- 

nèt (néc’), agg.m.

netto, pulito  – TO --- 

nèt (nèc’), agg.m.

netto, pulito  – MO --- 

nèta (néti), agg.f.

netta, pulita – TO --- 

nèta (nèti), agg.f.

netta, pulita – MO --- 

netà sǜ, v. tr.

pulire il pavimento --- 

netàa, v. tr.

pulire, ripulire --- 

netàs, v. tr.  --- 

pulirsi --- 

neùda (neùdi), s.f.

nipote (femmina) --- 

neudìi, s.m.

nipotino --- 

neudìna (neudìni), s.f.

nipotina --- 

neùut (neùc’), s.m.

nipote (maschio) --- 

niént, pron., s.m. e avv.

niente – TO | al gh’è pǜ niént da fàa = non  c’è più niente da fare --- 

niènt, pron., s.m. e avv.

niente – MO | al gh’è pǜ niènt da fàa = non  c’è più niente da fare --- 

nìgra (nìgri), agg.f.

nera, scura --- 

nìgro (nìgri), agg.f.

nero, scuro  |  Pédo nìgro = fante di picche in un gioco delle carte, chi alla fine del gioco rimane con il fante di picche, perde la partita --- 

nìif, s.f.

neve --- 

ninàa, v. tr.

cullare --- 

ninìi, s.m.

piccolino | vén chilò ninìi = vieni qua piccolino --- 

niòl, agg.m.

nuvoloso | niòl de marüdànza = se in autunno è nuvoloso di notte e sereno di giorno, l’uva matura meglio  --- 

niòla (niòli), s.f.

nuvola --- 

niolàs, v. rifl.

rannuvolarsi --- 

niòlt, s.m.

cantina  --- 

nìsc’, s.m.

ontano, pianta che cresce bene nei terreni umidi --- 

nisciṍla (nisciṍli), s.f.

nocciola --- 

nisciolèer, s.m.

nocciolo (pianta)  --- 

niulù, s.m.

nuvolone | varda che niulù ca l'è réet a ruàa sǜ, l'è scià 'n stratèep! = guarda che nuvoloni che salgono, sta arrivando un temporale, un maltempo! --- 

noànta, agg. num.

novanta --- 

nòc’, s.f.

notte  |  fàa la nòc’ = fare il turno di notte --- 

nociàda (nociàdi), s.f.

nottata --- 

nóciarṍla (nóciarṍli), s.f.

pipistrello --- 

nṍd (nṍc’), s.m.

nocca, la parte del dito corrispondente a un’articolazione --- 

nódàa, v. tr.

nuotare --- 

noèl (noèi), agg.m.

novello, nuovo, giovane --- 

noèla (noèli), agg.f.

novella, nuova, giovane --- 

noèmbre, s.m.

novembre --- 

noéna (noéni), s.f.

novena --- 

noghèra (noghéri), s.f.

noce (pianta) – TO --- 

noghèra (noghèri), s.f.

noce (pianta) – MO --- 

nogherṍl (nogherṍi), s.m.

giovane pianta di noce --- 

nṍgia (nṍgi), s.f.

capra giovane --- 

nögiàl, s.m.

capretto  (vedi “iṍl”) --- 

nóióos, agg.m.

noioso --- 

nóiósa (nóiósi), agg.f.

noiosa --- 

noìzi, s.m.

novizio, noviziato --- 

nóm, s.m.

nome --- 

nóma, avv.

soltanto, appena --- 

nòna (nòni), s.f.

nonna (vedi “ava”) --- 

nòno (nòni), s.m.

nonno (vedi “àaf”) --- 

nṍöf  nöènto, agg.m.

nuovissimo  --- 

nṍöf, agg. num.

nove, nuovo --- 

nóos, s.f.

noce (frutto) --- 

nóos, s.m.

legno di noce |l’è ‘n tàol de nóos = è un tavolo di noce --- 

nòś, agg. e pron.

nostro  |  ‘l nòś vìi = il vino di nostra produzione; l’è di nòś = è un compaesano  --- 

nóstràa, agg.m.

nostrano, casalingo; rozzo, grossolano --- 

nóstràna (nóstràni), agg.f.

nostrana, casalinga; rozza, grossolana --- 

nótar, s.m.

notaio --- 

nṍva (nṍvi), agg.f.

nuova | nṍva nöènta = nuovissima  --- 

nózi, s.f.

nozze – TO --- 

nòzi, s.f.

nozze – MO --- 

nudrigàa, v.intr.

gestire, muovere, darsi da fare| òl borelèer al nudriga li bóri par fali pàśa gió réet al tiradù = il boscaiolo muove i tronchi per farli scendere lungo il "tiradù" --- 

nǜmer, s.m.

numero  |  dàa i nǜmer = vaneggiare --- 

numinàa, v. tr.

nominare --- 

nǜs-c’, agg.m.

lento, pigro, inconcludente --- 

nǜs-cia (nǜs-ci), agg.f.

lenta, pigra, inconcludente --- 

nutìzia (nutìzi), s.f.

notizia --- 

nùu, pron.

noi --- 

o, cong.

o, oppure --- 

ṍ, inter.

esclamazione di stupore, di meraviglia --- 

ṍc’, s.m.

occhio  |  a ṍc’ = approssimativamente; seràa gió ‘n ṍc’ = chiudere un occhio, sorvolare, fingere di non vedere; tignìi d’ṍc’ = controllare  --- 

usato anche nell’espressione “ insidìi a ṍc’ ” = innestare a gemma --- 

òca (óchi), s.f.

oca; donna sciocca – TO --- 

òca (òchi), s.f.

oca; donna sciocca – MO --- 

ocaśiù, s.f.

occasione --- 

óció, inter.

attenzione! --- 

ócór, v. tr.

occorrere, servire --- 

ócórènt, s.m.

occorrente, ciò che serve  --- 

ódiàa, v. tr.

odiare, detestare --- 

odióos, agg.m.

odioso – antipatico (vedi “antipàtech”) --- 

odióosa (odióosi), agg.f.

odiosa – antipatica (vedi “antipàtega”) --- 

ódóor, s.m.

odore --- 

ódóràa, v. tr.

odorare, annusare, fiutare (vedi “usmàa”) --- 

ofèndes, v. rifl.

offendersi  --- 

ofènt, v. tr.

offendere, ingiuriare --- 

ofèrta (oférti), s.f.

offerta, elemosina; proposta – TO --- 

ofèrta (ofèrti), s.f.

offerta, elemosina; proposta – MO --- 

ofertòri, s.m.

offertorio --- 

ofeśa (ofeśi), s.f.

offesa, ingiuria --- 

ṍff, inter.

per dire  ma va là, ma no --- 

ógiàche, avv.

e già, oh già | ógiàche, te gh’è resù = e già, hai ragione - ógiàche, tròp fàcel iscè = oh già, troppo facile così --- 

ögiàda (ögiàdi), s.f.

occhiata  |  l’è gnǜt fò ‘n ögiàda de sùul = è uscita una schiarita, una breve comparsa del sole  --- 

ögiài, s.m.

occhiali --- 

ögialèer, s.m.

uomo che porta gli occhiali --- 

ögialèra, s.f.

donna che porta gli occhiali --- 

ögiṍl (ögiṍi), s.m.

occhiello (per lo più quello delle scarpe  dove passano le stringhe) --- 

ògna, agg.ind.

ogni --- 

ógnantǜna, pron.

ognuna, ciascuna --- 

ognantǜu, pron.

ciascuno, ognuno --- 

ognapòch, avv.temp.

ogni poco,  spesso, frequentemente, entro poco | ognapòch óo finìit de remàsü i tartìfoi --- 

ognitàat, avv.

di tanto in tanto, talvolta, talora --- 

oh, inter.

oh, inter.  |  oh pòra mi! = oh povera me!   --- 

ohi mi, escl.

ohi  me --- 

òia, s.f.

voglia  |  tös la òia = togliersi il capriccio --- 

ṍida (ṍidi), agg.f.

vuota --- 

öidàa giò, loc.v.

vuotare dentro --- 

öidàa, v. tr.

vuotare --- 

öidàat, agg. pp.

svuotato --- 

öidàda (öidàdi), agg. pp.

svuotata --- 

óimémì, loc.

povero me, ohimè, esclamazione di preoccupazione, paura e sconforto --- 

ṍit, agg.m.

vuoto --- 

òl, art. sing.

il, lo (vedi  “el”) | l’è stàc’ òl gàt = è stato il gatto --- 

òli, s.m.

olio | al tègn gió gnàa i òli sànc’  = non riesce a mantenere un segreto --- 

òlsàa sǜ, v. tr.

alzare, sollevare --- 

òlsàa, v. tr.

alzare, sollevare --- 

òlt, agg.m.

alto  --- 

òlta (ólti), agg.f.

alta – TO --- 

òlta (òlti), agg.f.

alta – MO --- 

òlta (òlti), s.f.

volta, struttura muraria di copertura le cui superfici sono incurvate ad arco  --- 

òlta (òlti), s.f.

volta  |  ‘na òlta = una volta, un tempo  --- 

oltà gió, v.tr.

piegare i tralci delle viti --- 

oltà ité, v.tr.

arrotolare – TO| oltà ité li màneghi = rimboccarsi le maniche --- 

oltà itè, v.tr.

arrotolare – MO | oltà itè li màneghi = rimboccarsi le maniche --- 

oltà sǜ, v.tr.

disgustarsi | oltà sǜ ‘l mǜüs = rimanere disgustato --- 

oltàa, v.tr.

voltare, rivoltare  |  oltàa ‘l fèe = rivoltare il fieno per agevolare l'essiccazione  --- 

oltàs, v. rifl.

voltarsi | oltàs ‘n réet = volgere lo sguardo all’indietro --- 

oltascià, v.intr.  --- 

sbrigarsi, spicciarsi | oltascià = spicciati, fai presto --- 

oltèza, s.f.

altezza --- 

oltróli, avv.

altrove | usato anche altróof --- 

óm, s.m.

uomo, marito | ‘l me óm = mio marito --- 

ómasc’, s.m.

uomo grande e grosso --- 

ombrèla (ombréli), s.f.

ombrello – TO --- 

ombrèla (ombrèli), s.f.

ombrello – MO --- 

ombrelèer, s.m.

ombrellaio, artigiano che riparava gli ombrelli; persona di poco conto    --- 

omèt (oméc’), s.m.

ometto, porta abiti, attaccapanni – TO --- 

omèt (omèc’), s.m.

ometto, porta abiti, attaccapanni – MO --- 

ónda (óndi), s.f.

onda --- 

óndàda (óndàdi), s.f.

ondata --- 

óngia (óngi), s.f.

unghia  |  vìch li óngi lónghi = essere cleptomane  --- 

óngiada (óngiadi), s.f.

unghiata, graffiata con le unghie  --- 

ónsa (ónsi), s.f.

oncia, piccola quantità  |  a ónsi a ónsi = a poco a poco --- 

ṍö, inter.

ma va, non ci credo, possibile --- 

ṍöf, s.m.

uovo  |  pièe cóma ‘n ṍöf = completamente pieno, sazio --- 

òor, s.m.

oro --- 

ṍor, s.m.

orlo  |  stàa fò a ṍor = stare sul ciglio; fàa sǜ l’ṍor de li bràghi = fare l’orlo dei pantaloni --- 

òors, s.m.          --- 

orzo | manèstra de òors = minestra di orzo (vedi “orgiada”) --- 

óos, s.f.

voce  |  l’è püsèe la óos che la nóos = è più la voce della noce, è una cosa di poco conto, è più apparenza che sostanza --- 

operàa, v. tr.

operare, intervenire chirurgicamente --- 

operari, s.m.

operaio --- 

operaziù, s.f.

operazione --- 

opól (òpói), s.m.

terreno pianeggiante, a coltivazione mista: vite, cereali e anche piante da frutto --- 

òra (òri), s.f.

rutto | trà sǜ l’òra = scaricare aria dalla bocca (v. “brṍc’”) --- 

oratòri, s.m.

oratorio --- 

oraziù, s.f.

orazione, preghiera --- 

òrba (órbi), agg.f.

orba, cieca – TO --- 

òrba (òrbi), agg.f.

orba, cieca – MO --- 

orbanèla (orbanéli), s.f.

orbettino, sin. “vermanèla” | se la vìpera la gh’è sintìs e l‘orbanèla la gh’è vedés pòoca gèet ‘l  gh’è sarés = se la vipera ci vedesse e l’orbettino ci vedesse poca gente ci sarebbe --- 

órbeda (órbedi), s.f.

striscia erbosa di terreno al limite di un fondo  --- 

órden, s.m.

ordine  |  ès a l’órden = essere pronto; mèt ‘n órden = sistemare --- 

órégia (órégi), s.f.

orecchio – TO |  fàa órégi da marcànt = fare orecchi da mercante  --- 

órègia (órègi), s.f.

orecchio  – MO |  fàa órègi da marcànt = fare orecchi da mercante --- 

óregiàt, s.m.

individuo un po’ tonto --- 

óregiù, s.m.

persona con grosse orecchie (magari a sventola); parotite --- 

orènda (oréndi), s.m.

orrenda, orribile, indisponente – TO --- 

orènda (orèndi), s.m.

orrenda orribile, indisponente – MO --- 

orèndo (orénc’), s.m.

orrendo, orribile, indisponente – TO --- 

orèndo (orènc’), s.m.

orrendo, orribile, indisponente – MO --- 

orgarṍl (orgarṍi), s.m.

curva del sentiero --- 

òrghen, s.m.

organo --- 

orgiada, s.f.

orzata, minestra di orzo: un minestrone di verdure con aggiunta dell'orzo perlato o integrale oppure orzo cotto nel latte con aggiunta di castagne secche |’n bèl minèstrù de òors = un bel minestrone d'orzo  --- 

òri, s.f.

punti del gioco delle carte a scopa --- 

ormài, avv.

ormai, a questo punto  --- 

oróloc’, s.m.

orologio --- 

orólogèer, s.m.

orologiaio  --- 

òrp, agg.m.

orbo, cieco --- 

órs, s.m.

orso  |  l’è fò l’órs dala trùna = è fuori l’orso dalla tana, questo detto si usa il 2 febbraio per dire che la brutta stagione è ormai al termine  --- 

òrt (òrc’), s.m.

orto  --- 

orzṍl (orzṍi), s.m.

orzaiolo, infiammazione suppurativa delle ghiandole sebacee delle palpebre: si manifesta con la formazione di un piccolo nodulo duro e dolente alla pressione, e con edema delle palpebre: si risolve per lo più spontaneamente (vedi “caorèt”) --- 

òs, s.m.

osso  |  òs da mòrd = osso da mordere (dolce fatto con albume, zucchero e nocciole) --- 

òśa (òśi), agg.f.

vostra  |  la òśa màma = vostra madre --- 

ósàa, v. intr.

urlare  |  ósa ca tàat! = non urlare! --- 

osàri, s.m.

ossario --- 

osbǜs, s.m.

ossobuco --- 

osegàt (osegàc’), s.m.

ossicino --- 

ósesé, loc.                                       --- 

oh sì si, altro che, esclamazione di meraviglia e disapprovazione|ósesé, ai dorma amò tüc' = altro che, dormano ancora tutti --- 

ospedàl (óspedài), s.m.

ospedale --- 

òss, pr.

vostro | chèst l’è òss = questo è vostro --- 

ostéer, s.m.

oste --- 

óstensòri, s.m.

ostensorio --- 

ostéra, s.f.

ostessa --- 

osterìa (osterìi), s.f.

osteria --- 

òstia (òsti), s.f.

ostia; sottile sfoglia di farina che viene usata per preparare la “cupèta”  --- 

òstia, inter.

 perbacco, niente  |  se vìt ‘n òstia! = non si vede niente! --- 

òt, num. card.

otto --- 

otànta, agg. num. card.

ottanta --- 

otantèna, s.f.

ottantina, circa ottanta  --- 

otàva, s.f.

ottava, ottavo giorno a partire da una ricorrenza; si dice anche “ ‘ncṍö òt “ = fra otto giorni  --- 

otomàna (otomàni), s.f.

divano  --- 

otomàtech, s.m.

bottone automatico --- 

otomòbel, s.f.

automobile (vedi “màchena”) --- 

ótóri, s.m.

ottobre --- 

òtra (òtri), agg. e pron.

altra --- 

otramèet, avv.

comunque, ciononostante, malgrado ciò, nonostante, tuttavia | la ca fàc’ bèl ma otramèet l’üa l’è pó gnàa brüta dol tǜt = non ha fatto bel tempo ma comunque l’uva non è poi nemmeno troppo brutta --- 

òtro (ótri), agg. e pron.

altro, altri – TO | a ótri al ve réda = a voi rende bene; ca i dìs i ótri ? = cosa dicono gli altri | ghóo ca òtro da dàt = non ho altro da darti --- 

òtro (òtri), agg. e pron.    --- 

altro, altri – MO|  dàmen ‘n’òtro = dammene un altro | a òtri al ve rèda = a voi rende bene; la ròba di òtri = la roba d’altri  --- 

pà, s.m.

padre, babbo, papà --- 

pàa, s.m.

pane  |  ‘l pàa de i òtri al g’à sǜ sèt cròsti = il pane altrui è molto duro, è fatica guadagnarselo; Dante: “come sa di sale lo pane altrui”; bùu  cóma ‘l pàa = individuo molto buono e generoso  --- 

pàal (pài), s.m.

palo, grosso bastone --- 

pàart, s.f.

parte  |  mèt da pàart = risparmiare; a pàart = eccetto, tranne | dàm la mìa pàart = dammi la mia parte  --- 

pàas, s.f --- 

pace | làghem ‘n pàas = lasciami in pace |  fàa la pàas = fare pace --- 

pàbi, s.m.

erba infestante --- 

pàca, s.f.

pacca | l’è nṍöf de pàca = è nuovissimo --- 

pàch, s.m.

pacco --- 

pàchera (pàcheri), s.f.

escavatrice (vedi “rùspa”) --- 

pachèt (pachéc’), s.m.

pacchetto – TO --- 

pachèt (pachèc’), s.m.

pacchetto – MO --- 

paciaròt, s.m.

bimbo ben pasciuto --- 

pacifèch, agg.m.

pacifico --- 

paciòca (pacióchi), s.f.

fanghiglia --- 

paciügàa, v.intr.

pasticciare --- 

paciügàat (paciügac’), agg.m.

pasticciato --- 

paciügàda (paciügadi), s.f., agg.f.

pasticciata | tè fàc’ ‘na bèla paciügada = hai fatto una bella pasticciata; te sée tüta paciügada = ti sei tutta pasticciata --- 

padèla (padéli), s.f.

padella – TO --- 

padèla (padèli), s.f.

padella – MO --- 

padelàda (padelàdi), s.f.

quantità contenuta in una padella; colpo inferto con una padella  --- 

padilìi, s.m.

pentolino --- 

padrìgn, s.m.

patrigno  --- 

padrù, s.m.

padrone, proprietario --- 

padrùna (padrùni), s.f.

padrona, padrona di casa --- 

paés, s.m.

paese --- 

paesàa, s.m.

compaesano --- 

paesàna (paesàni), s.f.

compaesana --- 

paesanòt, agg. e s.m.

individuo grossolano e rozzo --- 

pàga (pàghi), s.f.

paga, salario, ricompensa --- 

pagàa, v. tr.

pagare, saldare un conto; appagare --- 

paghèra (paghéri), s.f.

bosco fitto di conifere – TO --- 

paghèra (paghèri), s.f.

bosco fitto di conifere – MO --- 

pàgn, s.m.

panni, indumenti --- 

pagnòta, s.f --- 

forma grossa di pane --- 

pàia, s.f.

paglia --- 

paiarṍl (paiarṍi), s.m.

falò, era usanza in molti paesi della Valtellina accendere grandi falò, nella prima domenica di Quaresima --- 

paièer, s.m.

giaciglio  di erba "cèra" dove dormivano i pastori sugli alpeggi --- 

paièta (paiéti), s.f.

tipo di erba selvatica; lana d’acciaio che serve per lucidare le pentole  – TO --- 

paièta (paièti), s.f.

tipo di erba selvatica; lana d’acciaio che serve per lucidare le pentole  – MO --- 

paisìi, s.m.

paesino --- 

paiù, s.m.

pagliericcio riempito con i “foiàsc’”, le brattee fogliari (foglie che avvolgono la pannocchia) di granoturco --- 

pàala (pàali), s.f.

pala, vanga, badile --- 

palà sǜ, v. tr.

bastonare qualcuno --- 

palàda (palàdi), s.f.

legnata, bastonata; filare di una vigna composto da pali, pertiche, “raca” e due fili sopra la pertica; la “palàda” è posta in senso verticale rispetto alla montagna - (vedi “trevèrs”); quantità contenuta in una pala  |  fàa sòldi a palàdi = far soldi a palate --- 

palànca (palànchi), s.f.

soldo, moneta --- 

palanchìi, s.m.

leva di ferro (vedi “lévera”) --- 

palandràna (palandràni), s.f.

palandrana, giaccone piuttosto lungo  --- 

palangàda (palangàdi), s.f.

staccionata, ringhiera, riparo in legno o in ferro --- 

palàz, s.m.

palazzo --- 

palèta (paléti), s.f.

paletta, arnese da cucina, giocattolo per bambini  – TO --- 

palèta (palèti), s.f.

paletta, arnese da cucina, giocattolo per bambini – MO --- 

paletàda, s.f --- 

palettata --- 

palféri, s.m.

attrezzo agricolo in ferro che serve per fare i buchi nel terreno nei quali vengono conficcati i pali della vigna  --- 

palotoliéer, s.m.

pallottoliere --- 

pàlp, s.m.

tentoni | ‘ndàa a pàlp = andare a tentoni, fare tentativi --- 

palpà sǜ, v. tr.

palpeggiare, toccare sensualmente con la mano --- 

palpàa, v. tr.

palpare, palpeggiare --- 

palpàda (palpàdi), s.f.

azione del palpare; serie di botte  |  ‘l ‘na ciapàat ‘na palpàda = ha preso un sacco di botte --- 

palpügnàa, v.tr.

palpeggiare --- 

pàlta, s.f.

fango, fanghiglia --- 

paltò, s.m.

cappotto --- 

palù, s.m.

palo in legno, in cemento o traliccio in ferro che sostiene una linea elettrica o telefonica  --- 

palutii, s.m.

piccola assicella in legno con manico per lavorare il burro --- 

pàna, s.f.

panna --- 

panarìz, s.m.

infezione molto dolorosa sulla punta di un dito, vicino all’unghia --- 

pancòt, s.m.

pancotto  --- 

pancutù, s.m.

persona grassa --- 

panèl, s.m.

mangime per mucche, scaglie secche dopo la spremitura delle olive --- 

panèl, s.m.    --- 

pannello     --- 

panèt, s.m.

copricapo femminile |  panèt dèl nàs = fazzoletto da naso | panèt da la cràpa = foulard --- 

panetù, s.m.

panettone --- 

panevìi, s.m.

acetosa (vedi “saśa”) --- 

panìich, s.m.

panìco o miglio: cereale povero che da piccolissimi chicchi, nel passato veniva usato per la ministra chiamata "la minèstra de pèst"; al giorno d’oggi è utilizzato come mangime per i canarini --- 

panigàda, s.f.

usato solo nell’espressione “te la dó mi la panigàda = ora ti arrangio io --- 

panìscia, s.f.

purea di mirtilli o fragole zuccherate; usato anche nell’espressione “panìscia màrscia” = quando nel gioco del nascondino c’è uno scambio di persona --- 

panolèet (panoléec’), agg.m.

lentigginoso  – TO --- 

panolèet (panolèec’), agg.m.

lentigginoso  – MO --- 

panolèeta (panoléeti), agg.f.

lentigginosa – TO --- 

panolèeta (panolèeti), agg.f.

lentigginosa – MO --- 

pànoli, s.f.

lentiggini --- 

pansèta, s.f.

pancetta  --- 

pansù, s.m.

pancione --- 

pantegàna (pantegàni), s.f.

ratto, grosso topo di fogna --- 

pantufulù, s.m.

tiratardi --- 

panù, s.m.

panettone valtellinese --- 

pàpa (pàpi), s.f.

pappa  |  pàpa de źǜca = pappa preparata con la zucca --- 

pàpa (pàpi), s.m.

papa, sommo pontefice  --- 

pàpa dèl cucù, s.f.

capelvenere --- 

papagòrgia, s.f.

pappagorgia, doppio mento --- 

papamòla, s.f.

polenta molle; persona indecisa, inconsistente --- 

papàver, s.m.

papavero --- 

papìi, s.m.

schiaffo, sberla --- 

papìna (papìni), s.f.

pappina --- 

papolègn, agg.m.

molliccio, gelatinoso, in pappa --- 

par, prep.

per --- 

parabrìis, s.m.

parabrezza --- 

paracàr, s.m.

paracarro  --- 

paradìis, s.m.

paradiso --- 

paràgi, s.m --- 

paraggi --- 

paralìtech, agg.m.

paralitico --- 

paraoregi, s.m.

paraorecchie --- 

parapèt, s.m.

parapetto --- 

paràscia (paràsci), s.f.

mallo delle noci --- 

parasciṍla, s.f.

cinciallegra  |  canto della cinciallegra: se ‘l vèrom non me ciapés e ‘l levertìis non me lighés dormarìs fin cìar cìar ciarìsem = se la biscia non mi prendesse e il luppolo non mi avvolgesse, dormirei fino a mezzogiorno --- 

parché, avv. e cong.

perché, per quale motivo – TO  --- 

parchè, avv. e cong.

perché, per quale motivo – MO  --- 

parché, s.m.

motivo, ragione – TO | mi sóo ca ‘l parché = non so il perché --- 

parchè, s.m.

motivo, ragione – MO | mi sò ca ‘l parchè = non so il --- 

paréc’, agg. e pron.

parecchio – TO --- 

parèc’, agg. e pron.

parecchio – MO --- 

paréer, s.m.

parere, opinione, idea --- 

parèet (paréec’), s.m.

parente – TO |  an sè ca paréec’  = non siamo parenti --- 

parèet (parèec’), s.m.

parente  – MO |  parèet a la lontana = lontano parente --- 

paréet, s.f.

parete, muro, tramezzo --- 

parégia (parégi), agg. e pron.

parecchia – TO  --- 

parègia (parègi), agg. e pron.

parecchia – MO  --- 

paregiàa, v. tr.

pareggiare, livellare, rendere piano --- 

parentèla (parentéli), s.f.

parentela, rapporto di parentela – TO  --- 

parentèla (parentèli), s.f.

parentela, rapporto di parentela – MO  --- 

parigìna (parigìni), s.f.

cialda a forma di cono per il gelato --- 

parìi, v. intr.

apparire, fingere, sembrare  |  fàa parìi = fingere; al fa gnàa parìi = finge di non capire; fa mìga parìi = non riferire quanto ti ho detto | te me parèt = mi sembri | ‘l fa ca parìi de niént = fa finta di nulla --- 

parlàa, v. intr.

parlare, rivolgere la parola --- 

parlàs, v. rifl.

intrattenere rapporti amorosi, intrattenere buoni rapporti | l’era già dalùra ca i se parlàva prǜma da maridàs = sono stati  fidanzati da tanto tempo primo di sposarsi --- 

pàrmi, p.f.

tarme del formaggio vecchio che lo consuma formando dei buchi | 'sto fórmài l'a fàc’ té li pàrmi, l'è smasùtìit = questo formaggio è troppo stagionato --- 

parṍl (parṍi), s.m.

paiolo --- 

paròla (paròli), s.f.

parola  |  vès de paròla = mantenere la parola data; mancàa de paròla = mancare di parola; mètech ‘na bùna paròla = raccomandare qualcuno; fa dói paròli = fare quattro chiacchiere; paròla tórna ‘n dréet = come non detto --- 

parolàscia (parolàsci), s.f.

parolaccia --- 

parolèer, s.m.

calderaio, ramaio (vedi “magnàa”)  --- 

particólàr, agg.m. e s.m.

particolare, specifico, caratteristico, peculiarità --- 

particólàra (particólàri), agg.f.

particolare, specifica, caratteristica --- 

partìda (partìdi), s.f.

partita, partita di calcio, partita di carte --- 

parǜ, s.m.

spinacio selvatico --- 

pàs, agg.

appassito, avvizzito --- 

pàs, s.m.

passo; passaggio, passo carraio; passo, valico --- 

pàśa (pàśi), agg.f.

appassita, avvizzita --- 

paśàa, v. intr.

passare, transitare, passare su una strada; essere promosso; passare, trascorrere il tempo |  paśàa par stǜpet = fare la figura dello stupido --- 

paśàat, agg.m.

passato; troppo maturo, deteriorato (riferito al cibo) --- 

paśàc’, s.m.

passaggio --- 

paśàch sùra, v. intr.

soprassedere, minimizzare, perdonare --- 

paśàda (paśàdi), agg.f.

passata; troppo matura, deteriorata (riferita al cibo) --- 

paśàda (paśàdi), s.f.

controllo rapido e affrettato | dàch ‘na paśàda! = dagli una passata, un controllo veloce --- 

paśalà, s.m.

non dare importanza,  superficialità, leggerezza, pressapochismo | dàch ‘n paśalà = compiere un’azione affrettatamente e con leggerezza --- 

pascól (pascói), s.m.

pascolo; l’erba che cresce nei prati dopo l’ultimo taglio del fieno --- 

pascolàa, v.tr.

pascolare --- 

paśèr, s.m.

passero --- 

paśerèla, s.f --- 

passerella --- 

paśìda (pasìdi), agg.f.

appassita, avvizzita --- 

paśìi, v. intr.

appassire --- 

paśìit, agg.m.

appassito, avvizzito --- 

paśiù, s.f.

passione, vivo interesse; innamoramento; struggimento --- 

paśiunàs, v. rifl.

appassionarsi, coltivare un hobby --- 

Pàsqua, s.f.

Pasqua|  contèet  cóma ‘na Pàsqua = contentissimo --- 

pasquèta, s.f.

pasquetta, lunedì dell’Angelo  --- 

pàst, s.m.

pasto  |  bìi a pèna a pàst e fò de pàst = bevo solo a pasto e fuori pasto  --- 

pàsta lónga, s.f.

spaghetti --- 

pàsta, s.f.

pasta --- 

pàstasciüta, s.f.

pastasciutta --- 

pastèl (pastéi), s.m.

cibo per le galline, impasto di crusca, farina e acqua – TO  --- 

pastèl (pastèi), s.m.

cibo per le galline, impasto di crusca, farina e acqua – MO  --- 

pàsti, s.f.

pasticcini --- 

pastìna, s.f.

pastina --- 

pastóor, s.m.

pastore --- 

pastrǜgn, s.m.

cosa malfatta; pasticcione --- 

pastrügnàa, v. intr.

pasticciare, far pasticci, manipolare maldestramente --- 

pastrügnàda (pastrügnàdi), s.f.

cosa malfatta, senza un minimo di precisione --- 

pastrügnìi, s.m.

pasticcione, confusionario; pasticcio (dim. di “pastrǜgn”) --- 

pastrügnù, s.m.

pasticcione, confusionario (accr. di “pastrǜgn”) --- 

pastù, s.m.

impasto, miscuglio di farinacei per le mucche | ‘n pastù de mòlta = un impasto di malta - (vedi “pitànsa”)  --- 

pastǜra (pastǜri), s.f.

pascolo di montagna --- 

pasù, s.m.

palo in legno da conficcare nel terreno --- 

pasulìi, s.m.

rapa bianca autunnale --- 

pàta (pàti), s.f.

patta, apertura sul davanti dei pantaloni  |  butunàa la pàta = abbottonare la patta dei pantaloni --- 

patàta (patàti), s.f.

patata (vedi “tartifòl”) --- 

patatràch, s.m.

caduta rovinosa; inconveniente; intoppo;  dissesto; fallimento --- 

patèl (patéi), s.m.

pannolino, serviva per avvolgere i neonati – TO --- 

patèl (patèi), s.m.

pannolino, serviva per avvolgere i neonati – MO --- 

patentàat, agg.m.    --- 

patentato, con qualifica riconosciuta | l’è ‘n asen patentàat = è un asino riconosciuto --- 

pàter, s.m.

preghiera  |  di sǜ ‘l pàter = recitare le preghiere --- 

patérès, s.m.

si dice di persona che prega spesso, ma con una nota di esibizionismo; si dice anche di frutti a grani come l’uva quando gli acini sono troppo distanti o la  loro maturazione non è omogenea --- 

patìda (patìdi), agg.f.

patita, sofferente, provata da patimenti --- 

patìi, v. tr.

patire  |  patìi ‘l frèc’ = soffrire il freddo; patìi ‘l sǜc’ = soffrire  la siccità --- 

patìit, agg.m.

patito, sofferente, provato da patimenti --- 

patìna (patìni), s.f.

ciascuna delle piccole appendici in pelle, flessibili, fissate ai lati degli zoccoli delle donne; all’estremità libera presentavano degli occhielli entro i quali passavano le stringhe per l’allacciatura; presina  --- 

patola, s.f.

zampa di animale adatta a scavare, grattare come di gatto, talpa, ecc; usato anche per" mano" in modo un pò dispregiativo --- 

patròna, s.f --- 

patrona --- 

patròno, s.m.

patrono --- 

patǜsc’, s.m.

fogliame per la lettiera delle bestie --- 

paù, s.m.

pavone --- 

pavarìna, s.f.

erba infestante --- 

pavimèet, s.m.

pavimento --- 

pè (pée), s.m.

piede | a pè biót = a piedi nudi; mèt ‘n pée = mettere in piedi, intraprendere, impiantare qualche cosa; vignìi ‘n pè de niènt = non aver nessun profitto | a pè piàa = a pianterreno --- 

pèbbiót, inter.

piedi nudi – TO | l’è a pèbbiót = è a piedi nudi --- 

pèbbiòt, inter.

piedi nudi – TO | l’è a pèbbiòt = è a piedi nudi --- 

pèc’,  avv. e agg.

sacco mammario delle mucche, delle pecore e delle capre – MO --- 

péc’, avv. e agg.

sinonimo di “pégio”= peggio – TO | péc’ ca tèmpégiori = peggio di peggio, peggio che andar di notte  --- 

péc’, s.m.  --- 

sacco mammario delle mucche, delle pecore e delle capre  – TO --- 

pèc’, s.m.  --- 

sinonimo di “pègio”= peggio  – MO | pèc’ ca tèmpègiori = peggio di peggio, peggio che andar di notte  --- 

pecàat (pecàac’), s.m.

peccato  |  brǜt  cóma ‘l pecàat = bruttissimo --- 

pécen (pécegn), s.m.  --- 

pettine – TO --- 

pècen (pècegn), s.m.  --- 

pettine – MO --- 

pécena (péceni), s.f.

pettine che si usa per le mucche – TO --- 

pècena (pèceni), s.f.

pettine che si usa per le mucche – MO --- 

pecenàa, v. tr.

pettinare --- 

pecenàda (pecenàdi), s.f. e agg.

pettinata, rimprovero | ciapàn ‘na pecenàda = subire una batosta o un rimprovero --- 

pecenadǜra (pecenadǜri), s.f.

pettinatura, acconciatura, modo di pettinarsi  --- 

pecenàs, v. rifl.

pettinarsi --- 

pechìno, s.m.

usato solo nell’espressione “ ‘ndàa a pechìno” = andare in malora --- 

péciada (péciadi), agg.f.

mucca con grosso apparato mammario soprattutto dopo il parto  --- 

– TO | lè péciada, la ghà giò 'n bèl péc' = ha un bel apparato mammario --- 

pèciada (pèciadi), agg.f.      --- 

mucca con grosso apparato mammario, soprattutto dopo il parto  --- 

– MO | lè pèciada, la ghà giò 'n bèl pèc' = ha un bel apparato mammario --- 

pecinìi, s.m.

piccolo pettine, pettine tascabile --- 

pedàal (pedàai), s.m.

pedale --- 

pedàgn, s.m.

gonna; la parte del tronco di un albero vicino al ceppo --- 

pedàna (pedàni), s.f.

orma, traccia del piede sul terreno (vedi “imprónta”) --- 

pèdo nìgro, s.m.

fante  di picche --- 

pédria, s.f.

grosso imbuto usato per il travaso del vino  |  al bìif  cóma ‘na pédria = beve smodatamente --- 

pedǜgn, s.m.

scarpa di pezza tipica della Valmalenco --- 

péedefèr, s.m.

incudine del calzolaio a sagoma del piede --- 

pèer, s.m.

paio  |  ‘n pèer de scàrpi = un paio di scarpe --- 

pèers, agg.m.

perso --- 

pées, s.m.

peso, contrappeso delle bilance --- 

pégio, avv.

peggio – TO   (vedi anche “péc’ “) --- 

pègio, avv.

peggio – MO  (vedi anche “pèc’ “) --- 

pégn, s.m.

pegno – TO --- 

pègn, s.m.

pegno – MO --- 

pégola, s.f.

pece greca – TO (vedi “pìgola”) --- 

pégora (pégori), s.f.

pecora --- 

pegorèer, s.m.

pecoraio, pastore di pecore  --- 

pèl (péi), s.f.

pelle – TO | an ‘na pèl = fare il massimo sforzo per uscire da una situazione difficile; lagàch la pèl = perdere la vita --- 

pèl (pèi), s.f.

pelle  – MO |  fan ‘na pèl = fare il massimo sforzo per uscire da una situazione difficile; lagàch la pèl = perdere la vita --- 

pelà fó, v. tr.

ottenere qualcosa da qualcuno contro la sua volontà – TO --- 

pelà fò, v. tr.

ottenere qualcosa da qualcuno contro la sua volontà – MO --- 

pelàa, v. tr.  --- 

pelare, sbucciare --- 

pelàat, agg.m.

pelato, calvo; spoglio, brullo, roccioso --- 

pelàda (pelàdi), agg.f.

pelata, calva; spoglia, brulla, rocciosa --- 

pelàda (pelàdi), s.f.

l’azione di pelare; testa completamente calva --- 

pelàgra, s.f.

pellagra (malattia da malnutrizione) --- 

pèlanda (pèlandi), s.f.

prostituta, donna di facili costumi  --- 

pelandrù, s.m.

pelandrone, lavativo, donnaiolo --- 

pélo, s.m.

usato solo nell’espressione “par ‘n pélo” = per un pelo --- 

pelóos, agg.m.

peloso --- 

pelósa (pelósi), agg.f.

pelosa --- 

pelòt (pelòc’), s.m.

robusta e rustica coperta di canapa  --- 

pelǜsc’, s.m.

lanugine --- 

pèn, agg.m.

usato solo nell’espressione “làc’ pèn” = liquido che rimane nella zangola quando si fa il burro, detto anche ”làc’ dèl bütéer” --- 

pèna (apèna), avv. e cong.

appena, soltanto, un poco; da pochissimo tempo; subito dopo che (vedi “apèna”) |  a s’ gh’é vìt apèna = ci si vede appena; l’è pèna li dées = sono appena le dieci; l’era pèna ruàda = era arrivata da poco; apèna ca finìsi da da͜ rìgola, te ciàmi = non appena avrò finito di accudire le mucche, ti chiamerò --- 

péna (péni), s.f.

pena, sofferenza, dolore, penna per scrivere – TO | al pativa li péni de l’infèren = soffriva molto  --- 

pèna (pèni), s.f.

pena, sofferenza, dolore, penna per scrivere – MO | al pativa li pèni de l’infèren = soffriva molto  --- 

penàc’, s.m.

zangola a rotazione per fare il burro | sbroiàa gió ‘ndèl penàc’ = sanificare la zangola con acqua bollente --- 

penàgia, s.f.

zangola a stantuffo a funzionamento manuale per fare il burro  --- 

pendégia, s.f --- 

pendenza molto ripida, nome di località situala appena sopra le contrade Barbagli e Lazzaretto al Torchione | s’arìs da spianàa la Pendégia par vìch ‘n pìt pusé de sùul d’envèren = bisognerebbe spianare la Pendégia per avere un po’ più di sole d’inverno --- 

péndól (pendói), s.m.

pendolo --- 

penèl (penéi), s.m.

pennello -TO --- 

penèl (penèi), s.m.

pennello – MO --- 

penèlàa, v. tr.

pennellare --- 

pèns, s.f.

pince, cucitura atta a restringere un abito in larghezza --- 

pensàa, v. tr. e intr.

pensare, riflettere, meditare --- 

pensàch sǜ, v. intr.

rifletterci --- 

penséer, s.m.

pensiero, preoccupazione, cruccio --- 

pensiù, s.f.   --- 

pensione --- 

pensiünàat, s.m.

pensionato --- 

pént, v. intr.

pendere, essere inclinato --- 

Pentecósti, s.f.

Pentecoste – TO --- 

Pentecòsti, s.f.

Pentecoste – MO --- 

pènula, s.f --- 

parte (maschio) sporgente in un incastro --- 

pepè, s.m.

scarpina in senso vezzeggiativo --- 

pepiàt, s.m.

individuo dai piedi piatti --- 

pèràa, v. tr.     --- 

avere tempo, essere disponibile | al pèra ca = non ha tempo --- 

pèrdech, v. intr.

rimetterci  --- 

pèrdes ià, v. rifl.

distrarsi; perdere i sensi, svenire  --- 

pèrdes, v. rifl.

perdersi, smarrirsi, non ritrovare la via del ritorno  --- 

perdù, s.m.

perdono --- 

perdunàa, v. tr.

perdonare --- 

perdunànsa, s.f.

perdono | ‘ndàa a tṍö la perdunànsa = andare in chiesa a fare una visita --- 

perfèt (perféc’), agg.m.

perfetto – TO --- 

perfèt (perfèc’), agg.m.

perfetto – MO --- 

perfèta (perféti), agg.f.

perfetta – TO --- 

perfèta (perfèti), agg.f.

perfetta – MO --- 

perfina, avv.

perfino --- 

pèrgola, s.f.

pergola --- 

perìcól (pericói), s.m.

pericolo --- 

perlinàa, v. tr.

rivestire una parete o un sottotetto in legno --- 

permalóos, agg.m.

permaloso --- 

permès, s.m.

permesso, autorizzazione --- 

pernìis, s.f.

pernice --- 

pèrno, s.m.

perno --- 

pèrs, agg.m.

perso --- 

pèrsa (pèrsi), agg.f.

persa --- 

pèrsech, s.m.

pesca --- 

perseghèer, s.m.

pesco --- 

pèrt, v. tr. e intr.

perdere  |  gh’ò pèrs ‘l trèno = ho perso il treno; lagàa pèrt = lasciar perdere, non badare; ‘l tùbo al pèrt = il tubo perde --- 

pèrtega (pértéghi), s.f.

pertica  – TO | misura locale di superficie, in Albosaggia equivale a circa 673 m. quadrati, divisa in 24 tavole; ogni tavola è a sua volta divisa in 12 piedi   --- 

pèrtega (pèrtèghi), s.f.

pertica  – MO | misura locale di superficie, in Albosaggia equivale a circa 673 m. quadrati, divisa in 24 tavole; ogni tavola è a sua volta divisa in 12 piedi  --- 

pertegàa, v. tr.

far cadere le noci battendo i rami con una lunga pertica --- 

pertegadù, s.m.     --- 

colui che pertica i noci | òl vèet l’è òl pertegadù de li vedovi = il vento fa cadere le noci alle vedove --- 

perteghèta (perteghèti), s.f.

listello di legno, ”li petègheti” venivano fissate ai legni di sostegno del soffitto di un locale per poi poter intonacare --- 

pertegù, s.m.

spilungone, individuo alto e snello --- 

pès, s.m.

pesce  --- 

péśa (pési), s.f.

pesa pubblica  |  bùna péśa = in sovrappiù --- 

peśàa, v. intr.

pesare, gravare sulle spalle, essere di peso fisicamente e moralmente, stabilire il peso con la bilancia --- 

pésc’, s.m.

abete rosso – TO --- 

pèsc’, s.m.

abete rosso – MO --- 

pescà sǜ, v. tr.

estrarre un numero da un’urna --- 

pèsca, s.f.

pesca, pesca di beneficenza  |  la càna da pèsca = la canna da pesca | la pèsca de S. Caterìna = la tradizionale pesca a favore della parrocchia durante la festa della patrona --- 

pescàa, v. tr.

pescare; calpestare --- 

pescadù, s.m.

pescatore --- 

pésciaa, v.tr.

scalciare di animale| l'è 'na vàca ca la péscia = è una mucca che tira pedate --- 

pesciàda (pesciàdi), s.f.

pedata, calcio --- 

pesciadù, s.m.

pedata, calcio --- 

pesciàl, s.m.

piccolo abete rosso --- 

pesciṍl (pesciṍi), s.m.

stinco di maiale --- 

pèśem, agg.m.

pessimo --- 

pesól, s.m.  --- 

rigagnolo di acqua che sgorga da una sorgente --- 

pèsola (pèsoli), s.f.

piccola canale in legno per convogliare l’acqua da una sorgente o da un rigagnolo --- 

pèst, agg.m.

usato solo nell’espressione “mǜüs pèst” = faccia tumefatta, sfregiata, ferita  --- 

pèst, s.m.

pesto ottenuto con basilico, sale olio pestato --- 

pestà fò, v. tr.

sgusciare le castagne secche con il “pestù” --- 

pèstasàal, s.m.

mortaio per frantumare il sale grosso  --- 

pestà sǜ, v. tr.

spaccare   |  pestà sǜ la lègna = spaccare la legna --- 

pestàa, v. tr.

pestare; frantumare --- 

pestù, s.m.

attrezzo per sgusciare le castagne secche; fiasco rivestito di vimini con manico --- 

pèta, v.intr.imper.

aspetta | pèta ‘n momèet = aspetta un momento --- 

petàcol, s.m.

sottoveste --- 

pètas, v. intr.      --- 

portarsi (vedi pórtàs) | petàs sǜ a Merìc’ = portarsi a Meriggio  --- 

pétegola (pétegoli), s.f.

pettegola, ruffiana --- 

pètoli, s.f.

usato solo nell’espressione “vès ‘n de li pètoli” = essere in seri guai --- 

petonèga, s.f.

tunica lunga e larga | la petonèga dèl prèvet = la tunica del prete --- 

petròli, s.m.

petrolio --- 

petròz --- 

usato solo nell’espressione “ ’ndàa ‘n petròz” = andare in giro a fare bagordi  --- 

petù, s.m.

scoreggia --- 

petulù, s.m.

abito lungo e stracciato --- 

petunàa, v. intr.  --- 

fare scoregge --- 

péver, s.m.

pepe --- 

peverù, s.m.

peperone --- 

pèz, s.m.

molto, tanto, riferito a quanto  tempo |  l’è ‘n pèz ca te spèci = ti sto aspettando da molto tempo  --- 

pèza (pézi), s.f.

pezza  – l’è ‘n gìr con li pézi ‘ndèl cǜ = è in giro con i vestiti rattoppati, è messo male -  TO --- 

pèza (pèzi), s.f.

pezza |  mètech sǜ ‘na pèza = metterci una pezza, rimediare in qualche modo ad una situazione difficile | l’a crumpàat trèi pèzi par fa sǜ trìi scosài = ha comprato tre pezze di stoffa per  confezionare  tre   grembiuli – MO --- 

pezà sǜ, v. tr.

vedi “pezàa” --- 

pezàa, v. tr.

rappezzare, rattoppare, aggiustare vestiti e scarpe, mettere pezze --- 

pezàat, agg.m.

rattoppato; pezzato (riferito al mantello degli animali)  --- 

pezàda (pezàdi), agg.f.

rappezzata, pezzata  |  ‘na vàca pezàda = una mucca pezzata, dal mantello pezzato  --- 

pezòt  (pezòc’), s.m.

pezzotto, tipico tappeto tessuto in Val d’Arigna, lavorato con ritagli di stoffa di ogni genere e ornato di disegni vari a tinte per lo più vivaci --- 

pezzṍl (pezzṍi), s.m.

straccetto  |  fa ‘ndàa ‘l pezzṍl = fare pettegolezzi --- 

piàa, agg. e avv.

piano, lentamente --- 

piàa, s.m.  --- 

piano, pianura,  fondovalle  | en g’à te laorèt, al Fosati? sǜ in òlt o giò al piàa? = in quale stabilimento del Fossati lavori? quello in alto o quello giù al piano? (filatura o tessitura?) --- 

piàa, v. tr.

prudere  |  al me pìaa =  mi prude; òl Mario e la Maria ai gràta ‘n g’à al ghe pìa = il Mario e la Maria grattano dove gli prude  --- 

piacàa, v. tr.

nascondere --- 

piacàat (piacàac’), agg.m.

nascosto --- 

piacàda (piacàdi), agg.f.

nascosta --- 

piacarṍla, s.f.

nascondino  |  me giüga a la piacarṍla? = giochiamo a nascondino? --- 

piacàs, v.rifl.

nascondersi --- 

piàch, s.m.

usato solo nell’espressione “da piàch” = di nascosto --- 

piacógnàdi, s.f.

azioni tenute nascoste --- 

piàda (piàdi), s.f.

morso --- 

piàga (piàghi), s.f.

piaga; persona che si lamenta per  un nonnulla --- 

piàigiǜda (piagiüdi), s.f.

pianto  --- 

piàisc’, v. intr.

piangere --- 

piàna (piàni), s.f. e agg.f.

piana, liscia, pianeggiante  |  sóo ‘ndàc’ fin sǜ a la tèrsa piàna de Bricéra = sono salito fino alla terza piana di Bricera --- 

pianèl (panéi), s.m.

spiazzo, radura, piccolo piazzale – TO --- 

pianèl (panèi), s.m.

spiazzo, radura, piccolo piazzale – MO --- 

pianèla (pianéli), s.f.

piastrella  – TO --- 

pianèla (pianèli), s.f.

piastrella – MO --- 

piangìna, s.m.

piagnone, lagna --- 

pianìi, avv.

pianino, con calma | sóo 'ndàc' a pianìi =  sono andato con calma --- 

piànta (piànti), s.f.

pianta, albero --- 

piantàa, v. tr.

piantare, interrare una piantina, un palo;  smettere  |  piànta lì = smettila; piantàa en pée ‘n bèl casìi = provocare un pandemonio --- 

piantàat (piantàac’), agg.m.

piantato, ben piantato, robusto (riferito a persona) --- 

piantàda (piantàdi), agg.f.

piantata, ben piantata, robusta (riferita a persona) --- 

piantagràni, s.m.

individuo litigioso --- 

piantàna (piantàni), s.f.

montante, palo di sostegno nelle impalcature; piantaggine --- 

piantasù, v. tr.

sistemare  i pali nella vigna,  si  rinforzano se traballanti o si  rimpiazzano se troppo deteriorati  (vedi “refondàa”) --- 

piàntela, inter.  --- 

smettila --- 

piantìna (piantìni), s.f.

piccola pianta; piantina da semina;  mappa di una città, luogo ecc.

piantù, s.m.

piantone, guardiano, persona addetta alla sorveglianza --- 

pianǜra, s.f.   --- 

pianura --- 

piaśé, s.m.

piacere, favore --- 

piasìi, v. intr.

essere gradito, essere amato --- 

piàt (piàc’), s.m. e agg.m.

piatto (stoviglia); piatto  (liscio, disteso) --- 

piàta (piàti), agg.f.

piatta --- 

piatìi, s.m.

piattino --- 

piatìna, s.f.

carrello su binari --- 

piatól (piatói), s.m. e agg.m.

lagna, piagnucoloso| te sèe tròp piatól = sei troppo lagnoso --- 

piatòla (piatòli), s.f. e agg.f.

piattone (insetto parassita), piattola; piagnucolosa, lagna | te sèe ‘na piatòla = sei una lagna --- 

piàza (piàzi), s.f.

piazza  |  ‘n lèc’ a dói piàzi = un letto a due piazze   --- 

piazàal (piazài), s.m.

piazzale --- 

pìca (pìchi), s.f.  --- 

caduta   |  ‘ndàa a pìca” = fare una caduta --- 

picà gió, v. tr.

picchiare, martellare  |  ‘l sùul al pìca gió = oggi il sole martella, non da tregua; picà gió ‘n giönṍc’ = sbucciarsi un ginocchio --- 

picà ià, v. tr.

buttare via | picà ià chèl ròp = butta quel coso --- 

picà ité, v. tr.

piantare – TO | picà ité ‘n ciòt = piantare un chiodo; picà ité la màchena = andare a sbattere con l’auto  --- 

picà itè, v. tr.

piantare – MO| picà itè ‘n ciòt = piantare un chiodo; picà itè la màchena = andare a sbattere con l’auto  --- 

picà sǜ, v. tr.

sbattere  |  ò picàat sǜ la cràpa ‘ndèl tèc’ = ho battuto la testa su una trave del tetto --- 

picàa, v. tr.

picchiare, dar botte, percuotere, sbattere --- 

picànt, agg.m.

piccante, saporito --- 

picànta (picànti), agg.f.

piccante, saporita --- 

picapréda, s.m.

scalpellino, spaccapietre --- 

pìch, s.m.

attrezzo per togliere i cerchi dalla piastra della stufa; attrezzo per attrarre il rami di un albero e facilitare la raccolta dei frutti; seme di picche nel gioco delle carte --- 

pichèt (pichéc’), s.m.  --- 

picchetto, paletto, cavicchio – TO --- 

pichèt (pichèc’), s.m.  --- 

picchetto, paletto, cavicchio – MO --- 

pìcio, agg.m.

annoiato, stufo   |  vignìi pìcio = annoiarsi a morte --- 

picòl (picòi), s.m.

picciolo, gambo di un frutto --- 

picutìna (picutìni), s.f.

fagiolino, cornetto | li guàti picutìni = i bacelli dei fagioli cornetti --- 

piée pienènto, agg. qual.

strapieno, stracolmo, traboccante, colmo  --- 

piée, agg.m.

pieno  | piée cóma ‘n ṍöf = pieno come un uovo --- 

pièera, s.f.

prurito --- 

piéga, s.f.

piega; inclinazione  |  ciapàa ‘na brǜta piéga = volgere al peggio (di situazione); prendere una cattiva strada (di persona) --- 

piegàa, v. tr.

piegare, inclinare --- 

piéna (piéni), agg.f.

piena --- 

pigapàga, s.f.

altalena, sin. di “pigòlsa” e di “tioltàol” --- 

pìgna (pìgni), s.f.

stufa, cucina economica --- 

pignàta (pignàti), s.f.

pignatta, pentola --- 

pignatàda (pignatàdi), s.f.

pentolata, il contenuto di una pentola --- 

pignatìi, s.m.

pentolino --- 

pignṍla, s.f.

qualità di uva --- 

pìgola, s.f.

pece greca, colofonia – MO (vedi “pégola”) --- 

pigolàa, v.intr.  --- 

pigolare (uccellini nel nido) --- 

pigòlsa, s.f.

altalena  --- 

pìgra (pìgri), agg.f.

pigra, indolente, sfaticata --- 

pigrìzia, s.f.

pigrizia --- 

pìgro (pìgri), agg.m.

pigro, indolente, sfaticato --- 

pìis, s.m.

unità di misura di peso, corrispondeva a circa 8 kg., era diviso in dieci “lìri” ciascuna di quattro “quàrti”;  tipo di bilancia senza piatto, usato anche per pesare il latte --- 

pìl (pìi), s.m.

pelo  |  cercàa ‘l pìl ‘ndèl ṍöf = cercare il pelo nell’uovo, essere troppo pignolo --- 

pìl, s.m.

cipiglio, piglio; affrontare un’azione o esprimersi in maniera severa e forte; senso figurato una persona dotata di pelo sullo stomaco (cioè priva di scrupoli) |‘l ghà ‘l pìl sül stómech = è uno coraggioso, un duro --- 

pìla (pìli), s.f.  --- 

catasta;  pila, batteria, torcia elettrica; macchina o attrezzatura per pilare (mondare, pulire, squamare) l’orzo o le castagne |  ‘na pìla de lègna = una catasta di legna --- 

pilàstro (pilàstri), s.m.

pilastro, sostegno in muratura o calcestruzzo --- 

pilisìna (pilisìni), s.f.

pellicina  |  la galìna l’à fàc’ l’ṍöf  ‘n pilisìna = la gallina ha fatto l’uovo senza guscio --- 

piltrèra (piltréri), s.f.

piattaia, credenza, tipica scansia delle cucine del passato – TO  --- 

piltrèra (piltrèri), s.f.

piattaia, credenza, tipica scansia delle cucine del passato – MO  --- 

pilüchìi, s.m.

granelli sulle maglie di lana --- 

pinciarṍl (pinciarṍi), s.m.

acino, chicco d’uva che si colora per primo, quando inizia la maturazione --- 

pindicìte, s.f.

appendicite --- 

pindìif, agg.m.

erto, ripido, in pendenza  --- 

pindìva (pindìvi), agg.f.

erta, ripida, in pendenza --- 

pinìi, s.m.

pennino --- 

pìnola (pìnoli), s.f.

pillola, compressa medicinale --- 

pìnta  (pìnti), s.f.

boccale della capacità di circa due litri  |  l’è mèi la pìnta pièna che la mórósa dòpo scèna = è meglio la “pìnta” piena che la fidanzata dopo cena --- 

pintìda (pintìdi), agg.f.

pentita, rammaricata --- 

pintìit, agg.

pentito, rammaricato --- 

pintìs, v. rifl.

pentirsi, provare rincrescimento --- 

piṍc’, s.m.

pidocchio; avaro (sin. “ciṍc’ ”) --- 

piṍda (piṍdi), s.f.

tegola di sasso, famose sono le “piṍdi” della Valmalenco --- 

piógiàt, s.m.

avaro, pignolo --- 

piómbà gió, v. intr.

cadere pesantemente --- 

piómbà scià, v. intr.

giungere improvvisamente --- 

piómbàa, v. tr. e intr.

piombare, sigillare, chiudere ermeticamente; controllare con il filo a piombo la verticalità di un muro --- 

piómp, s.m.

piombo  |  a piómp = perfettamente verticale --- 

piòna (piòni), s.f.

pialla --- 

pionàa, v. tr.

piallare --- 

piṍöf, v. intr.

piovere  |  quànca al tuna sènsa piṍöf, niènt al se mṍöf = quando tuona senza pioggia, non pioverà --- 

piòt, s.m.

parte in legno della mangiatoia, serve  per legare le vacche nella stalla con la catena --- 

piòta (piòti), s.f.

sasso piatto --- 

pìp, agg.m.

molto sensibile al dolore o al caldo e al freddo --- 

pìpa (pìpi), agg.f.

(vedi “pìp”) --- 

pìpa (pìpi), s.f.

pipa --- 

pipàa, v. intr.

fumare --- 

pipèra (pipéri), s.f.

bambinaia – TO --- 

pipèra (pipèri), s.f.

bambinaia – MO --- 

pipìi, s.m.

pupilla | pipìi de l’ṍc’ = pupilla --- 

pipìna (pipìni), s.f.

gallina --- 

pìr, s.m.

pera --- 

pirèer, s.m.

pero | ven giò dol pirèer = scendi dal pero, tornare al presente, prendi atto della realtà --- 

pirerṍla (pirerṍli), s.f.

piccolo cesto fissato all’estremità di una pertica, per cogliere i frutti dei rami più lontani --- 

pìrla, s.m.

individuo ingenuo, stupidotto --- 

pirlàa, v. tr.

girare, far girare, rivoltare --- 

pirlàs, v. rifl.

girarsi  |  as pṍ gnàa pirlàs = non c’è spazio per muoversi --- 

pirlèt, s.m.

trottola  --- 

pirlìna (pirlìni), s.f.

perlina, assicella di legno per rivestimenti --- 

pirlinghèla, s.f.   --- 

essere in bilico, in equilibrio precario, star per cadere --- 

pirolèta, s.f.

piroetta, giravolta --- 

pirpisṍl, s.m.

bacca del biancospino  --- 

pirulìi, s.m.

trottola, interruttore della luce che si usa nelle camere da letto --- 

pìśa, s.f.

pipi, urina  |  l’è còlda  cóma pìśa = tiepida (riferito a bevanda che dovrebbe essere fresca) --- 

piśàa, v. intr.

pisciare, urinare  |  pàrla quànca al pìśa li galìni! = taci! (le galline non fanno la pipì) --- 

piśalèc’, s.m.

piscialletto, bambinetto  --- 

piśamprèsa, s.m.

persona irrequieta che è sempre di fretta --- 

piśarṍla, s.f.

pisciarella, frequente bisogno di urinare; zampillo d’acqua; persona irrequieta che ha fretta di andare |’l ghà la piśarṍla = ha fretta di andare --- 

piśaròt (piśaròc’), s.m.

traversa per il letto, usata nelle culle e nei letti dei bambini, sopra il materasso, per proteggerlo dai danni dell’incontinenza    --- 

piśasót, s.m.

insicuro, pauroso, fifone; non ancora capace di fare una data cosa --- 

piscén, agg.

piccolo  --- 

piscéna (piscéni), agg.f.

piccola  --- 

piscì, avv.

almeno, quantomeno, perlomeno  |  van piscì ti = vai almeno tu --- 

piscinèla, s.m.

uomo di piccola statura, bambino  --- 

piscinìi, agg.m.

piccolino --- 

piscinìna (piscinìni), agg.f.

piccolina  --- 

pisél (piséi), s.m.

pisello – TO --- 

pisél (pisèi), s.m.

pisello – MO --- 

piśìna (piśìni), s.f.

colaticcio della stalla --- 

piśocàa, v. intr.

sonnecchiare, appisolarsi --- 

piśochèra, s.f.

sonnolenza, torpore, dormiveglia  (vedi “matunèra”) --- 

pìśól (pìsói), s.m.

pisolino, sonnellino --- 

pistèch, s.m.

si congiungono il pollice e l’indice e poi si fa scattare l’indice  --- 

pisulìi, s.m.

pisolino, sonnellino --- 

pìt, agg.m.

poco  |  ‘n pìt de pàa = un po’ di pane --- 

pitànsa, s.f.   --- 

pietanza, miscuglio di farinacei e “panèl” come mangime per le mucche   --- 

pitìi, avv.

pochino --- 

pitòca (pitòchi), agg.f.

avara, taccagna --- 

pitòch, agg.m.

avaro, taccagno --- 

pitóor, s.m.

imbianchino; pittore --- 

pitrina, s.f.

pietrina per accendino --- 

pitǜra (pitǜri), s.f.  --- 

vernice, smalto, tempera; pittura, opera pittorica --- 

pitüràa, v. tr.   --- 

imbiancare, verniciare, smaltare --- 

piüdiscia (piüdisci), s.f.

lastrone di roccia liscia e molto in pendenza  --- 

piùma (piùmi), s.f.

piuma  |  lagàch li piùmi = morire --- 

piumbìi, s.m.

piombino, piccola zavorra per  le lenze; sigillo --- 

piunìi, s.m.

piccola pialla --- 

piǜüda (piǜüdi), s.f.

piovuta --- 

piuvisnàa, v. intr.

piovigginare --- 

pìva (pìvi), s.f.

piva, cornamusa |  che pìva! = che noia! --- 

pivèl (pivéi), s.m.

giovane inesperto --- 

pivìda, s.f.

malattia che colpisce le galline e i polli, costringendoli a bere continuamente; escrescenza della pelle che cresce alla base dell’unghia, molto dolorosa --- 

piviù, s.m.

piccione --- 

pìz, agg.m.

acceso; brillo, alticcio --- 

pìz, s.m.

pizzo, merletto; cima, pizzo  --- 

pìza (pìzi), agg.f.

accesa --- 

pizàa, v. tr.

accendere, accendere la luce, accendere il fuoco; beccare |  pizàa ‘l fṍöch = accendere il fuoco; la galìna la pizà sǜ ‘l rìis = la gallina becca il riso --- 

pìzech, s.m.

pizzico, piccola quantità; pizzicotto; puntura di insetto --- 

pizèt, s.m.

pizzetto, barbetta come quella delle capre  --- 

pizigàa, v. tr. e intr.

pizzicare, pungere --- 

pizigàda (pizigàdi), s.f.

pizzicotto; puntura di insetto --- 

pizighìi, s.m.

piccola quantità, pizzico --- 

pizòcher, s.m.

pizzoccheri, sono tagliatelle casalinghe valtellinesi, fatte con farina di grano saraceno e condite con abbondanza di burro, formaggio molle, verze e patate  --- 

plafù, s.m.

plafone, soffitto, contro-soffitto, nelle case antiche era composto da fitte stecche di legno chiodate alle travi dei solai e successivamente intonacate --- 

plàstega (plàsteghi), s.f.

plastica --- 

plìch, s.m.

plico --- 

plonzèer, s.m.

blocco tondeggiante di ferro che scorre sull’asta graduata delle bilance a  stadera chiamato romano  --- 

pö vès, avv.

forse, può darsi, probabilmente  --- 

pó, avv.

poi  |  decìt pó ti = decidi tu --- 

pòc’ piegàat, s.m.  --- 

ricotta ricavata dal latte normale  poi messa a scolare in un tovagliolo (mantìi) per poi ottenere una ricottina --- 

pòc’, s.m.                       --- 

ricotta ricavata dal latte del burro (làc’ dèl bütéer)  | pulènta e pòc’ = latte del burro scaldato con aggiunto allume di rocca (lǜm de ròch), rovesciata la polenta pronta dal paiolo, il “pòc”, che affiorava tipo “maschèrpa”, si metteva nel paiolo per tenerlo caldo e alla fine si riversava la polenta dentro nel paiolo assieme al “pòc’” il tutto pronto per essere mangiato --- 

poesìa (poesìi), s.f.  --- 

poesia --- 

poéta (poéti), s.m.

poeta --- 

póiàn, s.m.

spossatezza, pigrizia per lo più dovuta a disagio provocato dall’afa; mollezza, indolenza (vedi “ròla”) --- 

poiàt (poiàc’), s.m.

pulcinotto; usato anche per definire la catasta di legna ammucchiata per fare il carbone --- 

poiàta (poiàti), s.f.

gallinella, pollastrella, pulcinotto destinato a diventare gallina --- 

polèch, s.m.

cardine di porte finestre e ante --- 

pṍlech, s.m.

pidocchio, pulce --- 

pòles, s.m.

pollice --- 

pólver, s.f.

polvere --- 

póm, s.m.

mela --- 

pómaràns, s.m.

arancia, sin. “aràns”  --- 

pómàtes, s.m.

pomodoro --- 

pómèer, s.m.

melo  --- 

pómèl (póméi), s.m.

pomello, impugnatura – TO --- 

pómèl (pómèi), s.m.

pomello, impugnatura – MO --- 

pómpa (pómpi), s.f.

pompa --- 

pómpà sǜ, v. tr.

insistere con lodi eccessive e adulatorie per convincere qualcuno a fare qualcosa --- 

pómpàa, v. tr.

pompare, gonfiare una camera d’aria --- 

pónt (pónc’), s.m.

punto / punti al gioco --- 

pónta (pónti), s.f.

punta, puntello; attrezzo del muratore; piccolo quantità --- 

| ò laoràat de pónta e mazzòt = ho lavorato di punta e martello grosso | l’à mès ‘na pónta de légn par tignìl sǜ = ha messo un puntello di legno per tenerlo sollevato --- 

póntàa, v. tr.

puntare nel gioco (può essere usato anche “puntàa”) --- 

póntasél (póntaséi), s.m.

ponticello, terrazzino -TO --- 

póntasél (póntasèi), s.m.

ponticello, terrazzino – MO --- 

póntec’, s.m.

ponteggio nelle costruzioni edilizie, impalcatura --- 

póo, agg. e avv.

po’ – TO | par ‘n póo = per un po’  --- 

pòo, agg. e avv.

po’ – MO | par ‘n pòo = per un po’  --- 

pòoca (póochi), agg. e avv.

poca – TO --- 

pòoca (pòochi), agg. e avv.

poca – MO --- 

pòoch, agg. e avv.

poco  --- 

póor (póori), agg.m.

povero  – TO |  i póri mòrc’ = i poveri morti --- 

pòor (pòori), agg.m.

povero  – MO |  i pòri mòrc’ = i poveri morti --- 

poorèt (pooréc’), s.m.

povero, poveretto; mendicante – TO --- 

poorèt (poorèc’), s.m.

povero, poveretto; mendicante – MO --- 

poorèta (pooréti), s.f.

povera, poveretta; mendicante – TO --- 

poorèta (poorèti), s.f.

povera, poveretta; mendicante – MO --- 

poorlaò, s.m.  --- 

poveraccio --- 

pòos, agg.m.

raffermo  |  pàa pòos = pane raffermo, del giorno prima --- 

pòpen, s.m.

gozzo dei gallinacei --- 

popóla (popóli), s.f.

bambola --- 

popolòt, s.m.

pupazzo, bambinone, bel fungo porcino   --- 

popòo, s.m.

bambino piccolo --- 

pòr, s.m.    --- 

porro (ortaggio); verruca, escrescenza sulla pelle --- 

pòra (pòri), agg.f.

povera --- 

Poràc’, sm.

località Poratti --- 

pòrca (pòrchi), agg.f.

porca --- 

pórcherìa (pórcherìi), s.f.

porcheria, sporcizia, sudiciume, sconcezza  --- 

pòrco, agg.m. e inter.

porco|  pòrco bòia = porco boia; pòrco mòndo = porco mondo --- 

pṍrga (pörghi), s.f.

purga, purgante --- 

pórscèl (pórscéi), s.m.

sporcaccione, persona incline a comportamenti immorali – TO --- 

pórscèl (pórscèi), s.m.

sporcaccione, persona incline a comportamenti immorali – MO --- 

pórscèla (pórscéli), s.f.

vedi “pórscél” – TO --- 

pórscèla (pórscèli), s.f.

vedi “pórscèl” – MO --- 

pórscéra, s.f.

silicosi, questa malattia colpiva le persone che lavoravano in galleria e pertanto era piuttosto diffusa nei nostri paesi  --- 

pòrt, s.m.

porto; Porto, frazione del comune di Albosaggia  --- 

porta (pórti), s.f.

porta, uscio – TO --- 

pòrta (pòrti), s.f.

porta, uscio – MO --- 

pórtàa, v. tr.

portare |  portàa ‘n gèrlo de gràśa = portare una gerla di letame --- 

portacadìi, s.m.

portacatino --- 

portafòi, s.m.

portafoglio --- 

portamèet, s.m.

portamento --- 

portaṍöf, s.m.

portauova --- 

portarǜut, s.m.

porta rifiuti, pattumiera --- 

pórtàs, v. rifl.

recarsi, portarsi --- 

portèa, s.f.

porta fatta con piccoli tronchi o rami di legno per chiudere l’orto o un recinto --- 

pòrtech, s.m.

portico, porticato  --- 

pòśa (póśi), s.f.

sedile per il riposo, lungo le strade dei campi c’erano dei muretti dove poter appoggiare la gerla o il “campàc’”, per una breve sosta – TO --- 

pòśa (pòśi), s.f.

sedile per il riposo, lungo le strade dei campi c’erano dei muretti dove poter appoggiare la gerla o il “campàc’”, per una breve sosta – MO   --- 

póśàa, v. intr.

riposare --- 

póśàat, agg.m.

riposato --- 

póśàda (póśàdi), agg.f.

riposata --- 

póśàda (póśàdi), s.f.

riposo; sosta nel cammino o nel lavoro --- 

póscàa, v. tr.

innaffiare  |  póscàa l’òrt = innaffiare l’orto --- 

pòst (pòsc’), s.m.

posto, posto di lavoro  |  ès fò de pòst = essere in disordine; essere indisposto; mèt a pòst = sistemare, riordinare qualcosa, aggiustare; tràa fò de pòst = slogare un’articolazione | al gà ‘n bèl pòst = ha un buon lavoro --- 

pòsta (pòsti), s.f.

posta, ufficio postale --- 

póz, s.m.

pozzo  --- 

póza (pózi), s.f.

pozza naturale o artificiale, pozzanghera --- 

pràat (pràc’), s.m.

prato --- 

pradèer, s.m.

stomaco dei gallinacei --- 

pràns, s.m.

pranzo --- 

pràtech, agg.

esperto; funzionale --- 

pràtega (pràteghi), agg.f.

esperta; funzionale --- 

pràtega (pràteghi), s.f.

pratica, esperienza, apprendistato; pratica, procedura amministrativa e relativa documentazione --- 

pratésa (pratési), s.f.

pretesa --- 

precèt, s.m.

precetto  --- 

precìis, agg.m.

preciso --- 

precipìzi, s.m.

precipizio, burrone, dirupo --- 

préda (prédi), s.f.

cote, pietra affusolata utilizzata per affilare la falce che il contadino tiene nel “codèr”, appeso nella parte posteriore della cintola --- 

prèdega (prèdeghi), s.f.

predica, omelia --- 

predesé, s.m.

prezzemolo --- 

predù, s.m.

macigno, grosso sasso un po’ appiattito --- 

pregàa, v. tr.

pregare --- 

prègn, agg.m.

pregno, saturo, colmo --- 

prègna (prègni), agg.f.

gravida, pregna --- 

preòst, s.m.

prevosto  --- 

preostǜra, s.f.

prevostura, prepositura --- 

prepónta (prepónti), s.f.

trapunta, coperta imbottita --- 

présa (prési), s.f.

presa, per la corrente elettrica o l’acquedotto; manciata, pezzo  |  ‘na prèsa de sàal = una manciata di sale | ‘na présa de fórmài = un pezzo di formaggio --- 

prèśa, s.f.  --- 

fretta, premura  --- 

preśàa, v.tr.

pressare --- 

preśapòch, avv.

pressappoco --- 

preséef, s.f.

mangiatoia nella stalla --- 

presépi, s.m.

presepio --- 

presù, s.f.

prigione --- 

presunéer, s.m.

prigioniero  --- 

pretènt, v. tr.

pretendere, volere per forza  --- 

prèvet (prèvec’), s.m.

prete, sacerdote  --- 

previdìi, v. tr.

prevedere, anticipare intuitivamente --- 

previsiù, s.f.

previsione --- 

prézi, s.m.

prezzo, costo --- 

prezióos, agg.m.

prezioso --- 

priàal (priài), s.m.

specie di slitta costruita al momento con due legni di supporto che erano possibilmente dei tronchi (non eccessivamente grossi) con la parte vicina al ceppo incurvata a pipa sui quali, a 79/80 cm di distanza, si legavano alcuni spezzoni "a trevèrs" magari pure fissati con qualche "càmbra", così da avere una slitta alla quale  si poteva attaccare un mulo, cavallo o asino con “ ‘l balansìi"  --- 

pricìis, agg.

preciso, perfetto --- 

pricìsa (pricìsi), agg.f.

precisa, perfetta --- 

primarṍl (primarṍi), s.m.

giovenca al primo parto, primipara --- 

princìpi, s.m.

principio, criterio | al ga ca princìpi = non ha criterio, non sa fare --- 

pristìi, s.m.

forno, bottega del panettiere --- 

pristinèer, s.m.

panettiere, fornaio  --- 

privatìva (privatìvi), s.f.

privativa, rivendita di sale e tabacchi e altri generi di monopolio  --- 

prividìi, s.m.

prete giovane appena uscito dal seminario --- 

probléma (problémi), s.m.

problema --- 

procesiù, s.f.

processione --- 

profónd, agg.m.

profondo --- 

promèśa, s.f --- 

promessa --- 

prónt, agg.m.

pronto, preparato  --- 

prónta (prónti), agg.f.

pronta, preparata --- 

pròpi, avv.

proprio, davvero, certamente --- 

protetóor, s.m.

protettore | sant Antoni l'è òl protetóor di bes-ciöi = sant Antonio è il protettore del bestiame --- 

provèrbi, s.m.

proverbio  --- 

provét, v. tr.

provvedere; darsi da fare per … --- 

prùa (prùi), s.f.

prova  |  fàa ‘na prùa = fare una prova --- 

pruà sǜ, v. tr.

provare  |  pruà sǜ ‘na giàca = provare una giacca --- 

pruàa, v. tr.

provare, tentare, cercare di … --- 

prüfǜm, s.m.

profumo --- 

pruibìda (pruibìdi), agg.f.

proibita, vietata --- 

prüibìi, v. tr.

proibire, vietare --- 

prüibìit, agg.

proibito, vietato --- 

pruisòri, agg.m.

provvisorio --- 

pruìsti, s.f.p.

provviste come generi alimentati, fare la spesa --- 

prǜm, agg. num.

primo --- 

prǜma (prǜmi), agg. num.

prima --- 

prümavéra, s.f.

primavera --- 

prusciǜt, s.m.

prosciutto --- 

pǜ, avv.

più  |  fàa ‘l de pǜ = darsi arie --- 

pùcia (pùci), s.f.

intingolo, condimento --- 

pucià gió, v. tr.

intingere, immergere  |  pucià gió i pée = bagnarsi i piedi (nel bagno, al mare o in un corso d’acqua) --- 

puciàa, v. tr.

intingere, immergere --- 

pùciaca (pùciachi), s.f.

pozzanghera, impasto di acqua e terra, fanghiglia  --- 

pudàa, v. tr.

potare --- 

pudìi, v. intr.

potere  |  n’en pṍdi pǜ = non ne posso più  --- 

pùgia (pògia), inter.

usato con le mucche per fargli spostare la gamba e anche per gli equini --- 

pugià gió, v. tr.

appoggiare in basso  |  pugià gió bàs = posare in terra --- 

pugiàa, v. tr.

appoggiare; deporre, posare --- 

pugiṍl (pugiṍi), s.m.  --- 

poggiolo, terrazzino (vedi “lobbièt”) --- 

pǜgn, s.m.

pugno --- 

puìi, s.m.

pulcino di gallina --- 

puinàal (piinàai), s.m.

diminutivo di “puìi”, piccolo pulcino  --- 

pulàstro (pulàstri), s.m.

pollo, pollastro --- 

pulédro (pulédri), s.m.

puledro --- 

pulèer, s.m.

pollaio  |  ‘ndàa a pulèer = andare a dormire --- 

puléna (puléni), s.f.

argano di legno per la caldaia lunga di rame – TO  --- 

(vedei  descrizione qui sotto)  --- 

pulèna (pulèni), s.f.

sorta di argano dove si  appende la caldaia contente il latte da scaldare per fare il formaggio. E’ un congegno girevole poggiato su un sasso incavato a lato del focolare, composto da una parte verticale e una orizzontale dove si appende la caldaia, così da poterla mettere e togliere dal fuoco  – MO --- 

pulènta (pulénti), s.f.

polenta – TO --- 

pulènta (pulènti), s.f.

polenta – MO --- 

pulentù, s.m.

polentone, individuo lento, pigro, impacciato  --- 

pulerṍla, agg.f.

socchiuso  |  ǜs ‘n pulerṍla = uscio socchiuso --- 

pulerṍla, s.f.  --- 

gattaiola, scappatoia | apertura fatta nella parte inferiore d'un uscio, ad esempio nel pollaio o in una porta per il gatto --- 

pulìda (pulìdi), agg.f.

pulita --- 

pulìit (pulìic’), agg.m.

pulito (vedi “nèt”) --- 

pulintìna (pulintìni), s.f.

cataplasma, impasto curativo, fatto con semi di lino, scaldati da applicare esternamente per combattere le affezioni polmonari  --- 

pulìto, avv.

fatto a regola d’arte --- 

pulmù, s.m.

polmone --- 

pǜlpet, s.m.

pulpito --- 

pùls, s.m.

polso --- 

pulsìi, s.m.

polsino --- 

pultruna (pultruni), s.f.

poltrona --- 

punciàa, v.tr.

spingere forte | la vàca le réet a fàa, lè ‘mpóo ca la puncia = la mucca sta partorendo, è un po’ che ha le spinte --- 

punciòt, s.m.

utensile in acciaio utilizzato dagli scalpellini per spaccare blocchi di granito  --- 

pundà gió, v. tr.

mettere in basso, per terra --- 

pundàa, v. tr.

riporre, deporre, appoggiare | l’ó pundàat te ‘ndèla piltrèra = l’ho riposto nella credenza; punda iá chèl ròp = metti via quel coso --- 

pùnta, s.f.  --- 

 broncopolmonite --- 

puntàa, v. tr.   --- 

puntare  |  puntàa i pée = puntare i piedi, incaponirsi --- 

(usato anche al posto di “póntàa”) --- 

puntàal (puntàai), s.m.

puntale, rivestimento metallico all’estremità inferiore di un bastone --- 

puntéc’, s.m.

ponteggio, soppalco, impalcatura --- 

puntèl (puntèi), s.m.

puntello; piccola punta; appuntamento amoroso --- 

puntelàa, v. tr.

puntellare, mettere un sostegno --- 

puntìi, s.m.

puntino --- 

puntirṍl (puntirṍi), s.m.

punteruolo --- 

pùnto, s.m.

punto  |  a li sèt ‘n pùnto = alle sette in punto --- 

puntǜra (puntǜri), s.f.

puntura, iniezione --- 

pùra (pùri), s.f.

paura --- 

pürgàa, v. tr.

purgare, somministrare un purgante --- 

pürgàla (pürgàli), s.f.

fargliela pagare  |  te la pürgarèe! = la pagherai!  MO -  pürgarée  TO --- 

Pürgatòri, s.m.

Purgatorio --- 

pùri, s.m.pl --- 

li pùri = racconti riguardanti esseri spaventosi come “magadi e diaulù” --- 

pürìif, agg. e s.m.

non esposto al sole, ombreggiato, umido, esposto a nord;  Albosaggia si trova nel versante  (orobico) “pürìif” della valle  --- 

puritìì, s.m.

poverino, poveretto --- 

puritìna (puritìni), s.f.

poverina, poveretta --- 

pürìva (pürìvi), agg. e s.f.

vedi “pürìif” --- 

puróos, agg.m.

pauroso, timido, che ha paura --- 

purósa (purósi), agg.f.

paurosa, timida, che ha paura --- 

pursiù, s.f.

porzione --- 

purtìna (purtìni), s.f.

piccola porta --- 

purtù, s.m.

portone --- 

püscéna (puscéni), s.f.

cena abbondante o fatta di notte dopo la cena  – TO --- 

püscèna (puscèni), s.f.

cena abbondante o fatta di notte dopo la cena – MO --- 

puschìi, s.m.

annaffiatoio --- 

püsdomàa, s.m.

dopodomani --- 

püsée, avv.   --- 

di più, maggiormente, il più, la più parte --- 

(anche pusé -TO e pusè -MO)   --- 

pusìbel, agg.

possibile | l’è ca pusìbel = non è possibile --- 

püstèma (püstémi), s.f.

ascesso dentario – TO  --- 

püstèma (püstèmi), s.f.

ascesso dentario – MO  --- 

pustìi, s.m.

postino --- 

pustìna (pustìni), s.f.

postina --- 

pustisìi, s.m.

posticino --- 

pütana, s.f. agg.f.

puttana; esclamazione dispregiativa | pütana de ‘na vàca ! = puttana di una vacca ! --- 

pütanghèna, inter.

perbacco, diamine --- 

pütiféri, s.m.

putiferio --- 

pütòsto, avv.

piuttosto --- 

pùuc’, s.m.   --- 

punto di rammendo, di sutura  |  dàch sǜ ‘n pùuc’ = dagli un rammendo --- 

pǜür, agg.m.

puro --- 

pǜüra (pǜri), agg.f.

pura --- 

pùut (pùuc’), s.m.

ponte; ponteggio, impalcatura --- 

quàal, pr.

quale | tàl e quàal = tale e quale --- 

quàat, agg. e avv.

quanto | quàat ca l’è = quanto ti devo --- 

quàata (quàati), agg. e avv.

quanto | quàati stòri! = quante storie!  --- 

quadèrno (quadèrni), s.m.  --- 

quaderno --- 

quàdra (quàdri), agg.f.

quadra, quadrata --- 

quàdrada, s.f.

pavimento in legno, solaio, soffitta (sin. spazacà)  --- 

quadrèl (quadréi), s.m.

mattone – TO --- 

quadrèl (quadrèi), s.m.

mattone – MO --- 

quadrelàda (quadrelàdi), s.f.

parete divisoria fatta con mattoni forati --- 

quadrèt (quadréc’), s.m.

quadretto – TO | quadérni a quadréc’ = quaderni a quadretti --- 

quadrèt (quadrèc’), s.m.

quadretto – MO | quadèrni a quadrèc’ = quaderni a quadretti --- 

quàdri, s.m.

seme di quadri nel gioco delle carte --- 

quàdro (quàdri), agg.m.

quadrato --- 

quàdro (quàdri), s.m.

quadro, tela, opera pittorica --- 

quài, agg. indef.

qualche, alcuni, quali| ‘na quài òlta = qualche volta | quài ca tṍ nàzi? = quali preferisci? --- 

quàia (quài), s.f.

quaglia --- 

quàiü (quàiüna), pron. indef.

qualcuno --- 

quàl (quài), pron.

quale | tàl e quàl = tale e quale --- 

quàla (quàli), pron.

quale --- 

quàle --- 

usato solo nell’espressione “mìga ès sǜ la quàle” = non sentirsi troppo bene  --- 

qualùra, cong.

qualora --- 

quànca, avv. e cong.

quando | dìm quànca te vègnet = dimmi quando vieni   --- 

quànch, avv. e cong.

quando | dómàndech quànch ‘l vèe = chiedigli quando viene --- 

quarànta, agg. num.

quaranta --- 

quaranténa (quaranténi), s.f.

quarantina, circa quaranta; quarantena, periodo di isolamento per il pericolo di contagio – TO --- 

quarantèna (quarantèni), s.f.

quarantina, circa quaranta; quarantena, periodo di isolamento per il pericolo di contagio – MO --- 

quarantìi, s.m.

prodotto agricolo che matura in quaranta giorni (patate) --- 

quarantòt, s.m.

quarantotto, confusione, subbuglio, pandemonio --- 

Quarantùri, s.f.

Quarantore (nella liturgia cattolica) --- 

Quarésma (Quarésmi), s.f.

Quaresima --- 

quàrt, agg. e s.m.

quarto; la quarta parte, un quarto --- 

quàrta (quàrti), agg.f.

quarta --- 

quàrta (quàrti), s.f.

misura di lunghezza corrispondente alla distanza tra il pollice e l’indice della mano aperta (vedi “spànda”) | l’è gnǜt giò ‘na quàrta de nìif = è caduta un spanna di neve --- 

quartìi, s.m.

quarta parte di litro  | ‘n quartìi de vìi = un boccale di vino da un quarto di litro --- 

quartirṍl, s.m.

detto di fieno tardivo, quarto taglio del fieno, tipo di formaggio della val  Taleggio --- 

quaśi-seràat, agg.

socchiuso, semi aperto --- 

quaśi, avv.

circa, quasi | l’è quaśi marǜt = è quasi maturo --- 

quàt, agg.

quatto --- 

quatà gió, v. tr.

coprire con le coperte, tumulare --- 

quatà ià, v. tr.

insabbiare, mettere a tacere --- 

quatà sǜ, v. tr.

avvolgere, mettere il coperchio --- 

quatàa, v. tr.

coprire, nascondere, occultare --- 

quatàs gió v. rifl.

coprirsi con le coperte --- 

quatàs sǜ, v. rifl.

coprirsi con indumenti --- 

quatòrdes, agg. num.

quattordici  --- 

quàtro, agg. num.

quattro --- 

quatrṓc’, s.m.

quattrocchi, persona che porta gli occhiali (scherzoso)  --- 

quièt, agg.m.

quieto, fermo  --- 

quièta (quiéti), agg.f.

quieta, ferma – TO --- 

quièta (quièti), agg.f.

quieta, ferma – MO --- 

quìndes, agg. num.

quindici --- 

quintàl (quintài), s.m.

quintale --- 

quistiù, s.f.

questione, problema; contrasto divergenza di opinioni --- 

quistiunàa, v. intr.

questionare, discutere in modo secco e deciso --- 

ràar, agg.m.

raro --- 

ràas, agg.m.

raso, pieno, sfinito | ‘n cavàgn ràas de sciarési = un cesto pieno di ciliegie | sòo viàat scià ràas, n’óo ràas li bàli (sono sfinito, ne ho piene le palle) --- 

ràas, s.m.       --- 

una gerla piena | ’n ràas de fèe = un carico di fieno | ‘n ràas de fòi = una grossa gerla (“campac’ “) di foglie --- 

rabàrber, s.m.  --- 

rabarbaro --- 

ràbbia, s.f.

rabbia | vès en ràbbia = essere atrrabbiati con qualcuno --- 

rabbióos, agg.m.

rabbioso --- 

raca (rachi), s.f.  --- 

elemento dei filari delle vigne; si tratta di un filo di ferro (o di tralci di viti legati tra loro) che viene teso una quarantina di centimetri sotto la pertica e dove si legano i tralci destinati a produrre uva | fàa su la raca --- 

rachìtech, agg.m.

rachitico --- 

racòla, racòlàda (racòli), s.f.

pretesto, scusa, chiacchiera | tira ca scià  racòli = non accampare scuse --- 

radìis, s.f.

radice --- 

ràfa, s.f.

raffa, nell’espressione ó de rìfa ó de ràfa = o di riffa o di raffa, per amore o per forza --- 

ragiugnéer, s.m.  --- 

ragioniere  --- 

ragiunàa, v. intr.

ragionare --- 

ragiunamèet, s.m.

ragionamento --- 

ràgn, s.m.

ragno | l’è cóma töö fò ‘n ràgn dal böc’ = è come togliere un ragno dal buco, cosa di difficile soluzione --- 

ragnìna (ragnìni), s.f.

ragnatela --- 

rài, s.m.

raglio  --- 

raiàa, v. intr.

ragliare | l’asen ‘l ràia = l’asino raglia  --- 

ràisc’, agg.m.

rancido, stantio  --- 

ràiten, s.m.

operazione fatta per stringere una legatura fatta con il filo di ferro, si mette un chiodo tra la legatura e la cosa da legare e si fa girare il chiodo, finché il filo di ferro si tende al massimo --- 

ràm, s.m.

ramo, rame --- 

raméngo, s.m.

solo nell’espressione ‘ndàa a ramengo = andare in rovina --- 

ramignàga, s.f.

rete metallica; sinonimo di “réet” --- 

ràmpa (rampi), s.f.

rampa --- 

rampàa, v.intr.

arrampicare| rampàa sǜ par ‘na rìva = salire su per un pendio --- 

rampègàa, v. intr.

arrampicare | rampègas sǜ en de’n pirèer = arrampicarsi su un pero --- 

rampègada, s.f.

arrampicata --- 

rampìghìi, s.m.

arrampicatore --- 

rampìi, s.m.

gancio, uncino --- 

rampógn, s.m.

rattoppo fatto alla buona; anche di persona dal fisico piccolo e sgraziato | l’è iscé ‘n rampógn = è sgraziato --- 

rampógnàa, v. tr.

rattoppare alla buona --- 

rampognàda (rampognàdi), s.m.

rattoppo malfatto | l’a fàc’ sǜ ‘na rampognàda =ha fatto un rammendo grossolano --- 

ràna (ràni), s.f.

rana --- 

randèl (randéi), s.m.

bastone --- 

randèlada (randèladi), s.f.

bastonata --- 

ranegàa, v. intr.    --- 

provare sensazione molto sgradevole di cattivo odore | sé ranega dala spǜzza = si soffoca per la puzza --- 

ranèla (ranéli), s.f.

rondella  – TO --- 

ranèla (ranèli), s.f.

rondella  – MO --- 

rànfech, s.m.

crampo, contrazione muscolare  | vìch te ‘l rànfech = avere un crampo  (vedi “gàaf”) --- 

rangiàa fó, v. tr.

ristrutturare la casa --- 

rangiàa, v. tr.

arrangiare, aggiustare, sistemare  = rangiàa i cünc’ = sistemare i conti | rangiàa i cavèi = pettinarsi --- 

rangiàs, v. intr.

arrangiarsi --- 

rangotàm, s.m.

individuo rozzo e goffo --- 

ranù, s.m.

si usa solo nell’espressione “ ‘ndàa a ranù” = gattonare --- 

ranzài, s.m.

ritagli di carne --- 

raòsola (raósoli), s.f.

buca abbastanza profonda scavata per introdurre concime a nutrimento delle viti – TO --- 

raòsola (raòsoli), s.f.

buca abbastanza profonda scavata per introdurre concime a nutrimento delle viti – MO --- 

rapotàda, agg.f.

cosa tenuta assieme in malo modo senza arte né parte --- 

(vedi "rampógnàda”) --- 

ràs-c’, s.m.

tridente (attrezzo usato per spostare erba, stallatico…) --- 

ras-ciàda (ras-ciàdi), s.f --- 

colpo di tridente | ‘na ras-ciàda = un colpo di tridente | ‘na ras-ciàda de  gràśa = il letame che sta sui denti del “ràs-c’  --- 

raśa, s.f. e agg.f.

resina delle conifere, carico di materiale contenuto in una gerla o in un “campàc’ ” (grossa gerla),  piena | ‘na brènta raśa de vìi = una brenta piena di vino fino all’orlo  --- 

raśàa, v.tr.

rasare, tagliare in modo uniforme --- 

raśàat, agg.m.

rasato, tagliato bene --- 

raśega (raśeghi), s.f.

sega, segheria | al laòra ‘ndèla sua raśega = lavora nella sua segheria --- 

raśegàa, v. tr.

segare| ‘na màchena da raśegàa li bóri = una macchina per segare i tronchi --- 

raśegadǜsc’, s.f.

segatura --- 

raśegòt, s.m.

 segantino, operaio addetto alla segheria --- 

rasèl, s.m.

grembiule tirato in alto e tenuto con una mano per contenere cose | rastèla bée ca 'l ve sǜ amó 'n rasèl de fée = rastrella bene che raccogli ancora un pò di fieno --- 

rasèna, s.f.

carico portato con il campàc’  (vedi “raśa”)| ‘na rasèna de patǜsc’ = un campàc’  pieno fino all’orlo di strame --- 

raśìa, s.f --- 

voglia sfrenata | al me vée la raśìa = mi viene la voglia --- 

raśighìi, s.m.

seghetto --- 

raśóor, s.m.

rasoio --- 

ràspa, s.f.                   --- 

raspa, arnese usato per la rifinitura dei legnami, spatola per grattare i formaggi nella casera --- 

raspàa, v. tr.

raspare, ripulire grattando con una raspa | la fàm l’à ghe batèva, l’à raspàat sǜ tǜt = la fame era tanta, ha ripulito il piatto | raspàa giò ‘l tàrai, raspàa sǜ li crósti dèla pulènta = ripulire il mestolo, le croste del paiolo  della polenta | raspàa gió i òss = mangiare tutta la carne vicino all’osso (quando si ammazza il maiale si fanno bollire gli ossi ripuliti, grossolanamente, dalla carne con cui si fanno gli insaccati | raspàa scià = radunare, ammassare --- 

raspadǜsc’, s.m.

rimasuglio --- 

raspighìi, s.m.

irritazione alla gola | ghó gió ‘n raspìi ‘ndèla góla,  saró pó réet a ciapàa la ’nfrüènza = ho la gola irritata, sto covando l’influenza --- 

raspìi, s.m.

piccola raspa  --- 

raspòl (raspòi), s.m.

tutolo, l'interno legnoso della pannocchia del granoturco dove sono attaccati i grani --- 

rastèl (rastéi), s.m.

rastrello, attrezzo in legno con denti in ferro o in legno per pulire il terreno, raccogliere il fieno,  lo strame … | i soldi ai vée ca scià col rastèl = non è facile procurarsi denaro – TO --- 

rastèl (rastèi), s.m.

rastrello – MO --- 

rastèlàa, v. tr.

rastrellare | rastelàa scià tuti li órbèdi = raccogliere bene il fieno anche nei piccoli terreni erbosi, come quelli vicino alle vigne --- 

rasteladǜsc’, s.m.

piccola quantità di fieno rastrellato  (vedi “rüspa”) --- 

rastèlèt, s.m.

rastrelliera, attaccapanni a muro di solito in legno --- 

ràt (ràc’), s.m.

topo | l’è  cóma òl ràt ‘ndèla stùpa = è in una situazione difficile  --- 

ratàda (ratàdi), s.f.

una cosa fatta male --- 

ratatǜia, s.f.

cianfrusaglia, ammasso, oggetti di rifiuto --- 

ratèra, s.f.

armadio con rete per formaggi in cantina per evitare che lo mangino --- 

ratulìi, s.m.

topolino | pòor ratulìi! = povero piccolo! --- 

ràva (ràvi), s.f.

rapa | cünta sǜ la ràva e la fàva = ciarlare, dilungarsi nei particolari --- 

ravanàa, v.tr.

rovistare, palpeggiare --- 

ravanèl (ravanéi), s.m.

rapanello – TO | ravanéi, remolàz, tréi palànchi al màz….( versi di una canzoncina popolare) --- 

ravanèl (ravanèi), s.m.

rapanello – MO | ravanèi, remolàz, trèi palànchi al màz….( versi di una canzoncina popolare) --- 

ravìscia, s.f.

pianta della rapa bianca --- 

ràza (ràzi), s.f.

razza  | cùnic’ de ràza gròsa = coniglio di razza grossa | chè raza! = altro che! --- 

razàa, v. intr.

riprodursi riferito agli animali --- 

rèbaltàa, v. tr.

ribaltare --- 

rebaltàs, v. rifl.  --- 

ribaltarsi --- 

rèbaltù, s.m.

contraccolpo, rimbalzo | gh’ò ciapàat ‘n rèbaltù e sòo ‘ndàc’ gió ‘n réet | ho preso un contraccolpo  sono caduto all’indietro) --- 

rebandèl (rebandéi), s.m.

giro su se stesso, capitombolo, rotolone; rotolarsi più volte su se stesso, andare a rotoli – TO | la se scapüsciada e l’è ‘ndacia a rebandéi = si è inciampata ed è andata a rotoli --- 

rebandèl (rebandèi), s.m.

giro su se stesso, capitombolo, rotolone; rotolarsi più volte su se stesso, andare a rotoli – MO | la se scapüsciada e l’è ‘ndacia a rebandéi = si è inciampata ed è andata a rotoli --- 

rèbatìi, s.m.

ribattino, rivetto --- 

rèbatù, s.m.

 solleone, raggi dannosi del sole | sta ca ilò sóta al rebatù dèl sùul = non stare sotto il sole cocente --- 

rèbatǜüt, agg.m.  --- 

ribattuto | l’è  cóma ‘n ciot rèbatǜt = è testardo (detto anche di persona ignorante)    --- 

rebelòt, s.m.

confusione, disordine, pandemonio, trambusto  |  l’à piantàat sǜ ‘n rebelòt = ha suscitato un pandemonio --- 

rebṍc’, s.m.

trachea ,usato nell’espressione “ndàa dal rebṍc’”  = cibo andato di traverso --- 

rebómbàa, v.tr.

rimbombare --- 

rebucàa, v. tr.

intonacare con malta un muro --- 

rebucàda (rebucàdi), s.f.

intonacatura | ghó dàc’ gió ‘na rebucàda =ho dato l’intonaco --- 

rebǜt, s.m.

germoglio che rispunta successivamente; pascolo ricresciuto dove le mucche hanno già pascolato  --- 

rèbütàa, v. tr.

germogliare di nuovo | i garsṍi i’era  gelàac’ dala brìna, adès i’è réet a rebǜtàa = i germogli ero gelati per la brina, ora stanno rispuntando  | gh‘ò mès i tartìfoi gió ‘ndèl niòlt, al scǜür, iscié i’è ca rebǜtac’  | ho messo le patate in cantina, al buio, cosi non sono germogliate --- 

rècàa, v. tr.

vomitare --- 

rècadusc’, s.m.

vomito --- 

recalcàat, s.m --- 

individuo tracagnotto --- 

rècalcàda, s.f.

contraccolpo --- 

recaòlt, s.m.

curva o deviazione su sentiero o mulattiera dovuta a un impedimento (frana, smottamento, alberi caduti sul sentiero) --- 

rèclam, s.m.

reclamo, contestazione --- 

rèclamàa, v. tr.  --- 

reclamare, protestare --- 

rècognós, v. tr.  --- 

riconoscere, ammettere | rècognósi da vìi sbagliàat = riconosco il mio sbaglio --- 

rédàa, v. tr.  --- 

rendere, durare | chèst àn l’ ǜa l’è rédàda = quest’anno la vendemmia è stata buona | ‘ncṍö ‘l me réda òl laoràa = oggi lavoro con profitto | fàla rédàa  = falla durare --- 

redégn, s.m.

redini, finimento per equini --- 

rèdès, s.m.

bambino  --- 

reditàa, v.tr.

ereditare | l’ha reditàat tǜt lèe =  eredita tutto lei --- 

redondèl, s.m.

spessore per le vite o per i chiodi (vedi “ranèla”) --- 

redónt, agg.m.

rotondo --- 

rèdòs, s.m.

ridosso; al riparo | chèl fighèer a rèdòs dèla cà = quel fico a ridosso  della casa --- 

réet, s.f.

rete, appresso (dietro) | la cintàat còla réet zingàda = ha recintato con la rete zincata; tö sǜ réet òl gèrlo = portati appresso la gerla; si usa anche nell’espressione “l’è réet a fàa ….” = sta facendo; a volte assume significato di spostamento all'indietro | sòo dàc' giò en réet = sono caduto all'indietro --- 

rèf, s.m.

filo per cucire | ‘n carèl (carilìi) de rèf = un rocchetto di filo | te sée ‘n réet ‘n càr de rèf = sei molto indietro, non sei aggiornato --- 

refeziù, s.f.

refezione --- 

refilàa, v.tr.

rifilare (vedi “rifilàa”) --- 

refondàa, v.tr.

sistemare i pali nella vigna conficcandoli bene nella terra (vedi “empalaià”) --- 

refrǜc’, s.m.

rifiuti --- 

rèfudàa, v. tr.  --- 

rifiutare --- 

regàal (regàai), s.m.

regalo --- 

regalàa, v. tr.  --- 

regalare, donare --- 

regàta, avv.

a più non posso, prestissimo, vicinissimo, immediatamente | m’à fàc’ a régàta = ce lo siamo rubato dalle mani | a régàta d’àcqua = immediatamente prima della pioggia ( “chi pöl pü“ è un sinonimo; fàa a chi pöl pü = fare a più non  posso)  --- 

regìna, s.f.

regina --- 

regióor, s.m.

anziano di casa, capofamiglia --- 

regióra (regióri), s.f.

anziana di famiglia, nonna --- 

registràa, v. tr.  --- 

registrare --- 

registrada, s.f.

registrata, regolata | dach ‘na registràda = dare una regolata, mettere in riga --- 

regìstro (regìstri), s.m.

registro --- 

régola (régoli), s.f.

regola | mi sóo ‘n régola = sono a posto con la legge | a régola  = a rigore di logica – TO --- 

règola (règoli), s.f.

regola | mi sòo ‘n règola = sono a posto con la legge | a règola  = a rigore di logica – MO --- 

regolàa, v. tr.

regolare; dar da mangiare alle mucche  --- 

regòrd, s.m.

ricordo | de sti àgn, de me regòrd = mi ricordo dei tempi passati --- 

regordàa, v. intr.

ricordare, rammentare --- 

regordàs, v. intr.

ricordarsi | miga regordàs dala bùca al nàas = non ricordare niente | me regòrdi ca pǜ = non mi ricordo più --- 

regrès, s.m.

pertinenza, terreno attorno alle case --- 

reguàrt, s.m.

riguardo, rispetto, deferenza  |  al gh’à ca reguàrt da nügǜü = non ha rispetto per nessuno --- 

remàa scià, v. tr.

raccogliere| rèmàa scià patüsc’ = raccogliere strame nel bosco --- 

remàat, agg.m.

malridotto --- 

remàda, s.f.

batosta, sacco di botte | ‘nóo ‘ciapàat ‘na remàda = le ho prese di santa ragione  --- 

rembambìit, agg.m.

rimbambito, stupido --- 

rembómb, s.m.

rimbombo, eco di scoppio --- 

rembombàa, v. tr.

rimbombare (di uno scoppio, di un tuono, ecc.)   --- 

remèers, s.m.

ricrescita dell’erba in alpeggio (vedi “rebǜt”) --- 

remenàla, v. tr.  --- 

rimestare vecchie questioni | al contìnua a remenàla = continua a insistere | tǜti li ólti al le reména sǜ = ogni volta insiste su quel fatto --- 

rèmolàa, v. intr.  --- 

disgelare del terreno | à la fìi de ginèer al desgèla dapartǜut = a fine gennaio c’è il disgelo dappertutto --- 

remòlaz, s.m.

ramolaccio, tipo di rapa piccante e amarognola --- 

remondàa, v. tr.  --- 

tagliare l’erba che si trova ai bordi dei prati, dopo la falciatura meccanica | ò laoràat a fàa li remóndi = ho tagliato l’erba rimasta ai bordi del prato  --- 

remondadǜra, s.f.

l’operazione di mondatura dell’orto per liberare le verdure dalle erbacce --- 

remondi, s.f.

ciuffi di erba che si trova ai bordi dei prati, dopo la falciatura principale --- 

remòol, s.m.

disgelo  --- 

rencrès, v. intr.

dispiacersi  | ihṍo, s’al me rèncres! = quanto mi dispiace! --- 

rènden (rèndegn), s.m --- 

finimento del cavallo, redini  --- 

rèndes, v. intr.

rendersi, arrendersi | rèndes mó cǜnt!  = renditi conto! --- 

réngàa, v. intr.

incornarsi da parte delle mucche | dói vàchi i réet a réngàa = due mucche si prendono a cornate  --- 

rènt, v. tr.  --- 

rendere | sto sìt al me rènt ca niènt, l’è nóma sàs = (questo terreno non rende niente, son solo sassi | rèndes ca cǜnt = non rendersi conto --- 

rèntàa, v. tr.  --- 

legare gli animali | l’asen l’è rentàat defò dèla porta = l’asino è legato dietro la porta; (centrare un bersaglio) --- 

rèoltàa, v. tr.

rivoltare | reoltàa òl cól dèla camìśa = rivoltare il collo della camicia  --- 

reoltàs, v. rifl.

ribellarsi | am ghèva ca òl coràgio da reoltàs = non avevamo il coraggio di ribellarci | reoltàs ‘ndèl léc’ = rivoltarsi nel letto   --- 

reoplàno, s.m.

aereo --- 

reparàa, v. tr.

riparare --- 

reparàs, v. rifl.

ripararsi | reparàs dal temporàl sóta ‘na tècia = ripararsi dal temporale sotto una tettoia --- 

reportàa, v. tr.  --- 

riportare, ricollocare, fare i conti | m’a rèportàat òl cünt dèl làc’ = abbiamo fatto i conti della pesa del latte e riportato il dare e l’avere (relativo alla pratica di caseificare il latte in società in alpeggio o in contrada) --- 

repulìsti, s.m.

repulisti; spazzare, riordinare --- 

requi, s.f.

requie, riposo, tregua | al trùa ca requi  = non trova riposo, pace --- 

requiàa, v. intr.  --- 

fermarsi a riposare un momento | làghem requiàa ‘n àmen  = lasciami riposare un attimo --- 

réquiem, avv.

preghiera per i defunti | dì sǜ ‘n réquiem par i pòri morc’ = dire un requiem per i poveri morti --- 

rès, s.m.

tordella, uccello simile al tordo --- 

rèsca (réchi), s.f.

lisca di pesce – TO --- 

rèsca (rèchi), s.f.

lisca di pesce – MO --- 

rèscoldàa, v. tr.  --- 

riscaldare --- 

rescoldàat, agg.m.

riscaldato | d’ensìra nóma manèstra rescoldàda = di sera solo minestra riscaldata --- 

resentàa, v. tr.

risciacquare | te l’è càach resentàat òl sadèl dal làc’? = non l’hai ancora risciacquato il secchio del latte? (si tratta del secchio per mungere) --- 

resentàat, agg.m.

risciacquato | ciòch resentàat = ubriaco fradicio --- 

résist, v. intr.

resistere --- 

resistènt, agg.m.

resistente --- 

resolàa, v. tr.

risuolare le scarpe --- 

respèt, s.m.

rispetto, vergogna | al ga respet de tǜc’= ha vergogna di tutti --- 

respìir, s.m.

respiro --- 

respónt, v. intr.

rispondere, opporsi | al respónt sèmpri = si oppone sempre | al gh’à respondǜt sǜbet = gli ha risposto subito --- 

rèst, s.m.

resto --- 

restàa, v. intr.

restare, stupirsi | a sintìi sti róbi mi sòo restàda! = a sentire queste cose mi sono stupita | l’è restàat ‘n réet dal pà e dala màma cal era amò piscèn |  rimasto orfano da piccolo --- 

restàch, v.rifl.

restarci nel senso di morire sul colpo morire sul colpo --- 

restìif, agg.m.

restio --- 

rèsù, s.f.

ragione | al vōl amó vìch rèsù lǜü  = vuole ancora aver ragione lui --- 

rètai, s.m.

ritaglio, frattaglia | con tǜc’ i rètai se fa ité li luganèghi de segónda = con i ritagli del maiale si fanno le salsicce di seconda scelta --- 

rètràa, v. tr.

spostare, maneggiare, adoperare | l’à laorat tǜt òl dì a rètra sàs par fa sǜ ‘na muràca = ha spostato sassi per tutto il giorno per farne un mucchio, si tratta dei sassi tolti dai campi e dalle vigne e ammucchiati ai lati per migliorare la qualità del terreno e per segnare i confini  --- 

reultù (rebaltù), s.m.      --- 

ribaltone, disordine; uomo  che fa le cose di corsa e disordinatamente --- 

réum, s.m.

dolore reumatico alla giunture --- 

rèverdìda, s.f.

contrasto, rivolta, fare il bastian contrario | lüu al me dìs sèmpri chèl c’ó da fàa è mi fòo a reverdida --- 

rìc’, agg.m.

dritto, diritto  (vedi “alrìc’”) --- 

ricadǜda (ricadǜdi), s.f.

ricaduta --- 

ricalcàa, v. tr.

ricalcare  | ricalcàa ‘n disègn = ricalcare un disegno --- 

ricàm, s.m.  --- 

richiamo --- 

ricéf, v. tr.

ricevere --- 

rìcet, s.m.

ricino  |  òli de rìcet = olio di ricino --- 

ricéǜda (ricéǜdi), s.f.

ricevuta --- 

rìcia (rìci), agg.f.

diritta, destra | la màa rìcia e la màa ‘nvèrsa = la mano destra e la mano sinistra --- 

rìfa, s.f.

riffa, nell’espressione “ó de rìfa ó de ràfa” = o di riffa o di raffa --- 

rifàa, v. tr.

rifare --- 

rifilàa, v. tr.  --- 

rifilare | rifilàa li scódesci = rifinire le “scódesci” --- 

riflès, s.m.

riflesso, balenio di luce riflessa (gibigiana in dialetto milanese) --- 

rìga (righi), s.f.

riga, linea | la rìga i’mèz,…di cavéi = scriminatura --- 

rigàa, v. intr.

rigare, usato anche nell’espressione “rigàa rìc’” = comportarsi bene, non sgarrare, far sempre giudizio --- 

rigolàa, v. tr.

accudire il bestiame (vedi “da rìgola” e “da vèrs” – TO) --- 

rìis, s.m.

riso  --- 

rimédi, s.m.

rimedio, riparo; ripiego  |  gh’è pǜ rimédi par nügǜü = non c’è rimedio per nessuno --- 

rimisìù, s.f.

remissione, perdono|’l gh’è ca rimisiù par nughǜu = non c’è perdono per nessuno --- 

rinfaciàa, v. tr.

rinfacciare --- 

ringhéra, s.f --- 

ringhiera, riparo in ferro --- 

ringraziàa, v.tr.

ringraziare --- 

rinoàa, v. tr.

rinnovare, fare di nuovo  |  rinoàa la paténte = rinnovare la patente --- 

rioltèla (rioltèli), s.f.

rivoltella, pistola --- 

ripàar, s.m.

riparo, protezione; argine di un corso d’acqua (vedi “àrgen”) --- 

ripasàa, v.tr.

ripassare --- 

ripét, v. tr.

ripetere, tornare a dire | al ripét sèmpri li stèsi ròbi = ripete sempre le stesse cose --- 

ripiéna, s.f.

ripiena, materiale di scarto sul retro dei muri di sostegno --- 

riquadràa, v.tr.

riquadrare un legno --- 

riquàdro, s.m.

riquadro --- 

ris-ciàa, v. tr. e intr.

rischiare, arrischiare, tentare correndo un rischio --- 

ris-ciàs, v. rifl.

arrischiarsi, esporsi  |  me rìs-ci mìga = non mi fido, non oso --- 

rìs-cio (rìs-ci), s. m.  --- 

rischio, tentativo, azzardo --- 

ris-cióos, agg.m.

rischioso, azzardato, pericoloso --- 

ris-ciósa (ris-ciósi), agg.f.

rischiosa, azzardata, pericolosa --- 

risc’, s.m.

riccio della castagna; piccolo mammifero insettivoro con il dorso ricoperto di aculei; acciottolato | quànca se càrga mùut ‘n Val de Tógn se  pàśa  sǜ par òl rìsc’ de Scarpatéc’  = quando si fa la transumanza verso l’alpeggio della Val di Togno si attraversa Sondrio passando sull’acciottolato si Scarpatetti --- 

risciàa, v. tr.

acciottolare, coprire di ciottoli una piazza, una via --- 

risciàda (risciàdi), s.f.

acciottolato, selciato, pavimentazione stradale con ciottoli --- 

riscuntràa, v. tr.

riscontrare, rispondere  a una lettera --- 

risìna, s.f.

riso di seconda scelta, veniva utilizzato come mangime per le galline  --- 

risinìi, s.m.

tutolo, interno della pannocchia di mais dove sono attaccati i grani --- 

rìsma, s.f.

compagnia, combriccola --- 

risölàa, v.tr.

risuolare  --- 

risòt, s.m.

risotto; confusione --- 

rispàrmi, s.m.

risparmio --- 

risparmiàa, v. tr. e intr.  --- 

risparmiare; fare economia --- 

rispetóos, agg.m.

rispettoso, bene educato; timido, pieno di soggezione --- 

rispetósa (rispetósi), agg.f.

rispettosa, bene educata; timida, piena di soggezione --- 

rispòsta (rispósti), s.f.

risposta; messaggio – TO |  al fà li rispósti = riferisce i messaggi --- 

rispòsta (rispòsti), s.f.

risposta; messaggio – MO | ò da fàt dói rispòsti = devo riferirti due messaggi --- 

ritràt (ritràc’), s.m.

ritratto --- 

riva (rivi), s.f --- 

pendio (vedi “pendegia”) --- 

rivangàa, v.tr --- 

rivangare rogne --- 

rivedès, inter.

arrivederci --- 

riverènsa, s.f.

reverenza --- 

rivìna (rivìni), s.f.

rovina, frana --- 

rivinàa, v. tr.

rovinare, mandare in rovina, guastare --- 

rìz, sm.

ricciolo | al gh’à sǜ i rìz = ha i riccioli --- 

rizàa, v. tr. e intr.

legare i tralci della vite alla pertica e alla “ràca” nella coltivazione della vigna --- 

rizèta (rizéti), s.f.

ricetta, prescrizione medica – TO --- 

rizèta (rizèti), s.f.

ricetta, prescrizione medica – MO --- 

rizzól (rizóla), agg. s.m.

riccioluto, riccioluta, ricciolo --- 

rizzulìi, agg.m.

diminutivo di “rizól” --- 

rizzulù, agg.m.

accrescitivo di “rizól” --- 

ròba (ròbi), s.f.

roba, cosa; patrimonio, averi; prodotto, manufatti | ròbi da màt = cose da pazzi | ròba da ciòt = cosa assurda | al gh’à tàata ròba = è ricco | ròba salàda = salumi in genere     --- 

robàa, v. tr.

rubare  |  cóma ò da fàa a fàa ròba: ròba! = nella valle dell’eco se chiedi: come faccio a fare “ròba”, l’eco risponde: “ròbàa”! --- 

robamazèt, s.m.

ruba mazzetto, tipo di gioco delle carte --- 

rochèt (rochéc’), s.m.

rocchetto per filo --- 

rṍda (rṍdi), s.f.

ruota  | ‘ndàa a rṍda = approfittare della generosità altrui  | ùisc’ li rṍdi = corrompere qualcuno con regalie  | l’ǜltima rṍda dèl càr = individuo che non gode di nessuna considerazione  --- 

rödàna (rödàni), s.f.

solco lasciato da una ruota sul terreno molle, fangoso o innevato --- 

ròdegàa, v. tr.

rastrellare il prato in primavera per sollevare i resti del letame messo in autunno  --- 

rödèla (rödéli), s.f.

rotella -  TO  |  ‘ndàa a rödéli = andare a rotoli --- 

rödèla (rödèli), s.f.

rotella -  MO  |  ‘ndàa a rödèla = andare a rotoli --- 

róeda (róedi), s.f.

pianta di rovo| al vèe sù nóma róedi 'nde sto bósch = crescono solo rovi in questo bosco --- 

róedèer, s.m.

roveto --- 

röèra, s.m.

ammasso, accozzaglia di cose, cianfrusaglie alla rinfusa (vedi “rüéra”) --- 

rogaziù, s.f.

rogazioni, processioni che si svolgevano in primavera, dopo Pasqua, in campagna per propiziare un buon raccolto --- 

rógia (rógi), s.f.

roggia, canale artificiale di modesta portata utilizzato per irrigazione e per alimentare i mulini ad acqua   --- 

rógiàl (rógiài), s.m.

diminutivo di “rógia” --- 

rógna (rógni), s.f.

litigio; rogna, scabbia; rogna, guaio, affare intricato| chili dói i’è sèmpri ‘n rógna = quelle due sono sempre in rissa  --- 

rógna (rógni), s.f.

pollone, virgulto, tralcio non fruttifero che nasce sulla vite | ò laoràat a fà gió li rógni = ho tolto i ramoscelli inutili dalla vite (spollonatura)  --- 

rógnàa, v. intr.

litigare --- 

rognàla, v. pron.

infastidire, provocare | l’é sèmpre réet a rognàla  = continua a stuzzicare, provocare --- 

rógnólàa, v. intr.

brontolare, lamentarsi --- 

ròla, s.f.

svogliatezza, noia, mollezza, indolenza (vedi “póiàn”) --- 

rómp, v. tr.

rompere --- 

roncàa, v. tr.

dissodare in profondità un terreno per renderlo adatto a particolari culture --- 

róndena (róndeni), s.f.

rondine --- 

rónfàa, v. intr.

russare, sinonimo di “sciorgnàa” --- 

ronzàa, v.tr.

ronzare --- 

ròp, s.m.

coso, cosa, oggetto generico; (i sóo ròp = mestruazioni) --- 

rós, agg.m.

rosso  |  ‘l rós de l’ṍöf = il tuorlo --- 

rósa (róśi), agg.f.

rossa --- 

rṍsa (rṍsi), s.f.

rosa (fiore) --- 

ròśa, s.f.

rosa (colore) --- 

rośàda (rośàdi), s.f.

rugiada --- 

rośàri, s.m.

rosario  (vedi “cùruna”)  | di sǜ ‘l rósàri = recitare il rosario --- 

ròscia, s.f.

folla, moltitudine di persone o di animali  |  ‘na ròscia de rèdès = una moltitudine di bambini --- 

rośegàa, v. tr.

rosicchiare, sgranocchiare --- 

rosmarìi, s.m.

rosmarino (vedi ”güsmarìi”) --- 

rosnàa, v. tr.

piovigginare --- 

rṍsöa, s.f.

piccola quantità di fieno rastrellato nel prato e raccolto mediante i denti  del rastrello   (vedi “rüspa”) --- 

rṍsöiàa, v.tr.

rosicchiare (usato anche rüsiàa) --- 

róśola, s.f.                        --- 

uva rossola (è un tipo di vitigno)   --- 

rosòli, s.m.

rosolio --- 

ròst, s.m.

arrosto  | gràs de ròst = persona indisponente --- 

rót, agg.m.

rotto --- 

róta (róti), agg.f.

rotta --- 

róta, s.f. fig.

usato solo nell’espressione “a róta de còl” = velocissimamente --- 

rótàm, s.m.

rottame --- 

rótamàt, s.m.

robivecchi, commerciante di rottami --- 

rotèch, agg.m.

definisce l’odore acre, disgustoso, nauseabondo, di uno che si lava poco; asfissiante come l’odore di muffa (vedi “stantìif”) --- 

rótsàch, s.m.

zaino, sacco da montagna --- 

ruàa, v. intr.

arrivare, giungere --- 

ruàch, v. intr.

riuscire in un intento  | ghe sóo ruàat = ci sono riuscito --- 

rübìi, s.m.

robinia --- 

rùca, s.f.

rocca, serviva per filare la lana: era costituita da un semplice bastone lungo come un manico di scopa, ma più sottile e terminante a forcella, dove si  metteva una manciata di lana da filare |  iè stàc’ tǜc’  filàat gió dala stèśa rùca = sono stati filati con la stessa rocca, sono tutti uguali --- 

rucàda (rucàdi), s.f.

manciata di lana posta sulla rocca per essere filata --- 

rüdù, s.m.

grossa ruota; persona che approfitta della generosità altrui --- 

rüéra, s.f.

ammasso disordinato; luogo dove si radunano alla rinfusa rifiuti e cianfrusaglie di ogni genere (vedi “röèra”) --- 

rüfiàa, s.m.

spia, delatore  --- 

rüfianàa, v. intr.

spiare e riferire --- 

rüfianàda (rüfianàdi), s.f.

spiata e delazione --- 

rügàa, v. intr.  --- 

rovistare, rimestare, frugare in un cassetto o in un mucchio di cose varie; indispettire, molestare, seccare, provocare  |  rǜghela mìga = non mi rompere le scatole!  (vedi “sgariàa”) --- 

rügàda (rügàdi), s.f.

lavoretto da nulla, un po’ noioso eseguito senza particolare fatica o impegno --- 

rügamèet, s.m.

disturbo intestinale  | gh’ò ‘n rügamèet de vètro = ho un disturbo intestinale --- 

rügamèrda, s.m.

scarabeo, persona pettegola --- 

rǜgen, s.f.

ruggine --- 

rügenèet (rügenéc’), agg.m.

arrugginito – TO --- 

rügenèet (rügenèc’), agg.m.

arrugginito – MO --- 

rügenèta (rügenéti), agg.f.

arrugginita – TO --- 

rügenèta (rügenèti), agg.f.

arrugginita – MO --- 

rugiù, s.m.

accrescitivo di “rógia” --- 

rugnù, s.m.

rene, rognone (in macelleria) --- 

rùgól, s.m.

quercia, rovere --- 

rümmiàa, v. intr.

ruminare | li vachi li rümmìa tǜta la noc’ bütadi gió ‘tè ‘i la masù  = le mucche ruminano tutta notte sdraiate in stalla --- 

rümóor, s.m.

rumore --- 

rǜsca, s.f.

corteccia | fà gió la rǜsca dèla bóra = togliere la corteccia del tronco tagliato --- 

rüscàa, v. intr.

lavorare con molta fatica per guadagnarsi  da vivere --- 

rüscadóor, s.m.

gran lavoratore, sgobbone --- 

Rǜsia, s.f.  --- 

Russia --- 

rusìsc’, agg.m.

rossastro --- 

rusìscia (rusìsci), agg.f.

rossastra --- 

rusnìsc’, s.m.

ragazzetto miserello tenuto in poca considerazione; tipo di pioggia leggera |  al rusnìscia = pioviggina  --- 

rüspà sǜ, v. tr.

asportare |  rüspàa sǜ ‘l piàt = mangiare tutto il contenuto del piatto --- 

rüspa, s.f.  --- 

residuo di fieno, che resta sul prato, dopo averlo raccolto con la forca e che viene racimolato con il rastrello per lasciare il prato pulito; escavatore (vedi “pàchera”) --- 

rüspàa, v. tr.

raspare, ripulire grattando con un cucchiaio per asportare il residuo di cibo rimasto nel piatto o in una pentola  |  rüspàa gió i òs = mangiare la poca carne rimasta attaccata alle ossa --- 

rǜstech, s.m.

rustico, parte della casa o costruzione isolata adibita a stalla e fienile --- 

rustì gió, v. tr.

versare un soffritto di burro e cipolle sulla pasta, sui maccheroni o altri primi piatti (rustì giò la pulènta gió solèer) --- 

rustignìi, s.m.

arrosto ( specie di uccellini) --- 

rustìi, v. tr.

arrostire --- 

rüsümàda, s. f.  --- 

uovo sbattuto con l’aggiunta di zucchero e vino o birra  --- 

rutìda, s.f.

rutto --- 

rutulù, avv.

usato solo nell’espressione “’ndàa a rutulù” = andare a rotoloni, rotolare --- 

rùuch, s.m.

terreno dissodato in profondità e adattato alla coltivazione della vite --- 

rǜut, s.m.

spazzatura, sudiciume, immondizia --- 

rǜz, s.m.

nel gioco delle biglie è un rettangolo, largo 4 o 5 centimetri e lungo 30 o più centimetri, dove ogni giocatore mette una biglia  --- 

(vedi “gióch de li cìchi”) --- 

rüzàa sǜ, v. tr.

rimproverare aspramente --- 

s-cervelàs, v. rifl.

scervellarsi --- 

s-cès, s.m.

voglia, desiderio --- 

s-cèt, s.m.

figlio, ragazzo  --- 

s-cèta (s-céti), s.f.

figlia, ragazza – TO --- 

s-cèta (s-cèti), s.f.  --- 

figlia, ragazza – MO --- 

s-ciàf, s.m.

schiaffo --- 

s-ciafàa sǜ, v. tr.

schiaffeggiare --- 

s-ciafù, s.m.

schiaffone --- 

s-ciào, inter.

espressione di rassegnazione e di pazienza  --- 

s-ciarìda (s-cia-rìdi), s.f.

schiarita (con riferimento  al tempo) --- 

s-ciarìi, v. intr.

schiarire, albeggiare --- 

s-ciarìs, v. rifl.

schiarirsi, rasserenarsi --- 

s-ciatǜsc’, s.m.

bambino, ragazzo --- 

s-cinquantàla, v. intr.

discutere animosamente e cavillosamente --- 

s-cións, agg.m.

afoso | l'è s-cións, l'ölarà pó dà scià 'n temporàal = è afoso, arriverà un temporale --- 

s-ciòp, s.m.

schioppo, fucile --- 

s-ciopàa, v. intr.

scoppiare, esplodere, morire --- 

s-ciopèt (s-ciopec’), s.m.

fucile giocattolo; piccolo scoppio; fiore di silene (“cornagìi”) è un calice pendulo di forma cilindrica che se schiacciato di colpo su una mano produce un piccolo scoppio  --- 

s-ciopetàa, v. intr.

scoppiettare tipico della legna che arde --- 

s-ciopetàda (s-ciopetàdi), s.f.

schioppettata, fucilata --- 

s-citìna (s-citìna), s.f.

ragazzina --- 

sa, avv.

quanto, come (nelle frasi esclamative), se  |  sa te stǜfet! = quanto stufi!; sa l’è brǜt! = quanto è brutto! | sa te vée = se vai --- 

sàa, agg.m.

sano --- 

sàal, s.f.

sale  |  sàal fina, sàal gròśa = sale fino, sale grosso  --- 

sàbbia, s.f.  --- 

sabbia --- 

sabbiù, s.m.

sabbia grossa --- 

sàbet, s.m. sing.

sabato --- 

sàc’, agg.m.

tenace al morso, difficile da incidere; anche anziano molto vigoroso --- 

sàch, s.m.

sacco, anche la bricolla che portavano i contrabbandieri  |  ‘n tant al sàch = fatto in modo impreciso | ès gió en de’n sàch = essere  un po’ tonto --- 

sachèl (sachéi), s.m.

piccolo sacco –TO --- 

sachèl (sachèi), s.m.

piccolo sacco – MO --- 

sachèla (sachéli), s.f.

bisaccia – TO  |  piccolo sacco che si legava in vita e che si adoperava, per porre le mele o altro, quando si saliva su una scala per fare la raccolta   (vedi “sacògia”)   --- 

sachèla (sachèli), s.f.

bisaccia – MO  --- 

sachilìi, s.m.

sacchettino --- 

sàcia (saci), agg.f.

tenace al morso, difficile da incidere; anche donna molto resistente alle fatiche --- 

sacòcia (sacòci), s.f.

tasca  |  al sa gnàa quàt ca al ghe na gió ‘n sacòcia = non sa neanche quanti soldi ha in tasca   (vedi “scarsèla”) --- 

sacògia (sacògi), s.f.

saccoccia, sacca che si lega a mezza vita usata per metterci ciò che si sta raccogliendo a mano, come noci, castagne, ecc.  (vedi “sachèla”) --- 

sacòtol (sacòtoi), s.f.

saccoccia, sacco piccolo che si lega a mezza vita usata per metterci ciò che si sta raccogliendo a mano, come noci, castagne, ecc. – MO --- 

sacramentàa, v. intr.

imprecare, bestemmiare --- 

sacramènto, inter.

esclamazione di stizza – MO --- 

sacraméntu, inter.

esclamazione di stizza – TO  (usato anche sacraméntuli) --- 

sacràri, s.m.

sacrario, luogo dove si conservano cose sacre --- 

sacrificàa, v.tr.

sacrificare --- 

sacrificàat, agg.m.

sacrificato, impedito, limitato nei movimenti --- 

sacrifìzi, s.m.

sacrificio --- 

sacrìsta, s.m.

sagrestano --- 

sacrosànt, s.m. e agg.m.

sacrosanto, inviolabile, certo --- 

sadàa, v.intr.

ansimare, respirare con difficoltà |‘l me càa ‘l sàda dal còlt = il mio cane respira a fatica per il caldo --- 

sadèl (sadéi), s.m.

secchio – TO  |  sadéi dal làc’ = secchi per il latte --- 

sadèl (sadèi), s.m.

secchio – MO  |  sadèi dal làc’ = secchi per il latte --- 

sadèla (sadéli), s.f.

secchia – TO  |  Secchia di rame stagnato che serviva per andare alla fontana a prendere l’acqua --- 

sadèla (sadèli), s.f.

secchia – MO  |  Secchia di rame stagnato che serviva per andare alla fontana a prendere l’acqua --- 

sadilìi, s.m.

piccolo secchio --- 

saèta (saéti), s.f.

saetta – TO --- 

saèta (saèti), s.f.

saetta – MO --- 

sagiàa, v. tr.

assaggiare --- 

sagìna, s.f.

sorghum vulgare, erbe secche che si usano per fare le scope --- 

sàgoma (sàgomi), s.f.

sagoma, modello; persona bizzarra --- 

sagràat, s.m.  --- 

sagrato della chiesa --- 

sagrestàa, s.m.

sacrestano --- 

saiòt (saiòc’), s.m.

cavalletta --- 

salàa, v. tr.

salare --- 

salàat, agg.m.

salato --- 

saladǜra, s.f.

salatura --- 

salagiù, s.f.

salatura delle carni --- 

salàm, s.m.

salame --- 

salamàndra, s.f.

salamandra --- 

salamòia, s.f.

salamoia --- 

salàs, s.m.

salasso, prelievo di sangue --- 

salasàa, v. tr.

salassare --- 

salasàda (salasàdi), s.f.

salasso, grossa perdita  |  gh’ò ciapàat ‘na salasàda = ho subito una grossa perdita o una pesante sconfitta --- 

saldàa, v. tr.

saldare --- 

salèer, s.m.

borsa contenete il sale per gli animali --- 

salìi, s.m.

saliera --- 

salìva, s.f.

saliva (sin. spǜda) --- 

salmàstro, agg.m.

salmastro, che sa di sale --- 

salmì, s.m.

salmì, piatto a base di carne di selvaggina con vino e verdura --- 

sàlt, s.m.

salto, breve visita --- 

saltàa, v. tr. e intr.  --- 

saltare, spiccare un salto; tralasciare, omettere; guastarsi, bloccarsi  |  òl càa al völ saltàa adós = il cane vuole aggredire; saltàa per ària = scoppiare,  sobbalzare --- 

saltàat, agg.m.

saltato  |  l’è saltàat la lǜüs = è andata via la corrente; ò saltàat  ‘n tùrno = ho saltato un turno   --- 

saltàda (saltàdi), agg.f.

saltata --- 

saltàfó, v. intr.

uscire, comparire improvvisamente – TO --- 

saltàfò, v. intr.

uscire, comparire improvvisamente – MO  --- 

saltàgió, v. intr.

saltare verso il basso --- 

saltàià, v. intr.     --- 

schizzare, staccarsi   |  al me saltàat ià ‘n butù = mi si è staccato un bottone |  sltaià la rógia = salta il ruscello  --- 

saltasǜ,  s.m --- 

dolce di Carnevale, fatto con farina, uova, lievito ed un poco di latte, e poi fritto a cucchiaiate in olio bollente, asciugare e cospargere di zucchero --- 

saltàsǜ, v. intr.

salire, montare, salta sopra | saltasü ‘n dèl càr ca ‘n và = salta sul carro che andiamo --- 

salǜc’, s.m. pl.

saluti  |  si usa nell’espressione: te pòrti i salǜc’ den tò amìis = ti porto i saluti di un tuo amico --- 

salüdàa, v. tr.

salutare --- 

salǜdi, inter.

arrivederci  |  usato soprattutto nell’espressione: te salǜdi = ti saluto --- 

salǜt, s.f.

salute  |  l’emportànt l’è la salǜt = l’importante è la salute --- 

sàlva (sàlvi), agg.f.

salva, illesa --- 

salvàa, v. tr.

salvare --- 

salvadanèer, s.m.

salvadanaio  --- 

salvàdech, agg.m.

selvatico  |  anche individuo poco socievole --- 

salvàdech, s.m.

animale selvatico --- 

salvàdega (salva deghi), agg.f.

selvatica --- 

Salvadù, n.p.

Salvatore (San Salvadù) --- 

salvàs, v. rifl.

salvarsi --- 

sàlvia, s.f.

salvia --- 

sàlvo (sàlvi), agg.m.

salvo, illeso --- 

sàm, s.m.

sciame --- 

samàa, v.tr.

sciamare --- 

sambüghèer, s.m.

sambuco  --- 

sàna (sàni), agg.f.

sana --- 

sanàa, v. tr.

sterilizzare i maiali --- 

sanaciù, s.m.

esperto nello sterilizzare i maiali --- 

sanatòri, s.m.

sanatorio  |  òtri ghi ‘l sanatòri, nùu an ga gnàn ‘l sanaciù = voi avete il sanatorio, noi non abbiamo neanche l’esperto nella sterilizzazione dei maiali --- 

sànch, s.m.

sangue --- 

sàndel (sàndei), s.m.

sandalo   |  di solito si usa al plurale – i sandali – MO --- 

sàndol (sàndai), s.m.

sandalo   |  di solito si usa al plurale – i sandali – TO --- 

sanèli, s.f.pl.

gola --- 

sanglót, s.m.

singhiozzo  |  sanglót sanglót, la ràna al póz, la ràna ‘n stràda, sanglót, ca ‘l  vàga = singhiozzo singhiozzo, la rana nel pozzo la rana in strada, singhiozzo, cessi; filastrocca recitata per far cessare il singhiozzo   --- 

sanguèta (sanguéti), s.f.

sanguisuga – TO --- 

sanguèta (sanguèti), s.f.

sanguisuga – MO --- 

sànguis, s.m.

panino imbottito --- 

sanguisùga, s.f.

sanguisuga --- 

sansàna (sansàni), s.f.

zanzara --- 

sànt (sanc’), s.m.

santo  |  ‘l dì di tüc’ i sànc’ = il giorno di tutti i santi --- 

sànta (santi), s.f. e agg.f.

santa --- 

santèla (santéli), s.f.

edicola in campagna – TO --- 

santèla (santèli), s.f.

edicola in campagna – MO --- 

santificàa, v.tr.

santificare le feste --- 

santìi, s.m.

immaginetta di santi o Madonne (sin. Maestàa) --- 

santìsem, agg.m.

santissimo --- 

sànto (sànti), agg.m.

santo  |  te fè ca niént (niènt) tǜt ‘l sànto dì = non fai niente tutto il santo giorno --- 

santüàri, s.m.

santuario --- 

sàntuli, inter.

locuzione esclamativa eufemistica di ira contenuta | sàntuli, te ca idüut ca l'era ilò ? = santo cielo, non hai visto che era lì --- 

saóor, s.m.

sapore --- 

saparsòrt, avv.

certamente, logicamente, ci mancherebbe altro! --- 

saràca, s.f.

acciuga  |  l’è màgro  cóma ‘na saràca = è magro come un’acciuga --- 

saré, agg.m.

sereno – TO --- 

sarè, agg.m.

sereno – MO --- 

sarenàda (sarenàdi), s.f.

serenata  (vedi “serenàda”) --- 

sargènt, s.m.

sergente  --- 

sarnegàa, v. intr.

respirare affannosamente --- 

sarnegù, s.m.

individuo che respira affannosamente --- 

sàrt, s.m.

sarto --- 

sàrta (sàrti) s.f.

sarta --- 

sarvièta (sarviéti), s.f.

asciugamano – TO --- 

sarvìzi, s.m.

servizio  |  sto róp al me fa própi ‘n grànd sarvìzi = questo attrezzo mi va proprio bene --- 

sàs, s.m.

sasso  |  li ca iè fàci sǜ de sàs, tüti li ga ‘l so fracàs = le case sono fatte di sasso e ognuna ha il suo fracasso  --- 

saśa (saśi), s.f.

rumex acetosa, erba dalle infiorescenze rossicce che ha un sapore acidulo e che nei tempi passati veniva mangiata dai ragazzi, abbonda nei prati a maggio  --- 

saśa di bìs (saśi di bìs), s.f.

rumex scutatus acetosa detta delle bisce, cresce in zone ghiaiose (atóren a li müràchi)  --- 

sasàda (sasàdi), s.f.

sassata --- 

sascàs, v.rifl.  --- 

osare, azzardarsi, avere il coraggio, arrischiarsi   |  me so ca sascàat a domadàch …. = non ho avuto il coraggio di chiedergli ….

sasinàa, v.tr.

assassinare --- 

sasóos, agg.m.

sassoso --- 

sasósa (sasósi), agg.f.

sassosa --- 

saù, s.m.

sapone --- 

saunèta (saunéti), s.f.

saponetta – TO --- 

saunèta (saunèti), s.f.

saponetta – MO --- 

saurìda (saurìdi), agg.

saporita, salata --- 

saurìit, agg.m.

saporito, salato --- 

savi, agg.m.

savio, equilibrato, giudizioso --- 

savia (savi), agg.f.

savia, equilibrata, giudiziosa --- 

savìi, v. intr.

avere sapore  |  al sa ca gnè de mi gnè de ti = non ha nessun sapore --- 

savìi, v. tr.

sapere --- 

sàzi, agg.m.

sazio, pieno --- 

saziàa, v.tr.

saziare --- 

sbachetàa, v.tr.

sbacchettare --- 

sbadàc’, s.m.     --- 

sbadiglio   --- 

sbadagiàa, v. intr.  --- 

sbadigliare --- 

sbadilàa, v.tr.

spalare,  lavorare con il badile --- 

sbafàa, v. tr.

sbafare, mangiare con avidità --- 

sbagliàa, v. tr.

sbagliare --- 

sbaglio (sbagli), s.m.

sbaglio, errore  --- 

sbalestràa, v.tr.

sbalestrare, spostare ripetutamente --- 

sbalestràat, agg.m.

sbalestrato, fuori norma --- 

sbàls, s.m.

sbalzo, sporgente  |  fò a sbàls = proteso nel vuoto --- 

sbandàa, v.intr.

sbandare --- 

sbandieràa, v.tr.

sbandierare, mettere in mostra, sparlare --- 

sbaràa, v. tr.

sbarrare --- 

sbarbàa, v. tr.

sbarbare --- 

sbarbatèl (sbarbatéi), s.m.

sbarbatello, ragazzo impertinente (sbarbatèi – MO) --- 

sbarcàa, v. tr.

sbarcare  |  sbarcàa ‘l lünàri = vivere alla giornata --- 

sbaregàa, v. intr.

portar via il bestiame dal recinto (bàrech)  --- 

sbarlatàa, v.tr.

aprire completamente (una porta, una finestra, ecc.) --- 

sbarlatàat, agg.

spalancato --- 

sbarlatàda (sbarlatàdi), agg.f.

spalancata  |  te gh’è la pàta sbarlatàda = hai la cerniera dei pantaloni aperta --- 

sbaśàa, v. tr.

abbassare --- 

sbaśàs,  v. rifl.

abbassarsi --- 

sbasotàa, v. tr.

sbaciucchiare --- 

sbasotàs, v. rifl.

sbaciucchiarsi  |  sbasotàs sǜ = sbaciucchiarsi  --- 

sbàt  gió, v. tr.

abbattere  |  sbàt gió ‘n mǜür = abbattere un muro --- 

sbàt  ià, v. tr.

buttare, gettare via --- 

sbàt, v. tr.

sbattere  |  sbàt ‘n ṍöf = sbattere un uovo --- 

sbataiàa, v.intr.

discutere in  modo litigioso --- 

sbàtes gió, v. rifl.

buttarsi  |  sbàtes gió dala finèstra = buttarsi dalla finestra --- 

sbatǜda (sbatǜdi), agg.f.

pallida, smorta, sbattuta  --- 

sbatǜüt (sbatüuc’), agg.m.

pallido, smorto --- 

sbaüsciàa, v. intr.

sbavare, mandare bave dappertutto  |  sbaüsciàa sǜ = bagnare con la bava --- 

sbecàat, agg.

rotto su un orlo (riferito a recipiente di vetro o di terracotta) --- 

sbecàs, v.rifl.

battibeccare, litigare concitatamente a botta e risposta  --- 

sbedenàa, v.tr.

scuotere, muovere avanti e indietro  (vedi anche “sghinghinàa” )   --- 

sbedenàat, agg.m.

che ha perso la forma, sgraziato | ‘n pedàgn de làna sbedenàat = una gonna di lana senza forma  (vedi "slombolàat" e “sgangheràat”) --- 

sbèrla (sbérli), s.f.

sberla, schiaffo – TO --- 

sbèrla (sbèrli), s.f.

sberla, schiaffo – MO --- 

sbèrlefia (sbèrlefi), s.f.

arrogante, screanzata --- 

sberlòt (sberlòc’), s.m.

schiaffone --- 

sberlǜsc’, s.m.

fulmine, lampo, bagliore, guizzo di luce  --- 

sberlüsciàa, v. tr.

lampeggiare  --- 

sbiadìi, v.intr.

sbiadire --- 

sbiadìit (sbiadìic’), agg.m.

sbiadito --- 

sbianchìi, v. tr.

imbiancare | sbianchìi gió = imbiancare le pareti di casa --- 

sbiès, agg.m.

sbieco, storto  --- 

sbièśa (sbiéśi), agg.f.

sbieca, storta – TO --- 

sbièśa (sbièśi), agg.f.

sbieca, storta – MO --- 

sbilènch, agg.m.

sbilenco --- 

sbiòch, agg.m.

spiantato, senza soldi --- 

sbiótàa, v. tr.

denudare; far perdere tutti i soldi  --- 

sbiótàs, v. rifl.

svestirsi, spogliarsi (vedi “tràs fó”) --- 

sbivazzàa, v. tr.

bere avidamente --- 

sblocàa, v.tr.

sbloccare --- 

sbòba (sbòbi), s.f.

sbobba, brodaglia --- 

sbociàa, v. intr.

sbocciare, bocciare: usato nel gioco delle bocce  |  la rṍsa  l’è réet a sbociàa = la rosa sta per sbocciare   --- 

sbociàda, sbociàdi, s.f.

bocciata, colpo da maestro nel gioco delle bocce --- 

sbógiàa, v. tr.

bucare, forare --- 

sbólógnàa, v. tr.

rifilare a qualcuno cose inutili oppure cose o persone fastidiose --- 

sbòrgna (sbòrgni), s.f.

ubriacatura  --- 

sborgnàa, v. tr.

ammaccare --- 

sborgnàat, agg.m.

ammaccato  |  l’a sbòrgnàat la màchina = ha ammaccato la macchina  --- 

sborgnáda (sborgnádi), agg.f. e s.f.

ammaccata, ammaccatura --- 

sborsàa, v.tr.

sborsare --- 

sbósardàa, v. tr.

sbugiardare --- 

sbosardàs, v.rifl.

sbugiardarsi --- 

sbòt   --- 

usato solo nell’espressione “a sbòt” = a forfait --- 

sbraitàa, v.intr, --- 

sbraitare --- 

sbréga (sbréghi), s.f.

ragazzo troppo vivace --- 

sbrisigàa, v. intr.  --- 

scivolare, slittare --- 

sbrisigù, s.m.

scivolone --- 

sbrocàa, v. tr.

tagliare i rami di un albero --- 

sbròdolàa, v. tr.

sbrodolare --- 

sbrodolàs, v. rifl.

sbrodolarsi, sporcarsi versandosi addosso dei liquidi --- 

sbròf, s.m.

spruzzo --- 

sbrofàa, v. intr.

spruzzare --- 

sbrofàda (sbrofàdi), sf --- 

spruzzata  |  ‘na sbrofàda de àcqua = una breve pioggia --- 

sbròia, s.f.

acqua residua del lavaggio delle stoviglie (vedi “bròia”) --- 

sbroiàa, v. tr.

sbollentare, scottare, pulire con acqua bollente --- 

sbroiàs, v. rifl.

scottarsi con liquido bollente --- 

sbroièet, agg.m.

bollente  --- 

sbroièta (sbroiéti), agg.f.

bollente – TO --- 

sbroièta (sbroièti), agg.f.

bollente – MO --- 

sbrudulù, s.m.

sbrodolone, individuo che si sporca versandosi  addosso liquidi --- 

sbrufìi, s.m.

annaffiatoio --- 

sbrüfù, s.m.

sbruffone, borioso (vedi “blagṍr”) --- 

sbucáat, agg.m.

scurrile --- 

sbucáda (sbucádi), agg.f.

scurrile --- 

sbucunàa, v.tr.

sbocconcellare, mangiare piccoli bocconi --- 

sbüdelàa, v. tr.

sbudellare --- 

sbüdelàs, v. rifl.

sbudellarsi dalle risate --- 

sbufàa, v. intr.

sbuffare --- 

sbuletàat, agg.m.

squattrinato, essere in bolletta, senza sostegno, senza denaro, al verde --- 

sburàa, v. tr.

spezzare rami secchi; eiaculare | sburàa sǜ la bruchìna = spezzare la legna sottile --- 

sburàat, agg.m.

spezzato, rotto; riferito ad un ramo | col tiràa par tṓ giò li sciaresi al s’è sburàat òl ràm = col tirare per cogliere le ciliege si è spezzato  il ramo --- 

sbüsàa, v. tr.

spingere --- 

sbüsù, s.m.

spintone, urto --- 

sbütàa, v. tr.

spingere (come “sbüsàa”) --- 

sbutunàa, v. tr.

sbottonare, slacciare i bottoni --- 

sbutunàs, v. rifl.

aprirsi, rivelare i propri problemi a qualcuno   --- 

scàaf, s.m.

scavo, scavo per fabbricare --- 

scadenáat, agg.m.

scatenato, fuori di se --- 

scadenáda (scadenádi), agg.f.

scatenata, fuori di se --- 

scadènsa (scadénsi), s.f.

scadenza (scadènsi – MO) --- 

scadènt, agg.m.

scadente, di scarsa qualità --- 

scadǜüt, agg.m.

scaduto --- 

scàgn, s.m.

sgabello | scàgn da mùisc’ = sgabello con una sola gamba, usato dal mungitore --- 

scàgna (scàgni), s.f.

sedia --- 

scagnèl (scagnéi), s.m.

anca, osso dell’anca – TO --- 

scagnèl (scagnèi), s.m.

anca, osso dell’anca – MO --- 

scagnìi, s.m.

sgabello, piccola panca --- 

scàia (scài), s.f.  --- 

scaglia, scheggia| scàia de saù = scaglia di sapone --- 

scaiàa, v. tr.

scheggiare --- 

scàisci, s.f. pl.

grucce, stampelle  |  famoso il “prestìn di scàisci” (il forno delle grucce)  citato dal Manzoni nei Promessi Sposi --- 

scala (scali), s.f.

scala --- 

scalàa, v. tr.

scalare --- 

scaladù, s.m.

scalatore --- 

scalcagnàat, agg.m.

deformato --- 

scaléra (scaléri), s.f.

scaffalatura per la stagionatura dei formaggi – TO --- 

scalèra (scalèri), s.f.

scaffalatura per la stagionatura dei formaggi – MO  --- 

scalét (scaléc’), s.m.

scaletto, piccola scala – TO --- 

scalèt (scalèc’), s.m.

scaletto, piccola scala – MO --- 

scàlf, s.m.

giro manica nei lavori a maglia  --- 

scalfaròt, s.m.

calza di lana grossa, lavorata a maglia  --- 

scalfìi, s.m.

soletta della calza lavorata a maglia  --- 

scalìi, s.m.

scalino --- 

scalinàa, v. intr.

derogare  |  al scalìna ca a pagàa = è sempre preciso nei pagamenti --- 

scalinàda (scalinàdi), s.f.

scalinata --- 

scalmàna (scalmàni), s.f.

vampata di caldo --- 

scalmàna, s.f.

smania, impazienza, fretta di fare qualcosa --- 

scalmanàat (scalmanàac’), agg.m.

agitato, eccitato --- 

scalmanàda (scalmanàdi), agg.f.

agitata, eccitata --- 

scalmanàs, v. rifl.

agitarsi, eccitarsi --- 

scalvàa, v. tr.

scalvare, tagliare rami da una pianta --- 

scàmbi, avv.

invece --- 

scambiàa, v.tr.

scambiare --- 

scamisàat, agg.m.

scamiciato, senza camicia --- 

scampàa, v. intr.

campare, vivere, sopravvivere  |  l’ò scampàda bèla = l’ho scampata bella --- 

scampanàat, agg.m.

scampanato, a campana | te ghée ‘l pedàgn scampanàat = hai la gonna a campana --- 

scàmpol (scàpoi), s.m.

scampolo --- 

scanàat, agg.m.

scannato, sgozzato | scanàat dala miséria = povero in canna --- 

scanàda (scanàdi), agg.f.

scannata, sgozzata --- 

scanalàat, agg.m.

scanalato --- 

scancelàa, v. tr.

cancellare --- 

scandalóos, agg.m.

scandaloso --- 

scàndola (scàndoli), s.f.  --- 

scandola, tegola in legno  --- 

scansìa (scansìi), s.f.

scansia, scaffale  da cucina  --- 

scapàa, v.intr.

scappare --- 

scapàda (scapàdi), s.f.

capatina, breve visita --- 

scapǜsc’, s.m.                    --- 

inciampo, anche uomo malfatto e/o che vale poco, in tono affettuoso --- 

scapüsciàda (scapüsciàdi), s.f.

inciampata  |  ò ciapàat ‘na scapüsiàda = mi sono inciampato  --- 

scapüsciàs, v. rifl.

inciampare, urtare col piede un ostacolo (vedi “embrunsunàs”) --- 

scarabìz (scaribìz), s.m.

ghirigoro, scarabocchio (vedi “scarabòc’ ”) --- 

scarabòc’, s.m.

scarabocchio --- 

scarabociàa, v. tr.

scarabocchiare --- 

scarabociàda (scarabociàdi), s.f.

scarabocchio, scarabocchiata --- 

scaratù, s.m.

rovo, persona intrattabile --- 

scarèl (scaréi), s.m.

tronchetto – TO --- 

scarèl (scarèi), s.m.  --- 

tronchetto – MO --- 

scarèla  (scaréli) s.f.

matterello; pezzo di legna – TO  |  li scaréli dei pizochèr = i matterelli per i pizzoccheri (vedi “tàpa”) --- 

scarèla  (scarèli) s.f.

matterello; pezzo di legna – MO  |  la scarèla dei pizochèr = il matterello per i pizzoccheri   (vedi “tàpa”) --- 

scarèla, s.f.

ciocco, pezzo di legna (vedi "tàpa") --- 

scarelàa, v. tr.

spianare l’impasto della pasta --- 

scargàa, v. tr.

scaricare | scargàa mùut = fare la transumanza al ritorno, scaricare l’alpeggio --- 

scarìza (scarìzi), s.f.

fulmine, scintilla --- 

scarmuntida, agg.f.

raggrinzita, increspata, rugosa, scottata; in genere riferita alla pelle di persona | fàcia scotáda, scarmuntida dal sùul, sèca cóma 'l coràm = faccia scottata, raggrinzita dal sole, secca come il cuoio --- 

scarnàsc’, s.m.

catenaccio, chiavistello --- 

scarnìit, agg.m.                   --- 

scarnito, sfinito dal magro | l’è scarnìit, nòma pèl  e òs = è scarnito, solo pelle e ossa   --- 

scarógna, s.f.

sfortuna --- 

scarógnàat, agg.m.

sfortunato --- 

scarógnàda (scarógnàdi), agg.f.

sfortunata --- 

scarozzàa, v.tr.

scarrozzare, portare in giro  --- 

scàrpa (scàrpi), s.f.

scarpa --- 

scarpàda (scarpàdi), s.f.

scarpata, terrapieno --- 

scarpìna (scarpìni), s.f.

scarpina, scarpa per bambini --- 

scarpinàda (scarpinàdi), s.f.  --- 

faticosa e lunga camminata --- 

scarpù, s.m.

scarpone --- 

scarpulìi, s.m.

calzolaio, ciabattino --- 

scàrs, agg.m.

scarso, insufficiente --- 

scàrsa (scàrsi), agg.f.

scarsa, insufficiente --- 

scarsegiàa, v.tr.

scarseggiare --- 

scarsèla (scarséli), s.f.

tasca – TO --- 

scarsèla (scarsèli), s.f.

tasca – MO --- 

scarselàda (scarselàdi), s.f.  --- 

quantità pari al contenuto di una tasca  |  ‘na scarselàda de nóos = una tasca piena di noci --- 

scarsilìi, s.m.

taschino --- 

scàrt (scàrc’), s.m.

scarto --- 

scartàa, v. tr.

eliminare, scartare (nel gioco delle carte e nel gioco del calcio) --- 

scartàa, v. tr.

cardare  |  scartàa la làna = cardare la lana --- 

scartéc’, s.m.

arnese usato per cardare la lana – TO --- 

scartèc’, s.m.

arnese usato per cardare la lana – MO --- 

scartìi, s.m.

carta di nessun valore al gioco, es. il due a briscola --- 

scartòz, s.m.

cartoccio, involucro di carta  --- 

scartozàa, v. tr.

accartocciare --- 

scartuzìi, s.m.

piccolo cartoccio --- 

scasàa, v. tr.

scassare, rompere; spuntare le pesate del latte | scasàa òl làc’ = mettersi in pari con le pesate del latte | scasàa òl librèt de la bòtega = pagare il debito segnato sul libretto della bottega --- 

scasàat, agg.m.

rotto, scassato, cancellato (vedi “scasàa”) --- 

scàt (scàc’), s.m.

scatto, cambio della bicicletta --- 

scàt, v. tr.

scadere --- 

scatàa, v. intr.

scattare, balzare con impeto --- 

scataràa, v.tr.

scatarrare, tossire con catarro --- 

scàtola, s.f.

scatola  |  rómp li scàtoli = infastidire --- 

scatolòt, s.m.

contenitore a forma di scatolone di materiale resistente --- 

scatulù, s.m.

scatolone --- 

scavàa, v.tr.

scavare --- 

scavalcàa, v.tr.

scavalcare (vedi “saltàa ià”) --- 

scavigiàs, v. rifl.

procurarsi una distorsione alla caviglia --- 

scazegàa, v. intr.

frugare, rovistare; infastidire --- 

scazotàa, v. tr.

scazzottare,  prendere a cazzotti --- 

scazù, s.m.

pesce  scazzone --- 

scèca, s.f.

nebbia, foschia  --- 

scèch, s.m.

assegno  --- 

scéma (scémi), agg.f.

scema, stupida --- 

scemàda (scemàdi), s.f.  --- 

scemata, stupidata --- 

scémo (scémi), agg.m.

scemo, stupido --- 

scéna (scéni), s.f.

cena, pasto della sera – TO  --- 

scèna (scèni), s.f.

cena, pasto della sera – MO --- 

scenàa, v. intr.

cenare --- 

scèndra, s.f.

cenere  --- 

scèrfuiù, s.m.

cespuglio (vedi “cèrfuiù”) – TO --- 

scérsc’, s.m.  --- 

cerchio |  dàch ‘n cólp a la dua e ‘n cólp al  scérsc’ = dare un colpo alla botte e un colpo al cerchio (barcamenarsi) --- 

scérsciù, s.m.

cerchione – TO --- 

scèrsciù, s.m.

cerchione – MO  |  cerchione della bicicletta --- 

scèrvel, s.m.

cervello  |  sènsa scèrvel = sbadato --- 

scervèla, s.f.

cervella  --- 

scésa (scési), s.f.

staccionata  --- 

scèspeda (scéspedi), sf --- 

zolla erbosa, cespo – TO --- 

scèspeda (scèspedi), sf --- 

zolla erbosa, cespo– MO --- 

schègia (schégi), s.f.

scheggia – TO --- 

schègia (schègi), s.f.

scheggia – MO --- 

scheletro, s.m.

scheletro --- 

schéna (schéni), s.f.

schiena, anche piccolo tronco di legno fesso con i cunei – TO --- 

schèna (schèni), s.f.

schiena, anche piccolo tronco di legno fesso con i cunei  – MO --- 

schénàal (schénài), s.f.

schienale – TO --- 

schènàal (schènài), s.f.

schienale – MO --- 

schenàda (schenàdi), s.f.  --- 

schienata, colpo battuto con la schiena --- 

schérp, s.m.

recipiente della cantina  --- 

schèrs, s.m.

scherzo, burla  --- 

schèrsàa, v. tr.

scherzare, deridere  --- 

schevèzàa, v.tr.

rompere un osso delle gambe | al se schevèzàat ‘na gàmba = si è rotto una gamba  --- 

schevezù, s.m.

grande sega con due manici, usata per tagliare grossi tronchi --- 

schifèza (schifézi), s.f.

schifezza – TO --- 

schifèza (schifèzi), s.f.

schifezza – MO --- 

schifóos, agg.m.

schifoso --- 

schifósa (schifósi), agg.f.

schifosa --- 

schiribìz, s.m.

ghiribizzo, estro, voglia  |  se ‘l me vèe ‘l schiribìz = se mi viene la voglia --- 

schìsc’, agg.m.

floscio, vuoto, schiacciato --- 

schìscia (schìsci), agg.f.

floscia, vuota, schiacciata --- 

schisciàa, v. tr.

schiacciare, premere, comprimere --- 

schìt, s.m.

sterco delle galline --- 

schitàc’, s.m.

fucile giocattolo fatto con  un tronchetto di sambuco senza midollo --- 

schitarṍla (schitarṍli), s.f.

mirtillo rosso --- 

schìtola, s.f.

diarrea; ragazza con la puzza sotto il naso --- 

schitolàa, v. tr.

avere la diarrea --- 

schitolèra, s.f.

diarrea persistente --- 

schitulù, s.m.

diarrea da indigestione --- 

schivàa, v. tr.

schivare, eludere --- 

schìvi, s.m.

schifo, ribrezzo --- 

schiviös, agg.m --- 

schifiltoso, schizzinoso --- 

schìz, s.m.

schizzo, spruzzo  --- 

schizàa, v.tr. e intr.

schizzare --- 

schizáat (schizàac’), agg.f.

schizzato, nervoso, fuori di testa --- 

schizáda (schizádi), agg.f.

schizzata, nervosa, fuori di testa --- 

schǜma (schǜmi), sf --- 

schiuma --- 

sci-ól, s.m.  --- 

zufolo, fischietto (vedi “zifól”) --- 

scì-ola (scì-oli), s.f.

cipolla --- 

sci-olàa, v.intr.

fischiare, zufolare, fischiettare (vedi “zifólàa”) --- 

sci-òlta, s.f.

turno di lavoro  --- 

scià, avv.

qua  |  vègn scià = vieni qua --- 

sciàa, v. tr.

sciare, evitare, scansare | con nùu al scìa ca = a noi non rivolge la parola --- 

sciadù, s.m.

sciatore --- 

sciàl, s.m.    --- 

scialle --- 

scialésc’, s.m.

salice – TO --- 

scialèsc’, s.m.

salice – MO  --- 

scialèscia (scialésci), s.f.

ramo di salice utilizzato nella vigna per fare le legature: grossa, per legare le pertiche ai pali; media, per legare le viti alle pertiche; piccola “mèrs”, per legare i tralci  – TO --- 

scialéscia (scialèsi), s.f.

ramo di salice utilizzato nella vigna per fare le legature: grossa, per legare le pertiche ai pali; media, per legare le viti alle pertiche; piccola “mèrs”, per legare i tralci – MO --- 

scialesciàda (scialesciàdi), s.f.

scudisciata, frustata, staffilata --- 

scialiscìi, s.m.

ramoscello di sdalice (vedi "mers") --- 

scialòt, s.m.

scarpone malandato  |  nìgro  cóma ‘n scialòt. = nero come uno scarpone --- 

sciaréṡa (sciaréṡi) s.f.

ciliegia  --- 

sciareṡèra, s.f.

ciliegio  --- 

sciarlatàa, s.m.

ciarlatano --- 

sciarscèl (sciarscéi) s.m.

sarchiello, zappa, uomo piccolo e tracagnotto – TO --- 

sciarscèl (sciarscèi) s.m.

sarchiello, zappa, uomo piccolo e tracagnotto – MO --- 

sciarscèlàa, v. tr.

zappettare --- 

sciàt, s.m.

rospo   |  è anche un piatto caratteristico valtellinese --- 

sciavàta (sciavàti), s.f.

ciabatta, pantofola --- 

sciavatù, s.m.

ceffone, schiaffone (vedi “sleversù”) --- 

scigàla (scigàli), s.f.  --- 

cicala --- 

scigàmbola, s.f.

camminata instabile | li gàmbi li va a scigàmbola = le gambe mi reggono a mala pena --- 

scighèra, s.f.

nebbia, foschia, nuvolaglia   --- 

scighèz, s.m.  --- 

falcetto a falce di luna con manico in legno usato per tagliare piccole quantità di erba --- 

scighósta, s.f.

catena per appendere la pentola alla "pulena"e regolarne l'altezza sopra il fuoco del focolare --- 

scigógna, s.f.

vedi “pulena” --- 

scigrisṍla, s.f.

timo selvatico – MO --- 

scigǜda, s.f.

cicuta  |  erba velenosa simile al prezzemolo --- 

sciguèta (sciguéti), s.f.

civetta – TO --- 

sciguèta (sciguèti), s.f.

civetta – MO --- 

scilavèrt, s.m.

sprovveduto, distratto, negligente, sbadato, sciatto, superficiale --- 

scilù, s.m.

manico della falce --- 

scìma (scìmi), s.f.  --- 

cima --- 

scimarṍl, s.m.

parte finale del larice --- 

scìmes, s.m.

cimice --- 

scìmmia, s.f.

scimmia --- 

scimmiòt, s.m.

malandrino, birbante; persona infida e cattiva --- 

scimósa (scimósi), s.f.

cimosa, orlo di un tessuto --- 

scimǜüt, s.m.

formaggio casalingo giovane --- 

Scìnc’, s.m.

toponimo  | giò ‘n di Scìnc’ a ca di Peisc’ =  Scìnc’, sotto la località ca di Peisc’  --- 

sciòlta, s.f.

turno di lavoro (cotonificio) --- 

scióor, s.m.

signore, ricco  |  ‘l tèmp, ‘l cǜ e gli scióor i comànda lóor = il tempo, il culo  e i ricchi comandano loro --- 

sciopèl (sciopèi), s.m.  --- 

scarpa con suola di legno  --- 

scióra (scióri), s.f.  --- 

signora, ricca, moglie --- 

sciorgnàa, v. intr.

russare --- 

sciosciòola, loc. avv..

penzoloni, ciondoloni; penzolante, ciondolante | al bùfa a ’l càa, ‘l ghà fò la lèngua a sciosciòola = è affannato anche il cane, ha la lingua che gli ciondola; lagàs ‘ndàa a scioscòola dal grignàa = lasciarsi andare, sbellicarsi dalle risate --- 

sciosèl, s.m.

residuo di fieno nel fienile, composto per la maggior parte di semi – TO --- 

sciospolàa, v. tr.

tipico dei pulcini sotto la chioccia --- 

sciòta (scióti), s.f.

sterco di bovini  – TO --- 

sciòta (sciòti), s.f.

sterco di bovini  – MO |  ‘ndùu cal gh’è ‘na bèla sciòta al gh’è ànca ‘n bèl badìl = dove c’è una bella ragazza c’è anche un bel pretendente   --- 

sciriṍla, s.f.

Madonna Candelora che si festeggia il 2 febbraio  --- 

(vedi “candelòra”) --- 

scirnìda (scirnìdi), s.f.

scelta, selezionata, separata --- 

scirnìi, v. tr.

scegliere, separare --- 

scirnìit, s.m.

scelto, selezionato, separato --- 

sciscìi, s.m.

si mette un pezzo di burro tra due fette di polenta calda, il burro col caldo della polenta si scioglie --- 

scìsciola, (scìscioli), s.f.

truciolo, residuo della lavorazione del legno, si usa soprattutto al plurale  (vedi “bìsola”) --- 

scìsciolàa, v. int.

sussurrare, bisbigliare | al ghe scìsciolava ndèli oregi = gli sussurrava nelle orecchie --- 

sciǜca, s.f.

grosso ceppo usato per spaccare la legna --- 

sciǜch, s.m.

ceppo, parte del tronco che rimane dopo il taglio --- 

sciüsciàa fò, v. tr.

succhiare, scolare tutto --- 

sciüsciàa, v. tr.

succhiare --- 

sciüsciàat, s.m.

succhiato  |  sciüsciàat da li vèspi = (succhiato dalle vespe) magro, pallido --- 

sciüsciàda (sciüsciàdi), s.f.

succhiata --- 

sciüsciót, s.m.

succhiotto, segno rosso o violaceo lasciato sul collo da un bacio insistente --- 

sciüsciù, s.m.

biberon, succhiotto, tettarella, ciuccio, il succhietto che si mette in bocca al bambino per farlo stare buono --- 

sciǜta (sciǜti), s.f.

chioccia --- 

sciütàda (sciütàdi), s.f.

nidiata di pulcini --- 

sclamàa, v.intr.

esclamare, lamentare | sclamàa miséria = piangere miseria --- 

scṍcia, s.f.

siero rimasto dopo la produzione della ricotta, lasciato acidificare serve per coagulare il siero fresco per rifare la ricotta  --- 

(vedi "agra") --- 

scociàat, agg.m.

scocciato --- 

scodéscia (scodésci), s.f.

listello di nocciolo, lungo, sottile e flessibile serve per intrecciare cesti e gerle – TO --- 

scodèscia (scodèsci), s.f.

listello di nocciolo, lungo, sottile e flessibile serve per intrecciare cesti e gerle – MO --- 

scṍla (scṍli), s.f.  --- 

scuola, edificio scolastico  --- 

scolàa, v. tr.

scollare, dividere due oggetti uniti con la colla --- 

scolàat, agg.

scollato --- 

scolàda (scolàdi), agg.f.

scollata --- 

scolda-léc’, s.m.

scaldaletto – TO  |  in alcuni casi consisteva in un mattone o sasso riscaldato avvolto in un panno di lana --- 

scolda-lèc’, s.m.

scaldaletto – MO  |  in alcuni casi consisteva in un mattone o sasso riscaldato avvolto in un panno di lana  --- 

scoldàa, v. tr.

scaldare, riscaldare --- 

scoldàs, v. rifl.

scaldarsi --- 

scoldàsèla, v.pron.

prendersela |  al vàl ca la pèna scoldàsèla par iscé pòoch = non vale la pena prendersela per così poco  (vedi “ciapàsla”) --- 

scoloràa, v.tr.

decolorare --- 

scoloràat, agg.m.

scolorato, stinto --- 

scoltàa, v. tr.

ascoltare --- 

scombàt, v.intr.

discutere, anche animatamente (vedi “discǜt”) --- 

scomèśa (scoméśi), s.f.

scommessa – TO  |  sta ‘n pèe par scomèśa = reggersi  a stento --- 

scomèśa (scomèśi), s.f.

scommessa – MO  |  sta ‘n pèe par scomèśa = reggersi  a stento --- 

scompagnàat, agg.m.

spaiato  (calze, scarpe, guanti, ecc.) --- 

scomparìi, v.intr.

scomparire – sparire (vedi “sparìi”) --- 

sconfesàa, v.tr.

sconfessare --- 

sconfóndes, v. rifl.

confondersi --- 

sconfónt, v. tr.

confondere --- 

scopél (scopèi), s.m.

scalpello – TO --- 

scopèl (scopèi), s.m.

scalpello – MO --- 

scopèrta (scopérti), s.f.

scoperta, trovata – TO  |  che scopèrta! = che scoperta! (ironicamente) --- 

scopèrta (scopèrti), s.f.

scoperta, trovata – MO  |  che scopèrta! = che scoperta! (ironicamente) --- 

scór, v.tr.

scorrere, scorre | fà scór la còrda = far scorrere la corda --- 

scorentàa, v. tr.

far scappare, inseguire minacciando --- 

scorgnàa, v. tr.

assalire con le corna – riferito ai tori o ad altri animali cornuti  --- 

scòrgnaböö, s.m.

cervo volante --- 

scorgnàda (scorgnàdi), s.f.  --- 

cornata, colpo dato con le corna --- 

scörléra (scörléri), s.f.

smagliatura in una calza – TO --- 

scörlèra (scörlèri), s.f.  --- 

smagliatura in una calza – MO --- 

scorsàa, v.tr.

far scappare, rincorrere (vedi “scorentàa”) --- 

scörtàa, v. tr.

accorciare, abbreviare --- 

scörtàat, agg.m.

accorciato --- 

scörtàda (scörtadi), agg.f.

accorciata --- 

scörtadóra (scörtadóri), s.f.

scorciatoia (di sentieri o strade) --- 

scòs, s.m.

grembo, davanzale di una finestra  |  tignìi sǜ scòs = tenere in grembo --- 

scòśa, s.f.

scossa | l’à ciapáat la scòśa = ha preso la scossa --- 

scosàl (scosài), s.m.  --- 

grembiule --- 

scosalàda (scosalàdi), s.f.

grembiulata, quantità contenuta in un grembiule ripiegato a mo’ di sacco  |  ‘na scosalàda de nóos = una piccola quantità di noci --- 

scòt, s.m.

breve cottura --- 

scṍt, v. tr.

riscuotere, incassare  | scṍt la pensiù = incassare la pensione --- 

scotàa, v. tr.

scottare --- 

scotàda (scotadi), s.f.  --- 

scottata --- 

scotadǜra (scotadǜri), s.f.

scottatura, ustione --- 

scotamǜs, s.m.

piatto caratteristico, costituito da pezzetti di polenta fredda messi in una scodella di latte bollente --- 

scotàs, v. rifl.

scottarsi, ustionarsi, rimanere deluso dopo un’esperienza negativa --- 

scotèet, agg.m.

rovente, che scotta molto  --- 

scotèta (scotéti), agg.f.

rovente, che scotta molto – TO --- 

scotèta (scotèti), agg.f.

rovente, che scotta molto – MO --- 

scràna, s.f.

grossa cassapanca --- 

scrèansàat (scrèansàac), agg.m.

screanzato, senza creanza --- 

scrèansada (scrèansadi), agg.f.

screanzata, senza creanza --- 

scrìgn, s.m.

scrigno, cassa di legno con coperchio --- 

scrignṍl, s.m.

cassapanca, piccolo scrigno in legno --- 

scrignulìi, s.m.

piccola cassa di legno con coperchio --- 

scrìif, v. tr.

scrivere --- 

scritǜra (scritǜri), s.f.

scrittura  |  l’è ‘n asen de natüra chi ca i sa ca lèisc’ la pròpria scitǜra = è un asino di natura chi non sa leggere la propria scrittura --- 

scriǜüt, s.m. e agg.m.

scritto | modo arcaico “scrǜüt” --- 

scrivàa, s.m.

scrivano, colui che scriveva a mano --- 

scrocàa, v. tr.

scroccare --- 

scròch, s.m.

scrocco  |  ‘ndàa a scròch = campare a spese di altri  --- 

scrosciàda, s.f.

scroscio d'acqua, acquazzone --- 

scrostàa, v.tr.

scrostare --- 

scrozzòla, s.f.

donna di poco conto, vanesia, frivola, inaffidabile, escort --- 

scrozzolàa, v. tr.

perdere, disseminare senza accorgersene | scrózzólàa ‘n pòo de pìśa = perdere un po di urina --- 

scrucù, s.m.

scroccone --- 

scùa (scùi), s.f.

scopa  |  scùa nṍva scùa bèe = scopa nuova scopa bene --- 

scuàa, v. tr.

scopare  |  scuàa fò = scopare --- 

scuàsc’, s.m.  --- 

scopa di saggina --- 

scüdèla (scüdéli), s.f.

scodella – TO --- 

scüdèla (scüdèli), s.f.

scodella – MO --- 

scüdelàda (scüdelàdi), s.f.

quantità contenuta in una scodella --- 

scüdilìi, s.m.

piccola scodella --- 

scuèt (scuéc’), s.m.

scopino realizzato con rametti di betulla o larice scorticati  --- 

(vedi "càgna") – TO --- 

scuèt (scuèc’), s.m.

scopino – MO --- 

scuìi, s.m.

spazzino --- 

sculàa, v. tr.

scolare, sgocciolare, bere tutto  |  sculàa la pàsta = scolare la pasta; sculàa fò ‘n bicèer  de vìi = bere un bicchiere di vino con avidità   --- 

sculadǜsc’, s.m.

residuo dopo aver scolato un liquido --- 

sculapàsta, s.m.

colapasta --- 

sculìi, s.m.

colino (anche culìi) --- 

scǜma, s.f.   --- 

schiuma, bava | la scǜma dèl làc’ = la schiuma del latte --- 

scumbǜta, s.f.

diverbio, alterco, discussione, litigio --- 

scuncunàa, v. intr.

scuotere  |  scuncunàa ‘na pòrta = tentare di aprire una porta chiusa --- 

scunfinàa, v.tr.

sconfinare, oltrepassare il confine di una proprietà --- 

scunfùla, s.f.  --- 

affollamento, ressa --- 

scunsigliàa, v.intr.

sconsigliare, dissuadere --- 

scǜnt, s.m.

sconto --- 

scüntàa, v. tr.

scontare, accordare un ribasso sulla spesa --- 

scùpa, s.f.

scopa: gioco delle carte  |  scùpa d’as = scopa d’assi; scùpa lìśa = scopa liscia --- 

scupidù, s.m.

gioco per bambini che consiste nell’intrecciare quattro fili di plastica in modo da formare una treccia --- 

scǜra (scǜri), agg.

scura, buia --- 

scürìi, v. tr.

oscurare, annerire --- 

scuriósàa, v. intr.

curiosare --- 

scürlìda (scürlìdi) s.f.

scrollata (riferita a persone o  a piante), scossone dato a una pianta per far cadere i frutti --- 

scürlìi, v. tr.

scuotere, scrollare, dare degli scossoni  |  scürlìi ‘n ram par fa da gió i pir = scuotere un ramo per far cadere le pere --- 

scurpiù, s.m.

scorpione --- 

scǜsa (scǜsi), s.f.

scusa, perdono, pretesto, tentata giustificazione  |  dómandàa scǜsa = chiedere perdono; rèma ca scià scǜsi = non cercare giustificazioni --- 

scüsàa, v. tr.

scusare, giustificare, fare a meno  |  scǜsi daparmì = riesco da solo --- 

scüsàs, v. rifl.

scusarsi, giustificarsi, chiedere scusa --- 

scutù, s.m.

grossa scottatura, gran caldo | al pica gió ‘n scutù = c’è un sole cocente --- 

scùul (scùi), s.m.

scolo, deflusso --- 

scǜür, agg.m.

scuro, buio --- 

scuzunáat, agg.m.

un po’ offeso --- 

scuzunáda (scuzunádi), agg.f.

un po’ offesa --- 

sdebitàs, v.rifl.

sdebitarsi, disobbligarsi --- 

sderenáat (sderenac’), agg.m.

sderenato, affaticato --- 

sderenáda (sderenádi), agg.f.

sderenata, affaticata --- 

sdólóràa, v. intr.

lamentarsi per il dolore --- 

sdupiàa, v.intr.

sdoppiare, dividere in due --- 

sdupiàs, v.rifl.

sdoppiarsi --- 

se, cong.

se, qualora, nel caso che --- 

se, pron. pers.  --- 

(è utilizzato davanti alla seconda personale e davanti alla prima e alla terza persona plurale come complemento oggetto o di termine  dei verbi riflessivi) ti, si, ci  |  ti te se ofèndet = tu ti offendi; lóor ai se piàca = loro si nascondono; te se làvet gió ‘l mǜüs = ti lavi la faccia; ‘na òlta se fàva la procesiù = una volta si faceva la processione --- 

sèca (séchi), agg.f.

secca – TO --- 

sèca (sèchi), agg.f.

secca – MO --- 

secàa, v. tr.

seccare, molestare, infastidire  |  sèchem ca li glóri = non seccarmi; secàa fò = morire, uccidere --- 

sèch sechénto, agg.m.

secco stecchito – TO --- 

sèch sechènto, agg.m.

secco stecchito – MO --- 

sèch, s.m.

secco |  sèch  cóma ‘n ciòt = secco come un chiodo --- 

sécól (sècui), s.m.

secolo --- 

secrèt, s.m.

segreto --- 

séda (sédi), s.f.

seta --- 

sedàz, s.m.

setaccio (vedi “crìbi”) --- 

sedazàa, v. tr.

setacciare farina, sabbia  (vedi “cribbiàa”) --- 

sedenò, avv.

altrimenti, diversamente, in caso contrario --- 

sèdes, agg.m.

sedici; scherzosamente e volgarmente: deretano, sedere  |  sòo dèl sèdes = sono nato nel 1916 --- 

sédola (sèdoli), s.f.   --- 

setola --- 

sèdola, s.f.

setola --- 

sées, agg. num.card.

sei --- 

segàa, v. tr.

falciare --- 

segadù, s.m.

falciatore --- 

segadǜra, s.f.   --- 

segatura --- 

segàrda, s.f.

schiuma della mungitura delle mucche --- 

ségia, s.f.

secchia di legno fatta a doghe – TO --- 

sègia, s.f.

secchia di legno fatta a doghe – MO --- 

sègiù, s.m.

contenitore a doghe simile ad un barile ma con un solo fondo  --- 

ségn, s.m.

segno, impronta, segnale – TO |  fa ségn = segnalare; gné ‘l pàrla gné al fa ségn = non si esprime --- 

sègn, s.m.

segno, impronta, segnale – MO  |  fa sègn = segnalare; gnè ‘l pàrla gnè al fa sègn = non si esprime --- 

segnàa gió, v. tr.

segnare, annotare su carta  (vedi “marcàa gió”) --- 

segnàa, v. tr.

segnare, annotare --- 

segnàal (segnàai), s.m.

segnale, segno | segnàl = fargli un segno --- 

segnàs, v. rifl.

farsi il segno della croce --- 

segónda (segóndi), agg.f.

seconda --- 

segóndàa, v. tr.

assecondare, andar dietro --- 

segondàri, agg.m.

secondario, di secondaria importanza --- 

segónt, agg.m.

secondo  --- 

segónt, prep.

secondo, a seconda di --- 

segónt, s.m.

il secondo taglio del fieno (vedi “còort”) --- 

segótol (segótoi), s.m.  --- 

siero, il siero che esce dalle forme di formaggio pressate con un peso --- 

segù, s.m.

 sega a lama larga con due manici per tagliare tronchi e alberi grossi (prima delle motoseghe) --- 

sèla (séli), s.f.

sella – TO   --- 

sèla (sèli), s.f.  --- 

sella – MO --- 

selàa, v.tr.

sellare --- 

sèler, s.m.

sedano --- 

sèlva (sélvi), s.f.

selva, bosco di castagni – TO --- 

sèlva (sèlvi), s.f.  --- 

selva, bosco di castagni – MO --- 

seminàri, s.m.

seminario --- 

semprévert, s.m.

arbusto sempreverde  --- 

sèmpri, avv.

sempre  --- 

senò, avv.

altrimenti --- 

sènsa, prep. e cong.

senza  --- 

sensàl (sensài), s.m.

sensale, mediatore --- 

sensasànch, s.m.

(letteralmente senza sangue) entità diabolica che si muove come un vento violento e subdolo che porta via e fa sparire, forza ipnotica che attira nei precipizi. Si raccomandava ai bambini di non uscire da soli dopo il crepuscolo (dopo i rintocchi dell'ave Maria) per non essere portati via dal sensasànch  --- 

senserìa (senserìi), s.f.

senseria --- 

sentàs gió, v. rifl.

sedersi --- 

sentàs, v. rifl.

sedersi --- 

sentéer, s.m.

sentiero --- 

sentimèet, s.m.

sentimento, senso, senno |  ès fò de sentimèet = essere fuori di senno --- 

sentinèla, s.f.

sentinella --- 

séra, s.f.

freno dei carri agricoli trainati da animati  --- 

seràa, v. tr.

chiudere, rinserrare, comprimere --- 

seràat, agg.m.

chiuso, costipato  |  sóo gió ‘n seràat = ho il raffreddore  e la tosse --- 

seradǜra (séradǜri), s.f.

serratura  --- 

seramèet, s.m.

serramento  --- 

serenàda (serenàdi), s.f.  --- 

rasserenato, tornato il sereno (vedi “sarenàda”) --- 

serenàs, v. rifl.

rasserenarsi, tornar sereno  |  se non sarà sereno, si rasserenerà  --- 

séri, agg.m.

serio, compito, composto  |  sül séri = sul serio, seriamente --- 

séria (séri) agg.f.

seria, compita, composta --- 

serù, s.m.

siero, residuo liquido della lavorazione  del formaggio --- 

sèrva (sérvi), s.f.

serva – TO  |  la sèrva dèl prevèet = la perpetua; iera  tuti sérvi = erano  tutte serve --- 

sèrva (sèrvi), s.f.

serva – MO  |  la sèrva del prevèet = la perpetua;  iera  tuti sèrvi = erano  tutte serve --- 

servièta (servièti), s.f.

asciugamano – MO    (anche sarvièta – TO)  --- 

servizieól, agg.m.

servizievole, volenteroso --- 

servizieóla (servizieóli), agg.f.

servizievole, volenterosa --- 

sesànta, agg.m..

sessanta --- 

sesanténa (sesanténi), s.f.

sessantina – TO --- 

sesantèna (sesantèni), s.f.

sessantina – MO --- 

sèst, agg.m. sèsta, agg.f.

sesto, sesta --- 

sèt, num., agg.m.

sette; decantato, limpido; riferito ad un liquido  --- 

sèt, s.m.

strappo in un abito a forma di sette --- 

sèta, agg.f.

decantata, limpida; riferito ad esempio all’acqua  --- 

sètàa, v.tr.

decantare, tornare limpido --- 

setànta, agg.m.

settanta --- 

setcènt oltàat ‘ndréet --- 

anno 1700 dopo Cristo, nella seconda metà del secolo si sviluppò l’illuminismo e quindi “setcènt oltàat ‘ndréet” si  riferisce alla prima metà di detto secolo, il modo di dire ha una valenza negativa, potrebbe significare regressione, mentalità chiusa. Nel passato si usava per additare una persona che non sta al passo coi tempi : chèl ilò l’è  cóma ü dòl setcènt oltàat ‘ndréet = quello è uno che ha una mentalità retrograda, che non sta al passo coi tempi  --- 

setèmbre, s.m.

settembre  --- 

setèmbri, s.m.

settembre – TO --- 

setù, s.m.

usato nell’espressione “sǜ ‘n setù” = a letto, ma seduti in modo che il busto sia fuori dalle coperte appoggiato con cuscino allo schienale --- 

sevéer, agg.m.

severo --- 

sfaciáat, agg.m.

sfacciato --- 

sfaciáda (sfaciádi), agg.f.

sfacciata --- 

sfadigáat, agg.m.

sfaticato, fannullone --- 

sfadigáda (sfadigádi), agg.f.

sfaticata, fannullona --- 

sfalsàa, v. tr.

sfalsare, cambiare --- 

sfalsàs, v. rifl.

sfalsarsi, peggiorare, degenerare --- 

sfamàa, v.tr.

sfamare --- 

sfavóor, s.m.

sfavore, contrario --- 

sfazàat (sfazàac’), agg.m.

sfacciato, maleducato --- 

sfazàda (sfazàdi), agg.f.

sfacciata, maleducata --- 

sfegatàs, v.rifl.

sfegatarsi,  spolmonarsi, lavorare troppo --- 

sfèlera (sféleri), s.f.

fessura – TO --- 

sfèlera (sfèleri), s.f.

fessura – MO --- 

sfendǜda (sfendǜdi), agg.f.

spaccata, divisa --- 

sfendǜüt (sfendüuc’), agg.m.

spaccato, diviso --- 

sfènt, v. tr.

fendere, dividere, spaccare |  sfènt ‘n burèl = spaccare un piccolo tronco --- 

sfeoràat, agg.m.

sfebbrato --- 

sfèrsàa, v.tr.

versare il burro fritto come condimento | sfèrsàa la pulènta a féti e fòrmai par fa la pùlenta giò sòlèer = condire con burro fritto la polenta a fette e formaggio per ottenere la polenta “giò sòlèer” --- 

sfèrs, agg.m.

scottante --- 

sfèrsa, agg.f.

scottante, bollente --- 

sfesciàa, v. tr.

eliminare la feccia  | sfesciàa ‘l vìi = travasare il vino eliminando la feccia --- 

sfetàa, v. tr.

tagliare a fette --- 

sfiàca (sfiàchi), s.f.

vescica, lesione cutanea --- 

sfiancàa, v.intr.

sfiancare, stancare, spossarsi; stringere un abito sui fianchi  --- 

sfiancàat, agg.

sfiancato, stancato, spossato, stremato (vedi “falìit”) --- 

sfìlsa (sfìlsi), s.f.  --- 

lunga serie, fila, gran numero --- 

sfinimèet, s.m.

sfinimento --- 

sfioràa, v. tr.

sfiorare, rasentare --- 

sfiuchignàa, v. intr.

nevischiare --- 

sfiurìi, v. intr.

sfiorire, perdere i fiori --- 

sfodegàa, v.intr.  --- 

lavoricchiare, spannocchiare (“foiàa”) = levare le foglie (brattee) dalle pannocchie (vedi “füdügnàa” e “fónfógnàa”) --- 

sfogàs, v.rifl.

sfogarsi --- 

sfògo, s.m.

sfogo | làghel sfogàs = lascialo sfogarsi --- 

sfoiàa, v. tr.

sfogliare, togliere le foglie  |  sfoiàa ‘l törch = togliere le brattee dalle pannocchie di granoturco; gh’è pòoch da sfoiàa vèrzi = essere al verde, rimanere senza risorse --- 

sformàa, v.tr.

togliere dalla forma --- 

sfórs, s.m.

sforzo --- 

sfót, v tr.

sfottere --- 

sfraca-canèf, s.m.

frantoio o gramola, detto anche  “pesta canèf”, che frantuma i fasci della pianta di canapa, separando la legnosità dalla fibra da filare --- 

sfracàa sǜ, v. tr.

rompere --- 

sfracàa, v. tr.

rompere --- 

sfrànza (sfrànzi), s.f.

frangia, frangetta --- 

sfregàa, v.intr.

sfregare, urtare di striscio (vedi “tucàa itè”) --- 

sfregolàa, v. tr.

sbriciolare  |  sfregolàa (li vinàsci) = le vinacce pressate nel torchio si tolgono e, a mano, si sbriciolano e poi si rimettono nel torchio per una seconda spremitura --- 

sfrìis, s.m.

leggera incisione  |  de sfrìis = di striscio --- 

sfrisàa, v. tr.

toccare di striscio, scalfire, rasentare toccando --- 

sfrontàat, agg.m.

sfrontato, sfacciato --- 

sfrontatèza, s.f.

sfrontatezza, sfacciataggine --- 

sfròos, s.m.

solo nell’espressione de sfròos = di frodo, illegalmente, di nascosto --- 

sfrütàa, v. tr.

sfruttare --- 

sfrütamèet, s.m.

sfruttamento --- 

sfüriàda, s.f.

sfuriata, improvviso risentimento di rabbia e irritazione --- 

sfurtünàat, agg.m.

sfortunato  (vedi “desfurtünàat”) --- 

sgabèl (scàgn), s.m.

sgabello (vedi “scagnìi”)  --- 

sgabüzìi, s.m.

sgabuzzino, ripostiglio --- 

sgagnàa, v. tr.

addentare con forza, mangiare avidamente --- 

sgàina (sgàini), agg.f.

svelta, agile (fisicamente e intellettualmente) --- 

sgàino (sgàini), agg.m.

svelto, agile (fisicamente e intellettualmente)  --- 

sgalèrsc’, agg.m.

zoppo, acciaccato  --- 

sgalèrscia (sgalérsci), agg.f.

zoppa, acciaccata – TO   --- 

sgalèrscia (sgalèrsci), agg.f.

zoppa, acciaccata – MO  --- 

sgaletàat, agg.m.

farsi vedere vispo  --- 

sgambàda (sgambàdi), s.f.

lunga e faticosa camminata --- 

sgambèt (sgambéc’), s.m.

sgambetto  --- 

sgambetàa, v.tr.

sgambettare, dimenare o agitare le gambe, correre --- 

sgambìit, agg.m. sgambìda, agg.f.  --- 

avere le gambe molli dopo una camminata in discesa a passo sostenuto --- 

sganasàs, v. rifl.

sganasciarsi  |  sganasàs dal grignàa = sbellicarsi dalle risa --- 

sganasù, s.m.

saganassone, forte sberla (vedi “sleversù”) --- 

sgangheràat, agg.m.

sgangherato, che ha perso la forma, sgraziato  --- 

sgangheràda (sgangheràdi), agg.  --- 

sgangherata --- 

sgarbàa, v. tr.

stracciare, strappare --- 

sgarbàat, agg.m.

strappato --- 

sgarbàda (sgarbàdi), agg.f.

strappata --- 

sgarbafó, v. tr.

strappare, sfoltire – TO  |  sgarbafó ‘n fṍi dal quadèrno = strappare un foglio dal quaderno --- 

sgarbafò, v. tr.

strappare, sfoltire – MO  |  sgarbafò ‘n fòi dal quadèrno = strappare un foglio dal quaderno --- 

sgarbasàch, s.m.

finanziere --- 

sgarbasǜ, v. tr.

stracciare, strappare  |  sgarbasǜ ‘na carta = stracciare una carta --- 

sgarboiàda (sgarboiàdi), s.f.

pasticcio, garbuglio --- 

sgargaiàa, v. tr.

gracchiare, parlare male, parlare confuso, anche uno strumento che suona in modo sgarbato  = al sgargaia --- 

sgariàa, v.tr.

razzolare, grattare, raspare, frugare -  in genere riferito alla terra | li galini li sgaria la tèra = le galline razzolano, grattano e raspano la terra; ò sgariàat giò 'ndèla zòca dèl ümèt par truàa quai lambaròt par 'ndàa a pescàa =ho frugato nella buca dell'umido per trovare qualche lombrico per andare a pesca  (vedi “rügàa”) --- 

sgariafó, v. intr.

sparpagliare – TO |  sgariafó la sàbbia = sparpagliare la sabbia  --- 

sgariafò, v. intr.

sparpagliare – MO |  sgariafò la sàbbia = sparpagliare la sabbia  --- 

sgarlét, s.m.

gamba, garretto – TO   (vedi “garléc’ “) --- 

sgarlèt, s.m.

gamba, garretto – MO  (vedi “garléc’ “) --- 

sgarlètàa, v. tr.

muovere animatamente le gambe anche senza camminare; in senso figurato: còma la sgarlèta bée chèla ilò = come balla bene quella lì --- 

sgarzéga (sgarzéghi), s.f.

graffio, scorticatura --- 

sgarzegàa, v. tr.

scorticare, graffiare, provocare una scorticatura (anche rompere le scatole) --- 

sgarzegàat, agg.m.  --- 

scorticato, graffiato | al s’è sgarzegàat con ‘na ròeda = si è graffiato con un rovo  --- 

sgarzólàa, v. tr.

togliere i virgulti della vite in eccesso (“garzṍi”) --- 

sgarzulìna (sgarzulìni), s.f.  --- 

ragazzetta graziosa e vivace; giovincella --- 

sgataiòlàa, v. tr.

sgattaiolare --- 

sgaǜsc’, s. m.

torsolo – TO (vedi “cùzìi“ – MO) --- 

sgaüsciàa, v.tr.

masticare male, rosicchiare --- 

sgaüsciàat (sgaüsciàac’), agg.m.

roso, rosicchiato | la sgaüsciàat ‘n pòm = ha rosicchiato una mela --- 

sgaüsciàda (sgaüsciàdi), agg.f.

erosa, rosicchiata | ‘na mìca sgaüsciada = un panino rosicchiato --- 

sgavelàs, v.rifl.

ridursi con le gambe arcuate, anche prendere una storta alla caviglia --- 

sgelàat, agg.m.

sgelato, disgelato, sciolto dal gelo --- 

sgelàda, agg.f.

sgelata, disgelata, sciolta dal gelo  --- 

sgherbàa, v. intr.

fare un raccolto prematuro --- 

sghèrla (sghèrli), agg.f.

inabile, inadatta --- 

sghèrlo (sghèrli), agg.m.

inabile, inadatto --- 

sghinghinàa, v.tr.

scuotere, smuovere, muovere avanti e indietro  (vedi “sbedenàa”) --- 

sghinghináat, agg.m.

mal concio, smosso dalla sua sede   --- 

sghinghináda (sghinghinádi), agg.f.

mal concia, smossa dalla sua sede  --- 

sghiribìz, s.m.

scarabocchio, scrittura incomprensibile  --- 

(vedi “scarabìz” e “scarabòc’ ”)  --- 

sgnaolàa, v. intr.

miagolare --- 

sgnaolàda (sgnaolàdi), sf --- 

miagolio prolungato --- 

sgnìca (sgnìchi), s.f.

schiacciata --- 

sgnicàa, v. tr.

schiacciare   --- 

sgnicàat (sgnicàac’), agg.m.

schiacciato  |  me sòo sgnicàat ‘n dìit = mi sono schiacciato un dito --- 

sgnicàda (sgnicàdi), agg.f.

schiacciata --- 

sgnicàs, v. rifl.

schiacciarsi  | sgnicàs ‘n dìit = schiacciarsi un dito --- 

sgnìch, s.m.

schiacciato  |  sgnìch de nàas = con il naso schiacciato (tipo particolare di naso) --- 

sgnignólàa, v.intr.

scricchiolare | la scàgna la sgnignóla = la sedia scricchiola --- 

sgnücàs, v. rifl.

prendersi a testate (detto di animali) --- 

sgobàa, v. tr.

sgobbare, lavorare duramente --- 

sgobàs gió, v. rifl.

chinarsi, curvarsi, abbassarsi per caricare qualcosa sulle spalle  --- 

sgolàs, v. rifl.

sgolarsi, vociare --- 

sgombètàa, v.intr.

sgomitare --- 

sgombetàda (sgombetàdi), s.f.

gomitata --- 

sgombràa, v.tr.

sgombrare, liberare da impedimenti --- 

sgòmbro (sgómbri), agg.m.

sgombro, libero da impedimenti, da ostacoli; (anche il pesce) --- 

sgonelàa, v.tr.

ingerire con ingordigia; parlare a vanvera o ad alta voce:  sgonelàs = perdere la voce a furia di urlare  --- 

sgórbi, s.m.

sgorbio – TO --- 

sgòrbi, s.m.

sgorbio – MO --- 

sgotàa, v.tr. e intr.

gocciolare  --- 

sgotolàa, v. intr.

sgocciolare --- 

sgozàa, v. tr.

sgozzare --- 

sgrafàa, v. tr.

graffiare --- 

sgrafàda (sgrafàdi), s.f.

graffio --- 

sgrafignàa, v. tr.  --- 

sgraffignare, rubacchiare con destrezza --- 

sgrafignù, s.m.

individuo avido pronto a impossessarsi delle cose altrui --- 

sgranàa, v. tr.

sgranare, staccare i chicchi di granoturco dalle pannocchie, levare fagioli e piselli dai baccelli  |  sgranàa ‘l rosàri = far passare i grani della corona del rosario; sgranàa i öc’ = sgranare gli occhi, guardare con meraviglia o sorpresa  --- 

sgranchìi, v.tr.

sgranchire, sciogliere gli arti o i muscoli, stendere le gambe o le braccia --- 

sgranchìs, v.rifl.

sgranchirsi, stendere le gambe o le braccia (vedi “stirunàs”) --- 

sgrandìi, v. tr.

ingrandire, ampliare  |  sgrandìi ‘n böc’ = allargare un buco --- 

sgrasàa, v.tr.

sgrassare, levare il grasso dal brodo del bollito --- 

sgraziàat, agg.m.

goffo, sciatto, senza grazia --- 

sgretolàa, v.tr.

sgretolare, rompere in piccoli pezzi --- 

sgrìfa (sfrìfi), s.f.

zampa (vedi “źàta”) --- 

sgrignozzàa, v. intr.

sghignazzare, ridacchiare --- 

sgrìnfia (sgrìnfi), s.f.

grinfia, artiglio (usato soprattutto al plurale)  |  sa al me vèe sóta li sgrìnfi = se mi capita a tiro --- 

sgrṍbbia, s.f.

raspa col manico per pulire le mucche (vedi “brǜs-cia”) --- 

sgröbiàa, v.tr.

scorticare, levare la corteccia dai ramoscelli   --- 

(vedi “scuèt” / “cagna”) --- 

sgrośàa, v.tr.

sgrossare, togliere le parti inutili, il di più, levare il grosso --- 

sgualivàa, v.intr.

livellare --- 

sgualiváat, agg.m.

livellato, spianato (vedi “gualìif”) --- 

sgualiváda (sgualivádi), agg.f.

livellata, spianata (vedi “gualìva”) --- 

sguaràda, s.f.

risata, fa fò ‘na sguaràda = scoppiare in una risata  --- 

sguazzàda (sguazàdi), s.f.

acquazzone --- 

sguazzadù, s.m.

acquazzone  --- 

sguazzèt, s.m.

fagioli in umido  --- 

sgùnfi, agg.m.

gonfio, sgonfio --- 

sgùnfia (sgùnfi), agg.f.

gonfia, sgonfia  |  ‘na rṍda sgùnfia = una ruota sgonfia --- 

sgunfiàa, v. tr.

gonfiare, sgonfiare --- 

sgunfiàda, agg.f.

sgonfiata --- 

sgüràa, v. tr.

nettare; pulire sfregando fortemente pentole, posate, tegami; lucidare, lustrare | l’à sgüràat la coldéra = ha pulito (nettato) la conca di rame; un tempo usavano anche sabbia finissima (leda) al posto della moderna paglietta --- 

sgüràda (sgüradi), s.f.

pulitura a fondo, lucidatura  |  gh’ò dac’ ‘na bèla sgüràda = gli ho dato una bella lucidata --- 

sgüsàa, v. tr.

sgusciare, levare il guscio --- 

sgüzàa, v. tr.

aguzzare, appuntire  (vedi “engüzzàa”) --- 

sichè, avv.

sicché, perciò, dunque (vedi “alùra” e “ilùra”) --- 

sicǜra (sicǜri), agg.f.

sicura, certa (vedi “sücǜra”) --- 

sicürezza, s.f.

sicurezza --- 

sicǜür, agg.m.

sicuro, certo (vedi “sücǜür”) --- 

sidìm, s.m.  --- 

si usa solo nell’espressione “al g’à gnàa prǜm sidìm” = non ha ne capo ne coda --- 

sifù, s.m.

sifone --- 

sigarèta (sigaréti), s.f.

sigaretta – TO --- 

sigarèta (sigarèti), s.f.

sigaretta – MO --- 

sìghel, s.f.

segale --- 

Signóor, s.m.

Signore, Dio  |  truàa ‘l Signóor ‘ndormèet = avere fortuna immeritata --- 

sigrisṍla, s.f.

timo selvatico – TO --- 

siguitàa, v. intr.

continuare, insistere --- 

sìif, s.m.

sego  |  ‘na candèla di sìif = una candèla di sego --- 

sìit, s.f.

sete --- 

silabàri, s.m.

sillabario  --- 

silènsi,  --- 

silenzio| fa sìlensi! = stai zitto!  --- 

sìmbol, s.m.

simbolo --- 

sìmel, agg.m.

simile --- 

simpàtech, agg.m.

simpatico --- 

simpàtega (simpàteghi), agg.f.

simpatica --- 

sincéer, agg.m.

sincero --- 

sincéra (sincéri), agg.f.

sincera --- 

sìndech, s.m.

sindaco --- 

singèla (singéli), s.f.

caratteristico muretto di recinzione del sagrato della chiesa – TO --- 

singèla (singèli), s.f.

caratteristico muretto di recinzione del sagrato della chiesa – MO --- 

sintìi, v. intr.

emanare odore  |  sta càrna la sènt = questa carne puzza --- 

sintìi, v. tr.

sentire, udire, ascoltare, avvertire un odore --- 

sintìli sǜ, v. tr.  --- 

subire un rimprovero --- 

sintìli, v. tr.

ascoltarle, subire un rimprovero --- 

sintìs, v. rifl.

sentirsi  |  sintìs mal = sentirsi male --- 

sipilìi, v. tr.

seppellire  (anche sepelìi) --- 

sìra (sìri), s.f.

sera  |  sta sìra = stasera --- 

siràda (siràdi), s.f.

serata --- 

sirvìi, v.tr.

servire --- 

sistèma (sistémi), s.m.

sistema, modo, maniera – TO  |  l’è ca ‘l sistéma  de fa = non è questo il modo di comportarsi --- 

sistèma (sistèmi), s.m.

sistema, modo, maniera – MO  |  l’è ca ‘l sistèma  de fa = non è questo il modo di comportarsi --- 

sistemàa, v. tr.

sistemare, ordinare, organizzare --- 

sistemàs, v. rifl.

sistemarsi, mettersi a posto, trovare un posto di lavoro; fare un matrimonio d’interesse --- 

sìt (sìc’), s.m.

sito, luogo, terreno  |  ‘n sìt da fàbrica = un  terreno fabbricabile --- 

sitìl (sitìi), agg.m.

sottile – MO (vedi “sutìl” TO)   --- 

sitìla (sitìli), agg.f.

sottile – MO (vedi “sutìla” TO) --- 

sitimàna (sitimàni), s.f.

settimana --- 

situaziù, s.f.

situazione --- 

slaciàa, v.intr.

svezzare, slattare --- 

sladinàa, v. tr.

rendere scorrevole --- 

slambròt, s.m.

brodaglia --- 

slambrotàda (slambrotadi), s.f.

conversazione confusa, discorso inconcludente --- 

slampàa, v. tr.

gettare con forza e lontano, scagliare, scaraventare, buttare – TO --- 

si usa abbinato anche agli avverbi di luogo sǜ, gió, ià, fó, ité --- 

| slampàa ià l’acqua stógia dèl cadìi = buttare via l’acqua sporca del catino  (vedi "sbàt ià")  --- 

slanciàat, agg.m.

snello, slanciato --- 

slapàa, v. intr.

mangiare di fretta e con ingordigia qualcosa di poco solido dalla scodella o dal piatto magari usando anche la lingua  --- 

| l'à slapàat sü tüt = ha mangiato tutto --- 

slapetàa, v. intr.

chiacchierare a vanvera --- 

slargàa, v. tr.

allargare, ampliare --- 

slargù, s.m.

spazzaneve – TO (vedi “slitù”) --- 

slavàat, s.m.

slavato --- 

slavàda (slavàdi), s.f.  --- 

slavata --- 

slàzega, s.f.

balla nel manico  |  la mèla la va a la slàzega = la  roncola balla nel manico  --- 

sléciàda, s.m.

grande quantità di oggetti, moltitudine di piante abbattute dal vento; molta erba del prato spianata da un acquazzone --- 

slèf, s.m.

taglio, brutta ferita prodotta da una lama tagliente  --- 

slempàa, v. tr.

gettare con forza e lontano, scagliare, scaraventare, buttare – MO --- 

si usa abbinato anche agli avverbi di luogo sǜ, giò, ià, fò, itè --- 

| slempàa ià l’acqua stògia dèl cadìi = buttare via l’acqua sporca del catino  (vedi "sbàt ià")  --- 

slèpa (slèpi), s.f.  --- 

grossa porzione (di polenta, di formaggio); schiaffo, ceffone  |  gh’ò molàat ‘na slèpa = gli ho dato un ceffone --- 

sleversù,s.m.

manrovescio, sganassone, schiaffone (vedi “sciavatù”, “sganasù”) --- 

slifrocàa, v.intr.

oziare (vedi “lifròch”) --- 

slimàa, v. tr.

consumare limando o sfregando, logorare --- 

slimunàa, v. intr.

limonare, pomiciare, amoreggiare --- 

slingirìi, v. tr.

alleggerire --- 

slisàa, v. tr.

lisciare, rendere liscio --- 

slìta (slìti), s.f.

slitta, treggia, slitta per trasporto sulla neve, in discesa,  di legname, fieno o altro  |  ócio ca l’è scià ‘na slita = occhio, attenzione, che sta arrivando una slitta --- 

slitìi, s.m.

slittino, piccola slitta usata dai bambini per fare la sdrucciola --- 

slitù, s.m.

spazzaneve ; era una grossa slitta, a forma di “V”, trainata da cavalli e poi da trattori  --- 

slìza, s.f.

si usa solo nell’espressione: fa la slìza = scivolare sulla neve con lo slittino --- 

slizàa, v. intr.

scivolare su ghiaccio, neve o su sentieri ripidi e lisci --- 

slòfen, s.m.

solo nell’espressione ‘nda a slòfen = andare a dormire --- 

slogàs, v. rifl.

procurarsi una distorsione  |  al sé slogàat ‘n pè = si è slogato un piede --- 

slombolàat, agg.m.

molliccio, messo insieme malamente, storto, senza forma, senza consistenza --- 

slongàa, v. tr.  --- 

allungare, prolungare, diluire, annacquare (per esempio il vino) --- 

slongàat, agg.m.

disteso | slongàat itè ‘ndèl léc = disteso nel letto --- 

slongàda (slongàdi), agg.f.

distesa | slongàda sùra l’èrba dol pràat = distesa sopra l’erba del prato --- 

slongàs, v. rifl.

allungarsi, coricarsi, distendersi sul letto   |  al se slongàat gió = si è disteso sul letto  --- 

slontanàa, v. tr.

allontanare, scacciare, distanziare --- 

slontanàs, v. rifl.

allontanarsi, distanziarsi --- 

slóz, agg.m.

bagnato fradicio, inzuppato --- 

slóza (slózi), agg.f.

bagnata fradicia, inzuppata --- 

slóza sǜ, v. tr.

bagnare abbondantemente, inzuppare, infradiciare --- 

slózàa, v. tr.

bagnare abbondantemente, inzuppare, infradiciare --- 

slózàat, agg.m.        --- 

bagnato da capo a piedi  (vedi “slóz”) --- 

slózàda (slózadi), s.f.

inzuppata, infradiciata  --- 

slùdria, s.f.

lontra, anche donna di facili costumi --- 

smadregiàa, v. intr.

avere il prolasso uterino | ghóo ‘na vàca ca la smadregia = ho una mucca che ha il prolasso uterino --- 

smàgia (smàgia), s.f.

macchia (specie su un foglio o un vestito), mattacchione, burlone, birichino,“Giamburrasca”   |  quèl ilò l’è ‘na smàgia = quello lì è un mattacchione  --- 

smagiàa, v. tr.

macchiare, sporcare --- 

smagrìi, v. intr.

dimagrire, rendere più magro (per esempio aggiungendo acqua al brodo) --- 

smaiàa, v. tr.

logorare, consumare (per esempio il polsino di una camicia) --- 

smaiàat, agg.m.

smangiato, eroso --- 

smaiàda (smaiàdi), agg.f.

smangiata, erosa --- 

smània, s.f.

smania, agitazione, irrequietezza --- 

smaniàa, v. intr.

agitarsi fuori misura --- 

smaniàs, v. rifl.

agitarsi fuori misura --- 

smantelàa, v.tr.

disfare, smantellare --- 

smargotàa, v. intr.

espettorare catarro --- 

smasìit, s.m.

formaggio vecchio coi “cagnù” --- 

smasutìit, s.m.

formaggio vecchio coi “cagnù” --- 

smatocàa, v. tr.

fare cose stupide --- 

smazücàat, agg.m.

deformato per i colpi ricevuti --- 

smazücàda (smazücadi), agg.f.

deformata per i colpi ricevuti --- 

smenàch, v. tr.

rimetterci --- 

smerciàa, v.tr.

vendere, smerciare --- 

smerdàa, v.intr.

spargere sterco --- 

smerdàs, v.rifl.

sporcarsi di sterco --- 

smèt, v.intr.

smettere, finire --- 

smezàa, v. tr.

dividere, rompere, spezzare --- 

smilàa, v.tr.

smielare (o smelare), in apicoltura, togliere il miele dai favi --- 

smilsa, agg.f.

magra, esile --- 

sminuìi, v.intr.

sminuire, diminuire --- 

smocàa, v.tr.

tagliare le punte ad esempio ad un ramo --- 

smolàa, v. tr.

allentare  |  smolàa ‘na vìit = allentare una vite --- 

smoleghèet, agg.m.

molliccio;  riferito al terreno paciocco, fangoso --- 

smoleghègn, agg.m.

plasmabile, flaccido, floscio, inconsistente --- 

smoltàa, v. tr.

intonacare  |  smoltàa gió ‘n mǜür= intonacare un muro --- 

smontàa, v. intr.  --- 

perdere la tinta, scolorire; finire il turno di lavoro --- 

smontàa, v. tr.

smontare  |  smontàa ‘n mótóor = smontare un motore --- 

smṍöf, v.tr.

smuovere (vedi “mṍöf”) --- 

smórósàa, v. intr.

amoreggiare, flirtare, corteggiare --- 

smòrsa (smòrsi), s.f.

morsa del fabbro o del falegname --- 

smorsàa, v. tr.

spegnere  |  smorsàa la lǜüs = spegnere la luce --- 

smorsèt, s.m.

morsetto  --- 

smòrt, agg.m.

smorto, pallido --- 

smòrta (smòrti), agg.f.

smorta, pallida --- 

smotamèet, s.m.

smottamento --- 

smüracàda, s.f.

grande ammucchiata di cose, sassi o terra --- 

smǜs, s.m.

smusso --- 

snarigiàa, v. intr.

soffiarsi il naso rumorosamente, frequentemente --- 

snèl, agg.m.

snello --- 

snengràa, v. tr.

schiacciare, comprimere tra due corpi --- 

snengràat, agg.m.

vedi “snengràda” --- 

snengràda (snengràdi), agg.f.

compressa | pòrta snengràda = una porta che si apre male in quanto troppo compressa dagli stipiti | te sée iló snengràda = sei lì in una posizione scomoda e costretta --- 

snervàat, agg.m.

sfibrato, indebolito, sfinito --- 

snervàda (snervàdi), agg.f.

sfibrata, indebolita, sfinita --- 

snervàs, v. rifl.

perdere vigore, snervarsi, infiacchirsi --- 

snodàat, agg.m.

snodato --- 

sò (sṍo), agg.m.

suo, suo proprio, loro  |  ‘l sò pà = suo padre; i sṍo  fradèi = i suoi fratelli --- 

sobarcàs, v.rifl.

sobbarcarsi, farsi carico, assumere un impegno --- 

sobatǜda (sobatǜdi), s.f.

sobbalzo --- 

sòcio (sòci), s.m.

socio, compagno d’affari  |  sòcio dèla bìra = amico occasionale --- 

socòmb, v.intr.

cedere, soccombere --- 

socòr, v.tr.

aiutare, soccorrere --- 

sòfoca (sòfochi), agg.f.

soffocante, afosa --- 

sòfoch, agg.m.

soffocante, afoso --- 

sòfrech, s.m.

zolfo (vedi “zòfrech”) --- 

sógn, s.m.

sonno --- 

sognàa, v.intr.

sognare --- 

sognàs, v.rifl.

sognarsi (vedi “ensommiàs”) --- 

sṍia, s.f.

soglia, lastra di pietra  --- 

sṍl (sṍi), s.m.

suolo, pavimento della stalla dove sostano le mucche --- 

sṍla (sṍli), s.f.

suola delle scarpe --- 

sólàa, v. tr.

suolare, risuolare, mettere la suola alle scarpe --- 

sóladǜra (sóladǜri), s.f.

suolatura di scarpe --- 

solàna, s.f.

cipollatura, difetto dei  legnami, soprattutto castani, consistente nel distacco tra due anelli annuali consecutivi;  La pianta con questo inconveniente non ha valore commerciale e si può usare solo per fare i pali delle vigne o come legna da ardere --- 

solanàat, agg.m.

colpito da cipollatura --- 

solanàda (solanàdi), agg.f.

colpita da cipollatura  --- 

sólch, s.m.

solco (ad esempio dell’aratura), fessura --- 

sòld (sòldi), s.m.

soldo, denaro (usato di solito al plurale) --- 

soldàat, s.m.

soldato, militare  |  ‘ndàa a fàa ‘l sóldàat = andare a fare il militare --- 

solegiàda (solegiàdi), agg.f. e s.f.  --- 

soleggiata, giornata assolata  | ‘ncóo l’è ‘na grànt solegiàda =  oggi è una grande soleggiata     --- 

solènch, s.m.

malinconia, nostalgia, senso di tristezza mista a paura che prende le persone specialmente in posti solitari e selvaggi della montagna  --- 

solèer, agg.

si usa solo nell’espressione “pulènta gió solèer”   |  ricetta: su un piatto di portata concavo  si mette uno strato di fette di polenta calda  poi si mette uno strato di fette di formaggio giovane, un altro strato di polenta e così via, alla fine gli si versa sopra un soffritto di burro e cipolla --- 

sòlet, agg. s.m.

solito  |  de sòlet = di solito, di norma --- 

solèta (soléti), s.f.

soletta, elemento in calcestruzzo armato per dividere i vari piani di un edificio – TO --- 

solèta (solèti), s.f.  --- 

soletta, elemento in calcestruzzo armato per dividere i vari piani di un edificio – MO --- 

sòleta (sóliti), agg.f.

solita – TO    --- 

sòleta (sòliti), agg.f.

solita – MO --- 

sòlfa, s.f.

solfa, la solita cosa --- 

solfàto, s.m.

solfato, verderame, sale dell’acido solforico, serve per irrorare la vigna --- 

sóm, s.m.

cima, sommità  |  sǜ ‘n sóm = in cima --- 

sóma (sómi), s.f.

somma --- 

somartìi, s.m.

autunno --- 

somèlech, s.m.

lampo  --- 

somelegàa, v. intr.

lampeggiare prima del temporale --- 

somèza (somézi), s.f.

semente – TO --- 

somèza (somèzi), s.f.

semente – MO --- 

sómnàa, v.tr.

seminare | l’è ura da somnàa òl törch  = è ora di seminare il granoturco --- 

sómnàat (sómnàac’), agg.m.

seminato  |  gh’ò sómnàat i tartifòi = ho seminato le patate  --- 

sómnàda (sómnàdi), agg.f.

seminata --- 

sóngia, s.f.

sugna, grasso non commestibile usato per ungere scarponi, ruote ecc.  --- 

sopedàa, v.intr.

calpestare, camminare --- 

soportàa, v.tr.

sopportare, reggere --- 

soppàlch, s.m.

soppalco (vedi “stèren”) --- 

sopratǜt, avv.

soprattutto --- 

sòprès, s.m.

ferro da stiro, nel passato era un contenitore in ghisa, pieno di brace, che emanava calore  --- 

sopresàa, v. tr.

stirare --- 

sopresàda (sopresàdi), s.f.  --- 

stiratura  |  gh’ò dac’ ‘na bèla sopresàda = gli ho dato una bella stiratura --- 

soràa, v. tr.

lasciar raffreddare, lasciar intiepidire   |  làga sóràa la manèstra = lascia che si raffreddi la minestra --- 

soràat, agg.m.

raffreddato, diventato freddo   |  càa scotàat al bùfa sül soràat = cane scottato soffia sull’acqua fredda --- 

soràda (soràdi), agg.f.

raffreddata, diventata fredda --- 

sórbói, v.tr.

fermentare  --- 

sorél, s.m.

sfiatatoio per ricambio aria --- 

sorèla (soréli), s.f.

sorella – TO --- 

sorèla (sorèli), s.f.

sorella – MO --- 

sorfenàat, agg.m.

nauseato, esausto --- 

sorfenàta (sorfenàdi), agg.f.

nauseata, esausta --- 

sorgent, s.f.

sorgente --- 

sorlevèet, agg.m.

individuo con la testa per aria  --- 

sormontàa, v.tr.

sormontare, sorpassare --- 

sornóm, s.m.

soprannome --- 

sórs, s.m.

sorso | tṍ! bièn ‘n sórs! = prendi! bevine un sorso! - sórs de vìi = sorso di vino --- 

sorsèer, s.m.

apposito recipiente per sorseggiare bevande --- 

sórt, agg.m.

sordo  |  sórt sórdènto = completamente sordo (vedi “stóren”) --- 

sòrt, s.f.

qualità, tipo, genere, specie  |  fan de tǜti li sòrt = combinarne di tutti i colori --- 

sorvolàa, v.tr.

sorvolare, passare oltre --- 

sṍser, s.m.

suocero, suoceri --- 

sṍsera (sṍseri), s.f.

suocera --- 

sospènt, v.tr.

sospendere --- 

sóspés, agg.m.

sospeso --- 

sóspéśa (sóspéśi), agg.f.

sospesa --- 

sospetóos, agg.m.

sospettoso, diffidente (vedi “malfidèet”) --- 

sospetóśa (sospetóśi), agg.f.

sospettosa, diffidente (vedi “malfidèta”) --- 

sósta, s.f.

sosta; pesa pubblica; deposito di legna, fieno ecc.

sóstagnàa, v. tr.

stendere un sottile strato di stagno nella parte interna delle secchie di rame  --- 

sóstegn, s.m.

sostegno | ò fàc’ sü ‘n mǜür de sóstegn = ho realizzato un muro di sostegno (per non lasciare franare la terra) --- 

sóstegnǜda (sóstegnǜdi), agg.f.

sostenuta, aiutata  |  i l’à sèmpre sóstegnǜda = l’ha sempre aiutata --- 

sóstegnǜüt, agg.m.

sostenuto, aiutato --- 

sostentamèet, s.m.

sostentamento --- 

sót bànch, avv.

sottobanco --- 

sót ciàaf, avv.   --- 

sottochiave, ben custodito  --- 

sót, avv. e prep.

sotto, al di sotto --- 

sóta óos, avv.

sottovoce (si può sentire anche “sotóos”) --- 

sóta, avv. e prep.

sotto, al di sotto  |  sóta ‘l sentéer = sotto il sentiero --- 

sótabràsc’, avv.

sottobraccio --- 

sotanìi, s.m.

sottana, sottoveste (vedi “petàcol”) --- 

sótcasèer, s.m.

aiutante del casaro, faceva il burro e lavava i recipienti  --- 

(vedi “caśinèer”) --- 

sótgàmba, avv.

sottogamba, alla leggera --- 

sotintènt, v.intr.

sottintendere --- 

sótmàa, avv.

sottomano --- 

sotomès, agg.m.

sottomesso --- 

sotomètes, v.rifl.

sottomettersi --- 

sotórna (sotórni), agg.f.

cupa, tetra, fosca, senza luce --- 

sotórno (sotórni), agg.f.

cupo, tetro, fosco, senza luce   --- 

sotpè, s.m.

sottopiede --- 

sótràa, v. tr.

sotterrare --- 

sótsùra, avv.

sottosopra; l‘è ‘ndàc’ sótsùra = è andato sottosopra, è fallito --- 

sóttèera, avv.

sotto terra --- 

sotvalutàa, v.tr.

sottovalutare --- 

sotvèet, avv.

sottovento --- 

sovènda, s.f.

modo di trasportare il legname da monte a valle lungo le mulattiere e i "tiradù": si collocano dei tronchi sui bordi dei "tiradù" specie nelle curve per facilitare lo scorrimento degli altri tronche che vengono spinti con l'apposito arnese (zapii) --- 

spàach, s.m.

spago  (vedi “strefuzìi”) --- 

spacàa, v. tr.

spaccare, spezzare, rompere  |  spacàa sǜ tǜt = rompere tutto --- 

spacàat, agg.m.

tale quale, identico, spaccato, rotto |  l’è precìis spacàat = è identico --- 

spacàda (spacàdi), agg.f.

tale quale, identica; spaccata, rotta | la sé spacàda = si è rotta --- 

spacàs, v. rifl.

rompersi  |  spacàs la schèna dal laóràa = rompersi la schiena dalla fatica  --- 

spàch, s.m.

spacco, fenditura --- 

spacù, agg.m.

spaccone, fanfarone, sbruffone --- 

spadelàa, v.tr.

spadellare; usare la padella per esempio per fare le caldarroste --- 

spadòla (spadòli), s.f.

spatola di legno, stecche di legno della gerla; sono bacchette lunghe e ben sagomate che costituiscono la parte strutturale della gerla e le danno la forma caratteristica, le “spadòli” venivano poi fissate con le “scodèsci”   --- 

spadólàa, v. tr.

falciare l’erba in modo non professionale --- 

spadronegiàa, v.intr.

spadroneggiare, comandare senza averne diritto --- 

spaeràat, s.m.

spaiato --- 

spaesàat, agg.m.

spaesato --- 

spaghèt (spaghéc’), s.m.

paura, spavento, pasta spaghetti – TO  |  gh’ò ciapàat ‘n spaghèt = ho preso un grosso spavento  --- 

spaghèt (spaghèc’), s.m.

paura, spavento – MO  |  gh’ò ciapàat ‘n spaghèt = ho preso un grosso spavento --- 

spagnṍl, agg.m.

spagnolo --- 

spagnṍla (spagnṍli), agg.f.

spagnola --- 

spagnṍla, s.f.

febbre spagnola; la grave forma epidemica scoppiò nel nostro paese e in altri centri d’Italia e d’Europa nel 1918 --- 

spàla (spàli), s.f.

spalla --- 

spalàa, v. tr.

spalare --- 

spalancàa fó, v. tr.

spalancare, aprire completamente porte e finestre – TO --- 

spalancàa fò, v. tr.

spalancare, aprire completamente porte e finestre – MO --- 

spalancàa, v. tr.

spalancare, aprire completamente porte e finestre --- 

spalèta (spaléti), s.f.

spalletta, mazzetta, strombatura di un’apertura – TO --- 

spalèta (spalèti), s.f.

spalletta, mazzetta, strombatura di un’apertura – MO --- 

spalìi, s.m.

spallina, bretella, spallaccio di zaino (usato di solito al plurale) --- 

spalmàa, v.tr.

spalmare | spalmàa ‘l bütèer sǜ ‘ndèl pàa = spalmare il burro sul pane --- 

spanàa, v. tr.

scremare, levare la panna  |  spanàa ‘l làc’ = separare la panna dal latte --- 

spànda (spàndi), s.f.

spanna (distanza tra pollice e mignolo nell’apertura massima della mano); accrescitivo =  “spandù” --- 

spànt, v. tr.

spandere, diffondere, spargere   |  spànt la gràśa = spandere il letame --- 

spantegàa, v. tr.

sparpagliare, dissipare --- 

sparàa, v. tr.

sparare --- 

sparantèl (sparantèi), s.m.

chiavistello delle catene per legare le mucche; farfalla --- 

sparegiàa, v. tr.

spaiare; relativo a paio di calze, scarpe, diverse l’una dall’altra --- 

sparegiàat, agg.m.

spaiato --- 

sparìi, v.tr.

sparire, scomparire --- 

sparìit, agg.m.

sparito, mancato --- 

sparlàa, v.intr.

sparlare, dire male altrui (vedi “dì réet”) --- 

sparmìi, v. tr.

risparmiare, fare economia --- 

sparpaiàa, v. tr.

cospargere --- 

spàrs, agg.m.    spàrsa, agg.f.            --- 

sparpagliato, sparpagliata, in ordine sparso --- 

spàrs, s.m.  --- 

asparagi  --- 

sparsèl, s.m.

ferro usato per incastrare i ferri delle botti --- 

spartìi, v. tr.

spartire, dividere in parti uguali; separare due litiganti  | spartìi la ròba = dividere l’eredità; dividere i beni --- 

spartìs, v. rifl.

dividersi, separarsi, divorziare --- 

spàs, s.m.

divertimento, gioco; spasso, passeggio  | fa spàs = giocare; ‘nda a spàs = andare a passeggio --- 

spaśegiàa, v.intr.

passeggiare --- 

spatafiàda, s.f --- 

discorso o scritto lungo --- 

spatàsc’, s.m.

quantità, moltitudine di cose (vedi “fràca, sléciàda, ròscia”) --- 

spatasciàat, agg.m.

spappolato | al me dàc’ giò  ‘n pìr, al s’è spatasciàat, l’era tròp marüut = mi è caduto una pera e si è spappolato, era troppo maturo --- 

spatasciàda (spatasciàdi), s.f.

grande quantità --- 

spatasciàda (spatasciàdi), s.f.  --- 

caduta, capitombolo, ruzzolone | gh’ò ciapàat  gió ‘na spatasciàda = sono caduto rovinosamente --- 

spatasciàs, v. rifl.

spappolarsi, sfracellarsi, cadere rovinosamente, cadere lungo e disteso e farsi male  |  al se spatasciàat = è caduto lungo e disteso e si è fatto male --- 

spàtola, s.m.

spatola, di legno o di metallo (vedi “spàdola”) --- 

spavàld, agg.m.

spavaldo, sicuro di sé --- 

spavèntapaśèr, s.m.

spaventapasseri --- 

spàvi, agg.m.

selvaggio, indocile, renitente, indomito, restio --- 

spàvia, agg.f.

selvaggia, indocile, renitente, indomita, restia --- 

spazàa, v. tr.

spazzare, ripulire con la scopa o con la pala   |  spazàa ‘l pràat = ripulire il prato dai residui della concimazione organica --- 

spazacà, s.m.

solaio, sottotetto --- 

spazacamì, s.m.

spazzacamino --- 

spazanìif, s.m.

spazzaneve --- 

spazèta (spazéti), s.f.

spazzola della lavandaia – TO --- 

spazèta (spazèti), s.f.

spazzola della lavandaia – MO --- 

spazetù, s.m.

spazzolone --- 

spàzi, s.m.

spazio --- 

spazìi, s.m.

spazzino, netturbino --- 

spazióos, agg.m.

spazioso, ampio --- 

spaziósa (spaziósi), agg.f.

spaziosa, ampia  |  ‘na cüsina spaziósa = una cucina spaziosa --- 

spàzola (spàzoli), s.f.

spazzola (per panni, scarpe o capelli) --- 

spazolàa, v. tr.

spazzolare --- 

spazulìi, s.m.

spazzolino per i denti --- 

spéc’, s.m.

specchio – TO --- 

spèc’, s.m.

specchio – MO --- 

speciàa, v. tr.

aspettare, attendere --- 

speciàal, agg.m.

speciale, interessante, straordinario --- 

speciàala (speciàli), agg.f.

speciale, interessante, straordinaria --- 

specializzàs, v.rifl.

specializzarsi sul lavoro --- 

speciàs ité, v. rifl.

specchiarsi, guardarsi allo specchio – TO --- 

speciàs itè, v. rifl.

specchiarsi, guardarsi allo specchio – MO --- 

speciàs, v. rifl.

aspettarsi, attendersi, darsi appuntamento --- 

specificàa, v.intr.

specificare, precisare --- 

specülàa, v.intr.

speculare --- 

spelàa, v.tr.

spellare, scorticare --- 

spelàs, v. rifl.

spellarsi, prodursi un’escoriazione --- 

spendasciù, s.m.

spendaccione, prodigo --- 

spendasciùna (spendasciùni), s.f.

spendacciona, prodiga --- 

spenèlàa, v.tr.

spennellare, pennellare (vedi “penèlàa”) --- 

spènt, v. tr.

spendere  --- 

spéra, s.f.

schizzo di latte che esce nella spremitura di una mammella di un mammifero tipo mucca, pecora, capra, ecc..

speràa, v.intr.

sperare --- 

spergiüràa, v. intr.

insistere in un’affermazione, spergiurare --- 

spericolàat, agg.m.

spericolato, che non bada ai pericoli --- 

sperlüfìda (sperlüfìdi), agg.f.

arruffata, scapigliata, spettinata | dendómàa la leva sü dal léc’ tüta sperlüfìda = al mattino si alza dal letto tutta scapigliata --- 

sperlüfìit (sperlüfìic’), agg.m.

arruffato, scapigliato, spettinato | dendómàa levi sü dal léc’ tüt sperlüfìit = al mattino mi alzo dal letto tutto scapigliato --- 

sperù, s.m.

sperone --- 

spès, agg.m.

fitto, denso, spesso --- 

spès, avv.

spesso, frequentemente --- 

spèśa (spèśi), agg.f.

fitta, densa, spessa  |  la vèdi spèśa = è una situazione difficile --- 

spésa (spési), s.f.

spesa  |  l’è püsée la spésa che l’imprésa = è un’ azione svantaggiosa --- 

spètacol (spetàcoi), s.m.

spettacolo --- 

spetànsa, s.f.

spettanza, diritto, compenso o retribuzione --- 

spetégolàa, v. intr.

spettegolare --- 

spètorgna, s.f.  --- 

noia, mollezza, indolenza  |  laoràa de spetòrgna = lavorare con indolenza  --- 

spézi, s.f. pl.

spezie --- 

spìa (spìi), s.f.  --- 

spia, delatore; spioncino  |  la spìa dèla benzina = la spia della benzina --- 

spiàa, v. tr.  --- 

spiare, osservare di nascosto  --- 

spiàna, s.f.

recipente in legno tipo scodella ma più piatto usato per retrarre la cagliata e per togliere la panna che si formava in superficie nella "còldera", con la quale fare poi  il burro  --- 

spianàa, v.tr.

spianare, livellare (vedi “paregiàa”) --- 

spiantàat, agg. e s.m.

spiantato, ridotto in miseria, squattrinato  --- 

spiantàda (spiantàdi), agg. e s.f.

spiantata, ridotta in miseria, squattrinata --- 

spiantàs, v. rifl.

spiantarsi, andare in malora --- 

spiàzz, s.m.

spiazzo, spazio largo --- 

spìch, sm --- 

spicchio | ‘n spìch de ài = uno spicchio d’aglio  (vedi “fìśa”) --- 

spiegàa, v. tr.

spiegare --- 

spiegàs, v. rifl.

spiegarsi --- 

spiegazzàa, v.ntr.

spiegazzare, piegare malamente --- 

spiegazzàat, agg.m.

spiegazzato, piegato malamente --- 

spìfer, s.m.

spiffero --- 

spiferàa, v. tr.

spifferare, riferire --- 

spìga (spìghi), s.f.

spiga di ogni cereale --- 

spignatàa, v. intr.

cucinare, spignattare --- 

spìgol (spìgoi), s.m.

spigolo, angolo  |  ‘l spìgol dèl mǜür = lo spigolo del muro --- 

spigolàa, v. tr.

spigolare (uva, castagne o altro)  |  spigolàa l’üa = raccogliere i grappoli rimasti dopo la vendemmia --- 

spigòlsa (spigòlsi), s.f.

altalena, sin. “pigòlsa” --- 

spìi, s.m.

spino, aculeo ( di rovo, di rosaio o di robinia)  |  ès sǜ ‘n di spìi = essere in ansia --- 

spìich, s.m.

sinonimo di “spìi” | góo itè ‘n spiich en chèsto dìit = ho dentro uno soino in questo dito --- 

spìla (spìli), s.f.

spilla --- 

spilòrsc’, agg. e s.m.  --- 

spilorcio, avaro, taccagno --- 

spilòrscia (spilòrsci), agg. e s.f.

spilorcia, avara, taccagna --- 

spìna (spìni), s.f.

rubinetto della botte per spillare il vino, rubinetto per l’acqua; spina, dispositivo che si inserisce nella presa della corrente  --- 

spinàz, s.m. pl.  --- 

spinaci --- 

spionàa, v. tr.

spiare, guardare di nascosto --- 

spiovènt, agg.m.

spiovente --- 

spìret, s.m.

spirito, alcool, fantasma, coraggio --- 

spiritàat, agg.m.

spiritato, invaso dal demonio --- 

spiritṍs, agg.m.

spiritoso, brioso, vivace  --- 

spiritṍsa (spiritṍsi), agg.f.

spiritosa, briosa, vivace --- 

spirlungù, s.m.

spilungone, smilzo (persona più alta del normale e molto magra) --- 

spiscinìi, v. tr.

rimpicciolire --- 

spiù, s.m.

spione  --- 

spiümàa, v. tr.

spiumare, levare le piume ad un volatile --- 

spizièer, s.m.

farmacista, speziale; persona meticolosa e pignola --- 

spizzolàs, v.rifl.  --- 

litigare, battibeccare --- 

spòia (spòi), s.f.

scheggia di legno --- 

spṍla (spṍli), s.f.

il tubetto su cui si avvolge il filato della trama e che si inserisce nella navetta per la tessitura; piccolo arnese di legno duro con un foro e un’asola sagomata dove passa la fune, che serve per legare strettamente un carico di legna o di fieno   --- 

spṍla (spṍli), s.f.

individuo poco raccomandabile --- 

spólèta (spóléti), s.f.

rocchetto metallico per macchine da cucire; il tubetto su cui si avvolge il filo per cucire – TO  |  ‘na spóléta de réf = un rocchetto di filo per cucire --- 

spólèta (spólèti), s.f.

rocchetto metallico per macchine da cucire; il tubetto su cui si avvolge il filo per cucire – MO  |  ‘na spólèta de rèf = un rocchetto di filo per cucire --- 

spolveràa, v.tr.

spolverare, togliere la polvere  --- 

spónda (spóndi), s.f.

sponda --- 

sponsàal, s.m.

sponsale, promessa di fidanzamento --- 

spóos, s.m.

sposo, marito, coppia di sposi  |  ‘ndàa a spóos = partecipare alle nozze --- 

sportèl, s.m.

sportello --- 

sportilìi, s.m.

piccolo sportello --- 

spósa (spósi), s.f.

sposa, moglie --- 

spósàa, v. tr.  --- 

sposare, unire in matrimonio  |  spósàa ‘l ciù = mettere un ferretto sul grugno del maiale per impedigli di rovistare ovunque in cerca di cibo  --- 

spósalizi, s.m.

sposalizio, nozze, cerimonia nuziale --- 

spósàs, v. rifl.

sposarsi, prendere moglie o marito --- 

spostàa, v. tr.

spostare, rimuovere, portare una cosa da un posto ad un altro --- 

spostàs, v. rifl.

spostarsi --- 

sprànga (sprànghi), s.f.

spranga, sbarra di legno o di ferro usata come traversa per chiudere una porta --- 

sprangàa, v. tr.

sistemare una spranga, di legno o di ferro, di traverso all’interno di una porta per garantirne la chiusura --- 

spràngàat, agg.m.

chiuso con una spranga  --- 

sprangàda (sprangàdi), agg.f.

chiusa con una spranga --- 

sprecàa, v.tr.

sprecare, spendere a iosa --- 

spresóor, s.m.

asse di forma circolare con i bordi rialzati e con un’apertura da un lato, dove si metteva il formaggio appena fatto, sopra al formaggio si metteva un peso per facilitare l’uscita del siero --- 

sprìcol (sprìcoi), agg.m.

vivace, intraprendente, vispo, riferito a una persona che si muove e fa le cose con velocità  --- 

sprìcola (sprìcoli), agg.f.

vivace, intraprendente, vispa --- 

sprofóndàa, v. intr.

sprofondare, affondare --- 

spropòset, s.m.

sproposito, strafalcione, quantità enorme  --- 

sprüzzàa, v.tr.

spruzzare, schizzare liquidi --- 

spǜda, s.f.

saliva   |  tacàat  ‘nsèma  con la spǜda = unito in modo precario --- 

spüdàa, v. intr.

sputare --- 

spuigiǜda (spuigiǜdi), s.f.

puntura (d’insetto, di una spina o di qualsiasi oggetto acuminato) --- 

spùisc’, v. tr.

pungere --- 

spulmunàs, v.rifl.

spolmonarsi, gridare, affaticarsi, sgolarsi | fìm ca spulmunàs = non fatemi affaticare i polmoni a gridare --- 

spulverìi, s.m.

spolverino, impermeabile leggero --- 

spunciù, s.m.

oggetto acuminato e pungente --- 

spuntìno, s.m.

spuntino --- 

spürgàa, v. tr.

spurgare --- 

spǜza (spǜzi), s.f.  --- 

puzza, puzzo, cattivo odore --- 

spüzàa, v. intr.

puzzare, emanare cattivo odore --- 

spüzolèet, agg.m.

puzzolente, maleodorante  --- 

spüzolèeta (spüzoleéti), agg.f.

puzzolente, maleodorante – TO --- 

spüzolèeta (spüzolèeti), agg.f.

puzzolente, maleodorante – MO --- 

squàc’, s.m.

spavento improvviso, grande paura --- 

squàdra (squàdri), s.f.

squadra strumento triangolare per disegnare   |  es ‘n squàdra = essere perpendicolare --- 

squàdra (squàdri), s.f.

gruppo o formazione organica di persone con compiti e funzioni comuni es.: squadra di lavoro, squadra di calcio  --- 

squagiàs, v. rifl.

spaventarsi improvvisamente, provare grande paura --- 

squartàa, v.tr.

squartare, relativo al maiale, fare a pezzi, a quarti --- 

squazzadù, s.m.

acquazzone --- 

squìsc’, agg.m.

affamato, essere a pancia vuota  |  sóo squìsc’ = ho fame --- 

srarìi, v. tr.

diradare, sfoltire  |  srarìi fò li carotòli = diradare le carote --- 

sródolàa, v.tr.

srotolare  --- 

srógnàa, v. tr.

spollonare, togliere i germogli non fruttiferi della vite (li “rógni”) --- 

stà (stì), agg.f.

questa  |  stà ca = questa casa --- 

stàa ‘ndrèet, v. intr.

stare lontano, limitarsi, non eccedere  |  stàa ‘ndrèet  ‘ndèl bìif = limitati nel bere  --- 

stàa gió, v. intr.

non alzarti --- 

stàa ià, v. intr.

stare lontano, essere assente  |  l’è stàc’ ià ‘n mìis = è stato via un mese --- 

stàa sǜ,  v. intr.

stare alzato --- 

stàa, v. intr.

stare, rimanere, abitare  |  sta come torre ferma che non crolla già mai la cima per soffiar de’ venti (Dante); stàa a Milàa = abitare a Milano; làgà stàa = lascia perdere, non toccare --- 

stàat, s.m.  --- 

stato, situazione  |  al se trùa ‘n catìif stàat = si trova in una brutta situazione --- 

stabilidǜra (stabilidǜri), s.f.

stabilitura, ultimo strato di intonaco --- 

stabilìi, v. tr.

stabilire, decidere, intonacare --- 

stabilìit, agg.m.    --- 

stabilito, fissato, concordato, intonacato  --- 

stabilìs, v. rifl.

stabilirsi, fissare la dimora in un certo luogo  |  i s’è stabilìs a Cóm = prendono domicilio a Como --- 

stacàa, v.tr.

staccare, separare --- 

stàch réet, v. intr.

corteggiare, accudire --- 

stàch té, v. intr.

non rimetterci  |  ghé stóo ité apèna ‘ndéli spési = ho solo coperto le spese  – TO --- 

stàch tè, v. intr.

non rimetterci  |  ghe stòo itè apèna ‘ndèli spési = ho solo coperto le spese  – MO --- 

stàch, v. intr.

starci, partecipare |  ghe stòo a mi = partecipo anch’io --- 

stachèta (stachéti), s.f.

chiodo corto con larga capocchia sagomata che veniva usato una volta come protezione delle suole delle scarpe – TO --- 

stachèta (stachèti), s.f.

chiodo corto con larga capocchia sagomata che veniva usato una volta come protezione delle suole delle scarpe – MO --- 

stadéra (stadéri), s.f.

tipo di bilancia, basato sul principio della leva: consiste essenzialmente in un’asta metallica tarata in kg. e loro frazioni, sulla quale si sposta un peso (detto romano), in un gancio per tenerla sollevata funzionante da fulcro, e in un piatto, appeso per mezzo di catenelle  a un’estremità dell’asta, sul quale si pone l’oggetto da pesare    --- 

stadómàa, avv.

stamattina --- 

stafìl, s.m.  --- 

staffile, cinghia di cuoio o di altro materiale usato nelle selle --- 

stàgia (stàgi), s.f.

staggia, staggio, asta graduata per misurazioni, asta dritta ben levigata usata in edilizia per stabilire piani orizzontali o verticali  o per creare un piano stendendo malta o intonaco --- 

stagiù, s.f.

stagione  |  fàa la stagiù = svolgere lavori stagionali lontano da casa --- 

stagiunàa, v. intr.

stagionare (riferito a formaggi, salumi o legno)  --- 

stagiunàat (stagiunàac’), agg.m.

stagionato --- 

stagiunàda (stagiunàdi), agg.f.

stagionata --- 

stagiunadǜra (stagiunadǜri), s.f.

stagionatura, il tempo e il modo in cui viene stagionato --- 

stàgn, agg.m.

a tenuta d’acqua, duro | te sée stàgn = sei sodo, hai la carne soda; --- 

usato nell’espressione:  parlàa stàgn = parlare a voce alta sostenuta --- 

stàgn, s.m.

stagno (metallo) --- 

stàgna (stàgni), agg.f.

a tenuta d’acqua, dura, soda --- 

stagnàa, v. tr.

stagnare, riparare, otturare con lo stagno --- 

stagnàda (stagnàdi), s.f.

lavorazione fatta a stagno | coldéra stagnàda = grossa conca in rame ricoperta di un velo di stagno ( si usava per raccogliere il latte a fargli fare la panna e per scaldarlo al momento di fare il formaggio) --- 

stàla (stàli), s.f.

stalla; nel passato la stalla era un luogo di ritrovo per le veglie serali nella stagione invernale sinonimo di “masù” --- 

staladìsc’, s.m.

bestia rimasta troppo in stalla che fatica a camminare --- 

stambèrga (stambèrghi), s.f.

stamberga, topaia, catapecchia --- 

stàmp, s.m.

stampo (caratteristico è quello in legno che dà forma al panetto di burro); punta in acciaio per  forare rocce da minare  --- 

stampàa, v. tr.

stampare  |  al pàrla  cóma ‘n lìbro stampàat  = una persona che sa tante cose e le esprime bene, viene usato anche in senso ironico   --- 

stampée, s.m.

stare in piedi | stampée de la lǜm = porta lume --- 

stampéla (stampéli), s.f.

stampella, gruccia – TO --- 

stampèla (stampèli), s.f.

stampella, gruccia – MO --- 

stampìi, s.m.

piccolo stampo | stampii dèl bütéer = stampo per il burro (di solito per pani da mezzo kg  con il disegno di una mucca o di un fiore sul fondo che si stampa sul pezzo di burro) --- 

stànga (stànghi), s.f.

stanga, robusto e lungo pezzo di legno; persona alta e snella --- 

stangàda (stangàdi), s.f.

stangata, colpo di stanga o di bastone; grave perdita finanziaria; solenne bocciatura  --- 

stanghèt, s.m.

grosso bastone  --- 

stangù, s.m.

persona molto alta --- 

stangùna (stangùni), s.f.

donna molto alta, valchiria --- 

stanòc’, avv.

stanotte --- 

stànsa (stànsi), s.f.

camera da letto --- 

stantàa, v. intr.

stentare, riuscire a malapena  |  sǜ ‘ndèl Ròla al gh’è sǜ ‘na piànta ca pèna üu al stànta a portàla ià = sul monte Rolla c’è una pianta che uno solo riesce a malapena a portarla  | stànti a crèdel = faccio fatica a crederlo --- 

stantìif, s.m. e agg.m.

stantio, rancido  |  ódóor de stantìif = cattivo odore, odore di stantio --- 

(vedi “rotèch”) --- 

stantìva (stantìvi), agg.f.

stantia, rancida --- 

staòlta, avv.

questa volta --- 

stapàa, v.tr.

stappare, togliere il tappo --- 

starnüdìi, v. intr.

starnutire --- 

starnǜt, s.m.

starnuto --- 

stasìra, avv.

stasera --- 

stàtüa (stàtüi), s.f.

statua  |  la stàtüa dèla Madóna = la statua della Madonna --- 

statǜra, s.f.

statura, altezza del corpo  --- 

staziù, s.f.

stazione ferroviaria --- 

stèca (stéchi), s.f.

stecca, asticella di legno, stecca di sigarette – TO --- 

stèca (stèchi), s.f.

stecca, asticella di legno, stecca di sigarette – MO  |  la stèca dèl bigliàrt = la stecca del gioco del bigliardo --- 

stecàda (stecàdi), s.f.

colpo di stecca, steccata, recinzione costituita da una serie di elementi di legno  --- 

stèch, s.m.

stuzzicadenti --- 

stechèt, loc. avv.

tenere qualcosa rigorosamente sotto controllo  |  stàa a stechèt = rispettare rigorosamente  una dieta --- 

stechèta, loc. avv.

tenere qualcosa rigorosamente sotto controllo  |  stàa a stechèta = rispettare rigorosamente  una dieta --- 

stechìi, v. tr. e intr.

stecchire, uccidere  --- 

stechìit, agg.m.

morto stecchito --- 

steculìna (steculìni), s.f.

piccolo pezzo di legno, grande la metà di una matita, che si usava per insegnare a contare  ai bambini  della prima elementare --- 

stèla (stéli), s.f.

stella – TO --- 

stèla (stèli), s.f.

stella – MO --- 

stènt, v. tr.

stendere  |  stènt i stràsc’ = stendere i panni --- 

stentàa, v. intr.

stentare, riuscire a malapena (vedei “stantàa”) --- 

stèren, s.m.

soppalco della stalla per mettere il fieno di scarto o altro --- 

stèrla (stérli), agg.f.

sterile – TO  |  na vàca stèrla = una mucca sterile, non gravida --- 

stèrla (stèrli), agg.f.

sterile – MO  |  ‘na vàca stèrla = una mucca sterile --- 

stèrs, s.m.

sterzo, volante dell’automobile --- 

stersàa, v. intr.

sterzare --- 

stèś, agg.m.

stesso, uguale, simile  --- 

stèśa (stéśi), agg.f.

stessa, uguale, simile – TO  |  sóo stüf de maiàa la stéśi róbi  = sono stufo di mangiare le stesse cose --- 

stèśa (stèśi), agg.f.

stessa, uguale, simile – MO |  sòo stüf de maiàa li stèśi ròbi = sono stufo di mangiare le stesse cose --- 

stiletàda (stiletàdi), s.f.

stilettata, dolore violento, di solito su un fianco o alla schiena --- 

stìm  --- 

si usa solo nell’espressione: a stìm = a occhio, approssimativamente --- 

stìma (stìmi), sf.

stima, rispetto; perizia, valutazione di un perito --- 

stimàa, v. tr.

stimare, apprezzare, rispettare; valutare --- 

stimàna (stimani), s.f.

settimana, vedere: “sitimàna” --- 

stimàs, v. rifl.

stimarsi, pavoneggiarsi --- 

stimolàa, v.tr.

stimolare, incitare --- 

stìnca (stìnchi), agg.f.

rigida, irrigidita; ubriaca fradicia  |  gàmba stìnca = gamba che non si piega al ginocchio --- 

stìnca (stìnchi), s.f.  --- 

ubriacatura (vedei “ciòca”) --- 

stincàa fó, v. tr.

uccidere, ammazzare; anche bere tutto il contenuto di  un bicchiere, fiasco, ecc.  – TO --- 

stincàa fò, v. tr.

uccidere, ammazzare; anche bere tutto il contenuto di  un bicchiere, fiasco, ecc– MO --- 

stincàa, v. tr.

uccidere, ammazzare --- 

stincàs, v. rifl.

ubriacarsi --- 

stìnch, agg.m.

rigido, irrigidito; ubriaco fradicio --- 

stiràa, v. tr.

stirare --- 

stiramèet, s.m.

stiramento, strappo muscolare (vedi “strèp”) --- 

stiràs, v. rifl.

distendere le membra per riattivare il tono dei muscoli intorpiditi --- 

stirunàa, v.tr.  --- 

strattonare, spintonare  --- 

stirunàat, agg.m.

strattonato, spintonato | al l’à stirunàat par la giàca = la strattonato per la giacca --- 

stirunàda (stirunaàdi), s.f.

strattonata | 'n s’era réet a discüt e 'l ma dac' na stirunàda= stavamo discutendo e mi ha dato una strattonata --- 

stirunàs, v.pron.

strattonarsi, darsi degli strattoni; stiracchiarsi (vedi “sgranchìs”) --- 

stìtech, agg.m.

stitico, avaro --- 

stivàl (stìvài), s.m.

stivale --- 

stizù, s.m.

tizzone, pezzo di legno infuocato --- 

stò (stì), agg.m.

questo  |  stì àgn ‘ndrèe = negli anni passati (vedi “chèsto”) --- 

stòch, s.m.

travetto usato nell’edilizia per puntellare --- 

stómech, s.m.

stomaco; seno, petto  |  mal de stómech = mal di stomaco; vìch ‘l pìil sǜ stómech = non avere scrupoli --- 

stómegàa, v. tr.

stomacare, disgustare, nauseare, infastidire fortemente  --- 

stómegàat, agg.m.

nauseato (vedi “sorfenàat”) --- 

stómegàda (stómegàdi), agg.f.

nauseata (vedi “sorfenàda”) --- 

stóren (stóregn), agg.m.

sordo | l’è stóren còma ‘na tàpa = è sordo come un pezzo di legna --- 

stòrges, v. rifl.

torcersi, contorcersi per il male  |  stòrges dal grignàa = contorcersi per una risata smodata --- 

stòria (stòri) s.f.

storia; racconto, favola; frottola, fandonia  |  cǜnta ca sǜ stòri = non raccontare frottole; fa mìga stòri = non tergiversare  --- 

stórna (stórni), agg.f.

sorda --- 

stórnèl (stórnéi), s.m.

storno (uccello della famiglia dei passeracei) – TO --- 

stórnèl (stórnèi), s.m.

storno (uccello della famiglia dei passeracei) – MO --- 

stòrsc’, v. tr.

torcere, contorcere  --- 

stòrt, agg.

storto, piegato, curvo  --- 

stòrta (stòrti), agg.

storta, piegata, curva  --- 

stòrta (stórti), s.f.

distorsione – TO --- 

stòrta (stòrti), s.f.

distorsione  |  gh’ò ciapàat ‘na stòrta en de’n pè = mi sono procurato una distorsione a un piede – MO --- 

stortàa, v. tr.

piegare, incurvare --- 

stortàat, agg.m.

incurvato, piegato, distorto  |  me sòo stortàat ‘n dìit = mi sono distorto un dito --- 

stortacòl, s.m.

torcicollo --- 

stortàda (stortàdi), agg.f.

incurvata, piegata, distorta --- 

stortàs, v. rifl.

incurvarsi, piegarsi, distorcersi --- 

stràa, agg.m.

strano --- 

stràca (stràchi), agg.f.

stanca, affaticata --- 

stracàa, v. tr.

stancare, affaticare; annoiare, molestare, stufare --- 

stracàrech, agg.m.

stracarico, sovraccarico --- 

stracàs, v. rifl.

stancarsi --- 

stràch, agg.m.

stanco, affaticato  |  stràch  cóma ‘n asen = stanco morto --- 

strachèza, s.f.

stanchezza  --- 

strachìi, s.m.

gorgonzola --- 

stràda (stràdi), s.f.

strada  |  fàa stràda = far carriera --- 

stràdegàa, v.tr.

spezzettare il letame invecchiato in un mucchio con apposito tridente a denti curvi chiamato “stradegù” --- 

stradegù, s.m.         --- 

tridente a denti curvi per “stradegàa” --- 

stradìi, s.m.

stradino, operaio addetto alla manutenzione delle strade  --- 

(vedi “stradiröl”) --- 

stradìna (stradìni), s.f.  --- 

stradina, strada di campagna --- 

stradiröl, s.m.

stradino, operaio addetto alla manutenzione delle strade --- 

stradù, s.m.

strada principale --- 

strafàa, v.intr.

strafare, fare più del dovuto --- 

strafotèet, agg.m.

strafottente, arrogante  --- 

strafotèeta (stafotèeti), agg.

strafottente, arrogante  --- 

strafüsàri, s.m.

persona confusionaria e inconcludente --- 

stralünàat, agg.m.

stralunato, con gli occhi spalancati --- 

stràm, s.m.

rami con le foglie fatte seccare, sin. “viscèi”  --- 

stramalidii, v.tr.

stramaledire --- 

stràmba (stràmbi), agg.f.

stramba, strana, stravagante --- 

stramberìa (stramberìi), s.f.

stramberia, bizzarria, stravaganza | fa ca stramberìi = non fare stupidaggini --- 

stràmbo (stràmbi), agg.m.

strambo, strano, stravagante --- 

stramezàa, v. tr.

dividere, realizzare una parete divisoria in un locale per ottenerne due --- 

strampalàat, agg.m.

strampalato --- 

stramǜsc’, s.m.

stropicciato, sgualcito --- 

stramǜscia (stramǜsci), s.f.

stropicciata, sgualcita --- 

stramüsciàa, v. tr.

stropicciare (sinonimo di “stramüscìi”) --- 

stramüsciàat, agg.m.

stropicciato, non stirato --- 

stramüscìda (stramüscìdi), agg.f.

stropicciata, non stirata, sinonimo di stramüsciàda --- 

stramüscìi, v. tr.

stropicciare --- 

stramüscìit, agg.m.

stropicciato, non stirato, sinonimo di stramüsciàat --- 

strangolàa, v. tr.  --- 

strangolare, strozzare --- 

strangolàat, agg.m.

strangolato --- 

strangolàs, v. rif.  --- 

strangolarsi  --- 

stranguiù, s.m.

persona che ingoia voracemente cibo e bevande --- 

 forse anche stringulù MO e strangulù TO --- 

stranguiunàa, v. tr.

trangugiare voracemente, tracannare --- 

straparlàa, v. intr.

vaneggiare, delirare, sproloquiare --- 

strapiómp, s.m.

strapiombo, precipizio --- 

stràsc’, s.m.

straccio, cencio, strofinaccio; vestito  |  i stràsc’ dala fèsta = i vestiti che si mettono nei giorni festivi --- 

strascèer, s.m.

straccivendolo   |  al ósa  cóma ‘n strascèer = urla come uno straccivendolo --- 

strasciàat, agg.m.

stracciato, lacero, vestito male, malmesso --- 

strasciàda (strasciàdi), agg.f.

stracciata, lacera, vestita male, malmessa --- 

strasciù, s.m.

straccione, pezzente --- 

strasìda (strasìdi), agg.f.

secca --- 

strasìit, agg.m.

secco  |  sèch strasìiti = molto secco | véc’ strasìit = molto vecchio --- 

stratèep, s.m.

temporale improvviso, tempo che cambia in peggio repentinamente  --- 

stravacàa, v. tr.

rovesciare, capovolgere, ribaltare; andare fuori di testa (in senso figurativo) --- 

stravacàs, v. rifl.

sdraiarsi, sedersi, stendersi in posizione scomposta  --- 

stravéc’, agg.m.

stravecchio --- 

stravégia (stravégi), agg.f.

stravecchia --- 

stravidìi, v. intr.

stravedere  |  al fà stravidìi = fa cose straordinarie --- 

strécia (stréci), agg.f.

stretta, strettoia – TO  |  ‘na strécia = una via molto stretta --- 

strècia (strèci), agg.f.

stretta, strettoia – MO  |  ‘na strècia = una via molto stretta --- 

strédola (strédoli), s.f.

scaglia di legno – TO --- 

strèdola (strèdoli), s.f.

scaglia di legno – MO --- 

stredolàa sǜ, v. tr.

ridurre un pezzo di legno in scaglie --- 

stredolàa, v. tr.

tagliuzzare, ridurre a scaglie --- 

stredolòz, s.m.

residui di cose tagliate --- 

stréec’, agg.m.

stretto, ristretto – TO  |  l’è stréc’ de mànega = è piuttosto avaro --- 

strèec’, agg.m.

stretto, ristretto – MO  |  l’è strèc’ de mànega = è piuttosto avaro --- 

strefuzìi, s.m.

spago (vedi “spàach”) --- 

stréiges,  v. rifl.

stringersi (per occupare meno posto), restringersi – TO --- 

strèiges,  v. rifl.

stringersi (per occupare meno posto), restringersi – MO --- 

streigiǜda (streigiǜdi), agg.f.

stretta  |  gh’ò dac’ ‘na bèla streigiǜda = l’ho legato molto bene --- 

streigiǜut, agg.f.

stretto --- 

stréisc’, v. tr.

stringere, legare ben stretto, restringere un vestito – TO --- 

strèisc’, v. tr.

stringere, legare ben stretto, restringere un vestito – MO --- 

stremenàa, v. tr.

scuotere, scrollare --- 

stremenàda (stremenàdi), s.f.

scrollone, scossone, strapazzata  |  gh’ò dac’ ‘na stremenàda = l’ho ripreso con durezza --- 

streòlt (streòlc’), agg.m.

stravolto, sconvolto, sbigottito --- 

streòlt, s.m.

si dice di persona poco serena, si dice anche del cielo quando la forma, il colore, la direzione, la velocità delle nuvole non promettono niente di buono  |l’è straòlt, al mira ca fò bée = è stravolto, non promette bene --- 

streòlta (streòlti), agg.f.

stravolta, sconvolta, sbigottita --- 

strèp, s.m.

strappo, stiramento   |  gh’ò ciapàat ‘n strèp = ho preso uno strappo muscolare --- 

strepàa fó, v. tr.

strappare, sradicare, estirpare – TO  |  strepàa fó l’èrba de l’òrt = strappare le erbacce dall’orto --- 

strepàa fò, v. tr.

strappare, sradicare, estirpare – MO  |  strepàa fò l’èrba de l’òrt = strappare le erbacce dall’orto --- 

strepàa sǜ, v. tr.

strappare, sradicare, estirpare  |  strepàa sǜ ‘n pàal = strappare un palo --- 

strepàa, v. tr.

strappare, sradicare, estirpare --- 

strepàat (stgrepàac’), agg.m.

strappato, sradicato, estirpato; rovinato economicamente --- 

strepàda (strepàdi), agg.f.

strappata, sradicata, estirpata; rovinata economicamente --- 

strepàs, v. rifl.

rovinarsi economicamente --- 

strepàz, s.m.

strapazzo, faticaccia --- 

strepazàa, v. tr.

strapazzare, sciupare --- 

strepazàat, agg.m.

sciupato, sprecato; logorato fisicamente --- 

strepazàda (strepazàdi), agg.f.

sciupata, sprecata; logorata fisicamente --- 

strepazàs, v. rifl.

strapazzarsi, affaticarsi troppo --- 

strèpèt, s.m.

usato solo nell’espressione strèpet de gòmet = conato di vomito  --- 

streportàa, v. intr.

prolungare il tempo della gravidanza sulla data presunta (con riferimento alle mucche)  --- 

strepù, s.m.

pianta sradicata dall'intemperia --- 

strìa (strìi), s.f.

strega --- 

strimìda (strimìdi), agg.f.

spaventata, impaurita, timida, intimidita --- 

strimìi, v. tr.

spaventare, impaurire --- 

strimìit, agg.m.

spaventato, impaurito, timido, intimidito  |  l’è ‘n pòo strimìit = è un po’ timido --- 

strimìzi, s.m.

spavento  | gh’ò ciapàat ‘n strimìzi = ho preso un grosso spavento --- 

strìnga (strìnghi), s.f.

stringa, legaccio delle scarpe (vedi “lasciṍl”) --- 

striù, s.m.

indovino --- 

strìzech, s.m.

dolore improvviso, (vedi “stiletàda” =stilettata )    --- 

strṍac’ --- 

parole senza senso | la dìs fò nóma strṍac’ = dice solo parole senza senso --- 

stróc’, agg.m.

sporco, sudicio, sinonimo di  “bródec” --- 

strógia (strógi), agg.f.

sporca, sudicia, sinonimo di “bródega” --- 

strógiàa, v. tr.

sporcare --- 

strógiàat, agg.m.

sporcato --- 

strógiàda (stógiàdi), agg.f.

sporcata --- 

strógiàs sǜ, v. rifl.

sporcarsi --- 

strógiàs, v. rifl.

sporcarsi --- 

stròlech, s.m.

zingaro --- 

stròlega (stròleghi), s.f.  --- 

zingara, donna di facili costumi e girovaga --- 

stróns, s.m.

stronzo, escremento solido a forma di cilindro; ingiuria rivolta a persona malvagia e spregevole  --- 

strónza (strónzi), s.f.

ingiuria rivolta a persona malvagia e spregevole --- 

stròpa (strópi), s.f.

ramo flessibile e ritorto di salice, di betulla che viene usato per fare gli spallacci di gerle e per legare fascine di legna – TO  |  strópi dèl gèrlo = spallacci della gerla;  fàa li strópi = stiracchiarsi, sgranchirsi le membra   --- 

stròpa (stròpi), s.f.

ramo flessibile e ritorto di salice, di betulla che viene usato per fare gli spallacci di gerle e per legare fascine di legna – MO  |  stròpi dèl gèrlo = spallacci della gerla;  fàa li stròpi = stiracchiarsi, sgranchirsi le membra   --- 

stropaiṍl, s.m.

legaccio di salice o betulla --- 

stròz, s.m.  --- 

particolare giocata fatta nel gioco della briscola (gioco delle carte), che consiste nel fatto che una carta di valore superiore permette di vincere una di valore inferiore dello stesso seme --- 

strozàa, v. tr.

strozzare, strangolare; effettuare una particolare giocata a briscola (vedi “stròz”) --- 

strozàat, agg.m.    --- 

strozzato  --- 

strozadǜra (strozadǜri), s.f.

restringimento --- 

strozàs, v. rifl.

strozzarsi, impiccarsi, soffocarsi (per un boccone andato di traverso)  --- 

strücàa, v. tr.

strizzare, comprimere, stringere forte con le mani (per esempio un panno lavato) --- 

strücàat, agg.m.     --- 

strizzato, spremuto --- 

strugiù, agg. e s.m.  --- 

sporcaccione, sbrodolone --- 

strugiùna (strugiùni), agg. e s.f.

sporcacciona, sbrodolona --- 

strümènt, s.m.

strumento --- 

strǜpi, agg.m.

storpio, sciancato --- 

strǜpia (strǜpi), agg.f.

storpia, sciancata --- 

strüsnàa, v. tr.

strofinare, rasentare qualcuno o qualcosa  |  strüsnàa ‘l mǜür = rasentare il muro --- 

strüsnàat (strüsnàac’), agg.m.        --- 

sfregato, strisciato | la strüsnàat la machéna cùntra ‘n pàal = ha sfregato l’auto contro un paolo --- 

strüsnàda (strüsnàdi), s.f. e agg.f.

strisciata, sfregata  --- 

strüsnàs ité, v. rifl.

strofinarsi, sfregarsi – TO  |  l gat al se strǜsna ité ‘ndéli gàmbi de li scàgni = il gatto si strofina nelle gambe delle sedie --- 

strüsnàs itè, v. rifl.

strofinarsi, sfregarsi – MO  |  ‘l gat al se strǜsna itè ‘ndèli gàmbi de li scàgni = il gatto si strofina nelle gambe delle sedie --- 

strüsnù, s.m.

individuo strisciante e mellifluo --- 

strǜt, s.m.

strutto --- 

struzìi, s.m.

strozzino, usuraio --- 

strǜzz, s.m.

struzzo, usato anche nell’espressione “tiràa a strǜzz” = trascinare --- 

stǜa (stǜi), s.f.

stufa, mezzo di riscaldamento a legna o carbone sinonimo di “pìgna” --- 

stǜa, s.f.

locale rivestito di legno e riscaldato da una grossa stufa, nelle case signorili i rivestimenti in legno erano lavorati artisticamente  --- 

stüàa, s.m.

si usa solo nell’espressione mèt gió stüàa = dare eccessivamente importanza a una cosa --- 

stubla, s.f.

stoppia del granoturco (vedi “stùppli”)  --- 

stücàa, v. tr.

stuccare, coprire con lo stucco --- 

stǜch, s.m.

stucco  |  restàa de stǜch = rimanere fortemente sorpresi --- 

stüdiàa, v. tr.  --- 

studiare, escogitare, pensare --- 

stǜf, agg.m.

stufo, stanco, annoiato --- 

stǜfa (stǜfi), agg.f.

stufa, stanca, annoiata --- 

stüfàa, v. tr.

stufare, stancare, annoiare, infastidire   --- 

stüfàat, agg.m.

stufato  |  me sòo stüfàat = mi sono stufato --- 

stüfàda (stüfàdi), agg.f.

stufata --- 

stüfàs, v. rifl.

annoiarsi, stancarsi --- 

stüfìda (stüfìdi), agg.f.

annoiata, infastidita, tediata  --- 

stüfìda (stüfìdi), s.f.

noia, fastidio, scocciatura |  n’ò ciapàat ‘na stüfìda = mi sono annoiato  tanto --- 

stüfìi, v. tr.

stufare, stancare, annoiare, infastidire   --- 

stüfìit, agg. m.

stufato, annoiato --- 

stüfìs, v. rifl.

annoiarsi, stancarsi --- 

stunàa, v. intr.

stonare --- 

stunàat, agg.

stonato --- 

stunàda (stunàdi), agg.f.

stonata --- 

stunadǜra (stunadǜri), s.f.

stonatura --- 

stùp, agg.m.

otturato, tappato; completamente pieno  |  ‘n tǜbo stùp = un tubo otturato --- 

stùpa (stùpi), agg.f.

ostruita, otturata; completamente piena --- 

stùpa, s.f.

stoppa  |  cascame della pettinatura del lino e della canapa --- 

stupàa, v. tr.

ostruire, tappare, turare --- 

stupàat, agg.m.

tappato, ostruito, turato  |  g’ò stupàat la bùca = gli ho tappato la bocca --- 

stupac', s.m.

turacciolo, tappo --- 

stupàda (stupàdi), agg.f.

tappata, ostruita, turata --- 

stupàda, s.f.

impacco contro slogature  |  fatta con stoppa imbevuta di albume d’uovo e allume di rocca; veniva usata per guarire distorsioni e slogature, si metteva anche sulla guancia contro il mal di denti --- 

stǜpeda (stǜpedi), agg. e s.f.

stupida, scema, cretina --- 

stüpedàda (stüpedàdi), s.f.

stupidata, stupidaggine; cosa insignificante e facile da fare; piccola quantità   |  al cósta ‘na stüpedàda = costa pochissimo --- 

stǜpet, agg. e s.m.

stupido, scemo, cretino --- 

stüpidèra, s.f.

stupidità  |  l’età dèla stüpidèra = l’adolescenza --- 

stupìi, s.m.

stoppino --- 

stùppli, s.f.

stoppie  |  dal latino volgare stupula --- 

sturgiǜda (storgiǜdi), s.f.  --- 

torsione, contorcimento, strizzata  --- 

sturgiǜda (sturgiǜdi), s.f.

distorsione, torsione --- 

sturnìi, v. tr.

assordare, stordire, infastidire con eccessivo rumore --- 

stüzegàa, v.intr.  --- 

stuzzicare, provocare (vedi “scazegàa”  e “rognàla”) --- 

sǜ ‘n sóm, agg.

in cima, in alto --- 

sǜ-’ndèl, prep.         --- 

sul, sullo (in alcuni casi si usa “sül”) | sül séri ? = sul serio ? --- 

sǜ-’ndèla, prep.       --- 

sulla --- 

sǜ-’ndèli, prep.   --- 

sulle --- 

sǜ-’ndi, prep.           --- 

sui, sugli  |  sǜ-’ndi bósc’ = sui boschi --- 

sǜ, prep. e avv.

su |  vardàa ‘n sǜ = guardare in alto; l’è ‘ndàc’ ‘n sǜ = è salito sugli alpeggi; sǜ stómech = sullo stomaco --- 

sùa (sṍi), agg.f.

sua, sua propria, loro  |  la sùa sorèla = sua sorella --- 

süàa, v. intr.

sudare  |  al gh’è da smèt da laoràa cìnch mìnüc’ prǜma de süàa = bisogna smettere di lavorare cinque minuti prima di sudare --- 

süàat, agg.m.

sudato --- 

süàda (süàdi), s.f. e agg.f.

sudata, grande fatica  |  n’ò fàc’ ‘na süàda = ho fatto una grande fatica --- 

süadǜsc’, s.m.

sudaticcio, umido che resta nel corpo dopo avere sudato molto --- 

sǜbée, avv.

comunque; tanto  inteso come poco importa – TO | sǜbée l’è stès = tanto non importa, è uguale;  al me mòrt òl gàt ma sǜbée góo amò chèl òtro = mi è morto il gatto ma comunque ho ancora quell’altro --- 

sǜbèe, avv.

comunque; tanto inteso come poco importa – MO | sǜbèe l’è stès = tanto non importa, è lo stesso;  al me mòrt òl gàt ma sǜbèe gò amò chèl òtro = mi è morto il gatto ma comunque ho ancora quell’altro --- 

sǜbet, avv.

subito  |  vègni sǜbet = arrivo subito --- 

sübìi, v.tr.

subire | sübìi li angarìi = subire le angherie --- 

subricàda (subricàdi), s.f.

risposta: sarcastica, scortese, scorbutica; sgridata, rimprovero --- 

sǜc’, agg.m.

asciutto, arido; individuo taciturno, poco espansivo, introverso  |  l’è sǜc’ = è un po’ che non piove più --- 

sücedǜüt, agg.m.

capitato, accaduto, p.p. di succedere   |  l’è sücedǜut  ‘na disgràzia = è successo una disgrazia --- 

sücés, s.m.

successo, esito favorevole  |  al g’à aüut sücés = ha avuto successo --- 

sücét, v. intr.

succedere, accadere, capitare  |  al me sücés de tǜt = mi è capitato di tutto --- 

sǜcia (sǜci), agg.f.

asciutta, arida; poco espansiva, introversa  |  ‘na vàca sǜcia = una mucca che non fa latte --- 

süciàda (süciàdi), s.f.

siccità, scarsità di pioggia --- 

sücǜra (sücǜri), agg.f.

sicura, certa, senza pericolo --- 

sücǜra (sücǜri), avv.

certa, certamente, sicuramente  |  sta sücǜra! = stai certa! --- 

sücüràa, v. tr.

assicurare, garantire  |  sücüràa la ca = assicurare la casa; te ‘l sücǜri mi = te lo assicuro io --- 

sücüràs, v.rifl.

assicurarsi – accertarsi --- 

sücǜür, agg.m.

sicuro, certo, senza pericolo --- 

sücǜür, avv.

certo, certamente, sicuramente  |  de sücǜur = di sicuro, certamente --- 

südivìis, aag.m.

suddiviso  --- 

südivìt, v.tr.

suddividere --- 

südiziù, s.f.

soggezione, timore reverenziale --- 

südóor, s.m.

sudore  --- 

süèl, s.m.

li pianti li va ‘n süèl  en prümavera = le piante in primavera emettono linfa quando tagli un ramo;  quando si pota si dice anche che “al piàisc’ li vìit” = piangono le viti --- 

süenda, s.f.

modo di trasportare il legname da monte a valle (vedi “sovénda”) --- 

sufistèch, agg.m.

incontentabile, mai soddisfatto, intollerante --- 

sufistéga (sufistéghi), agg.f.

incontentabile, mai soddisfatta, intollerante  --- 

sufìt, s.m.

soffitto --- 

sufrìi, v.intr.

soffrire --- 

sufucàa, v. tr.

soffocare; opprimere  |  te me sufuchèt = mi opprimi! --- 

sufucàat, agg.m.

soffocato; oppresso  --- 

sufucàda (sufucàdi), agg.f.

soffocata; oppressa --- 

sügàa gió, v. tr.

asciugare  |  sügàa gió = asciugare i piatti --- 

sügàa sǜ, v. tr.

asciugare  |  spècia cal süghi sǜ = aspetta che si asciughi il terreno --- 

sügàa, v. tr.

asciugare, evaporare  |  tüta l’àcqua l’è sügàda gió = tutta l’acqua è evaporata --- 

sügàat, agg.m.

asciugato --- 

sügàda (sügàdi), agg.f.

asciugata  |  la manèstra l’è sügàda gió = la minestra si è attaccata al fondo della pentola per mancanza d’acqua --- 

sügamàa, s.m.

asciugamano --- 

sügerìi, v.tr.

suggerire --- 

sügerimèet, s.m.

suggerimento --- 

sügestionàa, v.tr.

suggestionare --- 

sügǜra (sügǜri), s.f.

grossa scure  --- 

sügürèl (sögüréi), s.m.

scure, accetta – TO --- 

sügürèl (sögürèi), s.m.

scure, accetta – MO --- 

sügürelàda (sügürelàdi), s.f.  --- 

colpo di scure --- 

sügürìi, s.m.

scure, accetta --- 

sügürilìi, s.m.

piccola scure --- 

sǜl, prep.

sul  |  te disèt sǜl séri? = dici sul serio? --- 

sulìif, agg.m.

soleggiato, esposto al sole --- 

sulìva (sulìvi), agg.f.

soleggiata  |  la spónda sulìva = la parte della Valtellina soleggiata anche in inverno, si contrappone alla “spónda pürìva”  dove si trova Albosaggia --- 

sumigliànt, agg.m.

somigliante --- 

suminsìna, s.f.

chiodo piccolissimo, con gambo a sezione quadrata --- 

sunàa, v. tr. e intr.

suonare, rintoccare  |  sunàa la trómba = suonare la tromba --- 

sunàat, agg.m.   --- 

suonato   |  l’è ‘n pòo sunàat = è un po matto --- 

sunàda (sunàdi), agg.f.

suonata; danno imbroglio   |  l’è sèmpre la stèśa sunàda = è sempre la stessa musica  --- 

sunadù, s.m.

suonatore --- 

sunàgheli --- 

suonargliele, picchiare qualcuno --- 

sùngia, s.f.

sugna vedi “sóngia” --- 

sunìfer, s.m.

sonnifero --- 

suòra (suòri), s.f.

suora (sin. “mónega”)  --- 

sǜpa (sǜpi), s.f.

zuppa; noia, attesa noiosa  |  al me n’à dac’ ‘na sǜpa = mi ha  molto annoiato  --- 

süpèrbia, s.f.

superbia --- 

süpestiziù, s.f.

superstizione --- 

sùra, avv.

sopra --- 

süràn, agg.m.

qualcosa che è andato oltre l’anno;  capo di bestiame che ha superato l’anno di età --- 

surapenséer, avv.

sovrappensiero --- 

suridènt, agg.m.

sorridente (si può sentire anche “soridènt”) --- 

suspìis, agg. m.   --- 

soffice --- 

suspiràa, v. intr.

sospirare --- 

suspìsa (suspìsi), agg.f.

soffice --- 

sustignìi, v. tr.

sostenere, reggere; affermare con forza e convinzione una propria idea --- 

sutìl (sutìi-i, agg.m.

sottile – TO   (vedi “sitìl” MO) --- 

sutìla (sutìli), agg.f.

sottile – TO   (vedi “sitìla” MO) --- 

sùu, s.m.

suono --- 

sùul, s.m.

sole  |  ‘nda gió col sùul = non guadagnare ne perdere; Bósac’ de màla furtǜnaa: d’estàat ‘l sùul d’envèren la lǜna = albosaggini sfortunati: d’estate il sole d’inverno  la luna --- 

sùula (sùuli), avv.

sola, anche “daparlée” - per il maschile  (vedi “daparlǜü”) --- 

süzzùra, avv.

su di sopra  |  l’è ‘ndàc’ süzzùra = è andato al piano di sopra --- 

svagàs, v. rifl.

svagarsi, divertirsi --- 

svampìit, agg.m.

svampito, poco presente --- 

svantàc’, s.m.

svantaggio --- 

svasàa, v. tr.

svasare, conferire una forma analoga a quella di un vaso --- 

svasàat, agg.m.

svasato, notevolmente allargato verso il fondo  |  ‘n pedàgn svasàat = una gonna svasata --- 

svasàda (svasàdi), agg.f.

svasata, notevolmente allargata verso il fondo --- 

svasadǜra (svasadǜri), s.f.  --- 

svasatura, conferimento di una forma a tronco di cono, diritto o rovesciato  --- 

svèlt, agg.m.

svelto, rapido, veloce |  svèlt  cóma ‘n gàt = svelto come un gatto  --- 

svèlta (svélti), agg.f.

svelta, rapida, veloce – TO  |  a la svèlta = rapidamente --- 

svèlta (svèlti), agg.f.

svelta, rapida, veloce – MO  |  a la svèlta = rapidamente  --- 

svèltèza, s.f.

sveltezza, rapidità, sollecitudine  --- 

svènt, v.tr.

svendere --- 

svéntola, s.f.

sventola, sberla (vedi “sbèrla”, “crapadù” e “papìi”) --- 

sventràa, v.tr.

sventrare --- 

svergogàa, v.intr.

svergognare --- 

svergognàda, agg.f.

svergognata --- 

svèrgol (svérgoi), agg.m.

asimmetrico, irregolare, storto, sghembo – TO --- 

svèrgol (svèrgoi), agg.m.

asimmetrico, irregolare, storto, sghembo – MO --- 

svèrgola (svérgoli), agg.f.

asimmetrica, irregolare, storta, sghemba – TO --- 

svèrgola (svèrgoli), agg.f.

asimmetrica, irregolare, storta, sghemba – MO --- 

svergolàa, v. tr.

deformare  un oggetto, rendere asimmetrico, contorcere --- 

svergolàat, agg.m.

deformato, asimmetrico, contorto --- 

svergolàda (svergolàdi), agg.f.

deformata, asimmetrica, contorta --- 

svidàa, v.tr.

svitare --- 

svilüpàa, v.tr.

sviluppare --- 

svinàa, v.tr.

svinare --- 

svìzer, agg.m.

svizzero --- 

svìzera (svìzeri), agg.f.

svizzera --- 

Svìzera, s.f.

Svizzera --- 

svödàat, agg.m.

svuotato --- 

svödàda (svödàdi), agg.f.

svuotata --- 

svöidàa, v. tr.

svuotare | sòo ‘ndàc’ a svöidàa òl gèrlo de l’üa = sono andato a svuotare la gerla piena di uva --- 

svòlta (svòlti), s.f.

curva tornante  --- 

svoltàa, v. tr.

svoltare, prendere una deviazione --- 

svoltàda (svoltàdi), s.f.

svolta, curva, tornante --- 

svulatràa, v. intr.

svolazzare, sbattere fortemente le ali  --- 

tàal (tàai), agg.m.

tal, tale, tizio  --- 

tàala (tàali), agg.f.

tizia, una signora --- 

tàat (tàac’), agg.m. e avv.

tanto, molto, assai  |  vìch tàac’ sòldi = avere tanti soldi --- 

tàat (tàac’), s.m.

tanto  |  ‘n tàat al sàch = in modo approssimativo --- 

tàata (tàati), agg.f. e avv.

tanta, molta, assai  |  fà mìga tàati stòri = non fare tante storie --- 

tabacàa, v. intr.

fiutare tabacco, fumare --- 

tabacàa, v. intr.

andare, camminare veloce --- 

tabàch, s.m.

tabacco  |  tabàch de prǜma = tabacco di prima qualità --- 

tabachèra (tabachéri), s.f.

tabacchiera (era utilizzata per contenere il tabacco da fiuto) – TO --- 

tabachèra (tabachèri), s.f.

tabacchiera (era utilizzata per contenere il tabacco da fiuto) – MO | gh’ò tṍc’ sǜ ‘na présa de tabàch dala tabachèra = ho preso un pizzico di tabacco da fiuto dalla tabacchiera  --- 

tabachìi, s.m.

tabaccaio | òl tabachìi ‘l vènt àach i zufrighìi = il tabaccaio vende anche i fiammiferi --- 

tabalòri, s.m.

sciocco, babbeo --- 

tabèla (tabéli), s.f.

tabella – TO --- 

tabèla (tabèli), s.f.

tabella – MO --- 

tabernàcol, s.m.

tabernacolo --- 

tàca (tàchi), s.f.

tacca, incisione (per lo più su legno) --- 

tàca (tàchi), s.f.

ragade, lesione lineare e superficiale della cute   |  gh’ò sǜ ‘na tàca en de ‘na màa = ho una ragade su una mano  --- 

tacàa ‘nsèma, v. tr.

unire, giuntare --- 

tacàa fó, v. tr.

pubblicare, affiggere un avviso – TO --- 

tacàa fò, v. tr.

pubblicare, affiggere un avviso – MO  --- 

tacàa gió, v. intr.

attaccarsi al fondo di un recipiente durante la cottura   |  la minèstra l’è tacàda gió = la minestra si attaccata al fondo della pentola --- 

tacàa ià, v. tr.

aggiungere; iniziare a cucinare  |  tacà ià la pulènta = inizia a cucinare la polenta  --- 

tacàa sóta, v. tr.

aggiogare un animale al carro --- 

tacàa sǜ, v. intr.

marinare la scuola --- 

tacàa sǜ, v. tr.

appendere  |  l’è ùra da tacàa sǜ da lavà gió = essere alla frutta, essere alla fine del pasto, o alla conclusione, in senso negativo, di qualcosa; tacàa sǜ ‘l capèl = andare ad abitare nella casa della moglie (farsi mantenere) --- 

tacàa, v. tr. e intr.

incominciare; attaccare, appiccicare; appiccarsi; attecchire, radicarsi; propagarsi, diffondersi  |  l’à tacàat a laoràa = ha incominciato a lavorare; ‘l fṍch l’è tacàat = il fuoco si è acceso; li piantìni de vìit i è tacàdi = le piantine di vite sono  attecchite; la nìif la tàca = la neve comincia ad accumularsi; al m’à tacàat l’influènsa = mi ha trasmesso l’influenza | quànca al piṍöf ca pǜ i se tàca al bùn Gesǜ = quando non piove più invocano il buon Gesù --- 

tacàat gió, agg.m.

piovoso senza squarci di sereno  --- 

tacàat sǜ, agg.m.

appeso, oberato di impegni --- 

tacàat, agg.m.

attaccato, affezionato, unito, appiccicato, devoto --- 

tacabrìghi, s.m.

attaccabrighe --- 

tacabutù, s.m.

intrattenitore; uno che ci prova --- 

tacàda (tacàdi), agg.f.

devota, affezionata; attaccata  --- 

tacadìsc’, agg.m.

attaccaticcio, vischioso; anche di uno che ti sta addosso --- 

tacadìscia (tacadìsci), agg.f.

attaccaticcia, vischiosa --- 

tacàgn, s.m.

Taccagno, tirchio, avaro --- 

tacapàgn, s.m.

attaccapanni; anche  “omèt” --- 

tacàs sóta, v. rifl.

azzuffarsi --- 

tacàs sǜ, v. rifl.

impiccarsi --- 

tacàs, v. rifl.

attaccarsi, appigliarsi, affezionarsi  |  tacàs a tǜt = appigliarsi a tutti i pretesti --- 

tàch, s.m.

tacco delle scarpe | ti che te tachèt i tàch tàchem i tàch, mi tacàat i tàc a ti ca te se ti ca te tàchet i tàch? tàchetei ti i tṍö tàch = tu  che attacchi i tacchi attaccami i tacchi, io attaccarti i tacchi a te che sei tu che attacchi i tacchi? attaccateli tu i tuoi tacchi  --- 

tachìi, s.m.

tacchino --- 

tacüìi, s.m.

taccuino, almanacco, calendario | segnèl sǜ ‘ndèl tacüìi = scrivilo sul calendario --- 

tafanàri, s.m.

sedere --- 

tagliàn, s.m.  --- 

cittadino italiano --- 

tài, s.m.

taglio, ferita  |  dàghen ‘n tài! = finiscila! --- 

tàia (taìi), s.f.

taglia, tassa, imposta sui terreni --- 

taiàa fó, v. tr.

recidere, ritagliare – TO --- 

taiàa fò, v. tr.

recidere, ritagliare – MO --- 

taiàa gió, v. tr.

abbattere, affettare  --- 

taiàa sǜ, v. tr.

tagliare   |  taiàa sǜ la lègna = rompere un ceppo o un ciocco di legno, fendendolo con la scure --- 

taiàa, v. tr.

tagliare --- 

taiàat, agg.m.

tagliato; furbo, scaltro --- 

taiàda (taiàdi), agg.f.

tagliata; furba, scaltra --- 

taiàda (taiàdi), s.f.

tagliata, taglio  |  l’à fàc’ ‘na taiàda = ha tagliato tutte le piante del bosco --- 

taiadìi, s.m.

tagliatelle --- 

taiadù, s.m.

attrezzo per tagliare il fieno --- 

taiapulènta, s.m.   --- 

taglia polenta in legno, coltello in legno per tagliare la polenta --- 

taiàs, v. rifl.

tagliarsi --- 

taièet (taièc’), agg.m.

tagliente, affilato --- 

taièeta (taièti), agg.f.  --- 

tagliente, affilata --- 

taiét, s.m.

piccolo taglio – TO --- 

taièt, s.m.

piccolo taglio – MO  --- 

taiṍla, s.f.

tagliola --- 

talàch, s.m.

piccolo campanaccio di lamiera --- 

talèer, s.m.

telaio --- 

talmèet, avv.

talmente --- 

talocia, s.f.  --- 

spezzone d'asse ("tavel") con manico per poterlo impugnare, usata dal muratore per tenere un po' di molta da prendere e da spandere poi con la cazzuola --- 

tamanàch, s.m.

stupido, sciocco, sprovveduto ( vedi “tarlòch”) --- 

tamàzi, s.m.

individuo grande e grosso e poco avveduto --- 

tambèrlo (tambèrli), s.m.

sciocco, gonzo  --- 

tambǜr, s.m.

tamburo --- 

tàna (tàni), s.f.

tana, ricovero di animali selvatici --- 

tanà, inter.  --- 

fa niente, è lo stesso, non importa (vedi  “làga pó”) | tanà, te me ‘l dèe póo domàa = fa niente, me lo dai poi domani  | es. è rimasta una macchia sulla tovaglia: tanà, àm la piàca pó ià = non importa la nascondiamo --- 

tanàia (tanài), s.f.

tenaglia --- 

tananài, s.m.

stupido, babbeo; oggetto di poco valore  --- 

tànf, s.m.

tanfo, odore di chiuso e di stantio --- 

tanghenàsc’– TOnghenàsc’, s.m. agg.m.

omone, uomo grande e robusto,  bonaccione, dall'aria poco sveglia --- 

tàol (tàoi), s.m.

tavolo --- 

tàola (tàoli), s.f.

tavola, asse di legno --- 

tàola (tàoli), s.f.

misura di superficie, è un sottomultiplo della “pèrtega” --- 

taolàda (taolàdi), s.f.

tavolata, tavola piena di commensali --- 

taolèta (taoléti), s.f.

tavoletta – TO  | ò töc’ doi taoléti de cicolàat = ho comperato due tavolette di cioccolato --- 

taolèta (taolèti), s.f.

tavoletta – MO  |  ‘na taolèta de cicolàat = una tavoletta di cioccolato --- 

tàp, s.m.

tappo --- 

tàpa (tàpi), s.f.

ciocco, pezzo di legno da ardere (ottenuto per fenditura di un tronchetto)  (vedi “scarèla”) --- 

tàparèla, s.f.

tapparella --- 

tapasciàa, v. intr.

camminare a passo svelto --- 

tapasciàda, s.f.

camminata lunga e a passo svelto --- 

tapé, s.m.  --- 

tappeto --- 

tapinàa, v. intr.  --- 

vedi “tapasciàa” --- 

tapinàda, s.f.

vedi “tapasciàda” --- 

taràa ité, v. intr.

vedi  anche “taràch té” – TO --- 

taràa itè, v. intr.

sfruttare, a proprio vantaggio, una situazione poco chiara – MO --- 

taràa sǜ, v. tr.

rimestare, muovere con il mestolo, rimescolare  |  tàra sǜ la manèstra = dai una rimescolata alla minestra --- 

taràa, v. tr.

rimestare, rigirare, muovere con un mestolo  (vedi “tarài”) | taràa la pulènta = rivoltare la polenta nel paiolo per facilitare la giusta cottura --- 

taràda (taràdi), s.f.

rimescolata; lavoretto poco lecito  --- 

taradèl (taradéi), s.m.

tonto, sciocco, babbeo – TO --- 

taradèl (taradèi), s.m.

tonto, sciocco, babbeo – MO --- 

taràgna (taràgni), s.f.

polenta con aggiunta di burro e formaggio, durante la cottura --- 

taragnìi, s.m.

vezzeggiativo di “taràgna” --- 

taraguàti, s.m.

tonto, sciocco, babbeo --- 

tarài, s.m.

matterello (bastone) per rimestare la polenta --- 

taramòt, s.m.

deficiente, povero diavolo  --- 

tardìif, agg.m.

tardivo, posticipato; di lunga maturazione --- 

tardìva (tardìvi), agg.f.

tardiva, posticipata  |  la prümavèra tardìva l’è mai falìda = la primavera in ritardo è un fatto positivo --- 

tardivàa, v. intr.

ritardare, arrivare in ritardo --- 

taré, agg.m.

terreno sul quale la neve si è appena sciolta; anche località sopra Cà di Mòi  --- 

tarèl (taréi), s.m.

randello, bastone – TO --- 

tarèl (tarèi), s.m.

randello, bastone – MO --- 

tarelàa, v. tr.

correre veloce (anche con moto o macchina) --- 

tarelàda (tarelàdi), s.f.

bastonata --- 

tarenàa, v. intr.

l’apparire del terreno, quando la neve si sta sciogliendo --- 

tarlacàa, v.intr.

parlata dei bambini piccoli (vedi “camolàa”) --- 

tarlòch, s.m.

scemo, stupido, sprovveduto --- 

taròz, s.m. pl.

pasticcio di patate, fagioli, verze o altre verdure schiacciate e impastate e condite con burro o strutto di maiale (anche ”minüz”) --- 

tartaiàa, v. intr.

tartagliare, balbettare (vedi “betegàa”) --- 

tartaiàda (tartaiàdi), s.f.

discorso incomprensibile e sconclusionato --- 

tartaiù, s.m.

tartaglione, affetto da balbuzie (vedere: “betegù”)  --- 

tartìfol  (tartìfoi), s.m.

patata --- 

tartifolèer, s.m.   --- 

pianta della patate; individuo duro di comprendonio – MO  --- 

tarüsciàa, v. intr.

lavorare in modo approssimativo, pasticciare --- 

tarüsciàda (tarüsciàdi), s.f.

lavoro eseguito in modo approssimativo --- 

tàs, s.m.

tasso (animale); taci, zitto | tàs! = zitto!; tàs = taci  --- 

tàśa (tàśi), s.f.

tassa, imposta --- 

tascapàa, s.m.

borsa in tela per il pane --- 

taśèl (tasèi), s.m.

tassello --- 

tasìi gió, v. intr.

tacere / tacete, non parlare  |  tasìi gió ! = state zitti !  --- 

tasìi, v. intr.

tacere, non parlare --- 

tast, s.m.

assaggio, piccola quantità da assaggiare --- 

tastàa, v. tr.  --- 

assaggiare  |  tàsta sa l’è salàda abòt = assaggia questa pietanza e dimmi se è salata o insipida --- 

tastarṍl (tastarṍi), s.m.

 trivellino per assaggio del formaggio (vedi “varṍl”) --- 

tàtega, s.f.

tattica --- 

tatüàc’, s.m.

tatuaggio --- 

tavàa, s.m.

tafano | li vàchi li gh’à pùra dei tavàa = le mucche hanno paura dei tafani --- 

tavanàda (tavanàdi), s.f.

stupidaggine, grosso sbaglio --- 

tavèl (tavéi), s.m.

pezzo di asse -TO --- 

tavèl (tavèi), s.m.   --- 

pezzo di asse – MO --- 

tazìna (tazìni), s.f.

tazzina, scodellina (vedi “chìchera”) --- 

tazzèl (tazéi), s.m.

piccolo spiazzo, porzione di terra – TO --- 

tazzèl (tazèi), s.m.       --- 

piccolo spiazzo, porzione di terra – MO --- 

te, pron. pers.

ti, te  |  te pìchi = ti picchio; ti te mànget = tu mangi | te ca idǜüt? = non hai visto? | t’ó ‘ndàa? = vuoi andare? --- 

tè, s.m.

tè, bevanda --- 

téc’, s.m.

tetto – TO  |  mét a téc’ = mettere al riparo --- 

tèc’, s.m.

tetto – MO  |  mèt a tèc’ = mettere al riparo --- 

tèca (tèchi), s.f.

colpo, botta, urto --- 

técia (téci), s.f.

tettoia – TO | la técia la gh’à sǜ li laméri = la tettoia ha il tetto di lamiere;  ‘ndàa a técia = andare al riparo, rientrare a casa --- 

tècia (tèci), s.f.

tettoia – MO | ‘ndàa a tècia = andare al riparo, rientrare a casa --- 

técia dèla lègna, s.f.

legnaia, tettoia ad uso deposito legna – TO --- 

tècia dèla lègna, s.f.

legnaia, tettoia ad uso deposito legna – MO --- 

teciàa, v. tr.

coprire con un tetto --- 

teciàl, s.m.

piccola tettoia --- 

tédi, s.m.

fastidio, tedio, pazienza, disturbo | la tṍl  ca 'l tédi da fa sǜ i lèc' = non si disturba a rifare i letti| tṍl i là ca 'l me dà tédi = toglilo che mi da fastidio! l'è 'n mestèer de tédi = è un lavoro che richiede pazienza --- 

téec’, agg.m.

sporco di nero, sporco di fuliggine – TO | tùca ca ité ‘n dòl parṍl ca l’è téec’ = non toccare il paiolo che è sporco di fuliggine --- 

tèec’, agg.m.

sporco di nero, sporco di fuliggine – MO --- 

téecia (tèeci), agg.f.

sporca di nero, sporca di fuliggine – TO --- 

tèecia (tèeci), agg.f.

sporca di nero, sporca di fuliggine – MO --- 

tèep, s.m.

tempo, stagione, periodo  |  al tèep de Càrlo Códega = anticamente  --- 

tèep, s.m.

tempo, condizione meteorologica  |  brǜt tèep = brutto tempo; ‘l bèl tèep e ‘l brǜt tèep al dǜra mìga par tǜt ‘l tèep = il bello e il brutto si alternano --- 

téi, s.m.

tiglio, Teglio – TO --- 

tèi, s.m.

tiglio, Teglio – MO --- 

teigiǜüt, agg.m.

tinto; sporco di fuliggine --- 

téisc’, v. tr.

tingere – TO --- 

tèisc’, v. tr.

tingere – MO --- 

teiù, s.m.

pino silvestre --- 

téla (téli), s.f.

tela, tessuto di vario tipo  --- 

tèla (tèli), s.f.

eccola, guardala --- 

telàar, s.m.  --- 

telaio per la tessitura, telaio di una finestra, di una macchina  --- 

telèer, s.m.       --- 

sinonimo di telàar | ‘l telèer dèla biciclèta = il telaio della bicicletta --- 

o per moto e macchine  --- 

tèlèferica, s.m.   --- 

teleferica --- 

telefunìi, s.m.

telefonino, cellulare --- 

televisiù, s.f.

televisione --- 

telù, s.m.

telone, grande telo impermeabile --- 

témól (témói), s.m.  --- 

temolo (pesce d’acqua dolce) --- 

tempegiàa, v. intr.

fare brutto tempo --- 

temperadǜra (temperadǜri), s.f.

temperatura --- 

temporàl (temporài), s.m.  --- 

temporale --- 

tempóràl, agg.m.  --- 

precoce, che matura presto --- 

tempóràla (tempóràli), agg.f.

precoce, che matura presto --- 

tenciǜra (tenciǜri), s.f.

tintura per stoffe --- 

tènda (téndi), s.f.

tenda  – TO --- 

tènda (tèndi), s.f.

tenda  – MO  --- 

tèndra (tèndri), agg.f.

tenera, molle  --- 

tèndro (tèndri), agg.m.

tenero, molle  --- 

tendǜda (tendǜdi), agg.f.

tirata, tesa (vedi “tiráda”) --- 

tendǜüt (tendǜüc’), agg.m.

tirato, teso (vedi “tiráat”) --- 

tenènt, s.m.

tenente  --- 

tènt, v. intr.

badare, prestare attenzione  |  pṍdi mìga tènt a tǜt = non posso badare a tutto --- 

tentàa, v. tr.

tentare, provare, indurre in tentazione --- 

tenǜda (tenǜdi), s.f.

tenuta agricola, fattoria di vasta estensione --- 

tèpa (tèpi), s.f.

discolo, birbante  --- 

téra (téri), s.f.

striscia di terreno tra due filari di viti --- 

tèra (tèri), s.f.

Terra; terra, terreno; proprietà terriera  |  al sta ca gnè ‘n cièl gnè ‘n tèra = non sta né in cielo né in terra, è una cosa inverosimile  --- 

teràza (teràzi), s.f.

terrazzo --- 

teré, s.m.

terreno (vedi “sìt”) | l’è ‘n teré de fàbrica = è un terreno fabbricabile --- 

tèrmen, s.m.

termine, limite; elemento che segnala il confine tra due proprietà terriere. il “tèrmen” è sasso piatto e appuntito fissato verticalmente nel terreno, nella linea di confine, tenuto diritto da due sassetti, completamente interrati, posti a fianco, che sono detti “testimóni”  |  la vàca la gh’à ‘l tèrmen ‘l trìi de màrs = la mucca dovrebbe partorire il tre di marzo --- 

tèrs, agg.m. e num. card.

terzo   --- 

tèrs, s.m.

usato solo nell’espressione “ ’n tèrs” = un terzo, la terza parte --- 

tèrsa (tèrsi), agg.f. e num. card.

terza --- 

tersèra (terséri), s.f.

terzera, ciascuna delle travi del tetto equidistanti dalla colma  (“culmìgna”) e dalla testa del muro, su di essa venivano posti perpendicolarmente  i travetti (“cantéer”) – TO --- 

tersèra (tersèri), s.f.

terzera, ciascuna delle travi del tetto equidistanti dalla colma  (“culmìgna”) e dalla testa del muro, su di essa venivano posti perpendicolarmente  i travetti (“cantèer”) – MO --- 

tersṍl (tersṍi), s.m.

fieno del terzo taglio --- 

terù, s.m.

terrone, abitante o originario  dell’Italia Meridionale --- 

tèsera (tèseri), s.f.

tessera --- 

tèsta (tèsti), s.f.

testa (vedi “cràpa”)  |  ès ‘n tèsta = essere primi --- 

testàda (testàdi), s.f.

testata (vedi “crapàda”) --- 

testaméet, s.m.

testamento  --- 

testàrda (testàrdi), agg.f.

testarda, ostinata --- 

testàrt, agg.m.

testardo, ostinato --- 

testéra (testéri), s.f.

testiera del letto --- 

testimóni, s.m.

testimonio; ciascuno dei due piccoli sassi interrati accanto al “tèrmen” --- 

testìna (testìni), s.f.

carne tratta dalla testa del vitello --- 

testù, s.m.

testone, testardo (sin. di “crapù”)  --- 

tèta (téti), s.f.

mammella – TO --- 

tèta (tèti), s.f.

mammella – MO --- 

tetàa, v. tr.

succhiare, poppare dal seno materno| òl vedèl ‘l tèta giṍ la vàca = il vitello succhia il latte della mucca   --- 

tetarṍla (tetarṍli), s.f.

tettarella (vedi “sciüsciù” e “sciüsciót”) --- 

téveda (tévedi), agg.f.

tiepida  --- 

tévet, agg.m.

tiepido  --- 

tì, pron. pers.

tu, te  |  vàrdel ti = guardalo tu; vègni con ti = vengo con te; te sée dapartì = sei da solo  --- 

tìfo, s.m.

tifo malattia --- 

tiga, s.f.

spicchio d’arancio o mandarino  --- 

tignìch réet, v. intr.

stare dietro, seguire le orme  --- 

tignìch, v. intr.

tenerci, avere a cuore, parteggiare, fare il tifo per una squadra   |  al ghe tègn al Mìlan = tifa per il Milan --- 

tignìi andàa, v. intr.

mantenere | tignìi andàa ‘l sentéer  =  fare manutenzione al sentiero per tenerlo in efficienza --- 

tignìi gió, v. tr.

trattenere, fare una ritenuta; tempo uggioso con nuvole basse    |  al tègn gió gnàa i òli sànc’ = non è capace di serbare alcun segreto --- 

tignìi ià, v. tr.

mettere da parte | tignìi ià li móschi = allontanare le mosche --- 

tignìi sóta, v. tr.

avere come dipendente; lavorare alacremente e con passione --- 

tignìi sǜ, v. tr.

sorreggere, proteggere  |  al ghe tègn sèmpre sǜ la pàrt  = gli da sempre ragione, lo protegge sempre --- 

tignìi, v. tr.

tenere, trattenere, reggere, contenere  |  tignìi a màa = risparmiare, non sciupare --- 

tignìs sǜ, v. tr.

prendersi cura di sé stesso; tenersi su di morale  --- 

tignìs, v. rifl.

tenersi, trattenersi, controllarsi --- 

tìir, s.m.

tiro | l’è ‘n cavàl da tìir = è un cavallo da tiro --- 

tìis, agg.m.

pieno, sazio  |  tìis de bùu tèep = buontempone --- 

timbràa, v. tr.

timbrare --- 

tìmbro, s.m.

timbro | gh’è sǜ ól tìmbro dèl Cümǜ = c’è il timbro del Comune --- 

timù, s.m.

timone --- 

tìna (tìni), s.f.

tino, grosso recipiente di legno  a forma di tronco di cono, aperto nella parte superiore, destinato a contenere le uve pigiate durante la fermentazione   --- 

tinèl (tinéi), s.m.

tino di piccole dimensioni – TO --- 

tinèl (tinèi), s.m.  --- 

tino di piccole dimensioni – MO --- 

tìnta (tìnti), s.f.

tinta, colore --- 

tintǜra, s.f.

tintura di iodio  --- 

tioltàól, s.m.

altalena formata da una lunga asse, appoggiata su un perno centrale, alle estremità della suddetta asse si siedono due bambini, uno per parte --- 

tìra mòla, s.m.

usato solo nell’espressione: “tìra, mòla e meséda” = indugiare a lungo, continuando a perdere tempo, a furia di temporeggiare  --- 

tiràa gió, v. tr.

abbassare   |  tiràa gió la clèer = abbassare la serranda --- 

tiràa ià, v. tr.

rimuovere, spostare, levare --- 

tiràa ité, v. tr.

portare dentro; coinvolgere – TO  |  tìrem ca ité en de stó afàri = non coinvolgermi in questo affare --- 

tiràa itè, v. tr.

portare dentro; coinvolgere – MO  |  tìrem ca itè en de stò afàri = non coinvolgermi in questo affare --- 

tiràa là, v. intr.

vivacchiare   |  al tìra po là = tira a campare   --- 

tiràa réet, v. tr.

trainare, trascinare, lanciare | al gha tiràat réet ‘n sàs = gli ha lanciato un sasso --- 

tiràa scià, v. tr.

tirare in ballo; prendere per mostrare  |  tìra ca scià ràcoli = non accampare scuse --- 

tiràa sóta, v. intr.

investire con un veicolo; gocciolare; avere poco da vivere --- 

tiràa sǜ, v. tr.

allevare; caricare una molla; liberare il naso aspirando; prendere  |  tiràa sǜ l’orolòc’ = caricare l’orologio; tìra sǜ chèl ca te ṍlet = prendi quello che vuoi --- 

tiràa, v. tr. e intr.

tirare, trainare; procedere; attirare, attrarre   |  tiràa ric’ = tirare dritto, procedere sicuro; ‘l fèr al tìra li scarìzi = il ferro attira i fulmini --- 

tiràa, v. tr. e intr.

lanciare; tendere; sparare; assomigliare  |  tiràa ‘n sàs = lanciare un sasso; tiràa ‘n fìl = tendere un filo; al tìra dal pa = assomiglia al padre; sta camìśa la tìra = questa camicia è stretta; ‘l camì al tìra ca = il camino non ha tiraggio --- 

tirabràghi, s.m.

individuo lento e inconcludente --- 

tiracòregn, s.m.

tira-corna, attrezzo per correggere la crescita delle corna quando escono piane  --- 

tiràda (tiràdi), s.f.

tirata, operazione lunga, faticosa e ininterrotta; spiata; singola boccata da fumo; grosso rimprovero  --- 

tiràdóor, s.m.

tiratore, persona abile nel colpire un bersaglio --- 

tiradù, s.m.

viottolo (avvallamento stretto e ripido, vallecola) di montagna, a volte molto pendente, dove si trascinavano i tronchi e le fascine di legna (vedi anche “menadù”) --- 

tiramòla, s.m.

persona inconcludente, indeciso --- 

tirànt (tirànc’), s.m.

bretelle; tirante; parte dei finimenti di un animale da tiro con la quale si aggancia un carico da trainare --- 

tiràs fò, v. rifl.

rasserenarsi; svagarsi; uscire da una compagnia, ritirare la propria adesione --- 

tiràs réet, v. rifl.

trascinarsi a stento; vivacchiare --- 

tiràs scià, v. rifl.

ristabilirsi in salute, riprendere le forze dopo una malattia --- 

tiràs sǜ, v. rifl.

rimettersi in salute; risollevare il morale --- 

tirasàs, s.m.

fionda, tira sassi; consisteva in un legnetto biforcuto sulle cui estremità erano legati due grossi elastici, lunghi 20 o 30 cm. e uniti da un pezzo di cuoio in mezzo al quale si metteva il sasso da lanciare  --- 

tiratàrdi, s.m.

tiratardi, persona inconcludente --- 

tirù, s.m.

tratto di strada lungo e diritto  |  ‘l tirù de Ardèn = il rettilineo di Ardenno --- 

tìsech, agg.m.

tisico --- 

tìsega (tìsighi), agg.f.

tisica --- 

tìtol (tìtoi), s.m.

titolo; termine ingiurioso  |  da gió tìtoi = ingiuriare --- 

tò (tṍö), agg. poss.

tuo (tuoi) | l’è tò = è tuo;  i tṍö = i tuoi genitori --- 

tṍ fó, v. tr.

togliere, levare, cavare – TO |  l’à tṍc’ fó ‘n dèet = ha cavato un dente --- 

tṍ fò, v. tr.

togliere, levare, cavare – MO |  l’à tṍc’ fò ‘n dèet = ha cavato un dente --- 

tṍ gió, v. tr.

levare; cogliere; ingerire; fotografare |  tṍ gió i póm = raccogliere le mele; tṍ gió la midisìna  = prendere la medicina --- 

tṍ ià, v. tr.

levare, togliere | tṍ ià la pàna = spanàa = toglier la panna  --- 

tṍ réet, v. tr.

prendere con sé  --- 

tṍ scià, v. tr.

prendere, offrire    |  tṍ scià da bìif = offri da bere --- 

tṍ sǜ, v. tr.

raccogliere da terra; dare un passaggio in macchina; assumere una gestione; far pratica  |  tṍ sǜ i tartifòi = raccogliere le patate; l’à tṍc’ sǜ ‘n cafè = ha preso in gestione un bar; tṍch sǜ la màa = impratichirsi | la tṍc’ sǜ e l’è ‘ndàc’ = ha preso e se ne andato --- 

toaiṍl (toaiṍi), s.m.

tovagliolo --- 

tòch, s.m.

pezzo, parte, appezzamento, tratto  |  l’è ‘n tòch de pàa = è un pezzo di pane, è una brava persona; ‘n tòch de stràda = un tratto di strada; ‘ndàa a tòch = rompersi; ‘n tòch de teré = un appezzamento --- 

tochèl (tochéi), s.m.

tocchetto, pezzetto – TO --- 

tochél (tochèi), s.m.

tocchetto, pezzetto – MO  |  ‘n tochèl de pàa = un pezzo di pane --- 

tòchèt, s.m.

tocchetto, pezzetto, diminutivo di “tòch” --- 

tòcol (tòcoi), agg. e s.m.

cretino, tonto, scemo  --- 

tòcola (tòcoli), agg. e s.f.

cretina, tonta, scema --- 

tocolèer, s.m.

pecoraio, pastore di pecore (vedi “pegorèer”) - forma arcaica di pecoraio --- 

todèsca (todèschi), s.f.

tedesca  --- 

todèsch, s.m.

tedesco  --- 

tṍl ( tṍla; tṍli), v.imper.

prendilo (prendila, prendili) --- 

tòla (tóli), s.f.

latta, lamiera; recipiente di latta – TO  |  menàa li tóli = scappare --- 

tòla (tòli), s.f.

latta, lamiera; recipiente di latta – MO  |  fàcia de tòla = sfacciato, sfrontato, prepotente --- 

tòldera, s.f.

in gironzola, in giro, bighellonare | te sée sèmpre ‘n tòldera = sei sempre in gironzola; ‘ndàa ‘n tòldera” = vagare senza meta, andare a divertirsi --- 

tolèer, s.m.

fabbro, lattoniere --- 

tolómbóla, s.f.

penzoloni --- 

tóma (tómi), s.f.  --- 

caduta rovinosa, capitombolo  |  capìi Róma par tóma = fraintendere --- 

tómba (tómbi), s.f.

tomba --- 

tómbola (tómboli), s.f.

tombola --- 

tomèl, s.m.  --- 

trappola per topi --- 

tomèra (toméri), s.f.

tomaia – TO --- 

tomèra (tomèri), s.f.

tomaia – MO --- 

tompèsta (tompésti), s.f.

grandine – TO --- 

tompèsta (tompèsti), s.f.

grandine – MO --- 

tómpestàa, v. intr.

grandinare  |  al tómpesta mai ‘n dàgn de tǜc’ = non tempesta a danno di tutti, c’è sempre qualcuno che ne trae vantaggio  --- 

tompestàda (tompestàdi), s.f.

grandinata --- 

tónda (tóndi), agg.f.

tonda, rotonda, circolare --- 

tònega (tòneghi), s.f.

tonaca, veste del prete e della monaca, saio del frate  --- 

tòni, s.m.

tuta da lavoro, individuo un po’ tonto  --- 

tónt, agg.m.

tondo, rotondo, circolare, sin. di “ródónt”  |  l’ò ìdüut tónt e ródónt = l’ho visto bene --- 

tónt, v. tr.

tosare  (tóndüut = tosato -  tóndüda = tosata) --- 

tontognàa, v.intr.

lavoricchiare, combinare cose di poco conto e adagio  --- 

(vedi “fónfógnàa”, “cianfrügnàa”) --- 

tṍö, v. tr.

prendere; comperare; sposare; togliere  |  vàn a tṍö ‘l pàa = vai a comperare il pane; l’à tṍc’ ùna de Sóndri = ha sposato una ragazza di Sondrio; tṍch ‘l fiàat = togliergli il fiato, opprimerlo --- 

tòor, s.m.

toro  (usato anche “tòr”) --- 

tór, s.f.

torre --- 

tórbol (tórboi), agg.m.

torbido, scuro; mentalmente confuso  |  te sèe tórbol? = vaneggi?  --- 

tórbola (tórboli), agg.f.

torbida, scura; mentalmente confusa  |  àcqua tórbola = acqua torbida --- 

tòrc’, s.m.

torchio  --- 

törcàl, s.m.

granoturco con fusto e spighe più piccole, del granoturco normale --- 

torcèer, s.m.

torchiatore, l’addetto alle operazioni di torchiatura  --- 

torcèl, s.m.

torchio di dimensioni ridotte  --- 

tṍrch, s.m.

granoturco --- 

torciàa, v. tr.

torchiare  --- 

torèl, s.m.

torello  --- 

tóren, s.m.

tornio --- 

toriscia, agg.f.

mucca che si comporta da toro --- 

tormèet, s.m.

tormento, grande dolore  --- 

tormènta (tormènti), s.f.

tormenta, bufera di neve  --- 

tormentàa, v. tr.

tormentare, angosciare --- 

tornàa ‘n réet, v. intr.

tornare indietro, ritornare   --- 

tornàa, v. intr.

tornare, ritornare --- 

tornacǜnt, s.m.

vantaggio, tornaconto, profitto, utilità (vedi “vantàc’ ”) --- 

tòrt, s.m.

torto | l’à ciapàat òl tòrt = ha preso il torto  --- 

tórta, s.f.

torta --- 

tórtèl (tórtéi), s.m.

tortello, piccola torta dolce o salata, tortellino – TO --- 

tortèl (tortèi), s.m.

tortello, piccola torta dolce o salata, tortellino – MO --- 

tós, s.f.

tosse  |  tós asnìna = pertosse --- 

tòscano(tòscani), s.m.

sigaro toscano --- 

tòsech, s.m.

tossico, veleno |  amàr  cóma tòsech = amarissimo --- 

tósegàa, v. tr.

avvelenare vedi “ entósegàa” --- 

tṍsela, v. rifl.

prendersela | tṍsela ca con mi ma con lǜü = non prendertela con me ma con lui --- 

tóst, s.m.

toast | maiàa tóst = mangiare toast --- 

tóstàa, v. tr.

tostare, abbrustolire  |  tóstàa ‘l cafè = tostare il caffè --- 

totolàa, v. tr.

coccolare --- 

totolàat, agg.m.

coccolato --- 

totolàda (totolàdi), agg.f.

coccolata --- 

totulù, s.m.  --- 

coccolato, che riceve tante coccole --- 

tovàia (tovài), s.f.

tovaglia --- 

tovaiàa, v. intr.

svignarsela, darsela a gambe --- 

tra, prep.

tra --- 

tràa, v. tr.

buttare, spiccare, concludere  |  vèn a tràa = vieni al dunque; trà ‘n sàlt = spiccare un salto;  ‘l trà ‘n sàlt = spicca un salto --- 

tràaf, s.f.  --- 

trave --- 

trà a mónt, loc.v.

tralasciare, annullare | chèsta òlta ‘n trà a mónt =  questa volta annulliamo  (annullare una partita di gioco) --- 

trabìcol (trabìcoi), s.m.  --- 

trabiccolo, veicolo malridotto --- 

tràc’, s.m.

sorso --- 

tracagnòt, s.m.

tarchiato, individuo di bassa statura ma grosso e robusto --- 

traciàa, v.tr.

tracciare --- 

tracòla, s.f.

tracolla | ‘l salèer a  tracòla = piccola borsa contenente il sale per le mucche che si porta  a tracolla --- 

tradimèet, s.m.

tradimento | màia pàa a tradimèet = scroccone --- 

tradóta (tradóti), s.f.

convoglio --- 

tràfech, s.m.

traffico --- 

trafegàa, s.m.

trafficare, darsi da fare, lavorare intensamente --- 

tràfó, v. tr.

evare un indumento; spargere, scompigliare  – TO --- 

tràfò, v. tr.

levare un indumento; spargere, scompigliare – MO  |  tràfò li bràghi = levare i pantaloni; tràfò l’èrba = spargere l’erba sul prato per farla essiccare; tràfò òlt = sbarazzarsi di qualcosa --- 

tràfòòlt, v. tr.

buttar via, scaraventare lontano --- 

tràgió, v. tr.

abbattere, demolire  |  tràgió bàs = gettare a terra --- 

tràià, v. tr.

gettar via, disfarsi, di qualcosa; rovesciare; sprecare  |  l’è da tràià = è da buttare --- 

tràité, v. tr.

buttare dentro – TO --- 

tràitè, v. tr.

buttare dentro – MO | l’è  cóma tràitè binzìna ‘ndòl fṍöch = è come buttare benzina nel fuoco --- 

trambài, s.m.

individuo tardo di comprendonio, ingombrante --- 

tramèza (tramèzi), s.f.

parete divisoria --- 

tranèl (tranéi), s.m.

tranello, insidia, trabocchetto – TO --- 

tranèl (tranèi), s.m.

tranello, insidia, trabocchetto – MO --- 

trànsèma, v. tr.

riunire, comporre, ricomporre | ià tràc’ ‘nsèma = li hanno messi assieme (matrimoni combinati)  (vedi “traśensèma”) --- 

tràpen, s.m.

trapano elettrico (vedi “girabichìi) --- 

tràpola (tràpoli), s.f.

trappola, tranello |òl ràt l’è itè ‘ndèla tràpola = il topo è dentro la trappola --- 

trapolàda (trapolàdi), s.f.

aggeggio, marchingegno; imbroglio; qualcosa di mal fatto --- 

tràpulìi, s.m.

bambino (in senso affettuoso) --- 

tràs giò, v. rifl.

buttarsi | ‘l se tràc’ giò bàs = si è buttato a terra --- 

trasàa, v. tr.

sciupare, sprecare --- 

trasandàat, agg.m.

trasandato, trascurato --- 

trasandàda (trasandàdi), agg.f.

trasandata, trascurata --- 

tràśenfò, v. rifl.

cavarsela, destreggiarsi, intendersene | l’è bùu de tràsènfó = è capace di destreggiarsi   (vedi “entràsenfó ”) --- 

tràsensèma, v. rif.       --- 

mettersi insieme  --- 

tràsfó, v. rifl.                    --- 

spogliarsi  (vedi “sbiótàs”) --- 

tràs-ià, v. rifl.

sottovalutarsi --- 

trasportàa, v. tr.

trasportare --- 

tràsǜ, v. tr.

vomitare, rimettere  |  chi ca l’è ca’l tràgiò ?, l’è lüu ca’l tràsǜ = chi è che butta giù ?, è lui che sta vomitando --- 

tratàa, v.tr.

trattare --- 

trategnǜda (trategnǜdi), s.f.

trattenuta, ritenuta sulla paga  --- 

tratignìs, v. rifl.

trattenersi, controllarsi, frenarsi --- 

tratóor, s.m.

trattore --- 

travacàa, v. tr. e intr.

rovesciare, ribaltare, capovolgere; andare in malora | travacàa fò la cariṍla = ribaltare il contenuto della carriola --- 

travacàs, v. rifl.

rovesciarsi, ribaltarsi, capovolgersi --- 

travaiàat, agg.m.

angustiato, afflitto, depresso --- 

travaiàda (travaiàdi), agg.f.

angustiata, afflitta, depressa --- 

travasàa, v. tr.

travasare  |  travasàa ‘l vìi = travasare il vino, spostare il vino da una botte ad un’altra eliminando la feccia --- 

travèrs, s.m.

traversa, sbarra; di traverso  |  vardàa de travèrs = guardare in cagnesco --- 

travèrsa (travèrsi), s.f.

traversa, via secondaria che collega due strade; traversa, lenzuolo posto di traverso nel letto  --- 

traversàa, v. tr.

attraversare | la traversàat ‘n btǜt momènt = ha passato un brutto momento --- 

trebisónda, s.f.

usato nell’espressione: “pèrt la trebisónda”  = perdere l’orientamento   --- 

trebülàa, v. intr.

tribolare, soffrire, angosciarsi --- 

trebüléri, s.m.

preoccupazione, apprensione, sofferenza, tormento  --- 

tredà sǜ, v. tr --- 

tritare, tagliare --- 

tredàa, v. tr.

tritare, sminuzzare --- 

trèdès, agg.m. e num. card.

tredici   --- 

trefói, s.m.

trifoglio – TO --- 

trèi, num card f.

tre|  trèi gàlini = tre galline --- 

tremàa, v. intr.

tremare, essere scosso da fremiti  --- 

tremarèla (tremaréli), s.f.

tremarella  --- 

tremarṍla (tremarṍli), s.f.

tremarella, tremore --- 

tremènt, agg.m.

tremendo, terribile --- 

tremèz, s.m.

parete divisoria  --- 

tremṍgia, s.f.

tramoggia; tronco di piramide capovolto, munito di apertura sul fondo, usata anche nei mulini --- 

trempàa, v. tr.

tritare, sbattere le uova | trempàa i ṍöf = sbattere le uova --- 

trempèl, s.m.

attrezzo usato sugli alpeggi per frantumare lo sterco dei bovini (“sciòta”)   --- 

trémpet, s.m.

attrezzo per rompere gli escrementi delle mucche --- 

trengót, v. tr.

trangugiare, ingoiare (anche figurativo: la regióra la me baiàva sèmpre réet, ma as podéva ca respónt, bignàva trengóteli tǜti) --- 

tréno (tréni), s.m.

treno – TO | ‘l va  cóma ‘n tréno = funziona alla perfezione --- 

trèno (trèni), s.m.

treno – MO --- 

trènta, agg. num. card.

trenta  --- 

trentapìis, s.m.

scricciolo --- 

trepegiàa, v. intr.

trepidare, scalpitare, essere impazienti --- 

très, s.m.

porcile, stabbio --- 

tréscia (trésci), s.f.

treccia – TO | fa sǜ la tréscia ai cavéi = fai la treccia ai capelli | ‘na tréscia de làna = una treccia di lana --- 

trèscia (trèsci), s.f.

treccia – MO --- 

trespedàa, v. intr.

trepidare, scalpitare, essere impazienti, ma anche relativo al trapestio dannoso degli spiriti maligni  (vedi “trepegiàa”) --- 

trespedàda, agg.f.

dell'erba del prato o di colture calpestate e danneggiate, trapestio delle streghe che ballano col diavolo --- 

trevèrs, s.m.

filare posto in senso longitudinale (orizzontale) rispetto alla montagna  (vedi “palàda”) --- 

triangól (triangói), s.m.

triangolo --- 

tribbiàat, agg.m.

bucherellato, che ha preso molti colpi di proiettili, crivellato di colpi --- 

triènsa (trènsi), s.f.

tridente (vedi “ ràsc’ ”) --- 

trifòi, s.m.

trifoglio – MO   --- 

trìga --- 

usato solo nell’espressione: “ al ruarà ‘l trìga trìga “ = arriverà chi ti metterà a posto, ti fermerai --- 

trigàs, v. rifl.

fermarsi, acquietarsi, sospendere il lavoro per un breve riposo --- 

trìi, agg.m. num. card.

tre | trìi gàai = tre galli --- 

trimintìna, s.f.

resina di larice --- 

trincàa, v. tr.

tracannare, bere avidamente --- 

trìpa (trìpi), s.f.

trippa, pancia, ventre --- 

tripèe, s.m.

treppiede; anche attrezzo che si mette sopra il fuoco per appoggiare la pentola; individuo lento e impacciato --- 

trìpla (trìpli), agg.f.

tripla --- 

trìplo (trìpli), agg.m.

triplo --- 

trisèt, s.m.

tresette, gioco delle carte --- 

tritega, s.f.  --- 

artrite --- 

trivela, s.f.

trivella --- 

trìvi, s.m.

trivio, bivio --- 

trivilìi, s.m.

trivellino del legno --- 

trmènda (tremèndi),agg.f.

tremenda --- 

troiàda (troiàdi), s.f.

porcheria, cosa mal fatta, comportamento vergognoso --- 

trómba (trómbi), s.f.

tromba --- 

tròp, avv.

troppo | òl tròp l’è cóma òl tròp pòoch = il troppo è come il troppo poco  --- 

tròpa (tròpi), avv.

troppa --- 

trṍsol, agg.m.

robusto, in forma; voluminoso,  pesante --- 

tròt, s.m.

trotto  --- 

trotàa, v. intr.

trottare; andare di corsa --- 

trotàda (trotàdi), s.f., --- 

lunga camminata fatta a passo svelto --- 

truàa, v. tr.

trovare, incontrare, scoprire  --- 

truàda (truàdi), s.f.

trovata, espediente; strano ragionamento --- 

truàs, v. rifl.

stare; andare d’accordo; incontrasi  |  me trùi bèe = mi trovo bene; ‘n se trùa sǜ tǜt = andiamo d’accordo su tutto --- 

trücàa, v. tr.

truccare, camuffare, alterare --- 

trùch, s.m.

calzatura in legno e cuoio --- 

trǜch, s.m.

trucco, inganno, imbroglio --- 

trumbù, s.m.

elicone, sousafono, tipo di Bassotuba per bande musicali, di forma a spirale circolare, che permette di portarlo sulla spalla e suonarlo durante la marcia --- 

trùna (trùni), s.f.

caverna, tana  --- 

trǜscia  --- 

si usa solo nell’espressione “ ès ‘n trǜscia” = darsi da fare, lavorare con impegno e frenesia --- 

trüsciàa, v. intr.

lavorare con impegno e frenesia --- 

trǜta (trǜti), s.f.

trota --- 

tùa (tṍi), agg. poss.

tua  |  li tṍi sorèli = le tue sorelle --- 

tǜbo (tǜbi), s.m.

tubo; niente  |  al capìs ‘n tǜbo = non capisce niente --- 

tǜc’, agg.m.

tutti  |  tǜc’ i càa i fa ‘ndàa la cùa, tǜc’ i asen ai dìs la sùa = tutti i cani dimenano la coda, tutti gli asini sputano sentenze --- 

tucà gió, v. tr.

toccare (con l’estremità inferiore);  toccare in terra; patire la miseria --- 

tucà ité, v. tr.

urtare leggermente; fare una battuta inerente un argomento scomodo per l’interlocutore – TO --- 

tucà itè, v. tr.

urtare leggermente; fare una battuta inerente un argomento scomodo per l’interlocutore – MO  --- 

tucà sǜ, v. tr.

toccare (con l’estremità  superiore); toccare in alto  |  tucà sǜ la màa = stringere la mano --- 

tùca (tùchi), agg.f.

tocca, fessa --- 

tucàa, v. tr.

toccare; spettare; essere costretto  |  al me tùca dìch de no = sono costretto a dirgli di no --- 

tùch, agg.m.

tocco, fesso --- 

tügǜri, s.m.

catapecchia --- 

tulìi, s.m.

secchiello di latta   |  ‘l tulìi dal làc’ = il secchiello per il latte --- 

tülipàa, s.m.

tulipano --- 

tululùu, s.m.

gufo --- 

tumbìi, s.m.

tombino, chiusino --- 

tümóor, s.m.

tumore --- 

tunàa, v. intr.

tuonare | quànt al tùna itè ‘n Valbùna, pùnda la fòlsc’ e vàn mùntuna = quando tuona in Valbona, riponi la falce e vai subito ad ammucchiare il fieno (… perché sta per piovere)  --- 

tundǜut, agg.m.

tosato  |  te ìdüut  l’asen tundǜut? = hai visto l’asino tosato? --- 

tunsìli, s.f.

tonsille --- 

tupìca --- 

usato solo nell’espressione “ ‘ndàa a tupìca” = inciampare, cadere --- 

tupìi, s.m.

talpa --- 

tupinèra (tupinéri), s.f.

piccolo cumulo di terra fatto dalle talpe – TO --- 

tupinèra (tupinèri), s.f.

piccolo cumulo di terra fatto dalle talpe – MO --- 

tǜr, s.m.

parte dura del tronco (di un albero) --- 

tùrno (tùrni), s.m.

turno, alternanza (sul lavoro) --- 

Tursciù, s.m.

Torchione: frazione e torrente di Albosaggia --- 

turtǜra (tortǜri), s.f.

tortura, tormento --- 

turtüràa, v. tr.

torturare, tormentare --- 

turù, s.m.

torrone --- 

tusìi, v. intr.

tossire --- 

tusighìi, s.m.

arbusto chiamato cappello di prete, evonimo europeo (euonymus europaeus) --- 

tustìi, s.m.

attrezzo per tostare il caffè o anche l’orzo --- 

tǜt (tǜc’), agg.m. e avv.

tutto  |  l’è tǜt a pòst = è tutto a posto; al màngia de tǜt = mangia di tutto  --- 

tǜta (tǜti), agg.f. e avv.

tutta  |  l’è tǜta tùa sta ca? = è tutta tua questa casa? --- 

tutóor, s.m.

tutore --- 

tùu, s.m.

tuono --- 

ù, pron.

voi (rivolto a persone anziane, e, in tempi lontani, anche ai genitori) (vedi “vù”)| ù sìi òl püsée véc’ = voi siete il più vecchio – vù al cunusìi ? = voi lo conoscete    --- 

ǜa (ǜi), s.f.

uva; le uve coltivate in Valtellina sono: ciavenàsca, rósóla, pignṍla, brügnṍla, paganùna, mericàna, clìnto  |  ǜa pateràda: uva matura con alcuni acini verdi, è come il rosario dove i pater sono molto meno delle ave marie --- 

ubidiènt, agg.m.

ubbidiente --- 

ubidiènta (ubidiènti), agg.f.

ubbidiente --- 

ubidìi, v. tr.

obbedire | chèl rèdès l’ubidìs ca = quel bambino non ubbidisce --- 

ubligàa, v. tr.

obbligare --- 

ùcia (ùci), agg.f.

unta, sporca di grasso  |  daghèla sǜ ùcia = adulare, assecondare | pulènta ùcia = polenta taragna --- 

uciàa scià,  v.tr.

stesso significato di “uciàa! --- 

uciàa sǜ,  v.tr.

stesso significato di “uciàa! --- 

uciàa,  v.tr.

intingere in cose unte in un piatto o in tegame (vedi “uciàa scià” e “uciàa sǜ”) --- 

udurǜsc’, s.m.

cattivo odore --- 

uèta, s.f.

uvetta --- 

ufìzi, s.m.

ufficio (solitamente gli uffici del Comune) --- 

ufrìi, v. tr.

offrire, donare, fare l’elemosina in chiesa --- 

ughèt, s.m.

ribes, piccolo frutto --- 

ùiges, v. rifl.

ungersi, macchiarsi di unto  |  va ùnget! = vai al diavolo! --- 

ùisc’, v. tr.

ungere, lubrificare  |  ùisc’ li rṍdi = ungere le ruote (offerta di regalie per sveltire una pratica) --- 

ùla (ùli), s.f.

olla, pentola di coccio; vaso panciuto, usato per  la conservazione del burro cotto   |  fàla gió ‘ndèl ùla = fare i bisogni nell’olla anziché nel vaso da notte, commettere un grosso errore --- 

ulàa, v. intr.

volare --- 

ulènt, agg.m.

uccellino pronto a lasciare il nido, capace di volare --- 

ulìi, v. intr.

essere sul punto di (specie riferito al tempo)  |  al öl piṍöf = sta per piovere --- 

ulìi, v. tr.

variante di "vulii", volere  | ulìi própi ‘ndàa? = volete proprio andare?; chèl che Dìo öl l’è mai tròp = bisogna accettare la volontà di Dio   --- 

ulìif, s.m.

ulivo --- 

ulìva (ulìvi), s.f.

oliva; ramo di olivo che viene benedetto nella Domenica delle Palme --- 

ültèm, agg.m.

ultimo  --- 

ültèma( ültémi), agg.f.

ultima – TO --- 

ültèma( ültèmi), agg.f.

ultima – MO --- 

umbrìa, s.f.

ombra | ‘l vìt li umbrìi = vede i fantasmi  | l’è tùa l’è mìa l’è mòrta a l’umbrìa = è tua è mia è morta all’ombra --- 

umbriàa, v. tr.

ombreggiare, fare ombra --- 

ǜmeda (ǜmedi), agg.f.

umida --- 

ǜmel, s.m.

umile --- 

ǜmet, agg.m.

umido  |  en ǜmet = in umido (modo di cucinare) --- 

ümidità, s.f.

umidità --- 

umìi, s.m.

omino, piccolo uomo --- 

umóor, s.m.

umore --- 

ǜna, pron.

una --- 

ǜndes, agg.m. num. card.

undici --- 

ǜnech, agg.m.

unico --- 

ǜnega (ǜneghi), agg.f.

unica  |  l’è amò l’ǜnega = è la soluzione migliore --- 

unguènt, s.m.

unguento  --- 

ünìda (ünìdi), agg.f.

unita --- 

ünìit (ünìic’), agg.m.

unito --- 

ünivèrs, s.m.

universo --- 

untà sǜ, v. tr.

ungere; spalmare una pomata sulla pelle --- 

untàa, v. tr.

ungere | untàa li rṍdi = ungere le ruote (offerta di regalie per sveltire una pratica) --- 

upiniù, s.f.

opinione --- 

ùra (ùri), s.f.

ora  |  dàm ùra = ascoltami, fai come ti dico  --- 

uràri, s.m.

orario --- 

ùrca, inter.

perbacco --- 

urdinàa, v. tr.

ordinare  |  ‘l dótóor al m’à urdinàat sta midisìna = il dottore mi ha prescritto questa medicina --- 

urigìi, s.m.

orecchino --- 

urigìna (urigìni), s.f.

tipo di fungo, gallinaccio, finferlo, vedi “manìi” --- 

uriginàl (uriginài), agg.m. e s.m.

originale, strano, stravagante | te se pròpi uriginàal = sei proprio originale (di uno che vuol fare di testa sua) --- 

uriginàla (urigiàli), agg. e s.f.

originale, strana, stravagante --- 

urìi, v. tr.

aprire  |  urìs la finèstra = apri la finestra --- 

urìit, agg.m.

aperto --- 

urinàri, s.m.

orinale, vaso da notte; persona sgradevole --- 

urtìga (urtìghi), s.f.

ortica | vàrda ca te córi réet con ‘na urtìga = fai il bravo altrimenti ti rincorro con un’ortica --- 

urtigàda (urtigàdi), s.f.

irritazione cutanea causata dal contatto con un’ortica --- 

urtigàs, v. rifl.

pungersi con le ortiche --- 

üs-cèra (üs-céri), s.f.

botola – TO --- 

üs-cèra (üs-cèri), s.f.  --- 

botola – MO --- 

üs-ciṍl (üs-ciṍi), s.m.

piccola porticina delle botti, serve per poter estrarre la feccia, quando si travasa il vino  --- 

ǜs, s.m.

uscio, porta --- 

üsàa, v. tr.

seguire le consuetudini, essere soliti, essere abituati  |  te da ǜsàa la mèla = devi usare la roncola --- 

üsàat, agg.m.

usato; non nuovo, di seconda mano --- 

üsàda (üsàdi), agg.f.

usata; non nuova, di seconda mano   |  ò crumpàat ‘na màchena üsàda = ho acquistato una macchina di seconda mano --- 

üsànsa (üsansi), s.f.  --- 

usanza, consuetudine, costume  |  chi che dìs ‘l vètro, chi che dìs la pànsa, ògni paées al gh’à la sùa üsànsa = chi dice il ventre, chi dice la pancia, ogni paese ha la propria consuetudine   --- 

üscèla  (üscèli), s.f.

femmina di uccello che depone le uova nel nido --- 

üsèl (üsèi), s.m.  --- 

uccello | pòorèt chèl üsèl nasǜut en catìva vàl = povero quell’uccello nato in cattiva valle --- 

üsignṍl (üsignṍi), s.m.

usignolo --- 

usmàa, v. tr.

odorare, fiutare, annusare  |  ai se ùsma mìga = non vanno d’accordo --- 

ustinàs, v. rifl.

ostinarsi, accanirsi --- 

utàa, v. tr.

votare --- 

ütàa, v. tr.

aiutare, prestare aiuto --- 

ütàs, v. rifl.

aiutarsi --- 

utaziù, s.f.

votazioni --- 

ǜtel (ǜtei), agg.m.

utile, vantaggioso --- 

ǜtela (ǜteli), agg.f.

utile, vantaggiosa --- 

utignìi, v. tr.

ottenere --- 

utù, s.m.

ottone --- 

ǜü, agg.m. num. card.

(ǜna, num. card .f.) --- 

uno, un tale| i óm  i 'ndàva a ǜü a ǜü, li fémni ǜna aprṍöf a l'òtra = gli uomini andavano a uno a uno, le donne una vicino all'altra --- 

ǜü, pron.  --- 

uno --- 

ùuc’, agg.m.

unto, sporco di grasso  --- 

üvèta, s.f.

uvetta, uva passa   --- 

vàach, s.m.

avvallamento, abbassamento, affossamento --- 

vàas, s.m.

vaso --- 

vàca (vàchi), s.f.

mucca; donna di facili costumi --- 

vacàda (vacàdi), s.f.

porcheria, cosa fatta male --- 

vachèer, s.m.

vaccaio, guardiano di vacche,  mandriano --- 

vachèta, s.m.

pelle vacchetta usata per tomaia, portafogli, ecc | vachèta par la tomèra dèli scarpi = pelle vacchetta per la tomaia delle scarpe --- 

vacǜscia (vacǜsci), s.f.

maggiolino --- 

vagabónt, s.m.

vagabondo, fannullone, sfaticato --- 

vagù, s.m.

vagone, carrozza ferroviaria --- 

vagunàda (vagunàdi), s.f.

grande quantità, molta roba --- 

vaidàa, v. tr.

aiutare --- 

vaigèl (vaigéi), s.m.

torrentello, ruscello – TO --- 

vaigèl (vaigèi), s.m.

torrentello, ruscello – MO      --- 

vàl (vài), s.f.

valle, torrente  |  Caterina dèla vàl leva sǜ ca ‘l cànta ‘l gàl, ‘l cànta ‘l gàl e la galìna, leva sǜ ti Caterina = Caterina della valle alzati che canta il gallo, canta il gallo e la gallina, alzati Caterina; al vèe gió la vàl = scorre acqua nella valle (in alcuni torrenti in estate non c’è acqua) --- 

vàl (vài), s.m.

vaglio, attrezzo agricolo di vimini fatto a forma di valva, era usato per l’ultima pulitura del granoturco prima di portarlo a macinare --- 

vàl (vài), s.m.

cimice insetto puzzolente --- 

valàda (valàdi), s.f.

vallata, ampia valle  --- 

Valasci, s.f.

territorio della valle del Torchione tra il "Piaz" e il "Bosch dal Làach" caratterizzato da avvallamenti ripidi e accidentati --- 

Valdambrìi, s.m.

abitante della Val d’Ambria | pòori nùu Valdambrìi = poveri noi Valdambrini --- 

valìi, v. intr.

valere, aver valore, contare  |  fà valìi li resù  = far valere le ragioni --- 

valìis, s.f.

valigia --- 

valisèta, s.f.  --- 

piccola valigia  --- 

vanegiàa, v. intr.

vaneggiare, straparlare, delirare --- 

Vangél, s.m.

Vangelo  |  l’è véra  cóma ‘l Vangél = è vero come il Vangelo --- 

vansàa, v. tr. e intr.

fare avanzi, non finire, avanzare  |  vansàa la manèstra ‘ndèl piàt = avanzare la minestra nel piatto --- 

vansarṍl (vansarṍi), s.m.  --- 

avanzo, residuo  |  l’à fàc’ vansarṍl = ha avanzato un po’ di cibo --- 

vànt, v. tr.

vagliare utilizzando  il vaglio |  vànt ‘l tṍrch = vagliare il granoturco  --- 

(vedi “vàl”)   --- 

vantàa sǜ, v. tr.

vantare, lodare, esaltare  |  vantàa sǜ la sùa ròba = lodare i propri prodotti --- 

vantàa, v. tr.

vantare, lodare, esaltare --- 

vantàc’, s.m.

vantaggio, tornaconto, profitto, utilità --- 

vantàda (vantàdi), s.f.

vanteria --- 

vantadóor, s.m.

vantatore, chi  vanta o si vanta | chi che gh’à ca vantadóor i se vànta la par lóor = chi non ha vantatori si vantano da soli    --- 

vantagiàs, v. rifl.

avvantaggiarsi, trarre profitto --- 

vantàs, v. rifl.

vantarsi, lodarsi, esaltarsi  --- 

vànvera, s.f.

usato solo nell’espressione “a vànvera” = a vanvera, superficialmente  |  parlàa a vànvera = parlare senza riflettere --- 

vapóor, s.m.

vapore  |  trèno a vapóor = treno a vapore --- 

vardàa réet, v. intr.

seguire con lo sguardo, avere interesse, esaminare un problema, avere cura, badare  |  vardàch réet a li matèli = avere interesse per le ragazze; vardèch réet a stò rübinèt cal pèert = controlla questo rubinetto che perde --- 

vardàa, v. tr.

guardare, osservare; stare attento, badare  |  vàrdàa giò bàs = guardare per terra; vardàa ol ciél = guardare il cielo --- 

vardabósch, s.m.

guardia forestale --- 

vardàda (vardàdi), s.f.

guardata, rapido sguardo, occhiata --- 

vardàs, v. rifl.

guardarsi, osservarsi  |  vardàs gió denàaz = guardare se stessi, prima di giudicare il prossimo; vardàs ‘n còsta = guardarsi di traverso (essere in pessimi rapporti) --- 

vargógna, s.f.

vergogna  |  te gh’è ca vargógna = non hai vergogna --- 

vargót, pron. indef.

qualcosa  |  l’è vargót de bèl = è veramente bello --- 

vargǜ, pron. indef.

qualcuno --- 

vargutìna, s.f.

qualcosa, cosa da poco --- 

varṍl (varṍi), s.m.

buco d’assaggio richiuso fatto sulle forme di formaggio con l’apposito attrezzo (vedi “tastarṍl”) --- 

varṍla (varṍli), s.f.

vaccinazione antivaiolosa; cicatrice prodotta dalla vaccinazione --- 

varǜs-c’, s.m.

morbillo --- 

vàsca (vàschi), s.f.

vasca --- 

vàsch, agg.m.

spugnoso riferito a frutta o verdura  |  ‘n ravanèl vàsch = rapanello spugnoso, insapore, insipido --- 

vaschèta (vaschéti), s.f.

vaschetta, vasca di piccole dimensioni – TO --- 

vaschèta (vaschèti), s.f.

vaschetta, vasca di piccole dimensioni – MO --- 

vascù, s.m.

grossa vasca --- 

vàsech, s.m.

bruscolo, corpuscolo estraneo che dia fastidio nell’occhio, bruscolino  |  g’ò itè ‘n vàsech en de ‘n ṍc’ =  ho un bruscolino in un occhio --- 

vasèl (vaséi), s.m.

arnia  --- 

vaselìna, s.f.

vasellina --- 

vasèt (vasèc’), s.m.

vasetto | i vasèc’ dèla consèrva = i vasetti della salsa di pomodoro --- 

vasiù, s.f.

solo nell’espressione: dàa vasiù = evadere, ascoltare e rispondere in modo esauriente --- 

vatevée, avv.

pressappoco – TO --- 

vatevèe, avv.

pressappoco – MO --- 

vazzàa fó, v. intr.

sporgere all’infuori, venirne fuori – TO  |  al te vàzza fó la camìśa da li bràghi  = ti sporge la camicia dai pantaloni | vàzzi ca fó dai mestéer = non riesco a liberarmi dai troppi impegni --- 

vazzàa fò, v. intr.

sporgere all’infuori, venirne fuori – MO  |  al te vàzza fò la camìśa da li bràghi  = ti sporge la camicia dai pantaloni | vàzzi ca fò dai mestéer = non riesco a liberarmi dai troppi impegni --- 

vazzàa gió, v. intr.

sporgere dall’alto verso il basso  |  al te vàzza gió ‘l petàcol = la sottana ti sporge da sotto la gonna --- 

vazzàa sǜ, v. intr.

sporgere dal basso verso l’alto  |  al vàzza sǜ ‘n ciót = sporge un chiodo --- 

ve, pron. pers. pl.

a voi, vi, ve  |  ve l’ò dic’ = ve l’ho detto --- 

véc’, agg.m. e s.m.

vecchio, antico, anziano – TO|  fórmài véc’ = formaggio stagionato; vignìi véc’ = invecchiare; i nòś véc’ = i nostri antenati --- 

vèc’, agg.m. e s.m.        --- 

vecchio, antico, anziano – MO | i nòś vèc’ = i nostri antenati --- 

vécio, s.m.

padre; alpino anziano (bòcia = recluta alpina)  |  ‘l me vècio = mio padre --- 

veciǜra (veciǜri), s.f.

prestazione e costo del trasporto per conto terzi   --- 

vedèl (vedéi), s.m.

vitello – TO --- 

vedèl (vedèi), s.m.

vitello – MO --- 

vedèla (vedèli), s.f.

vitella --- 

védesc’, s.m.

salicone delle capre, pianta simile al salice, ma meno flessibile, gattice – TO --- 

vèdesc’, s.m.

salicone delle capre, pianta simile al salice, ma meno flessibile – MO --- 

Vèdescia, s.f.

casa di riposo per anziani in comune di Dubino  |  l’è ura de ‘ndàa a la Vèdescia = oramai sei vecchio  --- 

vèdof, s.m.

vedovo  |  mal dèl vèdof = male del vedovo (detto scherzosamente di un dolore acuto ma passeggero) --- 

vèdova, s.f.

vedova --- 

vedràas, s.m.

erba infestante che piace molto alle galline, parietaria, muraiola, vetriola --- 

vedràda (vedràdi), s.f.

vetrata --- 

vedréer, s.m.

vetraio --- 

vedrèta (vedréti), s.f.

vedretta, ghiacciaio – TO --- 

vedrèta (vedrèti), s.f.

vedretta, ghiacciaio – MO --- 

védro (védri), s.m.

vetro, lastra di vetro  |  rampegàs sǜ ‘n di védri = sostenere l’inverosimile --- 

vée, inter.

salve  (vedi “véila”) --- 

véera, s.f.

vera, anello nuziale --- 

vèert, agg.m.

aperto | òl sportèl dèl pulèer de li galìni l’è amò vèert = lo sportello del pollaio delle galline è ancora aperto --- 

vèet, s.m.

vento | òl vèet l’è òl pertegadù de li vedovi = il vento fa cadere le noci alle vedove, perché le donne sole non sono in grado di usare la pertica per bacchiare (perticare) le noci   --- 

végia (végi), agg.f. e s.f.

vecchia, antica, anziana --- 

végiàt, s.m.

vecchietto --- 

végiàta (vegiati), s.f.

vecchietta --- 

véi, inter.

salve --- 

véila, inter.

salve --- 

vèisc’, v. tr. e intr.

vincere, prevalere --- 

vèl (vèi), s.m.

velo --- 

vèla (vèli), s.f.

vela  |  càmbia vèla! = cambia atteggiamento! --- 

véla, inter.

salve  (vedi “véila”) --- 

velée, s.m.

veleno, sostanza tossica --- 

velenàs, v. rifl.

avvelenarsi, intossicarsi --- 

velenóos, agg.m.

velenoso, tossico --- 

velenósa (velenósi), agg.f.

velenosa, tossica --- 

velǜ, s.m.

velluto  |  ‘n pèer de bràghi de velǜ = un paio di pantaloni di velluto --- 

véna (véni), s.f.

vena; sorgente – TO  |  discórs tra dói góti de sànc: - te vèdi  gió de móral,- làghem stàa ca ‘ncṍö so mìga ‘n véna  = colloquio tra due gocce di sangue:  ti vedo giù di morale,  lasciami perdere che oggi non sono in vena --- 

vèna (vèni), s.f.

vena; sorgente – MO  |  ‘na vèna de àcqua = una sorgente --- 

venadǜra (venadǜri), s.f.  --- 

venatura, striatura | chìli às li gh’à ‘na bèla venadǜra = quelle assi hanno una bella venatura --- 

vendardì, s.m.

venerdì  |  vendardì sànt = venerdì santo --- 

vendèmia, s.f.

vendemmia --- 

vendǜl (vendǜi), s.m.

valanga, slavina | l’è ‘ndàc’ ià òl vendǜl = la valanga di neve si è sciolta --- 

vénech, agg.m.

essere arrabbiato --- 

venespól (venespói), s.m.

nespola (frutto) | col tèep e la pàia ‘l marǜda àach i venespói = col tempo e la paglia maturano anche le nespole --- 

venespólèer, s.m.

nespolo ( pianta) --- 

vènt, v. tr.

vendere  |  fan da vènt = combinarne di tutti i colori --- 

ventǜsc’, s.m.

ventaccio, vento freddo --- 

véra (véri), agg.f.

vero  |  l’è pròpri véra = è proprio vero --- 

vérda (vérdi), agg. e s.m.

verde, non essiccata, acerba  |  lègna vérda = legna non  essiccata --- 

verdù, agg.m. e s.m.

verdone; uccello dalle piume verdi, grande come una gazza --- 

verdǜra (verdǜri), s.f.

verdura, ortaggio --- 

verdüràt, s.m.

venditore di ortaggi, fruttivendolo --- 

vèrgna (vérgni), s.f.

pianto lamentoso e fastidioso – TO  |  fa mìga vérgni = smetti di lamentarti --- 

vèrgna (vèrgni), s.f.

pianto lamentoso e fastidioso – MO  |  fa mìga vèrgni = smetti di lamentarti --- 

vergógnàs, v. rifl.

vergognarsi --- 

vergógnóos, agg.m.

vergognoso, che prova vergogna, timido, impacciato, chi subisce soggezione e prova vergogna --- 

vermanèla, s.f.

orbettino  |  se la vìpera la gh’è sintìs e l‘orbanèla la gh’è vedés pòca gèet ‘l  gh’è sarés = se la vipera ci sentisse e l’orbettino ci vedesse poca gente ci sarebbe (vedi “orbanéla”)  --- 

vernìis, s.f.

vernice --- 

vernisàa, v. tr.

verniciare, pitturare --- 

vernisàat, agg.m.

verniciato, pitturato --- 

vernisàda (vernisàdi), agg.f.

verniciata, pitturata --- 

verṍl (verṍi), s.m.

perno di legno,  anche zeppa di legno --- 

vèrom, s.m.

biscia  (vedi “bìs”) --- 

vèrs, prep.

verso, direzione  |  ‘ndàa vèrs Tiràa = andare in direzione di Tirano --- 

vèrs, s.m.

verso, fianco, lato, senso, modo |  gh’è mìga vèrs da fàghela capìi = non c’è modo di fargliela capire | da’n vèrs = al rovescio  --- 

sènt che vèrs ca’i fa i gàc’ en amóor = senti che versi fanno i gatti in amore --- 

vèrsa (vérsi), avv.

usato solo nell’espressione “ vignìi a la vèrsa” = farsi vedere, finire un lavoro  --- 

vért, agg.m. e s.m.

verde, non essiccato, acerbo | chèsto póm l’è amò vért = questa mela è ancora acerba --- 

vèrta (vèrti), agg.f.

aperta | ‘l gh’à lagàat la pòrta vèrta = ha lasciato la porta aperta  --- 

verticàal (verticàai), s.m.

organetto di Barberia = caratteristico piano meccanico a manovella dei suonatori ambulanti, montato su un carretto a due ruote; jukebox dei primi del 1900 --- 

vèrtüs, s.f.

scriminatura dei capelli = linea sottile che segna la spartizione dei capelli  |  l’è pecenàat a la vèrtüs = è pettinato con una linea sottile, al centro della testa, che segna la spartizione dei capelli: metà a destra e metà a sinistra --- 

vérza (vérzi), s.f.  --- 

verza cavoli  |  gh’è pòoch da sfoiàa vérzi = siamo agli sgoccioli --- 

vès fó, v. intr.

essere arrabbiato – TO --- 

vès fò, v. intr.

essere arrabbiato – MO --- 

vès gió, v. intr.

vès gió de còrda = essere depresso --- 

vès ià, v. intr.

essere assente, essere lontano --- 

vès rèet, v. intr.

stare (seguito da gerundio)  | l’è rèet a maiàa = sta mangiando    --- 

vès scià, v. intr.

essere arrivato | la d’è vès scià = deve essere arrivato --- 

vès sóta, v. intr.

essere alle dipendenze di qualcuno; essere di turno nel gioco del nascondino --- 

vès, v. ausiliare e intr.

essere (vedi “ès”) | vès è no ès = essere e non essere, tutto sommato  --- 

vèscof, s.m.

vescovo  |  a ògni mòrt de vèscof = ad ogni morte di vescovo, raramente; fa cóor ‘l vèscof = prendere a sberle --- 

vèspa (véspi), s.f.

vespa, motoscooter – TO |  ‘na òlta li véspi li ‘ndàva sǜ in di stróns, adès i è i stróns ca i va sǜ ‘ndèli Véspi = una volta le vespe andavano sugli stronzi, adesso sono gli stronzi che vanno sulle Vespe --- 

vèspa (vèspi), s.f.

vespa, motoscooter – MO |  ‘na òlta li vèspi li ‘ndàva sǜ in di stróns, adès i è i stróns ca i va sǜ ‘ndèli Vèspi = una volta le vespe andavano sugli stronzi, adesso sono gli stronzi che vanno sulle Vespe --- 

vespèer, s.m.

vespaio, nido di vespe  |  l’à fàc’ vignìi fò ‘n vespèer = ha suscitato forti contrasti e accese discussioni --- 

Vèspor, s.m.

vespro, funzione pomeridiana della domenica --- 

vèsta (vèsti), s.f.

veste, abito, ogni indumento femminile; abito talare --- 

vestè, s.m.

guardaroba, armadio che contiene i vestiti --- 

vestiàri, s.m.

vestiario, vari capi di abbigliamento --- 

vètro, s.m.

pancia, ventre | chi che dìs ‘l vètro, chi che dìs la pànsa, ogni paès al ga la sua üsànza = chi dice il ventre, chi dice la pancia, ogni paese ha la sua usanza --- 

veturinàri, s.m.

veterinario --- 

vià gió, v. tr.  --- 

inghiottire, trangugiare, subire, adattarsi a sofferenze e dolori --- 

viàc’, s.m.

viaggio, trasporto di merci | gh’ò fàc’ ‘n viàc’ da càa = ho fatto un viaggio da cane --- 

viagiàa, v. intr.

viaggiare; procedere speditamente --- 

viagiatóor, s.m.

viaggiatore, agente di commercio --- 

viamèet, s.m.

diarrea  |  gh’ò töc’ gió l’òli de rìcet, óo ciapàat òl viamèet = ho preso l’olio di ricino e ho preso la diarrea (nel passato si pensava che l’olio di ricino fosse il toccasana per tutti i mali) --- 

viciǜra (viciǜri), s.f.

prestazione e costo del trasporto per conto terzi (vedi “veciǜra“) --- 

vidìch té, v. intr.

capire un problema, avere attitudine – TO --- 

vidìch tè, v. intr.

capire un problema, avere attitudine – MO --- 

vidìch, v. intr.

vederci --- 

vidìi, s.m.

solo nell’espressione “al  fa ‘n bèl vidìi” = si presenta bene, ha un bell’aspetto --- 

vidìi, v. tr.

vedere  |  ‘l  la vìt gna tǜta = è innamorato pazzo | ‘l vṍl vidìi tǜt = vuole vedere tutto  (vedi “idìi”) --- 

vidìna (vidìni), s.f.  --- 

piccola vite --- 

vidìs, v. rifl.

frequentarsi, incontrarsi | quànca ‘n pṍö vidìs? = quando possiamo vederci?  --- 

vidisciù, s.m.

tralcio della vite tagliato alla potatura    |  ‘n mazṍl de vidisciù = una fascina di tralci   --- 

vidìsela, v. tr.

vedersela  |  vidìsela brüta = vedersela brutta; correre un grosso rischio --- 

vìdola, s.f.

convolvolo (vedi “ìdola”)  --- 

vìdoli, s.f.pl.

fusilli (pasta) --- 

vidrìna (vidrìni), s.f.

vetrina | vardàe itè ‘ndèla vidrìna = guardare dentro una vetrina --- 

vigliàca (vigliàchi), agg.f. e s.f.

vigliacca  |  a la vigliàca = alla carlona, cosa fatta malamente --- 

vigliacàda (vigliacàdi), s.f.  --- 

vigliaccata --- 

vigliàch, agg.f. e s.m.

vigliacco  |  vigliàch sa al se fa sintìi = figuriamoci se si mi chiama --- 

vìgna (vìgni), s.f.

vigna, vigneto --- 

vignìch sǜ, v. tr.

far tornare alla memoria, risolvere un problema, capirci qualcosa --- 

vignìghen fó, v. intr.

districarsi, risolvere una situazione difficile – TO --- 

vignìghen fò, v. intr.

districarsi, risolvere una situazione difficile – MO --- 

vignìi fó, v. intr.

uscire, balzar fuori – TO --- 

vignìi fò, v. intr.

uscire, balzar fuori – MO --- 

vignìi gió, v. intr.

scendere, cadere; apparire in un ritratto  |  l’è gnüut  gió  trènta ghèi de nìif = sono caduti 30 centimetri di neve --- 

vignìi ià, v. intr.

allontanarsi da un luogo --- 

vignìi ité, v. intr.

entrare, venire dentro – TO --- 

vignìi itè, v. intr.

entrare, venire dentro – MO --- 

vignìi réet,  v. intr.

seguire  |  vègnem rèet = seguimi --- 

vignìi scià, v. intr.

dare profitto (specialmente nelle coltivazioni)  |  al me gnüut scià dèes quintài  de üa = ho prodotto dieci quintali di uva --- 

vignìi sǜ, v. intr.

salire, spuntare  |  l’è gnüut sǜ l’ansalàta = è spuntata l’insalata --- 

vignìi, v. intr.

venire; spettare: al te vèe a amò mìla franch = ti spettano ancora mille lire; diventare: dòpo un pòo vègni stüf = dopo un po’ mi annoio; crescere: vignìi grànt = diventare grande --- 

vignṍl (vignṍi), s.m.

piccolo vigneto --- 

vignulìi, s.m.

vigna di ridotte dimensioni --- 

vìi, s.m.

vino --- 

vìif, agg.m.

vivo, vispo, vivace, pimpante  |  fàs vìif = farsi vivo --- 

vìif, v. intr.

vivere --- 

vìit, s.f.

vite, arbusto che produce uva --- 

vìit, s.f.

vite, organo meccanico filettato --- 

vilàa, agg.m. e s.m.

villano, maleducato, sfacciato --- 

vilàna (vilàni), agg.f. e s.f.

villana, maleducata, sfacciata --- 

vinàsci, s.f.

vinacce --- 

vinasciṍl (vinasciṍi), s.m.

vinacciolo, ciascuno dei semi dell’uva vite che si trovano immersi nella polpa degli acini dell’uva --- 

vinèl, s.m.

 --- 

vinello | par vignìi bùu ‘l vinèl l’à da brüsàa ‘l dosèl  = per avere un buon vino deve fare bel tempo --- 

vinténa (vinténi), s.f.

ventina – TO --- 

vintèna (vintèni), s.f.

ventina – MO --- 

vìnti, agg. e s.m.

venti --- 

viṍla (viṍli), agg.

viola (colore) --- 

viṍla (viṍli), s.f.

viola (fiore) --- 

vìpera (vìperi), s.f.

vipera | l’è ‘nviperìit = è arrabbiato in modo esagerato --- 

vìs-cia (vis-ci), s.f.

verga, frustino (ramoscello sottile) --- 

vìs-cia sǜ, v. tr.

frustare --- 

vis-ciàda (vis-ciàdi), s.f.

frustata --- 

visàa, v. tr.

avvisare, avvertire, mettere al corrente  |  vìsem quànca te sèe prónt = avvisami quando sei pronto --- 

viscèl (viscéi), s.m.

ramo con le foglie secche che serviva come cibo, in inverno, per le pecore e le capre; i rami venivano tagliati in estate, quando le foglie avevano accumulato il massimo nutrimento . Le due piante più adatte per fare i "viscéi" sono el "fràśen" e "védesc' " – TO --- 

viscèl (viscèi), s.m.

ramo con le foglie secche che serviva come cibo, in inverno, per le pecore e le capre; i rami venivano tagliati in estate, quando le foglie avevano accumulato il massimo nutrimento . Le due piante più adatte per fare i "viscèi" sono el "fràśen" e "vèdesc' "  – MO --- 

vìscol (vìscoi), agg.m.

vispo, vivace, gaio  |  sta sǜ vìscol! = stammi bene! --- 

vìscola (vìscoli), agg.f.

vispa, vivace, gaia (anche di facili costumi) |  l’è vègia ma l’è amò vìscola = è vecchia ma è ancora in piena efficienza  --- 

visdecàz, s.m.

mascalzone, maleducato  |  sòo fiöl dèl pà pìscen e dèla màma grànda visdecàz chi m’el dómanda = sono figlio del papà piccolo e della mamma grande, maleducato chi me lo chiede --- 

visèna, s.f.

vino scadente e qualche volta con aggiunta di acqua --- 

visìga (visìghi), s.f.

vescica  |  la visìga dèl ciù = la vescica del maiale, veniva utilizzata per avvolgere alcuni insaccati --- 

visìi, agg.m. e avv.

vicino, attiguo; accanto vedi “aprṍöf” --- 

visìna (visìni), agg.f. e avv.  --- 

vicina, attigua; accanto | l’è ‘na mìa visìna de ca = è una mia vicina di casa --- 

visinànsa, s.f.

vicinanza --- 

visinàs, v. rifl.

avvicinarsi, accostarsi --- 

vìsita (vìsiti), s.f.

visita, visita medica, visita militare --- 

visitàa, v. tr.

visitare, sottoporre a esame medico --- 

visitàs, v. rifl.

sottoporsi a visita medica --- 

vìsta, s.f.

vista, capacità di vedere  |  al me va ‘nsèm la vìsta = vedo doppio --- 

vistìi, v. tr.

vestire, rivestire  |  vistìi sǜ ‘n pàal al sèmbra ‘n cardinàl = vestire un palo, sembra un cardinale, l’apparenza inganna --- 

vistìit, s.m.

abito, vestito  |  vistìit dala fèsta = abito per i giorni festivi --- 

vistìs, v. rifl.

vestirsi, rivestirsi --- 

vìta (vìti), s.f.

vita  |  fàa ‘na bèla vìta = spassarsela --- 

vìta, inter.

guarda! (espressione di sorpresa e di meraviglia) --- 

vìta, s.f.

tronco del corpo dalle anche alle spalle  |  sta sǜ ‘n vìta! = stai eretto! --- 

vitàscia (vitàsci), s.f.

vitaccia  |  fàa ‘na vitàscia = vivere male --- 

vìtel, inter.

guardalo! (espressione di sorpresa e di meraviglia) --- 

viulìi, s.m.

violino --- 

vìva (vìvi), agg.f.

viva, vispa, vivace, pimpante --- 

vìzi, s.m.

vizio, capriccio  |  fàa vìzi = far capricci; l’è mìga abót par i sṍö vìzi = la paga che prende è insufficiente --- 

viziàat, agg.m.

viziato, capriccioso --- 

viziàda (viziàdi), agg.f.

viziata, capricciosa | gh’è chilò ària viziàda = c’è qui aria viziata --- 

vócabólàri, s.m.

vocabolario --- 

volentéra, avv.

volentieri --- 

vólp, s.f.

volpe, sinonimo di “bólp” --- 

voltàa gió, v. tr.

gira, svolta in giù  --- 

voltàa ià, v. intr.

gira, svolta da quella --- 

voltàa scià, v. intr.

gira, svolta da questa --- 

voltàa, v. tr.

voltare, rivoltare; deviare, svoltare, prendere una deviazione  |  voltàa ‘l fèe = rivoltare il fieno nel prato (per favorirne l'essiccazione) --- 

voltàc’, s.m.         --- 

voltaggio | ‘n bòt ‘l voltac’ dèli lampadìni l’era a 125 volt --- 

voltàda (voltàdi), s.f.

svolta, curva, tornante --- 

vòs, agg.m.

vostro  | òl vòs pà = vostro padre --- 

vù, pron. pers.

voi (allocutivo reverenziale o di cortesia, una volta era usato anche nell’ambito familiare, i figli davano del “voi” ai genitori)  --- 

(vedi  anche“ù”) --- 

vulìi, v. intr.

essere sul punto di (specie riferito al tempo)  |  al vṍl piööf = sta per piovere --- 

vulìi, v. tr.

volere  |  chèl che Dìo völ l’è mai tròp = bisogna accettare la volontà di Dio | völ = vuole --- 

vulturàa, v.tr.

pagare un debito --- 

źafràa, s.m.

zafferano --- 

zàino (zàini), s.m.

zaino, sacco da montagna (sin. rótsàch) --- 

źambrót, s.m.

piatto di cibi mollicci e brodosi; persona pasticciona e inconcludente --- 

źambrótàda (źambrótadi), s.f.

cosa confusa, cosa di poco conto; brodaglia, piatto preparato con ingredienti eterogenei  |  l’à fàc’ sǜ ‘na źambrótàda = ha farfugliato frasi senza senso --- 

zàmpa (zàmpi), s.f.

zampa --- 

źampógn, s.m.

campanaccio  |  si mette al collo delle mucche --- 

źampugnìi, s.m.

piccolo campanaccio in genere per capre e pecore; anche riferito a persona poco sveglia --- 

zànca (źànchi), s.f.

zanca --- 

źànfa (źànfi), s.f.

erba dei prati simile all’angelica  --- 

zànfàa, v. tr.

agguantare, acciuffare, afferrare --- 

źanfrógn, s.m. e agg.m.

pasticcione, incapace, inadatto, schiappa --- 

źanfrógna (źanfrógni) s.f. e agg.f.

pasticciona, incapace, inadatta, schiappa --- 

zàngola (zàngoli), s.f.

zangola, attrezzo che serve per produrre il burro (vedi “penàc’ “)  --- 

źàpa (źàpi), s.f.

zappa --- 

źapàa, v. tr.

zappare --- 

źapàda (źàpadi), s.f.

zappata, colpo di zappa --- 

źapèl (źapèi), s.m.

tacca nel legno; accesso ad un fondo; irregolarità nel taglio dei capelli --- 

źapèta (źapéti), s.f.

piccola zappa – TO --- 

źapèta (źapèti), s.f.

piccola zappa – MO --- 

źapètàa, v. tr.

zappare utilizzando la “źapèta” o  il “źapitìi” --- 

źapìi, s.m.

uncino da boscaiolo, formato da un robusto manico di legno al quale era fissato un arpione di ferro, che veniva utilizzato per muovere e trascinare tronchi --- 

źapitìi, s.m.

zappa piccola che si usa nell’orto --- 

źapù, s.m.

piccone, attrezzo utilizzato per scavare terre compatte e rocce tenere --- 

źapunàa, v. intr.

picconare, scavare con il piccone --- 

źapunàda (źapunàdi), s.f.

picconata, colpo di piccone --- 

zardàs, v. rifl.

azzardarsi, arrischiarsi, osare  |  zardèt mìga! = non provarci! --- 

zàta (zàti), s.f.

zampa; mano --- 

zèca (zéchi), s.f.

zecca, parassita di pecore e di altri animali – TO --- 

zèca (zèchi), s.f.

zecca, parassita di pecore e di altri animali – MO --- 

zecàat, agg.m.

azzeccato --- 

zegàa, v. tr.

istigare, indispettire, molestare | a füria de zegàa la bròstola te gh’è ruàat a fàa vignìi fò òl sànch = hai continuato a toccare la crosta della ferita fintanto che hai fatto uscire il sangue --- 

zeghìna, s.m.

ragazzetto dispettoso --- 

zèmbro, s.m.

pino cembro, cirmolo --- 

zeneór, s.m.

ginepro --- 

zèp, s.m.

colmo | l’è piée zèp = è colmo, è pieno zeppo --- 

zéro (zéri), s.m.  --- 

zero, nulla --- 

zèrp, s.m.

terreno incolto e improduttivo --- 

zìa (zìi), s.f.

zia --- 

źibrèta (źibréti), s.f.

ciabatta – TO --- 

źibrèta (źibrèti), s.f.

ciabatta – MO --- 

zìch, s.m.

piccola quantità, pezzettino --- 

zichìi, s.m.

diminutivo e plurale di “zìch” --- 

źicòria, s.f.

cicoria --- 

źifól (źifói), s.m.

zufolo, fischietto, persona sciocca e stupida  |  un tempo i ragazzi di campagna si costruivano uno zufolo con la corteccia dei giovani virgulti di castagno --- 

źifolàa, v. intr.

fischiare, fischiettare, zufolare --- 

źifulìi, s.m.

fischietto --- 

źifulìna, agg.f.

usato solo nell’espressione “gàmba źifulìna” = gamba malata, imperfetta, zoppa --- 

źighèr, s.m.

sigaro (vedi “tóscano”) --- 

źigherèta (zigheréti), s.f.

sigaretta (vedi “sigarèta”) – TO --- 

źigherèta (zigherèti), s.f.

sigaretta (vedi “sigarèta”) – MO --- 

zìngo, s.m.

zinco --- 

zingàat, agg.m.

zincato, rivestito da uno strato di zinco --- 

zingàda (źingàdi), agg.f.

zincata, rivestita da uno strato di zinco  |  ‘na lamèra źingàda = una lamiera zincata --- 

źinghèn, s.m.

zingaro, gitano --- 

źinghèna (źinghèni), s.f.

zingara --- 

zinzìn, s.m.

minima quantità di qualsiasi cosa  |  dàmen ‘n zinzìn = dammene un pochino --- 

zìo (zìi), s.m.

zio --- 

źìpria, s.f.

cipria --- 

zitèla (zitéli), s.f.

zitella – TO --- 

zitèla (zitèli), s.f.

zitella – MO --- 

źòca (źòchi), s.f.

fossa nel terreno, buca  |  fàa gió źòchi = scavare fosse nella vigna per piantare le viti o per concimarle; źòca dèla gràśa = concimaia, letamaio; giügàa a cìca źòca = giocare al gioco delle biglie --- 

źòch, s.m.

piccola buca nel terreno (più piccola della “źòca”)  |  l’è tǜt źòch e dòs = è un terreno molto irregolare, sconnesso --- 

źochèl (źochéi), s.m.

diminutivo di “źòch” --- 

źòcol (źòcoi), s.m.

zoccolo; battiscopa   --- 

źocolàda (źocolàdi), s.f.

zoccolata, colpo inferto con uno zoccolo --- 

źocolàt, s.m.

zoccolaio, venditore di zoccoli --- 

źòfrech, s.m.

zolfo --- 

źofregàa, v. tr.

solforare, cospargere le foglie e grappoli della vite per combattere l’oidio e il mal bianco --- 

źómp, s.m.

salto  |  trà ‘n źómp = saltare --- 

źómpàa, v. intr.

saltare, spiccare salti --- 

źòp, s.m.

zoppo, claudicante  |  ‘ndàa źóp = zoppicare --- 

źòpegàa, v. intr.

zoppicare --- 

źǜca (źǜchi), s.f.

zucca, testa, cervello  |  te ghée la źǜca ṍida = hai poco cervello --- 

źücàda (źücàdi), s.f.

testata, colpo battuto con la testa --- 

źücarṍla, s.f.

grillotalpa --- 

źǜcher, s.m.

zucchero  |  dach źǜcher a l’asen al te pìca la cùa sǜl mǜüs = dare zucchero all’asino ti pesta la coda sulla faccia --- 

źüchèra (źüchèri), s.f.

pianta che produce le zucche --- 

źüchìi, s.m.

zucchino; cittadino svizzero o tedesco   --- 

źücù, s.m.

zuccone, testone, individuo duro di comprendonio --- 

źücùna (zücùni), s.f.

zuccona, testona --- 

źufrighìi, s.m.

zolfanello, fiammifero