Vocabolario formato testo per la ricerca


a menadìit  (a menadìic'), loc.avv.=

a menadito

a ufa, inter. =

a sbafo

a, cong. =

anche  |  al vée a lǜü = viene anche lui; de pulènta, n’ò fac’ giò a da tǜta la cuntràda = di polenta ne ho fatta anche per la contrada intera

a, prep. =

a (complemento di luogo) - a Sóndri =  a Sondrio; (c. di tempo) - a natàal = a natale; (c. di modo) - a màa = a mano; (di termine) - a mi, a ti = a me, a te; davanti ai verbi all’infinito: a ulìi dila tǜta = a voler dirla tutta.

àa, cong. =

anche  |  vegni àa mi = vengo anch’io; damèn àa cà mi = danne anche a me

àach, cong. =

anche | prǜma vègni ia en de ti, dopo ‘ndòo àach a Sóndri = prima vengo da te poi vado anche a Sondrio

àaf, s.m. =

avo, antenato, nonno  |  i méi  àaf ai me cüntava sǜ = i miei nonni mi raccontavano

abondànt, agg. =

abbondante  |  al sarà ‘n quintàal abondànt = sarà un quintale abbondante (… anche ironico, se riferito a persona)

abòt, avv.=

abbastanza, a sufficienza  |  basìi e carézzi abòt abòt, ma aiǜt negót = baci e carezze a sazietà, ma aiuto nessuno; a n’óo abòt = ne ho abbastanza, sono stanchissimo

abòtento, avv.=

più che abbastanza| a gh’n’òo abòt abòtento = ne ho proprio abbastanza

abunàa, v.tr. =

abbonare

abüsif, agg. = 

abusivo

acampamèet, s.m. =

accampamento

acanìs, v.intr =

accanirsi

acènt, s.m. =

accento

àcet, agg. = 

acido, aspro  |  te sée àcet cóma ‘n limù = sei acido come un limone (detto a persona … simpaticissima eh eh eh)

acetàat,  agg. pp. =

accettato

acidènt, s.m. =

accidente

acórdi, s.m. =

vedere “acòrdi “– TO

acòrdi, s.m. =

accordo, intesa  |  ‘ndàa d’acòrdi = andare d’accordo; ‘ndàa d’amóor e d’acòrdi = andare d’amore e d’accordo; mètes d’acòrdi = mettersi d’accordo, accordarsi – MO

àcqua, s.f. =

acqua  |  l’àcqua la gh’a cà i corègn = l’acqua non ha le corna (non si ferma contro niente; làga ‘ndàa l’àcqua en gió e ol füm en sǜ = lascia andare l’acqua in giù ed il fumo in su(…lascia perdere, lascia andare le cose come vanno, fregatene!); l’è en de ‘n àcqua sùula = è tutto sudato (letteralmente: è tutto acqua); l’è méi vìi còlt che àcqua frégia! = è meglio vino caldo che acqua fredda (frase molto usata in contrada “strécia”, abitata da ottimi bevitori!); a fṍra de tra sǜ àcqua ‘n d’en müur, ‘n pòo la rèsta = a furia di buttare acqua su un muro, un po’ resta (si intende: a forza di dare buoni consigli, magari ad un figlio, qualcosa rimane attaccato … almeno si spera!)

acquaràsa, s.f. =

acquaragia

àcquari, s.m. =

acquario

àcquaròt, s.m. =

acqua sporca

acùnt, s.m. =

acconto

adatàs, v.intr =

adattarsi

adès, avv.=

adesso, ora, in questo momento

àdio, inter, =

addio   |  (addio: a Dio), àdio Signóor = è proprio finita, non c’è più nulla da fare

adiziù, s.f. =

addizione

adoràa, v. tr. =

adorare  |  adoràa ol Signóor = adorare Gesù;  bèla s-cèta, te adori = bella ragazza, ti adoro (mi piaci molto, ti amo …)

adòs, avv.=

addosso  |  oia da fan, saltèm adòs = voglia di farne, saltami addosso …e tu pigrizia non mi abbandonare! 

adotàa, v. tr. =

adottare

afàri, s.m. =

affare, faccenda,  contratto, interesse, vicenda clamorosa, scandalo, oggetto, arnese, cosa (quando non si conosce o non si ricorda il nome specifico di un attrezzo) .  |  che bèl afàri cà te fac’! = che bell’affare hai fatto! (…ironico!); cà l’è ‘sto afàri? = cos’è questo attrezzo? di che vicenda si tratta?

afeziù, s.f. =

affetto, tenerezza, amorevolezza

afrónt, s.m. =

affronto

afróntàa, v. tr. =

affrontare

agiàat, agg. =

agiato, benestante

àgio, s.m. =

agio, comodità, possibilità, occasione, benessere, agiatezza, ricchezza  |  avìch àgio de =  avere la possibilità di; dàch àgio al colèt de la camìśa = allargare il collo della camicia, troppo stretto

agitàs, v. intr.=

agitarsi, inquietarsi, rimanere molto turbati; dimenarsi  |  àgitèt cà trop = non agitarti troppo, stai calmo

agnèl, s.m. =

agnello  |  l’è brào cóma n’agnèl = è bravo come un agnellino

agra, s.f. = 

scöcia acidificata che serve a coagulare il siero fresco per farne la ricotta

agrèer, s.m. =

botticella in legno dove si mantiene e produce l'agra

àgro, agg. =

agro, acido, acre, acerbo, aspro; fig.:  pigro, restio a fare alcunché  |  sto làc’ l’è agro = questo latte è andato a male; a fàa vargót, l’è agro = a fare qualche lavoro (a lavorare) è molto restio

agunìa, s.f. =

agonia

ai, prep. =

ai, agli  |  digol ai töi = dillo ai tuoi (familiari)

ài, s.m. =

aglio

àia, inter, =

ahi (espressione di dolore)

àigola, s.f. =

poiana  |  ‘l gh’è vìt püsée de n’àigola = ci vede meglio di un’aquila; te sée ‘n àigola! = sei un genio, una cima! (… ironico)

Aiguàl, s.f.  n.p.=

roggia che partiva dal fiume Livrio e passava in mezzo ai prati sotto loc.= Zapelàt fino a congiungersi all'Adda sotto loc.= Caselle

aiǜt, s.m. =

aiuto

al (ai), pron.  pers.=

egli (essi), lui (loro)| al piàisc’ = egli piange | ai màia = essi mangiano | si usa anche come soggetto nei verbi impersonali (i verbi impersonali sono costruiti solo sulla terza persona) | al fiòca = nevica | al piööf = piove

al gh’è, loc.v.=

c’è

al sìra, avv.=

ieri sera

al, prep. art. =

al, allo   |  digol al tò fradèl = dillo a tuo fratello

al ṍc’, avv.=

all’occhio | stà al ṍc’ = stai attento  

àla, prep. =  

alla | àla fìi dèla stràda = alla fine della strada

ala, s.f. =

ala  |  sbàsa li ali = abbassa le ali, modera l’altezzosità; molàa giò li ali = dimostrare grande stanchezza, sia fisica che morale

alavèrsa (alivérsi), loc.=

venire al dunque, non si sbriga - TO| al vée ca alavèrsa = non viene al dunque;  al vée ca pǜ alivérsi = non viene più a farci visita   

alavèrsa (alivèrsi), loc.=

venire al dunque, non si sbriga - MO| al vèe ca alavèrsa = non viene al dunque;  al vèe ca pǜ alivèrsi = non viene più a farci visita  

alastéch, s.m. =

elastico  |  al ghe se rót l’alastéch de li müdandi = gli si è rotto l’elastico delle mutande

albèra, s.f. = 

pioppo  |  la legna de albèra, la val ca niènt! = la legna di pioppo non vale nulla, non rende

albèrgo, s.m. =

albergo, hotel

albicòch, s.m. =

albicocco

alégrìa, s.f. =

allegria

alégro, agg. =

contento, lieto, gaio, di buon umore; divertente, scherzoso, spassoso; piacevole, vivace (spec. di colore);

alfabét, s.m. =

alfabeto

àli, prep. =

alle | àli cìnch dendòmàa = alle cinque del mattino

almanàch, s.m. =

calendario; vedi anche “lünàri” e “tacüìi”

almànch, avv.=

ci mancherebbe

alméno, avv.=

almeno, quantomeno, perlomeno  |  par ‘sto laoràa, öli alméno cènt euri = per questo lavoro, voglio almeno cento euro

alòc’, s.m. =

alloggio  |  a gòo cà da dàch alòc’ a ‘sti póri gèet = non ho la possibilità di dare alloggio a queste povere persone

alpìi, s.m. =

alpino (militare)  |  la ròba püsé preziosa cà göo, l’è ol me capèl d’alpìi ! = la cosa più preziosa che possiedo, è il mio cappello d’alpino

alrìc', agg. =

in ordine, ben fatto  |  l’è pròpi fac’ sǜ alrìc’ = è proprio ben realizzato,  ben fatto (anche di persona)

altar, altarii, s.m. =

altare, altarino

alteràs, v. rifl.=

alterarsi

altretàat,

altrettanto

altǜra, s.f. = 

altura

alùra, avv.= (anche: ilùra)

allora, in quel tempo (seguito dal punto interrogativo, vuole anche dire: ebbene? dunque?

aluviù, s.f. =

alluvione; ( anche “stratèep”)

àm, s.m. =

amo per pescare

amàr, agg. =

amaro, aspro, mordace; spiacevole, triste  |  amàr cóma ghinsana = amaro come la radice della genziana

amàra (amàri), agg. =

amara

amarèt (amarèc’), s.m. =

amaretti

ambiènt, s.m. =  

locale pubblico, stanza  |  al gh’à sǜ n’ambiènt a Sóndri = gestisce un locale pubblico in Sondrio; tiràa fò ‘n ambiènt par la fiṍla = ricavare una stanza per la figlia 

àmèn, inter

attimo, istante, breve momento; così sia, pazienza! (esprime scherzosa rassegnazione)  |  ‘l  me dac’ gió ‘n bicéer e ‘l se rót: àmèn! = mi è caduto un bicchiere e si è rotto: pazienza!

amèt, v.tr. =

ammettere

àmet, s.m. =  

amido

amìis, s.m. =

amico | sóo 'ndàc' a truàa 'n'amìis = sono andato a trovare un amico

àmm, loc.=

Locuzione usata per imboccare il piccolo |àmm la pàpa

amó, avv.=

vedere “amò” – TO

amò, avv.=

ancora, nuovamente  |  daghèn amò = dagliene ancora / l'è amò bèla ! = è ancora bella, questa è bella! amò ‘n pò cà ‘l ghe crès la bàga, al pàśa cà pǜ dala pòrta = se ingrassa (cresce la pancia) ancora un po’, non passa più dalla porta – MO

amóor, s.m. =

amore  |  l’amóor e la fàm, i ie sènt tǜc’ i salàm! = l’amore e la fame, li sentono tutti;  ‘ndàa d’amóor e d’acórdi = andare d’amore e d’accordo

ampédria, s.f. =

grosso imbuto in legno, (vedi anche  “pédria” e “’mpédria”

ampulìi, s.m. = 

ampolla per l'olio e l'aceto, a collo stretto e ventre largo; piccolo vaso ove viene conservato l’olio santo

àn (àgn), s.m. =

anno  |  de ‘sti àgn = un tempo, una volta; al pàśa i dì, i mìis e i àgn, cóma l’àcqua fò da ‘n cavàgn = passano i giorni, i mesi e gli anni, come l’acqua da una cesta (cioè molto in fretta)

anàda (anàdi), s.f. =

annata  |  chèsta, par la vendemmia l’è stàcia  ‘na bèla anàda = questa, per la vendemmia, è stata una annata molto favorevole

ànda, s.f. =

in movimento, in programma  |  vès in ànda - essere in ballo, star facendo qualcosa; vìch in ànda da fàa vargót = avere in animo di fare qualcosa

andadóra, s.f. =

passaggio, strada angusta, piano inclinato

andamèet, s.m. =

andamento, andazzo, il procedere di una situazione  |  chèst’an ol tèep al ga ‘n brǘt andamèet = quest’anno il tempo ha un brutto andamento (non ne combina)

andànt, agg. m. e f.=

ordinario, comune, di qualità non eccelsa; continuo, senza interruzioni; corrente, in corso  |  ‘na ròba andànta = una cosa di poco valore; ‘n laoràà andànt = un lavoro eseguito alla carlona

andàz, s.m. =

andazzo, abitudine, piega (specialmente in senso negativo)  |  òl me óm l’à ciapàat n’andàz ca pròpi ‘l me va ca gió! = mio marito ha preso un andazzo che proprio non riesco a mandar giù (digerire)!

àndet, s.m. =

passaggio, androne, andito riposto e abbandonato

anèl (anéi), s.m. =

anello; vera nuziale  |  anèl al dìit, còrda al còl = anello al dito, corda al collo (proverbio ironico) – TO

anèl (anèi), s.m. =

vedere anèl (anéi) – MO

ànèma, s.f. =

anima; persona, essere umano  |  gh’è ‘n gir gnàa n’ànèma = non c’è in giro nessuno

ànès, s.m. =

anice; cumino (anche liquore) | 'n bicirìi de ànès = un bicchierino di anice

angarìa (angarìi), s.f. =

bugia, fandonia, frottola | cǜnta ca sǜ angarìi = non raccontare frottole

angégher, s.m. =

soldato o poliziotto tedesco e svizzero; detto in modo ironico anche ai bambini molto vivaci  |  te sée n’angégher = sei una birba

àngel (àngei), s.m. =

angelo  |  te sée n’àngel … quànca te dormèt! = sei un angelo … quando dormi!  (ironico)

àngol, s.m. =

angolo, cantuccio  |  la maèstra,  l’à ma metüut en de ‘n àngol, ‘n castìich = la maestra mi ha messo nell’angolo, in castigo

angóśa, s.f. =

angoscia, ansia; desiderio ardente, brama  |  fàam ca stàa en angóśa = non farmi stare in ansia

anguìla, s.f. =

anguilla

anilìi, s.m. =

anellino

animàl (animài), s.m. =

animale, bestia | 'l cavàl l'è 'n bèl animàl = il cavallo è un bel animale

ansàa, v.intr =.

ansimare, respirare con affanno

ànta,  s.f. =

imposta di finestra; sportello di armadio | l'ànta de l'armàri la s'è róta = l'anta dell'armadio si è rotta

antacrìst, s.m. =

anticristo; persona insolente, maleducata, cattiva, diabolica

antèl (antéi), s.m. =

piccolo sportello, generalmente di legno – TO

antèl (antèi), s.m. =

piccolo sportello, generalmente di legno – MO | gh'ò seràat l'antèl dèl pulèer = ho chiuso lo sportello del pollaio

antèna (antèni),  s.f. =

antenna; lungo palo, generalmente di conifera, che reggeva i ponteggi inerenti la costruzione di una casa – MO

antèna (anténi), s.f. =

vedere “antèna” – TO

antenàat, s.m. =

antenato

antipàtech (antipàtega-antipàteghi), agg. =

antipatico, spiacevole, inviso, odioso | pós ca idìl, 'l m'è tròp antipàtech = non posso vederlo, mi è troppo antipatico

antràchen, s.m. =

arnese complicato, marchingegno

aocàat (aocàc’), s.m. =

avv.=ocato | stìi lóntàa dai aocàc' = state lontani dagli avv.=ocati

aóst, s.m. =

agosto  |  aóst, quant cà al va giò ol sùul, l’è fósch = agosto, appena tramonta il sole, è subito buio

apèna (pèna), avv.= e cong. =

appena, soltanto, un poco; da pochissimo tempo; subito dopo che  |  a s’ ghé vìt apèna = ci si vede appena; l’è pèna li dées = sono appena le dieci; l’era pèna ruàda = era arrivata da poco; apèna aróo finìit da da rìgola, te ciamaróó = non appena avrò finito di regolare (le mucche), ti chiamerò

apiàa, avv.= 

adagio | camìni apiàa, 'l me fà màal 'na cavìgia = cammino adagio, mi fa male una caviglia

apòsta, avv.=

apposta, di proposito, intenzionalmente; appositamente, per un fine specifico  |  gnàa cà a fal apòsta = neanche a farlo apposta (per sottolineare una coincidenza sfavorevole); sòo ignüut apòsta = sono venuto appositamente

apòstol, s.m. =

apostolo

aprìl, s.m. =

aprile  |  ‘n aprìl, ogni góta l’è ‘n barìl = in aprile, ogni goccia un barile

aprṍöf, avv.= e prep. =

vicino, appresso, attaccato  |  dàm vargót da maiàa aprṍöf a la pulènta = dammi qualcosa da mangiare con la polenta

àquila, s.f. =

aquila

aràa, v. tr. =

arare

aradèl  (aradéi), s.m. =

aratro –TO

aradèl  (aradèi), s.m. =

aratro –MO

aradio, s.f. =                

radio ricevitore | ‘ntórén ai àgn ‘50 i’era ca tac’ ca i gheva l’aradio = intorno agli anni ‘50 non erano in molti ad avere la radio

aràns, s.m. =

arancia vedere “pómaràns” | i aràns i me fà ignìi 'n mèet ol Natàal = le arance mi fanno venire in mente il Natale

àrbol (àrboi), s.m. =

castagno | l'àrbol l'è póo àach òl castàa = si dice anche castagno

arcabànch, s.m. =

attrezzo complicato; mobile o strumento di grosse dimensioni ma malandato; persona grande e grossa ma restia ad impegnarsi

archèt, s.m. =

archetto, bacchetta piegata usata per tendere i lacci per la cattura di selvaggina

arènch, s.m. =

aringa

arènt,  agg.  avv.=

aderente | arènt al mǜr

argáat, s.m. =

resina larici, vedere “trimintìna” e “ràsa” resina dei pini e abeti

argàgn, s.m. =

uomo impacciato, goffo; poco affidabile; oggetto non altrimenti definito e/o malfato  | te me parèt 'n argàgn = mi sembri un po' impedito

arganèl (arganéi), s.m. =

carrucola – TO

arganèl (arganèi), s.m. =

carrucola – MO

àrgen, s.m. =

argine | l'àcqua dèl Tursciù 'n bòt l'à ròt l'àrgen = l'acqua del Torchione una volta ha rotto l'argine

argènt, s.m. =

argento

àrghèn, s.m. =

argano, congegno

aria (àri), s.f. = 

aria  |  ‘ndàa a l’ària fìna = andare in montagna;  dàs àri = darsi delle arie, fare lo sbruffone

arivedés, inter, =

arrivederci

arlichìi, s.m. =

arlecchino

armàa, v.tr. =

armare

armadǜra, s.f. =

armatura

armàri, s.m. =

armadio; persona corpulenta

armisṍl, s.m. =

chiavistello

armònica, s.f. =

armonica | 'l me piasarìs vès bùu de sunàa l'armònica = mi piacerebbe essere capace di suonare la fisarmonica

arnées, s.m. =  

arnese, attrezzo; anche di persona inaffidabile, stupidotta, stramba

àrs, agg. =

arso, inaridito, secco, riarso  |  mi sóo àrs dala sìit = sono arso dalla sete

arsènàal, s.m. =

arsenale; luogo o oggetto molto grande; fig.: persona corpulenta e bizzarra

arsènech, s.m. =

arsenico | l'è tósech cóma l'arsènech = è tossico come l'arsenico

arsǜra, s.f. =

arsura, sensazione di caldo e sete che si traduce per lo più in un ansioso desiderio di fresco e d'acqua, bruciore di stomaco

àrt, s.m. =

lardo | l’àrt ‘n bòt i le metéva gió ‘ndèla manèstra cóma cundimèet = il lardo una volta lo mettevano nella minestra come condimento 

àrticol, s.m. =

articolo; fig.: persona alquanto stramba

artrìtega, s.f. =

artrite

às, s.f. =

asse, tavola di segheria; asso (nel gioco delle carte)  |  às da lavàa = asse per lavare i panni, l’às la gh’à sèmpre ‘n padrù!

asasìi, s.m. =

assassino

ascès, s.m. =

ascesso

àscia (àsci), s.f. =

matassa  | tiràa li àsci, morire | vès fò da li àsci = essere fuori dai gangheri

asée,  avv.=

abbastanza  | avighèn asée - averne abbastanza, non poterne più

aséet, s.m. =

aceto – MO| te sèe dùls cóma l’aséet, sei dolce come l’aceto (… ironico) 

aśègn, s.m. =

assegno

asen, s.m. =    

asino; persona di scarsa cultura

àśèn, s.m. =   

usato solo nell’espressione: in àśèn = fatto bene

aśènt, avv.=

fatto a regola d’arte | l’è ‘n mestéer fac’ in aśènt = in lavoro fatto a regola d’arte

àser, s.m. =

acero

asèta (aséti), s.f. =

asola – TO

asèta (asèti), s.f. =

asola – MO | l'asèta la se rómp ca, l'è ol butù ca ‘l se destàca sèmpre = l'asola non si rompe mai, è il bottone che si stacca sempre

asìit, s.m. =

aceto  - TO| asìit de vii e asìit de pom= aceto di vino e aceto di mele

asìlo, s.m. =

asilo

aśistènt, s.m. =

assistente

asmàri, s.m. =

armadio; persona corpulenta vedere armàri  - TO

asnàda, s.f. =

asineria; atto, discorso, comportamento da ignorante | te fàc' 'n asnàda a vènt fò tǜt = hai fatto una fesseria a vendere tutto

àsp, s.m. =

aspo, strumento girevole che serve per avv.=olgere in matassa un filato; arcolaio

asperges, s.m. =

aspersorio per l'incenso

àsta, s.f. =

asta | àsta de lègn = asta di legno

astǜut, s.m. =

astuto

astǜzia, s.f. =

astuzia

atèm, s.m. =

attimo

atensiù, s.f. =

attenzione

atènt, agg. =

attento  | stà atènt = fa’ attenzione

atògnimodo, avv.=

comunque vedi “otramèet”

atóren, avv.=

attorno

àva (àvi), s.f. =

nonna; ape

avàar, agg. =.

avaro (vedi anche “vansarṍl”)

avàns, s.m. =

avanzo, resto, rimanenza  |  bàt cà ià i avàns = non buttare gli avanzi (del pranzo)

avansàa, v.tr. e intr.=

avanzare (vedi anche “vansàa”)

avèrt, agg. =

aperto, vedi anche vèert

avèz, s.m. =

abete bianco  | si differenzia dal “pèsc’”  perché ha la corteccia del tronco argentata

avìch, v.tr. =

avere, possedere; ‘ngarés = avremmo | ‘ngarés besógn = avremmo bisogno;   t’arée bée idüüt ! = avrai ben visto!

avìis, s.m. =

avv.=iso

aźàal, s.m. = 

acciaio

aźiprèvet, s.m. =

arciprete

azǘr, agg. =

azzurro

bàaca, s.f. =

panca | la fàc' sǜ 'na bàaca pròpi bèla = ha costruito una panca proprio bella

babào, s.m. =

vedere “bào”

babilònia, s.f. =

caos

bacàn, s.m. =

baccano, fracasso, rumore; contadino ricco, con molte terre e capi di bestiame  |  parchè te fée tǜt ‘sto bacàn? = perché stai facendo tutto questo baccano? - chèl lì, l’è pròpi ‘n gràn bacàn! quello lì, è proprio una persona agiata!

bacanéri, s.m. =

baccano, grande chiasso continuo e assordante, confusione rumorosa  |  chèl cà l’è tǜt ‘sto gràn bacanéri? = cos’è tutto questo casino?

bachèt (bachéc’), s.m. =

ramoscello, piccolo bastoncino – TO

bachèt (bachèc’), s.m. =

ramoscello, piccolo bastoncino – MO

bachèta (bachéti), s.f. =

bacchetta, verga; tondino di ferro per cemento armato; stecca verticale dèl campac’ – TO

bachèta (bachèti), s.f. =

bacchetta, verga; tondino di ferro per cemento armato; stecca verticale dèl campac’ – MO

bachetàda, s.f. =

colpo di verga, di bacchetta | dàch ca tàati bachetàdi a chili pòri vàchi = non dargli tante bastonate a quelle povere mucche

bacilàa, v. intr.=

vacillare; tentennare, titubare, sragionare  |  l’è n’óm che bacila ca = e’ un uomo che sa bene quello che fa, e lo fa con decisione

bacǜch, agg. =

solo nella locuzione vecchio bacucco, persona decrepita, rimbambita per l’età molto avanzata  |  l'è n véc' bacǜch - è un vecchio decrepito

badentàa, v. tr. =

tenere a bada, intrattenere  |  badènta ‘n póo chèl rèdès = intrattieni un momento quel bambino

badentàs, v. rifl.=

divertirsi, passare il tempo gradevolmente | 'l se badentàat a giügàa coli cichi

badèrla, s.f. =

attrezzo per fare le  matasse (“àsci”)

badìl, s.m. =

badile

badintìi, s.m. =

giocattolino, trastullo, passatempo

bàf, s.m. =

baffi | la lagàat crès i bàf = ha lasciato crescere i baffi

bafǜ, s.m. e agg. =

baffone, uomo dai folti baffi (in molti casi, diventa un soprannome)

bàga, s.f. =

grossa pancia; ventre adiposo

bagài, s.m. =

ragazzo | dàc' vargòt da maiàa a chèl bagài = dagli qualcosa da mangiare a quel ragazzo

bagaiàda, s.f. =

ragazzata

bagiàa, v.intr =.

abbaiare

bagianàda (bagiàna), s.f. =

cosa da poco, stupidata

bàgiol, s.m. =

bacchio, bastone lungo e robusto, leggermente arcuato, con due incavature alle estremità, cui si appendevano i secchi  |  te capisèt cà, gnàa  cà picàt giò col bàgiol = non capisci neanche a colpirti col bacchio

bàglia (bàgli), s.f. =

balia, nutrice

bagliàa, v. tr. =

tenere a balia, allattare, dietro compenso, un bambino di altri.

bàgliadech, s.m. =

bambino tenuto a balia

bagliù, s.m. = 

marito della baglia

bàgn, s.m. =

bagno | mèt gió a bàgn = mettere in ammollo

bagnàa, v. tr. =

bagnare  |  bagnàa ol bech = bere un goccio,  solitamente di vino; bagnàa ‘l nàas = superare, far meglio di qualcuno; bagnàa la vigna = fare il trattamento al vigneto 

bagnàat (bagnàac’), agg. =

bagnato, inzuppato, fradicio |  al piöf sul bagnàat = piove sul bagnato (si dice per significare che le fortune o le disgrazie non vengono mai  sole)

bagnàda (bagnàdi), agg. =

bagnata, inzuppata, fradicia  |  spósa bagnàda, spósa furtunàda = sposa bagnata, sposa fortunata

bagnìi, s.m. =

grosso catino con manici (per lavare i panni; anticamente per fare il bagno ai bambini)

bàgol, s.m. =

residuo di tabacco che rimane in fondo alla pipa (nei tempi passati, qualche vecchio lo metteva in bocca e lo masticava).

bàgóli, s.f. =

escrementi di capra o topi

baiàa réet, v. tr. =

sgridare, rimproverare, gridare contro qualcuno

baiàa, v. tr. =

abbaiare, latrare - fig.urlare  |  baiàch réet a vargǜü = parlare male di qualcuno, alle spalle.

baiàda, s.f. =

chiacchiera, fandonia, pettegolezzo  |  al se viàat fò, a gh’è ‘n gìir,  'na baiada = sta montando, si sente  in giro, una brutta voce, diceria, maldicenza

baiòch, s.m. =

soldi, baiocchi

bàit, s.m. =

modesta e piccola costruzione, all’interno della quale si faceva scorrere una roggia d’acqua, in cui si tenevano a bagno le caldaie in rame, in cui veniva conferito il latte dalle famiglie della contrada, le quali a turno provvedevano alla sua trasformazione in burro, formaggio e ricotta  |  òl bàit dal làc’ = la baitella per la conservazione del latte; cassone in tavole di legno adatto a contenere due persone sdraiate, nel quale si entrava da una porticella, usato dai pastori in alpeggio per ripararsi la notte.

bàita, s.f. =

baita, casupola di montagna (dim. baitèl s.m. =)

baitòz, agg. =

falso, briccone, imbroglione

bàl, s.m. =

ballo, anche nell’espressione: essere in ballo  |  vès en bàl = essere in ballo, essere coinvolti in qualche iniziativa; vich en bàl = avere in corso qualche attività, lavoro, ecc.

bàla (bàli), s.f. =

bugia;  palla; testicolo; balla di fieno  |  cuntàa sǜ bàli = raccontare frottole; tiràa a bàli = tirare in giro, non giungere a conclusioni |  bàla de  s-ciop = palla da fucile | fa giràa li bàli = far arrabbiare

balagiò, v. tr. =

calpestare (specialmente l’erba, l’orto, il terreno coltivato)

balàa, v. intr.=

ballare, danzare; stare molto largo  |  al  bàla ‘l matt = si comporta da matto;  fa balàa li màti = far ballare le ragazze;  en de ‘sto vistìit, ghe bàli ité = questo vestito lo sento molto largo

balabiót, s.m. =

balordo, infingardo, teppista, inaffidabile

balàda (balàdi), s.f. =

ballo | che bèli balàdi, chili matèli = come ballavano bene quelle ragazze

baladù, s.m. =

soffitta, solaio

balànsa, s.f. =

bilancia

balansìi, s.m. =

bilancino; bilancino da farmacista | attrezzo in legno con tre anelli per fissare, da una parte due tiranti attaccati all'animali da  tiro e dall'altra con anello al centro per attaccare ciò che si vuole tirare

baldachìi, s.m. =

baldacchino (drappo quadrangolare, sostenuto da quattro o più aste, sotto il quale si porta in processione il SS. Sacramento;  un tempo faceva anche da copertura ai letti)

baldràca (baldràchi), s.f. =

donna poco seria

baléngo, s.m. = 

stravagante, strano negli atti e nel detto

balèer, s.m. =agg

bugiardo; vedi anche "bosàrt"

balerìi, s.m. =

ballerino

balìi, s.m. =

pallino delle bocce; pallino del fucile (solitamente al plurale)  |  vich en màa ol balìi = condurre, comandare il  gioco; ‘ndàa a balìi = andare in rovina; zaino con dentro gli indumenti del pastore in alpeggio 

balìsta, s.m. =

bugiardo, menzognero  |  l’è ‘n balista de prüma categoria = è un gran ciarlatano

balöc’, agg.  m.

strabico

balögia, agg.  f.=

strabica

balòos, s.m. e agg. =

ingannatore, mariuolo, inaffidabile, sleale; monello

balórt, s.m. =

balordo, persona poco affidabile

balòt, s.m. =

piccolo corpo tondeggiante di sostanza molliccia  |  balòt de pulènta = piccola palla di polenta

balurdù, s.m. =

vertigine, giramento di capo

Bambìn, s.m. =

Gesù Bambino

bàmbo, s.m. =

rimbambito, tonto, stupidotto

bambòc’, s.m. =

bimbo grassoccio, uomo poco sveglio

bàmbola, s.f. =

solo nell’espressione ‘ndàa ‘n bàmbola = rimanere imbambolato, restare incantato

bànca (bànchi), s.f. =

banca

bancàal, s.m. =

bancale

bancaràal, s.m. =

panca con alto schienale che sta tutto intorno al focolare

bànch, s.m. =

banco di scuola, della chiesa

banchèt (banchéc’), s.m. =

bancarella (della fiera) – TO

banchèt (banchèc’), s.m. =

bancarella (della fiera) – MO

bànda, s.f. =

banda musicale; gruppo organizzato di malviventi

banderàal (banderai), s.m.  agg. =

sventato, senza giudizio; detto di ragazzo, significa anche molto birichino

bàndòl, s.m. =

bandolo, capo del gomitolo, vedere anche “còo”

bandunàat, agg. =

trascurato

banimàa, avv.=

mano a mano | da banimàa ca 'l me vèe en mèet li paròli en dialèt, te li disi =man mano che mi viene in mente le parole in dialetto te le dico

bào, s.m. =

insetto indistinto; diavolo  |  l’è brut e catìif cóma ‘l bào = e’ brutto e cattivo come il diavolo

bàr, s.m. =

montone; persona cocciuta e testarda  |  te ghée la cràpa de ‘n bàr = sei duro di comprendonio

baràba, s.m. =

barabba, uomo cattivo

baràca (baràchi), s.f. =

baracca, casa fatiscente, costruzione provvisoria dei cantieri di lavoro;  avv.=entura  |  al vìif en de ‘na baràca = vive in una casa molto malridotta; tiràa avanti la baràca = mantenere la famiglia con qualche difficoltà; fàa ciòca e baràca = ubriacarsi e fare festa

baràda (baràdi), s.f. =

grande testata, come usa fare il montone (bar)

baraónda, s.f. =

confusione

baratàa, v.tr. =

barattare, scambiare

bàrba de tṍrch, s.f. =

barba del granoturco, stilo (in botanica lo stilo è la parte del pistillo che, in forma di filamento sottile, sorregge lo stigma cioè la parte superiore del pistillo stesso)  

bàrba, s.f. =

barba; zio scapolo

barbacàa, s.m. =

barbacane, opera muraria di rinforzo davanti a muri portanti o antiche fortificazioni

barbéer, s.m. =

barbiere, parrucchiere

barbìis, s.m. =

baffo  |  grignàa sóta i barbìis = sogghignare;  lècas i barbìis = apprezzare grandemente un cibo, anche figurato:  l’è na s’cèta da lecas i barbìis = è una ragazza molto piacente e gradevole

barbòz, s.m. =

mento

barbù, s.m. =

persona con folta barba; vagabondo senza fissa dimora né occupazione, molto trasandato

barchèta, s.f. =

piccola barca; slittino fatto con delle asticelle messe in senso longitudinale e distanziate l’una dall’altra, vedere anche “slitìi”

bardèn, s.m. =

bardana maggiore (arctium lappa l.), pianta erbacea che produce una bacca verde che si attacca con facilità ai vestiti  |  il velcro  (sistema di chiusura di giacche e scarpe) è stato inventato, da  uno scienziato dopo essersi imbattuto in questa pianta

bàrèch, s.m. =

radura, spesso circoscritta da un muretto a secco, ove venivano raccolte le mucche per la mungitura e,  salvo cattivo tempo,  per passarvi la notte

baregàa, v. tr. =

girare intorno senza meta

barèla (baréli), s.f. =

barella; portantina (in tempi passati, usata principalmente dai manovali per portare i sassi ai muratori) – TO

barèla (barèli), s.f. =

barella; portantina (in tempi passati, usata principalmente dai manovali per portare i sassi ai muratori) – MO

barèt (baréc’), s.m. =

berretto, copricapo  |  fam cà giràa òl barèt = non farmi arrabbiare – TO

barèt (barèc’), s.m. =

berretto, copricapo  |  fam cà giràa òl barèt = non farmi arrabbiare – MO

barèta (baréti), s.f. =

berretta, copricapo di varie forme, in genere senza tese  |  la barèta da noc’ = la berretta da notte; la barèta dèl prèvèet = la berretta del prete – TO

barèta (barèti), s.f. =

berretta, copricapo di varie forme, in genere senza tese  |  la barèta da noc’ = la berretta da notte; la barèta dèl prèvèet = la berretta del prete – MO

bargèli, s.f. =

bargigli del gallo

barìl (barìi), s.m. =

barile

barilòt (barilòc’), s.m. =

barilotto, piccola botte; detto scherzosamente anche di uomo piccolo e cicciotto 

barlafǜs, s.m. =

persona scorretta, inaffidabile, sleale, immorale

barlǜm, s.m. =

barlume

bàs, agg. =

basso; piccolo 

basà sǜ, v.tr

baciare

basàa, v. tr. = 

baciare

basacǜla, s.f. =

bilancia

basalìsch, s.m. =

balordo, individuo subdolo e cattivo; deriva dal nome di una specie di drago mitologico, evocato anche nella nostra tradizione come un serpente alato e con la cresta come di gallo dagli occhi fiammeggianti e il fiato velenoso, capace di ipnotizzare e di uccidere con lo sguardo

basamèet, s.m. =

basamento, fondamenta

basàs sǜ,  v.rifl.=

baciarsi

basèrga, s.f. =

casa, cascinale in rovina, cadente, malmesso

basèta, s.f. =

basetta

basìi, s.m. =

bacio

bàsla, s.f. =

tafferia, piatto in legno ampio e tondo per la polenta

bàst, s.m. =  

basto, grossa e rozza sella di legno che si pone sul dorso delle bestie da soma per collocarvi o appendervi il carico.

bastàrt, agg. =

bastardo, illegittimo, adulterino; alterato, impuro; meticcio, mezzosangue

bastù, s.m. =

bastone

bastunàda (bastunàdi), s.f. =

bastonata, colpo di bastone

bàt, v. tr. = 

battere  (specie la segale, l’orzo e il grano saraceno), colpire, percuotere  |  bàt la fiàca = battere la fiacca, lavorare di malavoglia; bàt i dèc’ =battere i denti; bàt a machèna = battere a macchina, dattilografare; bàt li màa =battere le mani, applaudire; bàt càsa = battere cassa, chiedere denaro; bàt ol fèr entàat cà l’è còlt = battere il ferro finché è caldo, cogliere il momento favorevole; la lèngua la bàt ‘ndùa ‘l dṍl òl dèet = la lingua batte dove duole il dente, si finisce sempre col parlare di ciò che più assilla; bàt i sòci a brìscola = battere gli amici a briscola; al me bàt ol cór = mi batte il cuore, sono molto turbato, emozionato 

batàch, s.m. =

battaglio, batacchio

batèl, s.m. =

battello

bàtèla,

tirare avanti a stento 

batésèm, s.m. =

battesimo

baticṍr, s.m. =

batticuore

batifóndo, s.m. =

caos

batòsta, s.f. =

botte da orbi

batǜda, s.f. =

battuta umoristica; raffica di botte  |  gh’è n’ò dac’ ‘na bèla batǜda = l’ho preso a botte

batǜüt, s.m.  agg. =     

battuto

baǜl, s.m. =

baule

baǜscia,  s.m. =

persona che si dà arie; cittadino milanese

baǜscina, s.f. =

bavaglino

bavèra, s.m. =

bavera

bazzegàa, v.tr. =

girare a vuoto

bé, avv.=

ebbene, dunque  |  bé, par ‘ncṍö n’ò fac’ abòt = ebbene, per oggi ho lavorato abbastanza; bé? = ebbene?, cosa vuoi dire, fare?; a bé dich da fàa vargót, al ne zéga miga = anche a dirgli di fare qualcosa, non ne combina  - vedere “embé” - TO

bè, avv.=

ebbene, dunque  - MO

becàa, v. tr. =

beccare; prendere  |  l’à becàat ‘na bèla multa = si è preso una bella multa

bècàat, v. tr. = e rifl

beccato; preso in fallo  |  ò fac’ n’asnada, ma a-i m’à bècàat = ho fatto una stupidaggine, ma sono stato presso in fallo 

becàda, s.f. =

beccata; quanto viene beccato

becalù, s.m. =

uomo alto

becamòrt, s.m. =

beccamorto, becchino, seppellitore; menagramo

bèch, s.m. =

becco; caprone

becù, s.m. =

bestia poco produttiva

bèdèrgna (bèdèrgni), s.f. = 

carne scadente della pancia – MO

bèdèrgna (bédérgni), s.f. = 

carne scadente della pancia – TO

bedóla, s.f. =

betulla

bée, s.m. = e avv.=

bene, il bene  |  con tǜt ol bée cà te öli = con tutto il bene che ti voglio; te ste bée? = stai bene?; chèsto l’è pròpi ‘n mestéer fac’ bée! = questo è proprio un lavoro ben fatto! – TO

bèe, s.m. = e avv.=

vedere “bée” – MO

bega (beghi), s.f. = 

bega, lite, alterco, faccenda intricata, porcheria | te me dàc’ ‘na bega = mi hai dato una porcheria 

bégàa, v. tr. =

litigare, discutere animatamente

bèl (béi), agg. =

bello |  al fa bèl (tèep) = è bel tempo - TO

bèl (bèi), agg. =

bello -  MO

bèla (béli), agg. =

bella, spareggio, partita che decide la vittoria | l’è ‘ndac’ a spass con la sùa bèla = è andato a spasso con la sua bella, morosa, innamorata| an sé trìi pari, me da fàa la bèla = siamo tre pari, dobbiamo giocare la partita decisiva  – TO

bèla (bèli), agg. =

bella  - MO

bèladro, s.m. =

aconito (aconitum napellus l.)

belbél, loc.=

piano piano | 'l va a belbél, cammina pian piano 

belebèe, avv.=

vedere  “belebée” -MO

belebée, avv.=

molto, assai assai  |  ‘ncṍö, ma caminàat belebée = oggi abbiamo camminato moltissimo; sòo strach belebée = sono stanchissimo;  l’era cioch belebée = era ubriaco fradicio – TO

belegòc’, s.m. =

castagne secche e cotte

belèt, s.m. =

rossetto

belèza, s.f. =

bellezza, bella da vedere

belfàa, loc.=

facile da fare

belòo, s.m. =

bellimbusto

benedèt, agg. =        

benedetto

benediziù, s.f. =

benedizione

benefìzi, s.m. =

beneficio

bénènto, avv.=

molto bene  |  stó bée bénènto = sto bene, benissimo

bènola, s.f. =

donnola

benservìit, s.m. =

benservito

bèrgom, s.m. =

solo nell’espressione fàa ‘l bèrgom = fare lo spavaldo  |  gh’è ca tàat da fàa ’l bèrgom = c’è poco da scherzare

beśaf, s.m. =           

bisnonno

beśava (besàvi), s.f. = 

bisnonna  

beśacǜca, s.f. =

trisnonna

beśacǜch, s.m. =

trisnonno

bes-ciàm, s.m. =

bestiame, l’insieme delle bestie da stalla

bes-ciöl, s.m. =

mucca, animale domestico

bèsciola  (béscioli), s.f. =

labbro  |  al me ignǜüt fó la feöra da piach en de ‘na bèsciola = mi è uscito un herpes sul labbro – TO

bèsciola  (bèscioli), s.f. =

labbro  |  al me ignǜüt fò la feöra da piach en de ‘na bèsciola = mi è uscito un herpes sul labbro – MO

bèsciulù, s.m. e agg. =

persona con grosse labbra

beséi, s.m. =

lingua di serpe,  pungiglione degli insetti - TO  

besèi, s.m. =

lingua di serpe, pungiglione degli insetti - MO

beséi, s.m. =          

pungiglione | l’à mès fó ‘l béséi  =  si dice quando in una discussione i accentuano i contrasti 

besènfi, agg. =

vedere “besénfi” – MO

besénfi, agg. =

gonfio, gonfiato  |  al gà ol müs bésénfi cóma ‘n ciocàt = ha la faccia gonfia, da ubriacone – TO

besèst, agg. =

bisestile

besógn, s.m. =

bisogno, necessità

bèsol, s.m. =

belato

bèsolàa, v. tr. =

belare

bèstema (bèstemi), s.f. =

bestemmia

bestemàa, v. tr. =

bestemmiare

bèstia, s.f. =

bestia, animale di ogni specie; stupido, somaro, birbantello (spesso scherzoso)  |  che brǜta bèstia  cà te sée = che brutta bestia sei )

bestiù, s.m. =

individuo grande e grosso, spesso ignorante

bètega, s.f. =

buccia dell’uva e di altri frutti; la parte esterna, superficiale di qualcosa

betègàa, v. tr. =

balbettare

betegù, s.m. e agg. =

balbuziente

bètola, s.f. =

bettola, osteria  |  l’è sempre ité e fó da li bètoli = passa da un’osteria all’altra

betònega, s.f. =

donna invadente e pettegola  |  l’è ‘na betònega = è una donna molto pettegola

biàdech, s.m. =

abiatico, nipote di nonno

biànch, agg. =

bianco  |  biànch cóma ol làc’ = bianco come il latte; l’è tǜt biànch de cavéi = è canuto

biaròt, s.m. =

miscuglio latte e siero per i vitelli o miscugli vari per il maiale

bicéer, s.m. =

bicchiere  |  ‘l n’à gió ‘n bicéer = è alticcio

biceràda, s.f. =,

bicchierata tra amici

biciclèta, s.f. =

bicicletta

bicìi, s.m. =

vitellino

bicirìi, s.m. =

bicchierino, bicchiere da liquore

bidù, s.m. =

Bidone, recipiente generico piuttosto grande

bidunàda, s.f. =

bidonata, fregatura, imbroglio

bièla, s.f. =

terrina, zuppiera, insalatiera

bigliàrt, s.m. =

bigliardo

bignàa, v.tr. =

dovere, occorrere

bignù, s.m. = 

bubbone, grosso foruncolo, vedere anche “bügnù”   

bìgol, s.m. =

ombelico;  uomo stupido e facilone  |  te sée ‘n pòor bìgol ! = sei un povero pirla!

bigòt, s.m. =

bigotto, individuo troppo attaccato alla religione

bìif,  (mi bìvi, bǜut), v. tr. =

bere (anche metaforicamente)  |  bìif ‘n bòt! = bevi un po’; te cà da bìif gió tǜt chèl cà i te cünta sǜ = non devi credere a tutto quello che ti raccontano

binàa, v. tr. =

rincalzare la terra attorno alle piante di patate, ecc.

binadǜra (binadǜri), s.f. =

rincalzo  |  binàa ‘l tṍrch e i tartifói = rincalzare le piante di granoturco e patate

bìnda, s.f. =

benda

bindèl (bindéi), s.m. =

nastro, fettuccia, passamano – TO

bindèl (bindèi), s.m. =

nastro, fettuccia, passamano – MO

bindèla, s.f. =

nastro graduato per grandi misurazioni, di solito lungo 20 o 50 metri; sega a nastro

bindìna, avv.=

finalmente, a furia di  |  te sée ruàat, bindìna? = sei arrivato, finalmente?;  t’è finìit, bindìna! = hai finito, finalmente!

bindù, s.m. =

mascalzoncello, birbone, rubacuori

binidìi, v. tr. =

benedire  |  ‘n bòt òl prèvòst, col so cèrech, al vàva a binidìi li ca, e a li masù = ai tempi andati, il prevosto, con il chierichetto al seguito, andava a benedire le case, e anche le stalle.

binìis, s.m. =

confetto  |  da fò i binìis = distribuire i confetti, prima delle nozze

binzìna, s.f. =

benzina

biónt, agg. =

biondo

biörch, agg. =

biforcato 

biót, agg. =

nudo  |  biót biotènto = completamente nudo

bìra, s.f. =

birra  |  a tüta bìra = di corsa, in modo frenetico

bìrba, s.f. =

birba, anche di bimbo vivace

birbànt, s.m. =

birbante, anche di  bimbo vivace

bìrlo, s.m. =

ghiribizzo, estro  |  sa ‘l me vée ‘l birlo = se mi viene la voglia; ‘ndàa gió dal bìrlo = perdere le simpatie

biròc’ s.m. =

carretto

birucìi, s.m. =

carrettino - diminutivo di “biroc’ “

bìs, s.m. =

biscia  |  finìi a bìs e sciac’ = finire a schifio

bìsacia, s.f. =

bisaccia

bischìzi, s.m. =

schifo; persona sudicia, anche moralmente; misero  |  fàa bischìzi = fare schifo;  vès ‘n pòor bischìzi = essere una brutta persona

biscòt (biscòc’), s.m. =

biscotto

bisèga, s.f. =

vento freddo di tramontana

bisognóos, agg. =

bisognoso, poveretto

bìsola (bìsoli), s.f. =

truciolo

bisòoch, s.m. =

tutolo (contaminazione col dialetto di Caiolo) vedi ràspol e anche risinìi

bistèca (bistéchi), s.f. =

bistecca – TO

bistèca (bistèchi), s.f. =

bistecca – MO

bistèch, s.m. =

si congiungono il pollice e l’indice e poi si fa scattare l’indice, parola usata solo in alcune contrade, vedere “pistèch”

biǜda, s.f. =

bevuta  |  ó fac’ ‘na gràn biǜda = ho fatto una gran bevuta

biǜüt, agg. e pp.=

bevuto, participio passato del verbo “bìif”

blagṍr, s.m. =

borioso, vanaglorioso

blṍ, agg. =

blù

bobòo, s.m. =

insetto

bṍc’, s.m. =

buco

bòc’, s.m. = (accr. buciù)

sasso, pietra di moderate dimensioni

bòcia, s.f. = (dim. bucìna)

boccia, pallone da gioco

bòcia, s.m. =

ragazzo, giovincello; apprendista (specialmente muratore);  recluta degli alpini

bociàda, s.f. =

colpo con le bocce

bociàrda, s.f. =

bocciarda (usata per rendere ruvide le pareti di cemento)

bociàrdàa, v. tr. =

bocciardare

bòciol (bociṍi), s.m. =

bocciolo, gemma rigonfia di un fiore – TO

bòciol (bòcioi), s.m. =

bocciolo, gemma rigonfia di un fiore – MO

bṍgia, s.f. =

epa, pancia

bói,  intr.

bollire  |  fa ignìi a bói = portare ad ebollizione;  te vardàat gió ‘ndèla tina sa ‘l  bói li vinasci? = hai controllato nel tino se le vinacce stanno fermentando?;  lagàa bói = lasciar perdere

bòia, s.m. =

boia; individuo spregevole  |  l’è viàat scià ‘n mónt bòia = stiamo vivendo un brutto periodo

boiàca, s.f. =

boiacca (malta di cemento molto fluida)

boiàda, s.f. =

boiata, azione o cosa mal fatta

bòiascia, s.f. =

sterco delle mucche

boièet, agg. e pp.=

bollente  (vedi "bói")

bólp, s.f. =

volpe

bombàs, s.m. =

bambagia, ovatta

bombasìna, s.f. =

bambagia, ovatta  |  hai t’ha levàat sǜ ‘ndèla bombasìna, ti hanno allevato con eccessive cure e riguardi

bṍö, s.m. =

bue

bóra, s.f. =

tronco d’albero, di grosse dimensioni, tagliato e pulito dai rami – TO

borèl, s.m. =

tronco d’albero di piccole dimensioni;  sezione di tronco, tagliato a misura di stufa – TO

borèla (bóréli) (fàa li), v. tr. =

rotolare; (fare le) capriole – TO

boréla, s.f. =

piroetta

borelàa, v. tr. =

rotolare | borelàa fò dal lèc’ = cadere dal letto | fàa borelàa ‘na bùra = far rotolare un tronco

borelèer, s.m. =

tagliaboschi (persona che …) – TO

bòria, s.f. =

superbia

bórsa, s.f. =

borsa   |  ü la bórsa, ü la vita! = o la borsa, o la vita!

borsàt, s.m. =

borsello

bórsèta, s.f. =

borsa per signora; borsa per la spesa

bórsetàda, s.f. =

quanto può contenere una borsa piena; colpo inferto con la borsetta  |  ‘na borsetàda de castégni = una borsa piena di castagne; ‘n ladro al voleva robach la pinsiù, ma la scióra la ga tiràat ‘na gràn borsetàda ‘ndèla crapa = un ladro  voleva rubarle la pensione, ma la signora gli ha tirato una gran colpo in testa con la propria borsetta.

bósàart, s.m. =

bugiardo

bośàc’, s.m. =

abitante di Albosaggia, albosaggino – TO

bósàc’, s.m. =

abitante di Albosaggia, albosaggino - MO 

bósàrt, agg. = 

bugiardo  |  chi cà l’è bosàrt, l’è àa ladro = chi è bugiardo è anche ladro

bósc’, s.m. =

caprone, becco

bósch, s.m. =

bosco

bóscial, s.m. =

capretto

bóscialìi, s.m. =

caprettino

bòśol, s.m. =

bossolo

bòsola (bósoli), s.f. =

parte bianca della corteccia delle betulle che quando appassisce si arrotola, è usata per accendere il fuoco – TO

bòsola (bòsoli), s.f. =

parte bianca della corteccia delle betulle che quando appassisce si arrotola, è usata per accendere il fuoco – MO

bót, s.f. = (dim. bótasèl)

botte

bòt, s.m. =

istante, momento;  epoca passata  |  en d’en bòt = in una volta sola;  ‘n bòt = una volta, nei tempi andati; levàa sǜ de bòt = alzarsi presto al mattino; ‘ndàa de bòt = andare  velocemente; fa de bòt! = sbrigati, svegliati; ol prüm bòt = la prima volta

bòta, s.f. =

botta, colpo doloroso  |  ciapàa ‘na bòta = prendere una botta;  tignìi bòta = resistere, sopportare, tener duro

botasciṍl, s.m. =

polpaccio

botéga, s.f. = 

bottega, negozio  |  seràa sǜ botéga = chiudere bottega, smettere di svolgere una attività,  morire (…satirico!); vich la botéga vèrta = avere i pantaloni sbottonati.  – MO

boteghèer, s.m. =

bottegaio, negoziante – MO

bozzèt, s.m. =

bottiglietta

bràca, s.f. =

manciata, piccola quantità; in caso di soldi: molti  |  l’ha ciapàat ‘na bràca de soldi = ha preso un sacco di soldi

bradéla (bradéli), s.f. =

predella, asse in legno per lavare i panni  al ruscello – TO

bradèla (bradèli), s.f. =

predella, asse in legno per lavare i panni – MO

bràga de l’órs, s.f. =

erba strega, licopodio

bràghi, s.f. =

pantaloni, calzoni  | ‘ndùa gh’è bràga, la scosàal non paga = se (al bar, al ristorante) sono presenti i pantaloni (cioè un uomo), la donna non paga

bramóos, agg. =

docile, mansueto, addomesticato

bramósa (bramósi), agg. =

docile, mansueta, addomesticata

brancàa, v. tr. =

prendere, afferrare, acchiappare

branchèl (branchéi), s.m. =

manciata – TO

branchèl (branchèi), s.m. =

manciata – MO

brào (bràvi), s.m. =

bravo

bràsa, s.f. =

brace

bràsc’, s.m. =

braccio

braschèer, s.m. =

caldarrosta

brascià scià, v. tr. =

abbracciare

brasciàda, s.f. =

bracciata, quanto si può stringere con le braccia  |  ‘na brasciàda de fée = una bracciata di fieno

brasciàs scià, v. rifl.= 

abbracciarsi

brasciṍl, s.m. =

piccola bracciata | ‘n brasciṍl de bruchìna = una bracciata di legna fine

braséri, s.m. =

grande quantità di brace ardente  (sin. “brasèer”)

bràva (bràvi), s.f. =

brava

bràz, s.m. =

tessuto, stoffa  |  al vènt ròba de bràz = vende tessuti

brazadèla (brazadéli), s.f. =

forma di pane di segale a ciambella – TO

brazadèla (brazadèli), s.f. =

forma di pane di segale a ciambella – MO

brazèta, s.f. =

braccetto | a brazèta = a braccetto

brégn, s.m. =

terreno poco fertile, rudere, edificio diroccato appartenente ad un vecchio nucleo abitativo, tipo cà di Mói, nonché l’intero nucleo che trovasi nelle stesse condizioni  – TO

brègn, s.m. =

vedere “brégn” – MO

brènta (brénti), s.f. =

brenta; bigoncia – TO

brènta (brènti), s.f. =

brenta; bigoncia – MO

bréntàl, s.m. =

piccola brenta, recipiente per il latte, brentina

brentù, s.m. =

bigoncio; tinozza; recipiente in cemento costruito nelle vigne usato per preparare l'acqua verde rame con cui innaffiare le viti contro i parassiti 

bretù, s.m. =

uomo corpulento, con grande pancia

brìch, avv.=

niente  |  pòoch ü brìch, poco o niente

brìch, s.m. =

dirupo, luogo scosceso; case diroccate

brichèt, s.m. =

accendino

brìga, s.f. =

impegno | ciapàa la brìga = prendere l’impegno

brigàa, v. intr.=

brigare, impegnarsi

brigànt, s.m. =

brigante, malvivente; bambino  furbetto

brighèla, s.m. =

ragazzetto vispo e simpatico

brigolàa, v. tr. =

brulicare, formicolare;  non stare mai fermi

brìna, s.f. =

brina | sta noc’ l’è brinàat = questa notte è brinato

briòt, s.m. =

cappello, copricapo (in senso spregiativo)

brisàola, s.f. =

bresaola

brìscola, s.f. =

briscola (gioco alle carte)  |  te cüntet  cóma ol dùu de pich, quanca brìscola l’è quadro = non conti niente

brṍa, agg

di cibo bollito| l’ó facia ‘n brṍa la pàsta ‘ncóo = l’ho fatta in brodo oggi la pasta

brṍc’, s.m. =

bruco, verme, larva; rutto

bròca (bróchi), s.f. =

ramo, ramo secco staccato dall’albero – TO

bròca (bròchi), s.f. =

ramo, ramo secco staccato dall’albero – MO

bròch, s.m. =

brocco, atleta di scarsa qualità

brochèl (brochéi), s.m. =

rametto – TO

bròchèl (brochèi), s.m. =

rametto – MO

brochèta, s.f. =

bulletta, chiodo per scarpe;  tappo posto sulla sommità della parete anteriore della botte.

brṍda, s.f. =

brodaglia

bródèch, agg. e s.m. =

sporco, lercio; sporcizia; persona poco perbene

brodegàa, v. tr. =

sporcare, lordare

brodegàs, v. rifl.=

sporcarsi

brògia, agg. =

umida | lègna brògia = legna umida che fa fatica a bruciare e fa solo fumo

brogiòt, agg. = s.m. =     

 vecchio depravato, impudico, lascivo, vizioso, libidinoso |

 l’è ‘n brogiòt d’en véc’ ca ‘l gh’è piàas amò li fèmmi giöéni = è un vecchio lascivo e depravato che sbava per le giovane donne

bróia, s.f. =

liquido che rimane in fondo alla pentola dopo la colatura della pasta

bróncàa, v. tr. =

piangere e gridare

bróns, s.m. =

pentola di bronzo

bróntolàa, v.intr =.

brontolare

brónza, s.f. =

campanaccio in bronzo

bronźèla (bronźéli), s.f. =

felce – TO

bronźèla (bronźèli), s.f. = 

felce – MO

brṍöt, s.m. = 

brodo  |  ‘ndàa ‘n brṍöt = andare in brodo di giuggiole, gongolare

brösṍl, s.m. =

foruncolo, brufolo

bròstola (bróstoli), s.f. =

crosta su una ferita che sta guarendo – TO

bròstola (bròstoli), s.f. =

crosta su una ferita che sta guarendo – MO

bruchìna, s.f. =

legna sottile, serve per accendere il fuoco

brǜgna, s.f. =

prugna

brügnèra, s.f. = 

prugno

brügnṍla, s.f. =

uva brugnola

brünìi, s.m. =

Imbrunire

brunzìi, s.m. =

campanella usata per i vitelli

brǜsa, s.f. =

falò; nei maggenghi lo si preparava ammucchiando arbusti di "zenéór"(ginepro) e "malacrii"(rododendro) |òl dì dèla Sensiù dèla Madóna òl miis de Aóst se fàva fèsta a San Salvadù, ai vegnéva da tüc’ i magènch entóren a Mèśa e  a maiàa la büsèca. De 'n sìra, ognantüu 'ndi sòo magènch se pizàva la brǜsa e 'se fàva a chi ca 'l è fàva püsée òlta = il giorno dell'Assunta il mese di agosto si faceva festa a San Salvatore, venivano da tutti i maggenghi dei dintorni a Messa e a mangiare la trippa. Di sera tornati al proprio maggengo si accendeva il falò e si faceva a gara a chi lo faceva più alto

brǜs-cia, s.f. =

spazzola, brusca, striglia o anche brüstia

brüs-ciàa, v. tr. =

spazzolare, strigliare; sfregare con una spazzola di saggina

brüsèch, s.m. =

rimasuglio di cosa bruciata

brüsegàa, v. tr. =

bruciacchiare

brüsegàat, agg. =

bruciacchiato

brüsegù, s.m. =

caldarrosta troppo bruciacchiata  |  brüsegù e tètafò = caldarroste e castagne bollite

brüsṍr, s.m. =

bruciore

brüstulìi, v. tr. =

abbrustolire; arrostire  |  maiaris ‘na bèla luganèga brüstulida sura la brasa = mangerei una bella salsiccia arrostita sulla brace

brǜt, agg. e s.m. =

brutto (de brǜt = molto intensamente  |  brǜt cóma ol pecàat = brutto come il peccato; al piöf de brǜt = piove a dirotto

brütǜra, s.f. =

bruttura  |  chèl quadro l’è ‘na gràn brütǜra = quel quadro è proprio brutto

brǜüch, s.m. =

erica

bùbola, s.f. =

upupa

bùca de leù, s.m. =

bocca di leone (nome scientifico antirhinum majusl)

bùca, s.f. =

bocca

bucàda, s.f. =

boccata | bucàda de àcqua = boccata di acqua 

bucalèer, agg

ingordo, che mangia senza senno

buchèl, s.m. =

piccola presa d’acqua praticata nelle rogge per deviare l’acqua per irrigare 

buchéta (buchéti), s.f. =

bocchetta, valico – TO

buchèta (buchèti), s.f. =

bocchetta, valico – MO

buchìi, s.m. =

bocchino (della pipa; cannuccia per infilare le sigarette da fumare

bucìi, s.m. =

pallino delle bocce

buciünada, s.f. =

sassata

bucù, s.m. =

boccone  |  ‘n bucù de pàa = un pezzetto di pane

bucunàda, s.f. =

quantità di un boccone

büdèl, s.m. =

budello, intestino  |  büdèl cülàri =  budello dell’intestino crasso usato per l’insaccatura dei salami

budù, s.m. =

bombo, insetto simile alla vespa ma più tozzo

budunàa, v.intr =.

girare intorno a vuoto rumorosamente come un “budù”

budunèra, s.f. =

gonfiore nella pancia con flatulenza – nido del budù

buf, s.m. =

soffio  |  fàa ‘n d’en buf = fare in un attimo, in un lampo

bufàa, v. tr. =

soffiare con forza; respirare affannosamente  |  bufàa gió ‘ndèla manèstra par fala sòràa = soffiare nella minestra per farla intiepidire; ol gat scotàat al bufa sul soràat = il gatto scottato soffia anche sulle cose già intiepidite (proverbio)

bufàda, s.f. =

faticaccia; respiro affannoso; soffio di vento improvviso  |  n’ò fac’ ‘na gràn bufàda = è stata una gran fatica

büfé, s.m. =

credenza

bufèt, s.m. =

soffietto da focolare  |  Bufèt = Boffetto, frazione di piateda; ol bufèt  dal zòfrèch = mantice per solforare le viti;

bügàda, s.f. =

bucato fatto con acqua bollente

bügiegàt, s.m. =

nascondiglio, piccolo vano, bugigattolo

bǜgna, s.f. =

bernoccolo, rigonfiamento  |  ol müur l’ha fac’ fó ‘na bǜgna = il muro ha subìto un rigonfiamento

bügnù, s.m. =

bubbone, grosso foruncolo, vedere anche “bignù”

büi, s.m. =

trogolo per maiali

büiat, s.m. =

abitante della contrada Buglio

bùl, s.m. =

bollo

bùla, s.f. =

livella a bolla d’aria

bulàa, v. tr. =

bollare; marchiare  |  bulàa la vaca = marchiare una mucca; la forestàal l’ha bulàat li pianti da taia giò = la forestale ha marchiato le piante da tagliare

bulèta, s.f. =

bolletta  |  vès a bulèta = essere in bolletta, senza un soldo; la bulèta dèla lüs = la bolletta della luce

bùlgia, s.f. =

grossa pancia, ventre di adiposo; donna grassissima  |  te ghée pròpi fó ‘na bèla bùlgia, sa dio ṍl, hai proprio una bella pancia, se dio vuole (…ironico!)

bulìi, s.m. =

francobollo

bulitìi, s.m. =

bollettino

bǜlo, s.m. =

bullo, spaccone, persona che si dà molte arie

bùls, agg. =

bolso, bronchitico cronico

bulsìi, v. intr.=

tossire di tosse secca e fastidiosa

bulù, s.m. =

bullone, groviglio, cumulo  |  ‘n bulù de stràsc’ = un cumulo di stracci

bulugnìi, s.m. =

blocco di calcestruzzo prefabbricato

bumarcàat, loc.=

a buon mercato, sottocosto, sottoprezzo

bumbù, s.m. =

confetto, caramella, dolce in genere.

bumbulìif, s.m. =

ombelico

bùna (bùni), agg. =

buona, gradita al palato; capace, idonea;  di buon cuore  |  chèl lì, l’è ü da tignìi d’en bùna = quel tipo, è una persona con cui è meglio andare d’accordo; l’è n’óm fac’ a la bùna = e’ un uomo semplice

bunamàa, loc.=

buonamano, aiuto

bunanòc’, inter, =

buonanotte

bunàsc’, s.m. = 

bonaccione | accr. “bunasciù”

bunasìra, inter, =

buonasera

bundì, inter, =

buongiorno

bundiṍla, s.f. =

coppa di maiale, vedi “cópa”

buntèmpù, s.m. =

buontempone

bunùra, s.f. = 

di buon mattino  |  levasú a bunùra = alzarsi all’alba

bùra, s.f. =

tronco d’albero, di grosse dimensioni, tagliato e pulito dai rami – MO

burdiù, s.m. =

corda fatta di filo d’acciaio e canapa

burèl, s.m. =

tronco d’albero di piccole dimensioni  – MO

burelèer, s.m. =

tagliaboschi (persona che …) – MO

burèli (fàa li), v. tr. =

rotolare; (fare le) capriole – MO

burilìi, s.m. =

vedi bora e borèl - piccolo tronco d'albero, sezione di tronco, tagliato a misura di stufa

buriṍl, s.m. =

tappo in legno per botte o grosso recipiente, vedere anche “buriù” 

buriù, s.m. =

grosso tappo che chiude il foro della botte  |  tignìi de spina e molàa de buriù = chiudere bene la spina e aprire il tappo (figurativo; si intende: fare molta attenzione alle cose insignificanti,  e non curarsi di quelle rilevanti)

bǜrla, s.f. =

scherzo

bürlóos, agg. =

simpatico burlone, mattacchione

bürlù, s.m. =

tipo scherzoso

bursìi, s.m. =

borsellino, portafoglio  |  fin cà ‘l düra ol bursìi dèl vécio, ciòca e baraca la noc’ e ‘l dì = fin quando il portafoglio del papà eroga quattrini, festa notte e giorno

bursilìi, s.m. =  

vedi bursìi

büsardàda, s.f. =

menzogna

buschìna, s.f. =

boscaglia (in genere si intende una boscaglia lungo l’adda)

büsciàa, v. intr.=

essere frizzante; dare segni di follia  |  te büscèt? = sei impazzito?

büsciù, s.m. =

tappo di sughero

büsèca, s.f. =

trippa | a San Salvadù de aóst gh’è ‘na fèsta e ‘n bòt i fàva la büsèca  = a San Salvatore in agosto fanno una festa e una volta facevano la trippa

büséchi, p.f.

interiora – TO

büsèchi, p.f.

interiora – MO

büsìa, s.f. =

bugia

bǜsola, s.f. =

bussola

bǜst, s.m. =

busto | al sé fac’ màal ‘ndèla schéna e adess la da portàa ol bǜst = si è fatto male alla schiena ed ora deve portare il busto.

bǜsta, s.f. =

busta

bǜt, s.m. =

germoglio

bütàa, v. intr.=

germogliare; spuntare  |  l’è ‘n mìis cà ò piantàat l’ansalata, e la büta càach sǜ = e’ un mese che ho piantato l’insalata e non spunta ancora

bütàs gió, v intr.

coricarsi

butèep, s.m. =   

buontempo,  spassarsela; avere molto tempo a disposizione, tanto da poterlo sprecare in  cose futili 

| vìch butèep = avere del buontempo

bütéer, s.m. =

burro  |  ‘na mòta de butéer = un pezzo di burro, di forma quadrata

butéga, s.f. =

bottega, negozio  |  seràa sǜ butéga = chiudere bottega, smettere di svolgere una attività,  morire (…satirico!); vich la butéga vèrta = avere i pantaloni sbottonati.  – TO

buteghèer, s.m. =

bottegaio, negoziante – TO

butìc’, s.m. =

piccolo recipiente fatto a doghe, della capacità di quattro o cinque litri, per trasporto vino in campagna.

butìglia, s.f. =

bottiglia

butiglìi, s.m. =

bottiglietta

butìgliù, s.m. =

bottiglione 

butù, s.m. =

bottone  |  tacàa butù = attaccare discorso

bütǜm, s.m. =

impasto di cemento e sabbia, normalmente usato dai muratori per pavimenti o altre opere

bütǜmiera, s.f. =

betoniera

butunàa, v. tr. =

abbottonare; raggirare

butunèra, s.f. =

allacciatura con bottoni

bùu, agg. =

buono, gradito al palato; capace, idoneo;  di buon cuore  |  ‘sto fórmài, l’è pròpi bùu = questo formaggio è proprio buono; l’è bùu da fàa de tǜt = sa fare di tutto; òl bùu dèla nóos = il gheriglio della noce; l’è ol so bùu = e’ proprio ciò che ci vuole

bùul, s.m. =

recipiente in rame o alluminio contenente acqua calda per scaldare il letto d'inverno

bǜüs, agg. =

cavo, bucato  |  cràpa bǜüsa = testa vuota; al ga li màa bǜüsi = ha le mani bucate

bǜüt, v. tr. =

ebbi  (da dire)  |  al ga bǜüt da dìi = ha avuto da ridire

ca, avv.=

usato come particella di negazione, equivalente a miga;  che  |  i è ca bùu da niént = non sono capaci di far nulla | fa ca dèl mal ca l’è pecàat, fa ca dèl bèe ca l’è sprecàat = non fare del male che è peccato, non fare del bene che è sprecato

cà, s.f. =

1) casa, abitazione; edificio.   2) contrada  |  an va ca a cà? = non andiamo a casa?;  an va càach a cà? = non andiamo ancora a casa?

càa, s.m. =

cane  |  déec’ de càa = tarassaco (cagnṍl, diminutivo; cagnàsc’, dispregiativo)

càaga, s.f. =

l’à ciapàat la càaga per lo spavento

càap, s.m. =

campo

càar, agg

caro, costoso

càar, agg. =

caro, costoso; caro, amato  | càar fó de müsüra! = costoso oltre misura; te me se pròpi càar! = mi sei proprio caro ! (ti voglio tanto bene)

càas, s.m. =

caso, occasione, combinazione, fatalità

càbra, s.f. =

usato solo nell’espressione “l’è màgra la càbra” = è magra, essere in una situazione finanziaria critica

càc’, s.m. =

caglio, sostanza acidula che si usa nella lavorazione del latte per fare il formaggio, può essere chiamato anche “liquét”

càch, s.m. =

kaki

cadéna (cadéni), s.f. =

catena  - TO

cadèna (cadèni), s.f. =

catena -  MO

cadenàsc’, s.m. =

catenaccio; macchina vecchia e malandata

cadènèla, s.f. =

catenella, monile, collana; serie di maglie con cui si avv.=ia un lavoro all’uncinetto; bordo finale di calze fatte a mano, maglie, ecc.

cadìi, s.m. =

catino

cadólca, s.f. =

bevanda di vino e latte  |  colóor cadólca = colore violaceo

cadréga, s.f. =

seggiola; sedia  |  l’è tacàat a la cadréga = e’ attaccato alla propria posizione privilegiata

cadregòt, s.m. =

seggiolone (dei bambini)

cadùlca, s.f. =

latte e vino

cafè, s.m. =

caffè

cafèlac’, s.m. =

caffelatte

caghèta, s.f. =

diarrea  |  te ghée la caghèta? = hai fretta?

cagiàa, v. intr.=

cagliare, eseguire tutte le operazioni relative alla lavorazione del latte per ottenere burro e formaggio

cagiàda (cagiàdi), s.f. =

cagliata

càgna (càgni), s.f. =

bruco dal quale si libera la farfalla cavolaia, larva, cagna (cane femmina); bastoncino ad un capo intaccato con un taglio a forma di Y dove infilare i rametti in "suèl" per poterli spellare da essere utilizzati a mazzetti legati per formare uno "scuèt"

cagnàa, v. tr. =

addentare con forza

cagnàda, s.f. =

morsicata, morso; boccone asportato con un morso

cagnàra, s.f. =

cagnara, baccano, confusione

càgni, s.f. =

fiori del castagno

cagnìi, s.f. =

cagnolino, nell’espressione “fàa i cagnìi” = rimettere

cagnù, s.m. =

verme, baco che si forma nella terra, nel legno, in sostanze in decomposizione  |  ‘ndàa a cagnù = marcire; deteriorarsi, anche dal punto di vista economico

cagnüsc’, s.m. =

cagnaccio

càgola (càgoli), s.f. =

sterco delle pecore, delle capre, di alcuni ungulati

càgulii, s.m. =

escrementi di capra

caìi, agg. =

cattivo, traditore, perfido  | ‘ndàa a caìi = andare in malora

cainàa, v. intr.=

gridare dal dolore; guaire

càl, s.m. =

callo; diminuzione; calare un punto nel lavoro a maglia  |  fas òl càl = abituarsi alle situazioni più sfavorevoli;  en càl de lüna = in luna calante; 

cala, avv.=

se; nel caso in cui  |  cala ca t’esét da d’agiò = nel caso in cui ti succeda di cadere, se tu dovessi cadere …

calàa, v. tr. =

calare, diminuire di peso o prezzo  |  te ghée pùra da calàa òl làc’? = temi di sprecarti? (…nel fare questo lavoro …)

calaurù, s.m. =

calabrone

calcàa, v.tr. =

spingere, schiacciare, forzare

calcadura, s.f. =

infezione al piedi delle mucche che può avv.=enire quando lo zoccolo appoggia in sassi acuminati

calcàgn, s.m. =

calcagno

calcarìsc’, s.m. =

attrezzo costituito da un grosso pestello di legno lungo circa un metro, a tronco di cono, con un cerchio di ferro alla base e provvisto di un’impugnatura per le due mani, posta all’estremità superiore; serve per picchiare e pareggiare l’acciottolato

calchìi, s.m. =

piccolo calcio (…anche come alterazione ironica …)  |  te meritarisèt ‘n calchìi ‘ndèl cǜ  = meriteresti un calcio nel sedere

càlcol, s.m. =

calcolo matematico, conto; litiasi

calcolàa, v. tr. =

calcolare; valutare, riflettere sui pro e contro

calendàri, s.m. =

calendario

càles, s.m. =

calice, bicchiere  |  ven, ca me ‘n bìif ‘n càles  = vieni che ne beviamo un calice (sottinteso di vino, noi due insieme)

calìgen, s.f. =

fuliggine

calòor, s.m. =

calore

caloròos, agg. =

caloroso, che non ha mai freddo; cordiale; facilmente eccitabile

calvàri, s.m. =

calvario, grande tormento, patimento prolungato

camamèla, s.f. =

camomilla

cambiàa, v. tr. =

cambiare; convertire; passare da una marcia all’altra

cambiàs, v. rifl.=

cambiarsi gli indumenti  |  t’ariset da cambiàs ‘n bòt ol maglìi = dovresti cambiarti la canottiera una buona volta

càmbra, s.f. =

cambra, sbarra di ferro ripiegata ai lati ad angolo retto

cambrìi, p.m.

larva della mosca che cresce in certi alimenti come carne e salumi

càmera, s.f. =

camera da letto

camì, s.m. =

camino; comignolo; canna fumaria

caminàa, v. intr.=

camminare

càmio, s.m. = 

autocarro

camirìi, s.m. =

cameretta

camìsa, s.f. =

camicia  |  i è cül e camìśa = sono in grande intimità; nas con la camìśa = nascere molto fortunati

camisèta (camiséti), s.f. =

camicetta, camicia da donna – TO

camisèta (camisèti), s.f. =

camicetta, camicia da donna – MO

càmola, s.f. =

larva e insetto di vario tipo che infesta le coltivazioni e gli alimenti come le farine

camolàa, v.intr =.

parlata dei bambini piccoli vedere “tarlacàa”

camósc’, s.m. =

camoscio

campàc’, s.m. =

gerla a largo intreccio, usata per il fieno ed il fogliame (campàgia, più grande; campàgìi più piccolo)

campàna, s.f. =

campana  |  sórt cóma ‘na campàna = completamente sordo

campanèl (campanéi), s.m. =

campanello (di casa, bicicletta) TO

campanèl (campanèi), s.m. =

campanello (di casa, bicicletta) MO

campanèla (campanéli), s.f. =

campanula (fiore alpestre) TO

campanèla (campanèli), s.f. =

campanula (fiore alpestre) MO

campanìl, s.m. =

campanile  |  gh’é miga ‘na bèla géśa sènsa ‘n bèl campanìl = non c’è una bella chiesa senza un bel campanile (si dice ironicamente di uomo con un grande naso!)

camperàa, v. tr. =

sequestrare il bestiame fuori dalla proprietà del padrone delle bestie

campiù, s.m. =

campione  |  campiù dèl móont = campione del mondo

campsànt, s.m. =

camposanto, cimitero  |  (i nostri vecchi, con pronuncia stretta, dicevano: cazzant. che fosse una forma di scaramanzia? ah ah)

càna, s.f. =

canna, tubo; canna da pesca; canna d’organo  |  bìif a càna = bere direttamente dalla bottiglia; canàda = grande boccata di vino, acqua o altri liquidi

canàa, v. tr. =

sbagliare tutto

canàal, s.f. =

canale, conduttura d’acqua; grondaia del tetto

canàda, s.f. =

bevuta

canaia, s.m. =

bambino, ragazzo  |  si usa solo nella frazione Torchione, è sinonimo di “rèdès”; canaglia, briccone

canaiǜsc’, s.m. =

bambino cattivo, ragazzaccio

canàola, s.f. = 

collare in legno che si mette al collo delle capre e al quale viene fissato un piccolo campanello (brunzìi)

canarìi, s.m. =

canarino

canarǜz, s.m. =

gola, gargarozzo, esofago

cànchèr, s.m. =

canchero, persona fastidiosa e lamentosa

candeléer, s.m. =

portacandele

candèleer, s.m. =

candelabro

candelòra, s.f. = 

Madonna candelora ( 2 febbraio: presentazione di  Gesù al tempio); sinonimo: sciriṍla  |  la Madóna candelòra da l’anverèn semo fòra, ma se ‘l piöf ó sa al tìra vènt, par quaranta dì an gh’è torna dènt! | alla Madonna candelora  dall’inverno siamo fuori, però se piove o c’è vento, per quaranta giorni ritorna l’inverno

canèf, s.m. =

canapa

canèla, s.f. =

cannella

canèstro, s.m. =

canestro

canèta, s.f. =

cannello, cannetta

canevèla, s.f. =

caviglia

cànoa, s.f. =              

cantina seminterrata per la conservazione dei formaggi  |  la cànoa di poèr = la mensa dei poveri

canṍgiàal, s.m. =

cannocchiale

canònèch, s.m. =

canonico

canònega, s.f. =

canonica, abitazione del parroco

canotiéra, s.f. =

canottiera

cansù, s.f. =

canzone

cantàa, v. tr. = e intr.

cantare  |  se pó ca cantàa e portàa la cróos = non si può cantare e portare la croce (in processione), intendendo dire che non si possono fare due cose diverse nel medesimo momento

cantànt, s.m. =

cantante

cantaràa, s.m. =

comò

cantéer, s.m. =

cantiere;  trave utilizzata nella struttura del tetto in tegole (“piṍdi”) delle baite di montagna, posto ortogonalmente all’orditura principale formata da culmìgna, tersèra, muri perimetrali |  ciòot de cantéer = grosso chiodo che serve per tenere insieme culmìgna, tersèra e cantéer

cantìna, s.f. =

cantina; sinonimo di niòlt

cantinèla (cantinéli), s.f. =

muro divisorio interno, costruito con mattoni forati TO

cantinèla (cantinèli), s.f. =

muro divisorio interno, costruito con mattoni forati MO

cantóor, s.m. =

chi canta nel coro

cantù, s.m. = 

angolo, cantone  |  i quatro cantù: gioco infantile che consiste nel correre tra i quattro vertici di un quadrilatero, considerati zona franca, senza che il posto venga occupato da un quinto giocatore che sta in mezzo al quadrato.

canù, s.m. =

cannone; canna fumaria della stufa

canùcia, s.f. = 

cannuccia, in particolare la piccola canna dove si infilava il pennino per scrivere con l’inchiostro

canunàda, s.f. =

cannonata

càora, s.f. =

capra

càorabèsol, s.m. =

succiacapre o caprimulgo europeo 

càorèer, s.m. = 

capraio, pastore di capre

caorèt (caoréc’), s.m. =

capretto; orzaiolo (vedere “orzṍl”) TO

caorèt (caorèc’), s.m. =

capretto; orzaiolo (vedere “orzṍl”) MO

capàra, s.f. =

caparra, acconto  |  avìghen ǜüt capàra = aver provato situazioni gravose

capàras, v. intr.=

accaparrarsi, acquisire, fare proprio

capèl, s.m. =

cappello

capèla, s.f. =

cappello del fungo, di un chiodo  |  l’è ‘ndac’ tǜt òl ciòot en capèla = e’ andato tutto in niente (un lavoro, un impegno)

capelàda, s.f. =

quantità contenuta in un cappello; errore madornale  |  ‘na capelàda de fónch = un cappello pieno di funghi;  ò  fac’ ‘na gràn capelàda = ho commesso un grosso sbaglio

capelù, s.m. =

fungo matto, fungo che non viene raccolto.

capii, s.m. =

piccolo cappio fatto all'estremità di un filo

capìi, v. tr. =

capire, comprendere  |  te capìit la sólfa? = hai capito il concetto? (la questione, l’andazzo?, l’antifona?)

capitàa, v. intr.=

capitare, accadere, avv.=enire  |  sòo capitàat ilò sènsa avisàa e i ò truàac’ fó de pòst = sono arrivato senza avv.=isare e li ho trovati in flagrante

capitèl (capitéi), s.m. =

cappelletta, edicola votiva, tabernacolo lungo una strada di campagna o sui monti – TO

capitèl (capitèi), s.m. =

cappelletta, edicola votiva, tabernacolo lungo una strada di campagna o sui monti – MO

càpo, s.m. =

capo, comandante, superiore gerarchico

capomàstro, s.m. =

capomastro, capo e coordinatore di un gruppo di muratori

caporàal, s.m. =

caporale; persona usa a comandare con pugno ferreo  |  la mia fèmma l’è ‘n caporàal = mia moglie vuole sempre comandare lei!

capriṍl, s.m. =

capriolo

caprìzi, s.m. =

capriccio

capù, s.m. =

cappone

capunàa, v. tr. =

accoppiarsi tra gallo e gallina vedere “galàa”

capunèra, s.f. =

stia per i polli

capǜsc‘, s.m. =

cappuccio, berretta, cuffietta per neonati (capǜscìi)

càr, s.m. =

carro

càra (càri), agg

cara; costosa, amata

càra, s.f. =

carezza, moina

carabignéer, s.m. =

carabiniere

caradóor, s.m. =

carrettiere, carradore, carraio, artigiano esperto nella costruzione di carri

caràgnàa, v. intr.=

piangere a dirotto

caragnàda, s.f. =

pianto, sfogo di pianto  |  fàa ‘na gràn caragnàda = piangere a dirotto

caramèla, s.f. =

caramella

carampàna, s.f. =

vecchia decrepita, megera (in senso dispregiativo o canzonatorio)

carampógn, s.m. =

aggiustatura mal fatta su un capo di biancheria o di vestiario (anche rampógn)

caràter, s.m. =

carattere, temperamento

carbù, s.m. =

carbone

caré, s.m. =

cumino

caréc’, s.m. =

strame o foraggio di poco conto, rifiutato dalle mucche; carice  |  o da gióen o da vec’, sg’ha da maiàa ol caréc’ = o da giovani o da vecchi capiteranno di sicuro  momenti  di grande disagio

càrech, s.m. =

carico;  (asso e tre) nel gioco della briscola

carèen, s.f. =

carne, vedi anche “carna”

caregiàda, s.f. = 

carreggiata  |  ‘ndàa fó de caregiàda = perdere la testa, mancare ai propri doveri

carèl, s.m. =

arcolaio, filarello per filare lana, canapa, lino

carèt, s.m. =

carretto

carèta, s.f. =

macchinario malandato e di poco conto; persona malmessa e di scarsa salute, carriola  (sinonimo di “caröla”)

càrga, s.f. =

carico pesante che si porta generalmente sulle spalle  |  ‘na càrga de légna = un pesante carico di legna; ‘na càrga de bóti = una gran quantità di botte

cargàa, v. tr. =

caricare, riempire, dare la carica  |  cargàa ol gèrlo = riempire la gerla; cargàa l’orolòc’ = dare la carica all’orologio; cargàa mùut = montificare, trasferire il bestiame sugli alpeggi | cargàat ‘ndréet = tonto, ignorante

cargàat, agg. =

carico, caricato, che porta un peso | l'è 'n póo cargàat en réet = è un povero cristo, è duro di comprendonio

cargàda (cargàdi), agg. =

carica, caricata

cargamùut, loc.=

transumanza con le mucche

carghèt (carghéc’), s.m. =

gerla piena oltre l’orlo - TO; vedi anche “ràas” 

carghèt (carghèc’), s.m. =

gerla piena oltre l’orlo - MO

cariéra, s.f. =

carriera, avanzamento di grado; andatura veloce  |  te fàc’ ‘na gran cariéra = hai fatto una gran carriera lavorativa;  ò idüut ‘n cavàl ca ‘l vava de gran cariéra = ho visto un cavallo che andava a gran velocità

carilìi, s.m. = 

rocchetto | carilii dal rèf = rocchetto del refe

carimàa, s.m. =

calamaio; occhiaie

cariṍla, s.f. =

carriola

cariolàda, s.f. =

quanto si può trasportare con una carriola

Càrlo códega, loc.=

arretratezza | te sèe restàat ai tèep de Carlo códega = sei rimasto indietro ai tempi di….

carlùna (a la), avv.=

cosa mal fatta, alla buona, approssimativa  |  ‘n mestéer fac’ a la carlùna = un lavoro fatto alla bell’e meglio, in modo approssimativo

càrna, s.f. =

carne

carnasìna, s.f. =

fungo lingua di bue

carnevàl, s.m. =

carnevale  |  l’ò pagada ‘na ciòca de carnevàl = l’ho pagata pochissimo

caroàna, s.f. =

carovana

carógna, s.f. = e s.m. =

carogna, corpo di animale morto; persona cattiva  |  te sée ‘na (en) carógna = sei una persona perfida e cattiva

carṍl, s.m. =

tarlo  | chèsto légn ‘l gh’à fac’ òl carṍl = questo legno è tarlato|  ‘sto fórmài  ‘l gh’à fac’ òl caröl = questo formaggio è tarlato; te gh’e ité ‘l caröl ‘ndèla cràpa = hai la testa bacata

carolàat, agg. =

tarlato; cariato  |  ‘n légn tǜt carolàat = un legno completamente tarlato; te ghée i déec’ carolàac’ = hai i denti cariati

caròtola (carótoli), s.f. =

carota  -TO

caròtola (caròtoli), s.f. =

carota – MO

caròzza, s.f. =

carrozza  |  ‘ndàa èn caròzza = vivere bene, superare le difficoltà con facilità 

carpéli, f.pl.

ferretti che si applicano agli scarponi per non scivolare sul ghiaccio, ramponi

càrta, s.f. =

carta; atto, documento; carta da gioco  |  càrta canta, vilàa dorma = carta canta, villan dorme (quello che è scritto su un documento non può essere contraddetto, e quindi il contadino può dormire sonni tranquilli; analogo al significato del detto latino “verba volant, scripta manent”

cartasüga, s.f. = 

carta assorbente

cartavedràda, s.f. =

carta vetrata

cartèla, s.f. =

cartella scolastica

cartìna, s.f. =

carta geografica; carta finissima per avv.=olgere il tabacco e farne una sigaretta

cartù, s.m. =

cartone

cartùcia, s.f. =

cartuccia per fucile da caccia

cartulìna, s.f. =

cartolina; cartolina di precetto

càśa, s.f. =

cassa, contenitore fatto di assi; cassa da morto

casàda, s.f. =

famiglia

casamènt, s.m. =

grande edificio

casàs, v. intr.=

accasarsi, mettere su casa; sposarsi

cascàda (cascàdi), s.f. =

cascata

càscia, s.f. =

caccia   |  ‘ndàa a càscia = cacciare

casciàa, v. tr. = e intr.

germogliare; effondere calore; nascondere, cacciare  |  ‘sti cö i cascia da matt = questi tralci germogliano alla grande; ‘nghée ca te l’e casciàat? = dove l’hai nascosto?;  casciàa ité legna ‘ndèla pigna = mettere legna nella stufa

casciàda (daghèla), s.f. = 

fare una battuta allusiva

casciadù, s.m. =

cacciatore

casciàsla, v. intr.=

dolersi, darsi pensiero, prendersela, preoccuparsi

casciavìit, s.m. =

cacciavite

cascìi, s.m. =

aiutante del pastore

casèer, s.m. =

casaro; addetto alla caesificazione sugli alpeggi

caśéer, s.m. = 

cassiere

casèl, s.m. =

piccolo edificio di servizio  |  ol casèl dèl làc’ = piccola baita, attraversata da un ruscello, dove si teneva il latte al fresco (vedi anche “bait dal lac”)

casèra, s.f. =

latteria, edificio adibito alla raccolta e lavorazione del latte

caśèt (caśéc’), s.m. =

cassetto - TO

caśèt (caśèc’), s.m. =

cassetto -  MO

caśèta, s.f. =

cassetta per frutta

casèta, s.f. =  

casetta, piccola casa

caśinèer, s.m. =

adetto al vettovagliamento sugli alpeggi oltre che pastore

casìsc’, s.m. =

casa crollata

càso; caas s.m. =

caso  |  càso mai = eventualmente;  l’è miga ‘l càas = non è il caso

casòt, s.m. =

casotto, grande confusione

càsp, s.m. =

gabbia del torchio in legno; per estensione, il contenuto in vinacce  |  ò duüt fàa dùu càsp parchè li ghe ca stàci giò tüti en d’en bòt = ho dovuto riempire due volte il torchio perché (le vinacce) non ci sono state tutte in una volta sola

càspòla, s.f. =

mestolo forato

castàa, s.m. =

castagno; color castano

castègna, s.f. =

castagna;  pugno (ironicamente)

castèl (castéi), s.m. =

castello - TO

castèl (castèi), s.m. =

castello -  MO

castigàa, v. tr

castigare

castigamàt, s.m. =

vendicatore |’l végnarà ‘l castigamàt

castìich, s.m. =

castigo; persona incapace e ingombrante

castràat, s.m. =

agnello castrato

castrù, s.m. =

animale castrato

catapiz, s.m. =  

precipizio, luogo scosceso, dirupato in cui una caduta sarebbe fatale  

catàr, s.m. =

catarro

catèlana, s.f. =

coperta pesante di lana

catìif, agg. =

cattivo  |  catìif cóma ‘n bào = cattivo come il diavolo

catràm, s.m. =

catrame

cauriṍl, s.m. =

cirro, viticcio,  |  cirro organo di attacco o di sostegno di piante rampicanti, viticcio = cirro della vite

cavàa, v. tr. =

zappare

cavabüsciù, s.m. =

cavatappi

cavadù, s.m. =

attrezzo a lama curva per scavare nel legno 

cavàgn, s.m. = 

cesto in vimini

cavàgna, s.f. =

cesto in vimini, più grande del “cavàgn” e di forma allungata

cavagnìi, s.m. =

cesto in vimini, più piccolo del “cavàgn”

cavagnṍl, s.m. =

cesto in vimini, come il “cavàgn”

cavàl (cavai), s.m. =

cavallo  |  vès a cavàl di n’asèn = essere in una brutta situazione;  vès sèmpri a cavàl dèl fṍöch = essere sempre accanto al fuoco (essere freddoloso)

cavaléer, s.m. =

baco da seta

cavalèt (cavaléc’), s.m. =

cavalletto  |  ol cavalèt dèla legna = il cavalletto per tagliare la legna – TO

cavalèt (cavalèc’), s.m. =

cavalletto  |  ol cavalèt dèla legna = il cavalletto per tagliare la legna |òl cavalèt dèla gràśa = il cavalletto del letame- MO

cavalìna, s.f. = 

coda di cavallo, erba infestante frequente nei terreni coltivati, equiseto dei campi

cavalòt (cavalòc’), s.m. =

cavalletto  |  ol cavalòt dèla gràsa = il cavalletto per il letame (supporto formato da tre pali, di cui quello centrale mobile sul posteriore, uniti in alto mediante una grossa vite o chiodo, su cui veniva appoggiata la gerla per agevolare il carico di letame e la presa sulle spalle mediante le “stròpe”)

cavèl (cavéi), s.m. =

capello  -  TO

cavèl (cavèi), s.m. =

capello - MO

cavìc’, s.m. =

bastoncino, rametto

cavìgia, s.f. =

caviglia

càzza, s.f. =

mestolo

cazzànt, s.m. =

cimitero

cazzèt, s.m. =

mestolo piccolo

cazzìi, s.m. =

mestolo piccolo

cazzṍl, s.m. =

mestolo

cazzṍla, s.f. =

cazzuola; verzata

cazzòt (cazzòc’), s.m. =

cazzotto, pugno;  castagna non formata

cél, s.m. =

cielo  |  cél dèla bùca = palàto

celèst, agg. =

celeste

cènt, agg. num.card. e s.m. =

cento

centèna, s.f. =

centinaio

céntesèm, s.m. = 

centesimo; monetina  |  góo gnàa ‘n céntesèm = non ho il becco di un quattrino

centimetro, s.m. =

centimetro; metro a nastro dei sarti

céra (céri), s.f. =

cera

céra, s.f. =

colorito, aspetto  |  te ghée ‘na bruta céra = hai un aspetto malsano

cèra, s.f. =

festuca alpestris, erba alpina filiforme, dura e scivolosa

cercòt (cercòc’), s.m. = 

uno che chiede sempre (caramelle, cibo in genere, elemosina)

cèrech, s.m. =

chierichetto

cèrega, s.f. =

chierica dei frati o dei preti

cèrf, s.m. =

cervo

cèrfuiù, s.m. =

cespuglio

ceròt, s.m. =

cerotto

cès, s.m. =

cesso, latrina

cesàa, v.tr. =

cessare, finire

cét, v. intr.=

cedere, crollare, non farcela; arrendersi  |  te cédet ? = ti arrendi ?;  ti dai per  sconfitto ?

chè, agg.  inter, e esclam.=

che, quale |  chè vistìit ca te mètet sǜ ? = che vestito ti metti ? | chè bèl ! = che bello!

chée  pron. = Interr.

che cosa | chée ca te ghée? | chée ca l’è?= cos’è  TO

chèe  pron. = Interr.

che cosa | chèe ca te ghèe? | chèe ca l’è?= cos’è  MO

chèl (chìi), agg.  e pron. =

quello, quel, colui, ciò - | chèl  l’è ‘l me fradèl = quello è mio fratello| chìi de Faèt = quelli di Faedo| al gà nóma chèl = ha solo quello

chèla (chìli), agg.  e pron. =

quella, colei - | ‘n sè amò a chèla! = siamo alle solite! | chìili d’en bòt = quelle di una volta

chèsta (chìsti), agg.  e pron. = 

questa, costei 

chèsto (chìs-c’), agg.  e pron. = 

questo, questi, costui, ciò 

chevèz

ben messo, pulito, a posto; birbante  |  te sée pròpi chevèz! = sei proprio un gran birbante!

chevezzàa  - v. tr. =

sistemare, mettere a posto, rassettare

chi, pron. =

 chi| chi ca l’è? = chi è?;  

chìchera, s.f. =

tazzina, chicchera

chigàa, v. tr. =

defecare

chignṍl, s.m. =

piccolo cuneo, in legno o ferro

chiló, avv.=

qui | ven scià chiló  = vieni qui – TO

chilò, avv.=

qui | ven scià chilò  = vieni qui – MO

chìlo, s.m. =

chilogrammo

chipàa, v.tr. =

capovolgere

chisà, avv.=

chissà, forse

chisciṍl, s.m. =

grande frittella di farina nera e formaggio, tipica del tiranese

ciàaf, s.f. =

chiave  |  l’ò scià mi la ciàaf dèl niòlt! = ce l’ho io la chiave della cantina (ironico: significa che sono io che comando a casa mia!)

ciàar, s.m.  agg. =

luce, lampadina; chiaro; evidente, lampante  |  pizza ol ciàar = accendi la luce| al ciàar de luna = al chiar di luna|  al me par ciàar ca te ólèt fregam! = mi sembra evidente che vuoi fregarmi!| fam ciàar = fammi luce

ciàcera, s.f. =

chiacchera

ciacerù, agg. =

chiacchierone, loquace

ciacerùna (ciacerùni), agg. =

chiacchierona, loquace

ciacolàa, v. intr.=

chiacchierare

ciacolàda, s.f. =

chiacchiericcio; voce infondata; maldicenza

ciafarulìi, s.f. =

chiave inglese o chiave a rullino

cialàda, s.f. =

sciocchezza, piccola quantità  |  l’ò pagàat ‘na cialàda = l’ho pagato pochissimo

ciamàa, v. tr. =

chiamare

ciampìn, s.m. =

solo nell’espressione: porco ciampìn = perbacco, accidenti

ciànfèr, s.m. = 

attrezzo non affidabile,  uomo buono a nulla, inetto

cianfǜgn, s.m. =

chi svolge un lavoro in modo approssimativo, disprezzabile

ciào, inter, =

ciao

ciàpa, s.f. =

natica

ciapàa ité, v. tr. =

urtare  |  ò ciapàat tè ‘n sàs = ho urtato un sasso

ciapàa scià, v. tr. = e intr.

intraprendere, iniziare  |  ciapàa scià da lavàa gió = accingersi a lavare i piatti

ciapàa sóta, v. tr. =

investire (anche tiràa sóta)

ciapàa sǜ, v. tr. =

sollevare; portare con sé; prendere una malattia  |  ò ciapàat sǜ ‘n brǜt fegiór = mi sono preso un brutto raffreddore

ciapàa, v. tr. =

prendere; acchiappare, catturare; guadagnare  | ciapàa l’acqua = bagnarsi per la pioggia; quàat ca te ciapèt al mìis? = quanto guadagni al mese?

ciapàat, agg. =

preso, occupato; scombussolato  |  sòo tǜt ciapàat = sono presissimo| ò biüut ‘n bicéer de vìi fréc’, e al m’ha ciapàat! = ho bevuto un bicchiere di vino freddo, e mi ha preso!

ciapàla réet, v. tr. =

prendere in grande antipatia

ciapàli, v. intr.=

prenderle (le bòtte)

ciapàsla, v. intr.=

prendersela, preoccuparsi; offendersi  |  ciàpetla ca! = non prendertela

ciapèl, s.m. =

scodella in legno; ciotola  |  bìif fó dal ciapèl = bere dalla scodella di legno (che veniva fatta passare da uno all’altro bevitore)

ciapǜsc’, s.m. =

uomo di poco conto, pasticcione, incapace, inetto

ciaputìi, s.m. =

bambinello grassoccio

ciàra de l’ṍöf, s.f. =

albume

ciavàa, v.tr. =

chiudere a chiave

ciavenàsca, s.f. =

uva chiavennasca, nebbiolo

ciavii, s.m. =

chiave piccola per serratura

cica, s.f. =

biglia

cicàa, v. intr.=

masticare tabacco; sputare

cicàda, s.f. =

sputo

cichèt, s.m. =

bicchierino di liquore; rimprovero

cicolàat, s.m. =

cioccolato

cimènt, s.m. =     

cemento

cimentàa, v. tr. =

tirare in  ballo, coinvolgere | cimentèm cà = non coinvolgermi

cimitéri, s.m. =

cimitero, camposanto

cìnch, s.m. =

cinque

cinquèna, s.f. =

forca a cinque denti (usata per trasferire le vinacce dal tino alla “brènta”  o al torchio

cìnta, s.f. =

cintura

cintàa, v. tr. =

cecintare

cintrìi, s.m. =

centrino ricamato

cintürìi, s.m. =

cinturino dell’orologio

ciṍc’, s.m. =

pidocchio; persona avara

ciòca de carnevàal, s.f. =

somma risibile | l’ò pagàat ‘na ciòca de carnevàal = l’ho pagato pochissimo

ciòca, s.f. =

ubriacatura, sbornia;   |  fin ch’al dura ol bursìi dèl véc’, ciòca e baràca tǜt ol dì = fin che dura il portafoglio del genitore, gran bevute e sollazzi tutto il giorno

ciocàt, s.m. =

bevitore abituale di alcolici, spesso ubriaco

ciòch, s.m. e agg. =

ubriaco

ciöc-pulìi, s.m. =

parassita delle galline

ciodàa, v.tr. =

piantare  chiodi, vedi anche  "enciodaa"per " 'nciodaa"

ciṍgiàt, s.m. e agg. =

avaro, tirchio, spilorcio

ciòot, s.m. =

chiodo   |  l’è cóma sciusciàa ‘n ciòot = come succhiare un chiodo (non se ne cava niente); róbi da ciòot = cose da non credere; ciòot da cantéer = grosso chiodo da carpenteria

ciosèl, s.m. =

residuo del fieno nel fienile, composto per la maggior parte di semi - MO

ciósèl, s.m. =

residuo che rimane sul pavimento del fienile

cipolàa, v. intr.=

pigolare

circòl, s.m. =  

circolo, ritrovo, associazione | ‘n bòt ai ‘ndàva al circòl par balàa = una volta andavano al circolo associativo a ballare

cistìi, s.m. =

cestino| ol cistii dì rèf = il cestino dei fili per il rammendo

cìto, inter, =

silenzio!, stai zitto!

ciù, s.m. =

maiale | ‘l gh’è ca gnaa ‘n ciù chè divènta vec’, ma tàac’ vec’ chè divènta ciù = non c’è maiale che diventi vecchio (si acquistavano a ottobre e si macellavano a febbraio dell’anno successivo) ma tante persone che invecchiando diventano maiali

ciuchetù, s.m. =

ubriacone

ciudìi, s.m. =

chiodo di piccole dimensioni; fungo detto anche famigliola

ciǜf, s.m. =

ciuffo, ciuffo di capelli

ciùna, s.f. =

scrofa

ciunàda, s.f. =

maialata, porcheria; lavoro fatto molto male

ciùnìi, s.m. =

maialino

ciùrlo, s.m. =

brodaglia, vino andato a male, bevanda di caffè ma non caffè

ciǜüs, agg. =  

chiuso

clinto, s.m. =

uva clinton, di origine americana, molto dolce

clèer, s.m. =

saracinesca, serranda

clòsc’, v. intr.=

lamentarsi;  chiocciare | chèla galina la closc’, la öl sciutii = quella gallina chioccia, vuole covare

còc’, agg. =

cotto

còch, s.m. = 

fungo amanita

còcia, agg. =

cotta  |  vignìn, ca l’è còcia = venite (a tavola) che è cotta

cocóc’, s.m. =

crocchia

cocóna, s.f. =

pigna; torso della pannocchia del granoturco – TO

cocòna, s.f. =

pigna; torso della pannocchia del granoturco – MO

codèer, s.m. =

fodero utilizzato come contenitore della cote

códega, s.f. =

cotenna del maiale; strato superficiale erboso del prato

codegòt, s.m. =

grosso insaccato a base di cotenne di maiale, simile all’impasto del cotechino

cògoma, s.f. =

caffettiera; napoletana

coió, s.m. =     

babbeo – TO | te sée ‘n póor coió = sei un povero babbeo    

coiò, s.m. =

babbeo –  MO | te sèe ‘n pòor coiò = sei un povero babbeo

còl, prep. =

con

còl, s.m. =

collo  |  a róta de còl = a rotto di collo (di gran corsa)

colàna, s.f. =

collana; parte terminale attorno al collo di un maglione o di una calza (scalfaròt)

colarìna (colarìni), s.f. =

cinghia che si mette al collo dei cani per applicarvi la catena o il guinzaglio; cinghia che si mette al collo dei bovini per applicarvi il campanaccio

còlda (còldi), agg. =

calda

coldarìi, s.m. =

paiolo  |  coldarìi dala pulènta = paiolo per polenta

coldéra, s.f. =

caldaia, grosso recipiente in rame per il latte

colderàt, s.m. =

piccola caldaia in rame per il latte

colèr, s.m. =

albero di nocciolo 

colèt (coléc’), s.m. =

colletto di un abito o di una camicia - TO

colèt (colèc’), s.m. =

colletto di un abito o di una camicia  - MO

colóbbia, s.f. =

residuo slavato della lavorazione del latte  |  ’ndàa òl sànch en colóbbia = andare il sangue in acqua

colocàa, v. tr. =

collocare

colombèer, s.m. =

colombaia

colónda, s.f. =

trave portante

colondél, s.m. =

parte di eredità | m’à fac' gió i colondéi par fa la divisiù dèla roba = abbiamo stabilito le parti per la divisione dell'eredità

cólóor, s.m. =

colore

coloràa, v. tr. =

colorare

colòstro, s.m. =

colostro (liquido secreto dalle ghiandole mammarie durante la gravidanza e immediatamente dopo il parto)

cólp, s.m. =

colpo, percossa; accidente improvviso e mortale; spavento; sparo  |  l’è mòrt da ‘n cólp = e’ morto d’infarto; l’ha ciapàat ‘n cólp = ha preso una botta (oppure ha preso un infarto); ò ciapàat ‘n cólp = ho preso uno spavento

cólpa, s.f. =

colpa, torto  |  l’ha duüt ciapas la cólpa = ha dovuto prendersi il torto

còlsa (cólsi), s.f. = 

calza  |  tiràa sǜ li cólsi = decidersi a fare una certa cosa - TO

còlsa (còlsi), s.f. = 

calza  |  tiràa sǜ li còlsi = decidersi a fare una certa cosa -  MO

còlt, agg. =

caldo

cóma, avv.= e cong. =

come

comàara, s.f. =

comare, levatrice

comandàa, v. tr. =

comandare

comandànt, s.m. =

comandante, capo, condottiero

comédia, s.f. =

commedia, finzione, inganno, atto ridicolo

comerciànt, s.m. =

commerciante, mercante

comèrcio, s.m. =

commercio, negoziazione, traffico

comodàa, v. tr. =

sistemare, aggiustare -  MO

còmot, agg. =

comodo, agevole; pigrone; latrina, cesso

compaesàa, s.m. =

compaesano, abitante dello stesso paese

compàgn, s.m. e agg. =

compagno (di scuola, di giochi); uguale, simile; allo stesso modo  |  l’à fac’ compàgn de mì = ha fatto come ho fatto io

compagnàa, v. tr. =

accompagnare

companatèch, s.m. =

companatico

comparìi, v. tr. =

comparire, apparire all’improvviso, presentarsi

compaśiù, s.f. =

compassione, pietà, commiserazione

compèt (compec’), s.m. =

compito

comprendòni, s.m. =

comprendonio | l’è ‘ndréet de comprendòni 

comprendònio, s.m. =

comprendonio, discernimento, intelligenza

cónc’, agg. =

concio; condito

cónca, s.f. =

caldaia in rame ove si raccoglie il latte, pù bassa della “coldéra”

conciàat, agg. =

malconcio  |  conciàat da sbàt ià = conciato da buttar via (ridotto in pessimo stato; inutilizzabile ulteriormente)

confesàa, v.tr. =

confessare

confesàs, v. rifl.=

confessarsi

confratèl (confratéi), s.m. =

confratello - TO

confratèl (confratèi), s.m. =

confratello -  MO

confrònt, s.m. =

confronto

confrontàa, v.tr. =

confrontare

confǜs, agg. =

confuso

conóos, v. tr. =

conoscere

consèrva, s.f. =

conserva, salsa di pomodoro

conservàa, v. tr. =

conservare, tenere in buono stato

consideràa, v.tr. =

considerare

consolàa, v. tr. =

consolare, portare conforto

consorèla, s.f. =

consorella (donna appartenente ad uno stesso ordine religioso o confraternita; le filiali di una medesima azienda o le aziende di un medesimo gruppo)

contèet (contéec’), agg. =

contento, soddisfatto, felice - TO

contèet (contèec’), agg. =

contento, soddisfatto, felice - MO

contentàa, v. tr. =

accontentare, soddisfare, esaudire un desiderio

contentàs, v. intr.=

accontentarsi

cóo, avv.=

capo, inizio e termine di ogni cosa; | giò ‘n cóo = giù in fondo | sǜ ‘n cóo = in cima | ia ‘n cóo = là in fondo  TO

còo, avv.=

capo, inizio e termine di ogni cosa; |  giò ‘n còo = giù in fondo | sǜ ‘n còo = in cima; | ia ‘n còo = là in fondo  MO

cóo, s.m. =

capo, tralcio della vite; capo di bestiame  | oltàa gió i cóo = ripiegare i tralci della vite; al mùisc’ sèt cóo  = munge sette mucche | còo de l’àscia = il bandolo della matassa

cṍöch, s.m. =

cuoco

cṍöga (cṍöghi), s.f. =

cuoca

còort (còorc’), s.m. =

secondo taglio del fieno

cṍös, v. intr.=

cuoce  |  al cṍös = sta cuocendo

cópa, s.f. =

coppa, salume ricavato dalla parte posteriore del collo del maiale

cṍor, s.m. =

cuore

cór, v. intr.=

correre

coràda, s.f. =

polmone degli animali macellati

coràgio, s.m. =

coraggio

coràm, s.m. =

cuoio, pelle conciata

còrda, s.f. =

corda  |  vès gió de còrda = essere giù di corda

cordaiṍl, s.m. =

cordicella

cordàna, s.f. =

nervo, tendine; giro di vimini intrecciati in cima alla gerla o al “campàc’“

còrdol, s.m. =

cordolo

corédo, s.m. =

corredo  |  la Gina la prepàra ol corédo parché la ghà en mèet da maridàs = Gina sta preparando il corredo poiché intende andare sposa

corégia (corégi), s.f. =

correggia, cinghia di cuoio - TO

corègia (corègi), s.f. =

correggia, cinghia di cuoio - MO

coregiṍla, s.f. =

erba infestante

còrègn (còrégn), s.m. =

corno, corni

coréisc’, v. tr. = 

correggere - TO

corèisc’, v. tr. = 

correggere - MO

corènt, s.f. =

corrente (elettrica, d’aria, di un fiume); aggiornato |  vès al corènt = essere aggiornato

còrf, s.m. =

corvo

corgnàda, s.f. =

cornata, colpo di corna di mucca

còrna (córni), s.f. =

macigno staccatosi dalla montagna e rimasto isolato  |  la còrna di maligèn = il masso del sorbo dell’uccellatore - TO

còrna (còrni), s.f. =

macigno staccatosi dalla montagna e rimasto isolato  |  la còrna di maligèn = il masso del sorbo dell’uccellatore - MO

cornagìi, s.m. =

silene, pianta erbacea delle cariofillacee, commestibile e molto buona

cornèta, s.f. =

cornetta del telefono

cöröcöcṍö, s.m. =

gheriglio cioè la parte mangereccia della noce  |  de sòlet se dis òl bùu dèl la nóos ma qùanca òl bùu dèla nóos a vée fò tǜt ‘ntréech ilùra al se ciàma cöröcöcṍö = quando il gheriglio della noce rimane intatto

cörṍla (cörṍli), s.f. =

usato solo nell’espressione “  ‘na cörṍla de lügàneghi “ = gruppo di salsicce legate con un spago in modo da formare una sorta di catena

corpèt, s.m. =

camiciola per neonati; corpetto, panciotto, corpino

corsèt, s.m. =

bustino femminile

cṍrt, agg. =

corto

córt, s.f. =

corte, cortile rustico, spazio comune su cui si affacciano più case; latrina

cortèl (cortéi), s.m. =

coltello - TO

cortèl (cortèi), s.m. =

coltello - MO

cortelàda, s.f. =

colpo di coltello; cordolo fatto  di sassi appiattiti posti verticalmente, di taglio.

còsta, s.f. =

costa, costola; bietola; fianco di un monte  |  ‘ndàa ‘n còsta = andare di traverso

costaiṍla, s.f. =

costina di maiale

còta, s.f. =

cotta, innamoramento; veste sacra del prete

còtola (cótóli), s.f. =

caccola, grumo di sterco attaccato alla lana delle pecore o alle natiche delle mucche, intreccio di capelli inestricabile  -TO

còtola (còtoli), s.f. =

caccola, grumo di sterco attaccato alla lana delle pecore o alle natiche delle mucche, intreccio di capelli inestricabile - MO

cotolèta (cotoléti), s.f. = 

cotoletta, braciola - TO

cotolèta (cotolèti), s.f. = 

cotoletta, braciola - MO

cràp, s.m. =

roccia, rupe, sasso

cràpa, s.m. =

testa, capo | l’è ‘na cràpa dǜra = non vuol sentir ragioni

crapàda, s.f. =

colpo dato con la testa

crapadù, s.m. =

schiaffo, sberla, manrovescio

crapìi, s.m. =

persona originale, eccentrica, bislacca, svitata

crapù, s.m. =

testone; persona testarda; girino

cràsc’, s.m. =

corvo; menagramo

créda (tèra), s.f. =

creta

credèch, v. intr.=

crederci

credènsa, s.f. =

credenza nel senso di credere, piccolo armadio per stoviglie

créna, s.f. =

fessura, pertugio

crenàa, v. intr.=

patire, soffrire atrocemente

crèp, agg. =

incrinato, spaccato per il lungo

crépa (crépi), s.f. =

crepa, incrinatura, fenditura nel legno o nel muro - TO

crèpa (crèpi), s.f. =

crepa, incrinatura, fenditura nel legno o nel muro - MO

crepàa, v. intr.=

morire; fendersi, incrinarsi

crepàat, agg. =

che presenta delle crepe, fessurato, uno che è morto

crès, v. intr.=

crescere, aumentare; rincarare; essere in sovrappiù  |  crès de lüna = luna crescente

crésma, s.f. =

cresima  |  ol güdaz dèla crésma = il padrino della cresima

cresmàa, v. tr. =

cresimare; schiaffeggiare (ironico)

crèspa (créspi), s.f. =

piega, ruga | ‘n pedàgn a créspi = una gonna a pieghe - TO

crèspa (crèspi), s.f. =

piega, ruga | ‘n pedàgn a crèspi = una gonna a pieghe -  MO

crét, v. intr.=

credere

crevàa, v.intr =.

soccombere, piegarsi, cedere, crollare, vedi  anche“cröàa”

criànsa, s.f. =

creanza, gentilezza, buon garbo, rispetto

cribbiàa, v. tr. =

setacciare sabbia, terra, ecc.

crìbi, s.m. =

setaccio a buchi o maglie larghe, usato dai muratori

crìca, s.f. =

maniglia di serratura;  combriccola

cristéri, s.m. =

clistere

cristiàa, s.m. =

cristiano

cröàa, v.intr =.

soccombere, piegarsi, cedere, crollare 

cröàat, agg

piegato, crollato | cröàat sóta ‘l gèrlo = piegato dalla gerla troppo pesante

crocolàa, v. intr.=

gorgogliare, ribollire

crodàa, v. intr.=

cadere, cascare, detto specialmente di foglie, castagne, noci, nocciole  |  l’è crodàat gió me ‘n salam = e’ caduto come un salame (in modo ingenuo);  de Otóri al cróda li castégni = in ottobre cascano le castagne | crodàa gió dal sógn = cadere dal sonno

crodèl, s.m. =

vino spillato dal tino, appena prima della torchiatura delle vinacce

cròi, s.m. =

avaro

cròia, s.f. =

avara

cróos, s.f. =

croce; tribolazione, peso, tormento  |  ti te sée la mia cróos = tu sei il mio tormento; fàch sǜ la cróos = accantonare definitivamente un progetto o desiderio; rompere un rapporto; mèt en cróos vargǜü = tormentare qualcuno

croscé, s.m. =

uncinetto

cròscia

usato solo nell’espressione “fàa cròscia” riferito alla gallina che si mette nella posizione di covare

crósta, s.f. =

crosta (specialmente del formaggio)

crumpàa, v. tr. =

comperare, acquistare

crǜsca, s.f. =

crusca

crusciulù (en), s.m. =

accovacciato, inginocchiato   |  ‘ndàa gió ‘n crusciulù a pregàa = inginocchiarsi a pregare

crǜüf, agg. =

crudo

crǜzia, s.f. =

sacrificio, sofferenza, pena, fatica 

crüziàat, agg. =

sacrificato, sofferente, in pena

crǜzzi, s.m. =

preoccupazione per un fatto che richiede un impegno prolungato non preventivato | chè crǜzzi chèla fèmna! = esprime preoccupazione, e a volte fastidio mal celato, per le cure assidue nei riguardi di …

cùa, s.f. =

coda

cuàa, v. tr. =

covare  |  cuàa l’enflüènsa = percepire i primi sintomi dell’influenza

cuàat, s.m. =

covato; ombreggiato; coperto

cuàda, s.f. =

covata; colpo di coda

cuanìi, s.m. =

ultimo nato di una nidiata, ultimogenito

cübàa, v.tr. =

cubare | cübàa ‘l fèe = stimare il fieno

cùbbia,  s.f. =

coppia

cubbiàa, v. tr. =

accoppiare (di corde, ecc.), riunire a due a due 

cübbièt, s.m. =

pezzo di corda adatta al trasporto di oggetti come ad esempio un fascio di legna; termina con un anello sui due lati; un anello entra nell'altro così da stringere l'oggetto da trasportare

cǜch, s.m. =

gufo  |  véc’ com’en cǜch = vecchio decrepito

cùcia, s.f. =

cuccia; giaciglio del cane  |  fa’ la cùcia! = stai lì accovacciato

cùcola, s.f. =

critica, discorso lungo e noioso, diceria, pettegolezzo | la m’à fàc’ sǜ ‘na cùcola = mi ha fatto un discorso lungo e noioso | fàch sǜ la cùcola = fare un pettegolezzo

cucù, s.m. =

cuculo

cücǜmer, s.m. =

cetriolo

cucunàa, v. tr. =

bere dal guscio un uovo fresco

cucunèra, s.f. =

cocchiume (foro superiore della bótte)

cudighìi, s.m. =

cotechino (piccolo insaccato a base di cotenne di maiale)

cuèrc’, s.m. =

coperchio

cuerciàa = v. tr. =

mettere il coperchio, coprire

cuèrta (cuérti), s.f. =

coperta - TO

cuèrta (cuèrti), s.f. =

coperta - MO

cügiàa, s.m. =

cucchiaio

cügiaràda, s.f. =

cucchiaiata

cügiarìi, s.m. =

cucchiaino

cügnàat (cügnàac’), s.m. =

cognato | lóor dùu i’è cügnàac’= loro due sono cognati

cügnàda (cügnadi), s.f. =

cognata

cuìi, s.m. =

codino

cuisciàa, v. tr. =

rattoppare, cucire un po’  alla buona

cuiù, s.m. =   

coglione 

cǜl, s.m. =

culo, sedere, deretano  |  ciapàa par ol cǜl = prendere in giro, deridere pesantemente

culàa, v. tr. =

filtrare, colare il latte  |  ‘ndàa a culàa ‘l làc’ = andare a colare il latte (far passare il latte attraverso il “cùul”, apposito utensile in rame da porre sopra la  “coldéra” per pulire il latte appena munto dai “vasèc” (piccole particelle non igieniche cadute dentro durante la mungitura).

cülàda, s.f. =

culata, botta al deretano|ò picàat gió ‘na cülàda = ho battuto il sedere

cülàta, s.f. =

natica

culìi, s.m. =

colino (anche sculìi)

culiziù, s.f. =    

colazione, vedi anche disnaa

cülmartèl, s.m. =

capitombolo

culmìgna, s.f. =

grosso tronco posto al colmo della struttura del  tetto

culscìna, s.f. =

calcina, calce

culscinàsc’, s.m. =

calcinaccio

culsìi, s.m. =

calzino

cumbrìcola, s.f. =

combriccola, guppo di persone

cumìgnol, s.m. =

comignolo

cuminciàa, v. tr. =

cominciare, iniziare

cuminiù, s.f. =

comunione  |  fàa la cuminiù = ricevere l’eucarestia

cumìzi, s.m. =

comizio

cümò, s.m. =

comò, cassettone, canterano

cumodàa, v. tr. =

sistemare, aggiustare - TO

cùmol, agg. e s.m. =

colmo; dosso, cunetta

cumpìi, v. tr. =

compiere (gli anni)

cumpliméet (cumpliméec'), s.m. =

complimenti  | la fava ca tac' cumpliméec' l'ava = non faceva tangti complimenti la nonna

cümǜ, s.m. =

comune; municipio

cumudìi, s.m. =

comodino

cǜna, s.f. =

culla  | ninàa la cǜna = far dondolare la culla per addormentare il bambino|  giràa ol bambìn giò ‘ndèla cǜna = stravolgere il discorso, alterare l’attribuzione della colpa da un soggetto all’altro

cundìi, v. tr. =

condire; accontentare con poco

cundimèet, s.m. =

culla | ninàa la cǜna = far dondolare la culla per addormentare il bambino|  giràa ol bambin giò ‘ndèla cǜna = stravolgere il discorso, alterare l’attribuzione della colpa da un soggetto all’altro

cünèta (cünéti), s.f. =

condire; accontentare con poco

cünèta (cünèti), s.f. =

cunetta, piccolo avallamento - MO

cunfìi, s.m. =

confine

cunìc’, s.m. =

coniglio

cunsciàa, v.tr. =

conciare

cunsciaòs, s.m. =

persona che cura distorsioni o lussazioni, chiropratico

cunsigliàa, v. tr. =

consiliare, dare consigli opportuni

cunsǜm, s.m. =

consumo

cunsümàa, v. tr. = e intr.

consumare, terminare, esaurire

cǜnt (cǜnc’), s.m. =

conto, calcolo  |  fa gió ol cǜnt = fare il conto, tirare le somme;  fa cǜnt de = decidere di;  fasèn cǜnt = fare assegnamento; tignìi cǜnt = tener conto, tenere in considerazione; par cǜnt mè = a  mio parere; ‘ndàa ognantùu par so cǜnt = andare ciascuno per la propria strada;  laoràa par cǜnt so = lavorare in proprio

cǜnta, s.f. =

conta, conteggio  |  tràa giò la cǜnta = fare la conta per vedere a chi tocca una certa cosa

cǜntàa sǜ, v. tr. =

raccontare, narrare | cǜnta ca sǜ stóri = non raccontare storie

cǜntàa, v. tr. = 

contare, numerare; avere importanza  |  al cǜnta ca niént = fa nulla, non preoccuparti

cǜntàla, v. intr.=

chiacchierare

cǜntadóor,  s.m. =    

contatore della corrente

cuntinuàa, v. tr. = e intr.

continuare, proseguire

cùntra, prep. =

contro  |  fàa cùntra = contrastare

cuntràal, s.m. =

aratro

cuntrabandéer, s.m. =

contrabbandiere

cuntrabànt, s.m. =

contrabbando

cuntràda (cuntràdi), s.f. =

contrada

cuntrapées, s.m. =

contrappeso

cuntràri, agg. = 

contrario, di altro parere, antitetico; avv.=erso, sfavorevole; che si muove in direzione opposta; la cosa opposta; in edilizia, tecnico che controlla la corretta esecuzione di un opera  |  bastiàa cuntràri = persona che dissente sempre per partito preso

cuntràst, s.m. =

contrasto, divergenza; scontro, discordia

cuntrastàa, v. tr. =

contrastare, opporsi; far contrasto, opporre resistenza

cuntràt, s.m. =

contratto

cunvìnsc’, v. tr. =

convincere

cùp, s.m. =

sessola in legno usata dal venditore per farinacei, riso, sale, ecc. prendendoli dal sacco da 50 kg per pesare la quantità chiesta dal compratore, quando questi prodotti si vendevano sfusi | seme di cuori nel gioco delle carte

cùpa, s.f. =

nuca, collottola (più frequente: cupìi)  |  a tiràa i cavéi dèla cùpa, al fa urìi la buca = tirare i capelli della nuca, fa aprire la bocca (per il male)

cupàa, v. tr. =

uccidere, ammazzare

cupèta, s.f. =

dolce tipico valtellinese fatto con miele, noci tritate, racchiuso tra due cialde  |  a Santa Caterina, se crùmpa la cupèta = a Santa Caterina (25 novembre, Santa Caterina d’Alessandria, patrona di Albosaggia si acquista la “cupèta”)

cupìi, s.m. =

collottola

cùra, s.f. =

pigna (delle conifere)

cüra, s.f. =

cura, rimedio

cüràa, v. tr. =

curare, prendersi cura; sorvegliare, attendere al varco

curdìna, s.f. =

cavo metallico con fili intrecciati usato per teleferiche e fili a sbalzo

curdù, s.m. =

cingolo dei frati | curdù di fràa = cordone dei frati

curidóor, s.m. =

corridore ciclista

curidù, s.m. =

corridoio

curigìi, s.m. =

cintura in cuoio per pantaloni

curióos, agg. =

curioso, indiscreto  |  somèeza de curióos = semente di curiosi (risposta sarcastica a chi chiede inopportunamente cosa sia una certa cosa)

cürmartèl, s.m. =

capriola, piroetta; caduta rovinosa involontaria | me so scapüsciàat è ò fac’ gió ‘n cürmartèl = sono inciampato e sono caduto rovinosamente

curnìis, s.f. =

cornice 

curǜda, s.f. =

corsa | trìi pàs e ‘na curǜda, te sée bèle che ruàat = tre passi ed una corsa e sei subito arrivato (… ironico)

curùna, s.f. =

corona del rosario  |  di sǜ la curùna par ol pòro mòrt = recitare il rosario per il defunto

cǜrva, s.f. =

curva, svolta

cǜrvo (cǜrvi), agg. =

curvo

cüsàa, v. tr. =

dichiarare (nel gioco delle carte)  |  cǜsi mariàna de pich = dichiaro di avere re e donna di picche

cuscrìt, s.m. e agg. =

coetaneo, coscritto, compagno di leva

cüsìdǜra, s.f. =

cucitura

cuśìi, s.m. =

cuscino

cüsìi, v. tr. =

cucire

cüsìn, s.m. =

cugino

cüsìna  (cüsini), s.f. =

cugina; cucina

custìna, s.f. =

costina di maiale

cutizzàa, v. tr. =

educare a scapaccioni

cutù, s.m. =

cotone

cutǜra, s.f. =

cottura  |  vès endréet de cutǜra = capire poco

cùul s.m. =

apposito utensile in rame o anche in legno "ol cùul dal làc’" con foro dove sono poste radici sottili “li radis dol cùul" per filtrare il latte appena munto (vedi culàa)

dà ‘ndréet, v.tr. =

restituire, cadere indietro

dà fò, v.intr =.

distribuire, elargire; distribuire le carte da gioco, emergere, venir fuori; infuriarsi, perdere il lume della ragione  | al me dàc’ fò la strachèza = d’un tratto mi sono sentito stanco  |  l’è dàc’ fò da màt = è impazzito – MO

dà fó, v.tr. =

distribuire, elargire; distribuire le carte da gioco, emergere, venir fuori; infuriarsi, perdere il lume della ragione  | al me dàc’ fó la strachèza = d’un tratto mi sono sentito stanco  |  l’è dàc’ fó da màt = è impazzito - TO

dà gió, v. intr.=

cadere; somministrare (specie una medicina, per bocca)

dà ià, v.tr. =

elargire, dare in gestione qualcosa a qualcuno  |  ò dàc’ ià la vìgna = ho dato la vigna in affitto

dà ité, v.tr. =

dare in cambio; includere in una trattativa -TO

dà itè, v.tr. =

dare in cambio; includere in una trattativa - MO

dà réet, v.tr. =

dare qualcosa a qualcuno che parte

da rìgola, v. tr. =

vedi "da vèrs" - svolgere attività necessaria ad accudire gli animali nella stalla

dà scià, v.intr =.

dare; porgere; maturare; apparire, comparire, sopraggiungere  | damòl mó scià!= dammelo!| l’è dàc’ scià ‘l padrù = è apparso il padrone| l’è dac’ scià ‘n bèl pit de üa chèst àn = è maturata tanta uva quest’anno

dà sǜ, v.tr. =

irrorare  |  gh’ò dàc’ sǜ l’àcqua a li vìit = ho irrorato le viti

da vec’, loc.=

da vecchi, vecchiaia

da vèrs, v.tr. =

svolgere attività necessaria ad accudire gli animali nella stalla

da,  prep. =

da

daa scià, loc.v.=

farsi vivo, arrivare, rinvenire | l’è già tri dì ca ‘l da ca scià chel  cagnüsc, al sarà pò en calóor = sono tre giorni che non si fa vivo, quel cagnaccio, sarà in calore | l’à ciapàat fastédi, ma dopo ‘n atem l’è dàc’ scià dapé = è svenuto, ma dopo un attimo è rinvenuto

dàa, v.tr. =

dare, porgere; pagare  |  dàa a tràa = dare ascolto, accettare consigli | gh’ò dàc’ desmìla frànch = gli ho dato diecimila lire 

dai, prep. =

dai, dagli

dal, prep. =         

dal, dallo  | la ghà li spàli cuerciàdi dal sciàl = ha le spalle coperte dallo scialle

dala, prep. =      

dalla

dali, prep. =      

dalle

dabée, agg. =

buono mansueto  - TO  |  l’è ‘n rèdès dabée =  è un bambino buono

dabèe, agg. =

buono mansueto  - MO  |  l’è ‘n rèdès dabèe =  è un bambino buono

dàch réet, v.intr =.

impegnarsi a fondo, affidare qualcosa a qualcuno che parte 

dàch sóta, v.intr =.

lavorare con impegno, mettersi a lavorare di buona lena

dàch sǜ, v.tr. =

alzare la voce, alzare il volume in un canto

dàghli, v. tr. =

dargliele, riempirlo di botte

dàgn, s.m. =

danno

dalùra, avv.=

da molto tempo

daluramài, avv.=

da moltissimo tempo

danàa, v. tr. =

usato solo nell’espressione “fàa danàa” = far disperare

danególi, avv.=

in nessun posto, in nessun luogo

daparlée, avv.=

da sola (lei)

daparlóor, avv.=

da soli (loro)

daparlǜü, avv.=  

da solo (lui)

daparmì, avv.= 

da solo (io)

dapartì, avv.=

da solo (tu)

dapartǜt, avv.=

dappertutto, ovunque  

dapé, avv.= 

di nuovo, ancora – TO

dapè, avv.= 

di nuovo, ancora – MO

daprṍöf, avv.=

da vicino

dàs, v.intr =.

darsi, gloriarsi |  dàs arìi = darsi delle arie, | al pó a dàs = può anche darsi

dàsa (dàsi), s.f. =

ramo d’abete alle estremità più sottili

dasèla s.f. =

rametti secchi di abete 

dàsli, v. rifl.=

picchiarsi | ai va ca dacordi chii dùu iló, ai cùntinua a dàsli = non vanno d’accordo quei due, continuano a darsele

dasṍl, s.m. =

aghi di abete secchi, caduti a terra | rèma sǜ ‘l  dasṍl par fach lec’ ai vedéi = raccogliere gli aghi caduti sotto i pini per fare la lettiera ai vitelli

davéra, avv.=

davv.=ero, proprio 

de nèt, loc.=

di netto| taiàa de nèt = tagliare di netto

de spetòrgna, loc.=

di malavoglia |  ‘l laóra de spetòrgna = lavora con malavoglia

de strǜsc’, loc

dal verbo strüsnaa, rasentare essere molto aderente

de, prep. =

di

dèbet (dèbec’), s.m. =

debito  |  l’è cargàat de dèbec’ cóma ‘n sciǜch de furmìghi = è pieno di debiti come un nido di formiche 

débòl  (débói), agg. =

debole, fiacco

débòla  (débóli), agg. =

debole, fiacca

debòt, avv.=

presto  |  l’è a mo’ debòt da cargàa la Piàna = e’ ancora presto di recarsi all’alpe Piana (transumanza delle mucche d’estate); metafora per dire: è ancora presto di fidanzarsi e/o sposarsi

decisiù, s.f. =

decisione

decìt, v. tr. =

decidere

dèet (déec’), s.m. =

dente - TO  | déec’ de càa  = tarassaco, cicoria selvatica

dèet (dèec’), s.m. =

dente - MO  | dèec’da làc’ = denti da latte

défati, cong. =

in realtà, infatti

déghen, s.m. =

maggiociondolo

degià, cong. =

giacché

degónt, s.m. e agg. =

perdere le forze, essere debole | al degónt dala fam = sta morendo di fame

dèlaià, avv.=     

di là

dèlascià, avv.= 

di qua

deleguàa, v. intr.=

dileguare, sciogliere

demṍöt, agg. =           

adeguato, a modo, di misura, quello che ci vuole, azzeccato |

chèl tochèl de às ilò le de möot = quel pezzo di asse è quello che ci vuole, è di misura, è adeguato  |

te ghè sǜ 'na camìśa ca l’è de möot, la sè 'ntuna bèe col rèst ... = hai una camicia che è azzeccata, si abbina con il resto...

demóni, s.m. =

demonio, diavolo; cosa enorme  | porco demóni!  = tipica imprecazione – TO

demòni, s.m. =

demonio, diavolo; cosa enorme  | demòni de ‘n ròp = un aggeggio enorme – MO

denàaz, avv.=

davanti

dendómàa, avv.=

di mattina

dengió, avv.=

in basso

densǜ, avv.=

in alto, sul maggengo in montagna | l’è stàc’ densǜ tüta la stàat = è rimasto in montagna tutta l’estate

dèrbet (dèrbec’), s.m. =

fungo della pelle di animali e anche dell’uomo

deréet, avv.=

dietro

deròch, agg. =

diroccato  |  l’è tǜt ‘n deròch = è tutto diroccato 

dersèt, agg. =

num. car. diciassette

derüscàa, v. tr. =

scivolare, scortecciare, levare la corteccia di un tronco

derüscàda (derüscàdi), s.f. =

sbucciatura, escoriazione 

derüscàs, v. rifl.=

sbucciarsi, procurarsi un’escoriazione  |  me sòo derüscàat  ‘n giönṍc’ = mi sono sbucciato un ginocchio

dervìi, v. tr. =

aprire, sin. di “urìi” 

dés, agg. =

num. card. dieci

desbroiàa, v. tr. =

districare, sbrogliare, cavare da un impiccio

desbroiàs fò, v. rifl.=

districarsi, cavarsi da un impiccio

desbutunàa, v. tr. =

sbottonare  | desbutunàa la giàca = sbottonare la giacca

desbutunàs, v. intr.=

confidare cose riservate

descamiśàs, v.rifl.=

togliersi la camicia

descargàa, v.tr. = 

demonticare, scaricare   |  descargàa mùut = scendere dall’alpe con il bestiame (transumanza)

descartàa, v. tr. =

scartare, levare la carta che avv.=olge

des-ciodàa, v. tr. =

schiodare, separare levando i chiodi

descomodàa, v.tr. =

scomodare

descór, v.intr =.

discorrere, conversare

descórs, s.m. =

discorso

descuerciàa, v.tr. =

scoperchiare

descüsìi, v. tr. =

scucire

descϋsìi, v.tr. =

scucire

desdòt, agg. =

num.card.diciotto

desedàa, v. tr. =

svegliare, destare

desedàat, agg. =

sveglio

desedàs fò, v. intr.= 

svegliarsi

desedàs, v. intr.= 

svegliarsi

desegnàa, v.tr. =

preannunciare, predire

deséna (deséni), s.f. =

decina

desèrt, s.m.  agg. =

deserto, solitario, desolato, senza nessuno

desfà fó, v. tr. =

svegliare; aprire un pacco, un involucro  | al s’en desfa ca fó = non si raccapezza, non ci capisce niente -TO

desfà fò, v. tr. =

svegliare; aprire un pacco, un involucro  | desfèt fò dèla matunèra = svegliati, datti una mossa – MO

desfà gió, v. tr. =

districare, sciogliere un nodo; abbattere | desfà gió ‘n mǜur = abbattere un muro

desfàa, v.tr. =

disfare, distruggere, manomettere  |  

desfàc’, s.m. =

disfatto  |  te se ‘n desfàc’= sei uno mal messo; disordinato; trasandato    

desfàs fò, v. intr.= 

smuoversi, svegliarsi (anche in senso figurato)

desfàs, v. intr.= 

disfarsi, liberarsi

desfesciàs, v. intr.=

liberarsi, sbarazzarsi  |  desfesciàs fö = sbrigarsi | desfésciaśèn = liberarsene

desfurtünàat, agg. =

sfortunato | vedi “sfurtünàat”

desgarbóiàa, v. tr. =

districare, sciogliere

desgelàa, v.intr =.

sgelare, disgelare, sciolgliersi dal gelo 

desgótàa, v. intr.=

(anche desgótòlaa) sgocciolare, liberarsi delle ultime gocce| l’è còlt, al desgóta i tec’= è caldo, i tetti sgocciolano (dopo il gelo del rigido inverno) | fal desgótòlaa bée sto fórmài prüma da salal = fallo ben scocciolare questo formaggio prima di salarlo (fase della caseificazione)

desligàa, v. tr. =

slegare, sciogliere lacci e nodi

desmentegàa, v. tr. =

dimenticare, non ricordare

desmentegàs, v. rifl.=

dimenticarsi

desmèt, v. intr.=

smettere  (è piu usato “pianta iló (ilò)”

desnṍöf, 

num.card.diciannove

desoteràa, v. tr. =

dissotterrare

despecenàat, agg. =

spettinato

despecenàs, v.rifl.=

spettinarsi

despegnàa, v. tr. =

disimpegnare, sganciare, liberare da un appiglio, da un intoppo

desperàat, agg. =

disperato

despetolàs, intr.

liberarsi da un impegno | mi ó sbagliàat a dach a mèet e iscé gl’a favi ca pǜ a despetolàsen = ho sbagliato a dargli retta così non riuscivo più a liberarmene

despregàa v. intr.=

rifiutare in malo modo o disprezzare l’offerta di un aiuto  |  la càora ‘nbuscìda la gh’è en desprèga al bósc’  = la capra pregna prende a cornate il caprone

despregàghen, v. intr.=

rifiutare o disprezzare l’offerta di un piacere, un aiuto 

desprézi, s.m. =

dispetto 

despǜüs, avv.=

dietro | al se piacàat despüüs a la porta ol rèdès = si è nascosto dietro la porta il bambino

desquatàa, v. tr. =

( anche”desquatàa gió”)  scoprire, togliere il coperchio, togliere la coperta

destacàa, v. tr. =

staccare, distaccare, levare da un gancio

destacàs, v. rifl.=

staccarsi

destént, tr.

stendere  |  destént i stràsc’ = stendere la biancheria

destṍs, v. intr.= pron. =

togliersi, levarsi dai piedi per non disturbare 

dèstṍt, v. intr.=

togliti   |  togliti dai piedi; vai via | destṍt! = vattene!

destrigàs, v. rifl.=

districarsi, liberarsi da qualche appiglio; uscire da una situazione difficile

destupàa, v. tr. =

sturare, togliere il tappo o l’intoppo che chiude o impedisce il passaggio

dì fò, v. tr. =

( di fó TO) sproloquiare

dì gió, v.tr. =

 annunciare dal pulpito

dì réet, v. tr. = 

sparlare

dì sǜ, v. tr. =

recitare  | dì sǜ ‘l Pàter = recitare le preghiere

di, prep. =

di, dei

dì, s.m. =

giorno, dì  | al dì de ‘ncṍö = al giorno d’oggi  |  dì e nòc’ dǜra sèmpre = un giorno dopo l’altro si va avanti 

dialèt, s.m. =

dialetto

diàol te pórti, inter, =

( anche “dial te pórti “ ) diamine TO

diàol te pòrti, inter, =

( anche “dial te pòrti “ ) diamine MO

diàol, s.m. =

diavolo  | a ca dèl diàol = lontanissimo

diaoléri, s.m. =

baraonda, confusione, imbroglio

diaoléria, s.f. =

diavoleria, sortilegio, stratagemma

dicèmbre, s.m. = sing.

dicembre 

didàal, s.m. =

ditale

didulìi, s.m. =

mignolo, quinto dito del piede

didulù, s.m. =

pollice, alluce

difìcel, agg. =

difficile

digestiù, s.f. =

digestione

dìi, v. tr. =

dire, esprimersi a parole   |  gh’ò dìc’ =  gli/le ho detto

dìit, s.m. =

dito

dilǜvi, s.m. =

diluvio

Dìo, s.m. =

Dio  | chèl che Dìo vṍl l’è mài tròp = quello che Dio vuole non è mai troppo, bisogna accettare i casi della vita 

direziù, s.f. = 

direzione

disàstro (disàstri), s.m. =

disastro

discórs, s.m. =

discorso, conversazione, colloquio

discǜt, v. tr. = e intr.

discutere, conversare animatamente

diśégn, s.m. =

disegno - TO

diśègn, s.m. =

disegno - MO

disegnàa, v.tr. =

disegnare

disnàa, s.f. =

colazione | l’ò prónt òl disnàa = è pronta la colazione

disnàa, v.tr. =

desinare, fare colazione

dìsper, agg. =

dispari

dispers, agg. =

disperso

dispiasé, s.m. =

dispiacere, preoccupazione

dispòst, agg. =

disposto

disprézi, s.m. =

dispetto 

distintìif, s.m. =

distintivo

disubidìi, v.tr. =

disobbedire

dité, avv.=

dentro - TO | ‘l fée l’è dité = il fieno è al coperto

ditè, avv.=

dentro - MO | ‘l fèe l’è ditè = il fieno è al coperto

diventàa, v. intr.=

diventare  |  al me fà diventà màta = mi fa diventare pazza

divèrs, agg. =  

aggettivo

diversamèet, avv.=

diversamente

divertìs, v. intr.= pron. =

divertirsi

divisiù, s.f. =

divisione matematica e divisione dei beni

dódes, agg. =

num. card. dodici

dol,  prep. =    

del, dello

dṍl, v. intr.=

dolere  |  al me dṍl la cràpa = mi fa male la testa

domàa tòst, s.m. =

domani mattina

domàa, s.m. =

domani

domandàa, v.tr. =

domandare, chiedere

dòmazzìra, avv.=

domani sera

domènega (doménéghi), s.f. =

domenica - TO

domènega (domèneghi), s.f. =

domenica - MO

domestèch, agg. =

domestico, docile (riferito agli animali)

domestèga (domestèghi), agg. =

domestica, docile (riferito agli animali)

dóna dal giṍch, s.f. =

caos, cosa che non si sbroglia |’l par ca l’è ruàat la dóna dal giṍch = fa riferimento a una situazione particolarmente caotica | “dóna dal giṍc”: un tempo era il nome attribuito ad un personaggio fantastico, maligno, che veniva evocato per incutere paura (simile alla “magàda”, ma spaventava producendo rumori e luci inspiegabili)  

dóndàa, v. intr.=

dondolare, barcollare, vacillare

dóndól, s.m. =

dondolo

dòpo, avv.= e prep. =

dopo, in seguito

dopodomàa, avv.=

dopodomani

dopomesdì, avv.=

nel pomeriggio

dormentù, s.m. =

dormiglione

dórt, s.m. =

tordo, uccello simile al merlo

dòs, s.m. =

dosso  |  ol dòs de Bǜi = il dosso di Buglio(maggengo sopra Albosaggia)

dósént, agg. num.=

duecento

dòta, s.f. =

dote, beni portati dalla donna che va a stare nella casa del marito al momento del matrimonio | l’era porèta, la gheva ca nient de dota = era povera, non aveva la dote

dótòor, s.m. =

dottore

dóvéer, v. intr.=

dovere

dózéna, s.f. =

dozzina, dodici | ‘na dózéna de ṍöf = una dozzina di uova | ‘n ròp de dózéna = una cosa dozzinale, di qualità scadente TO

dózèna, s.f. =

dozzina, dodici | ‘na dózèna de ṍöf = una dozzina di uova | ‘n ròp de dózèna = una cosa dozzinale, di qualità scadente MO

drìto, s.m. =

usato solo nell’espressione “fàa ‘l drìto” = fare il furbo

dùa, s.f. =

doga della botte

dǜbi, s.m. =

dubbio

ducà, avv.=

dunque;  espressione di esortazione, stimolo, richiamo  |  vèn ducà! = vieni! |  scià ducà = spicciati!

dücümèet, s.m. =

documento

dulàa, v. tr. =

lisciare o ridurre di spessore un bastone o un pezzo di legno, con la roncola.

dulìi, v. intr.=

dolere | sa mangi tàac’ braschèer al me vée a dulìi ‘l vètro = se mangio tante caldarroste mi viene il  mal di pancia 

dùls, agg. =

dolce

dùlsa (dùlsi), agg. =

dolce

dulsìi, s.m. =

radice dolce, polipodio

dùnca, inter, =

dunque? e allora?

duperàa, v. tr. = 

adoperare, usare

dùpi, agg.  e avv.=

doppio

dùpia (dùpi), agg.  e avv.=

doppia

dupiàa, v.tr. =

doppiare

dǜur, agg. =

duro  |  ai l’è mèt gió dǜra =  si da delle arie, si da importanza

düràa, v.intr =

durare

durmìda (durmìdi), s.f. =

dormita, sonno ristoratore

durmìi, v.intr =.

intr. dormire  |  al dorma dala quarta =  dorme profondamente

dürù, s.m. =

durone, callo sotto la pianta del piede

dutrìna, s.f. =

dottrina

dùu, num.card.m. (dói, num.card.f.)

due | al gheva dói vachi e dùu vedei = aveva due mucche e due vitelli

düut, v.intr =.

dovuto

e, cong. =

e  | ti e mi = tu e io

ècco, avv.= e inter, =

ecco

ècola, inter, =

eccola, ecco, proprio così, vedere anche “tèla”  

economìa (economìi), s.f. =

economia, parsimonia  |  fàa economìa = risparmiare

édera, s.f. =

edera

el (‘l), art. sing.

il, lo; nel dialetto moderno ha sostituito “òl” |’l càa = il cane |’l zücher = lo zuchero

el (‘l), particella pronominale

è utilizzata davanti alla terza persona singolare dei verbi, se il soggetto è maschile o nelle forme impersonali, è sinonimo di “al”| lǜü ‘l giǜga (lǜü al giǜga) = egli gioca 

eletrèch, agg. =

elettrico

elmèt, s.m. =

elmetto

embacǜchìit, agg. =

essere vestiti molto pesantemente; rimbambito  |  te sée ‘mbacǘchìit? = ti sei rimbambito?

embalórdìi, v.tr. =

confondere

embambólàat, agg. =

imbambolato

embambólàda (embambólàdi), agg. =

imbambolata

embarcàs, v.intr =. pron. =

imbarcarsi; intraprendere un’attività complessa 

embastidǜra, s.f. =

cucitura, imbastitura

embastìi, v. tr. =

imbastire

embatès, intr.pron. =

imbattersi, incontrarsi per caso    |  mé so ‘mbatǜda = mi sono incontrata  

embecàda (embecàdi), s.f. =

imbeccata, suggerimento iniziale

embée, inter, =

ebbene, dunque – TO

embèe, inter, =

ebbene, dunque – MO

embesuìs, v. rifl.=

instupidirsi, intontirsi

embesüìit, agg. =

intontito 

embógiàa, v. tr. =

imbucare

embrambìda (embrambìdi), agg. =

fissata

embrambìit, agg. =

fissato

embranàat, agg. =

imbranato, impacciato, tonto.

embrinsiù, s.m. =

 fissazione – pensieri  inutili

embròi, s.m. =

imbroglio, ingannp  |  Si dice anche di persona poco stimabile = l’è ‘n ‘mbrói  

embróiàa, v. tr. =

imbrogliare, ingannare

embrómbàat (embrómbàc’), agg. =

bagnato, fradicio, inzuppato – TO

embrómbàda (embrómbàdi), agg. =

bagnata, fradicia, inzuppata – TO

embrómbàs, v. intr.= pron. =

bagnarsi, inzupparsi

embrombràda (mbrombràdi), agg. =

bagnata, fradicia, inzuppata – MO

embruiù, s.m. =

imbroglione

embrunsunàs, intr. pron. =

inciamparsi

embrunsunàs, v. rifl.=

inciamparsi

embuscìda, agg. =

Ingravidata

embütàa, v.tr. =

rinfacciare, imputare e attribuire

emmögià, v. tr. =

ammucchiare  |  ‘mmögià ‘l fé = ammucchiare il fieno 

empadrunìs (‘mpadrunìs), v.rifl.=

impadronirsi

empaiàat, agg. =

impagliato

empaiàda (empaiàdi), agg. =

impagliata

empalàat, agg. =

impalato, fermo, immobile; irrigidito | al me se ‘mpalàat ‘na gàmba = mi si è irrigidito una gamba|  si dice anche di persona quando  non sta lavorando = sta ca ilò empalàat ! 

empalàda (empalàdi), agg. =

impalata, ferma, immobile; irrigidita

empaltàs, v. intr.= pron. =

sporcarsi, coprirsi, imbrattarsi di fango 

empanàa, v.tr. =

impanare

empanìit, agg. =

infeltrito 

empapinàs, v. intr.= pron. =

imbrogliarsi nel parlare, confondersi, impappinarsi

emparàa, v.tr. =

imparare

empatacàat, agg. =

impasticciato, imbrattato, insudiciato

empatàla, v. tr. =

decidere  |  sö miga cóma empatàla = non so come fare, cosa decidere.

empédria, s.f. =

grosso imbuto in legno, sin. di “pédria”

empée, s.m. e agg. =

in piedi, ritto; ripido | al Campèi i pràac’ iè ca tàat ‘mpée = al Campei i prati non sono tanto  ripidi

empègn, s.m. =

impegno

empegnàs, intr.pron. =

impegnarsi

empègolàat, agg. =

inguaiato 

empestàa, v. tr. =

appestare

empestàat, agg. =

appestato

empetölàs, v. rifl.=

immischiarsi   |  trovarsi in un grosso guaio |  ti te ca da ‘mpetolaśèn = non te ne devi immischiare

empiastràa, v. tr. =

imbrattare, insudiciare, cospargere di unguento

empiastràs, v. intr.= pron. =

imbrattarsi, insudiciarsi; schiantarsi

empicàat, agg. =

trovarsi in un grosso guaio o in un posto stretto  |  magro empicàat = molto magro 

empicàs, v. intr.= pron. =

impiccarsi; mettersi in una situazione difficile, pericolosa, senza via d’uscita

empidìda (empidìdi), agg. =

impedita; imbranata, goffa, poco agile

empidìi, v. tr. =

impedire, ostacolare

empidìit, agg. =

impedito; imbranato, goffo, poco agile

empidimént, s.m. =

impedimento, ostacolo

empidriṍl (empidriṍi), s.m. =

imbuto

empiegàat, s.m. =

impiegato

empiegàda (empiegàdi), s.m. =

impiegata

empignìi, v. tr. =

riempire, colmare - TO

empilàa, v.tr. =

impilare  |  empilà la lègna = impilare la legna

empinìi, v.tr. =

riempire, colmare - MO

empipaśèn, v.rifl.=

fregarsene | ’l se ne ‘mpìpa = se ne frega

empontàs, intr. pron. =

impuntarsi, ostinarsi  |  al sé empùnta cóma ‘n mül = si ostina come un mulo 

emportànt, agg. =

importante

empóstor, s.m. =

 impostore

emprestàa, v. tr. =

prestare

empresunàa, v. tr. =

imprigionare

emprǜna (emprǜni), agg. =

prona, rovesciata, capovolta

emprünàa, v. tr. =

rovesciare, capovolgere 

emprünàs, v. rifl.=

cadere, inciampare

emprǜü, agg. =

prono, rovesciato, capovolto | ‘n gèrlo ‘mprǜü = una gerla capovolta |  te se emprǜü cóma ‘n gèrlo = sei rovesciato come una gerla “sei stupido”

en fò gió, avv.=

laggiù

en, agg. num.= card.

uno  

en, art. sing. m.

un, uno  |  ‘n per de scàrpi = un paio di scarpe | ‘n chìlo de pàa = un chilo di pane

en, particella pronominale

è utilizzato per la prima persona plurale dei verbi  | ‘n và = noi andiamo

en, prep. =

in  | en ca = in casa

en, pron.  pers.=

ne, di questo, di quello, di questi, di quelli | ‘n màai amò = ne mangio ancora

ena, art. sing. f.=

una; si usa ‘n davanti alle parole che iniziano per vocale e ‘na in tutti gli altri casi | ‘n anetra = un anatra |  ‘na féra = una fiera; ‘na pértéga de pràat = una pertica di prato |’na ròba gròśa = una cosa grossa

enaquàa, v. tr. =

irrigare

enàzi, avv.=

invece, nel senso di preferire; vedere anche “inàzi” | mi ṍi ‘nazi  tartifòi che fasṍi  =  preferisco le patate ai fagioli

enbosolàa, v. tr. =

Arrotolare - vedere “bòsola”

enbosolàat, agg. =

Arrotolato - vedere “bòsola”

encantàs, v. rifl.=

rimanere immobile, rimanere incantato e stupito; incepparsi

encapelàs, v.rifl.=

arrabbiarsi

encartàs, v. intr.= pron. =

incartarsi, rimanere con carte male utilizzabili (nei giochi delle carte)

encàstras, intr.pron. =

incastrarsi |  mè sòo ‘ncastràat = mi sono incastrato; anche trovarsi  in un brutto guaio

encavolàs, v.rifl.=

arrabbiarsi

encazìs, v. intr.= pron. =

intestardirsi, ostinarsi, non cedere

enciócàa, v.tr. =

ubriacare

enciócàs, v.rifl.=

ubriacarsi

enciodàa, v.tr

inchiodare, piantare chiodi

enclinàat, agg. =

inclinato

encṍö, avv.=s.m. =

oggi

encolàat, agg. =

incollato

encòrges, v. rifl.=

accorgersi

encrespàat, agg. =

spiegazzato

encrespàda, agg. = 

piena di rughe o pieghe, arricciata

encrosàa, v.tr. =

incrociare

encrosàat, agg. =

incrociato

encròsciàs, v.intr =. pron. =

accovacciarsi, riferito a gallina che si mette nella posizione di covare

encròsciolàs, v.intr =. pron. =

accovacciarsi, rannicchiarsi piegando le gambe per riposare o nascondersi

encuciàs, v. intr.= pron. =

accucciarsi, accoccolarsi

encudeghìit, agg. =

inselvatichito, proprio di prato non più coltivato

encùntra, avv.=

incontro | l’ava la me vegnéva ‘ncùtra = la nonna mi  veniva incontro

encuntràs, v. intr.= pron. =

incontrarsi

encùtra, loc.=

 andare incontro | al rua ‘l pà, dom ca ‘nghe va ‘ncùtra = il papà sta arrivando, andiamogli incontro

enda ‘n formìga,

formicolare | al me va ‘n furmìga ‘na màa = mi formicola una mano brulicare

endà ‘nréet, v. intr.=

retrocedere; peggiorare le condizioni economiche o di salute 

endà fò, v. intr.=

uscire | vàn fò di pèe! = vattene - MO

endà fó, v. intr.=

uscire | vàn fó di pèe! = vattene – TO

endà réet, v. intr.=

seguire, imitare, prendere esempio

endàa ‘n furmìga, v.tr. =

formicolio | ‘l me va ‘n furmìga ‘na gàmba = ho un formicolio in una gamba

endàa, v. intr.=

andare, procedere, funzionare | ‘ndàa debòt = andare in fretta; ‘ndàa giózzóta = andare da basso; ‘ndàa bée = andare nel migliore dei modi; ‘ndàa a balìi = andare male;  ‘ndàa a pichi - cadere rovinosamente

endàa in eméus, v.tr. =  

dimenticare, confondersi, perdersi via | l’è ‘ndàc’ in eméus = è andato in confusione

endàc’ iscé (iscè), agg. =

avariato |‘ndàc’ iscé = andato a male, avariato

endàc’, agg. =

andato, finito, spacciato

endàcia iscé (iscè), (pl.endàci), agg. =

finita, spacciata; avariata

endàna, s.f. =

erba che si ammucchia dietro al falciatore e anche fieno raccolto con rastrello a file lunghe (vedi endana per 'ndana) | l'è 'ndàc' a tràa fò li ‘ndàni = è andato a spandere le file di erba/fieno

endegnàa, v.tr. =

infettare, irritare

endegnaas, v. rifl.=

infiammarsi

endegnàat, agg. =

infettato, ferita non curata che tende a incancrenirsi

endegnada, s.f. = agg

Infezione, infetta

endèl, prep. =

nel, nello  

endèla, prep. =

nella

endéli, prep. =

nelle - TO

endèli, prep. =

nelle - MO

endes, s.m. =

uovo che rimane nel pollaio come riferimento per le galline per depositarle l'uovo nel posto giusto

endi, prep. =

nei, negli    

endiavólàat, agg,

indiavolato

endórmentàs, v. intr.= pron. =

addormentarsi

endormèt, agg. =

addormentato

endòs, avv.=

indosso

endrizàa sǜ, v. tr. =

sgridare, correggere, riportare all’ordine

endrizàa, v. tr. =

raddrizzare, far tornare diritto

endùa, avv.=

dove 

endügiàa,  v. tr. =

aspettare   |  ò ‘ndügiàat ‘n momént = ho aspettato un attimo. 

endulsìi, v.tr. =

addolcire

enfarinàat. agg. =

infarinato

enfàti (‘nfàti), cong. =

Infatti 

enfèren, s.m. =

inferno 

enfésc’, s.m. =

impiccio, ostacolo, grattacapo - TO

enfèsc’, s.m. =

impiccio, ostacolo, grattacapo - MO

enfesciàa, v. tr. =

impedire, ostacolare

enfesciàat, agg. =

inguaiato; indigesto, dall’intestino appesantito 

enfesciàda (enfesciàdi), agg. =

inguaiata; indigesta, dall’intestino appesantito

enfesciàs, v. rifl.=

intromettersi, andare a mettersi e rimanere in qualche impiccio

enfeziù, s.f. =

infezione, vedi anche “endegnada (‘ndegnada)”

enfiàat, agg. =

gonfio | le levat sǜ coi oc’ ‘nfiac’ = si è alzato con gli occhi gonfi

enfiamàat, agg. =

infiammato | al sé enfiamàat = si è arrabbiato | li gingivi ‘nfiamadi = le gengive infiammate

enfiamàs, v.rifl.=

infiammarsi

enfilàa, v. tr. = 

Infilare; far passare per un foro  |  ‘nfilà la gǜgia = infilare l’ago | l’ò  ‘nfilàat = l’ho cacciato  via 

enfilsàa, v. tr. =

infilzare, trafiggere

enfilsàs, v. rifl.=

infilzarsi, trafiggersi

enfingàart, agg

infingardo

enfisàs, intr.pron. =   

intestardirsi; essere testardo  |  l’è ‘nfisàat cóma ‘n mül = è testardo come un mulo

enfrascàa, v.tr. =

infrascare

enfregiàat, agg. =m

Raffreddato | te see ‘nfregiàat = sei raffreddato

enfregiàda, agg. =f.

Raffreddata | l’è tuta ‘nfregiada = è raffreddata, ha il raffreddore

enfruènza (enfluènzi), s.f. =

influenza 

enfularmàat, agg. =m.

preoccupato, infervorato, agitato

enfularmàda (enfularmàdi), agg. =f.

preoccupata, infervorata, agitata

enfularmàs, v. intr.= pron. =

preoccuparsi, infervorarsi, agitarsi

engabolàa, v.tr. =

imbrogliare | te se fàc’ ‘ngabolàa = ti sei fatto imbrogliare

engarbòiàa, v.tr. =

aggrovigliare

engalüzìit, agg. =

ingalluzzito, ardito

engarboiàat, agg. =m.

complicato, difficile, ingarbugliato

engarboiàda (engarboiàdi), agg. =f.

complicata, difficile, ingarbugliata

engeràa, v.tr. =

inghiaiare | ‘ngeràa li stràdi = mettere la ghiaia sulle strade   | me sòo ‘ngeràat = mi sono riempito troppo; ho fatto una indigestione. 

engeràat, agg. =

non aver digerito, avere tutto sullo stomaco

enghée?, avv.=

dove? | ‘nghèe ca l’è? = dov’è?

engìgn, s.m. =

ingegno   | te ghée ca gnàa ol mìnem ‘ngìgn = non hai nemmeno le minime capacità  

engignàat, agg. =

ingegnato, arrangiato | me sòo ‘ngignàat = mi sono arrangiato

engignàs, v. intr.= pron. =

ingegnarsi, arrangiarsi; capacità di disimpegnarsi in ogni circostanza 

engiönögiàs, v. intr.= pron. =

inginocchiarsi, genuflettersi 

engiuinàa, v. tr. =

indovinare |’ngivina mó = indovina un po’

engórt, agg. =

ingordo

engosàs, v. rifl.=

ingozzarsi; riferito a cibo rimasto sul gozzo (nella parte superiore del tubo digerente)

engranàa, v.tr. =

ingranare, riuscire | al ne 'ngrana ca gnaa una = non ne fa una di giusta

engranàat, agg. =

ubriaco | cióch ‘ngranàat = ubriaco fradicio 

engranàs, v.rifl.=

ubriacarsi

engrandìi, v.tr. =

ingrandire

engrasàa, v.tr. = 

ingrassare | ‘ngrasàa ‘l pràat = concimare il prato 

engrosàat, agg. =

ingrossato

Engrüfèet, agg. =

dall'aspetto malaticcio, triste e arrabbiato, demoralizzato

engrufiit, agg. =

irritato, furente e insieme impaurito 

engrügnìit, agg. =

contrariato, arrabbiato, immusonito, ingrugnito

engrupìit, agg. =

rattrappito | l’è tǜt ‘ngrupìit = è tutto rattrappito quasi gobbo.

engrupìs, v.rifl.=

anchilosarsi

engruśìit (engruśìic’), agg. =

pieno, zeppo, gremito | engrusìit de furmìghi = pieno di formiche 

engubìs, v. intr.= pron. =

ingobbirsi, diventare sempre più gobbo

engüràa, v. tr. =

augurare | te 'ngüri da fa bèl = ti auguro di divertirti| ah! sa me 'ngüri ca! = ah! come non mi auguro!

engüràs, v.rifl.=

augurarsi

engurdìsc’, agg. =

ingordo, ghiotto, avido

engüzzàa, v.tr. =

rendere appuntito, aguzzare

enpée, s.m. e agg. =

in piedi, ritto, ripido | al Campèi i pràac’ iè ca tàat ‘mpèe = al Campei i prati non sono tanto ripidi 

enpéna (enpéni), agg. =

ripida

enquièt, agg. =

inquieto

enrabbias, v. intr.= pron. =

arrabbiarsi

enréet, avv.=

indietro   | cargàat ‘ndréet = duro di comprendonio | l’è restàat ‘nréet = è rimasto indietro 

enrìc’ (‘nrìc’), loc.=

al diritto | te l’è ca sǜ da ‘nrìc’ òl maglìi = non l’hai messa al diritto la canottiera

enrisciàa, v. tr. =

acciottolare, coprire di ciottoli una via o una piazza

ensacàa, v. tr. =

insaccare, raccogliere in un sacco; introdurre la carne di maiale, lavorata e macinata, in budelli per la confezione di salumi

ensacàda, s.f. =

insaccata

ensalàta (ansàlàta), s.f. =

insalata

ensalvadegàs, v.rifl

inselvatichirsi

ensaunàa, v. tr. =

insaponare

ensciüchìs, v.rifl.=

assopirsi

ensegnàa, v.tr. =

insegnare

ensèm (‘nsèm),

insieme

enséma, avv.=

assieme, insieme

enseràat, agg. =

costipato, influenzato

ensìn

usato nell’espressione “te pṍdet ‘nsìn” = puoi farne a meno, non devi disturbarti 

ensìna

vedere “ensìn”

ensìst, v.intr =.

insistere

ensofregàa, v.tr. =

dare lo zolfo, vedere anche “zofregàa” 

ensóm, loc.=

In cima | sǜ ‘nsom a ‘na selva de castàa = in cima a una selva dei castagni

ensóma, avv.=

insomma

ensommiàs, v. rifl.=

sognarsi | té sé réet a ‘nsommias? = ti stai sognando? cosa stai dicendo?

ensoportabél, agg

insopportabile

ensüìi, agg. =

supino | mi dòrmi ‘nsüìi = io dormo supino

ensumigliàs, v. rifl.=

assomigliare, assomigliarsi

ensürìda (ensürìdi), agg. =

avv.=ilita, depressa, moralmente stanca e abbattuta

ensürìit, agg. =

avv.=ilito, depresso, moralmente stanco e abbattuto

ensurtìs, v.rifl.=

sortire, decidersi | te se ‘nsurtìset? = ti decidi ?

entàt, agg. =

intatto, intonso

entàat, avv.=

intanto, mentre, durante

entaiàa, v.tr

intagliare il legno

entèet, agg. =

intento, indaffarato

entèndes, v. intr.=

intendere, comprendere | làghet ca ‘ntènt de andàa a spàss = non osare, non lasciare intendere, non farti sentire che vai a spasso.   

entendès, v. rifl.=

intendersi

entènt, s.m. =

intento

entènt, v. tr. = e intr.

capire, intendere | ruàch a daghèla d’intènt = riuscire a fargliela capire 

| al me la po’  dàcia d’intènt = ha voluto farmi credere

entènta (entènti), agg. =

intenta, indaffarata

enteresànt, agg. =

interessante

enteresànta (enteresànti), agg. =

interessante

enteresàs, intr.pron. =

interessarsi, darsi da fare

enterogatòri, s.m. =

interrogatorio

entestàa, v.tr. =

intestare (intestare proprietà)

entevedǜüt, agg. =

avv.=eduto, sveglio

entimàa, v. tr. =

intimare, minacciare

entisàa, v.intr =.

saziare, dar da mangiare

entisas, v.rifl

saziarsi di cibo 

entórbólàa, v. tr. =

intorbidire

entóren, avv.=

intorno, circa, all’incirca 

entosegàa, v. tr. =

intossicare, avv.=elenare

entosegàs, v.rifl.= 

intossicarsi, avv.=elenarsi

entràa, prep. =

tra, fra  |  ‘ntràa de nùu = tra di noi  

entràch, v. intr.=

entrarci, essere coinvolto

entràchen, agg. =

non semplice, macchinoso, scadente anche di persona strana, di poco valore | ‘ntràchen de ü = una persona strana, non normale

entrapolàa, v. tr. =

intrappolare, imbrogliare

entràsen fó, intr.pron. =

capire, risolvere | gh’è la fò ca a ‘ntràsen fó = non riesco a capire, non riesco a risolvere il  problema  

entravidìi, v.tr

intravedere

entréech, agg. =

intero,  anche riferito ad una persona tonta, poco sveglia

entremès-cia, agg. =

utilizzato solo nell’espressione: l’ǜa l’è ‘ntremès-cia = l’uva è metà rossa e metà verde 

entremògia, s.f. = 

persona poco sveglia anche un po’ ritardata

entresciàa, v.tr

intrecciare

entrometès, v. rifl.=

immischiarsi, impicciarsi

entromètes, v. rifl.=

intromettersi | ‘ntromètes ca ! = non intrometterti !

entunàa, v.tr

intonare

entuntìda (entuntìdi), agg. =

intontita

entuntìit, agg. =

intontito, tonto

entupegàs, v. rifl.=

inciamparsi

envàli, avv.=

che vale, fatto bene

envéci, avv.=

invece

envédia, s.f. =

invidia | sa no ca ‘nvèdia! = non ti invidio proprio!

envédia, sf.

invidia  |  n’ò cà ‘nvédia = non ho invidia 

enventàa, v. tr. =

inventare  |  ‘nvéntàn de tǜc’ i cólóor = inventarne di tutti i colori 

envèren (anvèren), s.m. =

inverno  |  d’envèren al fa fréc’ = d’inverno fa freddo,  la’nvèren pasàat-pasada = l’inverno scorso

envernisàa, v. tr. =

verniciare, pitturare

envernisàat, agg. =

verniciato, pitturato

envernisàda (envernisàdi), agg. =

verniciata, pitturata

envernìsc’, agg. =

relativo all’inverno

envèrs, agg

maldisposto, di cattivo umore| laghem es stadómàa ca sóo già ‘nvèrs abòt = lasciami stare stamattina che sono gia molto di cattivo umore

envèrs, agg. =

rovescio, al rovescio | anche di persona irritata | l’é envèrs = è irritato, nervoso | da ‘nvèrs = a rovescio | ‘na magia da’nric’ è una da ‘nvers = una maglia a diritto e una a rovescio

envèrsa (envèrsi), agg. =

rovescio  | anche di persona irritata | l’é envèrsa = è irritata, nervosa | la màa ‘nvèrsa = la mano sinistra

enversàa, v. tr. =

rovesciare, rivoltare

enversàat, agg. = 

rovesciato

enversàs, v. intr.= pron. =

rovesciarsi, cadere malamente

envià fó, v. tr. =

 diffondere |‘nviàa fó li vàchi =  far uscire le mucche dalla stalla - TO

envià fò, v. tr. =

diffondere | ià ‘nviàat fò la baiàda … =  si è diffusa la voce …  - MO

envià gió, v. tr. =

inghiottire, subire | ’nviela gió tuta la midisina = inghiottisci tutta la medicina| ‘nviàli gió tǜti = subire senza possibilità di reagire

envià itè, v. tr. =

immettere  | ‘nvià itè l’àcqua n’ dèl pràat = immettere l’acqua nel prato per irrigarlo (quando c’erano le rogge) 

envià sǜ, v. tr. =

iniziare a cucinare 

enviàa, v. tr. =

iniziare, incominciare; avv.=iare

enviàs, intr.pron. =

avv.=iarsi  |  ‘n sé inviàa = ci avv.=iamo, iniziare un cammino 

envidàa, v. tr. =

avv.=itare

envidiàa, v. tr. =

invidiare

envidiṍs, agg. =

invidioso

envidiósa (envidiósi), agg. =

invidiosa

envigìda (envigìdi), agg. =

invecchiata

envigìit, agg. =

invecchiato

enviperìit, agg. =

molto arrabbiato

enźèrnàat, agg. =

senza affilatura, lama di un coltello che perde l’affilatura

enźèrnada (enźèrnadi), agg. =            

falce con il filo della lama danneggiato, non taglia bene   

èera, s.f. =

aia, casa condivisa per battere la segale

èrba dèl saù, s.f. =

saponaria

èrba dóna, s.f. =

erba infestante che secerne un liquido giallo

èrba ìva, s.f. =

Achillea moscata, erba iva; vedere “fiṍr de mùut” 

èrba scènsa, s.f. =

assenzio

èrba, s.f. = 

erba

èrbi sèchi

verze appese essicate da utilizzare per la minestra in inverno

èrbi, s.f. =

coste (verdura)

ès, v. ausiliare e intr.

essere | lagàa ès = lasciar correre  | ès sótsùra = essere in discordia; vedere anche “vès” 

esémpi, s.m. =

esempio, imitazione  |  tṍö gió esémpi = prendere a modello – TO

esèmpi, s.m. =

esempio, imitazione  |  par esèmpi = per esempio – MO

esercìzi, s.m. =

esercizi, esercitazione; osteria, bottega

esetàa, v.tr. = 

sopportare, usato solo nella frazione Centro

espòst, s.m. =

trovatello 

estàat, s.f. =

estate

èster, s.m. =

estero

etèrno (etèrni), agg. =

eterno  | ‘n se mìga etèrni = non siamo eterni  

èto (éti), s.m. =

ettogrammo  | dùu éti de brisàola = due etti di bresaola –TO

èto (èti), s.m. =

ettogrammo  | ‘n èto de brisàola = un etto di bresaola – MO

fa bée, loc.=

fare bene

fà fó, v. tr. =

mescere, versare; sgranare, sgusciare |  fa fó li guàti = sgusciare i fagioli – TO 

fà fò, v. tr. =

mescere, versare; sgranare, sgusciare - MO  |  fà fò ‘l tṍrch = sgranare il granoturco

fà gió, v. tr. =

disegnare, ritrarre; sminuzzare, spezzettare; tagliare; scendere le scale; soffiare il naso | fà gió ‘l nàas = soffiare il naso | fà gió la pólver =  spolverare

fà ià, v. tr. =

spalare; allontanare  | fà ià la nìif = spalare la neve 

fà ité, v. tr. =

ricavare qualcosa da qualche materiale o da una persona| so cà che fa ité ‘ndèl  me fiṍl  = non so cosa fare con mio figlio, perché non fa giudizio- TO

fà itè, v. tr. =

ottenere qualcosa da qualche materiale o da una persona| fà itè ‘l mànech  ‘ndèl sügürèl = fare il manico all’accetta – MO

fa paìscia, s.m. =

fare leva utilizzando la “levéra” o lo “źapìi”

fà réet, v. intr.=

curare, accudire 

fà scià, v. tr. =

cucinare | fàa scià da maiàa = cucinare 

fa spàs

giocare | a tǜc' i rèdès al ghe pias fa spàs = a tutti i bambini piace giocare

fà sǜ, v. tr. =

costruire, realizzare, confezionare |  fà  sǜ  li scàli = salire le scale | fà sǜ ‘l lèc’ = rifare il letto | fà sǜ ‘l ciù = lavorare la carne del  maiale  

fàa, v. tr. =

fare, praticare; compiere, fabbricare, realizzare; modo di fare, comportamento; partorire; fare (riferito al tempo)  |  fà bèl = ottenere un risultato positivo; divertirsi  | fà cìto = tacere  |  fàa a mèz = dividere a metà, spartire | fàgla pó bùna! = dagliela vinta! |  ‘l  gh’à ‘n bèl  fàa = ha un bel modo di fare | la vàca l’à fàc’ = la mucca ha partorito |  al fà bèl  tèep = fa bel tempo

fàbrica (fàbrichi), s.f. =

fabbrica, stabilimento, opificio industriale

fabricéer, s.m. =

fabbriciere, consulente nell’amministrazione dei beni della parrocchia 

fàcel, agg. =

facile

fàcia (fàci), s.f. = 

faccia, viso  |  fàcia de tòla = faccia tosta

fadìga (fadìghi), s.f. =

fatica

fadigàa, v. intr.=

faticare, affaticarsi

fadigóos, agg. =

faticoso

fadigósa (fadigósi), agg. =

faticosa

fagòt, s.m. =

fagotto

fàla (fàli), s.f. =

falla, imperfezione in un manufatto (specie in una stoffa)

faladìsc’, agg. =

senza frutto, sterile; vedere “stèrlo”

faléc’, sm.sing.

strame, fogliame  che serve per il giaciglio alle mucche nella stalla. 

falìi, v.intr =.

perdere le forze per stanchezza; fare fallimento

falìva, s.f. =

favilla, scintilla, leggero frammento di legna infiammato che esce da un fuoco svolazzando nel circondario

fàls, agg. =

falso

fàlsa (fàlsi), agg. =

falsa

fàm, s.f. =

fame  |  lónch cóma la fàm = lungo come la fame (modo di dire lungo oltre misura) |  trìi èffe: fàm, fǜm, frèc’ = tre effe: fame, fumo, freddo 

fàmada, s.f. =

apertura senza infissi del solaio

famadù, s.m. =

grossa apertura senza infissi del solaio, più grande della “famàda” 

faméi, s.m. =

garzone, servitore   |  sòo stàc’ a faméi = sono andato a lavorare come garzone (a volte si lavorava solo per avere in cambio il vitto e l’alloggio) –TO

famèi, s.m. =

garzone, servitore   |  sòo stàc’ a famèi = sono andato a lavorare come garzone (a volte si lavorava solo per avere in cambio il vitto e l’alloggio) –TO

fanàtèch, agg. =

fanatico

fanegutù, s.m. =

fannullone, lazzarone

fanèstra (fanèstri), s.f. =

Finestra| urìs scià la fanèstra ca l'e còlt = apri la finestra che è caldo

fanestrṍl, s.m. =

finestrella

fànt (fànc’), s.m. =

fante, soldato di fanteria; fante (carta da gioco) 

farè, s.m. =

fabbro ferraio

farìna (farìni), s.f. =

farina  |  farìna giàlda = farina di mais | farìna nìgra (farìna de formentù) = farina di grano saraceno | farìna de sìghel = farina di segale

farinèl (farinéi), s.m. =

erba infestante  commestibile – TO

farinèl (farinèi), s.m. =

erba infestante commersibile  – MO

farinóos, agg. =

farinoso

farinósa (farinósi), agg. =

farinosa

fàs fó, v. intr.= pron. =

emanciparsi, prendere iniziative – TO

fàs fò, v. intr.= pron. =

emanciparsi, prendere iniziative – MO

fàs sǜ, v. intr.= pron. =

ingrandirsi, espandersi, arricchirsi

fàs sǜ, v. rifl.=

conciarsi, sporcarsi  |  fàs sǜ cóma  ‘n ciù = sporcarsi come un maiale

fàs tè, v. intr.= pron. =

prendere confidenza e familiarità, attaccar discorso | al gà ‘n bèl càrater, al se fa itè con tǜc’ = ha buoni rapporti con tutti.

fàśa (fàśi), s.f. =

fascia per  neonati; fascia con la quale i soldati si avv.=olgevano le gambe

faśà sǜ, v. tr. =

fasciare, bendare

faśàa, v. tr. =

fasciare, bendare

faśarṍl (fasarṍi), s.m. =

fascera  |  fascia circolare in legno usata per inserire la pasta del formaggio (féta) per ottenere la forma rotonda. 

faśèra (faśeri), s.f. =

fascera, sinonimo di “faśarṍl”

faśìna (faśìni), s.f. =

fascina

fasṍl (fasṍi), s.m. =

fagiolo

fasòlèer, s.m. =

pianta di fagioli  |  si dice anche di persona alta e goffa.

fàss, v.intr =.

farsi  |‘l laóra fàss = sta facendosi

fastédi, s.m. =

fastidio.  |  Ciapàa fastédi = prendere un malore, svenire. Te me dée fastédi = mi infastidisci.

fàt, agg. =

insipido, senza sale  |  Si dice anche di persona insulsa

fatǜra (fatǜri), s.f. =

fattura commerciale; mano d’opera per la confezione di abiti o di altri manufatti 

fàva, sf.

fava; anche terza persona del passato del verbo fare  |  L’à cüntàat sǜ la ràva e la fàva = ha raccontato tutto nei minimi particolari. 

favèla, s.f. =

favella, facoltà di parlare  |  L’à pèrs la favèla = ha perso la parola.

fée, s.m. =

fieno – TO  |  òl prǜm fée, òl cóort, òl tersṍl = il primo, il secondo, il terzo taglio; in alta montagna i tagli erano solo due 

fèe, s.m. =

fieno – MO  |  ‘ndàa réet a fèe = andare a lavorare il fieno; muntunàa ‘l fèe = raccogliere il fieno a piccoli mucchi

fèmma (fémmi), s.f. =

femmina, moglie - TO

fèmma (fèmmi), s.f. =

femmina, moglie - MO

fèmna (fémni), s.f. =

femmina, moglie - TO

fèmna (fèmni), s.f. =

femmina, moglie  - MO

fenarṍl (fenarṍi), s.m. =

insetto del fieno

féora da piàch, s.f. =

herpes

féora, s.f. = 

febbre  |  ‘na féora da cavàl = una febbre altissima 

féorèer, s.m. =

febbraio

fèr, s.m. =

ferro

féra, s.f. =

fiera, mercato   |  ala fìi dèla féra = in conclusione

feràa, v. tr. =

ferrare, mettere i ferri sotto le zampe dei muli e dei cavalli

feràda (feràdi), s.f. =

inferriata

feraóst, s.m. =

ferragosto, la festa della Madonna del 15 agosto

ferèer, s.m. =

fabbro ferraio

fèrla, s.f. =

verga, ramoscello dritto e lungo senza diramazioni

 fermàs, v.rifl.=

fermarsi

ferǜdi, s.f. = pl.

castagne lessate

ferùia, s.f. =

ferrovia

féscia, s.f. = sing.

feccia, residuo di vino rossiccio e denso che si deposita nel fondo delle botti

fèsta (fésti), s.f. =

festa, giorno festivo – TO

fèsta (fèsti), s.f. =

festa, giorno festivo – MO

festegiàa, v.tr. =

festeggiare

fèta, s.f. =

porzione, fetta (di torta, di polenta; formaggio appena cagliato, molle  

fetàl, s.m. =

piccola fetta

fiàat, s.m. =

fiato, respiro  |  al fa sta giò òl fiàat = fa preoccupare, opprimere.  

fiàca (fiàchi), s.f. =

 fiacca |  al bàt la fiàca = fa finta di essere stanco 

fiàch, agg. =

fiacco, stanco, indolente

fiadàa, v.intr =.

fiatare, respirare  |  làghem fiadàa = lasciami stare, non opprimermi

fiàma, s.f. =

fiamma

fiamàda, s.f. =

fiammata

fiamifèr, s.m. =

fiammifero; vedi anche "zufrighii"

fiasch, s.m. =

fiasco

fìc’, s.m. =

affitto  |  te sé cóma ‘n fìc‘ = sei come un affitto, un peso (ad. es. farsi mantenere)

fìca, s.f. =

dispetto, scherzo  |  fa fìchi = fare dispetti  

ficiàa, v.tr. =

affittare

ficóos, agg. =

dispettoso 

Fidansamèet, s.m. =

fidanzamento

fidàs, intr.pron. =

fidarsi

fìdech, s.m. =

fegato  |  al me fa mangiàs ‘l fìdech = mi fa arrabbiare talmente tanto che mi si consuma il fegato.

fidelòch, s.m. =

minestra di spaghetti

fidilìi, s.m. =

pasta lunga e sottile

fidǜcia, s.f. =

fiducia

fìfa, s.f. = sing.

fifa, paura

fifù, agg. =

fifone, pauroso, vigliacco

fighèer, s.m. =

fico (pianta)

figǜra (figǜri), s.f. =

figura, aspetto; figura (re, donna, fante) nel gioco delle carte  | fàa ‘na figǜra = fare una figuraccia

figüràs, intr.pron. = 

figurarsi!  |  figüràs = figuriamoci!

figǜret, inter, =

figurati

fìi, agg. =

fine sottile; fine, acuto di mente, preciso; signorile

fìi, s.f. =

fine, conclusione | a la fìn fìi = in fin dei conti

fìich, s.m. =

fico (frutto)

fìl, s.m. =

filo 

fìla (fìli), s.f. =

fila, lunga serie, grande quantità

filàa, v.tr. =

filare  |  filàa rìc’ = rigare diritto (comportarsi bene)|  iè filàc’ gió dala stèśa rùca = sono stati filati con la stessa rocca, sono fatti della stessa pasta ovvero sono uguali.  

filàgna, s.f. =

filamento (solitamente del formaggio), anche filo con amo per pescare

filarṍt, s.m. =

sfilacciamento di filo

fildefèr, s.m. =

filo di ferro

filèt (filéc’), s.m. =

filetto – TO

filèt (filèc’), s.m. =

filetto – MO

filòch, s.m. =

filamento di fibra tessile di scarto; filamento che si stacca dalla carne lessata; filo interno dei cornetti troppo maturi

filógna, s.f. =

filastrocca, piccola recita

filónga (filónghi), s.f. =

filo d’erba

filòsera, s.f. =

malattia della vite

filòzzera, s.f. =

tipo di innesto, propaggine

filù, agg. =

avv.=eduto, furbo (anche in senso spregiativo)

filù, s.m. =

usato  nell’espressione : ‘l filù dèla schéna = spina dorsale

fìna (fìni), agg. =

fine sottile  | ària fìna = aria buona

fìna, prep. =

sino, persino   |  finamài = abbastanza = fìna finòrum = da molto tempo.  

finàaza, s.f. =

confine tra una proprietà e l’altra | detto anche òl tèrmen = il confine fissato da un sasso conficcato nel terreno.

finadès, avv.=

finora, sinora

finalmèet, avv.=

finalmente

finamài, avv.=

abbastanza, anche troppo; già da tempo

finìi,  v.tr. =

finire

fiòca, s.f. =

neve  | al vèe la fiòca = sta per nevicare

fiocàa, v. intr.=

nevicare

fiocàda (fiocàdi), s.f. =

nevicata

fiṍl, s.m. =

figlio

fiór de mùut, s.m. =

achillea moscata, erba iva

fióor, s.m. =

fiore; seme di fiori nel gioco delle carte  

fiórèt, s.m. =

fioretto

fiòsc’, s.m. = 

figlioccio, di Battesimo o Cresima

fiòscia (fiòsci), s.f. =

figlioccia di Battesimo e Cresima

fìsa, s.f. =

spicchio  |  ‘na fìsa de ài = uno spicchio di aglio

fisàa, v.tr. =

fissare

fisaziù, s.f. =

Fissazione,  vedi anche embrinsiù

fisèch, s.m. =

fisico nel senso di corpo

fisèla, s.f. =

cordicella usata dai muratori per tenere la linea orizzontale dei muri 

fìsica, s.f. =

ipnosi | al gh’éva dàc’ la fìsica = l’aveva ipnotizzato

fitù, s.m. =

piccolo cuneo in ferro, dotato di anello, che si piantava in un tronco al fine di trainarlo con una corda

fiuchisnàa, v. intr.=

nevischiare

fiǜm, s.m. =

fiume

fiurìi, s.m. =

ricotta fresca, dolce e tenerissima

fiurìi, v.tr. =

fiorire

fiurìit, agg. =

fiorito

fiurù, s.m. =

fico di prima maturazione

flàber, s.m. =

debole, che vale poco (sia di persona che di oggetto)

flanèla, s.f. =

tessuto di flanella

flusunumìa, s.f. =

fisionomia, aspetto, lineamenti del volto.

fò de mèret, agg. =  

esagerato, che eccede i limiti del giusto e del conveniente

fó, avv.=

fuori – TO

fò, avv.=

fuori – MO | de fò = all’aperto

fṍdra, s.f. =

fodera (di un vestito)

födreghéta, s.f. =

federa del cuscino

fṍdro, s.m. =

fodero

fógnàda (fógnadi), s.f. =

(anche “fónfógnàda) bagatella, bazzecola, lavoretto di poco conto; piccolo, poco | l’è costat ‘na fógnada = è costato molto poco

fói, s.m. =

foglio; foglie  - TO

fòi, s.m. =

foglio; foglie - MO

fòia (fói), s.f. =

foglia  - TO

fòia (fòi), s.f. =

foglia  - MO

foiàm, s.m. =

fogliame che si usa come lettiera per gli animali domestici

foiarṍla, s.f. =

ingiallimento precoce e caduta delle foglie, nei mesi estivi, a causa della siccità 

foiàsc’, s.m. =

brattee, cartocci, foglie che avv.=olgono la pannocchia, anticamente usate per imbottire i materassi

folegàsc’, s.m. =

vedere “melegàsc’”

fòlsc’, s.f. =

falce 

fólscèt, s.m. =

vedi "fulscèt" specie di machete con la punta ricurva usato per "scalvàa"(levare i rami ) un albero di piccole dimensioni

fónch, s.m. =

fungo

fóndàa, v. intr.=

affondare, sprofondare nel fango o nella neve

fondamèet ( fondameec’), s.m. =

fondamenta

fónfógn, s.m. =

inconcludente, incapace

fonfognàa, v. intr.=

lavoricchiare, combinare cose di poco conto, tirar tardi | chèl ca 'l fonfognarà mó stadómàa! = cosa combinerà mai stamattina!

fóngàt, s.m. =

esperto cercatore di funghi

fónt, s.m. =

fondo  |   giò ‘n fónt = in fondo;  al gh’à gió ‘l fónt = ha lo stomaco senza fondo, non è mai sazio 

fontàna (fontàni), s.f. =

fontana

fóo, s.m. =

faggio – TO  | faccio verbo fàa = fare

fòo, s.m. =

faggio – MO | faccio verbo fàa = fare

fṍöch salvàdech, s.m. =

fuoco di S. Antonio

fṍöch, s.m. =

fuoco  |  smòrenza ‘l fṍöch = spegni il fuoco; a fṍöch e fiàmi = agire di premura, con irruenza.

fòpa (fòpi), s.f. =

buca, fossato, terreno abbassato e protrebbe identidificare delle località che occupano una depressione ma anche un luogo pianeggiante in montagna tipo un maggengo  

fòrbes, s.f. =

forbici

fórbeśàda (fórbeśadi), s.f. =

forbiciata, colpo di forbice

forbesèta (forbeséti), s.f. =

forbicina, forfecchia (insetto) - TO 

forbesèta (forbesèti), s.f. =

forbicina, forfecchia (insetto) - MO 

fórca (fórchi), s.f. =

forca a due rebbi  | fàs li fórchi = farsi concorrenza, farsi dispetti

forchetàda (forchetàdi), s.f. =

forchettata  || ‘na forchetàda de pàsta = una forchettata di pasta

forèst (forésc’), s.m. e agg. =

forestiero – TO

forèst (forèsc’), s.m. e agg. =

forestiero – MO

forèsta (forésti), s.f.  e agg. =

forestiera – TO

forèsta (forèsti), s.f.  e agg. =

forestiera – MO

fórma (fórmi), s.f. =

forma  | ‘na fórma de fórmài = una forma di formaggio

fórmai, s.m. =

formaggio

formèet, s.m. =

frumento

fórmentù, s.m. =

grano saraceno

fòrsa (fórsi), s.f. =

forza – TO |  con tǜti li fórsi  = con tutte le forze 

fòrsa (fòrsi), s.f. =

forza – MO |  a fòrsa de … = a furia di …

fórsi, avv.=

forse -  TO

fòrsi, avv.=

forse – MO

fòrt, agg. =

forte, robusto

fòs, s.m. =

fosso

fòśa (fośi)  s.f. =

fossa (specie per la piantagione delle viti)  |  fa giò fòśi = scavare le fossa per le viti

fösbée, avv.=

forse - TO

fösbèe, avv.=

forse - MO

fósch, agg. =

fosco, quasi buio  |  ‘l mìis de aṍst giò ‘l sùul l’è fósch = il mese di agosto tramontato il sole è quasi buio  

fotografìa, s.f. =

fotografia

fozzùra, avv.=

fuori-sopra, che tracima dal proprio contenitore| qualsiasi cosa che esce da un contenitore 'l làc' 'l va fozzura quant cal boi, varda mó chel pignatii c'al bói, smorsel  prüma ca 'l làc' al vaghi fozzùra = guarda quel pentolino che bolle, spegnilo prima che il latte venga fuori; nell’espressione: “la ghe va ca fozzùra“ = si trova in ristrettezze economiche

fra, prep. =

fra

fràa, s.m. =

frate; frammento | fràa cercòt = frate questuante |’n fràa de mòlta = un po di malta

fracà sǜ, v. tr. =

rompere, spezzare, fracassare

fràca, s.f. =

grande quantità (di cose o persone)  |  ‘na fràca de gèet = una moltitudine

fracàa, v. tr. =

rompere, spezzare, fracassare

fracàs, s.m. =

baccano, strepito, rumore fastidioso

fracaséri, s.m. =

fracasso, frastuono, baccano indiavolato

fradèl (fradéi), s.m. =

fratello – TO

fradèl (fradèi), s.m. =

fratello – MO

francàa, v.tr. =

fissare, bloccare

francées, agg. =

francese

frànch, s.m. =

franco ( moneta), saldo, ben fissato | al costa cinch franch al chilo = costa cinque (franchi), (lire), euro al chilo| stàa atènto sǜ 'ndè chèla scala, l'è ca tàat franca = attento su quella scala non è ben salda|  fàla frànca = non farsi scoprire

franculìi, s.m. =

francolino

franghèl, s.m. =

fringuello

frào, s.m. =

fragola

fràsca, s.f. =

lungo ramo (che serviva per impalcare le viti)

fràśen, s.m. =

frassino

fratàz, s.m. =

frattazzo

fratazàa, v. tr. =

passare il frattazzo sulla parete per lisciare bene l’intonaco

fratazìi, s.m. =

piccolo frattazzo

fràtüs, s.m. =

fratello | sinonimo di “fradèl”

fraziù, s.f. =

frazione

fréc’, agg. =   

freddo - TO  |  gèlt dal fréc’ = di persona paurosa poco intraprendente

frèc’, agg. =   

freddo - MO  |  gélt dal frèc’ = di persona paurosa poco intraprendente

freciàm, s.m. =

farina di castagne

fregàa, v.tr. =

fregare, strofinare, pulire; imbrogliare  |  ‘l m’à fregàat = mi ha imbrogliato 

fregàda (fregàdi), s.f. =

strofinata; fregatura, danno  |  gh’ò ciapàat ‘na fregàda = ho preso una fregatura

fregafǜm, s.m. =

nel gioco della briscola, s’indente una briscola di poco valore ma adatta a dar fastidio all’avv.=ersario e a non lasciarlo strozzare; persona che non mantiene la parola

fregiàa, v. intr.=

raffreddare  |  laghèl fregiàa = lascialo raffreddare (se scotta)

fregiólóos, agg. =

freddoloso, infreddolito

Fregiólósa, (fregiólósi), agg. =

freddolosa, infreddolita

fregióor, s.m. =

raffreddore

fregiǜra, s.f. =

costipazione, raffreddore

frégola (frégoli), s.f. =

briciola  |  remà scià li frègoli = raccogliere le briciole

fregù, s.m. =

straccio, canovaccio 

frèno, s.m. =

freno

frésa (frési), s.f. =

fresatrice

frésch, agg. =

fresco

frignàa, v.intr =.

fare moine

frìtola, s.f. =

frittella di farina bianca o nera, piatta, cotta con l’aggiunta di formaggio

fritǜra, s.f. =

frittura

frolàa, v.tr. =

frollare; frollare la carne

frónt, s.m. =

fronte (della testa); fronte (militare)

fròol, agg. =

frollo

fròola (fròoli), agg. =

frolla

fròta (fróti), s.f. =

gruppo numeroso, branco, sciame 

frǜa, s.f. =

guadagno del contadino; il frutto

frǜc’, agg. = 

non nuovo, usato, logoro; frusto  

frǜcia (frǜci), agg. =

non nuova, usata, logora  

frǜst, agg. = 

non nuovo, usato, logoro  

frǜsta, agg. e s.m. =

frusta; usata, logora  | al vàl ‘na cìca frǜsta  = non vale niente

frǜta (frǜti), s.f. =

frutta, frutto

frütarṍl, s.m. =

fruttivendolo

füdügnàa, r. v.int.

sbrigare faccende con poco impegno

fùfa, s.f. =

fuffa, merce voluminosa e scadente

fugglàa, s.m. =

focolare

fugìi, v.tr. =

fuggire

fuìi, s.m. =

faina, animale mammifero  |  ‘l fuìi l’ha cupàat li galìni = la faina ha ammazzato le galline

fulàa, v.tr. =

eseguire l’ultima pigiatura dell’uva

fulàsc’, s.m. =

la buccia dell’acino dell’uva

fulèt, s.m. =

folletto, bimbo vivace

fǜlmen, s.m. =

fulmine

fulscèt, s.m. =

vedi "fólscèt" specie di macete con la punta ricurva usato per "scalvaa"(levare i rami ) un albero di piccole dimensioni

fǜm, s.m. =

fumo

fümàa, v. intr.=

fumare, esalare fumo; fumare la pipa, la sigaretta o il toscano  | al fǜma cóma ‘n tǜrco = fuma come un turco

fümèri, s.m. =

fumo denso e acre che si alza da un incendio o dal bruciare di ramaglia ancora verde

fundìna, s.f. =

fondina, piatto fondo

fundǜl, s.m. =

Il rimasuglio del caffè che rimane nel fondo del pentolino

funfuanàa, v.intr =.

fare qualcosda senza criterio

funsiù, s.f. =

funzione, cerimonia

furàa, v.tr. e intr.=

forare, fare buchi  |  furà fò = uscire a fatica da una strettoia; furà itè = introdurre qualcosa in un buco

furabṍc’, s.m. =

fare i buchi  |  l’è un furabṍc’= ragazzino curioso e vivace

furaṍc’, s.m. =

libellula degli stagni

fǜrba (fǜrbi), agg. =

furba, avv.=eduta, astuta

fǜrbo (fǜrbi), agg. =

furbo, avv.=eduto, astuto

furcù, s.m. =

zappa a due denti

fùren, s.m. =

forno

fǜria, s.f. =

fretta, vedi anche “préśa”; furia  |  a fǜria de dài = a forza di insistere  

furmìga (furmìghi), s.f. =

formica  |  l’è ‘na furmìga róśa = persona che non sta mai ferma, vivace, un po’ impertinente

furmighèer, s.m. =

formicaio

furmigolàa, v.tr. =

formicolare, brulicare

furmigù, s.m. =

grossa formica

furnèl (furnéi), s.m. =

fornello – TO

furnèl (furnèi), s.m. =

fornello – MO

fürsilìna, s.f. =

forchetta

furtǜna (furtǜni), s.f. =

fortuna, buona sorte

furtünàat (furtünàac’), agg. =

fortunato

furtünàda (furtünàdi), agg. =

fortunata

furù, s.m. =

legno appuntito

fǜs, s.m. =  

fuso (per filare la lana)

füsìl (füsìi), s.m. =

fucile, sinonimo di “s-ciòp” 

fǜst, s.m. =

fusto  |  L’è ‘ndàc’ tǜt en fǜst = è andato tutto in fusto (quando in  una pianta dell’orto non cresce più nessuna verdura)

füstàgn, s.m. =

fustagno  |  bràghi de füstàgn = pantaloni di fustagno

füstèla, s.f. =

fustellatrice, attrezzo usato per praticare i fori nelle cinture in genere di cuoio

fùta, s.f. =

stizza  | ciapàa la fùta = irritarsi

gàaf, s.m. =

crampo | gh’ò ité ‘l gàaf  en de sta gàmba (ho un crampo in questa gamba)

gàal (gàai), s.f. =

gallo

gabàna (gabàni), s.f. =

donnaccia, donna del malaffare

gabàz, s.m. =

grosso vassoio usato dai muratori per metterci la malta

gabbiòt, s.m. =

piccolo deposito precario in legno o lamiera

gabbiù, s.m. =

grossa ciliegia carnosa e un po’ dura

gabinàt, inter, =

esclamazione conosciuta in tutti i paesi della nostra zona, forse deriva dal tedesco “gaben nacht” (= notte dei doni). La parola si pronuncia dalle 17 della vigilia fino a mezzogiorno dell’Epifania, quando si incontrano gli amici e conoscenti, con l’intento di prevenirli; chi infatti pronuncia per primo “gabinàt”  ha diritto di farsi pagare qualcosa (per esempio da bere), il pegno può essere attenuato rispondendo “la cùa dèl gàt”.  

gàbola (gàboli), s.f. =

imbroglio, inganno, raggiro

gabǜs, s.m. =

cuore della verza

gàfen, s.m. =

attrezzo logoro, attrezzo di poco valore

gàgia (gàgi), s.f. =

gazza

gàla (gàli), s.f. =

fiocco per capelli o vestito  | la ghéva sǜ dói béli trésci con la gàla = aveva due belle trecce con il fiocco

galàa, v.tr. =

accoppiarsi tra gallo e gallina

galandǜsa, s.f. =

ghiandola

galegiàa, v.intr =.

galleggiare

galéra (gàléri), s.f. =

prigione, carcere

galerìa, s.f. =

galleria

galès, inter, =

usato solo nell’espressione “cantàa ‘n galè” = cantare in gallese, cantar vittoria

galèt (galéc’), s.m. =

galletto – TO

galèt (galèc’), s.m. =

galletto – MO

galéti, s.f. =

arachidi – TO

galèti, s.f. =

arachidi – MO

galìna (galìni), s.f. =

gallina  |  parla quànch al pìśa li galìni = stai zitto.

galìna dèl Signóor, s.f. =

coccinella

galopàa, v.intr =.

galoppare, correre

galù, s.m. =

coscia

galǜp, s.m. =

giovane avv.=entato

gàmba (gàmbi), s.f. =

gamba, arto inferiore; gamba del tavolo   |  ciapaà sót gàmba = prendere qualcosa alla leggera; fàa ‘l pàs segónt la gàmba = fare le solo le cose alla propria portata; l’è ‘n gàmba fìn al giönṍc’ = è in gamba fino al ginocchio (detto in modo scherzoso di una persona considerata incapace)

gambàl (gambài), s.m. =

stivale di gomma

gambèr, s.m. = 

gambero  |  ‘ndàa cóma i gambèr = andare indietro, retrocedere

gambisṍl (gambisṍi), sm.

gambette, gambe smilze di bambino 

gambisù, s.m. =

con gambe lunghe

gamüsèl (gamüséi), s.m. =

gomitolo – TO

gamüsèl (gamüsèi), s.m. =

gomitolo - MO  |  l’è cóma i gamüsèi sa ü al se fa sǜ, l’òtro al se desfà gió = se qualcuno guadagna, qualcun altro perde

ganàsa (ganàsi), s.f. =

guancia, ganascia

ganàsa, s.m. =

gradasso

ganasàl (ganasài), s.m. =

dente molare

gànda (gàndi), s.f. =

terreno sassoso, pietraia (vedere “müràca”). 

gandéla, s.f. =

candela

gandù, s.m. =

terreno sassoso, accr. di “gànda”

gangréna, s.f. =

cancro, necrosi

garàndól (garàndói), agg. =

brioso, vivace, baldanzoso  |  l’è amò garàndól  = è ancora arzillo (riferito ad un anziano)

garàndóla (garàndóli), agg. =

briosa, vivace, baldanzosa

garbìsc’, s.m. =

terreno poco fertile

garbòi, s.m. =

garbuglio, groviglio

garboiada, s.f. =, agg. =

garbuglio, complicazione; ingarbogliata (vedi engarboiada per 'ngarboiada") | l 'è iscé 'na garboiada! = è un tale garbuglio|

gargaròz, s.m. =

gola

garibóldèl (garibóidéi), s.m. =

grimaldello, congegno ingannevole, espediente – TO

garibóldèl (garibóidèi), s.m. =

grimaldello, congegno ingannevole, espediente - MO 

garléc’, s.m. =

gambette o coscette (di pollo)

garòfól (garòfói), s.m. =

garofano

garòt (garòc’), agg. =

rotto, sconnesso; persona con poca salute; recipiente di legno alto 30/40 cm e con diametro di 20/25 cm. dove si mette la "maschèrpa" a scolare

garòta (garòti), s.f. =

rotta, sconnessa; persona con poca salute; contenitore fatto di doghe bucherellate, si metteva la ricotta appena fatta onde permettere al siero in essa contenuto, di fuoruscire

garzṍl (garzṍi), s.m. =

tenero germoglio della vite

gasciól, s.m. =

solletico

gasciólèra, s.f. =

quando si ha in gola quella tossicina fastidiosa vedi “raspighìi”

gàstrega, s.f. =

gastrite

gàt  (gàc’), s.m. =

gatto | ‘na pisàda de ’n gàt = quando è piovuto troppo poco.

gàta (gàti), s.f. =

gatta

gatìi, s.m. =

gattino

gatüsc’, s.m. =

gattaccio

gavèl (gavéi), agg. =

uomo con le gambe arcuate – TO

gavèl (gavèi), agg. =

uomo con le gambe arcuate – MO

gavèla (gavéli), agg. =

donna con le gambe arcuate - TO  |  al gh’é cà ‘na béla matèla ca la sìa  cà gavèla, chili brǜti iè gavèli tǜti.

gavèla (gavèli), agg. =

donna con le gambe arcuate - MO  |  al gh’è cà ‘na bèla matèla ca la sìa  cà gavèla, chili brǜti iè gavèli tǜti.

gavèta, s.f. =

gavetta

gavinèl (gavinéi), s.m. =

falchetto – TO

gavinèl (gavinèi), s.m. =

falchetto – MO

gazzòt, s.m. =

uccello della famiglia delle gazze

géa, s.f. =

piccola quantità; pellicola che ricoprele castagne, sotto il guscio  |  ‘na géa de bütéer = un pezzettino di burro

géet, s.f. =

gente – TO

gèet, s.f. =

gente – MO

gelàa, v. intr.=

gelare, ghiacciare

gelàda (gelàdi), s.f. =

gelata

gelatèer, s.m. =

gelataio 

gelàto, s.m. =

gelato

gelóos, agg

geloso

gelsumìi, s.m. =

gelsomino

gélt, s.m.  agg. =

gelo, grande fretto, gelido, gelato – MO

gèlt, s.m.  agg. =

gelo, grande fretto, gelido, gelato – TO

gélta (gélti), agg. =

gelida, gelata  |  l’è cóma rügàa itè ‘ndèla tèera gélta = è lavoro difficile e infruttifero – MO

gèlta (gélti), agg. =

gelida, gelata  |  l’è cóma rügàa ité ‘ndèla tèera gèlta = è lavoro difficile e infruttifero – TO

gèma (gèmi), s.f. =

gemma

gèndro (gèndri), s.m. =

genero – MO

gèndro (géndri), s.m. =

genero – TO

generàl (generài), s.m. =

generale  |  òl me fiṍl l’è vargót de ràl, generàl  o caporal = mio figlio è qualcosa di “rale”, generale o caporale

gèra (géri), s.f. =

ghiaia – TO

gèra (gèri), s.f. =

ghiaia – MO

gerlàt, s.m. =

piccola gerla usata dai bambini

gèrlo (gérli), s.m. =

gerla – TO

gèrlo (gèrli), s.m. =

gerla – MO

gerù, s.m. =

ghiaia grossa; zona di Albosaggia dove è situato il campus scolastico

gès, s.m. =

gesso, gessetto da sarto o per la lavagna

géṡa (gési), s.f. =

chiesa

Gesǜ, s.m. =

Gesù

getàa, v.tr. =

gettare, fare una colata di cemento

gh’à, avv.=

ci ha, c’ha, ci hanno |  al gh’à vìst = c’ha visto

gh’è, avv.=

ci è, c’è, ci sono |  al gh’è = c’è;  i gh’è tǜc’ = ci sono tutti

gh’ì, avv.=

ci avete, gli avete | ù gh’ì dìc’ = voi gli avete detto

gh’ò, avv.=  

ci ho, c’ho  |  gh’ò fréc’ = c’ho freddo; 

gh’ò pènsàat mì = ci ho pensato io

ghe, avv.=

ci |  ghe stòo  = ci stò

ghe, pron. = dimostr.

ci, ce  |  ghe pénsi mi = ci penso io; a ghe l’ò mi la mèla = ce l’ho io la roncola

gheeslù, s.m. =

mirtillo, vocabolo usato in alcune contrade

ghèl (ghéi), s.m. =

centesimo; centimetro  - TO

ghèl (ghèi), s.m. =

centesimo; centimetro - MO  |  al cósta cìnch ghèi = costa cinque centesimi; l’è lónch dèes ghèi = è lungo dieci centimetri

ghèrba (ghérbi), agg. =

acerba – TO

ghèrba (ghèrbi), agg. =

acerba – MO

ghérp, agg. = 

acerbo 

gherù, s.m. =

una buona quantità di qualcosa | ‘n gherù de nóos = un sacco di noci 

ghìgna (ghìgni), s.f. =

ghigno, faccia  |  al gh’à ‘na brǜta ghìgna = è una persona malvagia

ghingheri

usato solo nell’espressione “ès ‘n ghìngheri” = essere ben vestito

ghinsàna, s.f. =

genziana (gentiana punctata)

ghirigòri, s.m. =

scarabocchio, ghirigoro 

ghislù, s.m. =

mirtillo 

già, avv.=

già, vero, sì | ah già= proprio così

giàca (giàchi), s.f. =

giacca

giàlda (giàldi), agg. =f.

gialla

gialdìi, agg. = 

giallo chiaro

giàlt, agg. =m.

giallo

giambù, s.m. =

prosciutto cotto

giànda (giàndi), s.f. = 

nòcciolo, ghianda

gianèta (gianéti), s.f. =

bastone ricurvo – TO

gianèta (gianèti), s.f. =

bastone ricurvo – MO

giàngia (giàngi), s.f. = 

particolare cadenza nel parlare

giargianées, s.m. =

usato in tono dispregiativo, e significa “straniero”, “imbroglione“, o anche di “lingua incomprensibile“; nella seconda guerra mondiale, si chiamavano così gli Albanesi 

giazàl (giazài), s.m. =

savoiardo

gibolàa, v. tr. =

ammaccare, provocare escoriazioni

gibolàat, agg. =

ammaccato

gibolàda (gibolàdi), agg. =

ammaccata

gigiòla, s.f. =

usato solo nell’espressione “portàa a gigiòla” = portare a cavalluccio

gìgna (gìgni), s.f. =

scanalature nelle doghe dove si incastra il fondo della botte

gilè, s.m. =

panciotto

ginèer, s.m. =

gennaio |  la sera del 31 gennaio si invitava, con un pretesto qualsiasi, una persona ad uscire di casa, e poi, se questa persona usciva, si gridava l’è fò ‘l ginèer!

gingìva (gingìvi), s.f. =

gengiva

gió bàs, avv.=

per terra

gió da prṍöf, loc.=

giù da vicino

gió, avv.=

giù, in basso  |  gió bàs = per terra

gióanòt, s.m. =

giovanotto, più appropriato “matèl”

gióanotèl, s.m. =

dim. di “gióanòt”

giṍch de li cìchi

il gioco delle biglie: si disegna sul terreno una riga di partenza e a distanza di 3 o 4 metri si disegna il “rǜs” (dove ogni giocatore mette una biglia); si gioca a turno, ogni giocatore ha l’obiettivo di colpire, con una biglia, le biglie che sono nel “rǜs”

giṍch, s.m. =

gioco 

gioedì, s.m. =

giovedì

gióen, agg. e s.m. = 

giovane uomo

gióena (gióeni), agg. = e s.f. =

giovane donna

giṍöf, s.m. =

giogo che si metteva sul collo di un animale che tirava il carro o l’aratro

giól (giòi), s.m. =

grido stridulo, grido acuto

giolàa, v. intr.=

gridare, emettere suoni striduli e acuti

giomètro, s.m. =

geometra

giönṍc’, s.m. =

ginocchio  |  ‘l gh’à ‘na cràpa cóma ‘n giönṍc’ = non si riesce a farlo ragionare

giönögèra (giönögéri), s.f. =

ginocchiera, fascia elastica per il ginocchio – TO

giönögèra (giönögèri), s.f. =

ginocchiera, fascia elastica per il ginocchio – MO

giönögiàda (giönögiàdi), s.f. =

ginocchiata, colpo ricevuto sul ginocchio

giónta (giónti), s.f. =

giunto, il punto stesso dove si congiungono due cose; aggiunta

gióntàa gió, v. tr. =

aggiungere qualcosa

gióntàa, v. tr. =

aggiungere, congiungere due cose 

gióntàch, v. tr. =

rimetterci, perdere in un affare  |  gióntàch ‘l rèf e la pèza = rimetterci il filo e la pezza, rimetterci tutto

giórnàda (giórnàdi), s.f. =

giornata; giornata di lavoro  |  ‘ndàa ‘n giornàda = prestare una giornata di lavoro alle dipendenze altrui

giórnàl (giórnài), s.m. =

giornale, quotidiano, periodico

gióstri, s.f. =

luna park

giózzót/giózzóta, avv.=

giù di sotto, da basso

gipunìi, s.m. =

maglietta intima di lana 

gìr, s.m. =

giro; passeggiata  |  ‘ndàa ‘n gìr = andare a zonzo

gìra, s.f. =

ghiro

giràa, v. tr. = e intr.

girare, muovere in senso rotatorio; andare in giro

girabichìi, s.m. =

girabacchino, arnese piegato a gomito, fornito di mandrino per l’applicazione delle punte; serve per forare a mano il legno (trapano a mano)

giràda (giràdi), s.f. =

passeggiata, giretto; sgridata

giramèet, s.m. =

usato solo nell’espressione “giramèent de cràpa” = capogiro

girèl (girèi), s.m. =

assicella posta agli angoli del campo di bocce per favorire il giro della boccia stessa; anche girello per bambini

girèla (girèli), s.f. =

carrucola

girìi, s.m. =

girino

girùca, s.f. =

giraffa

gìsc’, s.m. =

terreno tufaceo, molto duro

giübèt, s.m. =

giubbetto

giübót, s.m. =

giubbotto

giüdé, s.m. =

giudeo, uomo perfido e sacrilego   |  al bestèma cóma  ‘n giüdé = bestemmia come un giudeo

giüdìzi, s.m. =

giudizio, senno, prudenza  |  fa giüdìzi! = fai il bravo!

giügàa, v. intr.=

giocare

giüghetù, s.m. =

giocherellone

giügiǜ, agg. =

digiuno

giügiǜna (giügiǜni), agg. =

digiuna

giügiünàa, agg. =

digiunare

giǜgn, s.m. =

giugno

giümèl (giüméi), s.m. =

gemello  - TO

giümèl (giümèi), s.m. =

gemello  - MO

giümelàa, v. intr.=

partorire due gemelli; guadagnare o produrre molto 

giüntǜra (giüntǜri), s.f. =

giuntura, articolazione, snodo delle ossa

giünügiù

a ginocchioni

giupìi, s.m. =

burattino, marionetta; persona che si lascia manovrare da altri per mancanza di carattere o di personalità

giupinàda (giupinàdi), s.f. =

stupidaggine

giupinàt, s.m. =

burattinaio

giupinèl, s.m. =

vezzeggiativo di “giupìi”

giüràa, v. tr. = e intr.

giurare

giüramèet (giüraméec’), s.m. =

giuramento – TO

giüramèet (giüramèec’), s.m. =

giuramento – MO

giürin giürèta, inter, =

giuro! (forma di giuramento infantile, accompagnata dal gesto di porre le dita incrociate sulle labbra)

giǜst, agg. e s.m. =

giusto, corretto, imparziale

giǜsta (giǜsti), agg. = e s.f. =

giusta, corretto, imparziale

giüstàa, v. tr. =

aggiustare, riparare: vestiti, scarpe e attrezzi vari

glàsc’, s.m. =

ghiaccio

glòria, s.f. =

gloria (preghiera)

gnàa, avv.= e cong. =

neanche, neppure

gnàach, avv.= e cong. =

neanche, neppure

gnàda (gnàdi), s.f. =

nido

gnagnèra (gnagnéri), s.f. =

febbriciattola, inizio d’influenza, debolezza – TO

gnagnèra (gnagnèri), s.f. =

febbriciattola, inizio d’influenza, debolezza – MO

gnamò, avv.=

non ancora

gnàta (gnàti), s.f. =

gonfiore tipico degli ascessi o di una puntura di insetti

gné, avv.= e cong. =

neanche, neppure

gnèca (gnéchi), agg. =

nervosa, triste, arrabbiata – TO

gnèca (gnèchi), agg. =

nervosa, triste, arrabbiata – MO

gnèch, agg. =

nervoso, triste, arrabbiato 

gniàl (gniài), s.m. =

nido dove la gallina depone le uova

gnòch, s.m. =

gnocco;  sciocco, ingenuo, stupidotto |  gnòch de patàti = gnocchi di patate

gnognòla,

quisquilia, scemenza | l’è nóma lǜü e gnognòli = è solo lui e stupidate

gnǜca (gnǜchi), agg. =

testa; dura; testarda, di poca intelligenza |  fàa a  la gnǜca = prendersi a testate

gnücàda (gnücàdi), s.f. =

testata

gnǜch, agg. =

duro; testardo, di poca intelligenza

gṍba (gṍbi), s.f. =

si usa solo nell’espressione:  mét gió la gṍba = lavorare duramente

gòba (góbi), s.f.  e agg. =

gobba – TO   

gòba (gòbi), s.f.  e agg. =

gobba – MO

góla (góli), s.f. =

gola

gólóos, agg. =

goloso, ghiotto

gólósa (gólósi), agg. =

golosa, ghiotta

gòma (gòmi), s.f. =

gomma

gomàt, s.m. =

gommista

gómbet, s.m. =

gomito

gòmet, s.m. =

vomito  |  strèpet de gòmet = conato di vomito

góndól (góndói). s.m. =

gorgo, vortice o mulinello in corrispondenza di circoscritte zone di maggior profondità di un corso d’acqua

gòos, s.m. =

gozzo  |  abitante della frazione Torchione  che si contrappone a “corgnàl”, abitante della frazione Moia.

gòot, v. intr.=

godere, sentir piacere; sfruttare appieno un bene

gòp, agg. = s.m. =

gobbo

gòsa (gòsi), s.f. =

scoiattolo

gót, s.m. =

goccio

góta (góti), s.f. =

goccia

gótàa, v. intr.=

gocciolare

gràa, s.m. = 

grano, chicco  |  gràa de tṍrch = chicco di granoturco

gràat, s.f. =

grata; impiantito in legno e rete fitta, posto sopra un focolare (fuglàa), usato per l’essicazione in particolare delle castagne

gràat, s.f. =

grata per far seccare le castagne, sin. “l’agràat”

gràata (gràati), s.f. =

grappolo d’uva

gràm, agg. = 

gramo, misero, cattivo

gràm, s.m. =

grammo, piccola quantità

gràma (gràmi), agg. =  

grama, misera, cattiva  |  l’è ‘na vìta gràma = è una vita contrassegnata da stenti e da rinunce

gramìgna, s.f. =

gramigna (erba infestante tenace e difficile da estirpare); persona avara

gràna (gràni), s.f. =

seccatura, fastidio, intoppo

gràna, s.f. =

soldi; formaggio grana (si dice “fórmài de gràna”)  | cagliata frastagliata dalla “lira” e ridotta a grandezza di grani di riso

grànda (gràndi), agg. =

grande

granèl (granèi), s.m. =

granello

grànt, agg. =

grande

gràpa (gràpi), s.f. =

grappa, acquavite

grapàt, s.m. =

distillatore di grappa

grapìi, s.m. =

grappino

gràs, s.m. e agg. =

grasso;  grasso, obeso |  gràs de ròst = grasso di arrosto, persona difficile e fastidiosa

gràśa  (gràśi), agg. =  e s.f. =

grassa, obesa; letame, concime

graśéi, s.m. =

songino ( valerianella olitoria, più conosciuta come insalata valeriana)

gratàa, v. tr. =

grattugiare; rubare, grattare | gràta ca cal se ‘ndègna nóma = non grattare che si irrita soltanto

gratarṍla (gratarṍli), s.f. =

grattugia

gratàs, v. rifl.=

grattarsi, sfregare con le unghie sulla cute, per attenuare il fastidio del prurito

gratèl (gratéi), s.m. =

piccolo grappolo di uva – TO

gratèl (gratèi), s.m. =

piccolo grappolo di uva – MO

gravéc’, s.m. =

fastidio - MO | al me vèe gravèc’ = provo fastidio

gravéc’, s.m. =

fastidio - TO | al me vée gravèc’ = provo fastidio

gréef, agg. =

pesante

grèmola (grémoli), s.f. =

vedere “grèmola” – TO

grèmola (grèmoli), s.f. =

cicciolo, residuo abbrustolito delle parti grasse, fuse per ricavarne lo strutto – MO

grèpeda (grepédi), s.f. =

incrostazione di sporcizia su qualsiasi parte del corpo e anche nelle botti vecchie – TO

grèpeda (grèpedi), s.f. =

incrostazione di sporcizia su qualsiasi parte del corpo e anche nelle botti vecchie – MO

grèpet, s.m. =

persona striminzita, mingherlina (riferito di solito a ragazzo 

gréva (grévi), agg. =

pesante

grignàa fó, v. intr.=

deridere, espressione usata solo in alcune contrade vicino Caiolo

grignàa réet, v. intr.=

deridere 

grignàa, v. intr.=

ridere

grignàda (grignàdi), s.f. =

risata  |  ò fàc’ ‘na bèla grignàda = ho fatto una bella risata

grignarṍla (grignarṍli), s.f. =

riderella,  serie di eccessi  irrefrenabili di riso

grìis, agg. =

grigio

grìl (grìi), s.m. =

grillo

grilét (griléc’), s.m. =

grilletto – TO

grilèt (grilèc’), s.m. =

grilletto – MO

grìsa (grìsi), agg. = 

grigia  |  l’è grìsa = è dura

gróndàna (gróndàni), s.f. =

grondaia

gróndanàa, v. intr.=

essere bagnato fradicio, essere madido di sudore; piovere abbondantemente

grṍōf, s.m. =

fascina; vedere “grṍva” | van a fàa ‘n grṍōf de dàsi de làres = va fare una fascina di rami di larice

gròoś, agg. =

grosso, Grosio

gróp, s.m. =

nodo (di un filo, corda); nodo (del  legno)  |  fa sǜ ‘l gróp dèla cravàta = fare il nodo della cravatta; màal dèl gróp = difterite

grópólóos, agg. =

nodoso, pieno di nodi

grópólósa (grópólósi), agg. =

nodosa, piena di nodi

gròśa (gròśi), agg. = 

grossa  |  sàl gròśa = sale grosso

grṍva, s.f. =

grossa fascina di legna, strettamente legata, che veniva trascinata lungo i sentieri ripidi (vedere “tiradù)  del bosco

grǜgn, s.m. =

grosso pezzo di cibo;   |  ‘n grǜgn de pulènta = un pezzo di polenta 

grügnìi, v. intr.=

grugnire

grupìi, v. tr. =

fare nodi, annodare

gualìif, agg. =

piano, ben livellato

gualìva (gualìvi), agg. =

piana, ben livellata

guastàa, v. tr. =

guastare, rovinare; abortire  |  la vàca l’à guastàat = la mucca ha abortito

guastadìsc’, s.m. =

vitello nato prematuro; individuo magro,  misero e debole

guàta (guàti), s.f. =

baccello dei fagioli o dei piselli; si compone di due valve più i semi  in esse contenuti

guatolèra (guatoléri), s.f. =

vedere “guatolèra” – TO

guatolèra (guatolèri), s.f. =

le due valve che contengono i fagioli o i piselli – MO

güdàz, s.m. =

padrino di Battesimo e di Cresima

güdàza (güdàzi), s.m. =

madrina di Battesimo e di Cresima

gudivól, agg. =

fruibile, utilizzabile

gudivóla (gudivóli), agg. = 

fruibile, utilizzabile 

guèra (guèri), s.m. =

guerra

guèrsc’, agg. =

guercio, orbo, strabico 

guèrscia (guérsci), agg. = 

guercia, orba, strabica – TO

guèrscia (guèrsci), agg. = 

guercia, orba, strabica – MO

gǜgia (gǜgi), s.f. =

ago per cucire o ferro per fare la calza   

gügiàda (gügiàdi), s.f. =

gugliata  |  tègn a màa la gügiàda e trasàa ‘l gamüsèl = risparmiare la gugliata e sprecare il gomitolo

gügiarṍl (gügiarṍi), s.m. =

agoraio, piccolo astuccio dove si custodiscono gli aghi

gügièta (gügiéti), s.f. =

forcina per i capelli - TO 

gügièta (gügièti), s.f. =

forcina per i capelli - MO 

gügìi, s.m. =

spillo

guìsa, s.f. =

guisa, modo o maniera di presentarsi o configurarsi esteriormente

gümàa, v. tr. = 

trasudare; filtrare, in forma di piccole gocce, di un liquido attraverso materiali porosi o da una apertura non chiusa ermeticamente; lavorare   |  la spìna dèla bót la gǜma = dalla spina della botte escono piccole gocce di vino; al ne gǜma mìga = non ha voglia di lavorare, lavora con scarso profitto 

gümèer, s.m. =

individuo che presenta la mascella inferiore sporgente rispetto a quella superiore (morso inverso)

gunfiàa, v. tr. =

gonfiare;  vedere “sgunfiàa”, più usato

gǜś, s.m. =

guscio

güsmarìi, s.m. =

rosmarino | rustìi gió con ‘n  pìt de güsmarìi = arrostire con po’ di rosmarino

gutìi, s.m. =

goccino

gǜz, agg. =

aguzzo; astuto, furbo  |  l’è gǜz cóma ‘na bòcia = è aguzzo come una palla, è poco furbo

gǜza (gǜzi), agg. =

aguzza

i ló réet, avv.=

nei dintorni

i, art. pl. 

i, gli  |  i pèe = i piedi

ià e scià, loc.=

avanti e indietro

ià, avv.=

via, lontano  |  làa ià = la, lontano; ‘ndàa ià = andare via 

iàa; ìi; iǜüh

vai! ordine dato a cavalli, muli e asini

iàal, s.m. =

spiazzo dove si faceva il carbone

ìbbia, agg. =

noiosa, insistente, antipatica

ìbbio, agg. =

noioso, insistente, antipatico

icèt, s.m. =

pettirosso 

idéa (idéi), s.f. = 

idea  |  gnàa par idéa = nemmeno per sogno

idìi, v. tr. =

vedere  |  fam mó idìi = fammi vedere

ìdola, s.f. =

convolvolo, erba infestante con fusto volubile che si avv.=olge a sostegni, foglie cuoriformi, fiori ascellari a campanula  

idǜda (idǜdi), agg. =

vista

idǜüt, agg. =

visto  |  te l’è ca idǜt? = non l’hai visto? 

ièe

fermati! ordine dato a cavalli, muli e asini

iéer, avv.=

ieri

ignìi, v. tr. =

venire

ilà, loc.=

in là, spostato | dàch ilà = spostalo in là; mètel 'n póo ilà = mettilo un po’ in là;  vàn ilà = vai in là;  tṍöt ilà = spostati, vai via (vedi “dèstṍt”)

iló iló, avv.= 

fra poco, essere in procinto, lì lì| s'eri iló iló par respóndech, ma me sòo tegnǜda = stavo per rispondergli, ma mi sono trattenuta

iló, avv.=

lì, la – TO

ilò, avv.=

lì, la – MO

iloiscè, avv.=

lì, in quel posto  

iloréet, avv.=

presso, limitrofo, dintorno, lì intorno, nei pressi

ilùra, avv.= 

allora, in quel tempo (seguito dal punto interrogativo, vuole anche dire: ebbene? dunque?

immaginaziù, s.m. =

immaginazione

ìmpet, s.m. =

impeto, iniziativa | de sò ìmpet = di sua iniziativa

impresàri, s.m. =

imprenditore edile

imprónta (imprónti), s.f. = 

impronta | al gh’èra gió li imprónti ‘ndèla nìif = c’erano i segni dei piedi nella neve

inàaz, avv.=

avanti, in avanti | tirèm inàaz = tiriamo avanti

inàzi, avv.=

invece, nel senso di preferire; vedere anche “enàzi (‘nàzi)”

incàstro (incàstri), s.m. =

incastro

incéns, s.m. =

incenso

inchiostro, s.m. =

inchiostro

incidènt (incidénc’), s.m. =

incidente – TO

incidènt (incidènc’), s.m. =

incidente – MO

incombènsa, s.f. =

incarico

incǜgen, s.m. =

incudine

indirìz, s.m. =

indirizzo, recapito postale

inèdi, s.m. =

inedia

ingegnéer, s.m. =

ingegnere

ingegnóos, agg. =

ingegnoso, geniale

ingegnósa (ingegnósi), agg. =

ingegnosa, geniale

ingìgn, s.m. =

ingegno, capacità di disimpegnarsi in ogni circostanza

inglés, agg. =

inglese maschio

inglésa (inglési), agg. =

inglese femmina 

ingranàc', s.m. =

ingranaggio

ingrànda

usato solo nell’espressione “a l’ingrànda” = alla grande

ingròs, avv.=

all’ingrosso

inṍdi, s.m. =

fastidio, avv.=ersione

insidìi, v. tr. =

innestare (le piante)

intài, s.m. =

carrucola doppia

inteligènt, agg

intelligente

interióor, s.m. =

interiora

interutóor, s.m. =

interruttore

inustùra, avv.=   

poc’anzi, recentemente, poco fa, un momento fa | l’ò idüut inustùra ca’l sbüsava la cariöla = lo visto poco fa che spingeva la carriola

inǜtel (inǜtei), agg. =

inutile

inǜtela (inǜteli), agg. =

inutile

invèci, avv.=

invece

invòlt, s.m. =

cantina – MO

iṍl, s.m. =

capretto

iösṍs

Gesù - iösṍs dal latino Iēsūs -| iösṍs Maria! = Gesù Maria!, mamma mia!

 esclamazione di preoccupazione per un evento indesiderato che sarebbe potuto capitare 

iscé, avv.=

così; andato a male - TO  |  l’è ‘ndàc’ iscé = è andato a male

iscè, avv.=

così; andato a male - MO  |  l’è ‘ndàc’ iscè = è andato a male

iscià, avv.=

di qua, da questa parte

ìset, s.m. =

marza è il rametto che si usa nel mese di marzo per gli innesti, innesto

isolàat, agg. =

isolato

istès, agg.  e pron. =

stesso, uguale, simile; la stessa cosa 

istès, avv.=

ugualmente |  al va bèe ‘stès = va bene ugualmente

istèśa (istéśi), agg.  e pron. =

stessa, uguale, simile; la stessa cosa – TO

istèśa (istèśi), agg.  e pron. =

stessa, uguale, simile; la stessa cosa – MO

istrüìs, v.rifl.=

istruirsi

Itàglia, s.f. =

Italia  |  l’Itàglia la vàida i nòs = l’Italia aiuta i nostri (detto in modo ironico)

italiàa, agg. =

Italiano lingua; vedi tagliàn = cittadino italiano 

italiàna (italiàni), agg. =

Italiana  

ité, avv.=

dentro  |  ité ‘n ca = in casa – TO

itè, avv.=

dentro  |  itè ‘n ca = in casa – MO

l’èf ò, avv.=  

è fuori | quànca l’è fò da la pàta l’è itè ‘ndèla cràpa

l’è gió, avv.= 

è giù

l’è ià, avv.=   

è là; anche: rotto | l’è ‘ndàc’ ià = si è spezzato

l’è iscé, avv.=  

è così | l’è iscé e basta = è così e basta 

l’è ité, avv.=   

è dentro | sa l’è itè ciàpel cal gh’è 

l’è scià, avv.= 

è arrivato

l’è sǜ, avv.=    

è su

làité, avv.=  

là dentro, là verso est, alla Moia (la Moia si trova a est rispetto al Torchione), – TO

làitè, avv.= 

vedere “là ité” – MO

la, art. f.

la   |  la màma = la mamma

là, avv.=

là  |  ‘ndàa de scià e de là = andare a zonzo; l’è püsée de là che de scià = è più di là che di qua, è più morto che vivo

la, part. pronom.

la (è utilizzata davanti alla terza persona singolare dei verbi, se il soggetto è femminile)  |  lée la giǜga = ella gioca

la, pron.  pers.= f.

la (complemento oggetto)  |  mi la mài = io la mangio

làafógió, avv.=  

là fuori, in basso; a sera, a occidente – TO

làafògió, avv.=  

là fuori, in basso, a sera, a occidente – MO

làafósǜ, avv.=  

là fuori, in alto – TO

làafòsǜ, avv.= 

là fuori, in alto – MO

làafó, avv.=  

là fuori, là verso ovest, al Torchione (il Torchione si trova a ovest rispetto alla Moia)  – TO

làafò, avv.= 

vedere “làa fó” – MO

làagió, avv.= 

laggiù

làaitégió, avv.=

là dentro  in basso – TO

làaitègió, avv.= 

là dentro  in basso – MO

làaitésǜ, avv.=  

là dentro in alto – TO

làaitèsǜ, avv.= 

là dentro in alto – MO

làaité, avv.= 

là dentro; a mattina, a oriente; anche "laitéiló","laitéfó","laitéfósù"-TO

làaitè, avv.= 

là dentro; a mattina, a oriente; anche "laitèiló","laitèfó","laitèfósù" – MO

làasǜ, avv.= 

lassù

làach, s.m. =

lago

lac’ serù, s.m. =

siero

làc’, s.m. =

latte  |  al gh’è mànca gnàa ‘l lac’ de galìna = non gli manca neanche latte di gallina, non gli manca niente

laciàa, v. tr. =

allattare, dare il latte ai neonati

laciàda (laciàdi), s.f. =

l’azione di allattare; inteso anche come quantità di latte occorrente

làcrima (làcrimi), s.f. =

lacrima

ladìi, agg. =

svelto, veloce nel lavorare; maneggevole, scorrevole

ladìna (ladìni), agg. =

vedere “ladìi”

làdra (làdri), s.f. =

ladra

làdro (làdri), s.m. =

ladro; presa elettrica multipla

ladrù, s.m. =

ladrone

lafegió, avv.=       

laggiù, espressione usata nelle contrade confinanti con il comune di Faedo

lafesǜ, avv.=

lassù, espressione usata nelle contrade confinanti con il comune di Faedo

lagà fó, v. tr. =

vedere “lagà fò” – TO

lagà fò, v. tr. =

riferito a panni che perdono il colore, durante il lavaggio; allargare un capo di vestiario  |  lagà fò li bràghi = allargare i pantaloni – MO

làga pó, inter, =

non importa 

lagà stàa, v. tr. =

non toccare,  lascia stare

lagàa ‘nréet, v. tr. = 

tralasciare, omettere; lasciare avanzi; lasciare beni in eredità 

lagàa ‘ndàa, v. tr. =

lasciare libero; fare un sconto 

lagàa gió, v. tr. =

calare, abbassare  |  lagàa gió li bràghi = calare le brache, essere eccessivamente remissivo

lagàa, v. tr. =

lasciare

lagàs fó, v. rifl.=

andare su tutte le furie

lagàs fò, v. rifl.=

andare su tutte le furie

lagàs gió, v. rifl.=

piovere a dirotto

lagàs sǜ, v. rifl.=

innalzarsi, crescere  |  ‘l tò fiṍl al se lagàat sǜ = tuo figlio è cresciuto molto

laghèt (laghéc’), s.m. =

laghetto - TO 

laghèt(laghèc’), s.m. =

laghetto - MO 

làigió, avv.=

laggiù

laitrè, avv.=

la dentro (laitèfosù - laitrèfogiò - laitrèilò)

laitrefesǜ, avv.=

combinazione fra: là dentro e lassù, espressione usata nelle contrade confinanti con il comune di Faedo

làma (làmi),  s.f. =

lama

lambaròt (lambaròc’), s.m. =

lombrico 

làmbech, s.m. =

alambicco, apparecchio per distillare 

lambegàa, v. tr. =

rimuginare, agitare nella mente, in assoluta fissità, pensieri e proposte; scervellarsi alla ricerca di una soluzione difficile da trovare

lamèet, s.m. =

lamento

lamentàs, v. rifl.=

lamentarsi

laméra (laméri), s.f. =

lamiera, lastra metallica  |  ‘n tèc’ de laméri = un tetto di lamiere (di solito si usano le lamiere ondulate)

lamèta (laméti), s.f. =

lametta, lametta per la barba – TO

lamèta (lamèti), s.f. =

lametta, lametta per la barba – MO

lampadàri, s.m. =

lampadario

lampànt, agg. =

lampante

lampidìi, s.m. =               

lampadina | i lampadìi / li lampadìni = le lampadine

lampiù, s.m. =

lampione

làna, s.f. =

lana  |  quànt ca ‘l cièl al fa la làna, l’àcqua l’è pòoch lontana = cielo a pecorelle, acqua a catinelle  

lantèrna (lantérni), s.f. =

lanterna, lampada – TO

lantèrna (lantèrni), s.f. =

lanterna, lampada – MO

lanternù, s.m. =

persona alta e allampanata

laó, s.m. =

persona di poco conto  |  ‘n pòor laó = un povero diavolo

laóor, s.m. =

un qualcosa di non specifico, in generale di cose o lavoro 

laoràa, s.m. =

lavoro  |  gh’ò ‘n bàl ‘n laoràa = sto facendo un lavoro

laoràa, v. intr.= 

lavorare  |  laoràa par la gésa dèl Palǜ = lavorare inutilmente

laoràat, agg. =

lavorato, decorato

laoràda (laoràdi), agg. =

lavorata, decorata

laorèet (laorèec’), s.m. =

lavorante, bracciante agricolo a giornata   |  i laorèec’ del Fàva a laoràa  i gelàva, a maiàa  i süàva = il lavoranti del Fava mentre lavoravano pativano il freddo, mentre mangiavano sudavano; lavoravano poco e mangiavano molto

laorentù, s.m. =

grande lavoratore

laorèri, s.m. =

grande lavoro nel quale era impiegata molta manodopera; i “laoréri” in Valtellina erano quelli per la costruzione delle dighe e delle centrali elettriche

lapà sǜ, v. tr. =

mangiare tutto in fretta

làpa, s.f. =

parlantina  |  fa ‘ndàa la làpa = chiacchierare troppo; quài òlti al vàl püsée la làpa che la zàpa = in alcuni casi vale di più una buona parlantina che un onesto lavoro

lapàa, v. tr. =

mangiare ingordamente

lapèda, s.f. =

lapide

làpes, s.m. =

matita

làpis, s.m. =

matita

làrch, agg. =

largo  |  l’è püsée làrch che lónch = è più largo che lungo, è un tipo tozzo

làres, s.m. =

larice

laresù, s.m. =

larice di grosse dimensioni che si trova sui monti di Albosaggia

làrga (làrghi), agg. =

larga

lasc’, s.m. =

laccio, legaccio

lasciṍl (lasciṍi), s.m. =

stringa per le scarpe

làstra (làstri), s.f. =

lastra

lastregàa, v.tr. =

lastricare

lastrù, s.m. =

lastrone

làta (làti), s.f. =

asse, elemento dell’assito del tetto

latrìna, s.f. =

cesso

laurìi, s.m. =

bambino gracile che fa tenerezza

lavà gió, v. tr. =

lavare i piatti  |  l’è ùra da tacàa sǜ da lavà gió = essere alla frutta, essere alla fine del pasto, o alla conclusione, in senso negativo, di qualcosa;  gh’ò lavàat gió ‘l mǜüs = lo sgridato, gli  ho dato una lavata di capo  

lavà sǜ, v. tr. =

lavare i pavimenti

lavàa, v. tr. =

lavare

lavàda (lavàdi), s.f. =

lavata, bagnata  |  ciapàn ‘na lavàda = bagnarsi completamente

lavadǜsc’, s.m. =

acqua della sciacquatura delle stoviglie

lavàgna (lavàgni), s.f. =

lavagna (di scuola)

lavandìi, s.m. =

lavandino

lavàs gió, v. rif.

lavarsi

lavatìif, s.m. =

lavativo, birbante, maleducato

lavatòi, s.m. =

lavatoio, vasca in muratura e cemento posta vicino alla fontana di contrada da cui prende l'acqua, provvisto di un piano inclinato per il lavaggio dei panni

lavàza (lavàzi), s.f. =

romice, erba con grandi foglie, molto comune nei prati umidi e ben concimati, cresce bene vicino alle concimaie, è una specie di rabarbaro selvatico 

lavéc’, s.m. =

pentola in pietra ollare 

lavigìi, s.m. =

piccola pentola in pietra ollare

lazarèt, s.m. =

vecchio ospedale

lazarù, s.m. = 

lazzarone

lazarunàa, v. tr. =

oziare, evitare ogni lavoro

lazzerù, s.m. =

siero

léc’, s.m. =

letto – TO

lèc’, s.m. =

letto - MO  |  fàa sǜ ‘l lèc’ = rifare il letto

lèca (léchi), s.f.  e agg. =

colpo, botta, urto; schizzinosa, di gusti difficili nel mangiare - TO  |  iè léchi  = sono di gusti difficili nel mangiare

lèca (lèchi), s.f.  e agg. =

colpo, botta, urto; schizzinosa, di gusti difficili nel mangiare - MO  |  gh’ò ciapàat ‘na lèca = ho preso una brutta botta

lecà gió, v. tr. =

leccare  |  lecàch gió ‘l cǜl = fare il leccapiedi, adulatore privo di qualsiasi dignità

lecà sǜ, v. tr. =

leccare  |  ‘l gàt al lecà sǜ ‘l piàt = il gatto lecca il piatto

lecàa, v. tr. =

leccare

lecéra, s.f. =

tavolato sopraelevato, largo quanto l’altezza di un uomo. e molto lungo, su cui dormivano i pastori in alpeggio

lèch, agg. =

schizzinoso, di gusti difficili nel mangiare 

lechèt, s.m. =

vezzo, vizio   |  tèl tṍi fò mi sto lechèt = te lo faccio passare io questo vizio

léda, s.f. =

sabbia finissima

lée, pron.  pers.= e s.f. =

ella, lei; lei, intesa come la patner (moglie, compagna): la mia lei  |  lée la vàrda = ella guarda; de lée me fìdi cà = di lei non mi fido; dighól a lée = dillo a lei | lée l’è d’initè e lǜü l’è d’en fó = la moglie è della Moia e il marito è del Torchione  

lége (légi), s.f. = 

legge

légn, s.m. =

legno – TO

lègn, s.m. =

legno – MO

légna, s.f. =

legna – TO

lègna, s.f. =

legna – MO

legnàda (legnàdi), s.f. =

legnata, bastonata

legnàm, s.m. =

legname da costruzione

legnamèer, s.m. =

falegname 

legnóos, agg. =

legnoso, coriaceo

legnósa (legnósi), agg. =

legnosa, coriacea

leguèer, s.m. =

Ramarro - MO

leguéer, s.m. =

ramarro – TO

léisc’ gió, v. tr. = 

leggere – TO

lèisc’ gió, v. tr. = 

leggere – MO

léisc’ sǜ, v. tr. = 

leggere – TO

lèisc’ sǜ, v. tr. = 

leggere – MO

léisc’, v. tr. = 

leggere – TO

lèisc’, v. tr. = 

leggere – MO

léla

usato solo nell’espressione “dèl léla” = di nessun conto  |  ‘n  aocàat  del léla = un avv.=ocato poco valido

lemòsna (lemòsni), s.f. =

elemosina

lèndena (léndeni), s.f. =

uovo di pidocchio – TO

lèndena (lèndeni), s.f. =

uovo di pidocchio - MO  |  spacàa la lendèna ‘n quàtro = dividere l’uovo di pidocchio in quattro, essere molto pignolo

lengéer, agg. =

leggero

lengéra (lengéri), agg. =

leggera

lengéra (lengéri), agg. =

leggera

lengerèza, s.f. =

leggerezza

lèngua (léngui), s.f. =

lingua - TO |  la gh’à ‘na lèngua che tàia ‘l fèr = ha una lingua lunga e maligna; tiràa a strǜz la lèngua = biascicare (tipico degli ubriachi)

lèngua (lèngui), s.f. =

lingua - MO |  la gh’à ‘na lèngua che tàia ‘l fèr = ha una lingua lunga e maligna; tiràa a strǜz la lèngua = biascicare (tipico degli ubriachi)

lenśṍl (lenśṍi), s.m. =

lenzuolo

leonèsa (leonési), s.f. =

leonessa – TO

leonèsa (leonèsi), s.f. =

leonessa – MO

leór, s.f. =

lepre  - TO

leòr, s.f. =

lepre  - MO

lès, s.m. =

lesso 

lèsna (lésni), s.f. =

lesina (del calzolaio) – TO

lèsna (lèsni), s.f. =

lesina (del calzolaio) – MO

lètera (léteri), s.f. =

lettera – TO

lètera (lèteri), s.f. =

lettera – MO

leù, s.m. =

leone

levà sǜ,  intr.

alzarsi, allevare

levàa, v. tr. = e intr.

alzarsi dal letto, lievitare

levàat, s.m. = 

lievito

levéra (levéri), s.f. =

leva di ferro pesante per rimuovere grossi massi; si dice anche “livéra”

levertìis, s.m. =

luppolo (humulus lupulus l)

leziù, s.f. =

lezione

li, art. pl. f.

le  |  li màa = le mani

liànda (liàndi), s.f. =

abitudine, andazzo

lìber, agg. =

libero

lìbera (lìberi), agg. =

libera

librèt (librèc’), s.m. =

libretto, (block notes), librèt dèl làc' dove segnavano ad ogni colata il peso del latte

librèta (libréti), s.f. =

libretto di risparmio – TO

librèta (librèti), s.f. =

libretto di risparmio – MO

lìbro, s.m. =

libro

lifròch, s.m. =

fannullone, persona che poca voglia o poca forza per lavorare, persona senza iniziativa, lazzarone

ligàa gió, v. tr. =

legare  |  ligàa gió ‘n càr de fèe = legare il fieno caricato sul carro, per non perderlo

ligàa scià, v. tr. =

legare  |  ligàa scià ‘n mazṍl de lègna = legare una fascina di legna

ligàa sǜ, v. tr. =

legare, fasciare (una ferita)  |  ligàa sǜ = legare i tralci della vite

ligàa, v. tr. =

legare

ligàm,  s.m. =

spago, cordicella

ligaröl, s.m. =

lavoretto, piccola faccenda domestica o sul lavoro

ligitèm, agg. =

legittimo

lìi, s.m. =

lino  |  ‘n lensṍl de lìi = un lenzuolo di lino

lìis, agg. =

logoro, liso

lìisa (lìisi), agg. =

logora, lisa

lìmbo, s.m. =

limbo

lìmeda (lìmedi), s.f. =

piccolo appezzamento di terreno poco fertile

limedù, s.m. = 

accrescitivo di “lìmet”

lìmet, s.m. =

limite, margine di una strada o di un campo, ciglio erboso

limù, s.m. =

limone

limunàda (limunàdi), s.f. =

limonata

lìnia (lìni), s.f. =

linea  |  gh’ò trèi lìni de féora = ho tre linee di febbre (36,9)

lingéra (lingéri), s.m. =

giovanotto sfaccendato, un po’ brioso ma inconcludente

linguèta (linguéti), s.f. =

linguetta delle scarpa – TO

linguèta (linguèti), s.f. =

linguetta delle scarpa – MO

linguìna (linguìni), s.f. =

tipo di erba di montagna con le  foglie a forma di lingua  

liòr, s.m. =

all’ultimo stadio, si usa anche per dire che si ha finito di fare qualcosa | l’è scià liòr finìit = si dice di una persona molto malata, ma anche di animali e di oggetti inutilizzabili | ò liòr da segàa = ho finito di falciare

lioràa,  v. tr.  =      

esaurire, ultimare, terminare, finire | 'ndèl frìgo ghè ca pü itè negot, ò liòràat fò tüt = nel frigorifero non c’è più nulla, ho finito fuori tutto;

ò da lioràa ià tüc’ i mestéer = devo ultimare tutti i lavori.

lìpa, s.f. =

lippa (gioco infantile)

lìra, s.f. =

lira | attrezzo in legno e corde metalliche sottili usato per frastagliare la cagliata per fare il formaggio

lìs, agg. =

liscio  |  ‘ndàa lìs = nel gioco delle carte, giocare un carta senza valore

lìsa(lìsi), agg. =

liscia

lisagnòt, agg. =

persona lenta nel fare le cose

lisagnòta (lisagnòti), agg. =

persona lenta nel fare le cose

lìsca (lìschi), s.f. =

striscia di terreno

lischèt (lischéc’), s.m. =

piccola striscia di terreno – TO

lischèt (lischèc’), s.m. =

piccola striscia di terreno – MO

lisen, s.m. =

salice delle capre | vedi anche védesc’

lisìva, s.f. =

lisciva, acqua bollente e cenere

lìsta (lìsti), s.f. =

lista, elenco

listèl (listéi), s.m. =

listello di falegnameria – TO

listèl (listèi), s.m. =

listello di falegnameria – MO

lìt, s.m. =

usato solo nell’espressione “tacà lìt” = litigare

litanìi, s.f. =

litanie della Madonna e dei Santi

lìtro (lìtri), s.m. =

litro, boccale da un litro

livèl (livéi), s.m. =

livello, quota; livella a bolla; livello, contratto agrario, a titolo oneroso, per il quale una terra veniva concessa in godimento per un certo periodo di tempo – TO

livèl (livèi), s.m. =

livello, quota; livella a bolla; livello, contratto agrario, a titolo oneroso, per il quale una terra veniva concessa in godimento per un certo periodo di tempo – MO

livéra, s.f. =

vedi "levéra"

lòbbia, s.f. =

balconata in legno

lobbièt, s.m. =

terrazzino

lócaal (lócai), s.m. =

locale, vano di una casa

lòfa (lòfi), s.f. =

peto silenzioso e puzzolente

lṍgia (lṍgi), s.f. =

donna di malaffare; termine usato anche per mucche in genere vecchie 

lògiàa, v. tr. =

alloggiare, dare ospitalità

lögṍr, s.m. =

ramarro - MO

lónch, agg. =

lungo; diluito

lónga( lónghi), agg. =

lunga; diluita

lóngo, avv.=

durante  |  lóngo la sitimàna = durante la settimana

lontàa, agg.  e avv.=

lontano

lontàna (lontàni), agg.  e avv.=

lontana

lṍöch, s.m. =

pezzo di  terra anche impervio, coltivato

lóor, pron.  pers.= 

essi, esse, loro

lòta (lòti), s.f. =

usato solo nell’espressione “ ‘na lòta de gràśa” = un grumo di letame appiattito; 'na lota de fée = una grande fetta di fieno stagionato tagliato con apposito arnese "taiadù dal fée" da portare dal fienile "masù dal fèe"  nella stalla " masù 'dli vachi"

lótréer, s.m. =

l’altro ieri

lótrérasc’, s.m. =

il giorno prima dell’altro ieri 

lózza, s.f. =

liquame, liquame sul pavimento della stalla  |  li vàchi i è itè ‘ndèla lóza, mètech sóta ‘n pòo de pàia = le mucche sono coi piedi immersi nel liquame, cambiagli la lettiera

lùcciola (lùccioli), s.f. =

lucciola

lǜcet, s.m. =

lucido per scarpe

lùch, s.m. =

bellimbusto

lüchèt (lüchéc’), s.m. = 

luchetto  sin. “mas-clòs” – TO

lüchèt (lüchèc’), s.m. = 

luchetto  sin. “mas-clòs” – MO

lǜf, s.m. =

lupo

lügànega (lügàneghi), s.f. =

salsiccia da bollire o secca

lüganeghèta (lüganeghéti) s.f. =

salsiccia lunga e sottile, salsiccetta – TO

lüganeghèta (lüganeghèti) s.f. =

salsiccia lunga e sottile, salsiccetta – MO

lüganegòt, s.m. =

salsicciotto

lüganegù, s.m. =

Salsiccione, uomo grande e grosso

lǜi, s.m. =

luglio

lǜm de ròch, s.m. =

allume di rocca (detto anche indèròch)

lǜm, s.f. =

lume, lucerna, lanterna | lǜm a òli = lanterna a olio | lǜm a carburo = lanterna ad acetilene

lümàga (lümàghi), s.f. =

lumaca con o senza guscio

lümagòt, s.m. =

lumacone, lumaca senza guscio, persona lenta

lümagù, s.m. =

Lumacone, persona molto lenta

lümìi, s.m. =

lumino, candèla votiva

lǜminio, s.m. =

alluminio

lǜna (lǜni), s.f. =

luna  |  vìch la lǜna stòrta = avere la luna storta, essere di malumore

lünàri, s.m. =

almanacco, calendario  |  sbarcàa ‘l lünàri = sbarcare il lunario, tirare avanti a stento

lünàtech, agg. =

lunatico

lündesdì, s.m. =

lunedì

lüsènt (lüsénc’), agg. =

lucente – TO

lüsènt (lüsènc’), agg. =

lucente – MO

lüsènta (lüsénti), agg. =

lucente – TO

lüsènta (lüsènti), agg. =

lucente – MO

lüsèrta (lüsérti), s.f. =

lucertola – TO

lüsèrta (lüsèrti), s.f. =

lucertola – MO

lǜśo (lǜśi), s.m. =

lusso

lǜstra (lǜstri), agg. =

lustra, lucida, pulita

lüstràa, v. tr. =

lucidare  |  lüstràa li scàrpi = lucidare le scarpe

lüstrìsem, agg

illustrissimo

lǜstro (lǜstri), agg. =

lustro, lucido, pulito; lucido per scarpe

lǜt, s.m. =

lutto

lǜü, pron.  pers.= e s.m. =

egli, lui; lui, inteso come il patner (marito, compagno): il mio lui |  dighèl a lǜü = dillo a lui; laghèl fàa de lǜü = lascialo fare da solo | lǜü l’è d’initè e lée l’è d’en fó = il marito è della Moia e la moglie è del Torchione  

lǜüs, s.f. =

luce, corrente elettrica | vidìi la lǜüs = nascere

ma già, loc.=

ma certamente

ma, cong. =

ma

màa ‘nrìcia, s.f. =

mano destra

màa ‘nvèrsa, s.f. =

mano sinistra

màa a màa, avv.=

man mano, a poco a poco

màa, s.f. =

1- mano  |  tignì a màa = risparmiare; dach ‘na màa = aiutarlo; lavasèn li màa = disinteressarsi; das la màa = tenersi per mano; vìch sǜ la màa = essere esperto in qualcosa; ès gió de màa = essere fuori allenamento; tṍch sǜ la màa = prendere dimestichezza; fò de màa = lontano, scomodo | 2 - strato, passata  |  dach sǜ ‘na màa de pitǜra = dare uno strato di pittura |3 - giro (nei giochi delle carte)  |  ès de màa = essere il primo a cominciare il gioco

màal (màai), avv.= e s.m. =

male, malamente, in malo modo, dolore, malattia; sintìs màal = svenire; ‘ndàa a màal = guastarsi (riferito a cibo); vìghen a màal = offendersi; màal de cràpa = mal di testa; màal cadǜch = epilessia

màar, s.m. =

mare  |  ‘ndàa al màar = andare in villeggiatura al mare

maardì, s.m. =

martedì, vedi anche ma ardì

màardì, s.m. =

martedì

mac’, s.m. =

maggio, matti

macàco, s.m. =

stupidotto

macarù, s.m. =

maccheroni; sciocco

macaruscìi, s.m. =

maccheroncini

macèl (macèi), sm

macello, disastro  |  l’è sücès ‘n gràn macèl = è avv.=enuto un disastro

macelàr, s.m. =

macellaio

màch, s.m. =

specie di farro | manèstra de màch = minestra di farro

maché, inter, =

macchè 

màchena (màcheni), s.f. =

macchina  |  màchena da cüsìi = macchina per cucire

machinàa, v. tr. =

macchinare, pensare e ripensare per trovare una soluzione

machinàri, s.m. =

macchinario, meccanismo

machinèta (machinéti), s.f. =

piccola macchina – TO  |  parlàa e machinéta = parlare velocemente

machinèta (machinèti), s.f. =

piccola macchina – MO  |  machinèta dèl cafè = caffettiera

maciavèlica, s.f. =

marchingegno; espediente – MO

Madóna, s.f. =

Madonna  |  tiràa gió madóni = bestemmiare

madòsca, inter, =

espressione di meraviglia

madrìgna (madrìgni), s.f. =

matrigna 

maestàa, s.f. =

immaginetta sacra

maèstra (maèstri), s.f. =

maestra elementare

maèstro (maèstri), s.m. =

maestro elementare

màfia, s.f. =

boria, alterigia

mafióos, agg. =

borioso, superbo, altero

mafiósa (mafiósi), agg. =

boriosa, superba, altera

magàda, s.f. =

maga, strega  |  cràp dèla magàda = sasso della “magàda”

magàgna (magàgni), s.f. =

imbroglio, inganno; magagna, difetto

magagnàa, v. intr.=

ingannare, imbrogliare, barare nel gioco delle carte

magagnù, s.m. =

imbroglione, baro

magàri, avv.=

forse, magari

magènch, s.m. =

maggengo, proprietà montana costituita da prati e baita

màgia (màgi), s.f. = 

punto di lavoro a maglia

maginàs, inter, =

ci mancherebbe

magióor, s.m. e agg. =

maggiore (ufficiale dell’esercito); maggiore, più grande

magióra (magióri), agg. =

maggiore, più grande

màglia, s.f. =

maglia 

maglìi, s.m. =

maglia intima, canottiera

magliù, s.m. =

maglione di lana

magnàa, s.m. =

stagnino, calderaio, stagnaio, esperto nell’uso dello stagno |  i “magnàa” della Valmalenco, giravano di paese in paese a riparare pentole e tegami e a stendere un sottile strato di stagno all’interno delle secchie di rame che si utilizzavano per l’acqua potabile   

magnṍla, s.f. =

impugnatura della falce

màgra (màgri), agg. =

magra, misera  |  l’è màgra!  =  è dura!

màgro (màgri), agg. =

magro, misero

magù, s.m. =

accoramento, nostalgia  |  al gh’à ‘l magù = gli viene da piangere

màh, inter, =

ma! non so che dire

mài, avv.=

mai

màia pàter, s.m. =

bigotto

maiàa fó, v. tr. =

svendere, dilapidare – TO

maiàa fò, v. tr. =

svendere, dilapidare – MO

maiàa, v. tr. =

mangiare  |  maiàa da crepàa, se sta mal da murì = mangiare troppo si sta male

maiàat, agg. =

mangiato

maiàda (maiàdi), s.f. =

mangiata, scorpacciata

maidé

era ora! finalmente!  meno male!

maierìa, s.f. =

prurito

mal trac’ ensèm, agg. =

male in arnese, persona trasandata nel vestire e sregolata nel comportamento

màla guìśa

messo male  |  Faèt de màla guìsa trènta ciṍc’ a la camìśa = abitante di Faedo con trenta pidocchi nella camicia

màla ventǜra

sfortunato, sventurato  |  Bósàc’ de màla ventǜra d’estàat ‘l sùul, d’ènveren la lüna = albosaggino sfortunato d’estate il sole d’inverno la luna

malàat, agg. e s.m. = 

malato

malacrìi, s.m. =

rododendro

malàda (malàdi), agg. = e sm

malata

maladìi, v. tr. =

maledire, lanciare improperi e maledizioni  |  te maledìsi al màt! = sei pazzo!  

malamèet, avv.=

malamente

malandàc’, agg. =

malandato, malridotto, in cattivo stato di salute

malandàcia (malandàci), agg. =

malandata, malridotta, in cattivo stato di salute

malaòia, s.f. =

malavoglia, indolenza  vedere “spetòrgna”

malàs, v. rifl.=

ammalarsi

malatìa, s.f. =

malattia, peronospora

malcontèet, s.m. =

malcontento

maledücàat, agg. =

maleducato, incivile

maledücàda (maledücàdi), agg. =

maleducata, incivile

malfàc’, agg. =

fatto male

malfàcia (malfàci), agg. =

fatta male

malfidèet (mafidèec’), agg. =

diffidente, sospettoso – MO

malfidèet (malfidéec’), agg. =

diffidente, sospettoso – TO

malfidèta (malfidéti), agg

diffidente, sospettosa – TO

malfidèta (malfidèti), agg. =

diffidente, sospettosa – MO

malfìzi, s.m. = pl.

sventure, disgrazie, maleficio, dispetti

màlga (màlghi), s.f. =

mandria, gruppo di bestie

maligén, s.m. =

sorbo dell’uccellatore

malizióos, agg. =

furbo

malmarendàat, agg. =

nervoso, di cattivo umore

malmarendàda (malmarendàdi), agg. =

nervosa, di cattivo umore

malmaridàat, agg. =

sposato male, accoppiato con persona non idonea

malmaridàda (malmaridàdi), agg. = 

sposata male, accoppiata con persona non idonea

malmóstóos, agg. =

scontroso, permaloso, poco socievole

malmóstósa (malmóstósi), agg. =

scontrosa, permalosa, poco socievole

malnàat, agg. =

disgraziato, sciagurato

malnàda (malnàdi), agg. =

disgraziata, sciagurata

malógn, s.m. =

malanno, malessere 

màlpacia, s.m. =

persona poco affidabile

malparàda (malparàdi), s.f. =

situazione scabrosa e difficile

malùra, s.f. =

malora, disgrazia, rovina  |  l’è ‘ndàc’ ‘n malùra = è finito in miseria

malǜsc’, s.m. =

brutto male, tumore

malvólentéra, avv.=

malvolentieri, di malavoglia

màma (màmi), s.f. =

mamma, madre

mamalǜch, s.m. =

mammalucco, persona sciocca

mamao, s.m. =

"pisellino" di un bambino

màna (màni), s.f. =

lampone

mancàa, v. intr.=

mancare, essere assente; morire  |  sintìs mancàa = avere la sensazione di svenire | l’è ignǜüt a mancàa = è morto 

mandàa fò, v. tr. =

emettere, divulgare

mandàa gió, v. tr. =

deglutire; sopportare

mandàa, v. tr. =

mandare, inviare

mandàda (mandàdi), s.f. =

mandata, giro della chiave nella serratura

màndra, s.f. =

salamandra

mandrù, s.m. =

straccio, cencio; vestito malandato

manèch, s.m. =

manico  |  manèch dèla scùa = manico della scopa

manèga (maneghi), s.f. =

manica di un vestito; combriccola, banda di malintenzionati  | vès de manèga làrga = essere generoso; vès itè ‘ndèla manèga = godere di simpatie e favori di qualcuno; oltàa itè li manèghi = rimboccarsi le maniche, mettersi a lavorare di buona lena; l’è ‘n òtro pèer de manèghi = è tutt’altra cosa

maneghèta (maneghéti), s.f. =  - TO

maneghèta (maneghèti) - MO

manichetta | mezza manica (con elastici) usata per proteggere le maniche della camicia, giacca o altro

manegiàa, v. tr. =

maneggiare, manovrare, usare con perizia un attrezzo

manegiù, s.m. =

maneggione, intrigante

manèer, s.m. =

pianta dei lamponi

manéra (manéri), s.f. =

maniera, modo  |  l’è la manéra de fàa! = è il modo di fare!; l’è fac’ a la sùa manèra = è un tipo originale

manestrù, s.m. =

minestrone

manèta (manèti), s.f. =

maniglia, impugnatura  |  ‘ndàa a manèta = andare veloce

mànfrech, agg. =

persona che svolge un lavoro in modo non corretto e senza arguzia

mànfrega (mànfreghi), agg. =

persona che svolge un lavoro in modo non corretto e senza arguzia

mangiàa, s.m. =

mangiare (vedere: “ maià”)

mangiù, s.m. =

mangione, ingordo, ghiottone

màni, s.f. =

lamponi (frutto e pianta)

maniàch, agg. =

maniaco

manìglia (manìgli), s.f. =

maniglia

manìi scià, v.tr. =

preparare

manìi, s.m. =

vedi "urigina"

manìna (manìna), s.f. =

piccola mano; tipo di fungo; individuo avaro

manìol (maniói), agg. =

maneggevole, di facile uso

manìola (manióli), agg. =

maneggevole, di facile uso

maniù, s.f. =

oggetti personali, un gran numero di cose|  tǜta la sùa maniù = tutti i suoi oggetti

manizìi, s.m. =

polsino

manóàl (manóài), s.m. =

manovale 

manoèla (manoéli), s.f. =

manovella – TO

manoèla (manoèli), s.f. =

manovella – MO

màns, s.m. =

manzo, bue, bovino giovane  |  ‘ndàa al màns = essere in calore

manscìi, agg. =

mancino

mantèl (mantéi), s.m. =

mantello - TO

mantèl (mantèi), s.m. =

mantello - MO

màntes, s.m. =

mantice

mantignìi, v. tr. =

mantenere, finanziare

mantignìs, v. rifl.=

mantenersi  |  al se mantègn daparlǜü = è autosufficiente

mantìi, s.m. =

tovagliolo

mantilìna (mantilìni), s.f. = 

mantellina

mantisìi, s.m. =

piccolo mantice, fisarmonica a bocca

mànza (mànzi), s.f. =

giovenca prossima al primo parto

manzṍl, s.m. =

vitellone

màpa, s.f. =

mappa

marascàl (marascài), s.m. =

maniscalco

marascàlch, s.m. =

maniscalco

marasciàl (marasciài), s.m. =

maresciallo  |  marasciàl dèla fórestàl = maresciallo della forestale

maravéia, s.f. =

meraviglia, stupore – TO

maravèia, s.f. =

meraviglia, stupore – MO

màrca (màrchi), s.f. =

marca, marchio di fabbrica  |  màrca da bùl = marca da bollo

marcàa gió, v. tr. =

annotare, registrare

marcàa sǜ, v. tr. =

annotare, segnare

marcàa, v. tr. =

annotare, segnare  |  fa marcàa = comprare a credito; marcàa màal = volgere al peggio

marcàat, s.m. =

mercato  |  ‘ndàa al marcàat = andare al mercato

marcànt, s.m. =

mercante, commerciante  |  ‘l marcànt de li vàchi = commerciante di bestiame

màrcia (màrci), s.f. =

marcia, camminata

marciapè, s.m. =

marciapiedi

marciapìch, s.m. =

martello pneumatico

marculdì, s.m. =

mercoledì

marèl (marèi), s.m. =

bastone, manganello  |  al tò cavàl te gh’è crùmpet biàda màrca marèl (li)? = il tuo cavallo, lo prendi a bastonate?

marelàda (mareladi), s.f. =

bastonata

maréna (maréni), s.f. =

amarena – TO

marèna (marèni), s.f. =

amarena – MO

marènda (maréndi), s.f. =

merenda, pranzo di mezzogiorno – TO

marènda (marèndi), s.f. =

merenda, pranzo di mezzogiorno – MO

marendàa, v. tr. =

pranzare

marenèra (marenéri), s.f. =

pianta di  amarene – TO

marenèra (marenèri), s.f. =

pianta di  amarene – MO

margài, s.m. = pl.

escrescenze sul collo delle capre

margèl, s.m. =

muco

margnàch, s.m. =

stupido, tonto ma furbetto, ometto non troppo cresciuto

margnifù, agg. =

falso, astuto, imbroglione

margnifùna  (margnifùni), agg. = 

falsa, astuta, imbrogliona

margnigṍ, agg. =

furbastro  |  gòos, gòos margnigṍ tṍö fò l’ṍöf fò dal pulṍ, tṍl fò ti ca mi non pòos, al me pesa tròp òl gòos = uomo gozzuto furbastro prendi l’uovo dal pollaio, prendilo tu che io non posso, mi pesa troppo il gozzo

margòt, s.m. =

muco denso

margotèer, s.m. =

moccioso

margutù, s.m. =

accrescitivo di “margòt”; individuo stupido

mariàna, s.f. =

gioco delle carte simile alla briscola, che si gioca con cinque carte, si fa “mariàna” quando si hanno il re e la regina dello stesso seme.

maridàa, v. tr. =

sposare, maritare, prendere marito

maridàs, v. rifl.=

sposarsi, prendere marito, anche prendere moglie  |  con la compagnìa al se marìda a i fràa = con la compagnia si sposano anche i frati

marindìna, s.f. =

spuntino

marmàia, s.f. =

marmaglia, gruppo di individui volgari

marmelàda, s.f. =

marmellata

marmìta, s.f. =

grande pentola

marmòl, s.m. =

marmo  |  l’è svèlt cóma ‘n gàt de marmòl = è svelto come un gatto di marmo

marmulìi, s.m. =

marmista, operaio specializzato nella lavorazione del marmo e di altre pietre da rivestimento

marmulìna, s.f. =

biglia di marmo

maròs, s.m. =

ontano che cresce in montagna

màrs, s.m. =

marzo

màrsc’, agg. =

marcio, guasto

màrscia ( màrsci), agg. =

marcia, guasta  |  màrscia marscènta = completamente marcia

marscìi, v. intr.=

marcire, imputridire

marsciòt, agg. = 

troppo maturo, prossimo a marcire

marsciòta (marsciòti), agg. =

troppo matura, prossima a marcire

marsciù, s.m. =

oggetto o prodotto scadente; persona ripugnante

marsciùna (marsciùni), s.f. =

persona ripugnante

marsìna, s.f. =

giacchetta

martèl (martéi), s.m. =

martello  |  martèi  dèla fólsc’ = martello  e  incudine  per  affilare  la  falce - TO

martèl (martèi), s.m. =

martello  |  martèi  dèla fólsc’ = martello  e  incudine  per  affilare  la  falce - MO

martelàa, v. tr. =

martellare, battere con il martello  |  martelàa la fòlsc’ = affilare la falce

martelàda (martelàdi), s.f. =

martellata, colpo di martello

martilìna (martilìni), s.f. = 

bosso (arbusto utilizzato per le siepi)

marù, s.m. e agg. =

marrone (grossa castagna);  marrone (colore)|  fàa marù = farsi prendere in castagna, farsi cogliere in fallo

marǜda (marǜdi), agg. =

matura

marüdàa, v. intr.=

maturare

marüdèl, s.m. = 

stupidino

marunèer, s.m. =

castagno, pianta che produce i marroni  |  l’à picàat tè la cràpa ‘ndèl marunèer = ha preso una cantonata

màs-c’, s.m. =

maschio

màschera (màscheri), s.f. =

maschera  |  ‘nda ‘n màschera = girare di casa in casa, mascherati, nel periodo di carnevale

maschèrpa (maschérpi), s.f. =

ricotta  |  restàa cóma chèl  dèla maschèrpa = rimanere deluso e sorpreso - TO

maschèrpa (maschèrpi), s.f. =

ricotta  |  restàa cóma chèl  dèla maschèrpa = rimanere deluso e sorpreso - MO

mas-ciàa, v. intr.=

incastrare due oggetti ad esempio le perline di legno, che sono concave da un lato (femmina) e convesse dall’altro (maschio)  

masciàdro (masciàdri), s.m. =

individuo impertinente (detto in modo scherzoso)

mas-ciadǜra, s.f. =

incastro di assi maschio-femmina

mas-ciàsc’, s.m. =

donna o ragazza, con comportamento mascolino

mas-clòs, s.m. =

lucchetto

masèer, s.m. =

massaio (massaro), contadino che lavora la terra in affitto o a  mezzadria  |  póorèt chèl masèer càl laóra ‘l mìis de ginèer = povero quel contadino costretto a lavorare durante il mese di gennaio

maseràa, v. tr. =

macerare, lasciare a mollo

maseràat, agg. =

macerato

maseràda (maseràdi), agg. =

macerata

maśìz, agg. =

massiccio

maśìza (masìzi), agg. =

massiccia

màsna (màsni), s.f. =

cassone di legno, che serviva al norcino per mescolare la carne  di maiale tritata, con sale e altri ingredienti per fare salsicce e salami

masnàa, v. tr. =

macinare

masnàda (masnàdi), agg. =

macinata

masnàda (masnàdi), s.f. =

quantità macinata in una sola volta  |  gh’è n’ò dàc’ ‘na masnada = gli ho dato un sacco di botte

masnìi, s.m. =

macinino  |  ‘l masnìi dal cafè = il macinino del caffè

mastèch, s.m. =

mastice, colla

mastegàa, v. tr. =

masticare

mastèl (mastèi), s.m. =

mastello, recipiente di legno

masù, s.f. =

stalla, fienile  |  masù dal fèe = fienile

màt, agg. =

pazzo, folle, malato di mente  |  fónch màt = fungo non porcino; da fò da màt = impazzire; l’è màt matènto = è completamente pazzo; al me piàs da màt = mi piace molto

màta (màti), agg. =

pazza, malata di mente

mataràz, s.m. =

materasso, di lana o di crine

matarazèer, s.m. =

materassaio

matèl (matéi), s.m. =

ragazzo, giovanotto – TO

matèl (matèi), s.m. =

ragazzo, giovanotto – MO

matèla (matéli), s.f. =

ragazza, signorina da marito - TO  |  curìi, curìi matéli ca l’è scià ‘l màt de li scüdéli = accorrete ragazze che è arrivato lo straccivendolo (era usanza di dare una scodella in cambio di una certa quantità di stracci vecchi)

matèla (matèli), s.f. =

ragazza, signorina da marito - MO  |  curìi, curìi matèli ca l’è scià ‘l màt de li scüdèli = accorrete ragazze che è arrivato lo straccivendolo (era usanza di dare una scodella in cambio di una certa quantità di stracci vecchi)

matèria, s.f. =

pus

material (materiài), agg. = 

rozzo, grossolano, maleducato, sgraziato (accrescitivo “materialàsc’ ”)

material (materiài), s.m. =  

materiale, prodotto o manufatto dotato di proprietà o caratteristiche particolari  |  materiàl = scarti nelle costruzioni edili  

materiàla (materiàli), agg. =

rozza,  grossolana, maleducata, sgraziata

matilìi, s.m. = 

diminutivo di “matèl”

matilìna (matilìni), s.f. =

diminutivo di “matèla”

matìta (matiti), s.f. =

matita  sinonimo di “làpes”

matocàda (matocàdi), s.f. = 

stupidata

matòch, s.m. =

pupazzo, statua, persona stupida

matòcola (matòcoli), s.f. =

donna stupida

matolàm, s.m. =

persona stupidotta o stravagante

matolàt (matolac'), s.m. =

uomo pazzerello, stravagante, lunatico

matuchìi, s.m. =

stupidino, diminutivo di “matòc”

matunèra (matunéri), s.f. =

sonnolenza - TO  |  svègliet fó dala matunèra! = svegliati!, datti una mossa!  

matunèra (matunèri), s.f. =

sonnolenza - MO  |  svègliet fò dala matunèra! = svegliati!, datti una mossa!  

matǜsc’, s.m. =

matto in senso bonario

màz, s.m. =

mazzo, fascio  |  màz de càrti = mazzo di carte da gioco

màza (màzi), s.f. =

mazza

màza ciù, s.m. =

norcino, persona esperta nel macellare i maiali e lavorarne le carni per farne salumi

mazàa, v. tr. =

ammazzare, uccidere  |  mazàa ‘l ciù = uccidere il maiale

mazṍl, s.m. =

fascina  |  ‘n mazṍl de lègna = una fascina di legna

mazòt, s.m. =

grosso martello

mazücàat, agg. =

ammaccato

mazücàda (mazücàdi), agg. =

ammaccata

mazzàcher, s.m. =

individuo sciocco

mazzaciṍc’, s.m. =

individuo puntuale e pignolo

mazzòcol, s.m. =

individuo sciocco

mazzù, s.m. =

carota selvatica

mè, agg.  e pron. =

mio  |  ‘l mè fradèl = mio fratello; sǜ ‘ndèl mè = sulla mia propietà

me, pron.  pers.= sing.

mi, me  |  ‘l me piàs = mi piace; me la sènti cà = non me la sento

mecànech, s.m. =

meccanico

medàia (medài), s.f. =

medaglia

medaiù, s.m. =

medaglione

medegàa, v. tr. =

medicare, curare una ferita

medegù, s.m. =

praticone, esperto di qualcosa (in senso ironico)

médro, s.m. =

cartamodello, modello ritagliato su carta per fare abiti o altri capi di vestiario

mée, agg.  e pron. =

miei  |  i mée = i miei genitori

méei, agg.  e pron. =

miei  |  i méei = i miei genitori

méesdì, s.m. =

mezzogiorno 

mèet,  s.f. =

mente  |  tignìi a mèet = ricordare; dàa a mèet  = ascoltare, seguire i suggerimenti

méi, agg. =

meglio, migliore – TO

mèi, agg. =

meglio, migliore – MO

mèla (méli), s.f. =

roncola – TO

mèla (mèli), s.f. =

roncola – MO

mèlega, s.f. =

saggina  |  ‘na scùa de mèlega = una scopa di saggina

melegàsc’, s.m. = pl.

pianta secca del granoturco, con le foglie

melègòt (melègòc’), s.m. =

castagne lessate

mèlma, s.f. =

pozzanghera

melǜsc’, s.m. =

roncola di qualità scadente  |  tǜc’ i melǜsc’ tàia carnǜsc’ = anche con le roncole di qualità scadente ci si può ferire

menàa, v.tr. =

condurre

menàda (menàdi), s.f. =

lungaggine noiosa e inconcludente; treccia fatta con pampini (tralci) e grppoli d’uva; per  far la “menàda” si tagliano alcuni rami della vite, con foglie e grappoli, poi si intrecciano e si legano con rametti di salice (scialèsci). Si scelgono i grappoli più belli, di solito si usa l’uva “Brugnṍla”. La “menàda” viene appesa in casa e l’uva si mangia in inverno durante le feste

menadù, s.m. =

vedi anche "tiradù" - avv.=allamento ripido nel bosco;parte della “stròpa” che si fa girare per legare la vite al palo  

menagràm, s.m. = 

menagramo, iettatore

mèndàa, v. tr. =

rammendare

méno, avv.=

meno

mènta, s.f. =

menta

mercoledì, s.m. =

mercoledì vedi anche”marculdì”

Mèrica, s.f. =

America, Stati Uniti – MO

mericàa, s.m. =

americano

mèrla, s.f. =

merla, usato anche nell’espressione: i dì dèla mèrla = i giorni della merla, 29, 30, 31 gennaio 

mèrlo (mèrli), s.m. =

merlo

mèrs, s.m. =

rametto di salice che si usa per legare le viti 

mersulìi, s.m. =

rametto di salice più piccolo del “mèrs” che si usa per legare i tralci più piccoli della vite

Mèśa (Méśi), s.f. =

Messa, rito liturgico – TO  |  Mèśa prǜma = prima Messa della giornata, celebrata molto presto al mattino

Mèśa (Mèśi), s.f. =

Messa, rito liturgico – MO  |  Mèśa grànda = Messa principale della domenica mattina

meśàl (meśai), s.m. =

messale, Libro liturgico che contiene le letture per la celebrazione della messa

mès-c’, agg. =

misto, miscelato 

mès-cia ( més-ci), agg. =

mista, miscelata – TO

mès-cia ( mès-ci), agg. =

mista, miscelata – MO

mes-ciàa, v. tr. =

mischiare, miscelare mescolare

mes-ciadù s.m. =

miscuglio

mesédàa, v.tr. = 

mischiare, usato solo nell’espressione: “tìra, mòla e meséda” = indugiare a lungo, continuando a perdere tempo, a furia di temporeggiare

meśéer, s.m. =

contadino benestante

meśerù, s.m. =

contadino benestante, accrescitivo di “meśér”

mestéer, s.m. =

mestiere, lavoro  |  fàa i mestéer = sbrigare le faccende domestiche

mesteràsc’, s.m. =

lavoro pesante o noioso

mesterulìi, s.m. =

lavoretto poco faticoso

mèt dité, v. tr. =

mettere dentro – TO  |  mét dité ‘l fée = riporre il fieno nel fienile

mèt ditè, v. tr. =

mettere dentro – MO  |  mèt ditè ‘l fèe = riporre il fieno nel fienile

mèt ensèm, v. tr. =

assemblare, aggregare 

mèt fó, v. tr. =

esporre – TO  |  mèt fó li spési = esporre i conti

mèt fò, v. tr. =

esporre – MO  |  mèt fò li spési = esporre i conti

mèt gió, v. tr. =

posare, seminare |  mèt gió bàs = posare per terra; mèt gió i tartifòi = seminare le patate

mèt sóta, v. tr. =

assumere |  mèt sóta ‘n aocàat = chiedere il patrocinio di un avv.=ocato

mèt sǜ, v. tr. =

indossare, convincere qualcuno a fare qualcosa  |  mét sǜ li bràghi = indossare i pantaloni

mèt, v. tr. =

mettere, porre, collocare |  mèt a pòst = sistemare, ordinare

mètes, v. rifl.=

mettersi, sistemarsi |  mètes ‘n mèet = fissarsi, in testa, un’idea  (sbagliata); mètes a pòst = sistemarsi; mètes sóta = impegnarsi a fondo

métro, s.m. =

metro

mèz, agg. =

mezzo   |  fàa a mèz = dividere a metà; ‘ndàch de mèz = subire un danno

mèz, s.m. =

boccale da mezzo litro |  dàmen ‘n mèz = dammi  un boccale di vino, da mezzo litro

mèza (mézi), agg. =

mezza – TO  |  gh’ò ‘na mèza idèa = ho una mezza idea

mèza (mèzi), agg. =

mezza – MO |  gh’ò ‘na mèza idèa = ho una mezza idea

mezalàna, s.f. =

tessuto di poco pregio di canapa e lana

mezalǜna (mezalǜni), s.f. =

mezzaluna, attrezzo da cucina

mezanòc’, s.f. =

mezzanotte

mezlìtro, s.m. =

mezzolitro

mèzo (mèzi), s.m. =

mezzo, mezzo di trasporto, veicolo vettura 

mezùra (mezùri), s.f. =

mezzora

mezuràscia, s.f. =

mezzora abbondante

mezurèta (mezuréti), s.f. =

mezzoretta -  TO

mezurèta (mezurèti), s.f. =

mezzoretta -  MO

mezzàa, s.m. =

mezzano

mezzéna, s.f. =

metà di una bestia macellata – TO

mezzèna, s.f. =

metà di una bestia macellata - MO

mì, pron.  pers.= sing.

mi, me  |  a mì al me piàs = a me piace; al sa ca gnè de mì gnè de tì = non ha alcun sapore

mìca (mìchi), s.f. =

forma di pane  poca più grossa di un pugno

michèta (michéti), s.f. =

dim. di “mìca” – TO

michèta (michèti), s.f. =

dim. di “mìca” – MO

michìi, s.m. =

dim. di “mìca” 

midisìna (midisìni), s.f. =

medicina

mìga, avv.=

non, mica, sin. di “ca”  |  gh’è no mìga òia = non ne ho voglia

migliardàri, s.m. =

miliardario

migliàrt, s.m. =

miliardo

miglióràa, v. tr. = e intr.

migliorare

miglióramèet, s.m. =

miglioramento  |  miglióramèet dèla mòrt = l’apparente miglioramento  prima di morire

migliù, s.m. =

milione

migliunàri, s.m. =

milionario

mignào, s.m. =

gattici, compaiono in primavera prima delle foglie su tutte le piante salicacee 

migulù, s.m. =

grosso escremento a forma di cilindro

mìis, s.m. =

mese

mìl, s.f. =

miele  |  l’è dùls cóma la mìl = è dolce come il miele

mìla, agg. num.=

mille

milafòi, s.m. =

millefoglio (achillea millefolium) – MO

milafói, sm

millefoglio (achillea millefolium) – TO

milésem, s.m. =

data incisa su un fabbricato per ricordare l’anno di costruzione

milìi, s.m. =

piccola roncola

mìlsa (mìlsi), s.f. =

milza

mimìi, s.m. =

agnellino

mìna (mìni), s.f. =

mina, carica esplosiva  |  ciòch cóma ‘na mìna = ubriaco fradicio

minadù, s.m. =

minatore di galleria o di miniera

mìnem, s.m. =

minimo

minènt, agg. =

pericolante, instabile

minéra, s.f. =

cava di sassi nella montagna, idonei per costruzioni di case, mediante sparo di mine - MO

minèra, s.f. =

cava di sassi nella montagna, idonei per costruzioni di case, mediante sparo di mine - TO

minèstra (minéstri), s.f. =

minestra – TO    (arcaico “manèstra”)

minèstra (minèstri), s.f. =

minestra – MO  (arcaico “menèstra”)

minigrèla (minigréli), s.f. =

cosa di poca importanza – TO

minigrèla (minigrèli), s.f. =

cosa di poca importanza – MO

minṍr, s.m. =

minatore, vedere “minadù”

mintìi, s.m. =

mentina, pasticca di zucchero aromatizzata con essenza di menta

miòl, s.m. =

midollo

miòla (miòli), s.f. =

midolla, midollo, mollica del pane

mìra! escl.

guarda! | mìra mò = guarda un po’

mìra, s.f. = 

mira | ciapàa la mìra = prendere la mira

miràcol, s.m. =

miracolo

mirìc’, s.m. =

mezzogiorno | Mirìc’ = Meric’ = Meriggio monte 

mirìi, s.m. =

mirino

misàda (misàdi), s.f. =

salario, stipendio mensile

miscisciàol,  agg. =

essere buono e affettuoso, ma ancora indifeso e che deve  farsi le ossa

miscisciaulìi, agg. =

affettuosamente “ miscisciàol”

miseràbél, agg

miserabile 

mizzàa, v.tr. =

schiacciare, sminuzzare; rompere in piccoli frantumi | mìzza ciṍc’ = avaro, pignolo | mizzàa li nóos = rompere le noci

mó, avv.=

usato solo come rafforzativo dell’imperativo - TO|  dàm mó scià ‘l martèl! = dammi il martello!

mò, avv.=

usato solo come rafforzativo dell’imperativo - MO|  dàm mò scià ‘l martèl! = dammi il martello!

mòbol, s.m. =

mobile

móc’, s.m. =

mozzicone di sigaretta

móca (móchi), agg. =

senza punta, spuntata

móch, agg. =

senza punta, spuntato (riferito soprattutto a piccone, zappa ecc.)

móchela, v. imp.

piantala, smettila |  móchela gió! = stai zitta!

mòdel, s.m. =

modello

mögél, s.m. =

mucchietto

mögia, s.m. =

mucchio | l’è ‘na grant mögia de legna = è un gran mucchio di legna

mögiàa, v. intr.=

muggire  |  la vàca la mṍgia = la mucca muggisce

mógn, agg. =

bigio, grigio scuro  |  gàt mógn = gatto grigio

mógna (mógni), agg. =

color cenere, grigia scura  |  gàta mógna = gattamorta, ostentare semplicità o indifferenza per ingannare il prossimo

mógnólàa, v. intr.=

brontolare, mormorare, borbottare, mugugnare

mógnólàda (mógnólàdi), s.f. =

borbottio | la fàc’ sǜ ‘na mógnólàda = ha fatto un discorso incomprensibile

mói, s.m. =

usato solo nell’espressione: mét a mói = mettere in ammollo – TO

mòi, s.m. =

usato solo nell’espressione: mèt a mòi = mettere in ammollo – MO

mòia (mói), s.f. =

acquitrino, palude, pantano – TO

mòia (mòi), s.f. =

acquitrino, palude, pantano – MO

moièta (moiéti), s.f. =

molla, pinza che serve per attizzare il fuoco e rimuovere i carboni accesi  – TO

moièta (moièti), s.f. =

molla, pinza che serve per attizzare il fuoco e rimuovere i carboni accesi  - MO

mòla (mòli), agg. =

molle, tenera

mòla (mòli), s.f. =

molla

mṍla (mṍli), s.f. =

mola dell’arrotino, macina del mulino

molàa, v. tr. =

allentare, lasciar libero, lasciar andare

molegàa, v.intr =.

indugiare

molèta (moléti), s.f. =

vedere “molèta” – TO

molèta (molèti), s.f. =

molletta, piccolo arnese a molla utilizzato per fermare i panni stesi o per fermare i capelli  - MO

móli, s.f. =

castagne secche sgusciate e cotte nel latte – TO

mòli, s.f. =

castagne secche sgusciate e cotte nel latte – MO

mòlta, s.f. =

malta 

momèet, s.m. =     

momento inteso come tempo | l’è ca òl momèet = non è il momento 

momènt, s.m. =

momento, istante |  spècia ‘n momènt = aspetta un momento

moménti

vedere “momènti” – TO

momènti

usato solo nell’espressione “ momènti” = quasi, fra poco – MO  | momènti dàvi gió = è mancato poco che cadessi

momòo, s.m. =

uomo nero  | al vèe ‘l momòo = viene l’uomo nero, così si diceva ai bambini, per spaventarli, quando facevano i capricci

mondàa, v. tr. =

mondare, ripulire  |  mondàa l’òrt = togliere le erbacce infestanti dall’orto utilizzando un sarchiello (vedere zapitìi)

mondàda (mondàdi), s.f. =

caldarrosta pulita 

mondèela

usato solo nell’espressione “ ’n mondèela” = in abiti succinti; vedi anche “biót”

móndola (móndoli), s.f. =

placenta

mónech, s.m. =

sagrestano

mónech, s.m. =

prima dei recipienti di rame, alluminio o gomma (vedere “bùul”) lo scaldaletto era di legno costruito in modo da tenere sollevate le coperte e dentro in mezzo veniva depositato un recipiente con la brace 

monéda (monédi), s.f. =

moneta, soldi

mónega (móneghi), s.f. =

monaca, suora

mònt, s.m. =

mondo;  annullare  |  tràa a mònt = annullare una partita di carte

montàgna (montàgni), s.f. =

montagna

montanèla (montanéli), s.f. =

marmotta – TO

montanèla (montanèli), s.f. = 

marmotta – MO

mṍöf, v. tr. =

muovere

mòol, s.m. =

molle, tenero; mollezza, fiacchezza  |  te ‘l tìri fò mì ‘l mòol! = te la tolgo io la fiacchezza che hai addosso!

móor, agg. =

verde cupo  |  ‘l pràat l’è mùur = il prato è di un bel verde cupo

móra (móri), s.f. = 

mora (frutto) frutto dei ruedi; 

mòra, agg. =

donna dai capelli neri; gioco della morra

móràl, agg. e s.m. =

morale; travetto di legno squadrato | l'è giò de móràl = è affranto

mòrbi, s.m. e agg. =

forma morbosa che può colpire le mammelle di una mucca; fertile

mòrbia (mòrbi), agg. =

fertile

mòrd 

usato solo nell’espressione “òs da mòrd” = ossi da mordere, dolci molto secchi

morèel (morèei), agg. e s.m. =

ematoma    

morèl (moréi), agg. e s.m. =

livido, bluastro; ematoma, lividore procurato da un colpo ricevuto – TO

morèl (morèi), agg. e s.m. =

livido, bluastro; ematoma, lividore procurato da un colpo ricevuto – MO

móróos, s.m. =

fidanzato

mórósa (mórósi), s.f. =

fidanzata

mòrt (mòrc’),  agg. e s.m. =

morto, defunto  |  i pòri mòrt = i defunti; sunàa da mòrt  = suonare le campane per un funerale

mòrt, s.f. =

morte

mòrta (mòrti), agg. = e s.f. =

morta, defunta

mortadèla (mortadéli), s.f. =

mortadella – TO

mortadèla (mortadèli), s.f. =

mortadella – MO

móśàa, v. tr. = 

mostrare le parti intime del corpo

mósc’, agg. =

moscio, depresso, avv.=ilito

mósca (móschi), s.f. =

mosca  |  l’è bùu da fàs ià li móschi = sa farsi valere

móscia (mósci), agg. =

moscia, depressa, avv.=ilita

mósciàa, v. tr. =

innalzamento della temperatura con conseguente fusione  della neve  |  al móscia = si sta sciogliendo la neve

móstascìi, s.m. =

birbantello

móstro (móstri), s.m. =

mostro, mascalzone (in senso bonario)

móstro, inter, =

certo! che diamine! tǜt a mostro = tutto in disordine, fuori posto

móta (móti), s.f. =

senza corna  |  ‘na càora móta = una capra senza corna

mòta (mòti), s.f. =

piccola quantità di sostanze molli plasmata a forma tondeggiante  |  ‘na mòta de bütéer = una quantità tondeggiante di burro

motèl (motéi), s.m. =

panetto di burro – TO

motèl (motèi), s.m. =

panetto di burro – MO

mòto, s.f. =

motocicletta

mótóor, s.m. =

motore

mṍves, v. rifl.=

muoversi  |  mṍvet! = spicciati!

mubìglia, s.f. =

mobilio

muciù, s.m. =

moncone

müdàa, v. tr. =

travasare  |  müdàa ‘l vìi = travasare il vino

müdànda (müdàndi), s.f. =

mutande

mǜfa (mǜfi), s.f. =

muffa  |   làga ca ilò i sòldi a fàa la mǜfa = non lascia il soldi ad ammuffire, è uno spendaccione

müfìda (müfìdi), agg. =

ammuffita; poveretta

müfìi, v. tr. =

ammuffire

müfìit, agg. =

ammuffito; poveretto

mǜga, s.f. =

geloni (alle mani o ai piedi)  |  gh’ò itè la mǜga ‘ndèli màa = ho i  geloni nelle mani

muidìi

fammi vedere

muigiǜda (muigiǜdi), agg. = e s.f. =

mungitura; munta

müinǜz, s.m. =

pasticcio di patate e fagioli (vedere “taròz”)

mùisc’, v. tr. =

mungere

mǜl (mǜi), s.m. =

mulo  |  vìch  sǜ ‘l mǜl = tenere il muso

mǜla (mǜli), s.f. =

mula

mulàa, v. tr. =

molare, affilare  |  mulàa la mèla = affilare la roncola

mulàda (mulàdi), s.f. =

arginatura

mulèta, s.m. =

arrotino | ‘l me pà al fa ‘l mulèta, mi fo ‘l mulitìi, ‘l me pa al mùla ‘n prèsa, mi mùli piàn piànìi = il mio papà l’arrotino, io faccio l’apprendista arrotino, mio papà arrota velocemente, io lentamente

mulgìi, agg. =

molle molliccio vedi "mulisìi"

mulginàa, v. tr. =

ammollire, ammorbidire, mettere a mollo  |  l’à mès gió i stràsc’ a mulginàa = ha messo i panni in ammollo

mulì, s.m. =

mulino

mulidǜra (mulidǜri), s.f. =

quota da pagare al mugnaio per la macinazione del granoturco

mulinèer, s.m. =

mugnaio 

mulisìi, agg. =

soffice, molle

mulisìna (mulisìni), agg. =

soffice, molle

multiplicàa, v.tr. =

moltiplicare

mumintìi, s.m. =

attimo, momentino 

mundulù, s.m. =

straccio, abito logoro  

muntù’, s.m. =

mucchio  |  ‘n muntù de fèe = un mucchio di fieno

muntunàa, v. tr. =

ammucchiare, ammassare (anche 'nmuntunàa, specialmente relativo al fieno) | l'è scià l'acqua, m'à da 'ndàa a 'muntunàa = sta per piovere dobbiamo ammucchiare il fieno

muntuscèl, s.m. =

accumulo | fa sǜ ‘n muntuscèl di foia = fare un accumulo di fogliame

muntuscii, s.m. =

mucchietto (passaggio nella lavorazione per l'essicazione dell'erba tagliata nei prati) | faa ca sǜ muntù, fa sǜ muntuscii ca òl fée  l'è caach sèch abòt = non fare mucchi grandi, fai mucchietti perché il fieno non è secco abbastanza

münǜda (münǜdi), agg. =

minuta, sottile, esile

münümèet, s.m. =

monumento

münǜt (münǜc’), s.m. = 

minuto primo  |  cìnch münǜt = cinque minuti

münǜüt (münǜüc’), agg. =

minuto, sottile, esile

mǜür, s.m. =

muro, parete

müràa, v. tr. =

murare, fissare al muro

müràca (müràchi), s.f. =

pietraia, mucchio di sassi ai lati di una vigna o di un campo  |  i sàs se i tra sǜ ‘ndèli müràchi = i sassi si buttano nelle pietraie = dare a chi ha già tanto

mürachèl (mürachéi), s.m. =

piccolo mucchio di sassi – TO

mürachèl (mürachèi), s.m. =

piccolo mucchio di sassi – MO

müracù, s.m. =

accr. di “müràca”

müràda, s.f. =

muro dell'argine del fiume Livrio

müradèl (müradéi), s.m. =

muricciolo – TO

müradèl (müradèi), s.m. =

muricciolo – MO

müradóor, s.m. =

muratore

müràia, s.f. =

parete di casa

murciunàa, v. intr.=

ardere sotto la cenere, senza fare fiamma

mürét  (müréc’), s.m. =

muretto – TO

mürèt (mürèc’), s.m. =

muretto – MO

murìi, v. intr.=

morire; spegnersi  |  ‘l fṍch l’è réet a murìi = il fuoco si sta spegnendo

murù, s.m. =

frutto del gelso

murunèer, s.m. =

gelso (pianta)

mǜüs, s.m. =

muso di animale; volto, faccia di uomo; espressione del volto  |  che brǜt mǜüs = che brutta faccia; òltà sǜ ‘l mǜüs = assumere un’espressione di disapprovazione

müśàl, s.m. =

museruola per bovini  (si metteva ai vitelli appena nati per impedire che mangiassero la paglia)

müsarṍla (müsarṍli), s.f. =

museruola

mǜs-c’, s.m. =

muschio

muschìi, s.m. =

moscerino

müsràgn, s.m. =

piccolo topo di campagna

musǜra (musǜri), s.f. =

misura, dimensione  |  de musǜra = quantità appena sufficiente

musüràa, v. tr. =

misurare

musurìi, s.m. =

misurino

mǜt (mǜc’), agg. e s.m. =

muto

mǜta (mǜti), agg. e s.m. =

muta

mutìif, s.m. =

motivo, causa

mùut, s.m. =

alpeggio, alpe | l’è già ‘ndàc’ i mùut coli vàchi = è già andato in alpe con le mucche 

nàaf, s.f. =

nave

nàas, s.m. =

naso

nagǜra, s.f. =

natura; organo riproduttivo femminile dei mammiferi

nàia, s.f. =

servizio militare

nàna, s.f. =

sonno dei bimbi

nanìi, s.m. =

bambinello

narìc’, s.m. =

muco del naso (vedere “margòt”)

narigiàt, s.m. =

moccioso (vedere “margotèer”)

nàs, v. intr.=

nascere

nàsta, s.f. =

odorato, acuto senso dell’olfatto (specialmente riferito cani e ai gatti)

nastalìna, s.f. =

naftalina

nastóla (nastóli), s.f. =

fettuccia

nàstro (nàstri), s.m. =

nastro

nasù, s.m. =

nasone

nasüut, agg. =    

nato  |  so mìga nasüut iéer = non sono nato ieri, non me la dai a bere

Natàal (Natàai), s.m. =

Natale

natìif, agg. =

nativo

natrulìna, s.f. =

candeggina

natüra. s.f. =

natura, anche organo esterno femminile degli animali

natüràl (natürài), agg. =

naturale

natüràla (natüràli), agg. =

naturale

navèt, s.m. =

traghetto che attraversava l’Adda al Porto prima che costruissero il ponte

ne, pron. =

ne, di questo, di quello, di questi, di quelli

necesàri, s.m. =

necessario  |  al me mànca ‘l necesàri = mi manca quello di cui ho bisogno

negàa, v. intr.=

annegare, affogare

negót, avv.= e s.m. =

niente, molto poco, nulla

negótìi, s.m. =

per dire ancora meno di niente (en negótìi d'òor piegàat sǜ 'nde na fòia de zeneòr)

negoziàa, v.tr. =

negoziare

negǜna, pron. = indef.

nessuna, nessuna persona

negutiì, s.m. =

per dire ancora meno di niente | ‘n negutìi d’òor piegàat ité ‘nde na fòia de zèneór = un niente d’oro avv.=olto in una foglia di ginepro 

negǜu, pron. = indef.

nessuno, nessuna persona

nencòrges, v. intr.=

accorgersi, rendersi conto 

neòra (neòri), s.f. =

nuora

nèrc’, s.m. e agg. = 

gracile, mingherlino 

nèrf, s.m. =

Nervo (nervo di bue usato come frustino)       

nervadǜra (nervadǜri), s.f. =

nervatura

nervóos, agg. =

nervoso

nervóos, s.m. =

nervosismo

nervósa (nervósi), agg. =

nervosa

nésé, inter, =

capito, mi raccomando | fa 'l brào nésé = fai il bravo mi raccomando

nèt (néc’), agg. =

netto, pulito  - TO

nèt (nèc’), agg. =

netto, pulito  - MO

nèta (néti), agg. =

netta, pulita – TO

nèta (nèti), agg. =

netta, pulita – MO

netà sǜ, v. tr. =

pulire il pavimento

netàa, v. tr. =

pulire, ripulire

netàs, v. tr. = 

pulirsi

neùda (neùdi), s.f. =

nipote (femmina)

neudìi, s.m. =

nipotino

neudìna (neudìni), s.f. =

nipotina

neùut (neùc’), s.m. =

nipote (maschio)

niént, pron. =, s.m. = e avv.=

niente, come “niènt” – TO

niènt, pron. =, s.m. = e avv.=

niente  |  al gh’è pǜ niènt da fàa = non  c’è più niente da fare

nìgra (nìgri), agg. =

nera, scura

nìgro (nìgri), agg. =

nero, scuro  |  Pédo nìgro = fante di picche in un gioco delle carte, chi alla fine del gioco rimane con il fante di picche, perde la partita

nìif, s.f. =

neve

ninàa, v. tr. =

cullare

ninìi, s.m. =

piccolino | vén chilò ninìi = vieni qua piccolino

niòl, agg. =

nuvoloso | niòl de marüdànza = se in autunno è nuvoloso di notte e sereno di giorno, l’uva matura meglio 

niòla (niòli), s.f. =

nuvola

niolàs, v. rifl.=

rannuvolarsi

niòlt, s.m. =

cantina 

nìsc’, s.m. =

ontano, pianta che cresce bene nei terreni umidi

nisciṍla (nisciṍli), s.f. =

nocciola

nisciolèer, s.m. =

nocciolo (pianta) 

niulù, s.m. =

nuvolone | varda che niulù ca l'è réet a ruàa sǜ, l'è scià 'n stratèep! = guarda che nuvoloni che salgono, sta arrivando un temporale, un maltempo!

noànta, agg. num.=

novanta

nòc’, s.f. =

notte  |  fàa la nòc’ = fare il turno di notte

nociàda (nociàdi), s.f. =

nottata

nóciarṍla (nóciarṍli), s.f. =

pipistrello

nṍd (nṍc’), s.m. =

nocca, la parte del dito corrispondente a un’articolazione

nódàa, v. tr. =

nuotare

noèl (noèi), agg. =

novello, nuovo, giovane

noèla (noèli), agg. =

novella, nuova, giovane

noèmbre, s.m. =

novembre

noéna (noéni), s.f. =

novena

noghèra (noghéri), s.f. =

noce (pianta) – TO

noghèra (noghèri), s.f. =

noce (pianta) – MO

nogherṍl (nogherṍi), s.m. =

giovane pianta di noce

nṍgia (nṍgi), s.f. =

capra giovane

nögiàl, s.m. =

capretto

nóióos, agg. =

noioso

nóiósa (nóiósi), agg. =

noiosa

noìzi, s.m. =

novizio, noviziato

nóm, s.m. =

nome

nóma, avv.=

soltanto, appena

nòna, s.f. =

nonna, vedi anche ava

nòno, s.m. =

nonno, vedi anche af

nṍöf  nöènto, agg. =

nuovissimo

nṍöf, agg. num.=

nove, nuovo

nóos, s.f. =

noce (frutto)

nóos, s.m. =

legno di noce

nòś, agg.  e pron. =

nostro  |  ‘l nòś vìi = il vino di nostra produzione; l’è di nòś = è un compaesano 

nóstràa, agg. =

nostrano, casalingo; rozzo, grossolano

nóstràna (nóstràni), agg. =

nostrana, casalinga; rozza, grossolana

nótar, s.m. =

notaio

nṍva (nṍvi), agg. = 

nuova

nózi, s.f. =

nozze – TO

nòzi, s.f. =

nozze – MO

nudrigàa, v.intr =.

gestire, muovere, darsi da fare| òl borelèer al nudrigà li bóri par fali pàśa gió réet al tiradù = il boscaiolo muove i tronchi per farli scendere lungo il "tiradù"

nǜmer, s.m. =

numero  |  dàa i nǜmer = vaneggiare

numinàa, v. tr. =

nominare

nǜs-c’,  agg. =

lento, pigro, inconcludente

nǜs-cia (nǜs-ci), agg. =

lenta, pigra, inconcludente

nutìzia (nutìzi), s.f. =

notizia

nùu, pron. =

noi

o, cong. =

o, oppure

ṍ, inter, =

esclamazione di stupore, di meraviglia

ṍc’, s.m. =

occhio  |  a ṍc’ = approssimativamente; seràa gió ‘n ṍc’ = chiudere un occhio, sorvolare, fingere di non vedere; tignìi d’ṍc’ = controllare 

ṍc’, s.m. =

usato nell’espressione “ insidìi a ṍc’ ” = innestare a gemma

òca (óchi), s.f. =

oca; donna sciocca – TO

òca (òchi), s.f. =

oca; donna sciocca – MO

ocaśiù, s.f. =

occasione

óció, inter, =

attenzione!

ócór, v. tr. =

occorrere, servire

ócórènt, s.m. =

occorrente, ciò che serve 

ódiàa, v. tr. =

odiare, detestare

odióos, agg. =

odioso – antipatico, vedere “antipàtech”

odióosa (odióosi), agg. =

odiosa – antipatica, vedere “antipàteca”

ódóor, s.m. =

odore

ódóràa, v. tr. =

odorare, annusare, fiutare (vedere “usmàa”)

ofèndes, v. rifl.=

offendersi 

ofènt, v. tr. =

offendere, ingiuriare – MO

ofèrta (oférti), s.f. =

offerta, elemosina; proposta – TO

ofèrta (ofèrti), s.f. =

offerta, elemosina; proposta – MO

ofertòri, s.m. =

offertorio

ofeśa (ofeśi), s.f. =

offesa, ingiuria

ṍff, inter, =

per dire  ma va là, ma no

ógiàche, avv.=

e già, oh già | ógiàche, te gh’è resù = e già, hai ragione - ógiàche, tròp fàcel iscè = oh già, troppo facile così

ögiàda (ögiàdi), s.f. =

occhiata  |  l’è gnǜt fò ‘n ögiàda de sùul = è uscita una schiarita, una breve comparsa del sole 

ögiài, s.m. =

occhiali

ögialèer, s.m. =

uomo che porta gli occhiali

ögialèra, s.f. =

donna che porta gli occhiali

ögiṍl (ögiṍi), s.m. =

occhiello (per lo più quello delle scarpe  dove passano le stringhe)

ògna, agg. =ind.

ogni

ógnantǜna, pron. =

ognuna, ciascuna

ognantǜu, pron. =

ciascuno, ognuno

ognapòoch, avv.= agg. =

pressappoco, più o meno, quanto basta, a occhio e croce 

ognitàat, avv.=

di tanto in tanto, talvolta, talora

oh, inter, =

oh, inter, =  |  oh pòra mi! = oh povera me!  

ohi mi, escl.

ohi  me

òia, s.f. =

voglia  |  tös la òia = togliersi il capriccio

ṍida (ṍidi), agg. =

vuota

öidàa giò, v. tr. =

vuotare dentro

öidàa, v. tr. =

vuotare

öidàat, agg. pp. =

svuotato

öidàda (öidàdi),  agg. pp. =

svuotata

óimémì, loc.=

povero me, ohimè, esclamazione di preoccupazione, paura e sconforto

ṍit, agg. =

vuoto

ól gh’è

ól gh’è ca = non c’è

òl, art. sing.

il, lo, vedere  “el” (‘l)

òli, s.m. =

olio  |  al tègn gió gnàa i òli sànc’  = non riesce a mantenere un segreto

òlsàa sǜ, v. tr. =

alzare, sollevare

òlsàa, v. tr. =

alzare, sollevare

òlt, agg. =

alto 

òlta (ólti), agg. =

alta – TO

òlta (òlti), agg. =

alta – MO

òlta (òlti), s.f. =

volta, struttura muraria di copertura le cui superfici sono incurvate ad arco 

òlta (òlti), s.f. =

volta  |  ‘na òlta = una volta, un tempo 

oltà gió, v.tr. =

piegare i tralci delle viti

oltà itè, v.tr. =

arrotolare | oltà itè li màneghi = rimboccarsi le maniche

oltà scià, v.intr =. 

sbrigarsi, spicciarsi | oltà scià = spicciati, fai presto

oltà sǜ, v.tr. =

disgustarsi | oltà sǜ ‘l mǜüs = rimanere disgustato

oltàa, v.tr. =

voltare, rivoltare  |  oltàa ‘l fèe = rivoltare il fieno per agevolare l'essiccazione 

oltàs, v. rifl.=

voltarsi  |  oltàs ‘n réet = volgere lo sguardo all’indietro

oltróli, avv.=

altrove, anche altóof

óm, s.m. =

uomo, marito  |  ‘l me óm = mio marito

ómasc’, s.m. =

uomo grande e grosso

ombrèla (ombréli), s.f. =

ombrello – TO

ombrèla (ombrèli), s.f. =

ombrello – MO

ombrelèer, s.m. =

ombrellaio, artigiano che riparava gli ombrelli; persona di poco conto   

omèt (oméc’), s.m. =

ometto, porta abiti, attaccapanni – TO

omèt (omèc’), s.m. =

ometto, porta abiti, attaccapanni – MO

ónda (óndi), s.f. =

onda

óndàda (óndàdi), s.f. =

ondata

óngia (óngi), s.f. =

unghia  |  vìch li óngi lónghi = essere cleptomane 

óngiada (óngiadi), s.f. =

unghiata, graffiata con le unghie 

ónsa (ónsi), s.f. =

oncia, piccola quantità  |  a ónsi a ónsi = a poco a poco

ṍö, inter, =

ma va, non ci credo, possibile

ṍöf, s.m. =

uovo  |  pièe cóma ‘n ṍöf = completamente pieno, sazio

óos, s.f. =

voce  |  l’è püsèe la óos che la nóos = è più la voce della noce, è una cosa di poco conto, è più apparenza che sostanza

operàa, v. tr. =

operare, intervenire chirurgicamente

operari, s.m. =

operaio

operaziù, s.f. =

operazione

opól (òpói), s.m. =

terreno pianeggiante, a coltivazione mista: vite, cereali e anche piante da frutto

òrgiada, s.f. =          

orzata, |’n bèl minèstrù de òors = un bel minestrone d'orzo 

òor, s.m. =

oro

ṍor, s.m. =

orlo  |  stàa fò a ṍor = stare sul ciglio; fàa sǜ l’ṍor de li bràghi = fare l’orlo dei pantaloni

òra (òri), s.f. =

rutto  |  trà sǜ l’òra = scaricare aria dalla bocca

oratòri, s.m. =

oratorio

oraziù, s.f. =

orazione, preghiera

òrba (órbi), agg. =

orba, cieca - TO

òrba (òrbi), agg. =

orba, cieca - MO

orbanéla, s.f. =

orbettino, sin. “vermanèla” | se la vìpera la gh’è sintìs e l‘orbanèla la gh’è vedés pòoca gèet ‘l  gh’è sarés = se la vipera ci vedesse e l’orbettino ci vedesse poca gente ci sarebbe

órbeda (órbedi), s.f. =

striscia erbosa di terreno al limite di un fondo 

órden, s.m. =

ordine  |  ès a l’órden = essere pronto; mèt ‘n órden = sistemare

órégia (órégi), s.f. =

orecchio - TO |  fàa órégi da marcànt = fare orecchi da mercante 

órègia (órègi), s.f. =

orecchio  - MO |  fàa órègi da marcànt = fare orecchi da mercante

óregiàt, s.m. =

individuo un po’ tonto

óregiù, s.m. =

persona con grosse orecchie (magari a sventola); parotite

orènda (oréndi), s.m. =

orrenda, orribile, indisponente – TO

orènda (orèndi), s.m. =

orrenda orribile, indisponente – MO

orèndo (orénc’), s.m. =

orrendo, orribile, indisponente – TO

orèndo (orènc’), s.m. =

orrendo, orribile, indisponente – MO

orgarṍl (orgarṍi), s.m. =

curva del sentiero

òrghen, s.m. =

organo

orgiada, s.f. =

minestra di orzo: un minestrone di verdure con aggiunta dell'orzo perlato o integrale oppure orzo cotto nel latte con aggiunta di castagne secche

òri, s.f. =

punti del gioco delle carte a scopa

ormài, avv.=

ormai, a questo punto 

oróloc’, s.m. =

orologio

orólogèer, s.m. =

orologiaio 

òrp, agg. =

orbo, cieco

òors, s.m. =         

orzo | manèstra de òors = minestra di orzo

órs, s.m. =

orso  |  l’è fò l’órs dala trùna = è fuori l’orso dalla tana, questo detto si usa il 2 febbraio per dire che la brutta stagione è ormai al termine 

òrt (òrc’), s.m. =

orto 

orzṍl (orzṍi), s.m. =

orzaiolo, infiammazione suppurativa delle ghiandole sebacee delle palpebre: si manifesta con la formazione di un piccolo nodulo duro e dolente alla pressione, e con edema delle palpebra: si risolve per lo più spontaneamente vedere “caorèt”

òs, s.m. =

osso  |  òs da mòrd = osso da mordere (dolce fatto albume, zucchero e nocciole)

òśa (òśi), agg. =

vostra  |  la òśa màma = vostra madre

ósàa, v. intr.=

urlare  |  ósa cà tàat! = non urlare!

osàri, s.m. =

ossario

osbǜs, s.m. =

ossobuco

osegàt, s.m. =

ossicino

ospedàl (óspedài), s.m. =

ospedale

ósesé,                                       

Oh sì si, altro che, esclamazione di meraviglia e disapprovazione|ósesé, ai dorma a mo tüc' = altro che, dormano ancora tutti

òss, pr.

vostro | chèst l’è òss = questo è vostro

ostéer, s.m. =

oste

óstensòri, s.m. =

ostensorio

ostéra, s.f. =

ostessa

osterìa (osterìi), s.f. =

osteria

òstia (òsti), s.f. =

ostia; sottile sfoglia di farina che viene usata per preparare la “cupèta” 

òstia, inter, =

 perbacco, niente  |  se vìt ‘n òstia! = non si vede niente!

òt, num. card.

otto

otànta, agg. num.= card.

ottanta

otantèna, s.f. =

ottantina, circa ottanta 

otàva, s.f. =

ottava, ottavo giorno a partire da una ricorrenza; si dice anche “ ncṍö òt “ = fra otto giorni 

otomàna (otomàni), s.f. =

divano

otomàtech, s.m. =

bottone automatico

otomòbel, s.f. =

automobile, vedi “machèna” 

ótóri, s.m. =

ottobre

òtra (òtri), agg.  e pron. =

altra

otramèet, avv.=

comunque, ciononostante, malgrado ciò, nonostante, tuttavia | la ca fàc’ bèl ma otramèet l’üa l’è pó gnàa brüta dol tǜt = non ha fatto bel tempo ma comunque l’uva non è poi nemmeno troppo brutta

òtro (ótri), agg.  e pron. =   

altro, altri - TO | a ótri al ve réda = a voi rende bene; ca i dìs i ótri ? = cosa dicono gli altri | ghóo ca òtro da dàt = non ho altro da darti

òtro (òtri), agg.  e pron. =

altro, altri - MO|  dàmen ‘n’òtro = dammene un altro | a òtri al ve rèda = a voi rende bene; la ròba di òtri = la roba d’altri 

pà, s.m. =

padre, babbo, papà

pàa, s.m. =

pane  |  ‘l pàa de i òtri al g’à sǜ sèt cròsti = il pane altrui è molto duro, è fatica guadagnarselo; Dante: “come sa di sale lo pane altrui”; bùu cóma ‘l pàa = individuo molto buono e generoso 

pàal (pài), s.m. =

palo, grosso bastone

pàart, s.f. =

parte  |  mèt da pàart = risparmiare; a pàart = eccetto, tranne | dàm la mìa pàrt = dammi la mia parte 

pàas, s.f. =

pace | làghem ‘n pàas = lasciami in pace |  fàa la pàas = fare pace

pàbi, s.m. =

erba infestante

pàca, s.f. =

pacca | l’è nṍöf de pàca = è nuovissimo

pàch, s.m. =

pacco

pàchera (pàcheri), s.f. =

escavatrice

pachèt, s.m. =

pacchetto

paciaròt, s.m. =

bimbo ben pasciuto

pacifèch, agg. =

pacifico

paciügàa, v.intr =.

pasticciare

paciügàda, s.f. =

pasticcio

padèla (padéli), s.f. =

padella – TO

padèla (padèli), s.f. =

padella – MO

padelàda (padelàdi), s.f. =

quantità contenuta in una padella; colpo inferto con una padella

padilìi, s.m. =

pentolino

padrìgn, s.m. =

patrigno 

padrù, s.m. =

padrone, proprietario

padrùna (padrùni), s.f. =

padrona, padrona di casa

paés, s.m. =

paese

paesàa, s.m. =

compaesano

paesàna (paesàni), s.f. =

compaesana

paesanòt, agg. e s.m. =

individuo grossolano e rozzo

pàga (pàghi), s.f. =

paga, salario, ricompensa

pagàa, v. tr. =

pagare, saldare un conto; appagare

paghèra (paghéri), s.f. =

bosco fitto di conifere – TO

paghèra (paghèri), s.f. =

bosco fitto di conifere – MO

pàgn, s.m. =

panni, indumenti

pagnòta, s.f. =

forma grossa di pane

pàia, s.f. =

paglia

paiarṍl (paiarṍi), s.m. =

falò, era usanza in molti paesi della Valtellina accendere grandi falò, nella prima domenica di Quaresima.

paièer, s.m. =

giaciglio  di erba "cèra"dove dormivano i pastori sugli alpeggi

paièta (paiéti), s.f. =

vedere “paièta” – TO

paièta (paièti), s.f. =

tipo di erba selvatica; lana d’acciaio che serve per lucidare le pentole   - MO

paisìi, s.m. =

paesino

paiù, s.m. =

pagliericcio riempito con i “foiasc’”, le brattee fogliari (foglie che avv.=olgono la pannocchia) di granoturco

pàla (pàli), s.f. =

pala, vanga, badile

palà sǜ, v. tr. =

bastonare qualcuno

palàda (palàdi), s.f. =

legnata, bastonata; filare di una vigna composto da pali, pertiche, “ràca” e due fili sopra la pertica; la “palàda” è posta in senso verticale rispetto alla montagna - vedere anche “trevèrs”; quantità contenuta in una pala  |  fàa sòldi a palàdi = far soldi a palate

palànca (palànchi), s.f. =

soldo, moneta

palanchìi, s.m. =

leva di ferro (vedere anche “levéra”)

palandràna (palandràni), s.f. =

palandrana, giaccone piuttosto lungo 

palangàda (palangàdi), s.f. =

staccionata, ringhiera, riparo in legno o in ferro

palàz, s.m. =

palazzo

palèta (paléti), s.f. =

vedere “palèta” – TO

palèta (palèti), s.f. =

paletta, arnese da cucina, giocattolo per bambini – MO

paletàda, s.f. =

pallettata

palféri, s.m. =

attrezzo agricolo in ferro che serve per fare i buchi nel terreno nei quali vengono conficcati i pali della vigna 

palotoliéer, s.m. =

pallottoliere

pàlp, s.m. =

tentoni | ‘ndàa a pàlp = andare a tentoni, fare tentativi

palpà sǜ, v. tr. =

palpeggiare, toccare sensualmente con la mano

palpàa, v. tr. =

palpare, palpeggiare

palpàda (palpàdi), s.f. =

azione del palpare; serie di botte   |  ‘l ‘na ciapàat ‘na palpàda = ha preso un sacco di botte

palpügnàa, v.tr. =

palpeggiare

pàlta, s.f. =

fango, fanghiglia

paltò, s.m. =

cappotto

palù, s.m. =

palo in legno, in cemento o traliccio in ferro che sostiene una linea elettrica o telefonica 

palutii, s.m. =

piccola assicella in legno con manico per lavorare il burro

pàna, s.f. =

panna

panarìz, s.m. =

infezione molto dolorosa sulla punta di un dito, vicino all’unghia

pancòt, s.m. =

pancotto 

pancutù, s.m. =

persona grassa

panèl, s.m. =

mangime per mucche, scaglie secche dopo la spremitura delle olive

panèt, s.m. =

panèt, copricapo femminile |  panèt dèl nàs = fazzoletto da naso | panèt da la cràpa = foulard

panetù, s.m. =

panettone

panevìi, s.m. =

acetosella, vedere anche “sàsi”

panìch, s.m. =

miglio, panico, cereale povero che da piccolissimi chicchi, nel passato veniva usato per minestre, al giorno d’oggi è utilizzato come mangime per i canarini

panigàda, s.f. =

usato solo nell’espressione “te la dó mi la panigàda = ora ti arrangio io

panìscia, s.f. =

purea di mirtilli o fragole zuccherate; usato anche nell’espressione “panìscia màrscia” = quando nel gioco del nascondino c’è uno scambio di persona

panolèet, agg. =

lentigginoso 

panolèeta (panoléeti), agg. =

lentigginosa – TO

panolèeta (panolèeti), agg. =

lentigginosa – MO

pànoli, s.f. =

lentiggini

pansèta, s.f. =

pancetta 

pansù, s.m. =

pancione

pantegàna (pantegàni), s.f. =

ratto, grosso topo di fogna

pantufulù, s.m. =

tiratardi

panù, s.m. =

panettone valtellinese

pàpa (pàpi), s.f. =

pappa  |  pàpa de źǜca = pappa preparata con la zucca

pàpa (pàpi), s.m. =

papa, sommo pontefice 

pàpa dèl cucù, s.f. =

capelvenere

papagòrgia, s.f. =

pappagorgia, doppio mento

papamòla, s.f. =

polenta molle; persona indecisa, inconsistente

papàver, s.m. =

papavero

papìi, s.m. =

schiaffo, sberla

papìna (papìni), s.f. =

pappina

papolègn, agg. =

Molliccio, in pappa

par, prep. =

per

parabrìis, s.m. =

parabrezza

paracàr, s.m. =

paracarro

paradìis, s.m. =

paradiso

paràgi, s.m. =

paraggi

paralìtech, agg. =

paralitico

paraoregi, s.m. =

paraorecchie

parapèt, s.m. =

parapetto

paràscia (paràsci), s.f. =

mallo delle noci

parasciṍla, s.f. =

cinciallegra  |  canto della cinciallegra: se ‘l vèrom non me ciapés e ‘l levertìis non me lighés dormarìs fin cìar cìar ciarìsem = se la biscia non mi prendesse e il luppolo non mi avv.=olgesse, dormirei fino a mezzogiorno

parché, avv.= e cong. =

perché, per quale motivo - TO 

parchè, avv.= e cong. =

perché, per quale motivo - MO 

parché, s.m. =

motivo, ragione – TO | mi so cà ‘l parché = non so il perché

parchè, s.m. =

motivo, ragione – MO

paréc’, agg.  e pron. =

parecchio – TO

parèc’, agg.  e pron. =

parecchio – MO

parèet (paréec’), s.m. =

parente - TO |  an se cà paréec’  = non siamo parenti

parèet (parèec’), s.m. =

parente  - MO |  parèet a la lontana = lontano parente

paréet, s.f. =

parete, muro, tramezzo

parégia (parégi), agg.  e pron. =

parecchia - TO 

parègia (parègi), agg.  e pron. =

parecchia - MO 

paregiàa, v. tr. =

pareggiare, livellare, rendere piano

parentèla (parentéli), s.f. =

parentela, rapporto di parentela - TO 

parentèla (parentèli), s.f. =

parentela, rapporto di parentela - MO 

paréer, s.m. =

parere, opinione, idea

parigìna (parigìni), s.f. =

cialda a forma di cono per il gelato

parìi, v. intr.=

apparire, fingere, sembrare  |  fàa parìi = fingere; al fa gnàa parìi = finge di non capire; fa mìga parìi = non riferire quanto ti ho detto | te me parèt = mi sembri | ‘l fa ca parìi de niént = fa finta di nulla

parlàa, v. intr.=

parlare, rivolgere la parola

parlàs, v. rifl.=

intrattenere rapporti amorosi, intrattenere buoni rapporti | l’era già dalùra ca i se parlàva prǜma da maridàs = sono stati  fidanzati da tanto tempo primo di sposarsi

pàrmi, p.f.

tarme del formaggio vecchio che lo consuma formando dei buchi | 'sto fórmài l'a fac’ té li pàrmi, l'è smasùtit = questo formaggio è troppo stagionato

parṍl (parṍi), s.m. =

paiolo

paròla (paròli), s.f. =

parola  |  vès de paròla = mantenere la parola data; mancàa de paròla = mancare di parola; mètech ‘n bùna paròla = raccomandare qualcuno; fa dói paròli = fare quattro chiacchere; paròla tórna ‘n dréet = come non detto

parolàscia (parolàsci), s.f. =

parolaccia

parolèer, s.m. =

calderaio, ramaio (vedere anche “magnàa”) 

particólàr, agg. e s.m. =

particolare, specifico, caratteristico, peculiarità

particólàra (particólàri), agg. =

particolare, specifica, caratteristica

partìda (partìdi), s.f. =

partita, partita di calcio, partita di carte

parǜ

spinacio selvatico

pàs, agg. =

appassito, avv.=izzito

pàs, s.m. =

passo; passaggio, passo carraio; passo, valico

pàśa (pàśi), agg. =

appassita, avv.=izzita

paśàa, v. intr.=

passare, transitare, passare su una strada; essere promosso; passare, trascorrere il tempo |  pasàa par stǜpet = fare la figura dello stupido

paśàat, agg. =

passato; troppo maturo, deteriorato (riferito al cibo)

paśàc’, s.m. =

passaggio

paśàch sùra, v. intr.=

soprassedere, minimizzare, perdonare

paśàda (paśàdi), agg. =

passata; troppo matura, deteriorata (riferita al cibo)

paśàda (paśàdi), s.f. =

controllo rapido e affrettato | dàch ‘na paśàda! = dagli una passata, un controllo veloce

paśalà, s.m. =

non dare importanza | dàch ‘n paśalà = compiere un’azione affrettatamente e con leggerezza

pascól (pascói), s.m. =

pascolo; l’erba che cresce nei prati dopo l’ultimo taglio del fieno

pascolàa, v.tr. =

pascolare

paśèr, s.m. =

passero

paśerèla, s.f. =

passerella

paśìda (pasìdi), agg. =

appassita, avv.=izzita

paśìi, v. intr.=

appassire

paśìit, agg. =

appassito, avv.=izzito

paśiù, s.f. =

passione, vivo interesse; innamoramento; struggimento

paśiunàs, v. rifl.=

appassionarsi, coltivare un hobby

Pàsqua, s.f. =

Pasqua|  contèet cóma ‘na Pàsqua = contentissimo

pasquèta, s.f. =

pasquetta, Lunedì dell’Angelo 

pàst, s.m. =

pasto  |  bìi a pèna a pàst e fò de pàst = bevo solo a pasto e fuori pasto 

pàsta lónga, s.f. =

spaghetti

pàsta, s.f. =

pasta

pàstasciüta, s.f. =

pastasciutta

pastèl (pastéi), s.m. =

cibo per le galline, impasto di crusca, farina e acqua - TO 

pastèl (pastèi), s.m. =

cibo per le galline, impasto di crusca, farina e acqua - MO 

patentàat, agg. =   

patentato, con qualifica riconosciuta | l’è ‘n asen patentàat = è un asino riconosciuto

pàsti, s.f. =

pasticcini

pastìna, s.f. =

pastina

pastóor, s.m. =

pastore

pastrǜgn, s.m. =

cosa malfatta; pasticcione

pastrügnàa, v. intr.=

pasticciare, far pasticci, manipolare maldestramente

pastrügnàda (pastrügnàdi), s.f. =

cosa malfatta, senza un minimo di precisione

pastrügnìi, s.m. =

pasticcione, confusionario; pasticcio (dim. di “pastrǜgn”)

pastrügnù, s.m. =

pasticcione, confusionario (accr. di “pastrǜgn”)

pastù, s.m. =

impasto, miscuglio di farinacei per le mucche | ‘n pastù de mòlta = un impasto di malta - (vedi “pitànsa”) 

pastǜra (pastǜri), s.f. =

pascolo

pasù, s.m. =

palo in legno da conficcare nel terreno

pasulìi, s.m. =

rapa bianca autunnale

pàta (pàti), s.f. =

patta, apertura sul davanti dei pantaloni  |  butunàa la pàta = abbottonare la patta dei pantaloni

patàta (patàti), s.f. =

patata (vedi anche tartifòl)

patatràch, s.m. =

caduta rovinosa; inconveniente; intoppo;  dissesto; fallimento

patèl (patéi), s.m. =

pannolino, serviva per avv.=olgere i neonati – TO

patèl (patèi), s.m. =

pannolino, serviva per avv.=olgere i neonati – MO

pàter, s.m. =

preghiera  |  di sǜ ‘l pàter = recitare le preghiere

patérès, s.m. =

si dice di persona che prega spesso, ma con una nota di esibizionismo; si dice anche di frutti a grani come l’uva quando gli acini sono troppo distanti o la  loro maturazione non è omogenea

patìda (patìdi), agg. =

patita, sofferente, provata da patimenti

patìi, v. tr. =

patire  |  patìi ‘l frèc’ = soffrire il freddo; patìi ‘l sǜc’ = soffrire  la siccità

patìna (patìni), s.f. =

ciascuna delle piccole appendici in pelle, flessibili, fissate ai lati degli zoccoli delle donne; all’estremità libera presentavano degli occhielli entro i quali passavano le stringhe per l’allacciatura; presina 

patìit, agg. =

patito, sofferente, provato da patimenti

patola, s.f. =

zampa di animale adatta a scavare, grattare come di gatto, talpa, ecc; usato anche per" mano" in modo un pò dispregiativo

patròna, s.f. =

patrona

patròno, s.m. =

patrono

patǜsc’, s.m. =

fogliame per la lettiera delle bestie

paù, s.m. =

pavone

pavarìna, s.f. =

erba infestante

pavimèet, s.m. =

pavimento

pè (pée), s.m. =

piede  |  a pè biót = a piedi nudi; mèt ‘n pée = mettere in piedi, intraprendere, impiantare qualche cosa; vignìi ‘n pè de niènt = non aver nessun profitto | a pè piàa = a pianterreno

péc’, s.m. =

mammelle delle mucche, delle pecore e delle capre – TO

pèc’, s.m. =

mammelle delle mucche, delle pecore e delle capre – MO

pecàat (pecàac’), s.m. =

peccato  |  brǜt cóma ‘l pecàat = bruttissimo

pécen (pécegn), s.m. = 

pettine – TO

pècen (pècegn), s.m. = 

pettine – MO

pécena (péceni), s.f. =

pettine che si usa per le mucche – TO

pècena (pèceni), s.f. =

pettine che si usa per le mucche – MO

pecenàa, v. tr. =

pettinare

pecenàda (pecenàdi), s.f.  e agg. =

pettinata, rimprovero  |  ciapàn ‘n pecenàda = subire una batosta o un rimprovero

pecenadǜra (pecenaǜri), s.f. =

pettinatura, acconciatura, modo di pettinarsi 

pecenàs, v. rifl.=

pettinarsi

pechìno, s.m. =

usato solo nell’espressione “ ‘ndàa a pechìno” = andare in malora

pecinìi, s.m. =

piccolo pettine, pettine tascabile

pedàal, s.m. =

pedale

pedàgn, s.m. =

gonna; la parte del tronco di un albero vicino al ceppo

pedàna (pedàni), s.f. =

orma, traccia del piede sul terreno (vedere “imprónta”)

pèdo nìgro, s.m. =

fante  di picche

pédria, s.f. =

grosso imbuto usato per il travaso del vino  |  al bìif cóma ‘na pédria = beve smodatamente

pedǜgn, s.m. =

scarpa di pezza tipica della Valmalenco

péedefèr, s.m. =

incudine del calzolaio a sagoma del piede

pèer, s.m. =

paio  |  ‘n pèer de scàrpi = un paio di scarpe

pèers, agg. =

perso

pées, s.m. =

peso, contrappeso delle bilance

pégio, avv.=

peggio – TO

pègio, avv.=

peggio – MO

pégn, s.m. =

pegno – TO

pègn, s.m. =

pegno – MO

pègola, s.f. =

pece 

pégora (pégori), s.f. =

pecora

pegorèer, s.m. =

pecoraio, pastore di pecore 

pèl (péi), s.f. =

pelle - TO

pèl (pèi), s.f. =

pelle  |  fan ‘na pèl = fare il massimo sforzo per uscire da una situazione difficile; lagàch la pèl = perdere la vita - MO

pelà fó, v. tr. =

ottenere qualcosa da qualcuno contro la sua volontà - TO

pelà fò, v. tr. =

ottenere qualcosa da qualcuno contro la sua volontà - MO

pelàa, v. tr. = 

pelare, sbucciare

pelàat, agg. =

pelato, calvo; spoglio, brullo, roccioso

pelàda (pelàdi), agg. =

pelata, calva; spoglia, brulla, rocciosa

pelàda (pelàdi), s.f. =

l’azione di pelare; testa completamente calva

pelàgra, s.f. =

pellagra (malattia da malnutrizione)

pelandrù, s.m. =

pelandrone, lavativo, donnaiolo

pélo, s.m. =

usato solo nell’espressione “par ‘n pélo” = per un pelo

pelóos, agg. =

peloso

pelósa (pelósi), agg. =

pelosa

pelòt (pelòc’), s.m. =

robusta e rustica coperta di canapa 

pelǜsc’, s.m. =

lanugine

pèn, agg. =

usato solo nell’espressione “làc’ pèn” = liquido che rimane nella zangola quando si fa il burro, detto anche ”làc’ dèl bütéer”

pèna (apèna), avv.= e cong. =

appena, soltanto, un poco; da pochissimo tempo; subito dopo che (vedi anche apèna) |  a s’ gh’é vìt apèna = ci si vede appena; l’è pèna li dées = sono appena le dieci; l’era pèna ruàda = era arrivata da poco; apèna ca finìsi da da͜ rìgola, te ciàmi = non appena avrò finito di accudire le mucche, ti chiamerò

péna (péni), s.f. =

pena, sofferenza, dolore, penna per scrivere | al pativa li péni de l’infèren = soffriva molto – TO

pèna (pèni), s.f. =

pena, sofferenza, dolore, penna per scrivere – MO

penàc’, s.m. =

zangola a rotazione per fare il burro | sbroiàa gió ‘ndèl penàc’ = sanificare la zangola con acqua bollente

penàgia, s.f. =

zangola a stantuffo a funzionamento manuale per fare il burro 

pendégia, s.f. =

pendenza molto ripida, nome di località situala appena sopra le contrade Barbagli e Lazzaretto al Torchione | s’arìs da spianàa la Pendegia par vìch ‘n pìt pusé de sùul d’envèren = bisognerebbe spianare la Pendegia per avere un po più di sole d’inverno

péndól, s.m. =

pendolo

penèl (penéi), s.m. =

pennello -TO

penèl (penèi), s.m. =

pennello - MO

pèns, s.f. =

pince, cucitura atta a restringere un abito in larghezza

pensàa, v. tr. = e intr.

pensare, riflettere, meditare

pensàch sǜ, v. intr.=

rifletterci

penséer, s.m. =

pensiero, preoccupazione, cruccio

pensiù, s.f. =  

pensione

pensiünàat, s.m. =

pensionato

pént, v. intr.=

pendere, essere inclinato

Pentecósti, s.f. =

Pentecoste – TO

Pentecòsti, s.f. =

Pentecoste – MO

pènula, s.f. =

parte (maschio) sporgente in un incastro

pepè, s.m. =

scarpina in senso vezzeggiativo

pepiàt, s.m. =

individuo dai piedi piatti

pèràa, v. tr. =    

avere tempo, essere disponibile | al pèra ca = non ha tempo

pèrdech, v. intr.=

rimetterci 

pèrdes ià, v. rifl.=

distrarsi; perdere i sensi, svenire 

pèrdes, v. rifl.=

perdersi, smarrirsi, non ritrovare la via del ritorno 

perdù, s.m. =

perdono

perdunàa, v. tr. =

perdonare

perdunànsa, s.f. =

perdono  |  ‘ndàa a tṍö la perdunànsa = andare in chiesa a fare una visita

perfèt (perféc’), agg. =

perfetto - TO

perfèt (perfèc’), agg. =

perfetto - MO

perfèta (perféti), agg. =

perfetto - TO

perfèta (perfèti), agg. =

perfetto - MO

perfina, avv.=

perfino

pèrgola, s.f. =

pergola

perìcól (pericói), s.m. =

pericolo

perlinàa, v. tr. =

rivestire una parete o un sottotetto in legno

permalóos, agg. =

permaloso

permès, s.m. =

permesso, autorizzazione

pernìis, s.f. =

pernice

pèrno, s.m. =

perno

pèrs, agg. =

perso

pèrsa (pèrsi), agg. =

persa

pèrsech, s.m. =

pesca

perseghèer, s.m. =

pesco

pèrt, v. tr. = e intr.

perdere  |  gh’ò pèrs ‘l trèno = ho perso il treno; lagàa pèrt = lasciar perdere, non badare; ‘l tùbo al pèrt = il tubo perde

pèrtega (pérteghi), s.f. =

pertica; misura di superficie vedere “pèrtega”  – TO

pèrtega (pèrteghi), s.f. =

pertica; pertica (misura locale di superficie), in Albosaggia equivale a circa 673 m. quadrati, divisa in 24 tavole; ogni tavola è a sua volta divisa in 12 piedi  - MO

pertegadù,  s.m. =    

colui che pertica i noci | òl vèet l’è òl pertegadù de li vedovi = il vento fa cadere le noci alle vedove

pertegàa, v. tr. =

far cadere le noci battendo i rami con una lunga pertica

perteghèta (perteghèti), s.f. =

listello di legno, ”li petègheti” venivano fissate al legni si sostegno del soffitto di un locale per poi poter intonacare

pertegù, s.m. =

spilungone, individuo alto e snello

pès, s.m. =

pesce 

pésa (pési), s.f. =

pesa pubblica  |  bùna pésa = in sovrappiù

pesàa, v. intr.=

pesare, gravare sulle spalle, essere di peso fisicamente e moralmente, stabilire il peso con la bilancia

pèsc’, s.m. =

abete rosso

pescà sǜ, v. tr. =

estrarre un numero da un’urna

pèsca, s.f. =

pesca, pesca di beneficenza  |  la càna da pèsca = la canna da pesca | la pèsca de S. Cagterìna = la tradizionale pesca a favore della parrocchia durante la festa della patrona

pescàa, v. tr. =

pescare

pescadù, s.m. =

pescatore

pésciaa, v.tr. =

scalciare di animale| l'è 'na vaca che pescia = è una mucca che tira pedate

pesciàda (pesciàdi), s.f. =

pedata, calcio

pesciadù, s.m. =

pedata, calcio

pesciàl, s.m. =

piccolo abete rosso

pesciṍl (pesciṍi), s.m. =

stinco di maiale

pèsem, agg. =

pessimo

pesól, s.m. = 

rigagnolo di acqua che sgorga da una sorgente

pesóla, s.f. =

piccola canale in legno per convogliare l’acqua da una sorgente o da un rigagnolo

pèst, agg. =

usato solo nell’espressione “mǜüs pèst” = faccia tumefatta, sfregiata, ferita 

pèst, s.m. =

cereale usato per minestrone  |  manèstra de pèst = tipica minestra 

pestà fò, v. tr. =

sgusciare le castagne secche con il “pestù”

pèsta sàal, s.m. =

mortaio per frantumare il sale grosso 

pestà sǜ, v. tr. =

spaccare   |  pestà sǜ la lègna = spaccare la legna

pestàa, v. tr. =

pestare; frantumare

pestù, s.m. =

attrezzo per sgusciare le castagne secche; fiasco rivestito di vimini con manico

pèta, v.intr =.imper.

aspetta | pèta ‘n momèet = aspetta un momento

petàcol, s.m. =

sottoveste

pètas, v. intr.=     

portarsi; vedi pórtàs | petàs sǜ a Merìc’ = portarsi a Meriggio 

pètoli, s.f. =

usato solo nell’espressione “vès in de li pètoli” = essere in seri guai

petonèga, s.f. =

tunica lunga e larga | la petonèga dèl prèvet = la tunica del prete

petròli, s.m. =

petrolio

petròz

usato solo nell’espressione “ ’ndàa ‘n petròz” = andare in giro a fare bagordi 

petù, s.m. =

scoreggia

petulù, s.m. =

abito lungo e stracciato

petunàa, v. intr.= 

fare scoregge

péver, s.m. =

pepe

peverù, s.m. =

peperone

pèz, s.m. =

tanto  |  l’è ‘n pèz ca te spèci = ti sto aspettando da molto tempo 

pèza (pézi), s.f. =

pezza  – l’è ‘n gìr con li pézi ‘ndèl cǜ = è in giro con i vestiti rattoppati, è messo male -  TO

pèza (pèzi), s.f. =

pezza |  mètech sǜ ‘na pèza = metterci una pezza, rimediare in qualche modo ad una situazione difficile | l’a crumpàat trèi pèzi par fa sǜ trìi scosài = ha comprato tre pezze di stoffa per  confezionare  tre   grembiuli – MO

pezà sǜ, v. tr. =

vedere “pezàa”

pezàa, v. tr. =

rappezzare, rattoppare, aggiustare vestiti e scarpe, mettere pezze

pezàat, agg. =

rattoppato; pezzato (riferito al mantello degli animali) 

pezàda (pezàdi), agg. =

rappezzata, pezzata  |  ‘na vàca pezàda = una mucca pezzata, dal mantello pezzato 

pezòt  (pezòc’), s.m. =

pezzotto, tipico tappeto tessuto in Val d’Arigna, lavorato con ritagli di stoffa di ogni genere e ornato di disegni vari a tinte per lo più vivaci

pezzṍl (pezzṍi), s.m. =

straccetto  |  fa ‘ndàa ‘l pezzṍl = fare pettegolezzi

piàa, agg.  e avv.=

piano, lentamente

piàa, s.m. = 

piano, pianura,  fondovalle  | “en ga te laorèt, al fosati? sǜ in òlt o giò al piàa?” =” in quale stabilimento del fossati lavori? quello in alto o quello giù al piano? (filatura o tessitura?)”

piàa, v. tr. =

prudere  |  al me pìaa =  mi prude; Òl Mario e la Maria ai gràta ‘n g’à al ghe pìa = il Mario e la Maria grattano dove prude 

piacàa, v. tr. =

nascondere

piacàat, agg

nascosto

piacarṍla, s.f. =

nascondino  |  me giüga a la piacarṍla? = giochiamo a nascondino?

piacàs, v.rifl.=

nascondersi

piàch, s.m. =

usato solo nell’espressione “da piàc” = di nascosto

piacógnàdi, s.f. =

azioni tenute nascoste

piàda (piàdi), s.f. =

morso

piàga (piàghi), s.f. =

piaga; persona che si lamenta per  un nonnulla

piàigiǜda, s.f. =

pianto 

piàisc’, v. intr.=

piangere

piàna (piani), agg. =

piana, liscia, pianeggiante

piàna, s.f. =

piana, luogo pianeggiante  |  sóo ‘ndàc’ fin sǜ a la tèrsa piàna de Bricéra = sono salito fino alla terza piana di Bricera  

pianèl, s.m. =

spiazzo, radura, piccolo piazzale

pianèla (pianéli), s.f. =

piastrella  – TO

pianèla (pianèli), s.f. =

piastrella – MO

piangìna, s.m. =

piagnone, lagna

pianìi, avv.=

pianino, con calma | sóo 'ndàc' a pianìi =  sono andato con calma

piànta, s.f. =

pianta, albero

piantàa, v. tr. =

piantare, interrare una piantina, un palo;  smettere  |  piànta lì = smettila; piantàa en pée ‘n bèl casìi = provocare un pandemonio

piantàat, agg. =

piantata, ben piantato, robusto (riferito a persona)

piantàda (piantàdi), agg. =

piantata, ben piantata, robusta (riferita a persona)

piantagràni, s.m. =

Individuo litigioso

piantàna (piantàni), s.f. =

montante, palo di sostegno nelle impalcature; piantaggine

piàntela, inter, = 

smettila

piàntina, s.f. =

piccola pianta; piantina da semina;  mappa di una città, luogo ecc.

piantù, s.m. =

piantone, guardiano, persona addetta alla sorveglianza

pianǜra, s.f. =  

pianura

piasé, s.m. =

piacere, favore

piasìi, v. intr.=

essere gradito, essere amato

piàt, s.m. e agg. =

piatto (stoviglia); piatto

piàta (piàti), agg. =

piatta

piatìi, s.m. =

piattino

piatìna, s.f. =

carrello su binari

piatól (piatói), s.m. e agg. =

lagna, piagnucoloso| te sèe tròp piatól = sei troppo lagnoso

piatòla (piatòli), s.f.  e agg. =

piattone (insetto parassita), piattola; piagnucolosa, lagna | te sèe ‘na piatòla = sei una lagna

piàza (piàzi), s.f. =

piazza  |  ‘n lèc’ a dói piàzi = un letto a due piazze  

piazàal (piazài), s.m. =

piazzale

pìca (pìchi), s.f. = 

caduta   |  ‘ndàa a pìca” = fare una caduta

picà gió, v. tr. =

picchiare, martellare  |  ‘l sùul al pìca gió = oggi il sole martella, non da tregua; picà gió ‘n giönṍc’ = sbucciarsi un ginocchio

picà ité, v. tr

vedere “picà itè” – TO

picà itè, v. tr

piantare  |  picà itè ‘n ciòt = piantare un chiodo; picà itè la màchina = andare a sbattere con l’auto 

picà sǜ, v. tr

sbattere  |  ò picàat sǜ la cràpa ‘ndèl tèc’ = ho battuto la testa su una trave del tetto

picàa, v. tr. =

picchiare, dar botte, percuotere, sbattere

picànt, agg. =

piccante, saporito

picànta (picànti), agg. =

piccante, saporita

picapréda, s.m. =

scalpellino, spaccapietre

pìch, s.m. =

attrezzo per togliere i cerchi dalla piastra della stufa; attrezzo per attrarre il rami di un albero e facilitare la raccolta dei frutti; seme di picche nel gioco delle carte

pichèt (pichéc’), s.m. = 

picchetto, paletto, cavicchio – TO

pichèt (pichèc’), s.m. = 

picchetto, paletto, cavicchio – MO

pìcio, agg. =

annoiato, stufo   |  vignìi pìcio = annoiarsi a morte

picòl (picòi), s.m. =

picciolo, gambo di un frutto

picutìna (picutìni), s.f. =

fagiolino, cornetto | li guàti picutìni = i bacelli dei fagioli cornetti

piée, agg. =

pieno  |  piée cóma ‘n ṍöf = pieno come un uovo

piée pienènto, agg. = qual.

strapieno, stracolmo, traboccante, colmo 

pièera, s.f. =

prurito

piéga, s.f. =

piega; inclinazione  |  ciapàa ‘na brǜta piéga = volgere al peggio (di situazione); prendere una cattiva strada (di persona)

piegàa, v. tr. =

piegare, inclinare

piéna (piéni), agg. =

piena

pigapàga, s.f. =

altalena, sin. di “pigòlsa” e di “tioltàol”

pìgna (pìgni), s.f. =

stufa, cucina economica

pignàta (pignàti), s.f. =

pignatta, pentola

pignatàda (pignatàdi), s.f. =

pentolata, il contenuto di una pentola

pignatìi, s.m. =

pentolino

pignṍla, s.f. =

qualità di uva

pìgola, s.f. =

pece – MO

pigolàa, v.intr =. 

pigolare (uccellini nel nido)

pigòlsa, s.f. =

altalena 

pìgra (pìgri), agg. =

pigra, indolente, sfaticata

pigrìzia, s.f. =

pigrizia

pìgro (pìgri), agg. =

pigro, indolente, sfaticato

pìis, s.m. =

unità di misura di peso, corrispondeva a circa 8 kg., era diviso in dieci “lìri” ciascuna di quattro “quàrti”;  tipo di bilancia senza piatto, usato anche per pesare il latte

pìl (pìi), s.m. =

pelo  |  cercàa ‘l pìl ‘ndèl ṍöf = cercare il pelo nell’uovo, essere troppo pignolo

pìla (pìli), s.f. = 

catasta;  pila, batteria, torcia elettrica; macchina o attrezzatura per pilare (mondare, pulire, squamare) l’orzo o le castagne |  ‘na pìla de lègna = una catasta di legna

pilàstro (pilàstri), s.m. =

pilastro, sostegno in muratura o calcestruzzo

pilinghèla, s.f. =  

essere in bilico, in equilibrio precario, star per cadere

pilisìna (pilisìni), s.f. =

pellicina  |  la galìna l’à fàc’ l’ṍöf  ‘n pilisìna = la gallina ha fatto l’uovo senza guscio

piltrèra (piltréri), s.f. =

credenza, tipica scansia delle cucine del passato - TO 

piltrèra (piltrèri), s.f. =

credenza, tipica scansia delle cucine del passato - MO 

pilüchìi, s.m. =

granelli sulle maglie di lana

pinciarṍl (pinciarṍi), s.m. =

acino, chicco d’uva che si colora per primo, quando inizia la maturazione

pindicìte, s.f. =

appendicite

pindìif, agg

erto, ripido, in pendenza 

pindìva (pindìvi), agg. =

erta, ripida, in pendenza

pinìi, s.m. =

pennino

pìnola (pìnoli), s.f. =

pillola, compressa medicinale

pìnta  (pìnti), s.f. =

boccale della capacità di circa due litri  |  l’è mèi la pìnta pièna che la mórósa dòpo scèna = è meglio la “pìnta” piena che la fidanzata dopo cena

pintìda (pintìdi), agg. =

pentita, rammaricata

pintìit, agg. =

pentito, rammaricato

pintìs, v. rifl.=

pentirsi, provare rincrescimento

piṍc’, s.m. =

pidocchio; avaro sin. “ciṍc’”

piṍda (piṍdi), s.f. =

tegola di sasso, famose sono le “piṍdi” della Valmalenco

piṍöf, v. intr.=

piovere  |  quant cà al tuna sènsa piṍöf, niènt al se mṍöf = quando tuona senza pioggia, non pioverà

piógiàt, s.m. =

avaro, pignolo

piómbà gió, v. intr.=

cadere pesantemente

piómbà scià, v. intr.=

giungere improvvisamente

piómbàa, v. tr. = e intr.

piombare, sigillare, chiudere ermeticamente; controllare con il filo a piombo la verticalità di un muro

piómp, s.m. =

piombo  |  a piómp = perfettamente verticale

piòna (piòni), s.f. =

pialla

pionàa, v. tr. =

piallare

piòt, s.m. =

componente in legno della mangiatoia, serve anche per legare le vacche nella stalla

piòta (piòti), s.f. =

sasso piatto

pìp, agg. =

molto sensibile al dolore o al caldo e al freddo

pìpa (pìpi), agg. =

vedere “pìp”

pìpa (pìpi), s.f. =

pipa

pipàa, v. intr.=

fumare

pipèra (pipéri), s.f. =

bambinaia – TO

pipèra (pipèri), s.f. =

bambinaia – MO

pipìi, s.m. =

pupilla | pipìi de l’ṍc’ = pupilla

pipìna (pipìni), s.f. =

gallina

pìr, s.m. =

pera

pirèer, s.m. =

pero | ven giò dol pirèer = scendi dal pero, tornare al presente, prendi atto della realtà

pirerṍla (pirerṍli), s.f. =

piccolo cesto fissato all’estremità di una pertica, per cogliere i frutti dei rami più lontani

pìrla, s.m. =

individuo ingenuo, stupidotto

pirlàa, v. tr. =

girare, far girare, rivoltare

pirlàs, v. rifl.=

girarsi  |  as pṍ gnàa pirlàs = non c’è spazio per muoversi

pirlèt, s.m. =

trottola 

pirlìna (pirlìni), s.f. =

perlina, tavoletta di legno per rivestimenti

pirolèta, s.f. =

piroetta (vedi cürmartèl)

pirpisṍl, s.m. =

bacca del biancospino 

pirulìi, s.m. =

trottola, interruttore della luce che su usa nelle camere da letto

pìśa, s.f. =

pipi, urina  |  l’è còlda cóma pìśa = tiepida (riferito a bevanda che dovrebbe essere fresca)

piśàa, v. intr.=

pisciare, urinare  |  pàrla quànca al pìśa li galìni! = taci! (le galline non fanno la pipì)

piśalèc’, s.m. =

piscialletto, bambinetto 

piśaròt (piśaròc’), s.m. =

traversa per il letto, usata nelle culle e nei letti dei bambini, sopra il materasso, per proteggerlo dai danni dell’incontinenza   

piscén, agg. =

piccolo 

piscéna (piscéni), agg. =

piccola 

piscì, avv.=

almeno, quantomeno, perlomeno  |  van piscì ti = vai almeno tu

piscinèla, s.m. =

uomo di piccola statura, bambino 

piscinìi, agg. =

piccolino

piscinìna (piscinìni), agg. =

piccolina 

pisél (piséi), s.m. =

pisello - TO

pisél (pisèi), s.m. =

pisello - MO

piśìna (piśìni), s.f. =

colaticcio della stalla

pisocàa, v. intr.=

sonnecchiare, appisolarsi

pisochèra, s.f. =

torpore, dormiveglia 

pìsól (pìsói), s.m. =

pisolino, sonnellino

pistèch, s.m. =

si congiungono il pollice e l’indice e poi si fa scattare l’indice 

pisulìi, s.m. =

pisolino, sonnellino

pìt, agg. =

poco  |  ‘n pìt de pàa = un po’ di pane

pitànsa, s.f. =  

pietanza, miscuglio di farinacei e “panèl” come mangime per le mucche  

pitìi, avv.=

pochino

pitòca (pitòchi), agg. =

avara, taccagna

pitòch, agg. =

avaro, taccagno

pitóor, s.m. =

imbianchino; pittore

pitrina, s.f. =

pietrina per accendino

pitǜra (pütǜri), s.f. = 

vernice, smalto, tempera; pittura, opera pittorica

pitüràa, v. tr. =  

imbiancare, verniciare, smaltare

piùma, s.f. =

piuma   |  lagàch li piùmi = morire

piumbìi, s.m. =

piombino, piccola zavorra per  le lenze; sigillo

piunìi, s.m. =

piccola pialla

piǜüda, s.f. =

piovuta

piuvisnàa, v. intr.=

piovigginare

pìva (pìvi), s.f. =

piva, cornamusa |  che pìva! = che noia!

pivèl, s.m. =

giovane inesperto

pivìda, s.f. =

malattia che colpisce le galline e i polli, costringendoli a bere continuamente; escrescenza della pelle che cresce alla base dell’unghia, molto dolorosa

piviù, s.m. =

piccione

pìz, agg. = 

acceso; brillo, alticcio

pìz, s.m. =

pizzo, merletto; cima, pizzo 

pìza (pìzi), agg. =

accesa

pizàa, v. tr. =

accendere, accendere la luce, accendere il fuoco; beccare |  pizàa ‘l fṍöch = accendere il fuoco; la galìna la pizà sǜ ‘l rìis = la gallina becca il riso

pìzech, s.m. =

pizzico, piccola quantità; pizzicotto; puntura di insetto

pizèt, s.m. =

pizzetto, barbetta come quella delle capre 

pizigàa, v. tr. = e intr.

pizzicare, pungere

pizigàda (pizigàdi), s.f. =

pizzicotto; puntura di insetto

pizighìi, s.m. =

piccola quantità, pizzico

pizòcher, s.m. =

pizzoccheri, sono tagliatelle casalinghe valtellinesi, fatte con farina di grano saraceno e condite con abbondanza di burro, formaggio molle e verze e patate 

plafù, s.m. =

plafone, soffitto, contro-soffitto, nelle case antiche era composto da fitte stecche di legno chiodate alle travi dei solai e successivamente intonacate

plàstega, s.f. =

plastica

plìch, s.m. =

plico

pòc’, s.m. =                      

ricotta ricavata dal latte del burro (làc’ dèl bütéer)  | pulènta e pòc’ = latte del burro scaldato con aggiunto allume di rocca (lǜm de ròch), rovesciata la polenta pronta dal paiolo, il “pòc”, che affiorava tipo “maschèrpa”, si metteva nel paiolo per tenerlo caldo e alla fine si riversava la polenta dentro nel paiolo assieme al “pòc’” il tutto pronto per essere mangiato.

pö vès, avv.=

forse, può darsi, probabilmente 

pó, avv.=

poi  |  decìt pó ti = decidi tu

poesìa (poesìi), s.f. = 

poesia

poéta (poéti), s.m. =

poeta

póiàn, s.m. =

spossatezza, pigrizia per lo più dovuta a disagio provocato dall’afa; mollezza, indolenza; vedere anche “ròla” 

poiàt (poiàc’), s.m. =

pulcinotto; usato anche per definire la catasta di legna ammucchiata per fare il carbone

pòlech, s.m. =

cardine di porte finestre e ante

pṍlech, s.m. =

pidocchio, pulce

pòles, s.m. =

pollice

pólver, s.f. =

polvere

póm, s.m. =

mela

pómaràns, s.m. =

arancia, sin. “aràns” 

pómàtes, s.m. =

pomodoro

pómèl (póméi), s.m. =

pomello, impugnatura – TO

pómèl (pómèi), s.m. =

pomello, impugnatura – MO

pómèer, s.m. =

melo 

pómpa (pómpi), s.f. =

pompa

pómpà sǜ, v. tr. =

insistere con lodi eccessive e adulatorie per convincere qualcuno a fare qualcosa

pómpàa, v. tr. =

pompare, gonfiare una camera d’aria

pónt (pónc’), s.m. =

punto / punti al gioco

pónta (pónti), s.f. =

punta, puntello; attrezzo del muratore; piccolo quantità

| ò laoràat de pónta e mazzòt = ho lavorato di punta e martello grosso | l’à mès ‘na pónta de légn par tignìl sǜ = ha messo un puntello di legno per tenerlo sollevato

póntàa, v. tr. =

puntare nel gioco (può essere usato anche “puntàa”)

póntasél, s.m. =

ponticello, terrazzino

póntec’, s.m. =

punteggio 

póo, agg.  e avv.=

po’ – TO

pòo, agg.  e avv.=

po’ – MO

pòoca (póochi), agg.  e avv.=

poca – TO

pòoca (pòochi), agg.  e avv.=

poca – MO

pòoch, agg.  e avv.=

poco 

pòor (póri), agg. = 

povero  – TO |  i póri mòrc’ = i poveri morti

pòor (pòri), agg. = 

povero  – MO |  i pòri mòrc’ = i poveri morti

pòr, s.m. =   

porro (ortaggio); verruca, escrescenza sulla pelle

poorèt (poorèc’), s.m. =

povero, poveretto; mendicante – MO

poorèt (póoréc’), s.m. =

povero, poveretto; mendicante – TO

poorèta (poorèti), s.f. =

povera, poveretta; mendicante – MO

poorèta (póoréti), s.f. =

povera, poveretta; mendicante – TO

poorlaò, s.m. = 

poveraccio

pòos, agg. =

raffermo  |  pàa pòos = pane raffermo, del giorno prima

pòpen, s.m. =

gozzo dei gallinacei

popóla (popóli), s.f. =

bambola

popolòt, s.m. =

pupazzo, bambinone, bel fungo porcino  

popòo, s.m. =

bambino piccolo

pòra (pòri), agg. = 

povera

pòrca (pòrchi), agg. =  

porca

pórcherìa (pórcherìi), s.f. =

porcheria, sporcizia, sudiciume, sconcezza 

pòrco, agg. = e inter, =

porco|  pòrco bòia = porco boia; pòrco mòndo = porco mondo

pṍrga (pörghi), s.f. =

purga, purgante

pórscèl (pórscéi), s.m. =

sporcaccione, persona incline a comportamenti immorali – TO

pórscèl (pórscèi), s.m. =

sporcaccione, persona incline a comportamenti immorali – MO

pórscèla (pórscéli), s.f. =

vedere “pórscél” – TO

pórscèla (pórscèli), s.f. =

vedere “pórscèl” – MO

pórscéra, s.f. =

silicosi, questa malattia colpiva le persone che lavoravano in galleria e pertanto era piuttosto diffusa nei nostri paesi 

pòrt, s.m. =

porto; Porto, frazione del comune di Albosaggia 

porta (pórti), s.f. =

porta, uscio – TO

pòrta (pòrti), s.f. =

porta, uscio – MO

pórtàa, v. tr. =

portare  |  portà  fò ‘l sàch = fare contrabbando

portacadìi, s.m. =

portacatino

portafòi, s.m. =

portafoglio

portamèet, s.m. =

portamento

portaṍöf, s.m. =

portauova

portarǜut, s.m. =

porta rifiuti, pattumiera

pórtàs, v. rifl.=

recarsi, portarsi

portèa, s.f. =

porta fatta con piccoli tronchi o rami di legno per chiudere l’orto o un recinto

pòrtech, s.m. =

portico, porticato 

pòśa (póśi), s.f. =

 vedere “pòśa” – TO

pòśa (pòśi), s.f. =

sedile per  il riposo, lungo le strade dei campi c’erano dei muretti dove poter appoggiare la gerla o il “campàc’”, per una breve sosta - MO  

póśàa, v. intr.=

riposare

póśàat, agg. =

riposato

póśàda (póśàdi), agg. =

riposata

póśàda (póśàdi), s.f. =

riposo; sosta nel cammino o nel lavoro

póscàa, v. tr. =

innaffiare  |  póscàa l’òrt = innaffiare

pòst (pòsc’), s.m. =

posto, posto di lavoro  |  ès fò de pòst = essere in disordine; essere indisposto; mèt a pòst = sistemare, riordinare qualcosa, aggiustare; tràa fò de pòst = slogare un’articolazione | al gà ‘n bèl pòst = ha un buon lavoro

pòsta, s.f. =

posta, ufficio postale

póz, s.m. =

pozzo 

póza (pózi), s.f. =

pozzanghera

pràat (pràc’), s.m. =

prato

pradèer, s.m. =

stomaco dei gallinacei

pràns, s.m. =

pranzo

pràtech, agg. =

esperto; funzionale

pràtega (pràteghi), agg. =

esperta; funzionale

pràtega (pràteghi), s.f. =

pratica, esperienza, apprendistato; pratica, procedura amministrativa e relativa documentazione

pratésa (pratési), s.f. =

pretesa

precèt, s.m. =

precetto 

precìis, agg. =

preciso

precipìzi, s.m. =

precipizio, burrone, dirupo

préda (prédi), s.f. =

cote, pietra affusolata utilizzata per affilare la falce che il contadino tiene nel “codèr”, appeso nella parte posteriore della cintola

prèdega (prèdeghi), s.f. =

predica, omelia

predesé, s.m. =

prezzemolo

predù, s.m. =

macigno, grosso sasso un po’ appiattito

pregàa, v. tr. =

pregare

prègn, agg. =

pregno, saturo, colmo

prègna (prègni), agg. =

gravida, pregna

preòst, s.m. =

prevosto 

preostǜra, s.f. =

prevostura, prepositura

prepónta (prepónti), s.f. =

trapunta, coperta imbottita

présa (prési), s.f. =

presa, per la corrente elettrica o l’acquedotto; manciata, pezzo  |  ‘na prèsa de sàal = una manciata di sale | ‘na présa de fórmài = un pezzo di formaggio

prèśa, s.f. = 

fretta, premura 

preśàa, v.tr. =

pressare

preśapòch, avv.=

pressappoco

preséef, s.f. =

mangiatoia nella stalla

presépi, s.m. =

presepio

presù, s.f. =

prigione

presunéer, s.m. =

prigioniero 

pretènt, v. tr. =

pretendere, volere per forza 

prèvet, s.m. =

prete, sacerdote 

previdìi, v. tr. =

prevedere, anticipare intuitivamente

previsiù, s.f. =

previsione

prézi, s.m. =

prezzo, costo

prezióos, agg. =

prezioso

priàal (priài), s.m. =

specie di slitta costruita al momento con due legni di supporto che erano possibilmente dei tronchi (non eccessivamente grossi) con la parte vicina al ceppo incurvata a pipa sui quali, a 79/80 cm di distanza, si legavano alcuni spezzoni "a trevèrs" magari pure fissati con qualche "càmbra", così da avere una slitta alla quale  si poteva attaccare un mulo, cavallo o asino con “ ‘l balansìi" 

pricìis, agg. =

preciso, perfetto

pricìsa (pricìsi), agg. =

precisa, perfetta

primarṍl (primarṍi), s.m. =

giovenca al primo parto, primipara

princìpi, s.m. =

principio, criterio | al ga ca princìpi = non ha criterio, non sa fare

pristìi, s.m. =

forno, bottega del panettiere

pristinèer, s.m. =

panettiere, fornaio 

privatìva (privatìvi), s.f. =

privativa, rivendita di sale e tabacchi e altri generi di monopolio 

prividìi, s.m. =

prete giovane appena uscito dal seminario

probléma (problémi), s.m. =

problema

procesiù, s.f. =

processione

profónd, agg. =

profondo

promèśa, s.f. =

promessa

prónt, agg. =

pronto, preparato 

prónta (prónti), agg. =

pronta, preparata

pròpi, avv.=

proprio, davv.=ero, certamente

protetóor, s.m. =

Protettore | sant Antoni l'è ol protetóor di bes-ciöi = sant Antonio è il protettore del bestiame

provèrbi, s.m. =

proverbio 

provét, v. tr. =

provvedere; darsi da fare per …

prùa (prùi), s.f. =

prova  |  fàa ‘na prùa = fare una prova

pruà sǜ, v. tr. =

provare  |  pruà sǜ ‘na giàca = provare una giacca

pruàa, v. tr. =

provare, tentare, cercare di …

prüfǜm, s.m. =

profumo

pruibìda (pruibìdi), agg. =

proibita, vietata

prüibìi, v. tr. =

proibire, vietare

prüibìit, agg. =

proibito, vietato

pruisòri, agg. =

provvisorio

pruìsti, s.f. p.=

provviste come generi alimentati, fare la spesa

prǜm, agg. num.=

primo

prǜma (prǜmi), agg. num.=

prima

prümavéra, s.f. =

primavera

prusciǜt, s.m. =

prosciutto

pǜ, avv.=

più  |  fàa ‘l de pǜ = darsi arie

pùcia (pùci), s.f. =

intingolo, condimento

pucià gió, v. tr. =

intingere, immergere  |  pucià gió i pée = bagnarsi i piedi (nel bagno, al mare o in un corso d’acqua)

puciàa, v. tr. =

intingere, immergere

pùciaca (pùciachi), s.f. =

impasto di acqua e terra, fanghiglia

pudàa, v. tr. =

potare

pudìi, v. intr.=

potere  |  n’en pṍdi pǜ = non ne posso più 

pùgia (pògia), inter, =

usato con le mucche per fargli spostare la gamba e anche per gli equini

pugià gió, v. tr. =

appoggiare in basso  |  pugià gió bàs = posare in terra

pugiàa, v. tr. =

appoggiare; deporre, posare

pugiṍl, s.m. = 

poggiolo, terrazzino (vedi anche “lobbièt”)

pǜgn, s.m. =

pugno

puìi, s.m. =

pulcino di gallina

pulàstro (pulàstri), s.m. =

pollo, pollastro

pulédro (pulédri), s.m. =

puledro

puléna (puléni), s.f. =

vedere “pulèna” – TO

pulèna (pulèni), s.f. =

sorta di argano dove si  appende la caldaia contente il latte da scaldare per fare il formaggio. E’ un congegno girevole poggiato su un sasso incavato a lato del focolare, composto da una parte verticale e una orizzontale dove si appende la caldaia, così da poterla mettere e togliere dal fuoco.  

pulènta (pulénti), s.f. =

polenta – TO

pulènta (pulènti), s.f. =

polenta – MO

pulentù, s.m. =

polentone, individuo lento, pigro, impacciato 

pulèer, s.m. =

pollaio  |  ‘ndàa a pulèer = andare a dormire

pulerṍla, s.f. = 

gattaiola   |  ǜs ‘n pulerṍla = uscio socchiuso

pulìda (pulìdi), agg. =

pulita

pulintìna (pulintìni), s.f. =

cataplasma, impasto curativo, fatto con semi di lino, scaldati da applicare esternamente per combattere le affezioni polmonari 

pulìit (pulìic’), agg. =

pulito; vedi “nèt”

pulìto, avv.=

fatto a regola d’arte

pulmù, s.m. =

polmone

pǜlpet, s.m. =

pulpito

pùls, s.m. =

polso

pulsìi, s.m. =

polsino

punciàa, v.tr. =

spingere forte

punciòt, s.m. =

utensile in acciaio utilizzato dagli scalpellini per spaccare blocchi di granito 

pundà gió, v. tr. =

mettere in basso, per terra

pundàa, v. tr. =

mettere da qualche parte

pùnta, s.f. = 

 broncopolmonite

puntàa, v. tr. =  

puntare  |  puntàa i pée = puntare i piedi, incaponirsi

(usato anche al posto di “póntàa”)

puntàal (puntàai), s.m. =

puntale, rivestimento metallico all’estremità inferiore di un bastone

puntéc’, s.m. =

ponteggio, soppalco, impalcatura

puntèl (puntèi), s.m. =

puntello; piccola punta; appuntamento amoroso

puntelàa, v. tr. =

puntellare, mettere un sostegno

puntirṍl (puntirṍi), s.m. =

punteruolo

pùnto, s.m. =

punto  |  a li sèt ‘n pùnto = alle sette in punto

puntǜra (puntǜri), s.f. =

puntura, iniezione

pǜür, agg. =

puro

pǜüra (pǜri), agg. =

pura

pùra (pùri), s.f. =

paura

pürgàa, v. tr. =

purgare, somministrare un purgante

pürgàla (pürgàli), s.f. =

fargliela pagare  |  te la pürgarèe! = la pagherai!  MO -  pürgarée  TO

Pürgatòri, s.m. =

Purgatorio

pùri, s.m. =pl

li pùri = racconti riguardanti esseri spaventosi come magadi e diaulù

pürìif, agg. e s.m. =

non esposto al sole, ombreggiato, umido, esposto a nord;  Albosaggia si trova nel versante  (orobico) “pürìf” della valle 

puritìì, s.m. =

poverino, poveretto

puritìna (puritìni), s.f. =

poverina, poveretta

pürìva (pürìvi), agg. = e s.f. =

vedere “pürìf”

puróos, agg. =

pauroso, timido, che ha paura

purósa (purósi), agg. = 

paurosa, timida, che ha paura

pursiù, s.f. =

porzione

purtìna (purtìni), s.f. =

piccola porta

purtù, s.m. =

portone

püscéna, s.f. =

vedere “püscèna” – TO

püscèna, s.f. =

pranzo abbondante fatto di notte dopo la cena – MO

puschìi, s.m. =

annaffiatoio

püsdomàa, s.m. =

dopodomani

püsée, avv.=  (anche pusé -TO e pusè -MO)  

di più, maggiormente, il più, la più parte

pusìbel, agg. =

possibile | l’è ca pusìbel = non è possibile

püstèma (püstémi), s.f. =

ascesso dentario - TO 

püstèma (püstèmi), s.f. =

ascesso dentario - MO 

pustìi, s.m. =

postino

pustìna (pustìni), s.f. =

postina

pustisìi, s.m. =

posticino

pütanghèna, inter, =

perbacco, diamine

pütiféri, s.m. =

putiferio

pütòsto, avv.=

piuttosto

pùuc’, s.m. =  

punto di rammendo, di sutura  |  dàch sǜ ‘n pùuc’ = rammendare

pùut (pùuc’), s.m. =

ponte; ponteggio, impalcatura

quàal, pr.

quale | tàl e quàal = tale e quale

quàat, agg.  e avv.=

quanto | quàat ca l’è = quanto ti devo

quàata (quàati), agg.  e avv.=

quanto | quàati stòri! = quante storie! 

quadèrno (quadèrni), s.m. = 

quaderno

quàdra (quàdri), agg. =

quadra, quadrata

quàdrada, s.f. =

pavimento in legno, solaio, soffitta (sin. spazacà) 

quadrèl (quadréi), s.m. =

mattone – TO

quadrèl (quadrèi), s.m. =

mattone – MO

quadrelàda (quadrelàdi), s.f. =

parete divisoria fatta con mattoni forati

quadrèt (quadréc’), s.m. =

quadretto - TO | quadérni a quadréc’ = quaderni a quadretti

quadrèt (quadrèc’), s.m. =

quadretto - MO | quadèrni a quadrèc’ = quaderni a quadretti

quàdri, s.m. =

seme di quadri nel gioco delle carte

quàdro (quàdri), agg. =

quadrato

quàdro (quàdri), s.m. =

quadro, tela, opera pittorica

quài, agg. = indef.

qualche, alcuni, quali| ‘na quài òlta = qualche volta | quài cà tṍ nàzi? = quali preferisci?

quàia (quài), s.f. =

quaglia

quàiü (quàiüna), pron. = indef.

qualcuno

quàl (quài), pron. =

quale | tàl e quàl = tale e quale

quàla (quàli), pron. =

quale

quàle

usato solo nell’espressione “mìga ès sǜ la quàle” = non sentirsi troppo bene 

qualùra, cong. =

qualora

quànca, avv.= e cong. =

quando | dìm quànca te vègnet = dimmi quando vieni  

quànch, avv.= e cong. =

quando | dómàndech quànch  cal vèe = chiedigli quando viene

quarànta, agg. num.=

quaranta

quaranténa (quaranténi), s.f. =

vedere quarantèna – TO

quarantèna (quarantèni), s.f. =

quarantina, circa quaranta; quarantena, periodo di isolamento per il pericolo di contagio – MO

quarantìi, s.m. =

prodotto agricolo che matura in quaranta giorni (patate)

quarantòt, s.m. =

quarantotto, confusione, subbuglio, pandemonio

Quarantùri, s.f. =

Quarantore (nella liturgia cattolica)

Quarésma (Quarésmi), s.f. =

Quaresima

quàrt, agg. e s.m. =

quarto; la quarta parte, un quarto

quàrta (quàrti), agg. =

quarta

quàrta (quàrti), s.f. =

misura di lunghezza corrispondente alla distanza tra il pollice e l’indice della mano aperta (vedere “spànda”) | l’è gnǜt giǜ ‘na quàrta de nìif = è caduta un spanna di neve

quartìi, s.m. =

quarta parte di litro  | ‘n quartìi de vìi = un boccale di vino da un quarto di litro

quartirṍl, s.m. =

detto di fieno tardivo, quarto taglio del fieno, tipo di formaggio della val  Taleggio

quaśi, avv.=

circa, quasi | l’è quaśi marǜt = è quasi maturo

quaśi-seràat, agg. =

socchiuso, semi aperto

quàt, agg. = 

quatto

quatà gió, v. tr. =

coprire con le coperte, tumulare

quatà ià, v. tr. =

insabbiare, mettere a tacere

quatà sǜ, v. tr. =

avv.=olgere, mettere il coperchio

quatàa, v. tr. =

coprire, nascondere, occultare

quatàs gió v. rifl.=.

coprirsi con le coperte

quatàs sǜ, v. rifl.=.

coprirsi con indumenti

quatòrdes, agg. num.=

quattordici 

quàtro, agg. num.=

quattro

quatrṓc’, s.m. =

quattrocchi, persona che porta gli occhiali (scherzoso) 

quièt, agg. = 

quieto, fermo 

quièta (quiéti), agg. =

quieta, ferma – TO

quièta (quièti), agg. =

quieta, ferma – MO

quìndes, agg. num.=

quindici

quintàl (quintài), s.m. =

quintale

quistiù, s.f. =

questione, problema; contrasto divergenza di opinioni

quistiunàa, v. intr.=

questionare, discutere in modo secco e deciso

raca (rachi), s.f. = 

elemento dei filari delle vigne; si tratta di un filo di ferro (o di tralci di viti legati tra loro) che viene teso una quarantina di centimetri sotto la pertica e dove si legano i tralci destinati a produrre uva | fàa su la raca

ràar, agg. =

raro

ràas, agg. =

raso, pieno, sfinito | ‘n cavàgn ràas de sciarési = un cesto pieno di ciliegie | sòo viàat scià ràas, n’óo ràas li bàli (sono sfinito, ne ho piene le palle)

ràas, s.m. =      

una gerla piena | ’n ràas de fèe = un carico di fieno | ‘n ràas de fòi = una grossa gerla (“campac’ “) di foglie

rabàrber, s.m. = 

rabarbaro

ràbbia, s.f. =

rabbia | vès en ràbbia = essere atrrabbiati con qualcuno

rabbióos, agg. =

rabbioso

rachìtech, agg. =

rachitico

racòla, racòlàda, s.f. =

pretesto, scusa, chiacchera | tira cà scià  racòli = non accampare scuse

radìis, s.f. =

radice

ràfa, s.f. =

solo nell’espressione ó de rìfa ó de ràfa = o di riffa o di raffa, per amore o per forza

ragiugnér, s.m. = 

ragioniere 

ragiunàa, v. intr.=

ragionare

ragiunamèet, s.m. =

ragionamento

ràgn, s.m. =

Ragno | l’è còma töö fò ‘n ràgn dal böc’ = è come togliere un ragno dal buco, cosa di difficile soluzione

ragnìna, s.f. =

ragnatela

ràisc’, agg. =

rancido, stantio 

ràiten, s.m. =

operazione fatta per stringere una legatura fatta con il filo di ferro, si mette un chiodo tra la legatura e la cosa da legare e si fa girare il chiodo, finché il filo di ferro si tende al massimo

ràm, s.m. =

ramo, rame

raméngo, s.m. =

solo nell’espressione ‘ndàa a ramengo = andare in rovina

ramignàga, s.f. =

rete metallica; sinonimo di “réet”

ràmpa, s.f. =

rampa

rampàa v.intr =.

arrampicare| rampàa sǜ par ‘na rìva = salire su per un pendio

rampègàa, v. intr.=

arrampicare | rampègas sǜ en de’n pirèer = arrampicarsi su un pero

rampègada, s.f. =

arrampicata

rampìghìi,  s.m. =

arrampicatore

rampìi, s.m. =

gancio, uncino

rampógn, s.m. =

rattoppo fatto alla buona; anche di persona dal fisico piccolo e sgraziato | l’è iscé ‘n rampógn = è sgraziato

rampógnàa, v. tr. =

rattoppare alla buona

rampognàda, s.m. =

rattoppo malfatto | l’a fàc’ sǜ ‘na rampognàda =ha fatto un rammendo grossolano

ràna, s.f. =

rana

randèl, s.m. =

bastone

randèlada, s.m. =

bastonata

ranegàa, v. intr.=   

provare sensazione molto sgradevole di cattivo odore | sé ranega dala spǜzza = si soffoca per la puzza

ranèla, s.f. =

rondella per guarnizioni

rànfech, s.m. =

crampo | vìch te ‘l rànfech = avere un crampo

rangiàa fó, v. tr. =

ristrutturare la casa

rangiàa, v. tr. =

Arrangiare, aggiustare, sistemare  = rangiàa i cünc’ = sistemare i conti | rangiàa i cavèi = pettinarsi

rangiàs, v. intr.=

arrangiarsi

rangotàm, s.m. =

individuo rozzo e goffo

ranù, s.m. =

si usa solo nell’espressione “ ‘ndàa a ranù” = gattonare

ranzài, s.m. =

ritagli di carne

raòsola, s.f. =

buca abbastanza profonda scavata per introdurre concime a nutrimento delle viti

rapotàda, agg. =

vedi "rampógnàda" - cosa tenuta assieme in malo modo senza arte nè parte

ràsa, s.f. =

resina delle conifere, carico di materiale contenuto in una gerla o in un “campaggio” (grossa gerla),  piena | ‘na brènta ràsa de vìi = una brenta piena di vino fino all’orlo 

rasàa, v.tr. =

rasare, tagliare in modo uniforme

rasàat, agg. =

rasato, tagliato bene

ràs-c’, s.m. =

tridente (attrezzo usato per spostare erba, stallatico…)

ras-ciàda, s.f. =

colpo di tridente | ‘na ras-ciàda = un colpo di tridente | ‘na ras-ciàda de gràsa = il letame che stà su i denti del “ràs-c’ 

raśega, s.f. =

sega, segheria | al laòra ‘ndèla sua raśega = lavora nella sua segheria

raśegàa, v. tr. =

segare| ‘na màchena da raśegàa li bóri = una macchina per segare i tronchi

rasegadǜsc’, s.f. =

segatura

rasegòt, s.m. =

 segantino, operaio addetto alla segheria

rasèl, s.m. =

grembiule tirato in alto e tenuto con una mano per contenere cose | rastèla bée ca 'l ve sǜ amó 'n rasèl de fée = rastrella bene che ne raccogli ancora un pò di fieno

rasèna, s.f. = 

carico portato con il campaggio  (vedi anche “ràsa”)| ‘na rasèna de patǜsc’ = un campaggio pieno fino all’orlo di strame

rasìa, s.f. =

voglia sfrenata | al me vée la rasìa = mi viene la voglia

raśighìi, s.m. =

seghetto

rasóor, s.m. =

rasoio

ràspa, s.f. =  

raspa, arnese usato per la rifinitura dei legnami, spatola per grattare i formaggi nella casera.

raspàa, v. tr. =

raspare, ripulire grattando con una raspa | la fàm l’à ghe batèva, l’à raspàat sǜ tǜt = la fame era tanta, ha ripulito il piatto | raspàa giò ‘l tàrai, raspàa sǜ li crósti dèla pulènta = ripulire il mestolo, le croste del paiolo  della polenta | raspàa gió i òss = mangiare tutta la carne vicino all’osso (quando si ammazza il maiale si fanno bollire gli ossi ripuliti, grossolanamente, dalla carne con cui si fanno gli insaccati | raspàa scià = radunare, ammassare

raspadǜsc’, s.m. =

rimasuglio

raspighìi, s.m. =

irritazione alla gola | ghó gió ‘n raspìi ‘ndèla góla,  saró pó réet a ciapàa la ’nfrüènza = ho la gola irritata, sto covando l’influenza

raspìi, s.m. =

piccola raspa 

raspòl, s.m. =

tutolo, l'interno legnoso della pannocchia del granoturco dove sono attaccati i grani

rastèl, s.m. =

rastrello, attrezzo in legno con denti in ferro o in legno per pulire il terreno, raccogliere il fieno,  lo strame … | i soldi ai vée ca scià col rastèl = non è facile procurarsi denaro

rastèlàa, v. tr. =

rastrellare | rastelàa scià tuti li órbèdi = raccogliere bene il fieno anche nei piccoli terreni erbosi, come quelli vicino alle vigne

rasteladǜsc’, s.m. =

piccola quantità di fieno rastrellato

rastèlèt, s.m. =

rastrelliera, attaccapanno a muro di solito in legno

ràt, s.m. =

topo | l’è cóma òl ràt ‘ndèla stùpa = è in una situazione difficile 

ratàda, s.f. =

una cosa fatta male

ratatǜia, s.f. =

cianfrusaglia, ammasso, oggetti di rifiuto

ratèra, s.f. =

armadio con rete per formaggi in cantina per evitare che lo mangino

ratulìi, s.m. =

Topolino | pòor ratulìi! = povero piccolo!

ràva, s.f. =

rapa | cünta sǜ la ràva e la fàva = ciarlare, dilungarsi nei particolari

ravanàa, v.tr. =

rovistare, palpeggiare

ravanèl (ravanéi), s.m. =

rapanello - TO | ravanéi, remolàz, trèi palànchi al maz….( versi di una canzoncina popolare)

ravanèl (ravanèi), s.m. =

rapanello - MO | ravanèi, remolàz, trèi palànchi al maz….( versi di una canzoncina popolare)

ravìscia, s.f. =

pianta della rapa bianca

ràza, s.f. =

razza  | cùnic’ de ràza gròsa = coniglio di razza grossa | chè raza! = altro che!

razàa, v. intr.=

riprodursi riferito agli animali

rèbaltàa, v. tr. =

ribaltare

rebaltàs, v. rifl.= 

ribaltarsi

rèbaltù, s.m. =

contraccolpo, rimbalzo | gh’ò ciapàat ‘n rèbaltù e sòo ‘ndàc’ gió ‘n réet | ho preso un contraccolpo  sono caduto all’indietro)

rèbatìi, s.m. =

ribattino, rivetto

rèbatù, s.m. =

 solleone, raggi dannosi del sole | sta ca ilò sóta al rebatù dèl sùul = non stare sotto il sole cocente

rèbatǜüt, agg. =    

ribattuto | l’è cóma ‘n ciot rèbatǜt = è testardo (detto anche di persona ignorante)   

rebelòt, s.m. =

confusione, disordine, pandemonio, trambusto  |  l’à piantàat sǜ ‘n rebelòt = ha suscitato un pandemonio

rebṍc’

usato solo nell’espressione “ndàa dal rebṍc’”  = cibo andato di traverso

rebómbàa, v.tr. =

rimbombare

rebucàa, v. tr. =

intonacare con malta un muro

rebucàda, s.f. =

intonacatura | ghó dàc’ gió ‘na rebucada =ho dato l’intonaco

rebǜt, s.m. =

germoglio che rispunta successivamente; pascolo ricresciuto dove le mucche hanno già pascolato 

rèbütàa, v. tr. =

germogliare di nuovo | i garsṍi i’era  gelàac’ dala brìna, adès i’è réet a rebǜtàa = i germogli ero gelati per la brina, ora stanno rispuntando  | gh‘ò més i tartifói gió ‘ndèl niólt, al scǜür, iscié i’è ca rebǜtac’  | ho messo le patate in cantina, cosi non sono germogliate

rècàa, v. tr. =

vomitare

rècadusc’, s.m. =

vomito

recalcàat, s.m. =

individuo tracagnotto

rècalcàda, s.f. =

contraccolpo

recaòlt, s.m. =

curva o deviazione su sentiero o mulattiera dovuta a un impedimento (frana, smottamento, alberi caduti sul sentiero)

rèclam, s.m. =

reclamo, contestazione

rèclamàa, v. tr. = 

reclamare, protestare

rècognós, v. tr. = 

riconoscere, ammettere | rècognósi da vìi sbagliàat = riconosco il mio sbaglio

rédàa, v. tr. = 

rendere, durare | chèst àn l’ ǜa l’è rédàda = quest’anno la vendemmia è stata buona | ‘ncṍö ‘l me réda òl laoràa = oggi lavoro con profitto | fàla rédàa  = falla durare

rèdès, s.m. =

bambino 

reditàa, v.tr. =

ereditare | l’ha reditàat tǜt lèe =  eredita tutto lei

redondèl, s.m. =

spessore per le vite o per i chiodi

redónt, agg. =

rotondo

réet, s.f. =

rete, appresso (dietro) | la cintàat còla réet zingàda = ha recintato con la rete zincata; tö sǜ réet ol gèrlo = portati appresso la gerla; si usa anche nell’espressione “l’è réet a fàa ….” = sta facendo; a volte assume significato di spostamento all'indietro | sòo dàc' giò en réet = sono caduto all'indietro

rèf, s.m. =

filo per cucire | e’ carèl de rèf = un rocchetto di filo | te sée ‘n réet ‘n càr de rèf = sei molto indietro, non sei aggiornato

refeziù, s.f. =

refezione

refilàa, v.tr. =

rifilare (vedi anche “rifilàa”)

refrǜc’, s.m. =

rifiuto

rèfudàa, v. tr. = 

rifiutare

regàl, s.m. =

regalo

regalàa, v. tr. = 

regalare, donare

regàta, avv.=

prestissimo, vicinissimo, immediatamente | m’à fàc’ a régàta = ce lo siamo rubato dalle mani | a régàta d’àcqua = immediatamente prima della pioggia

regìna, s.f. =

regina

regióor, s.m. =

anziano di casa, capofamiglia

regióra, s.f. =

anziana di famiglia, nonna

registràa, v. tr. = 

registrare

registrada, s.f. =

registrata, regolata | dach ‘na registràda = dare una regolata, mettere in riga

regìstro, s.m. =

registro

règola, s.f. =

regola | mi sòo ‘n règola = sono a posto con la legge | a règola  = a rigór di logica

regolàa,  v. tr. =

regolare; dar da mangiare alle mucche 

regòrd, s.m. =

ricordo | de sti àgn, de me regòrd = mi ricordo dei tempi passati

regordàs, v. intr.=

ricordarsi | miga regordàs dala bùca al nàas = non ricordare niente | me regòrdi ca pǜ = non mi ricordo più

regrès, s.m. =

pertinenza, terreno attorno alle case

reguàrt, s.m. =

riguardo, rispetto, deferenza  |  al gh’à ca reguàrt da nügǜü = non ha rispetto per nessuno

remàa scià, v. tr. =

raccogliere| rèmàa scià patüsc’ = raccogliere strame nel bosco

remàat, agg. =

malridotto

remàda, s.f. =

batosta, sacco di botte | ‘nóo ‘ciapàat ‘na remàda = le ho prese di santa ragione 

rembambìit, agg. =

rimbambito, stupido

rembómb, s.m. =

rimbombo, eco di scoppio

rembombàa, v. tr. =

rimbombare (di uno scoppio, di un tuono, ecc.)  

remèers, s.m. =

ricrescita dell’erba, vedere “rebǜt”

remenàla, v. tr. = 

rimestare vecchie questioni | al contìnua a remenàla = continua a insistere | tǜti li ólti al le reména sǜ = ogni volta insiste su quel fatto

rèmolàa, v. intr.= 

disgelare del terreno | à la fìi de ginèer al desgèla dapartǜut = a fine gennaio c’è il disgelo dappertutto

remòlaz, s.m. =

ramolaccio, tipo di rapa piccante e amarognola

remondàa, v. tr. = 

tagliare l’erba che si trova ai bordi dei prati, dopo la falciatura meccanica | ò laoràat a fàa li remóndi = ho tagliato l’erba rismasta ai bordi del prato 

remondadǜra, s.f. =

l’operazione di mondatura dell’orto per liberare le verdure dalle erbacce

remòol, s.m. =

disgelo 

rencrès, v. intr.=

dispiacersi  | ihṍo, s’al me rèncres! = quanto mi dispiace!

rènden (rèndegn), s.m. =

finimento del cavallo, redini 

rèndes, v. intr.=

rendersi, arrendersi | rèndes mó cǜnt!  = renditi conto!

réngàa, v. intr.=

incornarsi da parte delle mucche | dói vàchi i réet a réngàa = due mucche si prendono a cornate 

rènt, v. tr. = 

rendere | sto sìt al me rènt ca niènt, l’è nóma sàs = (questo terreno non rende niente, son solo sassi | rèndes ca cǜnt = non rendersi conto

rèntàa, v. tr. = 

legare gli animali | l’asen l’è rentàat defò dèla porta = l’asino è legato dietro la porta  (centrare un bersaglio)

rèoltàa, v. tr. =

rivoltare | reoltàa òl cól dèla camìśa = rivoltare il collo della camicia 

reoltàs, v. rifl.=

ribellarsi | am ghèva ca òl coràgio da reoltàs = non avevamo il coraggio di ribellarci | eoltàs ‘ndèl léc’ = rivoltarsi nel letto  

reoplàno, s.m. =

aereo

reparàa, v. tr. =

riparare

reparàs, v. rifl.=

ripararsi | reparàs dal temporàl sóta ‘na tècia = ripararsi dal temporale sotto una tettoia

reportàa, v. tr. = 

riportare, ricollocare, fare i conti | m’a rèportàat òl cünt dèl làc’ = abbiamo fatto i conti della pesa del latte e riportato il dare e l’avere (relativo alla pratica di caseificare il latte in società in alpeggio o in contrada)

repulìsti

usato nell’espressione fare repulisti; spazzare, riordinare

requi, s.f. =

requie, riposo, tregua | al trùa ca requi  = non trova riposo, pace

requiàa, v. intr.= 

fermarsi a riposare un momento | làghem requiàa ‘n àmen  = lasciami riposare un attimo

réquiem, avv.=

preghiera per i defunti | dì sǜ ‘n réquiem par i pòri morc’ = dire un requiem per i poveri morti

rès, s.m. =

tordella, uccello simile al tordo

rèsca, s.f. =

lisca di pesce

rèscoldàa, v. tr. = 

riscaldare

rescoldàat, agg. =

riscaldato | d’en sìra nóma manèstra rescoldàda = di sera solo minestra riscaldata

resentàa, v. tr. =

risciaquare | te l’è càach resentàat ol sadèl dal làc’? = non l’hai ancora risciaquato il secchio del latte? (si tratta del secchio per mungere)

resentàat, agg. =

risciaquato | ciòch resentàat = ubriaco fradicio

résist, v. intr.=

resistere

resistènt, agg. =

resistente

resolàa, v. tr. =

risuolare le scarpe

respèt, s.m. =

rispetto, vergogna | al ga respet de tǜc’= ha vergogna di tutti

respìir, s.m. =

respiro

respónt, v. intr.=

rispondere, opporsi | al respónt sèmpri = si oppone sempre | al gh’à respondǜt sǜbet = gli ha risposto subito

rèst, s.m. =

resto

restàa, v. intr.=

restare, stupirsi | a sintìi sti róbi mi sòo restàda! = a sentire queste cose mi sono stupita | l’è restàat ‘n réet dal pa e dala màma cal era amò piscèn |  rimasto orfano da piccolo

restàch, v.rifl.=

restarci nel senso di morire sul colpo morire sul colpo

restìif, agg

restio

rèsù, s.f. =

ragione | al vōl amó vich rèsù lǜü  = vuole ancora aver ragione lui

rètai, s.m. =

ritaglio, frattaglia | con tǜc’ i rètai se fa ité li luganèghi de segónda = con i ritagli del maiale si fanno le salsicce di seconda scelta

rètràa, v. tr. =

spostare, maneggiare, adoperare | l’à laorat tǜt ol dì a rètra sas par fa sǜ ‘na muraca = ha spostato sassi per tutto il giorno per farne un mucchio, si tratta dei sassi tolti dai campi e dalle vigne e ammucchiati ai lati per migliorare la qualità del terreno e per segnare i confini 

reultù (rebaltù), s.m. =     

ribaltone, disordine; uomo  che fa le cose di corsa e disordinatamente

réum, s.m. =

Dolore reumatico alla giunture

rèverdìda, s.f. =

contrasto, rivolta, fare il bastian contrario | lü al me dis sèmpre chèl c’ó da fàa è mi fòo a reverdida

rìc’, agg. =

diritto, giusto, ben fatto | al rìc’ = a posto, far bene | a  le fa ca al ric’ = non lo fa bene

ricadǜda (ricadǜdi), s.f. =

ricaduta

ricalcàa, v. tr. =

ricalcare  | ricalcàa ‘n disègn = ricalcare un disegno

ricàm, s.m. = 

ricamo

ricéf, v. tr. =

ricevere

rìcet, s.m. =

ricino  |  òli de rìcet = olio di ricino

ricéǜda (ricéǜdi), s.f. =

ricevuta

rìcia (rìci), agg. =

diritta, destra | la màa rìcia e la màa ‘nvèrsa = la mano destra e la mano sinistra

rìfa

solo nell’espressione ó de rifa ó de ràfa = o di riffa o di raffa

rifàa, v. tr. =

rifare

rifilàa, v. tr. = 

rifilare | rifilàa li scódesci = rifinire le “scódesci”

riflès, s.m. =

riflesso, balenio di luce riflessa (gibigiana in dialetto milanese)

rìga, s.f. =

riga, linea | la riga i’mèz,…di cavéi = scriminatura

rigàa, v. intr.=

rigare, usato anche nell’espressione “rigàa rìc’” = comportarsi bene, non sgarrare, far sempre giudizio

rigolàa,  v. tr. =

accudire il bestiame (vedere anche “da rìgola” e “da vèrs”)– TO

rìis, s.m. =

riso

rimédi, s.m. =

rimedio, riparo; ripiego  |  gh’è pǜ rimédi par nügǜü = non c’è rimedio per nessuno

rimisìù, s.f. =

remissione, perdono|’l gh’è ca rimisiù par nughǜu = non c’è perdono per nessuno

rinfaciàa, v. tr. =

rinfacciare

ringhéra, s.f. =

ringhiera, riparo in ferro

ringraziàa, v.tr. =

ringraziare

rinoàa, v. tr. =

rinnovare, fare di nuovo  |  rinoàa la paténte = rinnovare la patente

rioltèla (rioltèli), s.f. =

rivoltella, pistola

ripàr, s.m. =

riparo, protezione; argine di un corso d’acqua (vedere anche “àrgen”)

ripasàa, v.tr. =

ripassare

ripét, v. tr. =

ripetere, tornare a dire | al ripét sèmpre li stèsi ròbi = ripete sempre le stesse cose

ripiéna, s.f. =

ripiena, materiale di scarto sul retro dei muri di sostegno

riquadràa, v.tr. =

riquadrare un legno

riquàdro, s.m. =

riquadro

risc’, s.m. =

riccio della castagna; piccolo mammifero insettivoro con il dorso ricoperto di aculei; acciottolato | quànca se càrga mùut ‘n Val de Tógn se  pàśa  sǜ par òl rìsc’ de Scarpatéc’  = quando si fa la transumanza verso l’alpeggio della Val di Togno si attraversa Sondrio passando sull’acciottolato si Scarpatetti

risciàa, v. tr. =

acciottolare, coprire di ciottoli una piazza, una via

ris-ciàa, v. tr. = e intr.

rischiare, arrischiare, tentare correndo un rischio

risciàda (risciàdi), s.f. =

acciottolato, selciato, pavimentazione stradale con ciottoli

ris-ciàs, v. rifl.=

arrischiarsi, esporsi  |  me rìs-ci mìga = non mi fido, non oso

rìs-cio (rìs-ci), s. m. 

rischio, tentativo, azzardo

ris-cióos, agg. =

rischioso, azzardato, pericoloso

ris-ciósa (ris-ciósi), agg. =

rischiosa, azzardata, pericolosa

riscuntràa, v. tr. =

riscontrare, rispondere  a una lettera

risìna, s.f. =

riso di seconda scelta, veniva utilizzato come mangime per le galline 

risinìi, s.m. =

tutolo, interno della pannocchia di mais dove sono attaccati i grani

rìsma, s.f. =

compagnia, combriccola

risölàa, v.tr. =

risuolare 

risòt, s.m. =

risotto; confusione

rispàrmi, s.m. =

risparmio

risparmiàa, v. tr. = e intr. 

risparmiare; fare economia

rispetóos, agg. =

rispettoso, bene educato; timido, pieno di soggezione

rispetósa (rispetósi), agg. =

rispettosa, bene educata; timida, piena di soggezione

rispòsta (rispósti), s.f. =

risposta; messaggio - TO |  al fà li rispósti = riferisce i messaggi

rispòsta (rispòsti), s.f. =

risposta; messaggio - MO | ò da fàt dói rispòsti = devo riferirti due messaggi

ritràt (ritràc’), s.m. =

ritratto

riva, s.f. =

pendio, vedi anche pendegia

rivangàa, v.tr

rivangare rogne

rivedès, inter, =

arrivederci

riverènsa, s.f. =

reverenza

rivìna, s.f. =

rovina, frana

rivinàa, v. tr. =

rovinare, mandare in rovina, guastare

rìz, sm.

ricciolo | al gh’à sǜ i rìz = ha i riccioli

rizàa, v. tr. = e intr.

legare i tralci della vite alla pertica e alla “ràca” nella coltivazione della vigna

rizèta (rizéti), s.f. =

ricetta, prescrizione medica – TO

rizèta (rizèti), s.f. =

ricetta, prescrizione medica – MO

rizzól (rizóla), agg. = s.m. =

riccioluto, riccioluta, ricciolo

rizzulìi, agg. =

dim. di “rizól”

rizzulù, agg. =

accr. di “rizól”

ròba (ròbi), s.f. =

roba, cosa; patrimonio, averi; prodotto, manufatti | ròbi da màt = cose da pazzi | ròba da ciòt = cosa assurda | al gh’à tàata ròba = è ricco | ròba salàda = salumi in genere    

robàa, v. tr. =

rubare  | cóma ò da fàa a fàa ròba: ròba! = nella valle dell’eco se chiedi: come devo fare ad arricchire, l’eco risponde: ruba!

robamazèt, s.m. =

ruba mazzetto, tipo di gioco delle carte

rochèt, s.m. =

rocchetto per filo

rṍda (rṍdi), s.f. =

ruota  | ‘ndàa a rṍda = approfittare della generosità altrui  | ùisc’ li rṍdi = corrompere qualcuno con regalie  | l’ǜltima rṍda dèl càr = individuo che non gode di nessuna considerazione 

rödàna (rödàni), s.f. =

solco lasciato da una ruota sul terreno molle, fangoso o innevato

ròdegàa, v. tr. =

rastrellare il prato in primavera per sollevare i resti del letame messo in autunno 

rödèla (rödéli), s.f. =

rotella -  TO  |  ‘ndàa a rödéli = andare a rotoli

rödèla (rödèli), s.f. =

rotella -  MO  |  ‘ndàa a rödèla = andare a rotoli

róeda (róedi), s.f. =

pianta di rovo| al vèe sù nóma roedi 'nde sto bósch = crescono solo rovi in questo bosco

róedèer, s.m. =

roveto

rogaziù, s.f. =

rogazioni, processioni che si svolgevano in primavera, dopo Pasqua, in campagna per propiziare un buon raccolto

rógia (rógi), s.f. =

roggia, canale artificiale di modesta portata utilizzato per irrigazione e per alimentare i mulini ad acqua  

rógiàl (rógiài), s.m. =

diminutivo di “rógia”

rógna (rógni), s.f. =

litigio; rogna, scabbia; rogna, guaio, affare intricato; tralcio non fruttifero che nasce lungo il ramo vecchio della vite | chili dói i’è sèmpri ‘n rógna = quelle due sono sempre in rissa | ò laoràat a fa gió li rógni = ho tolto le “rógni” dalla vite

rognàla    

infastidire, provocare | l’é sèmpre réet a regnàla  = continua a stuzzicare, provocare

rógnàa, v. intr.=

litigare

rógnólàa, v. intr.=

brontolare, lamentarsi

ròla, s.f. =

svogliatezza, noia, mollezza, indolenza (vedere anche “póiàn”)

rómp, v. tr. =

rompere

roncàa, v. tr. =

dissodare in profondità un terreno per renderlo adatto a particolari culture

róndena (róndeni), s.f. =

rondine

rónfàa, v. intr.=

russare, sinonimo di “sciorgnàa”

ronzàa, v.tr. =

ronzare

ròp, s.m. =

coso, cosa, oggetto generico

rós, agg. =

rosso  |  ‘l rós de l’ṍöf = il tuorlo

róśa (róśi), agg. =

rossa

rṍsa (rṍsi), s.f. =

rosa (fiore)

ròsa, s.f. =

rosa (colore)

rosàda (rosàdi), s.f. =

rugiada

rosàri, s.m. =

rosario  vedere “cùruna”  | di sǜ ‘l rósàri = recitare il rosario

ròscia, s.f. =

folla, moltitudine di persone o di animali  |  ‘na ròscia de rèdès = una moltitudine di bambini

rosegàa, v. tr. =

rosicchiare, sgranocchiare

rosmarìi, s.m. =

rosmarino vedere ”güsmarìi”

rosnàa, v. tr. =

piovigginare

rosoiàa, v.tr. =

rosicchiare

róśola, s.f. =                       

uva rossola (è un tipo di vitigno)  

rosòli, s.m. =

rosolio

ròst, s.m. =

arrosto  | gràs de ròst = persona indisponente

rót, agg. =

rotto

róta

usato solo nell’espressione “a róta de còl” = velocissimamente

róta (róti), agg. =

rotta

rótàm, s.m. =

rottame

rótamàt, s.m. =

robivecchi, commerciante di rottami

rótsàch, s.m. =

zaino, sacco da montagna

ruàa, v. intr.=

arrivare, giungere

ruàch, v. intr.=

riuscire in un intento  | ghe sóo ruàat = ci sono riuscito

rübìi, s.m. =

robinia

rùca, s.f. =

rocca, serviva per filare la lana: era costituita da un semplice bastone lungo come un manico di scopa, ma più sottile e terminante a forcella, dove si  metteva una manciata di lana da filare |  iè stàc’ tǜc’  filàat gió dala stèśa rùca = sono stati filati con la stessa rocca, sono tutti uguali

rucàda (rucàdi), s.f. =

manciata di lana posta sulla rocca per essere filata

rüdù, s.m. =

grossa ruota; persona che approfitta della generosità altrui

rüéra, s.f. =

ammasso disordinato; luogo dove si radunano alla rinfusa rifiuti e cianfrusaglie di ogni genere

rüfiàa, s.m. =

spia, delatore 

rüfianàa, v. intr.=

spiare e riferire

rüfianàda (rüfianàdi), s.f. =

spiata e delazione

rügàa, v. intr.= 

rovistare, rimestare, frugare in un cassetto o in un mucchio di cose varie; indispettire, molestare, seccare, provocare  |  rǜghela mìga = non mi rompere le scatole!  (vedi “sgariàa”)

rügàda (rügàdi), s.f. =

lavoretto da nulla, un po’ noioso eseguito senza particolare fatica o impegno

rügamèet, s.m. =

disturbo intestinale  | gh’ò ‘n rügamèet de vètro = ho un disturbo intestinale

rügamèrda, s.m. =

scarabeo, persona pettegola

rǜgen, s.f. =

ruggine

rügenèet (rügenéc’), agg. =

arrugginito – TO

rügenèet (rügenèc’), agg. =

arrugginito – MO

rügenèta (rügenéti), agg. =

arrugginita – TO

rügenèta (rügenèti), agg. =

arrugginita – MO

rugiù, s.m. =

accrescitivo di “rógia”

rugnù, s.m. =

rene, rognone (in macelleria)

rùgól, s.m. =

quercia, rovere

rümmiàa, v. intr.=

ruminare | li vachi li rümnìa tǜta la noc’ butadi gió ‘tè ‘i la masù  = le mucche ruminano tutta notte sdraiate in stalla

rümóor, s.m. =

rumore

rǜs, s.m. =

nel gioco delle biglie è un rettangolo, largo 4 o 5 centimetri e lungo 30 o più centimetri, dove ogni giocatore mette una biglia, vedere “gióch de li cìchi”

rǜsca, s.f. =

corteccia | fàa gió la rǜsca dèla bóra = togliere la corteccia del tronco tagliato

rüscàa, v. intr.=

lavorare con molta fatica per guadagnarsi  da vivere

rüscadóor, s.m. =

gran lavoratore, sgobbone

Rǜsia, s.f. = 

Russia

rusìsc’, agg. =

rossastro

rusìscia (rusìsci), agg. =

rossastra

rusnìsc’, s.m. =

ragazzetto miserello tenuto in poca considerazione; tipo di pioggia leggera |  al rusnìscia = pioviggina 

rüspà sǜ, v. tr. =

asportare |  rüspàa sǜ ‘l piàt = mangiare tutto il contenuto del piatto

rüspàa, v. tr. =

raspare, ripulire grattando con un cucchiaio per asportare il residuo di cibo rimasto nel piatto o in una pentola  |  rüspàa gió i òs = mangiare la poca carne rimasta attaccata alle ossa

rǜstech, s.m. =

rustico, parte della casa o costruzione isolata adibita a stalla e fienile

rustì gió, v. tr. =

versare un soffritto di burro e cipolle sulla pasta, sui maccheroni o altri primi piatti

rustignìi, s.m. =

arrosto ( specie di uccellini)

rustìi, v. tr. =

arrostire

rüsümàda, s. f. 

uovo sbattuto con l’aggiunta di zucchero e vino o birra 

rutìda, s.f. =

rutto

rutulù, avv.=

usato solo nell’espressione “’ndàa a rutulù” = andare a rotoloni, rotolare

rùuch, s.m. =

terreno dissodato in profondità e adattato alla coltivazione della vite

rǜut, s.m. =

spazzatura, sudiciume, immondizia

rüzàa sǜ, v. tr. =

rimproverare aspramente

sa, avv.=

quanto, come (nelle frasi esclamative), se  |  sa te stǜfet! = quanto stufi!; sa l’è brǜt! = quanto è brutto! | sa te vée = se vai

sàa, agg. =

sano

sàal, s.f. =

sale  |  sàal fina, sàal gròśa = sale fino, sale grosso. 

sàbbia, s.f. = 

sabbia

sabbiù, s.m. =

sabbia grossa

sàbet, s.m. = sing.

sabato

sàc’, agg. =

tenace al morso, difficile da incidere; anche anziano molto vigoroso

sàch, s.m. =

sacco, anche la bricolla che portavano i contrabbandieri.  |  ‘n tant al sàch = fatto in modo impreciso. ès gió en de’n sàch = essere  un po’ tonto.

sachèl (sachéi), s.m. =

piccolo sacco –TO

sachèl (sachèi), s.m. =

piccolo sacco – MO

sachèla (sachéli), s.f. =

bisaccia – TO  |  Piccolo sacco che si legava in vita e che si adoperava, per porre le mele o altro, quando si saliva su una scala per fare la raccolta.

sachèla (sachèli), s.f. =

bisaccia – MO 

sachilìi, s.m. =

sacchettino

sàcia (saci), agg. =

tenace al morso, difficile da incidere; anche donna molto resistente alle fatiche

sacòcia (sacòci), s.f. =

tasca, vedere anche “scarsèla”; sacca che si lega a mezza vita  |  al sa gnàa quàt ca al che na gió ‘n sacòcia = non sa neanche quanti soldi ha in tasca.

sacramentàa, v. intr.=

Imprecare, bestemmiare

sacramènto, inter, =

esclamazione di stizza – MO

sacraméntu, inter, =

esclamazione di stizza – TO

sacràri, s.m. =

sacrario, luogo dove si conservano cose sacre

sacrificàa, v.tr. =

sacrificare

sacrificàat, agg. =

sacrificato, impedito, limitato nei movimenti

sacrifìzi, s.m. =

sacrificio

sacrìsta, s.m. =

sagrestano

sacrosànt, s.m. e agg. =

sacrosanto, inviolabile, certo

sadàa, v.intr =.

respirare con difficoltà |‘l me càa ‘l sàda dal còlt = il mio cane respira a fatica per il caldo

sadàa, v.intr =.

ansimare

sadèl (sadéi), s.m. =

secchio – TO  |  sadéi dal làc’ = secchi per il latte

sadèl (sadèi), s.m. =

secchio – MO  |  sadèi dal làc’ = secchi per il latte

sadèla (sadéli), s.f. =

secchia – TO  |  Secchia di rame stagnato che serviva per andare alla fontana a prendere l’acqua.

sadèla (sadèli), s.f. =

secchia – MO  |  Secchia di rame stagnato che serviva per andare alla fontana a prendere l’acqua.

sadilìi, s.m. =

piccolo secchio

saèta (saéti), s.f. =

saetta – TO

saèta (saèti), s.f. =

saetta – MO

sagiàa, v. tr. =

assaggiare

sagìna, s.f. =

sorghum vulgare, erbe secche che si usano per fare le scope

sàgoma, s.f. =

sagoma, modello  |  Persona bizzarra.

sagràat, s.m. = 

sagrato della chiesa

sagrestàa, s.m. =

sacrestano

saiòt, s.m. =

cavalletta

salàa, v. tr. =

salare

salàat, agg. =

salato

saladǜra, s.f. =

salatura

salagiù, s.f. =

salatura delle carni

salàm, s.m. =

salame

salamàndra, s.f. =

salamandra

salamòia, s.f. =

salamoia

salàs, s.m. =

salasso, prelievo di sangue

salasàa, v. tr. =

salassare

salasàda (salasàdi), s.f. =

salasso, grossa perdita  |  gh’ò ciapàat ‘na salasàda = ho subito una grossa perdita o una pesante sconfitta

saldàa, v. tr. =

saldare

salèer, s.m. =

borsa contenete il sale per gli animali

salìi, s.m. =

saliera

salìva, s.f. =

saliva (sin. spǜda)

salmàstro, agg. =

salmastro, che sa di sale

salmì, s.m. =

salmì, piatto a base di carne di selvaggina con vino e verdura

sàlt, s.m. =

salto, breve visita

saltàa fó, v. intr.=

uscire, comparire improvvisamente – TO

saltàa fò, v. intr.=

uscire, comparire improvvisamente - MO 

saltàa gió, v. intr.=

saltare verso il basso

saltàa ià, v. intr.=    

schizzare, staccarsi   |  al me saltàat ià ‘n butù = mi si è staccato un bottone |  sltaià la rógia = salta il ruscello 

saltasǜ,  s.m. =

dolce di Carnevale, fatto con farina, uova, lievito ed un poco di latte, e poi fritto a cucchiaiate in olio bollente, asciugare e cospargere di zucchero

saltàa sǜ, v. intr.=

salire, montare, salta sopra

saltàa, v. tr. = e intr. 

saltare, spiccare un salto; tralasciare, omettere; guastarsi, bloccarsi  |  ol càa al völ saltàa adós = il cane vuole aggredire; saltàa per ària = scoppiare,  sobbalzare

saltàat, agg. =

saltato  |  l’è saltàat la lüs = è andata via la corrente; ò saltàat  ‘n tùrno = ho saltato un turno  

saltàda (saltàdi), agg. =

saltata

salǜc’, s.m. = pl.

saluti  |  si usa nell’espressione: te pòrti i salǜc’ den tò amìis = ti porto i saluti di un tuo amico.

salüdàa, v. tr. =

salutare

salǜdi, inter, =

arrivederci  |  usato soprattutto nell’espressione: te salǜdi = ti saluto.

salǜt, s.f. =

salute  |  l’emportànt l’è la salǜt = l’importante è la salute.

sàlva (sàlvi), agg. =

salva, illesa

salvàa, v. tr. =

salvare

salvadanèer, s.m. =

salvadanaio 

salvàdech, agg. =

selvatico  |  anche individuo poco socievole.

salvàdech, s.m. =

animale selvatico

salvàdega (salva deghi), agg. = 

selvatica

Salvadù, n.p.

Salvatore (San Salvadù)

salvàs, v. rifl.=

salvarsi

sàlvia, s.f. =

salvia

sàlvo (sàlvi), agg. =

salvo, illeso

sàm, s.m. =

sciame

samàa, v.tr. =

sciamare

sambüghèer, s.m. =

sambuco 

sàna (sàni), agg. =

sana

sanàa, v. tr. =

sterilizzare i maiali

sanaciù, s.m. =

esperto nello sterilizzare i maiali

sanatòri, s.m. =

sanatorio  |  òtri ghi ‘l sanatòri, nùu an ga gnàn ‘l sanaciù = voi avete il sanatorio, noi non abbiamo neanche l’esperto nella sterilizzazione dei maiali.

sànch, s.m. =

sangue

sàndel (sàndei), s.m. =

sandalo   |  di solito si usa al plurale – i sandali - MO

sàndol (sàndai), s.m. =

sandalo   |  di solito si usa al plurale – i sandali - TO

sanèli, s.f. =pl.

gola

sanglót, s.m. =

singhiozzo  |  sanglót sanglót, la ràna al póz, la ràna ‘n stràda, sanglót, ca ‘l  vàga = singhiozzo singhiozzo, la rana nel pozzo la rana in strada, singhiozzo, cessi; filastrocca recitata per far cessare il singhiozzo  

sanguèta (sanguéti), s.f. =

sanguisuga - TO

sanguèta (sanguèti), s.f. =

sanguisuga - MO

sànguis, s.m. =

panino imbottito

sanguisùga, s.f. =

sanguisuga

sansàna (sansàni), s.f. =

zanzara

sànt (sanc’), s.m. =

santo  |  ‘l dì di tüc’ i sànc’ = il giorno di tutti i santi.

sànta (santi), s.f. =

santa

santèla (santéli), s.f. =

edicola in campagna – TO

santèla (santèli), s.f. =

edicola in campagna – MO

santificàa, v.tr. =

santificare le feste

santìi, s.m. =

immaginetta di santi o Madonne (sin. Maestàa)

santìsem, agg. =

santissimo

sànto (sànti), agg. =

santo  |  te fè ca niént (niènt) tǜt ‘l sànto dì = non fai niente tutto il santo giorno

santüàri, s.m. =

santuario

saóor, s.m. =

sapore

saparsòrt, avv.=

certamente, logicamente, ci mancherebbe altro!

saràca, s.f. =

acciuga  |  l’è màgro cóma ‘na saràca = è magro come un’acciuga

saré, agg. =

sereno – TO

sarè, agg. =

sereno – MO

sargènt, s.m. =

sergente 

sarnegàa, v. intr.=

respirare affannosamente

sarnegù, s.m. =

individuo che respira affannosamente

sàrt, s.m. =

sarto

sàrta (sàrti) s.f. =

sarta

sarvièta (sarviéti), s.f. =

asciugamano – TO

sarvìzi, s.m. =

servizio  |  sto róp al me fa própi ‘n grànd sarvìzi = questo attrezzo mi va proprio bene

sàs, s.m. =

sasso  |  li ca iè fàci sǜ de sàs, tüti li ga ‘l so fracàs = le case sono fatte di sasso e ognuna ha il suo fracasso 

saśa (saśi), s.f. =

Rumex acetosa, erba dalle infiorescenze rossicce che ha un sapore acidulo e che nei tempi passati veniva ricercate e mangiata dai ragazzi, abbonda nei prati a maggio 

sasàda (sasàdi), s.f. =

sassata

sascàs v.rifl.=

osare, azzardarsi

sascàs, v.rifl.= 

avere il coraggio, arrischiarsi   |  me so ca sascàat a domadàch …. = non ho avuto il coraggio di chiedergli ….

sasinàa, v.tr. =

assassinare

sasóos, agg. =

sassoso

sasósa (sasósi), s.f. =

sassosa

saù, s.m. =

sapone

saunèta (saunéti), s.f. =

saponetta – TO

saunèta (saunèti), s.f. =

saponetta – MO

saurìda (saurìdi), agg. =

saporita, salata

saurìit, agg. =

saporito, salato

savìi, v. intr.=

avere sapore  |  al sa ca gnè de mi gnè de ti = non ha nessun sapore

savìi, v. tr. =

sapere

sàzi, agg. =

sazio, pieno

saziàa, v.tr. =

saziare

sbachetàa, v.tr. =

sbacchettare

sbadagiàa, v. intr.= 

sbadigliare

sbadàc’, s.m. =    

sbadiglio  

sbadilàa, v.tr. =

spalare,  lavorare con il badile

sbafàa, v. tr. =

sbafare, mangiare con avidità

sbagliàa, v. tr. =

sbagliare

sbàglio (sbagli), s.m. =

sbaglio, errore 

sbalestràa, v.tr. =

sbalestrare, spostare ripetutamente

sbalestràat, agg. =

sbalestrato, fuori norma

sbàls, s.m. =

sbalzo, sporgente  |  fò a sbàls = proteso nel vuoto

sbandàa, v.intr =.

sbandare

sbandieràa, v.tr. =

sbandierare, mettere in mostra, sparlare

sbaràa, v. tr. =

sbarrare

sbarbàa, v. tr. =

sbarbare

sbarbatèl, s.m. =

sbarbatello, ragazzo impertinente 

sbarcàa, v. tr. =

sbarcare  |  sbarcàa ‘l lünàri = vivere alla giornata

sbaregàa, v. intr.=

portar via il bestiame dal recinto (bàrech) 

sbarlatàa, v.tr. =

aprire completamente (una porta, una finestra, ecc.)

sbarlatàat, agg. =

spalancato

sbarlatàda (sbarlatàdi), agg. =

spalancata  |  te gh’è la pàta sbarlatàda = hai la cerniera dei pantaloni aperta

sbaśàa,  v. tr. =

abbassare

sbaśàs,  v. rifl.=

abbassarsi

sbasotàa, v. tr. =

sbaciucchiare

sbasotàs, v. rifl.=

sbaciucchiarsi  |  sbasotàs sǜ = sbaciucchiarsi 

sbàt  gió, v. tr. =

abbattere  |  sbàt gió ‘n müur = abbattere un muro

sbàt  ià, v. tr. =

buttare, gettare via

sbàt, v. tr. =

sbattere  |  sbàt ‘n ṍöf = sbattere un uovo

sbataiàa, v.intr =.

discutere in  modo litigioso

sbàtes gió, v. rifl.=

buttarsi  |  sbàtes gió dala finèstra = buttarsi dalla finestra

sbatǜda (sbatǜdi), agg. =

pallida, smorta, sbattuta 

sbatǜüt, agg. =

pallido, smorto

sbaüsciàa, v. intr.=

sbavare, mandare bave dappertutto  |  sbaüsciàa sǜ = sporcare con la bava

sbecàat, agg. =

rotto su un orlo (riferito a recipiente di vetro o di terracotta)

sbecàs, v.rifl.=

battibeccare, litigare concitatamente a botta e risposta 

sbedenàa, v.tr. =

scuotere, muovere avanti e indietro  (vedi anche “sghinghinàa” )  

sbedenàat, agg. =

che ha perso la forma, sgraziato | ‘n pedàgn de làna sbedenàat = una gonna di lana senza forma  (vedi anche "slombolàat" e “sgangheràat”)

sbèrla (sbérli), s.f. =

sberla, schiaffo – TO

sbèrla (sbèrli), s.f. =

sberla, schiaffo – MO

sberlòt, s.m. =

schiaffone

sberlüfìda (sberlüfìdi), agg. =

spettinata, con i capelli scompigliati

sberlüfìit, agg. =

spettinato, con i capelli scompigliati

sberlǜsc’, s.m. =

fulmine, lampo, bagliore, guizzo di luce 

sberlüsciàa, v. tr. =

lampeggiare 

sbiadìi, v.intr =.

sbiadire

sbiadìit, agg. =

sbiadito

sbianchìi, v. tr. =

imbiancare | sbianchìi gió = imbiancare le pareti di casa

sbiès, agg. =

sbieco, storto 

sbièśa (sbiéśi), agg. =

sbieca, storta – MO

sbièśa (sbièśi), agg. =

sbieca, storta – MO

sbilènch, agg. =

sbilenco

sbiòch, agg. =

spiantato, senza soldi

sbiótàa, v. tr. =

denudare; far perdere tutti i soldi 

sbiótàs, v. rifl.=

svestirsi, spogliarsi (vedi “tràs fó”)

sbivazzàa, v. tr. =

bere avidamente

sblocàa, v.tr. =

sbloccare

sbòba (sbòbi), s.f. =

sbobba, brodaglia

sbociàa, v. intr.=

sbocciare, bocciare: usato nel gioco delle bocce  |  la rṍsa  l’è réet a sbociàa = la rosa sta per sbocciare  

sbociàda, sbociàdi, s.f. =

bocciata, colpo da maestro nel gioco delle bocce

sbógiàa, v. tr. =

bucare, forare

sbólógnàa, v. tr. =

rifilare a qualcuno cose inutili oppure cose o persone fastidiose

sbòrgna (sbòrgni), s.f. =

ubriacatura 

sborgnàa, v. tr. =

ammaccare  |  l’a sbòrgnat la màchina = ha ammaccato la macchina 

sborgnáat, agg. =

ammaccato

sborgnáda (sborgnádi), agg. = s.f. =

ammaccata, ammaccatura

sborsàa, v.tr. =

sborsare

sbósardàa, v. tr. =

sbugiardare

sbosardàs, v.rifl.=

sbugiardarsi

sbòt  

usato solo nell’espressione “a sbòt” = a forfait

sbraitàa, v.intr =,

sbraitare 

sbréga (sbréghi), s.f. =

ragazzo troppo vivace

sbrisigàa, v. intr.= 

scivolare, slittare

sbrisigù, s.m. =

scivolone

sbrocàa, v. tr. =

tagliare i rami di un albero

sbròdolàa, v. tr. =

sbrodolare

sbrodolàs, v. rifl.=

sbrodolarsi, sporcarsi versandosi addosso dei liquidi

sbròf, s.m. =

spruzzo

sbrofàa, v. intr.=

spruzzare

sbrofàda, sf

spruzzata  |  ‘na sbrofàda de àcqua = una breve pioggia

sbròia, s.f. =

acqua residua del lavaggio delle stoviglie, vedi “bròia”

sbroiàa, v. tr. =

scottare, pulire con acqua bollente

sbroiàs, v. rifl.=

scottarsi

sbroièet,  agg. =

bollente 

sbroièta (sbroiéti),  agg. =

bollente – TO

sbroièta (sbroièti),  agg. =

bollente – MO

sbrudulù, s.m. =

sbrodolone, individuo che si sporca versandosi  addosso liquidi

sbrufìi, s.m. =

annaffiatoio

sbrüfù, s.m. =

sbruffone, borioso, vedere “blagṍr”

sbucáat, agg. =

scurrile

sbucáda (sbucádi), agg. =

scurrile

sbucunàa, v.tr. =

sbocconcellare, mangiare piccoli bocconi 

sbüdelàa, v. tr. =

sbudellare

sbüdelàs, v. rifl.=

sbudellarsi dalle risate

sbufàa, v. intr.=

sbuffare

sbuletàat, agg. =

squattrinato, essere in bolletta, senza sostegno, senza denaro, al verde

sburàa, v. tr. =

spezzare rami secchi | sburàa sǜ la bruchìna = spezzare la legna sottile

sburàat, agg. =

spezzato, rotto; riferito ad un ramo | col tiràa par tṓ giò li sciaresi al s’è sburàat ol ràm = col tirare per cogliere le ciliege si è spezzato  il ramo

sbüsàa, v. tr. =

spingere

sbüsù, s.m. =

spintone, urto

sbutunàa, v. tr. =

sbottonare, slacciare i bottoni

sbutunàs, v. rifl.=

aprirsi, rivelare i propri problemi a qualcuno  

scàaf, s.m. =

scavo, scavo per fabbricare

scadenáat, agg. =

scatenato, fuori di se

scadenáda (scadenádi), agg. =

scatenata, fuori di se

scadènsa, s.f. =

scadenza

scadènt, agg. =

scadente, di scarsa qualità

scadǜüt, agg. =

scaduto

scàgn, s.m. =

sgabello | scàgn da mùisc’ = sgabello con una sola gamba, usato dal mungitore

scàgna (scàgni), s.f. =

sedia

scagnèl (scagnéi), s.m. =

anca, osso dell’anca – TO

scagnèl (scagnèi), s.m. =

anca, osso dell’anca – MO

scagnìi, s.m. =

sgabello, piccola panca

scàia, s.f. = 

scaglia, scheggia| scàia de saù = scaglia di sapone

scaiàa, v. tr. =

scheggiare

scàisci, s.f. = pl.

grucce, stampelle  |  famoso il “prestìn di scàisci” (il forno delle grucce)  citato dal Manzoni nei Promessi Sposi

scàla, s.f. =

scala

scalàa, v. tr. =

scalare

scalcagnàat, agg. =

deformato

scaléra (scaléri), s.f. =

scaffalatura per la stagionatura dei formaggi – TO

scalèra (scalèri), s.f. =

scaffalatura per la stagionatura dei formaggi - MO 

scalét (scaléc’), s.m. =

scaletto, piccola scala – TO

scalèt (scalèc’), s.m. =

scaletto, piccola scala – MO

scàlf, s.m. =

giro manica nei lavori a maglia 

scalfaròt, s.m. =

calza di lana grossa, lavorata a maglia 

scalfìi, s.m. =

soletta della calza lavorata a maglia 

scalìi, s.m. =

scalino

scalinàa, v. intr.=

derogare  |  al scalìna ca a pagàa = è sempre preciso nei pagamenti

scalinàda (scalinàdi), s.f. =

scalinata

scalmàna (scalmàni), s.f. =

vampata di caldo

scalmàna, s.f. =

smania, impazienza, fretta di fare qualcosa

scalmanàat, agg. =

agitato, eccitato

scalmanàda (scalmanàdi), agg. =

agitata, eccitata

scalmanàs, v. rifl.=

agitarsi, eccitarsi

scalvàa, v. tr. =

scalvare, tagliare rami da una pianta

scàmbi, avv.=

invece

scambiàa, v.tr. =

scambiare

scamiśàat, agg. =

scamiciato, senza camicia

scampàa, v. intr.=

campare, vivere, sopravv.=ivere  |  l’ò scampàda bèla = l’ho scampata bella

scampanàat, agg. =

scampanato, a campana | te ghée ‘l pedàgn scampanàat = hai la gonna a campana

scàmpol (scàpoi), s.m. =

scampolo

scanàat, agg. =

scannato, sgozzato | scanàat dala miséria = povero in canna

scanàda (scanàdi), agg. =

scannata, sgozzata

scanalàat, agg. =

scanalato

scancelàa, v. tr. =

cancellare

scandalóos, agg. =

scandaloso

scàndola (scàndoli), s.f. = 

scandola, tegola in legno 

scansìa (scansìi), s.f. =

scansia, scaffale  da cucina 

scapàa, v.intr =.

scappare

scapàda (scapàdi), s.f. =

capatina, breve visita

scapǜsc’, s.m. =                   

inciampo, anche uomo malfatto e/o che vale poco, in tono affettuoso

scapüsciàda (scapüsciàdi), s.f. =

inciampata  |  ò ciapàat ‘na scapüsiàda = mi sono inciampato 

scapüsciàs, v. rifl.=

inciampare, urtare col piede un ostacolo 

scarabìz (scaribìz), s.m. =

ghirigoro, scarabocchio, vedere “scarabòc’”

scarabòc’, s.m. =

scarabocchio

scarabociàa, v. tr. =

scarabocchiare

scarabociàda (scarabociàdi), s.f. =

scarabocchio, scarabocchiatura

scaratù, s.m. =

rovo, persona intrattabile

scarèl (scaréi), s.m. =

tronchetto – TO

scarèl (scarèi), s.m. = 

tronchetto – MO

scarèla  (scaréli) s.f. =

matterello; pezzo di legna vedere “tàpa”  - TO  |  li scaréli dei pizochèr = i matterelli per i pizzoccheri

scarèla  (scarèli) s.f. =

matterello; pezzo di legna vedere “tàpa”   - MO  |  la scarèla dei pizochèr = il matterello per i pizzoccheri  

scarèla, s.f. =

ciocco, pezzo di legna; vedi "tàpa"

scarelàa, v. tr. =

spianare la pasta

scargàa, v. tr. =

scaricare | scargàa mùut = fare la transumanza al ritorno, scaricare l’alpeggio

scarìza (scarìzi), s.f. =

fulmine, scintilla

scarnàsc’, s.m. =

catenaccio, chiavistello

scarnìit, agg. =                   

scarnito, sfinito dal magro | l’è scarnìit, nòma pèl  e òs = è scarnito, solo pelle e ossa  

scarógna, s.f. =

sfortuna

scarógnàat, agg. =

sfortunato

scarógnàda (scarógnàdi), agg. =

sfortunata

scarozzàa, v.tr. =

scarrozzare, portare in giro 

scàrpa (scàrpi), s.f. =

scarpa

scarpàda (scarpàdi), s.f. =

scarpata, terrapieno

scarpìna (scarpìni), s.f. =

scarpina, scarpa per bambini

scarpinàda (scarpinàdi), s.f. = 

faticosa e lunga camminata

scarpù, s.m. =

scarpone

scarpulìi, s.m. =

calzolaio, ciabattino

scàrs, agg. =

scarso, insufficiente

scàrsa (scàrsi), agg. =

scarsa, insufficiente

scarsegiàa, v.tr. =

scarseggiare

scarsèla (scarséli), s.f. =

tasca – TO

scarsèla (scarsèli), s.f. =

tasca – MO

scarselàda (scarselàdi), s.f. = 

quantità pari al contenuto di una tasca  |  ‘na scarselàda de nóos = una tasca piena di noci

scarsilìi, s.m. =

taschino

scàrt, s.m. =

scarto

scartàa, v. tr. =

eliminare, scartare (nel gioco delle carte e nel gioco del calcio)

scartàa, v. tr. =

cardare  |  scartàa la làna = cardare la lana

scartéc’, s.m. =

arnese usato per cardare la lana – TO

scartèc’, s.m. =

arnese usato per cardare la lana – MO

scartìi, s.m. =

carta di nessun valore al gioco, es. il due a briscola

scartòz, s.m. =

cartoccio, involucro di carta 

scartozàa, v. tr. =

accartocciare

scartuzìi, s.m. =

piccolo cartoccio

scasàa, v. tr. =

scassare, rompere; spuntare le pesate del latte | scasàa òl làc’ = mettersi in pari con le pesate del latte | scasàa òl librèt de la bòtega = pagare il debito segnato sul libretto della bottega

scasàat, agg. =

rotto, scassato, cancellato; vedi “scasàa”

scàt, s.m. =

scatto, cambio della bicicletta

scàt, v. tr. =

scadere

scatàa, v. intr.=

scattare, balzare con impeto

scataràa, v.tr. =

scatarrare, tossire con catarro

scàtola, s.f. =

scatola  |  rómp li scàtoli = infastidire

scatolòt, s.m. =

scatolotto

scatulù, s.m. =

scatolone

scavàa, v.tr. =

scavare

scavalcàa, v.tr. =

scavalcare, vedere “saltàa ià”

scavigiàs, v. rifl.=

procurarsi una distorsione alla caviglia

scazegàa, v. intr.=

frugare, rovistare; infastidire

scazotàa, v. tr. =

scazzottare,  prendere a cazzotti

scazù, s.m. =

scazzone

scèca, s.f. =

nebbia, foschia 

scèch, s.m. =

assegno 

scéma (scémi), agg. =

scema, stupida

scemàda (scemàdi), s.f. = 

scemata, stupidata

scémo (scémi), agg. =

scemo, stupido

scéna, s.f. =

cena, pasto della sera - TO 

scèna, s.f. =

cena, pasto della sera – MO

scenàa, v. intr.=

cenare

scèndra, s.f. =

cenere 

scèrfuiù, s.m. =

cespuglio vedere “cèrfuiù” – TO

scérsc’, s.m. = 

cerchio |  dàch ‘n cólp a la dua e ‘n cólp al  scérsc’ = dare un colpo alla botte e un colpo al cerchio (barcamenarsi)

scérsciù, s.m. =

cerchione – TO

scèrsciù, s.m. =

cerchione – MO  |  cerchione della bicicletta

scèrvel, s.m. =

cervello  |  sènsa scèrvel = sbadato

scervèla, s.f. =

cervella 

s-cervelàs, v. rifl.=

scervellarsi

s-cès, s.m. =

voglia, desiderio – MO

scésa (scési), s.f. =

staccionata 

scèspeda (scéspedi), sf

zolla erbosa, cespo – TO

scèspeda (scèspedi), sf

zolla erbosa, cespo– MO

s-cèt, s.m. =

figlio, ragazzo 

s-cèta (s-céti), s.f. =

figlia, ragazza – TO

s-cèta (s-cèti), s.f. = 

figlia, ragazza – MO

schègia (schégi), s.f. =

scheggia – TO

schègia (schègi), s.f. =

scheggia – MO

scheletro, s.m. =

scheletro

schéna (schéni), s.f. =

schiena, anche piccolo tronco di legno fesso con i cunei - TO

schèna (schèni), s.f. =

schiena, anche piccolo tronco di legno fesso con i cunei  - MO

schenàda (schenàdi), s.f. = 

schienata, colpo battuto con la schiena

schénàal (schénài), s.f. =

schienale – TO

schènàal (schènài), s.f. =

schienale – MO

schérp, s.m. =

recipiente della cantina 

schèrs, s.m. =

scherzo, burla 

schèrsàa, v. tr. =

scherzare, deridere 

schevezù, s.m. =

grande sega con due manici, usata per tagliare grossi tronchi

s-ciarìs, v. rifl.=

schiarirsi, rasserenarsi

schifèza (schifézi), s.f. =

schifezza – TO

schifèza (schifèzi), s.f. =

schifezza – MO

schifóos, agg. =

schifoso

schifósa (schifósi), agg. =

schifosa

schiribìz, s.m. =

ghiribizzo, estro, voglia  |  se ‘l me vèe ‘l schiribìz = se mi viene la voglia

schìsc’, agg. = 

floscio, vuoto, schiacciato

schìscia (schìsci), agg. =

floscia, vuota, schiacciata

schisciàa, v. tr. =

schiacciare, premere, comprimere

schìt, s.m. =

sterco delle galline

schitàc’, s.m. =

fucile giocattolo fatto con  un tronchetto di sambuco senza midollo

schitarṍla (schitarṍli), s.f. =

mirtillo rosso

schìtola, s.f. =

diarrea; ragazza con la puzza sotto il naso

schitolàa, v. tr. =

avere la diarrea

schitolèra, s.f. =

diarrea persistente

schitulù, s.m. =

diarrea da indigestione

schivàa, v. tr. =

schivare, eludere

schìvi, s.m. =

schifo, ribrezzo

schiviös, agg. =

schifiltoso, schizzinoso

schizàa, v.tr. e intr.=

schizzare

schizáat, agg. =

schizzato, nervoso, fuori di testa

schizáda (schizádi), agg. =

schizzata, nervosa, fuori di testa

schǜma (schǜmi), sf

schiuma

scià, avv.=

qua  |  vègn scià = vieni qua

sciàa, v. tr. =

sciare, evitare, scansare | con nùu al scìa cà = a noi non rivolge la parola

s-ciàf, s.m. =

schiaffo

s-ciafàa sǜ, v. tr. =

schiaffeggiare

s-ciafù, s.m. =

schiaffone

scialésc’, s.m. =

salice – TO

scialèsc’, s.m. =

salice – MO 

scialèscia (scialèsci), s.f. =

ramo di salice utilizzato nella vigna per fare le legature: grossa, per legare le pertiche ai pali; media, per legare le viti alle pertiche; piccola (mèrs), per legare i tralci – MO

scialéscia (scialési), s.f. =

vedere : scialèscia – TO

scialesciàda (scialesciàdi), s.f. =

scudisciata, frustata, staffilata

scialiscìi, s.m. =

ramoscello di sdalice vedi anche "mers"

sciàl, s.m. =   

scialle

scialòt, s.m. =

scarpone malandato  |  nìgro cóma ‘n scialòt. = nero come uno scarpone.

s-ciào, inter, =

espressione di rassegnazione e di pazienza 

sciaréṡa (sciaréṡi) s.f. =

ciliegia 

sciareṡèra, s.f. =

ciliegio 

s-ciarìda (s-cia-rìdi), s.f. =

schiarita (con riferimento  al tempo)

s-ciarìi, v. intr.=

schiarire, albeggiare

sciarlatàa, s.m. =

ciarlatano

sciarscèl (sciarscéi) s.m. =

sarchiello, zappa, uomo piccolo e tracagnotto – TO

sciarscèl (sciarscèi) s.m. =

sarchiello, zappa, uomo piccolo e tracagnotto – MO

sciarscèlàa, v. tr. =

zappettare

sciàt, s.m. =

rospo   |  è anche un piatto caratteristico valtellinese

s-ciatǜsc’, s.m. =

bambino, ragazzo

sciavàta (sciavàti), s.f. =

ciabatta, pantofola

sciavatù, s.m. =

ceffone, schiaffone (vedi sleversù)

scigàla (scigàli), s.f. = 

cicala

scigàmbola, s.f. =

camminata instabile | li gàmbi li va a scigàmbola = le gambe mi reggono a mala pena

scighèra, s.f. =

nebbia, foschia, nuvolaglia  

scighèz, s.m. = 

falcetto a falce di luna con manico in legno usato per tagliare piccole quantità di erba

scighósta, s.f. =

catena per appendere la pentola alla "pulena"e regolarne l'altezza sopra il fuoco del focolare

scigógna, s.f. =

vedi “pulena”

scigrisṍla, s.f. =

timo selvatico - MO

scigǜda, s.f. =

cicuta  |  erba velenosa simile al prezzemolo

sciguèta (sciguéti), s.f. =

civetta – TO

sciguèta (sciguèti), s.f. =

civetta – MO

scilù, s.m. =

manico della falce

scìma (scìmi), s.f. = 

cima

scimarṍl, s.m. =

parte finale del larice

scìmes, s.m. =

cimice

scìmmia, s.f. =

scimmia

scimmiòt, s.m. =

birbantello; persona infida e cattiva

scimósa (scimósi), s.f. =

cimosa, orlo di un tessuto

scimǜüt, s.m. =

formaggio casalingo giovane

Scìnch

Toponimo  | a ca di Peisc’ giò ‘n di Scìnch = località ca di Peisc’ / Scìnch

s-cinquantàla, v. intr-

discutere animosamente e cavillosamente

sci-ól, s.m. = 

zufolo, fischietto, vedere “zifól”

scì-ola (scì-oli), s.f. =

cipolla

sci-olàa, v.intr =.

fischiare, zufolare, fischiettare, vedere “zifólàa”.

sciòlta, s.f. =

turno

s-cións, agg. =

afoso | l'è s-cións, l'ölarà pó daa scià 'n temporàal = è afoso, arriverà un temporale

s-ciòp, s.m. =

schioppo, fucile

s-ciopàa, v. intr.=

scoppiare, esplodere, morire

sciopèl (sciopèi), s.m. = 

scarpa con suola di legno 

s-ciopèt, s.m. =

fucile giocattolo 

s-ciopetàa, v. intr.=

scoppiettare tipico della legna che arde

s-ciopetàda    (s-ciopetàdi), s.f. =

schioppettata, fucilata

scióor, s.m. =

signore, ricco  |  ‘l tèmp, ‘l cǜ e gli scióor i comànda lóor = il tempo, il culo  e i ricchi comandano loro

scióra (scióri), s.f. = 

signora, ricca, moglie

sciorgnàa, v. intr.=

russare

sciosèl, s.m. =

residuo del fieno nel fienile, composto per la maggior parte di semi - TO

sciospolàa, v. tr. =

tipico dei pulcini sotto la chioccia

sciòta (scióti), s.f. =

sterco di bovini  - TO

sciòta (sciòti), s.f. =

sterco di bovini  - MO |  ‘ndùu cal gh’è ‘na bèla sciòta al gh’è ànca ‘n bèl badìl = dove c’è una bella ragazza c’è anche un bel pretendente  

sciriṍla, s.f. =

Madonna Candelora che si festeggia il 2 febbraio

scirnìda (scirnìdi), s.f. =

scelta, selezionata, separata

scirnìi, v. tr. =

scegliere, separare

scirnìit, s.m. =

scelto, selezionato, separato

sciscìi, s.m. =

si mette un pezzo di burro tra due fette di polenta calda, il burro col caldo della polenta si scioglie

scìsciola (scìscioli), s.f. =

rimasugli di legna, si usa soprattutto al plurale

scìsciolàa. v. int.

sussurrare, bisbigliare | al ghe scìsciolava ndèli oregi = gli sussurrava nelle orecchie

s-citìna (s-citìna), s.f. =

ragazzina

sciǜca, s.f. =

grosso ceppo usato per spaccare la legna

sciǜch, s.m. =

ceppo, parte del tronco che rimane dopo il taglio

sciüsciàa fò, v. tr. =

succhiare, scolare tutto

sciüsciàa, v. tr. =

succhiare

sciüsciàa, v. tr. =

succhiare

sciüsciàat, s.m. =

succhiato  |  sciüsciàat da li vèspi = magro, pallido

sciüsciàda (sciüsciàdi), s.f. =

succhiata

sciüsciót, s.m. =

succhiotto, segno rosso o violaceo lasciato sul collo da un bacio insistente

sciüsciù, s.m. =

biberon, succhiotto, tettarella, ciuccio, il succhietto che si mette in bocca al bambino per farlo stare buono

sciǜta (sciǜti), s.f. =

chioccia

sciütàda (sciütàdi), s.f. =

nidiata di pulcini

sclamàa, v.intr =.

esclamare, lamentare | sclamàa miséria = piangere miseria

scṍcia, s.f. =

siero rimasto dopo la produzione della ricotta, lasciato acidificare serve per coaugulare il siero fresco per rifare la ricotta, vedi anche "agra"

scociàat, agg. =

scocciato

scodéscia (scodésci), s.f. =

listello di nocciolo, lungo, sottile e flessibile serve per intrecciare cesti e gerle – TO

scodèscia (scodèsci), s.f. =

listello di nocciolo, lungo, sottile e flessibile serve per intrecciare cesti e gerle – MO

scṍla (scṍli), s.f. = 

scuola, edificio scolastico 

scolàa, v. tr. =

scollare, dividere due oggetti uniti con la colla

scolàat, agg. =

scollato

scolàda (scolàdi), agg. =

scollata

scoldàa, v. tr. =

scaldare, riscaldare

scolda-léc’, s.m. =

scaldaletto – TO  |  in alcuni casi consisteva in un mattone riscaldato avv.=olto in un panno di lana

scolda-lèc’, s.m. =

scaldaletto – MO  |  in alcuni casi consisteva in un mattone riscaldato avv.=olto in un panno di lana 

scoldàs, v. rifl.=

scaldarsi

scoloràa, v.tr. =

decolorare

scoloràat, agg. =

scolorato, stinto

scoltàa, v. tr. =

ascoltare

scombàt, v.intr =.

discutere, anche animatamente, vedere “discǜt”

scomèśa (scomési), s.f. =

scommessa – TO  |  sta ‘n pèe par scomèśa = reggersi  a stento

scomèśa (scomèsi), s.f. =

scommessa – MO  |  sta ‘n pèe par scomèśa = reggersi  a stento

scompagnàat, agg. =

spaiato  (calze, scarpe, guanti, ecc.)

scomparìi, v.intr =.

scomparire – sparire, vedere “sparìi”

sconfesàa, v.tr. =

sconfessare

sconfóndes, v. rifl.=

confondersi

sconfónt, v. tr. =

confondere

scopél (scopèi), s.m. =

scalpello – TO

scopèl (scopèi), s.m. =

scalpello – MO

scopèrta (scopérti), s.f. =

scoperta, trovata - TO  |  che scopèrta! = che scoperta! (ironicamente)

scopèrta (scopèrti), s.f. =

scoperta, trovata - MO  |  che scopèrta! = che scoperta! (ironicamente)

scór, v.tr. =

scorrere, scorre | fàa scór la còrda = far scorrere la corda

scorentàa, v. tr. =

far scappare, inseguire minacciando

scorgnàa, v. tr. =

assalire con le corna – riferito ai tori o ad altri animali cornuti 

scòrgnaböö, s.m. =

cervo volante

scorgnàda (scorgnàdi), s.f. = 

cornata, colpo dato con le corna

scörléra (scörléri), s.f. =

smagliatura in una calza – TO

scörlèra (scörlèri), s.f. = 

smagliatura in una calza – MO

scorsàa, v.tr. =

far scappare, rincorrere; vedi “scorentàa”

scörtàa, v. tr. =

accorciare, abbreviare

scörtadóra (scörtadóri), s.f. =

scorciatoia

scòs, s.m. =

grembo, davanzale di una finestra  |  tignìi sǜ scòs = tenere in grembo

scòśa, s.f. =

scossa | l’à ciapáat la scòśa = ha preso la scossa

scosàl (scosài), s.m. = 

grembiule

scosalàda (scosalàdi), s.f. =

grembiulata, quantità contenuta in un grembiule ripiegato a mo’ di sacco  |  ‘na scosalàda de nóos = una piccola quantità di noci

scòt, s.m. =

breve cottura

scṍt, v. tr. =

riscuotere, incassare  | scṍt la pensiù = incassare la pensione

scotàa, v. tr. =

scottare

scotàda (scotadi), s.f. = 

scottata

scotadǜra (scotadǜri), s.f. =

scottatura, ustione

scotamǜs, s.m. =

piatto caratteristico, costituito da pezzetti di polenta fredda messi in una scodella di latte bollente

scotàs, v. rifl.=

scottarsi, ustionarsi, rimanere deluso dopo un’esperienza negativa

scotèet, agg. =

rovente, che scotta molto 

scotèta (scotéti), agg. =

rovente, che scotta molto – TO

scotèta (scotèti), agg. =

rovente, che scotta molto – MO

scràna, s.f. =

grossa cassapanca

scrìif, v. tr. =

scrivere

scrìgn, s.m. =

cassa di legno con coperchio

scrignṍl, s.m. =

cassapanca, piccolo scrigno in legno.

scrignulìi, s.m. =

piccola cassa di legno con coperchio

scritǜra (scritǜri), s.f. =

scrittura  |  l’è ‘n asèn de natüra chi che sa ca lèisc’ la pròpria scitǜra = è un asino di natura chi non sa leggere la propria scrittura

scrivàa, s.m. =

scrivano, colui che scriveva a mano

scrocàa, v. tr. =

scroccare

scròch, s.m. =

scrocco  |  ‘ndàa a scròch = campare a spese di altri 

scrosciàda, s.f. =

scroscio d'acqua, acquazzone

scrostàa, v.tr. =

scrostare

scrozzòla, s.f. =

donna di poco conto, vanesia, frivola, inaffidabile

scrozzolàa, v. tr. =

perdere, disseminare senza accorgersene | scrózzólàa ‘n pòo de pìśa = perdere un po di urina

scrucù, s.m. =

scroccone

scriǜüt, s.m. e agg. =

scritto | modo arcaico “scrǜüt”

scùa, s.f. =

scopa  |  scùa nṍva scùa bèe = scopa nuova scopa bene

scuàa, v. tr. =

scopare  |  scuàa fò = scopare

scuàsc’, s.m. = 

scopa di saggina

scüdèla (scüdéli), s.f. =

scodella – TO

scüdèla (scüdèli), s.f. =

scodella – MO

scüdelàda (scüdelàdi), s.f. =

quantità contenuta in una scodella

scüdilìi, s.m. =

piccola scodella

scuèt (scuéc’), s.m. =

scopino realizzato con rametti di betulla o larice scorticati (vedi "cagna") TO

scuèt (scuèc’), s.m. =

scopino – MO

scuìi, s.m. =

spazzino

scùl (scùi), s.m. =

scolo, deflusso

sculàa, v. tr. =

scolare, sgocciolare, bere tutto  |  sculàa la pàsta = scolare la pasta; sculàa fò ‘n bicèer  de vìi = bere un bicchiere di vino con avidità  

sculadǜsc’, s.m. =

residuo dopo aver scolato un liquido

sculapàsta, s.m. =

colapasta

sculìi, s.m. =

colino (anche culìi)

scǜma, s.f. =  

schiuma, bava | la scǜma dèl làc’ = la schiuma del latte

scumbǜta, s.f. =

diverbio, alterco, discussione, litigio

scuncunàa, v. intr.=

scuotere  |  scuncunàa ‘na pòrta = tentare di aprire una porta chiusa

scunfinàa, v.tr. =

sconfinare, oltrepassare il confine di una proprietà

scunfùla, s.f. = 

affollamento, ressa

scunsigliàa, v.intr =.

sconsigliare, dissuadere

scǜnt, s.m. =

sconto

scüntàa, v. tr. =

scontare, accordare un ribasso sulla spesa

scùpa, s.f. =

scopa: gioco delle carte  |  scùpa d’as = scopa d’assi; scùpa lìśa = scopa liscia

scupidù, s.m. =

gioco per bambini che consiste nell’intrecciare quattro fili di plastica in modo da formare una treccia

scǜür, agg. =

scuro, buio

scǜra (scǜri), agg. =

scura, buia

scürìi, v. tr. =

oscurare, annerire

scuriósàa, v. intr.=

curiosare

scürlìda (scürlìdi) s.f. =

scrollata (riferita a persone o  a piante), scossone dato a una pianta per far cadere i frutti

scürlìi, v. tr. =

scuotere, scrollare, dare degli scossoni  |  scürlìi ‘n ram par fa da gió i pir = scuotere un ramo per far cadere le pere.

scurpiù, s.m. =

scorpione

scǜsa (scǜsi), s.f. =

scusa, perdono, pretesto, tentata giustificazione  |  dómandàa scǜsa = chiedere perdono; rèma ca scià scǜsi = non cercare giustificazioni

scüsàa, v. tr. =

scusare, giustificare, fare a meno  |  scǜsi daparmì = riesco da solo

scüsàs, v. rifl.=

scusarsi, giustificarsi, chiedere scusa

scutù, s.m. =

grossa scottatura, gran caldo | al pica gió ‘n scutù = c’è un sole cocente

scuzunáat, agg. =

un po’ offeso

scuzunáda (scuzunádi), agg. =

un po’ offesa

sdebitàs, v.rifl.=

sdebitarsi, disobbligarsi

sderenáat, agg. =

sderenato, sdirenato, affaticato

sderenáda (sderenádi), agg. =

sderenata, affaticata

sdólóràa, v. intr.=

lamentarsi per il dolore

sdupiàa, v.intr =.

sdoppiare, dividere in due

sdupiàs, v.rifl.=

sdoppiarsi

se, cong. =

se, qualora, nel caso che

se, pron.  pers.= 

(è utilizzato davanti alla seconda personale e davanti alla prima e alla terza persona plurale come complemento oggetto o di termine  dei verbi riflessivi) ti, si, ci  |  ti te se ofèndet = tu ti offendi; lóor ai se piàca = loro si nascondono; te se làvet gió ‘l müs = ti lavi la faccia; ‘na òlta se fàva la procesiù = una volta si faceva la processione

sèca (séchi), agg. =

secca – TO

sèca (sèchi), agg. =

secca – MO

secàa, v. tr. =

seccare, molestare, infastidire  |  sèchem mìga li glóri = non seccarmi; secàa fò = morire, uccidere

sèch sechénto, agg. =

secco stecchito – TO

sèch sechènto, agg. =

secco stecchito – MO

sèch, s.m. =

secco |  sèch cóma ‘n ciòt = secco come un chiodo

sécól (sècui), s.m. =

secolo

secrèt, s.m. =

segreto

séda (sédi), s.f. =

seta

sedàz, s.m. =

setaccio, vedere anche “crìbi”

sedazàa, v. tr. =

setacciare farina, sabbia  vedere anche “cribbiàa”

sedenò, avv.=

altrimenti, diversamente, in caso contrario

sèdes, agg. =

sedici; scherzosamente e volgarmente: deretano, sedere  |  sòo dèl sèdes = sono nato nel 1916

sédola (sèdoli), s.f. =  

setola

sèdola, s.f. =

setola

sées, agg. =

sei

segàa, v. tr. =

falciare

segadù, s.m. =

falciatore

segadǜra, s.f. =  

segatura

segàrda, s.f. =

schiuma della mungitura delle mucche

ségia, s.f. =

secchia di legno fatta a doghe – TO

sègia, s.f. =

secchia di legno fatta a doghe – MO

sègiù, s.m. =

contenitore a doghe simile ad un barile ma con un solo fondo 

ségn, s.m. =

segno, impronta, segnale - TO |  fa ségn = segnalare; gné ‘l pàrla gné al fa ségn = non si esprime

sègn, s.m. =

segno, impronta, segnale - MO  |  fa sègn = segnalare; gné ‘l pàrla gné al fa sègn = non si esprime

segnàa gió, v. tr. =

segnare, annotare

segnàa, v. tr. =

segnare, annotare

segnàal (segnàai), s.m. =

segnale, segno | segnàl = fargli un segno

segnàs, v. rifl.=

farsi il segno della croce

segónda (segóndi), agg. =

seconda

segóndàa, v. tr. =

assecondare, andar dietro

segondàri, agg. =

secondario, di secondaria importanza

segónt, agg. =

secondo 

segónt, prep. =

secondo, a seconda di

segónt, s.m. =

il secondo taglio del fieno | vedi anche “còort”

segótol (segótoi), s.m. = 

siero, il siero che esce dalle forme di formaggio pressate con un peso

segù, s.m. =

 sega a lama larga con due manici per tagliare tronchi e alberi grossi (prima delle motoseghe)

sèla (séli), s.f. = 

sella – TO  

sèla (sèli), s.f. =

sella - MO

selàa, v.tr. =

sellare

selàa, v.tr. =

sellare

sèler, s.m. =

sedano

sèlva (sélvi), s.f. =

selva, bosco di castagni – TO

sèlva (sèlvi), s.f. = 

selva, bosco di castagni – MO

seminàri, s.m. =

seminario

sèmpre, avv.=

sempre – MO

semprévert, s.m. =

arbusto sempreverde 

sèmpri, avv.=

sempre – TO

senò, avv.=

altrimenti

sènsa, prep. = e cong. =

senza 

sensàl (sensài), s.m. =

sensale, mediatore

sensasànch, s.m. =

(letteralmente senza sangue) entità diabolica che si muove come un vento violento e subdolo che porta via e fa sparire, forza ipnotica che attira nei precipizi. Si raccomandava ai bambini di non uscire da soli dopo il crepuscolo (dopo  i rintocchi dell'ave maria) per non essere portati via dal sensasànch 

senserìa (senserìi), s.f. =

senseria

sentàs gió, v. rifl.=

sedersi

sentàs, v. rifl.=

sedersi

sentéer, s.m. =

sentiero

sentimèet, s.m. =

sentimento, senso, senno |  ès fò de sentimèet = essere fuori di senno

séra, s.f. =

freno dei carri agricoli trainati da animati 

seràa, v. tr. =

chiudere, rinserrare, comprimere

seràat, agg. =

chiuso, costipato  |  sóo gió ‘n seràat = ho il raffreddore  e la tosse

seradǜra (séradǜri), s.f. =

serratura 

seramèet, s.m. =

serramento 

serenàda (serenàdi), s.f. = 

rasserenato, tornato il sereno 

serenàs, v. rifl.=

rasserenarsi, tornar sereno  |  se non sarà sereno, si rasserenerà 

séri, agg. =

serio, compito, composto  |  sül séri = sul serio, seriamente

séria (séri) agg. =

seria, compita, composta

serù, s.m. =

siero, residuo liquido della lavorazione  del formaggio

sèrva (sérvi), s.f. =

serva - TO  |  la sèrva dèl prevèet = la perpetua; iera  tuti sérvi = erano  tutte serve

sèrva (sèrvi), s.f. =

serva - MO  |  la sèrva del prevèet = la perpetua;  iera  tuti sèrvi = erano  tutte serve

servièta (servièti), s.f. =

asciugamano – MO    (anche sarvièta - TO) 

servizieól, agg. =

servizievole, volenteroso

servizieóla (servizieóli), agg. =

servizievole, volenterosa

sesànta, agg. =

sessanta

sesanténa (sesanténi), s.f. =

sessantina – TO

sesantèna (sesantèni), s.f. =

sessantina – MO

sèst, agg. =

sesto

sèt, num., agg. =

sette; decantato, limpido; riferito ad un liquido 

sèt, s.m. =

strappo in un abito a forma di sette

sèta, agg. =

decantata, limpida; riferito ad esempio all’acqua 

sètàa, v.tr. =

decantare, tornare limpido

setànta, agg. =

settanta

setcènt oltàat ‘ndréet

anno 1700 dopo Cristo, nella seconda metà del secolo si sviluppò l’illuminismo e quindi “setcènt oltàat ‘ndréet” si  riferisce alla prima metà di detto secolo, il modo di dire ha una valenza negativa, protrebbe significare regressione, mentalità chiusa. Nel passato si usava per additare una persona che non sta al passo coi tempi : chèl ilò l’è cóma ü dòl setcènt oltàat ‘ndréet = quello è uno che ha una mentalità retrograda, che non sta al passo coi tempi 

setèmbre, s.m. =

settembre 

setèmbri, s.m. =

settembre – TO

setù, s.m. =

usato solo nell’espressione “sǜ ‘n setù”  = a letto, ma seduti in modo che il busto sia fuori dalle coperte 

sevéer, agg. =

severo

sfaciáat, agg. =

sfacciato

sfaciáda (sfaciádi), agg. =

sfacciata

sfadigáat, agg. =

sfaticato, fannullone

sfadigáda (sfadigádi), agg. =

sfaticata, fannullona

sfalsàa, v. tr. =

sfalsare, cambiare

sfalsàs, v. rifl.=

sfalsarsi, peggiorare, degenerare

sfamàa, v.tr. =

sfamare

sfavóor, s.m. =

sfavore, contrario

sfazàat, agg. =

sfacciato, maleducato

sfazàda (sfazàdi), agg. =

sfacciata, maleducata

sfegatàs, v.rifl.=

sfegatarsi,  spolmonarsi, lavorare troppo

sfèlera (sféleri), s.f. =

fessura – TO

sfèlera (sfèleri), s.f. =

fessura - MO

sfendǜda (sfendǜdi), agg. =

spaccata, divisa

sfendǜüt, agg. =

spaccato, diviso

sfènt, v. tr. =

fendere, dividere, spaccare |  sfènt ‘n burèl = spaccare un piccolo tronco

sfeoràat, agg. =

sfebbrato

sfèrs, agg. =

scottante

sfesciàa, v. tr. =

eliminare la feccia  |  sfesciàa ‘l vìi = travasare il vino eliminando la feccia

sfetàa, v. tr. =

tagliare a fette

sfiàca (sfiàchi), s.f. =

vescica, lesione cutanea

sfiancàa, v.intr =.

sfiancare, stancare, spossarsi; stringere un abito sui fianchi 

sfiancàat, agg. =

sfiancato, stancato, spossato, stremato vedi “falìit”

sfìlsa (sfìlsi), s.f. = 

lunga serie, fila, gran numero

sfinimèet, s.m. =

sfinimento

sfioràa, v. tr. =

sfiorare, rasentare

sfiuchignàa, v. intr.=

nevischiare

sfiurìi, v. intr.=

sfiorire, perdere i fiori

sfodegàa, v.intr =. 

lavoricchiare, spannocchiare (“foiàa”) = levare le foglie (brattee) dalle pannocchie;  vedere “füdügnàa” e “fónfógnàa”

sfogàs, v.rifl.=

sfogarsi

sfògo, s.m. =

sfogo | làghel sfogàs = lascialo sfogarsi

sfoiàa, v. tr. =

sfogliare, togliere le foglie  |  sfoiàa ‘l törch = togliere le brattee dalle pannocchie di granoturco; gh’è pòoch da sfoiàa vèrzi = essere al verde, rimanere senza risorse

sformàa, v.tr. =

togliere dalla forma

sfórs, s.m. =

sforzo

sfót, v tr.

sfottere

sfracàa sǜ, v. tr. =

rompere

sfracàa, v. tr. =

rompere

sfrànza (sfrànzi), s.f. =

frangia, frangetta

sfregàa, v.intr =.

sfregare, urtare di striscio, vedere “tucàa itè”

sfregolàa, v. tr. =

sbriciolare  |  sfregolàa (li vinàsci) = le vinacce pressate nel torchio si tolgono e, a mano, si sbriciolano e poi si rimettono nel torchio per una seconda spremitura

sfrìis, s.m. =

leggera incisione  |  de sfrìis = di striscio

sfrisàa, v. tr. =

toccare di striscio, scalfire, rasentare toccando

sfrontàat, agg. =

sfrontato, sfacciato

sfrontatèza, s.f. =

sfrontatezza, sfacciataggine

sfròos, s.m. =

solo nell’espressione de sfròos = di frodo, illegalmente, di nascosto

sfrütàa, v. tr. =

sfruttare

sfrütamèet, s.m. =

sfruttamento

sfüriàda, s.f. =

sfuriata, improvviso risentimento di rabbia e irritazione

sfurtünàat, agg. =

sfortunato | vedi “desfurtünàat”

sgabèl (scàgn), s.m. =

sgabello, vedi “scagnìi” 

sgabüzìi, s.m. =

sgabuzzino, ripostiglio

sgagnàa, v. tr. =

addentare con forza, mangiare avidamente

sgàina (sgàini), agg. =

svelta, agile (fisicamente e intellettualmente)

sgàino (sgàini), agg. =

svelto, agile (fisicamente e intellettualmente) 

sgalèrsc’, agg. =

zoppo, acciaccato 

sgalèrscia (sgalérsci), agg. =

zoppa, acciaccata – TO

sgalèrscia (sgalèrsci), agg. =

zoppa, acciaccata – MO

sgaletàat, agg. =

farsi vedere vispo 

sgambàda (sgambàdi), s.f. =

lunga e faticosa camminata

sgambèt, s.m. =

sgambetto 

sgambetàa, v.tr. =

sgambettare, dimenare o agitare le gambe, correre

sgambìit, agg. =

avere le gambe molli dopo una camminata in discesa a passo sostenuto

sganasàs, v. rifl.=

sganasciarsi  |  sganasàs dal grignàa = sbellicarsi dalle risa

sganasù, s.m. =

sganassone, forte sberla (vedi sleversù)

sgangheràat, agg. =

sgangherato, che ha perso la forma, sgraziato 

sgangheràda (sgangheràdi), agg. = 

sgangherata

sgarbafó, v. tr. =

stracciare, strappare - TO  |  sgarbafó ‘n fṍi dal quadèrno = strappare un foglio dal quaderno

sgarbafò, v. tr. =

stracciare, strappare - MO  |  sgarbafò ‘n fòi dal quadèrno = strappare un foglio dal quaderno

sgarbasǜ, v. tr. =

stracciare, strappare  |  sgarbasǜ ‘na carta = stracciare una carta

sgarbàa, v. tr. =

stracciare, strappare

sgarbàat, agg. =

strappato

sgarbàda (sgarbàdi), agg. =

strappata

sgarbasàch, s.m. =

finanziere

sgarboiàda (sgarboiàdi), s.f. =

pasticcio, garbuglio

sgargaiàa, v. tr. =

parlare male, parlare confuso, anche uno strumento che suona in modo sgarbato

sgariàa, v.tr. =

razzolare, grattare, raspare, frugare -  in genere riferito alla terra | li galini li sgaria la tèra = le galline razzolano, grattano e raspano la terra; ò sgariàat giò 'ndèla zòca dèl ümèt par truàa quai lambaròt par 'ndàa a pescàa =ho frugato nella buca dell'umido per trovare qualche lombrico per andare a pesca  (vedi “rügàa”)

sgariafó, v. intr.=

sparpagliare  |  sgariafó la sàbbia = sparpagliare la sabbia – TO

sgariafò, v. intr.=

sparpagliare  |  sgariafò la sàbbia = sparpagliare la sabbia – MO

sgarlét, s.m. =

gamba, garretto – TO

sgarlèt, s.m. =

gamba, garretto – MO

sgarzéga (sgarzéghi), s.f. =

graffio, scorticatura

sgarzegàa, v. tr. =

scorticare, graffiare, provocare una scorticatura (anche rompere le scatole)

sgarzegàat, agg. =  

scorticato, graffiato | al s’è sgarzegàat con ‘na ròeda = si è graffiato con un rovo 

sgarzólàa, v. tr. =

togliere i virgulti della vite in eccesso (“garzṍi)

sgarzulìna (sgarzulìni), s.f. = 

ragazzetta graziosa e vivace

sgaǜsc’, s. m.

torsolo

sgaüsciàa, v.tr. =

masticare male, rosicchiare

sgavelàs, v.rifl.=

ridursi con le gambe arcuate, anche prendere una storta alla caviglia

sgelàat, agg. =

sgelato, disgelato, sciolto dal gelo

sgelàda, agg. =

sgelata, disgelata, sciolta dal gelo 

sgherbàa, v. intr.=

fare un raccolto prematuro

sghèrla (sghèrli), agg. =

inabile, inadatta

sghèrlo (sghèrli), agg. =

inabile, inadatto

sghinghinàa, v.tr. =

scuotere, smuovere, muovere avanti e indietro – vedi “sbedenàa” 

sghinghináat, agg. =

mal concio, smosso dalla sua sede  

sghinghináda (sghinghinádi), agg. =

mal concia, smossa dalla sua sede 

sghiribìz, s.m. =

scarabocchio, scrittura incomprensibile, vedi anche “scarabìz” e “scarabòc’”

sgnaolàa, v. intr.=

miagolare

sgnaolàda (sgnaolàdi), sf

miagolio prolungato

sgnìca (sgnìchi), s.f. =

schiacciata

sgnicàa, v. tr. =

schiacciare  

sgnicàat, agg. =

schiacciato  |  me sòo sgnicàat ‘n dìit = mi sono schiacciato un dito

sgnicàda (sgnicàdi), agg. =

schiacciata

sgnicàs, v. rifl.=

schiacciarsi  | sgnicàs ‘n dìit = schiacciarsi un dito

sgnìch, s.m. =

schiacciato  |  sgnìch de nàas = con il naso schiacciato (tipo particolare di naso)

sgnignólàa, v.intr =.

scricchiolare | la scàgna la sgnignóla = la sedia scricchiola

sgnücàs, v. rifl.=

prendersi a testate( detto di animali)

sgobàa, 

sgobbare, lavorare duramente

sgobàs gió, v. rifl.=

chinarsi, curvarsi, abbassarsi per caricare qualcosa sulle spalle 

sgolàs, v. rifl.=

sgolarsi, vociare

sgombètàa, v.intr =.

sgomitare

sgombetàda (sgombetàdi), s.f. =

gomitata

sgombràa, v.tr. =

sgombrare, liberare da impedimenti

sgòmbro, agg. =

sgombro, libero da impedimenti, da ostacoli; (anche il pesce)

sgonelàa, v.tr. =

ingerire con ingordigia; parlare a vanvera o ad alta voce:  sgonelàs = perdere la voce a furia di urlare 

sgórbi, s.m. =

sgorbio – TO

sgòrbi, s.m. =

sgorbio – MO

sgotàa, v.tr. e intr.=

gocciolare, vedere “sgotolàa”

sgotolàa, v. intr.=

sgocciolare

sgozàa, v. tr. =

sgozzare

sgrafàa, v. tr. =

graffiare

sgrafàda (sgrafàdi), s.f. =

graffio

sgrafignàa, v. tr. = 

sgraffignare, rubacchiare con destrezza

sgrafignù, s.m. =

individuo avido pronto a impossessarsi delle cose altrui

sgranàa, v. tr. =

sgranare, staccare i chicchi di granoturco dalle pannocchie, levare fagioli e piselli dai baccelli  |  sgranàa ‘l rosàri = far passare i grani della corona del rosario; sgranàa i öc’ = sgranare gli occhi, guardare con meraviglia o sorpresa 

sgranchìi, v.tr. =

sgranchire, sciogliere gli arti o i muscoli, stendere le gambe o le braccia

sgranchìs, v.rifl.=

sgranchirsi, stendere le gambe o le braccia

sgrandìi, v. tr. =

ingrandire, ampliare  |  sgrandìi ‘n böc’ = allargare un buco

sgrasàa, v.tr. =

sgrassare, levare il grasso dal brodo del bollito

sgraziàat, agg. =

goffo, sciatto, senza grazia

sgretolàa, v.tr. =

sgretolare, rompere in piccoli pezzi

sgrìfa (sfrìfi), s.f. =

zampa, vedere “źàta”

sgrignozzàa, v. intr.=

sghignazzare, ridacchiare

sgrìnfia (sgrìnfi), s.f. =

grinfia, artiglio (usato soprattutto al plurale)  |  sa al me vèe sóta li sgrìnfi = se mi capita a tiro

sgrṍbbia, s.f. =

raspa col manico per pulire le mucche

sgröbiàa, v.tr. =

scorticare, levare la corteccia dai ramoscelli  (vedi scuèt / cagna)

sgrośàa, v.tr. =

sgrossare, togliere le parti inutili, il di più, levare il grosso

sgualivàa, v.intr =.

livellare

sgualiváat, agg. =

livellato, spianato, vedere “gualìf”

sgualiváda (sgualivádi), agg. =

livellata, spianata, vedere “gualìva”

sguaràda, s.f. =

risata, fa fò ‘na sguaràda = scoppiare in una risata 

sguazzàda (sguazàdi), s.f. =

acquazzone

sguazzadù, s.m. =

acquazzone 

sguazzèt, s.m. =

fagioli in umido 

sgùnfi, agg. =

gonfio, sgonfio

sgùnfia (sgùnfi), agg. =

gonfia, sgonfia  |  ‘na rṍda sgùnfia = una ruota sgonfia

sgunfiàa, v. tr. =

gonfiare, sgonfiare

sgüràa, v. tr. =

nettare; pulire sfregando fortemente pentole, posate, tegami; lucidare, lustrare | l’à sgüràat la coldéra = ha pulito (nettato) la conca di rame; un tempo usavano anche sabbia finissima (leda) al posto della moderna paglietta

sgüràda (sgüradi), s.f. =

pulitura a fondo, lucidatura  |  gh’ò dac’ ‘na bèla sgüràda = gli ho dato una bella lucidata

sgüsàa, v. tr. =

sgusciare, levare il guscio

sgüzàa, v. tr. =

aguzzare

sichè, avv.=

sicché, perciò, dunque, vedere “alùra” e “ilùra”

sicǜür, agg. =

sicuro, certo, vedere “sücǜür”

sicǜra (sicǜri), agg. =

sicura, certa, vedere “sücǜra”

sicürezza, s.f. =

sicurezza

sidìm, s.m. = 

si usa solo nell’espressione “al g’à gnàa prǜm sidìm” = non ha ne capo ne coda

sìif, s.m. =

sego  |  ‘na candèla di sìif = una candèla di sego

sifù, s.m. =

sifone

sigarèta (sigarèti), s.f. =

sigaretta – TO

sigarèta (sigarèti), s.f. =

sigaretta – MO

sìghel, s.f. =

segale

Signóor, s.m. =

Signore, Dio  |  truàa ‘l Signóor ‘ndormèet = avere fortuna immeritata

sigrisṍla, s.f. =

timo selvatico – TO

siguitàa, v. intr.=

continuare, insistere

sìit, s.f. =

sete

silabàri, s.m. =

sillabario 

silènsi, 

silenzio| fa sìlensi! = stai zitto! 

simbòl, s.m. =

simbolo

simèl, agg. =

simile

simpàtech, agg. =

simpatico

simpàtega (simpàteghi), agg. =

simpatica

sincéer, agg. =

sincero

sincéra (sincéri), agg. =

sincera

sìndech, s.m. =

sindaco

singèla (singéli), s.f. =

caratteristico muretto di recinzione del sagrato della chiesa – TO

singèla (singèli), s.f. =

caratteristico muretto di recinzione del sagrato della chiesa – MO

sintìi, v. intr.=

emanare odore  |  sta càrna la sènt = questa carne puzza

sintìi, v. tr. =

sentire, udire, ascoltare, avv.=ertire un odore

sintìli, v. tr. =

ascoltarle, subire un rimprovero

sintìli sǜ, v. tr. = 

subire un rimprovero

sentinèla, s.f. =

sentinella

sintìs, v. rifl.=

sentirsi  |  sintìs mal = sentirsi male

sipilìi, v. tr. =

seppellire  (anche sepelìi)

sìra (sìri), s.f. =

sera  |  sta sìra = stasera

siràda (siràdi), s.f. =

serata

sirvìi, v.tr. =

servire

sistèma (sistémi), s.m. =

sistema, modo, maniera - TO  |  l’è ca ‘l sistéma  de fa = non è questo il modo di comportarsi

sistèma (sistèmi), s.m. =

sistema, modo, maniera - MO  |  l’è ca ‘l sistèma  de fa = non è questo il modo di comportarsi

sistemàa, v. tr. =

sistemare, ordinare, organizzare

sistemàs, v. rifl.=

sistemarsi, mettersi a posto, trovare un posto di lavoro; fare un matrimonio d’interesse

sìt, s.m. =

sito, luogo, terreno  |  ‘n sìt da fàbrica = un  terreno fabbricabile

sitìl, agg. =

sottile – MO (vedi “sutìl” TO)  

sitìla (sitìli), agg. =

sottile – MO (vedi “sutìla” TO)

sitimàna, s.f. =

settimana

situaziù, s.f. =

situazione

slaciàa, v.intr =.

svezzare, slattare

sladinàa, v. tr. =

rendere scorrevole

slambròt, s.m. =

brodaglia

slambrotàda (slambrotadi), s.f. =

conversazione confusa, discorso inconcludente

slanciàat, agg. =

snello, slanciato

slapetàa, v. intr.=

chiacchierare a vanvera

slargàa, v. tr. =

allargare, ampliare

slargù, s.m. =

spazzaneve – TO; vedere slitù

slavàat, s.m. =

slavato

slavàda (slavàdi), s.f. = 

slavata

slàzega, s.f. =

balla nel manico  |  la mèla la va a la slàzega = la  roncola balla nel manico. 

sléciàda, s.m. =

grande quantità di oggetti, moltitudine

slèf, s.m. =

taglio, brutta ferita prodotta da una lama tagliente 

slèpa (slèpi), s.f. = 

grossa porzione (di polenta, di formaggio); schiaffo, ceffone  |  gh’ò molàat ‘na slèpa = gli ho dato un ceffone

sleversù,s.m.     

manrovescio, sganassone, schiaffone (vedi sciavatù, sganasù)

slifrocàa, v.intr =.

oziare, vedi “lifròch”

slimàa, v. tr. =

consumare limando o sfregando, logorare

slimunàa, v. intr.=

limonare, pomiciare, amoreggiare

slingirìi, v. tr. =

alleggerire

slisàa, v. tr. =

lisciare, rendere liscio

slìta (slìti), s.f. =

slitta, treggia, slitta per trasporto sulla neve, in discesa,  di legname, fieno o altro  |  ócio cà l’è scià ‘na slita = occhio, attenzione, che sta arrivando una slitta

slitìi, s.m. =

slittino, piccola slitta usata dai bambini per fare la sdrucciola

slitù, s.m. =

spazzaneve – MO; era una grossa slitta, a forma di “V”, trainata da cavalli e poi da trattori 

slìza, s.f. =

si usa solo nell’espressione: fa la slìza = scivolare sulla neve con lo slittino

slizàa, v. intr.=

scivolare su ghiaccio, neve o su sentieri ripidi e lisci

slòfen, s.m. =

solo nell’espressione ‘nda a slòfen = andare a dormire

slogàs, v. rifl.=

procurarsi una distorsione  |  al sé slogàat ‘n pè = si è slogato un piede

slombolàat, agg. =

molliccio, messo insieme malamente, storto, senza forma, senza consistenza

slongàa, v. tr. = 

allungare, prolungare, diluire, annacquare (per esempio il vino)

slongàat, agg. =

disteso sul letto

slongàda (slongàdi), agg. =

distesa sul letto

slongàs, v. rifl.=

allungarsi, coricarsi, distendersi sul letto   |  al se slongàat gió = si è disteso sul letto 

slontanàa, v. tr. =

allontanare, scacciare, distanziare

slontanàs, v. rifl.=

allontanarsi, distanziarsi

slóz, agg. =

bagnato fradicio, inzuppato

slóza (slózi), agg. =

bagnata fradicia, inzuppata

slóza sǜ, v. tr. =

bagnare abbondantemente, inzuppare, infradiciare

slózàa, v. tr. =

bagnare abbondantemente, inzuppare, infradiciare

slózàat, agg. =  

vedi “slóz”

slózàda (slózadi), s.f. =

inzuppata, infradiciata 

slùdria, s.f. =

lontra, anche donna di facili costumi

smadregiàa, v. intr.=

prolassare, avere il prolasso

smàgia (smàgia), s.f. =

macchia (specie su un foglio o un vestito), mattacchione, burlone, birichino,“Giamburrasca”   |  quèl ilò l’è ‘na smàgia = quello lì è un mattacchione 

smagiàa, v. tr. =

macchiare, sporcare

smagrìi, v. intr.=

dimagrire, rendere più magro (per esempio aggiungendo acqua al brodo)

smaiàa, v. tr. =

logorare, consumare (per esempio il polsino di una camicia)

smaiàat, agg. =  

smangiato, eroso

smaiàda   (smaiàdi), agg. = 

smangiata, erosa

smània, s.f. =

smania, agitazione, irrequietezza

smaniàa, v. intr.=

agitarsi fuori misura

smaniàs, v. rifl.=

agitarsi fuori misura

smantelàa, v.tr. =

disfare, smantellare

smargotàa, v. intr.=

espettorare catarro

smasìit, s.m. =

formaggio vecchio coi “cagnù

smasutìit, s.m. =

formaggio vecchio coi “cagnù”

smatocàa, v. tr. =

fare cose stupide

smazücàat, agg. =

deformato per i colpi ricevuti

smazücàda (smazücadi), agg. =

deformata per i colpi ricevuti

smenàch, v. tr. =

rimetterci

smerciàa, v.tr. =

vendere, smerciare

smerdàa, v.intr =.

spargere sterco

smerdàs, v.rifl.=

sporcarsi di sterco

smèt, v.intr =.

smettere, finire

smezàa, v. tr. =

dividere, rompere, spezzare

smilàa, v.tr. =

smielare (o smelare), in apicoltura, togliere il miele dai favi

smilsa, agg. =

magra, esile

sminuìi, v.intr =.

sminuire, diminuire

smocàa, v.tr. =

tagliare le punte ad esempio ad un ramo

smolàa, v. tr. =

allentare  |  smolàa ‘na vìit = allentare una vite

smoltàa, v. tr. =

intonacare  |  smoltàa gió ‘n müur = intonacare un muro

smontàa, v. intr.= 

perdere la tinta, scolorire; finire il turno di lavoro

smontàa, v. tr. =

smontare  |  smontàa ‘n mótóor = smontare un motore

smṍöf, v.tr. =

smuovere, vedere “mṍöf”

smórósàa, v. intr.=

amoreggiare, flirtare, corteggiare

smòrsa (smòrsi), s.f. =

morsa del fabbro o del falegname

smorsàa, v. tr. =

spegnere  |  smorsàa la lǜs = spegnere la luce

smorsèt, s.m. =

morsetto 

smòrt, agg. =

smorto, pallido

smòrta (smòrti), agg. =

smorta, pallida

smotamèet, s.m. =

smottamento

smüracàda, s.m. =

grande ammucchiata di cose, sassi o terra

smǜs, s.m. =

smusso

snarigiàa, v. intr.=

soffiarsi il naso rumorosamente, frequentemente

snèl, agg. =

snello

snengràa, v. tr. =

schiacciare, comprimere tra due corpi

snengràat, agg. =

vedere “snengràda”

snengràda (snengràdi), agg. =

Compressa | pòrta snengràda = una porta che si apre male in quanto troppo compressa dagli stipiti | te sée iló snengràda = sei lì in una posizione scomoda e costretta

snervàat, agg. =

sfibrato, indebolito, sfinito

snervàda (snervàdi), agg. =

sfibrata, indebolita, sfinita

snervàs, v. rifl.=

perdere vigore, snervarsi, infiacchirsi

snodàat, agg. =

snodato

sò (sṍ), agg. =

suo, suo proprio, loro  |  ‘l sò pa = suo padre; i sṍ  fradèi = i suoi fratelli

sobarcàs, v.rifl.=

sobbarcarsi, farsi carico, assumere un impegno

sobatǜda (sobatǜdi), s.f. =

sobbalzo

sòcio (sòci), s.m. =

socio, compagno d’affari  |  sòcio dèla bìra = amico occasionale

socòmb, v.intr =.

cedere, soccombere

socòr, v.tr. =

aiutare, soccorrere

sòfoca (sòfochi), agg. =

soffocante, afosa

sòfoch, agg. =

soffocante, afoso

sòfrech, s.m. =

zolfo, vedere “zòfrech”

sógn, s.m. =

sonno

sognàa, v.intr =.

sognare

sognàs, v.rifl.=

sognarsi, vedere anche “ensommiàs”

sṍia, s.f. =

soglia, lastra di pietra

sṍl (sṍi), s.m. =

suolo, pavimento della stalla dove sostano le mucche

sṍla (sṍli), s.f. =

suola delle scarpe

sólàa, v. tr. =

suolare, risuolare, mettere la suola alle scarpe

sóladǜra (sóladǜri), s.f. =

suolatura di scarpe

solàna, s.f. =

cipollatura, difetto dei  legnami, soprattutto castani, consistente nel distacco tra due anelli annuali consecutivi;  La pianta con questo inconveniente non ha valore commerciale e si può usare solo per fare i pali delle vigne o come legna da ardere

solanàat, agg. =

colpito da cipollatura

solanàda (solanàdi), agg. =

colpita da cipollatura 

sólch, s.m. =

solco (ad esempio dell’aratura), fessura

sòld (sòldi), s.m. =

soldo, denaro (usato di solito al plurale)

soldàat, s.m. =

soldato, militare  |  ‘ndàa a fàa ‘l sóldàat = andare a fare il militare

solegiàda (solegiàdi), agg. = s.f. = 

soleggiata, giornata assolata  | ‘ncóo l’è ‘na grànt solegiàda =  oggi è una grande soleggiata    

solènch, s.m. =

malinconia, nostalgia, senso di tristezza mista a paura che prende le persone specialmente in posti solitari e selvaggi della montagna 

sólèr

si usa solo nell’espressione “pulènta gió sólèr”   |  ricetta: su un piatto di portata concavo  si mette uno strato di fette di polenta calda  poi si mette uno strato di fette di formaggio giovane, un altro strato di polenta e così via, alla fine gli si versa sopra un soffritto di burro e cipolla

sòlet, agg. = s.m. =

solito  |  de sòlet = di solito, di norma

solèta (soléti), s.f. =

soletta, elemento in calcestruzzo armato per dividere i vari piani di un edificio – TO

solèta (solèti), s.f. = 

soletta, elemento in calcestruzzo armato per dividere i vari piani di un edificio – MO

sòleta (sóliti), agg. =

solita – TO   

sòleta (sòliti), agg. =

solita - MO

sòlfa, s.f. =

solfa, la solita cosa

solfàto, s.m. =

solfato, verderame, sale dell’acido solforico, serve per irrorare la vigna

sóm, s.m. =

cima, sommità  |  sǜ ‘n sóm = in cima

sóma (sómi), s.f. =

somma

somartìi, s.m. =

autunno

somèlech, s.m. =

lampo 

somelegàa, v. intr.=

lampeggiare prima del temporale

somèza (somézi), s.f. =

semente – TO

somèza (somèzi), s.f. =

semente – MO

sómnàa, v.tr. =

seminare | l’è ura da somnàa ol törch  = è ora di seminare il granoturco

sómnàat, agg. =

seminato  |  gh’ò sómnàat i tartifòi = ho seminato le patate 

sómnàda (sómnàdi), agg. =

seminata

sóngia, s.f. =

sugna, grasso non commestibile usato per ungere scarponi, ruote ecc. 

sopedàa, v.intr =.

calpestare, camminare

soportàa, v.tr. =

sopportare, reggere

soppàlch, s.m. =

soppalco, vedere “stèren”

sopratǜt, avv.=

soprattutto

sòprès, s.m. =

ferro da stiro, nel passato era un contenitore in ghisa, pieno di brace, che emanava calore 

sopresàa, v. tr. =

stirare

sopresàda (sopresàdi), s.f. = 

stiratura  |  gh’ò dac’ ‘na bèla sopresàda = gli ho dato una bella stiratura

soràa, v. tr. =

raffreddare, intiepidire   |  làga sóràa la manèstra = lascia intiepidire la minestra

soràat, agg. =

raffreddato, diventato freddo   |  càa scotàat al bùfa sül soràat = cane scottato soffia sull’acqua fredda

soràda (soràdi), agg. =

raffreddata, diventata fredda

sórbói, v.tr. =

fermentare 

sorél, s.m. =

sfiatatoio per ricambio aria

sorèla (soréli), s.f. =

sorella – TO

sorèla (sorèli), s.f. =

sorella – MO

sorfenàat, agg. =

nauseato, esausto

sorfenàta (sorfenàdi), agg. =

nauseata, esausta

sorgent, s.f. =

sorgente

sorlevèet, agg. =  

individuo con la testa per aria 

sormontàa, v.tr. =

sormontare, sorpassare

sornóm, s.m. =

soprannome

sórs, s.m. =

sorso | tṍ! bièn ‘n sórs! = prendi! bevine un sorso! - sórs de vìi = sorso di vino

sorsèer, s.m. =

apposito recipiente per sorseggiare bevande

sórt, agg. =

sordo  |  sórt sórdènto = completamente sordo

sòrt, s.f. =

qualità, tipo, genere, specie  |  fan de tǜti li sòrt = combinarne di tutti i colori

sorvolàa, v.tr. =

sorvolare, passare oltre

sṍser, s.m. =

suocero, suoceri

sṍsera (sṍseri), s.f. =

suocera

sospènt, v.tr. =

sospendere

sóspés, agg. =

sospeso

sóspésa (sóspési), agg. =

sospesa

sospetóos, agg. =

sospettoso, diffidente, vedere “malfidèet”

sospetósa (sospetósi), agg. =

sospettosa, diffidente, vedere “malfidèta”

sósta, s.f. =

sosta; pesa pubblica; deposito di legna, fieno ecc.

sóstagnàa, v. tr. =

stendere un sottile strato di stagno nella parte interna delle secchie di rame 

sóstegn, s.m. =

sostegno

sóstegnǜda (sóstegnǜda), agg. =

sostenuta, aiutata  |  i l’à sèmpre sóstegnǜda = l’ha sempre aiutata

sóstegnǜüt, agg. =

sostenuto, aiutato

sostentamèet, s.m. =

sostentamento

sót, avv.= e prep. =

sotto, al di sotto

sót ciàaf, avv.=  

sottochiave, ben custodito 

sóta, avv.= e prep. =

sotto, al di sotto  |  sóta tèra = sottoterra

sóta óos, avv.=

sottovoce (si può sentire anche “sotóos”)

sót bànch, avv.=

sottobanco

sótabràsc’, avv.=

sottobraccio

sotanìi, s.m. =

sottana, sottoveste (vedi petacol)

sótcasèer, s.m. =

aiutante del casaro, faceva il burro e lavava i recipienti

sótgàmba, avv.=

sottogamba, alla leggera

sotintènt, v.intr =.

sottintendere

sótmàa, avv.=

sottomano

sotomès, agg. =

sottomesso

sotomètes, v.rifl.=

sottomettersi

sotórna (sotórni), agg. =

cupa, tetra, fosca, senza luce

sotórno (sotórni), agg. =

cupo, tetro, fosco, senza luce  |   

sotpè, s.m. =

sottopiede

sótràa, v. tr. =

sotterrare

sótsùra, avv.=

sottosopra; l‘è ‘ndàc’ sótsùra = è andato sottosopra, è fallito

sóttèera, avv.=

sotto terra

sotvalutàa, v.tr. =

sottovalutare

sotvèet, avv.=

sottovento

sovènda, s.f. =

modo di trasportare il legname da monte a valle lungo le mulattiere e i "tiradù": si collocano dei tronchi sui bordi dei "tiradù" specie nelle curve per facilitare lo scorrimento degli altri tronche che vengono spinti con l'apposito arnese (zapii)

spàach, s.m. =

spago

spacàa, v. tr. =

spaccare, spezzare, rompere  |  spacàa sǜ tǜt = rompere tutto

spacàat, agg. =

rotto, tale quale, identico  |  l’è precìis spacàat = è identico

spacàda (spacàdi), s.f. =

rotta, tale quale, identica

spacàs, v. rifl.=

rompersi  |  spacàs la schèna dal laóràa = rompersi la schiena dalla fatica 

spàch, s.m. =

spacco, fenditura

spacù, agg. =

spaccone, fanfarone, sbruffone

spadelàa, v.tr. =

spadellare; usare la padella per esempio per fare le caldarroste

spadòla (spadòli), s.f. =

spatola di legno, stecche di legno della gerla; sono bacchette lunghe e ben sagomate che costituiscono la parte strutturale della gerla e le danno la forma caratteristica, le “spadòli” venivano poi fissate con le “scodèsci”  

spadólàa, v. tr. =

falciare l’erba in modo non professionale

spadronegiàa, v.intr =.

spadroneggiare, comandare senza averne diritto

spaeràat, s.m. =

spaiato

spaesàat, agg. =

spaesato

spaghèt (spaghéc’), s.m. =

paura, spavento, pasta spaghetti - TO  |  gh’ò ciapàat ‘n spaghèt = ho preso un grosso spavento 

spaghèt (spaghèc’), s.m. =

paura, spavento - MO  |  gh’ò ciapàat ‘n spaghèt = ho preso un grosso spavento

spagnṍl, agg. =

spagnolo

spagnṍla (spagnṍli), agg. =

spagnola

spagnṍla, s.f. =

febbre spagnola; la grave forma epidemica scoppiò nel nostro paese e in altri centri d’Italia e d’Europa nel 1918

spàla (spàli), s.f. =

spalla

spalàa, v. tr. =

spalare

spalancàa fó, v. tr. =

spalancare, aprire completamente porte e finestre – TO

spalancàa fò, v. tr. =

spalancare, aprire completamente porte e finestre – MO

spalancàa, v. tr. =

spalancare, aprire completamente porte e finestre

spalèta (spaléti), s.f. =

spalletta, mazzetta, strombatura di un’apertura – TO

spalèta (spalèti), s.f. =

spalletta, mazzetta, strombatura di un’apertura – MO

spalìi, s.m. =

bretella, spallaccio di zaino (usato di solito al plurale)

spalmàa, v.tr. =

Spalmare | spalmàa ‘l bütèer sǜ ‘ndèl pàa = spalmare il burro sul pane

spanàa, v. tr. =

scremare, levare la panna  |  spanàa ‘l làc’ = separare la panna dal latte

spànda (spàndi), s.f. =

spanna (distanza tra pollice e mignolo nell’apertura massima della mano); accrescitivo =  spandù

spànt, v. tr. =

spandere, diffondere, spargere   |  spànt la gràśa = spandere il letame

spantegàa, v. tr. =

sparpagliare, dissipare

sparàa, v. tr. =

sparare

sparantèl (sparantèi), s.m. =

chiavistello delle catene per legare le mucche; farfalla

sparegiàa, v. tr. =

spaiare; relativo a paio di calze, scarpe, diverse l’una dall’altra

sparegiàat, agg. =

spaiato

sparìi, v.tr. =

sparire, scomparire

sparìit,  agg. =

sparito, mancato

sparlàa, v.intr =.

sparlare, dire male altrui, vedere “dì réet” 

sparmìi, v. tr. =

risparmiare, fare economia

sparpaiàa, v. tr. =

cospargere

spàrs, s.m. =

asparagi 

spàrs, agg. =             

sparpagliato, in ordine sparso

sparsèl, s.m. =

ferro usato per incastrare i ferri delle botti

spartìi, v. tr. =

spartire, dividere in parti uguali; separare due litiganti  | spartìi la ròba = dividere l’eredità; dividere i beni

spartìs, v. rifl.=

dividersi, separarsi, divorziare

spàs, s.m. =

divertimento, gioco; spasso, passeggio  | fa spàs = giocare; ‘nda a spàs = andare a passeggio

spaśegiàa, v.intr =.

passeggiare

spatafiàda, s.f. =

discorso o scritto lungo

spatàsc’, s.m. =

quantità, moltitudine di cose, vedere “fràca, sléciàda, ròscia” 

spatasciàda (spatasciàdi), s.f. =

grande quantità

spatasciàda (spatasciàdi), s.f. = 

caduta, capitombolo, ruzzolone | gh’ò ciapàat  gió ‘na spatasciàda = sono caduto rovinosamente

spatasciàs, v. rifl.=

sfracellarsi, cadere rovinosamente, cadere lungo e disteso e farsi male  |  al se spatasciàat = è caduto lungo e disteso e si è fatto male

spàtola, s.m. =

spatola, di legno o di metallo, vedi “spàdola”

spavàld, agg. =

spavaldo, sicuro di sé

spavèntapaśèr, s.m. =

spaventapasseri

spàvi, agg. =

selvaggio, indocile, renitente, indomito, restio

spàvia, agg. =

selvaggia, indocile, renitente, indomita, restia

spazàa, v. tr. =

spazzare, ripulire con la scopa o con la pala   |  spazàa ‘l pràat = ripulire il prato dai residui della concimazione organica

spazacà, s.m. =

solaio, sottotetto

spazacamì, s.m. =

spazzacamino

spazanìif, s.m. =

spazzaneve

spazèta (spazéti), s.f. =

spazzola della lavandaia – TO

spazèta (spazèti), s.f. =

spazzola della lavandaia – MO

spazetù, s.m. =

spazzolone

spàzi, s.m. =

spazio

spazìi, s.m. =

spazzino, netturbino

spazióos, agg. =

spazioso, ampio

spaziósa (spaziósi), agg. =

spaziosa, ampia  |  ‘na cüsina spaziósa = una cucina spaziosa

spàzola (spàzoli), s.f. =

spazzola (per panni, scarpe o capelli)

spazolàa, v. tr. =

spazzolare

spazulìi, s.m. =

spazzolino per i denti

spéc’, s.m. =

specchio – TO

spèc’, s.m. =

specchio – MO

speciàa, v. tr. =

aspettare, attendere

speciàal, agg. =

speciale, interessante, straordinario

speciàala (speciàli), agg. =

speciale, interessante, straordinaria

specializzàs, v.rifl.=

specializzarsi sul lavoro

speciàs ité, v. rifl.=

specchiarsi, guardarsi allo specchio – TO

speciàs itè, v. rifl.=

specchiarsi, guardarsi allo specchio – MO

speciàs, v. rifl.=

attendersi, darsi appuntamento

specificàa, v.intr =.

specificare, precisare

specülàa, v.intr =.

speculare

spelàa, v.tr. =

spellare, scorticare

spelàs, v. rifl.=

spellarsi, prodursi un’escoriazione

spendasciù, s.m. =

spendaccione, prodigo

spendasciùna (spendasciùni), s.f. =

spendacciona, prodiga

spenelàa, v.tr. =

spennellare, pennellare, vedi “penelàa”

spènt, v. tr. =

spendere 

spéra, s.f. =

schizzo di latte che esce nella spremitura di una mammella di un mammifero tipo mucca, pecora, capra, ecc..

speràa, v.intr =.

sperare

spergiüràa, v. intr.=

insistere in un’affermazione, spergiurare

spericolàat, agg. =

spericolato, che non bada ai pericoli

sperù, s.m. =

sperone

spès, agg. =

fitto, denso, spesso

spès, avv.=

spesso, frequentemente

spèśa (spèśi), agg. =

fitta, densa, spessa  |  la vèdi spèśa = è una situazione difficile

spésa (spési), s.f. =

spesa  |  l’è püsée la spésa che l’imprésa = è un’ azione svantaggiosa

spètacol (spetàcoi), s.m. =

spettacolo

spetànsa, s.f. =

spettanza, diritto, compenso o retribuzione

spetégolàa, v. intr.=

spettegolare

spètorgna, s.f. = 

noia, mollezza, indolenza  |  laoràa de spetòrgna = lavorare con indolenza 

spézi, s.f. = pl.

spezie

spìa (spìi), s.f. = 

spia, delatore; spioncino  |  la spìa dèla benzina = la spia della benzina

spiàa, v. tr. = 

spiare, osservare di nascosto 

spiàna, s.f. =

recipente in legno tipo scodella ma più piatto usato per retrarre la cagliata e per togliere la panna che si formava in superficie nella "còldera", con la quale fare poi  il burro 

spianàa, v.tr. =

spianare, livellare, vedi “paregiàa”

spiantàat, agg. e s.m. =

spiantato, ridotto in miseria, squattrinato 

spiantàda (spiantàdi), agg. = e s.f. =

spiantata, ridotta in miseria, squattrinata

spiantàs, v. rifl.=

spiantarsi, andare in malora

spiàzz, s.m. =

spiazzo, spazio largo

spiegàa, v. tr. =

spiegare

spiegàs, v. rifl.=

spiegarsi

spiegazzàa, v.ntr.

spiegazzare, piegare malamente

spiegazzàat, agg. =

spiegazzato, piegato malamente

spìfer, s.m. =

spiffero

spiferàa, v. tr. =

spifferare, riferire

spìga (spìghi), s.f. =

spiga di ogni cereale

spignatàa, v. intr.=

cucinare, spignattare

spìgol (spìgoi), s.m. =

spigolo, angolo  |  ‘l spìgol dèl müur = lo spigolo del muro

spigolàa, v. tr. =

spigolare (uva, castagne o altro)  |  spigolàa l’üa = raccogliere i grappoli rimasti dopo la vendemmia

spigòlsa (spigòlsi), s.f. =

altalena, sin. “pigòlsa”

spìi, s.m. =

spino, aculeo ( di rovo, di rosaio o di robinia)  |  es sǜ ‘n di spìi = essere in ansia

spìla (spìli), s.f. =

spilla

spilòrsc’, agg. e s.m. = 

spilorcio, avaro, taccagno

spilòrscia (spilòrsci), agg. e s.m. =

spilorcia, avara, taccagna

spìna (spìni), s.f. =

rubinetto della botte per spillare il vino, rubinetto per l’acqua; spina, dispositivo che si inserisce nella presa della corrente 

spinàz, s.m. = pl. 

spinaci

spionàa, v. tr. =

spiare, guardare di nascosto

spiovènt, agg. =

spiovente

spìret, s.m. =

spirito, alcool, fantasma, coraggio

spiritàat, agg. =

spiritato, invaso dal demonio

spiritṍs, agg. =

spiritoso, brioso, vivace 

spiritṍsa (spiritṍsi), agg. =

spiritosa, briosa, vivace

spirlungù, s.m. =

spilungone, smilzo (persona più alta del normale e molto magra)

spiscinìi, v. tr. =

rimpicciolire

spiù, s.m. =

spione 

spiümàa, v. tr. =

spiumare, levare le piume ad un volatile

spizièer, s.m. =

farmacista, speziale; persona meticolosa e pignola

spizzolàs, v.rifl.= 

litigare, battibeccare

spòia (spòi), s.f. =

scheggia di legno

spṍla (spṍli), s.f. =

il tubetto su cui si avv.=olge il filato della trama e che si inserisce nella navetta per la tessitura; piccolo arnese di legno duro con un foro e un’asola sagomata dove passa la fune, che serve per legare strettamente un carico di legna o di fieno.  

spṍla (spṍli), s.f. =

individuo poco raccomandabile

spólèta (spóléti), s.f. =

rocchetto metallico per macchine da cucire; il tubetto su cui si avv.=olge il filo per cucire - TO  |  n spóléta de réf = un rocchetto di filo per cucire

spólèta (spólèti), s.f. =

rocchetto metallico per macchine da cucire; il tubetto su cui si avv.=olge il filo per cucire - MO  |  ‘n spólèta de rèf = un rocchetto di filo per cucire

spolveràa, v.tr. =

spolverare, togliere la polvere 

spónda (spóndi), s.f. =

sponda

sponsàal, s.m. =

sponsale, promessa di fidanzamento

spóos, s.m. =

sposo, marito, coppia di sposi  |  ‘ndàa a spóos = partecipare alle nozze

sportèl, s.m. =

sportello

sportilìi, s.m. =

piccolo sportello

spósa (spósi), s.f. =

sposa, moglie

spósàa, v. tr. = 

sposare, unire in matrimonio  |  spósàa ‘l ciù = mettere un ferretto sul grugno del maiale per impedigli di rovistare ovunque in cerca di cibo 

spósalizi, s.m. =

sposalizio, nozze, cerimonia nuziale

spósàs, v. rifl.=

sposarsi, prendere moglie o marito

spostàa, v. tr. =

spostare, rimuovere, portare una cosa da un posto ad un altro

spostàs, v. rifl.=

spostarsi

sprànga (sprànghi), s.f. =

spranga, sbarra di legno o di ferro usata come traversa per chiudere una porta

sprangàa, v. tr. =

sistemare una spranga, di legno o di ferro, di traverso all’interno di una porta per garantirne la chiusura

sprangàda (sprangàdi), agg. =

chiusa con una spranga

spràngàat, agg. =

chiuso con una spranga 

sprecàa, v.tr. =

sprecare, spendere a iosa

spresóor, s.m. =

asse di forma circolare con i bordi rialzati e con un’apertura da un lato, dove si metteva il formaggio appena fatto, sopra al formaggio si metteva un peso per facilitare l’uscita del siero

sprìcol (sprìcoi), agg. = 

vivace, intraprendente, vispo, riferito a una persona che si muove e fa le cose con velocità 

sprìcola (sprìcoli), agg. =

vivace, intraprendente, vispa

sprofóndàa, v. intr.=

sprofondare, affondare

spropòset, s.m. =

sproposito, strafalcione, quantità enorme 

sprüzzàa, v.tr. =

spruzzare, schizzare liquidi

spǜda, s.f. =

saliva   |  tacàat  ‘nsèma  con la spǜda = unito in modo precario

spüdàa, v. intr.=

sputare

spuigiǜda (spuigiǜdi),  s.f. =

puntura (d’insetto, di una spina o di qualsiasi oggetto acuminato)

spùisc’, v. tr. =

pungere

spulmunàs, v.rifl.=

spolmonarsi, gridare, affaticarsi, sgolarsi | fìm ca spulmunàs = non fatemi affaticare i polmoni a gridare

spulverìi, s.m. =

spolverino, impermeabile leggero

spunciù, s.m. =

oggetto acuminato e pungente

spuntìno, s.m. =

spuntino

spürgàa, v. tr. =

spurgare

spǜza (spǜzi), s.f. = 

puzza, puzzo, cattivo odore

spüzàa, v. intr.=

puzzare, emanare cattivo odore

spüzolèet, agg. =

puzzolente, maleodorante – MO

spüzolèeta (spüzoleéti), agg

puzzolente, maleodorante – TO

spüzolèeta (spüzolèeti), agg

puzzolente, maleodorante – MO

squàc’, s.m. =

spavento improvviso, grande paura

squàdra (squàdri), s.f. =

squadra strumento triangolare per disegnare   |  es ‘n squàdra = essere perpendicolare

squàdra (squàdri), s.f. =

gruppo o formazione organica di persone con compiti e funzioni comuni es.: squadra di lavoro, squadra di calcio 

squagiàs, v. rifl.=

spaventarsi improvvisamente, provare grande paura

squartàa, v.tr. =

squartare, relativo al maiale, fare a pezzi, a quarti

squazzadù, s.m. =

acquazzone

squìsc’, agg. =

affamato, essere a pancia vuota  |  sóo squìsc’ = ho fame

srarìi, v. tr. =

diradare, sfoltire  |  srarìi fò li carotòli = diradare le carote

srógnàa, v. tr. =

togliere i germogli non fruttiferi della vite (“rógni”)

stà (stì), agg. =

questa  |  stà ca = questa casa

stàa ‘ndrèet, v. intr.=

stare lontano, limitarsi, non eccedere  |  stàa ‘ndrèet  ‘ndèl bìif = limitati nel bere 

stàa gió, v. intr.=

non alzarti

stàa ià, v. intr.=

stare lontano, essere assente  |  l’è stàc’ ià ‘n mis = è stato via un mese

stàa sǜ,  v. intr.=

stare alzato

stàa, v. intr.=

stare, rimanere, abitare  |  sta come torre ferma che non crolla già mai la cima per soffiar de’ venti (Dante); al stàa a Milàa = abita a Milano; làgà stàa = lascia perdere, non toccare

stabilidǜra (stabilidǜri), s.f. =

stabilitura, ultimo strato di intonaco

stabilìi, v. tr. =

stabilire, decidere, intonacare

stabilìs, v. rifl.=

stabilirsi, fissare la dimora in un certo luogo  |  al s’è stabilìit a Cóm = ha preso il domicilio a Como

stabilìit, agg. =    

stabilito, fissato, concordato, intonacato

stacàa, v.tr. =

staccare, separare

stàch réet, v. intr.=

corteggiare, accudire

stàch té, v. intr.=

non rimetterci  |  ghé stóo ité apèna ‘ndéli spési = ho solo coperto le spese  - TO

stàch tè, v. intr.=

non rimetterci  |  ghe stòo itè apèna ‘ndèli spési = ho solo coperto le spese  - MO

stàch, v. intr.=

starci, partecipare |  ghe stòo a mi = partecipo anch’io

stachèta (stachéti), s.f. =

chiodo corto con larga capocchia sagomata che veniva usato una volta come protezione delle suole delle scarpe – TO

stachèta (stachèti), s.f. =

chiodo corto con larga capocchia sagomata che veniva usato una volta come protezione delle suole delle scarpe – MO

stadéra (stadéri), s.f. =

tipo di bilancia, basato sul principio della leva: consiste essenzialmente in un’asta metallica tarata in kg. e loro frazioni, sulla quale si sposta un peso (detto romano), in un gancio per tenerla sollevata funzionante da fulcro, e in un piatto, appeso per mezzo di catenelle  a un’estremità dell’asta, sul quale si pone l’oggetto da pesare   

stadómàa, avv.=

stamattina

stàgia (stàgi), s.f. =

staggia, staggio, asta graduata per misurazioni, asta dritta ben levigata usata in edilizia per stabilire piani orizzontali o verticali  o per creare un piano stendendo malta o intonaco

stagiù, s.f. =

stagione  |  fa la stagiù = svolgere lavori stagionali lontano da casa

stagiunàa, v. intr.=

stagionare (riferito a formaggi, salumi o legno) 

stagiunàat, agg. =

stagionato

stagiunàda (stagiunàdi), agg. =

stagionata

stagiunadǜra (stagiunadǜri), s.f. =

stagionatura, il tempo e il modo in cui viene stagionato

stàgn, agg. =

a tenuta d’acqua, duro | te sée stàgn = sei sodo, hai la carne soda

stàgn, agg. =

solo nell’espressione: a stàgn = a voce alta | parlàa a stàgn = parlare a voce alta

stàgn, s.m. =

stagno (metallo)

stàgna (stàgni), agg. =

a tenuta d’acqua, dura, soda

stagnàa, v. tr. =

stagnare, riparare, otturare con lo stagno

stagnàda (stagnàdi), s.f. =

lavorazione fatta a stagno | coldéra stagnàda = grossa conca in rame ricoperta di un velo di stagno ( si usava per raccogliere il latte a fargli fare la panna e per scaldarlo al momento di fare il formaggio)

stàla (stàli), s.f. =

stalla; nel passato la stalla era un luogo di ritrovo per le veglie serali nella stagione invernale sinonimo di masù

staladìsc’, s.m. =

bestia rimasta troppo in stalla

stambèrga (stambèrghi), s.f. =

stamberga, topaia, catapecchia

stàmp, s.m. =

stampo (caratteristico è quello in legno che dà forma al panetto di burro); punta in acciaio per  forare rocce da minare 

stampàa, v. tr. =

stampare  |  al pàrla cóma ‘n lìbro stampàat  = una persona che sa tante cose e le esprime bene, viene usato anche in senso ironico  

stampée, s.m. =

stare in piedi | stampée de la lǜm = porta lume

stampéla (stampéli), s.f. =

stampella, gruccia – TO

stampèla (stampèli), s.f. =

stampella, gruccia – MO

stampìi, s.m. =

piccolo stampo | stampii dèl bütéer = stampo per il burro (di solito per pani da mezzo kig  con il disegno di una mucca o di un fiore sul fondo che si stampa sul pezzo di burro)

stànga (stànghi), s.f. =

stanga, robusto e lungo pezzo di legno; persona alta e snella

stangàda (stangàdi), s.f. =

stangata, colpo di stanga o di bastone; grave perdita finanziaria; solenne bocciatura 

stanghèt, s.m. =

grosso bastone 

stangù, s.m. =

persona molto alta

stangùna (stangùni), s.f. =

donna molto alta, valchiria

stanòc’, avv.=

stanotte

stànsa (stànsi), s.f. =

camera da letto

stantàa, v. intr.=

stentare, riuscire a malapena  |  sǜ ‘ndèl Ròla al gh’è sǜ ‘na piànta che pèna ü al stànta a portàla ià = sul monte Rolla c’è una pianta che uno solo riesce a malapena a portarla  | stànti a crèdel = faccio fatica a crederlo

stantìif, s.m. e agg. =

stantio, rancido  |  ódóor de stantìif = cattivo odore, odore di stantio

stantìva (stantìvi), agg. =

stantia. rancida

staòlta, avv.=

questa volta

stapàa, v.tr. =

stappare, togliere il tappo

starnüdìi, v. intr.=

starnutire

starnǜt, s.m. =

starnuto

stasìra, avv.=

stasera

stàto (stàti), s.m. = 

stato, situazione  |  al se trùa ‘n catìif stàto = si trova in una brutta situazione

stàtüa (stàtüi), s.f. =

statua  |  la stàtüa dèla Madóna = la statua della Madonna

statǜra, s.f. =

statura, altezza del corpo 

staziù, s.f. =

stazione ferroviaria

stèca (stéchi), s.f. =

stecca, asticella di legno, stecca di sigarette – TO

stèca (stèchi), s.f. =

stecca, asticella di legno, stecca di sigarette - MO  |  la stèca dèl bigliàrt = la stecca del gioco del bigliardo

stecàda (stecàdi), s.f. =

colpo di stecca, steccata, recinzione costituita da una serie di elementi di legno 

stèch, s.m. =

stuzzicadenti

stechèt, loc.avv.=

tenere qualcosa rigorosamente sotto controllo  |  stàa a stechèt = rispettare rigorosamente  una dieta

stechèta, loc.avv.=

tenere qualcosa rigorosamente sotto controllo  |  stàa a stechèta = rispettare rigorosamente  una dieta

stechìi, v. tr. = e intr.

stecchire, uccidere 

stechìit, agg. =

morto stecchito

steculìna (steculìni), s.f. =

piccolo pezzo di legno, grande la metà di una matita, che si usava per insegnare a contare  ai bambini  della prima elementare

stèla (stéli), s.f. =

stella – TO

stèla (stèli), s.f. =

stella – MO

stènt, v. tr. =

stendere  |  stènt i stràsc’ = stendere i panni

stentàa, v. intr.=

stentare, riuscire a malapena, vedere: stantàa

stèren, s.m. =

soppalco della stalla per mettere il fieno di scarto o altro

stèrla (stérli), agg. =

sterile - TO  |  na vàca stèrla = una mucca sterile

stèrla (stèrli), agg. =

sterile - MO  |  ‘na vàca stèrla = una mucca sterile

stèrs, s.m. =

sterzo, volante dell’automobile

stersàa, v. intr.=

sterzare

stèś, agg. =

stesso, uguale, simile 

stèśa (stèśi), agg. =

stessa, uguale, simile - MO    |  sòo stüf de maiàa la stèśa manèstra = sono stufo di mangiare la solita minestra 

stiletàda (stiletàdi), s.f. =

stilettata, dolore violento, di solito su un fianco o alla schiena

stìm 

si usa solo nell’espressione: a stìm = a occhio, approssimativamente

stìma (stìmi), sf,

stima, rispetto; perizia, valutazione di un perito

stimàa, v. tr. =

stimare, apprezzare, rispettare; valutare

stimàna (stimani), s.f. =

settimana, vedere: “sitimàna”

stimàs, v. rifl.=

stimarsi, pavoneggiarsi

stimolàa, v.tr. =

stimolare, incitare

stìnca (stìnchi), agg. =

rigida, irrigidita; ubriaca fradicia  |  gàmba stìnca = gamba che non si piega al ginocchio

stìnca (stìnchi), s.f. = 

ubriacatura, vedere: ciòca

stincàa fó, v. tr. =

uccidere, ammazzare; anche bere tutto il contenuto di  un bicchiere, fiasco, ecc.  – TO

stincàa fò, v. tr. =

uccidere, ammazzare; anche bere tutto il contenuto di  un bicchiere, fiasco, ecc– MO

stincàa, v. tr. =

uccidere, ammazzare

stincàs, v. rifl.=

ubriacarsi

stìnch, agg. =

rigido, irrigidito; ubriaco fradicio

stiràa, v. tr. =

stirare

stiramèet, s.m. =

stiramento, strappo muscolare, vedi “strèp”

stiràs, v. rifl.=

distendere le membra per riattivare il tono dei muscoli intorpiditi

stìtech, agg. =

stitico, avaro

stivàl (stìvài), s.m. =

stivale

stizù, s.m. =

tizzone, pezzo di legno infuocato

stò (stì), agg. =

questo  |  stì àgn ‘ndrèe = negli anni passati

stòch, s.m. =

travetto usato nell’edilizia per puntellare

stómech, s.m. =

stomaco; seno, petto  |  mal de stómech = mal di stomaco; vìch ‘l pìil sǜ stómech = non avere scrupoli

stómegàa, v. tr. =

stomacare, disgustare, nauseare, infastidire fortemente 

stómegàat, agg. =

nauseato; vedere anche: “sorfenàat” 

stómegàda (stómegàdi), agg. =

nauseata; vedere anche: “sorfenàda” 

stóren (stóregn), agg. =

sordo

stòrges, v. rifl.=

torcersi, contorcersi per il male  |  stòrges dal grignàa = contorcersi per una risata smodata

stòria (stòri) s.f. =

storia; racconto, favola; frottola, fandonia  |  cǜnta ca sǜ stòri = non raccontare frottole; fa mìga stòri = non tergiversare 

stórna (stórni), agg. =

sorda

stórnèl (stórnéi), s.m. =

storno (uccello della famiglia dei passeracei) – TO

stórnèl (stórnèi), s.m. =

storno (uccello della famiglia dei passeracei) – MO

stòrsc’, v. tr. =

torcere, contorcere 

stòrt, agg. =

storto, piegato, curvo 

stòrta (stòrti), agg. =

storta, piegata, curva – MO

stórta (stórti), s.f. =

distorsione – TO

stòrta (stòrti), s.f. =

distorsione  |  gh’ò ciapàat ‘na stòrta en de’n pè = mi sono procurato una distorsione a un piede – MO

stortàa, v. tr. =

piegare, incurvare

stortàat, agg. =

incurvato, piegato, distorto  |  me sòo stortàat ‘n dìit = mi sono distorto un dito

stortacòl, s.m. =

torcicollo

stortàda (stortàdi), agg. =

incurvata, piegata, distorta

stortàs, v. rifl.=

incurvarsi, piegarsi, distorcersi

stràa, agg. =

strano

stràca (stràchi), agg. =

stanca, affaticata

stracàa, v. tr. =

stancare, affaticare; annoiare, molestare, stufare

stracàrech, agg. =

stracarico, sovraccarico

stracàs, v. rifl.=

stancarsi

stràch, agg. =

stanco, affaticato  |  stràch cóma ‘n àsen = stanco morto

strachèza, s.f. =

stanchezza 

strachìi, s.m. =

gorgonzola

stràda (stràdi), s.f. =

strada  |  fàa stràda = far carriera

stràdegàa, v.tr. =

spezzettare il letame invecchiato in un mucchio con apposito tridente a denti curvi chiamato “stradegù”

stradegù, s.m. =          

tridente a denti curvi per “stradegàa”

stradìi, s.m. =

stradino, operaio addetto alla manutenzione delle strade, vedere “stradiröl”

stradìna (stradìni), s.f. = 

stradina, strada di campagna

stradiröl, s.m. =

stradino, operaio addetto alla manutenzione delle strade

stradù, s.m. =

strada principale

strafàa, v.intr =.

strafare, fare più del dovuto

stafìl, s.m. = 

staffile, cinghia di cuoio o di altro materiale usato nelle selle

strafotèet, agg. =

strafottente, arrogante 

strafotèeta (stafotèeti), agg. =

strafottente, arrogante 

strafüsàri, s.m. =

persona confusionaria e inconcludente

stralünàat, agg. =

stralunato, con gli occhi spalancati

stràm, s.m. =

rami con le foglie fatte seccare, sin. “viscèi” 

stramalidii, v.tr. =

stramaledire

stràmba (stràmbi), agg. =

stramba, strana, stravagante

stramberìa (stramberìi), s.f. =

stramberia, bizzarria, stravaganza | fa cà stramberìi = non fare stupidaggini

stràmbo (stràmbi), agg. =

strambo, strano, stravagante

stramezàa, v. tr. =

dividere, realizzare una parete divisoria in un locale per ottenerne due

strampalàat, agg. =

strampalato

stramǜsc’, s.m. =

stropicciato, sgualcito

stramǜscia (stramǜsci), s.f. =

stropicciata, sgualcita

stramüsciàa, v. tr. =

stropicciare (sinonimo di “stramüscìi”)

stramüsciàat, agg. =

stropicciato, non stirato

stramüscìda (stramüscìdi), agg. =

stropicciata, non stirata

stramüscìda (stramüscìdi), agg. =

stropicciata, non stirata, sinonimo di stramüsciàda

stramüscìi, v. tr. =

stropicciare

stramüscìit, agg. =  

stropicciato, non stirato, sinonimo di stramüsciàat

strangolàs, v. rif. 

strangolarsi 

strangolàa, v. tr. = 

strangolare, strozzare

strangolàat, agg. =

strangolato

stranguiù, s.m. =

persona che ingoia voracemente cibo e bevande

 forse anche stringulù MO e strangulù TO

stranguiunàa, v. tr. =

trangugiare voracemente, tracannare

straparlàa, v. intr.=

vaneggiare, delirare, sproloquiare

strapiómp, s.m. =

strapiombo, precipizio

stràsc’, s.m. =

straccio, cencio, strofinaccio; vestito  |  i stràsc’ dala fèsta = i vestiti che si mettono nei giorni festivi

strascèer, s.m. =

straccivendolo   |  al ósa cóma ‘n strascèer = urla come uno straccivendolo

strasciàat, agg. =

stracciato, lacero, vestito male, malmesso

strasciàda (strasciàdi), agg. =

stracciata, lacera, vestita male, malmessa

strasciù, s.m. =

straccione, pezzente

strasìda (strasìdi), agg. =

secca

strasìit, agg. = 

secco  |  sèch strasìiti = molto secco | véc’ strasìit = molto vecchio

stratèep, s.m. =

temporale improvviso, tempo che cambia in peggio repentinamente 

stravacàa, v. tr. =

rovesciare, capovolgere, ribaltare; andare fuori di testa (in senso figurativo)

stravacàs, v. rifl.=

sdraiarsi, sedersi, stendersi in posizione scomposta 

stravéc’, agg. =

stravecchio

stravégia (stravégi), agg. =

stravecchia

stravidìi, v. intr.=

stravedere  |  al fa stravidìi = cose straordinarie

strécia (stréci), agg. =

stretta, strettoia – TO  |  ‘na strécia = una via molto stretta

strècia (strèci), agg. =

stretta, strettoia – MO  |  ‘na strècia = una via molto stretta

strédola (strédoli), s.f. =

scaglia di legno – TO

strèdola (strèdoli), s.f. =

scaglia di legno – MO

stredolàa sǜ, v. tr. =

ridurre un pezzo di legno in scaglie

stredolàa, v. tr. =

tagliuzzare, ridurre a scaglie

stredolòz, s.m. =

residui di cose tagliate

stréec’, agg. =

stretto, ristretto – TO  |  l’è stréc’ de mànega = è piuttosto avaro

strèec’, agg. =

stretto, ristretto – MO  |  l’è strèc’ de mànega = è piuttosto avaro

strefuzìi, s.m. =

spago

stréiges,  v. rifl.=

stringersi (per occupare meno posto), restringersi – TO

strèiges,  v. rifl.=

stringersi (per occupare meno posto), restringersi – MO

streigiǜda (streigiǜdi), agg. =

stretta  |  gh’ò dac’ ‘na bèla streigiǜda = l’ho legato molto bene

streigiǜut, agg. =

stretto

stréisc’, v. tr. =

stringere, legare ben stretto, restringere un vestito – TO

strèisc’, v. tr. =

stringere, legare ben stretto, restringere un vestito – MO

stremenàa, v. tr. =

scuotere, scrollare

stremenàda (stremenàdi), s.f. =

scrollone, scossone, strapazzata  |  gh’ò dac’ ‘na stremenàda = l’ho ripreso con durezza

streòlt, agg. =

stravolto, sconvolto, sbigottito

streòlt, s.m. =

si dice di persona poco serena, si dice anche del cielo quando la forma, il colore, la direzione, la velocità delle nuvole non promettono niente di buono  

streòlta (streòlti), agg. =

stravolta, sconvolta, sbigottita

strèp, s.m. =

strappo, stiramento   |  gh’ò ciapàat ‘n strèp = ho preso uno strappo muscolare

strepàa fó, v. tr. =

strappare, sradicare, estirpare – TO  |  strepàa fó l’érba de l’òrt = strappare le erbacce dall’orto

strepàa fò, v. tr. =

strappare, sradicare, estirpare – MO  |  strepàa fò l’èrba de l’òrt = strappare le erbacce dall’orto

strepàa sǜ, v. tr. =

strappare, sradicare, estirpare  |  strepàa sǜ ‘n pàal = strappare un palo

strepàa, v. tr. =

strappare, sradicare, estirpare

strepàat, agg. =

strappato, sradicato, estirpato; rovinato economicamente

strepàda (strepàdi), agg. =

strappata, sradicata, estirpata; rovinata economicamente

strepàs, v. rifl.=

rovinarsi economicamente

strepàz, s.m. =

strapazzo, faticaccia

strepazàa, v. tr. =

strapazzare, sciupare

strepazàat, agg. =

sciupato, sprecato; logorato fisicamente

strepazàda (strepazàdi), agg. =

sciupata, sprecata; logorata fisicamente

strepazàs, v. rifl.=

strapazzarsi, affaticarsi troppo

strèpet, s.m. =

usato solo nell’espressione strèpet de gòmet = conato di vomito 

streportàa, v. intr.=

prolungare il tempo della gravidanza sulla data presunta (con riferimento alle mucche) 

strepù, s.m. =

pianta sradicata dall'intemperia

strìa, s.f. =

strega

strimìda (strimìdi), agg. =

spaventata, impaurita, timida, intimidita

strimìi, v. tr. =

spaventare, impaurire

strimìit, agg. =

spaventato, impaurito, timido, intimidito  |  l’è ‘n pòo strimìit = è un po’ timido

strimìzi, s.m. =

spavento  | gh’ò ciapàat ‘n strimìzi = ho preso un grosso spavento

strìnga (strìnghi), s.f. =

stringa, legaccio delle scarpe, vedi anche “lasciṍl”

striù, s.m. =

indovino

strìzech, s.m. =

dolore improvviso, (vedi stiletàda =stilettata )   

strṍac’

parole senza senso | la dìs fò nóma strṍac’ = dice solo parole senza senso

stróc’, agg. =

sporco, sudicio, sinonimo di  “bródec”

strógia (strógi), agg. =

sporca, sudicia, sinonimo di “bródega”

strógiàa, v. tr. =

sporcare

strógiàat, agg. =

sporcato

strógiàda (stógiàdi), agg. =

sporcata

strógiàs sǜ, v. rifl.=

sporcarsi

strógiàs, v. rifl.=

sporcarsi

stròlech, s.m. =

zingaro

stròlega (stròleghi), s.f. = 

zingara, donna di facili costumi e girovaga

stróns, s.m. =

stronzo, escremento solido a forma di cilindro; ingiuria rivolta a persona malvagia e spregevole 

strónza (strónzi), s.f. =

ingiuria rivolta a persona malvagia e spregevole

stròpa (stròpi), s.f. =

ramo flessibile e ritorto di salice, di betulla che viene usato per fare gli spallacci di gerle e per legare fascine di legna - MO  |  stròpi dèl gèrlo = spallacci della gerla;  fàa li stròpi = stiracchiarsi, sgranchirsi le membra  

stropaiṍl, s.m. =

legaccio di salice o betulla

stròz, s.m. = 

particolare giocata fatta nel gioco della briscola (gioco delle carte), che consiste nel fatto che una carta di valore superiore permette di vincere una di valore inferiore dello stesso seme

strozàa, v. tr. =

strozzare, strangolare; effettuare una particolare giocata a briscola (vedere stròz)

strozàat,  agg. =       

strozzato 

strozadǜra (strozadǜri), s.f. =

restringimento

strozàs, v. rifl.=

strozzarsi, impiccarsi, soffocarsi (per un boccone andato di traverso) 

strücàa, v. tr. =

strizzare, comprimere, stringere forte con le mani (per esempio un panno lavato)

strücàat,  agg. =         

strizzato, spremuto

strugiù, agg. e s.m. = 

sporcaccione, sbrodolone

strugiùna (strugiùni), agg. = e s.f. =

sporcacciona, sbrodolona

strümènt, s.m. =

strumento

strǜpi, agg. =

storpio, sciancato

strǜpia (strǜpi), agg. =

storpia, sciancata

strüsnàa, v. tr. =

strofinare, rasentare qualcuno o qualcosa  |  strüsnàa ‘l müur = rasentare il muro

strüsnàat,   agg. =        

sfregato, | la strüsnàat la machéna cuntra ‘n pàal = ha sfregato l’auto contro un paolo

strüsnàs ité, v. rifl.=

strofinarsi, sfregarsi – TO  |  l gat al se strǜsna ité ‘ndéli gàmbi de li scàgni = il gatto si strofina nelle gambe delle sedie

strüsnàs itè, v. rifl.=

strofinarsi, sfregarsi – MO  |  ‘l gat al se strǜsna itè ‘ndèli gàmbi de li scàgni = il gatto si strofina nelle gambe delle sedie

strüsnù, s.m. =

individuo strisciante e mellifluo

strǜt, s.m. =

strutto

struzìi, s.m. =

strozzino, usuraio

strǜzz, s.m. =

struzzo, usato anche nell’espressione “tiràa a strǜzz” = trascinare

stǜa (stǜi), s.f. =

stufa, mezzo di riscaldamento a legna o carbone sinonimo di “pìgna”

stǜa, s.f. =

locale rivestito di legno e riscaldato da una grossa stufa, nelle case signorili i rivestimenti in legno erano lavorati artisticamente 

stüàa, s.m. =

si usa solo nell’espressione mèt gió stüàa = dare eccessivamente importanza a una cosa

stubla, s.f. =

stoppia del granoturco (vedi “stùppli”) 

stücàa, v. tr. =

stuccare, coprire con lo stucco

stǜch, s.m. =

stucco  |  restàa de stǜch = rimanere fortemente sorpresi

stüdiàa, v. tr. = 

studiare, escogitare, pensare

stǜf, agg. =

stufo, stanco, annoiato

stǜfa (stǜfi), agg. =

stufa, stanca, annoiata

stüfàa, v. tr. =

stufare, stancare, annoiare, infastidire  

stüfàat, agg. =

stufato  |  me sòo stüfàat = mi sono stufato

stüfàda (stüfàdi), agg. =

stufata

stüfàs, v. rifl.=

annoiarsi, stancarsi

stüfìda (stüfìdi), agg. =

stufata

stüfìda (stüfìdi), s.f. =

noia, fastidio, tedio  |  n’ò ciapàat ‘na stüfìda = mi sono annoiato  tanto

stüfìi, v. tr. =

stufare, stancare, annoiare, infastidire  

stüfìs, v. rifl.=

annoiarsi, stancarsi

stüfìit, agg. =   

stufato, annoiato

stunàa, v. intr.=

stonare

stunàat, agg. =

stonato

stunàda (stunàdi), agg. =

stonata

stunadǜra (stunadǜri), s.f. =

stonatura

stùp, agg. =

otturato, tappato; completamente pieno  |  ‘n tǜbo stùp = un tubo otturato

stùpa (stùpi), agg. =

ostruita, otturata; completamente piena

stùpa, s.f. =

stoppa  |  cascame della pettinatura del lino e della canapa.

stupàa, v. tr. =

ostruire, tappare, turare

stupàat, agg. =

tappato, ostruito, turato  |  g’ò stupàat la bùca = gli ho tappato la bocca

stupac', s.m. =

turacciolo, tappo

stupàda (stupàdi), agg. =

tappata, ostruita, turata

stupàda, s.f. =

impacco contro slogature  |  fatta con stoppa imbevuta di albume d’uovo e allume di rocca; veniva usata per guarire distorsioni e slogature, si metteva anche sulla guancia contro il mal di denti

stǜpeda (stǜpedi), agg. = e s.f. =

stupida, scema, cretina

stüpedàda (stüpedàdi), s.f. =

stupidata, stupidaggine; cosa insignificante e facile da fare; piccola quantità   |  al cósta ‘na stüpedàda = costa pochissimo

stǜpet, agg. e s.m. =

stupido, scemo, cretino

stüpidèra, s.f. =

stupidità  |  l’età dèla stüpidèra = l’adolescenza

stupìi, s.m. =

stoppino

stùppli, s.f. =

stoppie  |  dal latino volgare stupula

sturgiǜda (storgiǜdi), s.f. = 

torsione, contorcimento, strizzata 

sturgiǜda (sturgiǜdi), s.f. =

distorsione, torsione

sturnìi, v. tr. =

assordare, stordire, infastidire con eccessivo rumore

stüzegàa, v.intr =. 

stuzzicare, provocare, vedere “scazegàa”  e “regnàla”

sǜ ‘n sóm, agg. =

in cima, in alto

sǜ-’ndèl, prep. =        

sul, sullo (in alcuni casi si usa “sül”)

sǜ-’ndèla, prep. =      

sulla

sǜ-’ndèli, prep. =  

sulle

sǜ-’ndi, prep. =          

sui, sugli

sǜ, prep. = e avv.=

su |  vardàa ‘n sǜ = guardare in alto; l’è ‘ndàc’ ‘n sǜ = è salito sugli alpeggi; sǜ stómech = sullo stomaco

sùa (sṍi), agg. =

sua, sua propria, loro  |  la sùa sorèla = sua sorella

süàa, v. intr.=

sudare  |  al gh’è da smèt da laoràa cìnch mìnüc’ prǜma de süàa = bisogna smettere di lavorare cinque minuti prima di sudare

süàat, agg. =

sudato

süàda (süàdi), s.f. =

sudata, grande fatica  |  n’ò fàc’ ‘na süàda = ho fatto una grande fatica

süadǜsc’, s.m. =

sudaticcio, umido che resta nel corpo dopo avere sudato molto

sǜbet, avv.=

subito  |  vègni sǜbet = arrivo subito

sübìi, v.tr. =

subire | sübìi li angarìi = subire angherie

subricàda (subricàdi), s.f. =

risposta: sarcastica, scortese, scorbutica; sgridata, rimprovero

sǜc’,  agg. =

asciutto, arido; individuo taciturno, poco espansivo, introverso  |  l’è sǜc’ = è un po’ che non piove più

sücedǜüt, agg. =

capitato, accaduto, p.p. di succedere   |  l’è sücedǜut  ‘na disgràzia = è successo una disgrazia

sücés, s.m. =

successo, esito favorevole  |  al g’à aüut sücés = ha avuto successo

sücét, v. intr.=

succedere, accadere, capitare  |  al me sücés de tǜt = mi è capitato di tutto

sǜcia (sǜci),  agg. =

asciutta, arida; poco espansiva, introversa  |  ‘na vàca sǜcia = una mucca che non fa latte

süciàda (süciàdi), s.f. =

siccità, scarsità di pioggia

sücǜür, agg. =

sicuro, certo, senza pericolo

sücǜür, avv.=

certo, certamente, sicuramente  |  de sücǜur = di sicuro, certamente

sücǜra (sücǜri), agg. =

sicura, certa, senza pericolo

sücǜra (sücǜri), avv.=

certa, certamente, sicuramente  |  sta sücǜra! = stai certa!

sücüràa, v. tr. =

assicurare, garantire  |  sücüràa la ca = assicurare la casa; te ‘l sücǜri mi = te lo assicuro io

sücüràs, v.rifl.=

assicurarsi – accertarsi

südivìis, aag.

suddiviso 

südivìt, v.tr. =

suddividere

südiziù, s.f. =

soggezione, timore reverenziale

südóor, s.m. =

sudore

süèl, s.m. =

linfa delle piante  |  li pianti li va ‘n süèl  in primavera le piante, quando tagli un ramo, emettono un liquido che è la linfa. si dice anche che “al piàisc’ li vìit” = piangono le viti.

süenda, s.f. =

modo di trasportare il legname da monte a valle, vedere “sovénda”

sufistèch, agg. =m.

incontentabile, mai soddisfatto, intollerante

sufistéga (sufistéghi), agg. =f.

incontentabile, mai soddisfatta, intollerante 

sufìt, s.m. =

soffitto

sufrìi, v.intr =.

soffrire

sufucàa, v. tr. =

soffocare; opprimere  |  te me sufuchèt = mi opprimi!

sufucàat, agg. =

soffocato; oppresso 

sufucàda (sufucàdi), agg. =

soffocata; oppressa

sügàa gió, v. tr. =

asciugare  |  sügàa gió = asciugare i piatti

sügàa sǜ, v. tr. =

asciugare  |  spècia cal süghi sǜ = aspetta che si asciughi il terreno

sügàa, v. tr. =

asciugare

sügàa, v. tr. =

asciugare, evaporare  |  tüta l’àcqua l’è sügàda gió = tutta l’acqua è evaporata

sügàat, agg. =

asciugato

sügàda (sügàdi), agg. =

asciugata  |  la manèstra l’è sügàda gió = la minestra si è attaccata al fondo della pentola per mancanza d’acqua

sügamàa, s.m. =

asciugamano

sügerìi, v.tr. =

suggerire

sügerimèet, s.m. =

suggerimento

sügestionàa, v.tr. =

suggestionare

sügǜra (sügǜri), s.f. =

grossa scure 

sügürèl (sögüréi), s.m. =

scure, accetta – TO

sügürèl (sögürèi), s.m. =

scure, accetta – MO

sügürelàda (sügürelàdi), s.f. = 

colpo di scure

sügürìi, s.m. =

scure, accetta

sügürilìi, s.m. =

piccola scure

sǜl, prep. =

sul  |  te disèt sǜl séri? = dici sul serio?

sùula (sùuli), avv.=

sola, anche “daparlée” - per il maschile  vedere “daparlǜü”

sulìif, agg. =  i

soleggiato, esposto al sole

sulìva (sulìvi), agg. =

soleggiata  |  la spónda sulìva = la parte della Valtellina soleggiata anche in inverno, si contrappone alla “spónda pürìva”  dove si trova Albosaggia

sumigliànt, agg. =

somigliante

suminsìna, s.f. =

chiodo piccolissimo, con gambo a sezione quadrata

sunàa, v. tr. = e intr.

suonare, rintoccare  |  sunàa la trómba = suonare la tromba

sunàat, agg. =   

suonato   |  l’è ‘n pòo sunàat = è un po matto

sunàda (sunàdi), agg. =

suonata; danno imbroglio   |  l’è sèmpre la stèśa sunàda = è sempre la stessa musica 

sunadù, s.m. =

suonatore

sunàgheli

picchiare qualcuno

sùngia, s.f. =

vedere “sóngia”

sunìfer, s.m. =

sonnifero

suòra (suòri), s.f. =

suora (sin. mónega) 

sǜpa (sǜpi), s.f. =

zuppa; noia, attesa noiosa  |  al me n’à dac’ ‘na sǜpa = mi ha  molto annoiato 

süpèrbia, s.f. =

superbia

süpestiziù, s.f. =

superstizione

sùra, avv.=

sopra

süràn, agg. = 

qualcosa che è andato oltre l’anno, sopranno: capo di bestiame che ha superato l’anno di età

surapenséer, avv.=

sovrappensiero

suridènt, agg

sorridente (si può sentire anche “soridènt”)

suspiràa, v. intr.=

sospirare

suspìis, agg. =    

soffice

suspìsa (suspìsi), agg. =

soffice

sustignìi, v. tr. =

sostenere, reggere; affermare con forza e convinzione una propria idea

sutìl, agg. =

sottile – TO   (vedi “sitìl” MO)

sutìla (sutìli), agg. =

sottile – TO   (vedi “sitìla” MO)

sùu, s.m. =

suono

sùul, s.m. =

sole  |  ‘nda gió col sùul = non guadagnare ne perdere; Bósac’ de màla furtǜnaa: d’estàat ‘l sùul d’envèren la lǜna = albosaggini sfortunati: d’estate il sole d’inverno  la luna

süzzùra, avv.=

su di sopra  |  l’è ‘ndàc’ süzzùra = è andato al piano di sopra

svagàs, v. rifl.=

svagarsi, divertirsi

svampìit, agg. =

svampito, poco presente

svantàc’, s.m. =

svantaggio

svasàa, v. tr. =

svasare, conferire una forma analoga a quella di un vaso

svasàat, agg. =

svasato, notevolmente allargato verso il fondo  |  ‘n pedàgn svasàat = una gonna svasata

svasàda (svasàdi), agg. =

svasata, notevolmente allargata verso il fondo

svasadǜra (svasadǜri), s.f. = 

svasatura, conferimento di una forma a tronco di cono, diritto o rovesciato 

svèlt, agg. =

svelto, rapido, veloce |  svèlt cóma ‘n gat = svelto come un gatto 

svèlta (svélti), agg. =

svelta, rapida, veloce - TO  |  a la svèlta = rapidamente

svèlta (svèlti), agg. =

svelta, rapida, veloce - MO  |  a la svèlta = rapidamente 

svèltèza, s.f. =

sveltezza, rapidità, sollecitudine 

svènt, v.tr. =

svendere

svéntola, s.f. =

sventola, sberla, vedere “sbèrla”, “crapadù” e “papìi”

sventràa, v.tr. =

sventrare

svergogàa, v.intr =.

svergognare

svergognàda, agg. =

svergognata

svèrgol (svérgoi), agg. =

asimmetrico, irregolare, storto, sghembo – TO

svèrgol (svèrgoi), agg. = 

asimmetrico, irregolare, storto, sghembo – MO

svèrgola (svérgoli), agg. =

asimmetrica, irregolare, storta, sghemba – TO

svèrgola (svèrgoli), agg. =

asimmetrica, irregolare, storta, sghemba – MO

svergolàa, v. tr. =

deformare  un oggetto, rendere asimmetrico, contorcere

svergolàat, agg. =

deformato, asimmetrico, contorto

svergolàda (svergolàdi), agg. =

deformata, asimmetrica, contorta

svidàa, v.tr. =

svitare

svilüpàa, v.tr. =

sviluppare

svinàa, v.tr. =

svinare

svìzer, agg. =

svizzero

svìzera (svìzeri), agg. =

svizzera

Svìzera, s.f. =

Svizzera

svödàat, agg. =

svuotato

svödàda (svödàdi), agg. =

svuotata

svöidàa, v. tr. =

svuotare | sòo ‘ndàc’ a svöidàa òl gèrlo de l’üa = sono andato a svuotare la gerla piena di uva

svòlta (svòlti), s.f. =

curva tornante 

svoltàa, v. tr. =

svoltare, prendere una deviazione

svoltàda (svoltàdi), s.f. =

svolta, curva, tornante

svulatràa, v. intr.=

svolazzare, sbattere fortemente le ali 

tàal (tàai), agg. =

tal, tale, tizio 

tàala (tàali), agg. =

tala, tizia

tàat (tàac’), agg.  e avv.=

tanto, molto, assai  |  vìch tàac’ sòldi = avere tanti soldi

tàat, s.m. =

tanto  |  ‘n tànt al sàch = in modo approssimativo

tàata (tàati), agg.  e avv.=

tanta, molta, assai  |  fa mìga tàati stòri = non fare tante storie

tabacàa, v. intr.=

fiutare tabacco, fumare

tabacàa, v. intr.=

andare, camminare veloce

tabàch, s.m. =

tabacco  |  tabàch de prǜma = tabacco di prima qualità

tabachèra (tabachéri), s.f. =

vedere “tabachèra” - TO

tabachèra (tabachèri), s.f. =

tabacchiera (era utilizzata per contenere il tabacco da fiuto) - MO | gh’ò tṍc’ sǜ ‘na présa de tabàch dala tabachèra = ho preso un pizzico di tabacco da fiuto dalla tabacchiera 

tabachìi, s.m. =

tabaccaio | òl tabachìi ‘l vènt àach i zufrighìi = il tabaccaio vende anche i fiammiferi

tabalòri, s.m. =

sciocco, babbeo

tabèla (tabéli), s.f. =

tabella – TO

tabèla (tabèli), s.f. =

tabella – MO

tabernàcol, s.m. =

tabernacolo

tàca (tàchi), s.f. =

tacca, incisione (per lo più su legno)

tàca (tàchi), s.f. =

ragade, lesione lineare e superficiale della cute   |  gh’ò sǜ ‘na tàca en de ‘na màa = ho una ragade su una mano 

tacàa ‘nsèma, v. tr. =

unire, giuntare

tacàa fó, v. tr. =

pubblicare, affiggere un avv.=iso – TO

tacàa fò, v. tr. =

pubblicare, affiggere un avv.=iso - MO 

tacàa gió, v. intr.=

attaccarsi al fondo di un recipiente durante la cottura   |  la minèstra l’è tacàda gió = la minestra si attaccata al fondo della pentola

tacàa ià, v. tr. =

aggiungere; iniziare a cucinare  |  tacà ià la pulènta = inizia a cucinare la polenta 

tacàa sóta, v. tr. =

aggiogare un animale al carro

tacàa sǜ, v. intr.=

marinare la scuola

tacàa sǜ, v. tr. =

appendere  |  l’è ùra da tacàa sǜ da lavà gió = essere alla frutta, essere alla fine del pasto, o alla conclusione, in senso negativo, di qualcosa; tacàa sǜ ‘l capèl = andare ad abitare nella casa della moglie (farsi mantenere)

tacàa, v. tr. = e intr.

incominciare; attaccare, appiccicare; appiccarsi; attecchire, radicarsi; propagarsi, diffondersi  |  l’à tacàat a laoràa = ha incominciato a lavorare; ‘l fṍch l’è tacàat = il fuoco si è acceso; li piantìni de vìit i è tacàdi = le piantine di vite sono  attecchite; la nìif la tàca = la neve comincia ad accumularsi; al m’à tacàat l’influènsa = mi ha trasmesso l’influenza | quànca al piṍöf ca pǜ i se tàca al bùn Gesǜ = quando non piove più invocano il buon Gesù

tacàat gió, agg. =

piovoso senza squarci di sereno 

tacàat sǜ, agg. =

appeso, oberato di impegni

tacàat, agg. =

attaccato, affezionato, unito, appiccicato, devoto

tacabrìghi, s.m. =

attaccabrighe

tacabutù, s.m. =

Intrattenitore; uno che ci prova

tacàda (tacàdi), agg. =

devota, affezionata; attaccata 

tacadìsc’, agg. =

attaccaticcio, vischioso; anche di uno che ti sta addosso

tacadìscia (tacadìsci), agg. =

attaccaticcia, vischiosa

tacàgn, s.m. =

Taccagno, tirchio, avaro

tacapàgn, s.m. =

attaccapanni; anche  “omèt”

tacàs sóta, v. rifl.=

azzuffarsi

tacàs sǜ, v. rifl.=

impiccarsi

tacàs, v. rifl.=

attaccarsi, appigliarsi, affezionarsi  |  tacàs a tǜt = appigliarsi a tutti i pretesti

tàch, s.m. =

tacco delle scarpe | ti che te tachèt i tàch tàchem i tàch, mi tacàat i tàc a ti ca te se ti ca te tàchet i tàch? tàchetei ti i tṍö tàch = tu  che attacchi i tacchi attaccami i tacchi, io attaccarti i tacchi a te che sei tu cha attacchi i tacchi? attaccateli tu i tuoi tacchi 

tachìi, s.m. =

tacchino

tacüìi, s.m. =

taccuino, almanacco, calendario | segnèl sǜ ‘ndèl tacüìi = scrivilo sul calendario

tafanàri, s.m. =

sedere

tagliàn, s.m. = 

cittadino italiano

tài, s.m. =

taglio, ferita  |  dàghen ‘n tài! = finiscila!

tàia (taìi), s.f. =

taglia, tassa, imposta sui terreni

taiàa fó, v. tr. =

recidere, ritagliare – TO

taiàa fò, v. tr. =

recidere, ritagliare – MO

taiàa gió, v. tr. =

abbattere, affettare 

taiàa sǜ, v. tr. =

tagliare   |  taiàa sǜ la lègna = rompere un ceppo o un ciocco di legno, fendendolo con la scure

taiàa, v. tr. =

tagliare

taiàat, agg. =

tagliato; furbo, scaltro

taiàda (taiàdi), agg. =

tagliata; furba, scaltra

taiàda (taiàdi), s.f. =

tagliata, taglio  |  l’à fàc’ ‘na taiàda = ha tagliato tutte le piante del bosco

taiadìi, s.m. =

tagliatelle

taiadù, s.m. =

attrezzo per tagliare il fieno

taiapulènta, s.m. =  

taglia polenta in legno, coltello in legno per tagliare la polenta

taiàs, v. rifl.=

tagliarsi

taièet (taièc’), agg. =

tagliente, affilato

taiét, s.m. =

piccolo taglio – TO

taièt, s.m. =

piccolo taglio - MO 

taièeta (taièti), agg. =  

tagliente, affilata

taiṍla, s.f. =

tagliola

talàch, s.m. =

piccolo campanaccio di lamiera

talèer, s.m. =

telaio

talmèet, avv.=

talmente

talocia, s.f. = 

spezzone d'asse ("tavel") con manico per poterlo impugnare, usata dal muratore per tenere un po' di molta da prendere e da spandere poi con la cazzuola

tamanàch, s.m. =

stupido, sciocco, sprovveduto;  vedi anche “tarlòch”

tamàzi, s.m. =

individuo grande e grosso e poco avv.=eduto

tambèrlo (tambèrli), s.m. =

sciocco, gonzo 

tambǜr, s.m. =

tamburo

tàna (tàni), s.f. =

tana, ricovero di animali selvatici

tanà, inter, = 

fa niente, è lo stesso, non importa, vedi  “làga pó” | tanà, te me ‘l dèe póo domàa = fa niente, me lo da poi domani  | es. è rimasta una macchia sulla tovaglia: tanà, àm la piàca pó ià = non importa la nascondiamo

tanàia (tanài), s.f. =

tenaglia

tananài, s.m. =

stupido, babbeo; oggetto di poco valore

tànf, s.m. =

tanfo, odore di chiuso e di stantio

tanghenàsc’/ tonghenàsc’, s.m.  agg. =

omone, uomo grande e robusto,  bonaccione, dall'aria poco sveglia

tàol (tàoi), s.m. =

tavolo

tàola (tàoli), s.f. =

tavola, asse di legno

tàola (tàoli), s.f. =

misura di superficie, è un sottomultiplo della “pèrtega”

taolàda (taolàdi), s.f. =

tavolata, tavola piena di commensali

taolèta (taoléti), s.f. =

tavoletta – TO  | ò töc’ doi taoléti de cicolàat = ho comperato due tavolette di cioccolato

taolèta (taolèti), s.f. =

tavoletta – MO  |  ‘na taolèta de cicolàat = una tavoletta di cioccolato

tàp, s.m. =

tappo

tàpa (tàpi), s.f. =

ciocco, pezzo di legno da ardere (ottenuto per fenditura di un tronchetto) vedi “scarèla”

tàparèla, s.f. =

tapparella

tapasciàa, v. intr.=

camminare a passo svelto

tapasciàda, s.f. =

camminata lunga e a passo svelto

tapé, s.m. = 

tappeto

tapinàa, v. intr.= 

vedere “tapasciàa”

tapinàda, s.f. =

vedere “tapasciàda”

taràa ité, v. intr.=

vedere  anche “taràch té” – TO

taràa itè, v. intr.=

sfruttare, a proprio vantaggio, una situazione poco chiara – MO

taràa sǜ, v. tr. =

rimestare, muovere con il mestolo, rimescolare  |  tàra sǜ la manèstra = dai una rimescolata alla minestra

taràa, v. tr. =

rimestare, rigirare, muovere con un mestolo  (vedere “tarài”) | taràa la pulènta = rivoltare la polenta nel paiolo per facilitare la giusta cottura

taràda (taràdi), s.f. =

rimescolata; lavoretto poco lecito 

taradèl (taradéi), s.m. =

tonto, sciocco, babbeo – TO

taradèl (taradèi), s.m. =

tonto, sciocco, babbeo – MO

taràgna (taràgni), s.f. =

polenta con aggiunta di burro e formaggio, durante la cottura

taragnìi, s.m. =

vezzeggiativo di “taràgna”

taraguàti, s.m. =

tonto, sciocco, babbeo

tarài, s.m. =

matterello (bastone) per rimestare la polenta

taramòt, s.m. =

deficiente, povero diavolo 

tardìif, agg. =  i

tardivo, posticipato; di lunga maturazione

tardìva (tardìvi), agg. =

tardiva, posticipata  |  la prümavèra tardìva l’è mai falìda = la primavera in ritardo è un fatto positivo

tardivàa, v. intr.=

ritardare, arrivare in ritardo

taré, agg. =

terreno sul quale la neve si è appena sciolta; anche località sopra Cà di Mòi 

tarèl (taréi), s.m. =

randello, bastone – TO

tarèl (tarèi), s.m. =

randello, bastone – MO

tarelàa, v. tr. =

correre veloce (con la macchina)

tarelàda (tarelàdi), s.f. =

bastonata

tarenàa, v. intr.=

apparire della terra, quando la neve si sta sciogliendo

tarlacàa, v.intr =.

parlata dei bambini piccoli vedere “camolàa”

tarlòch, s.m. =

scemo, stupido, sprovveduto

taròz, s.m. = pl.

pasticcio di patate, fagioli, verze o altre verdure schiacciate e impastate e condite con burro o strutto di maiale (anche ”minüz”)

tartaiàa, v. intr.=

tartagliare, balbettare (vedere: “betegàa”)

tartaiàda (tartaiàdi), s.f. =

discorso incomprensibile e sconclusionato

tartaiù, s.m. =

tartaglione, affetto da balbuzie (vedere: “betegù”) 

tartìfol  (tartìfoi), s.m. =

patata

tartifolèer, s.m. =  

pianta della patate; individuo duro di comprendonio - MO 

tarüsciàa, v. intr.=

lavorare in modo approssimativo, pasticciare

tarüsciàda (tarüsciàdi), s.f. =

lavoro eseguito in modo approssimativo

tàs, s.m. =

tasso (animale) | tàs = taci  / tace verbo tacere 

tàśa (tàśi), s.f. =

tassa, imposta

tascapàa, s.m. =

borsa in tela per il pane

taśèl (tasèi), s.m. =

tassello

tasìi gió, v. intr.=

tacere / tacete, non parlare  |  tasìi gió ! = state zitti ! 

tasìi, v. intr.=

tacere, non parlare

tast, s.m. =

assaggio, piccola quantità da assaggiare

tastàa, v. tr. = 

assaggiare  |  tàsta sa l’è salàda abòt = assaggia questa pietanza e dimmi se è salata o insipida

tastarṍl (tastarṍi), s.m. =

 trivellino per assaggio del formaggio

tàtega, s.f. =

tattica

tatüàc’, s.m. =

tatuaggio

tavàa, s.m. =

tafano | li vàchi li gh’à pùra dei tavàa = le mucche hanno paura dei tafani

tavanàda (tavanàdi), s.f. =

stupidaggine, grosso sbaglio

tavèl (tavéi), s.m. =

pezzo di asse -TO

tavèl (tavèi), s.m. =  

pezzo di asse - MO

tazìna (tazìni), s.f. =

tazzina, scodellina, vedere “chìchera”  

tazzèl (tazéi), s.m. =

piccolo spiazzo, porzione di terra - TO

tazzèl (tazèi), s.m. =      

piccolo spiazzo, porzione di terra - MO

te, pron.  pers.=

ti, te  |  te pìchi = ti picchio; ti te mànget = tu mangi | te ca idǜüt? = non hai visto? | t’ó ‘ndàa? = vuoi andare?

tè, s.m. =

tè, bevanda

téc’, s.m. =

tetto – TO  |  mét a téc’ = mettere al riparo

tèc’, s.m. =

tetto – MO  |  mèt a tèc’ = mettere al riparo

tèca (tèchi), s.f. =

colpo, botta, urto

técia (téci), s.f. =

tettoia – TO | la técia la gh’à sǜ li laméri = la tettoia ha il tetto di lamiere

tècia (tèci), s.f. =

tettoia – MO

técia dèla lègna, s.f. =

legnaia, tettoia ad uso deposito legna – TO

tècia dèla lègna, s.f. =

legnaia, tettoia ad uso deposito legna – MO

teciàa, v. tr. =

coprire con un tetto

teciàl, s.m. =

piccola tettoia

tédi, s.m. =

fastidio, tedio, pazienza, disturbo | la tṍl  ca 'l tédi da fa sǜ i lèc' = non si disturba a rifare i letti| tṍl i là ca 'l me dà tédi = toglilo che mi da fastidio! l'è 'n mestèer de tédi = è un lavoro che richiede pazienza

téec’, agg. =

sporco di nero, sporco di fuliggine – TO | tùca ca ité ‘n dòl parṍl ca l’è téec’ = non toccare il paiolo che è sporco di fuliggine

tèec’, agg. =

sporco di nero, sporco di fuliggine – MO

téecia (tèeci), agg. =

sporca di nero, sporca di fuliggine – TO

tèecia (tèeci), agg. =

sporca di nero, sporca di fuliggine – MO

tèep, s.m. =

tempo, stagione, periodo  |  al tèep de Càrlo Códega = anticamente 

tèep, s.m. =

tempo, condizione meteorologica  |  brǜt tèep = brutto tempo; ‘l bèl tèep e ‘l brǜt tèep al dǜra mìga par tǜt ‘l tèep = il bello e il brutto si alternano

téi, s.m. =

tiglio, Teglio – TO

tèi, s.m. =

tiglio, Teglio – MO

teigiǜüt, agg. =

tinto; sporco di fuliggine

téisc’, v. tr. =

tingere – TO

tèisc’, v. tr. =

tingere – MO

teiù, s.m. =

pino silvestre

téla (téli), s.f. =

tela, tessuto di vario tipo 

tèla (tèli), s.f. =

eccola, guardala

telàar, s.m. = 

telaio per la tessitura, telaio di una finestra, di una macchina 

telèer, s.m. =      

sinonimo di telàar | ‘l telèer dèla biciclèta = il telaio della bicicletta

o per moto e macchine 

tèlèferica,  s.m. =  

teleferica

telefunìi, s.m. =

telefonino, cellulare

televisiù, s.f. =

televisione

telù, s.m. =

telone, grande telo impermeabile

témól (témói), s.m. = 

temolo (pesce d’acqua dolce)

tempegiàa, v. intr.=

fare brutto tempo

temperadǜra (temperadǜri), s.f. =

temperatura

temporàl (temporài), s.m. = 

temporale

tempóràl, agg. = 

precoce, che matura presto

tempóràla (tempóràli), agg. =

precoce, che matura presto

tenciǜra (tenciǜri), s.f. =

tintura per stoffe

tènda (téndi), s.f. =

tenda  - TO

tènda (tèndi), s.f. =

tenda  - MO 

tèndra (tèndri), agg. =

tenera, molle 

tèndro (tèndri), agg. =

tenero, molle 

tendǜda (tendǜdi), agg. =

tirata, tesa, vedere “tiráda”

tendǜüt (tendǜüc’), agg. =

tirato, teso, vedere “tiráat”

tenènt, s.m. =

tenente 

tènt, v. intr.=

badare, prestare attenzione  |  pṍdi mìga tènt a tǜt = non posso badare a tutto

tentàa, v. tr. =

tentare, provare, indurre in tentazione

tenǜda (tenǜdi), s.f. =

tenuta agricola, fattoria di vasta estensione

tèpa (tèpi), s.f. =

discolo, birbante 

téra (téri), s.f. =

striscia di terreno tra due filari di viti

tèra (tèri), s.f. =

Terra; terra, terreno; proprietà terriera  |  al sta ca gnè ‘n cièl gnè ‘n tèra = non sta né in cielo né in terra, è una cosa inverosimile 

teràza (teràzi), s.f. =

terrazzo

teré, s.m. =

terreno (vedere “sìt”) | l’è ‘n teré de fàbrica = è un terreno fabbricabile

tèrmen, s.m. =

termine, limite; elemento che segnala il confine tra due proprietà terriere. il “tèrmen” è sasso piatto e appuntito fissato verticalmente nel terreno, nella linea di confine, tenuto diritto da due sassetti, completamente interrati, posti a fianco, che sono detti “testimóni” – MO  |  la vàca la gh’à ‘l tèrmen ‘l trìi de màrs = la mucca dovrebbe partorire il tre di marzo

tèrs, agg. num.= card.

terzo  

tèrs, s.m. =

usato solo nell’espressione “ ’n tèrs” = un terzo, la terza parte

tèrsa (tèrsi), agg. num.= card.

terza

tersèra (terséri), s.f. =

vedere “tersèra” – TO

tersèra (tersèri), s.f. =

terzera, ciascuna delle travi del tetto equidistanti dalla colma  (“culmìgna”) e dalla testa del muro, su di essa venivano posti perpendicolarmente  i travetti (“cantèer”) – MO

tersṍl (tersṍi), s.m. =

fieno del terzo taglio

terù, s.m. =

terrone, abitante o originario  dell’Italia Meridionale

tèsera (tèseri), s.f. =

tessera

tèsta (tèsti), s.f. =

testa, vedere “cràpa”  |  ès ‘n tèsta = essere primi

testàda (testàdi), s.f. =

testata, vedere “crapàda”

testaméet, s.m. =

testamento 

testàrda (testàrdi), agg. =

testarda, ostinata

testàrt, agg. =

testardo, ostinato

testéra (testéri), s.f. =

testiera del letto

testimóni, s.m. =

testimonio; ciascuno dei due sassetti interrati accanto al “tèrmen”

testìna (testìni), s.f. =

carne tratta dalla testa del vitello

testù, s.m. =

testone, testardo (sin. di “crapù”) 

tèta (téti), s.f. =

mammella – TO

tèta (tèti), s.f. =

mammella – MO

tetàa, v. tr. =

succhiare, poppare dal seno materno| òl vedèl ‘l tèta giṍ la vàca = il vitello succhia il latte della mucca  

tetarṍla (tetarṍli), s.f. =

tettarella,  vedere “sciüsciù” e “sciüsciót”

téveda (tévedi), agg. =

tiepida 

tévet, agg. =

tiepido 

tì, pron.  pers.=

tu, te  |  vàrdel ti = guardalo tu; vègni con ti = vengo con te; te sée dapartì= sei da solo 

tìfo, s.m. =

tifo malattia

tignìch, v. intr.=

tenerci, avere a cuore, parteggiare, fare il tifo per una squadra   |  al ghe tègn al Mìlan = tifa per il Milan

tignìch réet, v. intr.=

stare dietro, seguire le orme 

tignìi andàa, v. intr.=

mantenere | tignìi andàa ‘l sentéer  =  fare manutenzione al sentiero per tenerlo in efficienza

tignìi gió, v. tr. =

trattenere, fare una ritenuta; tempo uggioso con nuvole basse    |  al tègn gió gnàa i òli sànc’ = non è capace di serbare alcun segreto

tignìi ià, v. tr. =

mettere da parte | tignìi ià li móschi = allontanare le mosche

tignìi sóta, v. tr. =

avere come dipendente; lavorare alacremente e con passione

tignìi sǜ, v. tr. =

sorreggere, proteggere  |  al ghe tègn sèmpre sǜ la pàrt  = gli da sempre ragione, lo protegge sempre

tignìi, v. tr. =

tenere, trattenere, reggere, contenere  |  tignìi a màa = risparmiare, non sciupare

tignìs sǜ, v. tr. =

prendersi cura di sé stesso; tenersi su di morale 

tignìs, v. rifl.=

tenersi, trattenersi, controllarsi

tìir, s.m. =

tiro | l’è ‘n cavàl da tìir = è un cavallo da tiro

Tìis, agg. =

pieno, sazio  |  tìis de bùu tèep = buontempone

timbràa, v. tr. =

timbrare

tìmbro, s.m. =

timbro | gh’è sǜ ól tìmbro dèl Cümǜ = c’è il timbro del Comune

timù, s.m. =

timone

tìna (tìni), s.f. =

tino, grosso recipiente di legno  a forma di tronco di cono, aperto nella parte superiore, destinato a contenere le uve pigiate durante la fermentazione  

tinèl (tinéi), s.m. =

tino di piccole dimensioni – TO

tinèl (tinèi), s.m. = 

tino di piccole dimensioni – MO

tìnta (tìnti), s.f. =

tinta, colore

tintǜra, s.f. =

tintura di iodio 

tioltàól, s.m. =

altalena formata da una lunga asse, appoggiata su un perno centrale, alle estremità della suddetta asse si siedono due bambini, uno per parte

tìra mòla, s.m. =

usato solo nell’espressione: “tìra, mòla e meséda” = indugiare a lungo, continuando a perdere tempo, a furia di temporeggiare 

tiràa gió, v. tr. =

abbassare   |  tiràa gió la clèer = abbassare la serranda

tiràa ià, v. tr. =

rimuovere, spostare, levare

tiràa ité, v. tr. =

portare dentro; coinvolgere - TO  |  tìrem cà ité en de stò afàri = non coinvolgermi in questo affare

tiràa itè, v. tr. =

portare dentro; coinvolgere - MO  |  tìrem cà itè en de stò afàri = non coinvolgermi in questo affare

tiràa là, v. intr.=

vivacchiare   |  al tìra po là = tira a campare  

tiràa réet, v. tr. =

trainare, trascinare, lanciare | al gha tiràat réet ‘n sàs = gli ha lanciato un sasso

tiràa scià, v. tr. =

tirare in ballo; prendere per mostrare  |  tìra ca scià ràcoli = non accampare scuse

tiràa sóta, v. intr.=

investire con un veicolo; gocciolare; avere poco da vivere

tiràa sǜ, v. tr. =

allevare; caricare una molla; liberare il naso aspirando; prendere  |  tiràa sǜ l’orolòc’ = caricare l’orologio; tìra sǜ chèl che teṍlet = prendi quello che vuoi

tiràa, v. tr. = e intr.

tirare, trainare; procedere; attirare, attrarre   |  tiràa ric’ = tirare dritto, procedere sicuro; ‘l fèr al tìra li scarìzi = il ferro attira i fulmini

tiràa, v. tr. = e intr.

lanciare; tendere; sparare; assomigliare  |  tiràa ‘n sàs = lanciare un sasso; tiràa ‘n fìl = tendere un filo; al tìra dal pa = assomiglia al padre; sta camìśa la tìra = questa camicia è stretta; ‘l camì al tìra cà = il camino non ha tiraggio

tirabràghi, s.m. =

individuo lento e inconcludente

tiracóregn, s.m. =

tira-corna, attrezzo per correggere la crescita delle corna quando escono piane – TO

tiracòregn, s.m. =

tira-corna, attrezzo per correggere la crescita delle corna quando escono piane – MO

tiràda (tiràdi), s.f. =

tirata, operazione lunga, faticosa e ininterrotta; spiata; singola boccata da fumo; grosso rimprovero 

tiràdóor, s.m. =

tiratore, persona abile nel colpire un bersaglio

tiradù, s.m. =

viottolo (avallamento stretto e ripido, vallecola) di montagna, a volte molto pendente, dove si trascinavano i tronchi e le fascine di legna

tiramòla, s.m. =

persona inconcludente, indeciso

tirànt (tirànc’), s.m. =

bretelle; tirante; parte dei finimenti di un animale da tiro con la quale si aggancia un carico da trainare

tiràs fò, v. rifl.=

rasserenarsi; svagarsi; uscire da una compagnia, ritirare la propria adesione

tiràs réet, v. rifl.=

trascinarsi a stento; vivacchiare

tiràs scià, v. rifl.=

ristabilirsi in salute, riprendere le forze dopo una malattia

tiràs sǜ, v. rifl.=

rimettersi in salute; risollevare il morale

tirasàs, s.m. =

fionda, tira sassi; consisteva in un legnetto biforcuto sulle cui estremità erano legati due grossi elastici, lunghi 20 o 30 cm. e uniti da un pezzo di cuoio in mezzo al quale si metteva il sasso da lanciare 

tiratàrdi, s.m. =

tiratardi, persona inconcludente

tirù, s.m. =

tratto di strada lungo e diritto  |  ‘l tirù de Ardèn = il rettilineo di Ardenno

tìsech, agg. =

tisico

tìsega (tìsighi), agg. =

tisica

tìtol (tìtoi), s.m. =

titolo; termine ingiurioso  |  da gió tìtoi = ingiuriare

tò (tṍö), agg. = poss.

tuo (tuoi) |  i tṍö = i tuoi genitori

tṍ fó, v. tr. =

togliere, levare, cavare - TO |  l’à tṍc’ fó ‘n dèet = ha cavato un dente

tṍ fò, v. tr. =

togliere, levare, cavare - MO |  l’à tṍc’ fò ‘n dèet = ha cavato un dente

tṍ gió, v. tr. =

levare; cogliere; ingerire;  |  tṍ gió i póm = raccogliere le mele; tṍ gió la midisìna  = prendere la medicina; fotografare

tṍ ià, v. tr. =

levare, togliere | tṍ ià la pàna = spanàa = toglier la panna 

tṍ réet, v. tr. =

prendere con sé 

tṍ scià, v. tr. =

prendere, offrire    |  tṍ scià da bìif = offri da bere

tṍ sǜ, v. tr. =

raccogliere da terra; dare un passaggio in macchina; assumere una gestione; far pratica  |  tṍ sǜ i tartifòi = raccogliere le patate; l’à tṍc’ sǜ ‘n cafè = ha preso in gestione un bar; tṍch sǜ la màa = impratichirsi | la tṍc’ sǜ e l’è ‘ndàc’ = ha preso e se ne andato

toaiṍl (toaiṍi), s.m. =

tovagliolo

tòch, s.m. =

pezzo, parte, tratto  |  l’è ‘n tòch de pàa = è un pezzo di pane, è una brava persona; ‘n tòch de stràda = un tratto di strada; ‘ndàa a tòch = rompersi

tochèl (tochèi), s.m. =

pezzetto – MO  |  ‘n tochèl de pàa = un pezzo di pane

tóchél (tochéi), s.m. =

pezzetto – TO

tòcol (tòcoi), agg. e s.m. =

cretino, tonto, scemo 

tòcola (tòcoli), agg. e s.m. =

cretina, tonta, scema

tocolèer, s.m. =

pecoraio, pastore di pecore; vedi “pegorèer” - forma arcaica di pecoraio

todèsca (todèschi), s.f. =

tedesca 

todèsch, s.m. =

tedesco 

tṍl ( tṍla; tṍli), v.imper.

prendilo (prendila, prendili)

tòla (tóli), s.f. =

latta, lamiera; recipiente di latta - TO  |  menàa li tóli = scappare

tòla (tòli), s.f. =

latta, lamiera; recipiente di latta - MO  |  fàcia de tòla = sfacciato, sfrontato, prepotente

tòldera, s.f. =

usato solo nell’espressione “ ‘ndàa ‘n tòldera” = vagare senza meta, andare a divertirsi; l’è sèmpre ‘n tòldera = è sempre in giro a far niente

tolèer, s.m. =

fabbro, lattoniere

tolómbóla, s.f. =

penzoloni

tóma (tómi), s.f. = 

caduta rovinosa, capitombolo  |  capìi Róma par tóma = fraintendere

tómba (tómbi), s.f. =

tomba

tómbola (tómboli), s.f. =

tombola

tomèl, s.m. = 

trappola per topi

tomèra (toméri), s.f. =

tomaia – TO

tomèra (tomèri), s.f. =

tomaia – MO

tompèsta (tompésti), s.f. =

grandine – TO

tompèsta (tompèsti), s.f. =

grandine – MO

tómpestàa, v. intr.=

grandinare  |  al tómpesta mai ‘n dàgn de tǜc’ = non tempesta a danno di tutti, c’è sempre qualcuno che ne trae vantaggio 

tompestàda (tompestàdi), s.f. =

grandinata

tónda (tóndi), agg. =

tonda, rotonda, circolare

tònega (tòneghi), s.f. =

tonaca, veste del prete e della monaca, saio del frate 

tòni, s.m. =

tuta da lavoro, individuo un po’ tonto 

tónt, agg. =

tondo, rotondo, circolare, sin. di “ródónt”  |  l’ò ìdüut tónt e ródónt = l’ho visto bene

tónt, v. tr. =

tosare  (tóndüut = tosato -  tóndüda = tosata)

tontognàa, v.intr =.

lavoricchiare, combinare cose di poco conto e adagio, vedere “fónfógnàa”

tṍö,  v. tr. =

prendere; comperare; sposare; togliere  |  vàn a tṍö ‘l pàa = vai a comperare il pane; l’à tṍc’ ùna de Sóndri = ha sposato una ragazza di Sondrio; tṍch ‘l fiàat = togliergli il fiato, opprimerlo

tòor, s.m. =

toro

tór, s.f. =

torre

tórbol (tórboi), agg. =

torbido, scuro; mentalmente confuso  |  te sèe tórbol? = vaneggi? 

tórbola (tórboli), agg. =

torbida, scura; mentalmente confusa  |  àcqua tórbola = acqua torbida

tòrc’, s.m. =

torchio 

törcàl, s.m. =

granoturco con fusto e spighe più piccole, del granoturco normale

torcèl, s.m. =

torchio di dimensioni ridotte 

torcèer, s.m. =

torchiatore, l’addetto alle operazioni di torchiatura – MO

tṍrch, s.m. =

granoturco

torciàa, v. tr. =

torchiare 

torèl, s.m. =

torello 

tóren, s.m. =

tornio

toriscia, agg. =

mucca che si comporta da toro

tormèet, s.m. =

tormento, grande dolore 

tormènta (tormènti), s.f. =

tormenta, bufera di neve 

tormentàa, v. tr. =

tormentare, angosciare

tornàa ‘n réet, v. intr.=

tornare indietro, ritornare  

tornàa, v. intr.=

tornare, ritornare

tornacǜnt, s.m. =

vantaggio, tornaconto, profitto, utilità, vedere “vantàc’” 

tòrt, s.m. =

torto | l’à ciapàat òl tòrt = ha preso il torto 

tórta, s.f. =

torta

tortèl (tortèi), s.m. =

tortello, piccola torta dolce o salata, tortellino – MO

tórtèl (tórtéi), s.m. =

tortello, piccola torta dolce o salata, tortellino – TO

tós, s.f. =

tosse  |  tós asnìna = pertosse

tòscano(tòscani), s.m. =

sigaro toscano

tòsech, s.m. =

tossico, veleno - MO  |  amàr cóma tòsech = amarissimo

tósegàa, v. tr. =

vedere “ entósegàa”

tṍsela, v. rifl.=

prendersela | tṍsela ca con mi ma con lǜü = non prendertela con me ma con lui

tóst, s.m. =

toast | maiàa tóst = mangiare toast

tóstàa, v. tr. =

tostare, abbrustolire  |  tóstàa ‘l cafè = tostare il caffè

totolàa, v. tr. =

coccolare

totolàat, agg. =

coccolato

totolàda (totolàdi), agg. =

coccolata

totulù, s.m. = 

coccolato, che riceve tante coccole

tovàia (tovài), s.f. =

tovaglia

tovaiàa, v. intr.=

svignarsela, darsela a gambe

trà ‘nsèma, v. tr. =

riunire, comporre, ricomporre | ià tràc’ ‘nsèma = li hanno messi assieme (matrimoni combinati)  

trà fò òlt, v. tr. =

buttar via, scaraventare lontano

trà fó, v. tr. =

vedere “trà fò”  - TO

trà fò, v. tr. =

levare un indumento; spargere, scompigliare - MO  |  trà fò li bràghi = levare i pantaloni; trà fò l’èrba = spargere l’erba sul prato per farla essiccare; trà fò òlt = sbarazzarsi di qualcosa

trà gió, v. tr. =

abbattere, demolire  |  trà gió bàs = gettare a terra

trà ià, v. tr. =

gettar via, disfarsi, di qualcosa; rovesciare; sprecare  |  l’è da trà ià = è da buttare

trà ité, v. tr. =

buttare dentro – TO

trà itè, v. tr. =

buttare dentro – MO | l’è cóma trà itè binzìna ‘ndòl fṍöch = è come buttare benzina nel fuoco

trà sǜ, v. tr. =

vomitare, rimettere  |  chi ca l’è che trà giò ?, so mi che trà sǜ = chi è che butta giù ?, sono io che sto vomitando

tra, prep. =

tra

tràa, v. tr. =

buttare, spiccare, concludere  |  vèn a tràa = vieni al dunque; tràa ‘n sàlt = spiccare un salto;  ‘l trà ‘n sàlt = spicca un salto

tràaf, s.f. = 

trave

trabìcol (trabìcoi), s.m. = 

trabiccolo, veicolo malridotto

tràc’, s.m. =

sorso

tracagnòt, s.m. =

tarchiato, individuo di bassa statura ma grosso e robusto

traciàa, v.tr. =

tracciare

tracòla, s.f. =

tracolla | ‘l salèer a  tracòla = piccola borsa contenente il sale per le mucche che si porta  a tracolla

tradimèet, s.m. =

tradimento | màia pàa a tradimèet = scroccone

tradóta (tradóti), s.f. =

convoglio

tràfech, s.m. =

traffico

trafegàa, s.m. =

trafficare, darsi da fare, lavorare intensamente

trambài, s.m. =

individuo tardo di comprendonio, ingombrante

tramèza (tramèzi), s.f. =

parete divisoria

tranèl (tranéi), s.m. =

tranello, insidia, trabocchetto – TO

tranèl (tranèi), s.m. =

tranello, insidia, trabocchetto – MO

tràpen, s.m. =

trapano

tràpola (tràpoli), s.f. =

trappola, tranello |òl ràt l’è itè ‘ndèla tràpola = il topo è dentro la trappola

trapolàda (trapolàdi), s.f. =

aggeggio, marchingegno; imbroglio; qualcosa di mal fatto

tràpulìi, s.m. =

bambino (in senso affettuoso)

tràs ‘nsèma, v. rif.      

mettersi insieme 

tràs fó, v. rifl.=                   

spogliarsi  (vedi “sbiótàs”)

tràs giò, v. rifl.=

buttarsi | ‘l se tràc’ giò bàs = si è buttato a terra

tràs ià, v. rifl.=

sottovalutarsi

traśèn fó                  

destreggiarsi, intendersene | l’è bùu de tràsèn fó = è capace di destreggiarsi

trasàa, v. tr. =

sciupare, sprecare

trasandàat, agg. = 

trasandato, trascurato

trasandàda (trasandàdi), agg. =

trasandata, trascurata

tràsen fò, v. rifl.=

cavarsela

trasportàa, v. tr. =

trasportare

tratàa, v.tr. =

trattare

trategnǜda (trategnǜdi), s.f. =

trattenuta, ritenuta sulla paga

tratignìs, v. rifl.=

trattenersi, controllarsi, frenarsi

tratóor, s.m. =

trattore

travacàa, v. tr. = e intr.

rovesciare, ribaltare, capovolgere; andare in malora | travacàa fò la cariṍla = ribaltare il contenuto della carriola

travacàs, v. rifl.=

rovesciarsi, ribaltarsi, capovolgersi

travaiàat, agg. =

angustiato, afflitto, depresso

travaiàda (travaiàdi), agg. =

angustiata, afflitta, depressa

travasàa, v. tr. =

travasare  |  travasàa ‘l vìi = travasare il vino, spostare il vino da una botte ad un’altra eliminando la feccia

travèrs, s.m. =

traversa, sbarra; di traverso  |  vardàa de travèrs = guardare in cagnesco

travèrsa(travèrsi), s.f. =

traversa, via secondaria che collega due strade; traversa, lenzuolo posto di traverso nel letto 

traversàa, v. tr. =

attraversare | la traversàat ‘n btǜt momènt = ha passato un brutto momento

trebisónda, s.f. =

usato nell’espressione: “pèert la trebisónda”  = perdere l’orientamento  

trebülàa, v. intr.=

tribolare, soffrire, angosciarsi

trebüléri, s.m. =

preoccupazione, apprensione, sofferenza, tormento 

tredà sǜ, v. tr

tritare, tagliare

tredàa, v. tr. =

tritare, sminuzzare

trèdès, agg. num.= card.

tredici  

trefói, s.m. =

trifoglio – TO

trèi, num card f.

tre| trìi gàai e trèi gàlini = tre galli e tre galline

tremàa, v. intr.=

tremare, essere scosso da fremiti 

tremarèla (tremaréli), s.f. =

tremarella 

tremarṍla (tremarṍli), s.f. =

tremarella, tremore

tremèz, s.m. =

parete divisoria 

tremṍgia, s.f. =

tramoggia; tronco di piramide capovolto, munito di apertura sul fondo, usata anche nei mulini

trempàa, v. tr. =

tritare, sbattere le uova | trempàa i ṍöf = sbattere le uova

trempèl, s.m. =

attrezzo usato sugli alpeggi per frantumare lo sterco dei bovini (“sciòta”)  

trémpet, s.m. =

attrezzo per rompere gli escrementi delle mucche

trengót, v. tr. =

trangugiare, ingoiare (anche figurativo: la regióra la me baiàva sèmpre réet, ma as podéva ca respónt, bignàva trengóteli tǜti)

tréno (tréni), s.m. =

treno – TO | ‘l va cóma ‘n tréno = funziona alla perfezione

trèno (trèni), s.m. =

treno – MO

trènta, agg. num.= card.

trenta 

trentapìis, s.m. =

scricciolo

trepegiàa, v. intr.=

trepidare, scalpitare, essere impazienti

très, s.m. =

porcile, stabbio

tréscia (trésci), s.f. =

treccia – TO | fa sǜ la tréscia ai cavéi = fai la treccia ai capelli | ‘na tréscia de làna = una treccia di lana

trèscia (trèsci), s.f. =

treccia – MO

trespedàa, v. intr.=

trepidare, scalpitare, essere impazienti, ma anche relativo al trapestio dannoso degli spiriti maligni – vedere “trepegiàa”

trespedàda, agg. =

dell'erba del prato o di colture calpestate e danneggiate, trapestio delle streghe che ballano col diavolo

trevèrs, s.m. =

filare posto in senso longitudinale (orizzontale) rispetto alla montagna – vedere “palàda”

triangól (triangói), s.m. =

triangolo

tribbiàat, agg. =

bucherellato, che ha preso molti colpi di proiettili, crivellato di colpi

triènsa (trènsi), s.f. =

tridente (vedere “ ràsc’ ”)

trifòi, s.m. =

trifoglio – MO

trìga

usato solo nell’espressione: “ al ruarà ‘l trìga trìga “ = arriverà chi ti metterà a posto, ti fermerai

trigàs, v. rifl.=

fermarsi, acquietarsi, sospendere il lavoro per un breve riposo

trìi, agg. num.= card.m.

tre

trimintìna, s.f. =

resina di larice

trincàa, v. tr. =

tracannare, bere avidamente

trìpa (trìpi), s.f. =

trippa, pancia, ventre

tripèe, s.m. =

treppiede; anche attrezzo che si mette sopra il fuoco per appoggiare la pentola; individuo lento e impacciato

trìpla (trìpli), agg. =

tripla

trìplo (trìpli), agg. =

triplo

trisèt, s.m. =

tresette, gioco delle carte

tritega, s.f. = 

artrite

trivela, s.f. =

trivella

trìvi, s.m. =

trivio, bivio

trivilìi, s.m. =

trivellino del legno

troiàda (troiàdi), s.f. =

porcheria, cosa mal fatta, comportamento vergognoso

trómba (trómbi), s.f. =

tromba

tròp, avv.=

troppo | òl tròp l’è cóma òl tròp pòoch = il troppo è come il troppo poco 

tròpa (tròpi), avv.=

troppa

trṍsol, agg. =

voluminoso,  pesante

tròt, s.m. =

trotto 

trotàa, v. intr.=

trottare; andare di corsa

trotàda (trotàdi), s.f. =,

lunga camminata fatta a passo svelto

truàa, v. tr. =

trovare, incontrare, scoprire 

truàda (truàdi), s.f. =

trovata, espediente; strano ragionamento

truàs, v. rifl.=

stare; andare d’accordo; incontrasi  |  me trùi bèe = mi trovo bene; ‘n se trùa sǜ tǜt = andiamo d’accordo su tutto

trücàa, v. tr. =

truccare, camuffare, alterare

trùch, s.m. =

calzatura in legno e cuoio

trǜch, s.m. =

trucco, inganno, imbroglio

trumbù, s.m. =

elicone, sousafono, tipo di Bassotuba per bande musicali, di forma a spirale circolare, che permette di portarlo sulla spalla e suonarlo durante la marcia

trùna (trùni), s.f. =

caverna, tana 

trǜscia 

si usa solo nell’espressione “ ès ‘n trǜscia” = darsi da fare, lavorare con impegno e frenesia

trüsciàa, v. intr.=

lavorare con impegno e frenesia

trǜta (trǜti), s.f. =

trota

tùa (tṍi), agg. = poss.

tua  |  li tṍi sorèli = le tue sorelle

tǜbo (tǜbi), s.m. =

tubo; niente  |  al capìs ‘n tǜbo = non capisce niente

tǜc’, agg. = 

tutti  |  tǜc’ i càa i fa ‘ndàa la cua, tǜc’ i àsen ai dìs la sùa = tutti i cani dimenano la coda, tutti gli asini sputano sentenze

tucà gió, v. tr. =

toccare (con l’estremità inferiore);  toccare in terra; patire la miseria

tucà ité, v. tr. =

vedere “tucà itè” – TO

tucà itè, v. tr. =

urtare leggermente; fare una battuta inerente un argomento scomodo per l’interlocutore – MO 

tucà sǜ, v. tr. =

toccare (con l’estremità  superiore); toccare in alto  |  tucà sǜ la màa = stringere la mano

tùca(tùchi), agg

tocca, fessa

tucàa, v. tr. =

toccare; spettare; essere costretto  |  al me tùca dìch de no = sono costretto a dirgli di no

tùch, agg. =

tocco, fesso

tügǜri, s.m. =

catapecchia

tulìi, s.m. =

secchiello di latta   |  ‘l tulìi dal làc’ = il secchiello per il latte

tülipàa, s.m. =

tulipano

tululùu, s.m. =

gufo

tumbìi, s.m. =

tombino, chiusino

tümóor, s.m. =

tumore

tunàa, v. intr.=

tuonare | quànt al tùna itè ‘n Valbùna, pùnda la fòlsc’ e vàn mùntuna = quando tuona in Valbona, riponi la falce e vai subito ad ammucchiare il fieno (… perché sta per piovere) 

tundǜut, agg. =

tosato  |  te ìdüut  l’àsen tundǜut? = hai visto l’asino tosato?

tunsìli, s.f. =

tonsille

tupìca

usato solo nell’espressione “ ‘ndàa a tupìca” = inciampare, cadere

tupìi, s.m. =

talpa

tupinèra, s.f. =

piccolo cumulo di terra fatto dalle talpe

tǜr, s.m. =

parte dura del tronco (di un albero)

tùrno (tùrni), s.m. =

turno, alternanza (sul lavoro)

Tursciù, s.m. =

Torchione: frazione e torrente di Albosaggia

turtǜra (tortǜri), s.f. =

tortura, tormento

turtüràa, v. tr. =

torturare, tormentare

turù, s.m. =

torrone

tusìi, v. intr.=

tossire

tustìi, s.m. =

attrezzo per tostare il caffè o anche l’orzo

tǜt (tǜc’), agg.  e avv.=

tutto  |  l’è tǜt a pòst = è tutto a posto; al màngia de tǜt = mangia di tutto 

tǜta (tǜti), agg.  e avv.=

tutta  |  l’è tǜta tùa sta ca? = è tutta tua questa casa?

tutóor, s.m. =

tutore

tùu, s.m. =

tuono

ù, pron. =

voi (rivolto a persone anziane, e, in tempi lontani, anche ai genitori) vedi “vù” | ù sìi òl püsée véc’ = voi siete il più vecchio – vù al cunusìi ? = voi lo conoscete   

ǜa (ǜi), s.f. =

uva; le uve coltivate in Valtellina sono: ciavenàsca, rósóla, pignṍla, brügnṍla, paganùna, mericàna, clìnto  |  ǜa pateràda: uva matura con alcuni acini verdi, è come il rosario dove i pater sono molto meno delle ave marie.

ubidiènt, agg. =

ubbidiente

ubidiènta (ubidiènti), agg. =

ubbidiente

ubidìi, v. tr. =

Obbedire | chèl rèdès l’ubidìs ca = quel bambino non ubbidisce

ubligàa, v. tr. =

obbligare

ùcia (ùci), agg. =

unta, sporca di grasso  |  daghèla sǜ ùcia = adulare, assecondare | pulènta ùcia = polenta taragna

uciàa scià,  v.tr. =

stesso significato di “uciàa!

uciàa sǜ,  v.tr. =

stesso significato di “uciàa!

uciàa,  v.tr. =

intingere in cose unte in un piatto o in tegame vedere “uciàa scià” e “uciàa sǜ”

udurǜsc’, s.m. =

cattivo odore

uèta, s.f. =

uvetta

ufìzi, s.m. =

ufficio (solitamente gli uffici del Comune)

ufrìi, v. tr. =

offrire, donare, fare l’elemosina in chiesa

ughèt, s.m. =

ribes, piccolo frutto

ùiges, v. rifl.=

ungersi, macchiarsi di unto  |  va ùnget! = vai al diavolo!

ùisc’, v. tr. =

ungere, lubrificare  |  ùisc’ li rṍdi = ungere le ruote (offerta di regalie per sveltire una pratica)

ùla (ùli), s.f. =

olla, pentola di coccio; vaso panciuto, usato per  la conservazione del burro cotto   |  fàla gió ‘ndèl ùla = fare i bisogni nell’olla anziché nel vaso da notte, commettere un grosso errore

ulàa, v. intr.=

volare

ulènt, agg. =

uccellino pronto a lasciare il nido, capace di volare

ulìif, s.m. =

ulivo

ulìi, v. intr.=

essere sul punto di (specie riferito al tempo)  |  al òl piṍöf = sta per piovere

ulìi, v. tr. =

variante di "vulii", volere  |  chèl che Dìo òl l’è mai tròp = bisogna accettare la volontà di Dio | ulìi própi ‘ndàa? = volete proprio andare? 

ulìva (ulìvi), s.f. =

oliva; ramo di olivo che viene benedetto nella Domenica delle Palme

ültèm, agg. =

ultimo 

ültèma( ültémi), agg. =

ultima – TO

ültèma( ültèmi), agg. =

ultima – MO

umbrìa, s.f. =

ombra | ‘l vìt li umbrìi = vede i fantasmi  | l’è tùa l’è mia l’è mòrta a l’umbrìa = è tua è mia è morta all’ombra

umbriàa, v. tr. =

ombreggiare, fare ombra

ǜmeda (ǜmedi), agg. =

umida

ǜmet, agg. =

umido  |  ‘n ǜmet = in umido (modo di cucinare)

ümidità, s.f. =

umidità

ǜmel, s.m. =

umile

umìi, s.m. =

omino, piccolo uomo

umóor, s.m. =

umore

ǜna, pron. =

una

ǜndes, agg. num.= card.

undici

ǜneca (ǜnechi), agg. =

unica  |  l’è amò l’ǜneca = è la soluzione migliore

ǜnech, agg. =

unico

unguènt, s.m. =

unguento 

ünìda (ünìdi), agg. =

unita

ünìit, agg. =

unito

untà sǜ, v. tr. =

ungere; spalmare una pomata sulla pelle

untàa, v. tr. =

ungere | untàa li rṍdi = ungere le ruote (offerta di regalie per sveltire una pratica)

upiniù, s.f. =

opinione

ùra (ùri), s.f. =

ora  |  dàm ùra = ascoltami, fai come ti dico 

uràri, s.m. =

orario

ùrca, inter, =

perbacco

urdinàa, v. tr. =

ordinare  |  ‘l dótóor al m’à urdinàat sta midisìna = il dottore mi ha prescritto questa medicina

urigìi, s.m. =

orecchino

urigìna (urigìni), s.f. =

tipo di fungo, gallinaccio, finferlo, vedi “manìi”

uriginàl (uriginài), agg. e s.m. =

originale, strano, stravagante | te se pròpi uriginàal = sei proprio originale (di uno che vuol fare di testa sua)

uriginàla (urigiàli), agg. = e s.f. =

originale, strana, stravagante

urìi, v. tr. =

aprire  |  urìs la finèstra = apri la finestra

urinàri, s.m. =

orinale, vaso da notte; persona sgradevole

urìit, agg. =

aperto

urtìga (urtìghi), s.f. =

Ortica | vàrda ca te córi réet con ‘na urtìga = fai il bravo altrimenti ti rincorro con un’ortica

urtigàda (urtigàdi), s.f. =

irritazione cutanea causata dal contatto con un’ortica

urtigàs, v. rifl.=

pungersi con le ortiche

ǜs, s.m. =

uscio, porta

üsàa, v. tr. =

seguire le consuetudini, essere soliti, essere abituati  |  se ǜsa iscè = si fa così

üsàat, agg. =

usato; non nuovo, di seconda mano

üsàda (üsàdi), agg. =

usata; non nuova, di seconda mano   |  ò crumpàat ‘na màchina üsàda = ho acquistato una macchina di seconda mano

üsànsa (üsansi), s.f. = 

usanza, consuetudine, costume  |  chi che dìs ‘l vètro, chi che dìs la pànsa, ògni paés al gh’à la sùa üsànsa =  chi dice il ventre, chi dice la pancia, ogni paese ha la propria consuetudine  

üscèla  (üscèli), s.f. =

femmina di uccello che depone le uova nel nido

üs-cèra (üs-céri), s.f. =

botola – TO

üs-cèra (üs-cèri), s.f. = 

botola – MO

üs-ciṍl (üs-ciṍi), s.m. =

piccola porticina delle botti, serve per poter estrarre la feccia, quando si travasa il vino 

üsèl (üsèi), s.m. = 

Uccello | pòorèt chèl üsèl nasǜut en catìva vàl = povero quell’uccello nato in cattiva valle

üsignṍl (üsignṍi), s.m. =

usignolo

usmàa, v. tr. =

odorare, fiutare, annusare  |  ai se ùsma mìga = non vanno d’accordo

ustinàs, v. rifl.=

ostinarsi, accanirsi

utàa, v. tr. =

votare

ütàa, v. tr. =

aiutare, prestare aiuto

ütàs, v. rifl.=

aiutarsi

utaziù, s.f. =

votazioni

ǜtel (ǜtei), agg. =

utile, vantaggioso

ǜtela (ǜteli), agg. =

utile, vantaggiosa

utignìi, v. tr. =

ottenere

utù, s.m. =

ottone

ǜü, agg. num. card.m.(ǜna, num. card .f.)

uno, un tale| i óm  i 'ndàva a ǜü a ǜü, li fémni ǜna apróof a l'òtra = gli uomini andavano a uno a uno, le donne una vicino all'altra

ǜü, pron. = 

uno

ùuc’, agg. =

unto, sporco di grasso 

üvèta, s.f. =

uvetta, uva passa  

vàach, s.m. =

avv.=allamento, abbassamento, affossamento

vàas, s.m. =

vaso

vàca (vàchi), s.f. =

mucca; donna di facili costumi

vacàda (vacàdi), s.f. =

porcheria, cosa fatta male

vachèer, s.m. =

vaccaio, guardiano di vacche,  mandriano

vacǜscia (vacǜsci), s.f. =

maggiolino

vagabónt, s.m. =

vagabondo, fannullone, sfaticato

vagù, s.m. =

vagone, carrozza ferroviaria

vagunàda (vagunàdi), s.f. =

grande quantità, molta roba

vaidàa, v. tr. =

aiutare

vaigèl (vaigéi), s.m. =

torrentello, ruscello – TO

vaigèl (vaigèi), s.m. =

torrentello, ruscello - MO     

vàl (vài), s.f. =

valle, torrente  |  Caterina dèla vàl leva sǜ ca ‘l cànta ‘l gal, ‘l cànta ‘l gal e la galìna, leva sǜ ti Caterina = Caterina della valle alzati che canta il gallo, canta il gallo e la gallina, alzati Caterina; al vèe gió la vàl = scorre acqua nella valle (in alcuni torrenti in estate non c’è acqua)

vàl (vài), s.m. =

vaglio, attrezzo agricolo di vimini fatto a forma di valva, era usato per l’ultima pulitura del granoturco prima di portarlo a macinare

vàl (vài), s.m. =

cimice insetto puzzolente

valàda (valàdi), s.f. =

vallata, ampia valle 

Valasci, s.f. =

territorio della valle del Torchione tra il "Piaz" e il "Bosch dal Lac" caratterizzato da avv.=allamenti ripidi e accidentati

Valdambrìi, s.m. =

abitante della Val d’Ambria | pòori nùu Valdambrìi = poveri noi Valdambrini

valìi, v. intr.=

valere, aver valore, contare  |  al vàl niènt  = non vale niente

valìis, s.f. =

valigia

valisèta, s.f. = 

piccola valigia 

vanegiàa, v. intr.=

vaneggiare, straparlare, delirare

Vangél, s.m. =

Vangelo  |  l’è véra cóma ‘l Vangél = è vero come il Vangelo

vansàa, v. tr. = e intr.

fare avanzi, non finire, avanzare  |  vànsa ca la manèstra = non lasciare minestra nel piatto

vansarṍl (vansarṍi), s.m. = 

avanzo, residuo  |  l’à fac’ vansarṍl = ha avanzato un po’ di cibo nel piatto

vànt, v. tr. =

vagliare utilizzando  il vaglio (vedere: vàl)  |  vànt ‘l tṍrch = vagliare il granoturco

vantàa sǜ, v. tr. =

vantare, lodare, esaltare  |  vantàa sǜ la sùa ròba = lodare i propri prodotti

vantàa, v. tr. =

vantare, lodare, esaltare

vantàc’, s.m. =

vantaggio, tornaconto, profitto, utilità

vantàda (vantàdi), s.f. =

vanteria

vantadóor, s.m. =

vantatore, chi  vanta o si vanta | chi che gh’à ca vantadóor i se vànta la par lóor = chi non ha vantatori si vantano da soli   

vantagiàs, v. rifl.=

avv.=antaggiarsi, trarre profitto

vantàs, v. rifl.=

vantarsi, lodarsi, esaltarsi 

vànvera, s.f. =

usato solo nell’espressione “a vànvera” = a vanvera, superficialmente  |  parlàa a vànvera = parlare senza riflettere

vapóor, s.m. =

vapore  |  trèno a vapóor = treno a vapore

vardàa réet, v. intr.=

seguire con lo sguardo, avere interesse, esaminare un problema, avere cura, badare  |  vardàch réet a li matèli = avere interesse per le ragazze; vardèch réet a stò rübinèt cal pèert = controlla questo rubinetto che perde

vardàa, v. tr. =

guardare, osservare; stare attento, badare  |  vàrda da fàa debòt = cerca di far presto

vardabósch, s.m. =

guardia forestale

vardàda (vardàdi), s.f. =

guardata, rapido sguardo, occhiata

vardàs, v. rifl.=

guardarsi, osservarsi  |  vardàs gió denàaz = guardare se stessi, prima di giudicare il prossimo; vardàs ‘n còsta = guardarsi di traverso (essere in pessimi rapporti)

vargógna, s.f. =

vergogna  |  te gh’è ca vargógna = non hai vergogna

vargót, pron. = indef.

qualcosa  |  l’è vargót de bèl = è veramente bello

vargǜ, pron. = indef.

qualcuno

vargutìna, s.f. =

qualcosa, cosa da poco

varṍla (varṍli), s.f. =

vaccinazione antivaiolosa; cicatrice prodotta dalla vaccinazione

varǜs-c’

morbillo

vàsca (vàschi), s.f. =

vasca

vàsch, agg. =

spugnoso riferito a frutta o verdura  |  ‘n ravanèl vàsch = rapanello spugnoso, insapore, insipido

vaschèta (vaschéti), s.f. =

vaschetta, vasca di piccole dimensioni – TO

vaschèta (vaschèti), s.f. =

vaschetta, vasca di piccole dimensioni – MO

vascù, s.m. =

grossa vasca

vàsech, s.m. =

bruscolo, corpuscolo estraneo che dia fastidio nell’occhio, bruscolino  |  g’ò itè ‘n vàsech en de ‘n ṍc’ =  ho un bruscolino in un occhio

vasèl (vaséi), s.m. =

arnia 

vaselìna, s.f. =

vasellina

vasèt (vasèc’), s.m. =

vasetto | i vasèc’ dèla consèrva = i vasetti della salsa di pomodoro

vasiù, s.f. =

solo nell’espressione: dàa vasiù = evadere, ascoltare e rispondere in modo esauriente

vatevée, avv.=

pressappoco - MO

vatevèe, avv.=

pressappoco - TO

vazzàa fó, v. intr.=

sporgere all’infuori, venirne fuori - TO  |  al te vàzza fó la camìśa da li bràghi   = ti sporge la camicia dai pantaloni | vàzzi ca fó dai mestéer = non riesco a liberarmi dai troppi impegni

vazzàa fò, v. intr.=

sporgere all’infuori, venirne fuori - MO  |  al te vàzza fò la camìśa da li bràghi   = ti sporge la camicia dai pantaloni | vàzzi ca fò dai mestéer = non riesco a liberarmi dai troppi impegni

vazzàa gió, v. intr.=

sporgere dall’alto verso il basso  |  al te vàzza gió ‘l petacòl = la sottana ti sporge da sotto la gonna

vazzàa sǜ, v. intr.=

sporgere dal basso verso l’alto  |  al vàzza sǜ ‘n ciót = sporge un chiodo

ve, pron.  pers.= pl.

a voi, vi, ve  |  ve l’ò dic’ = ve l’ho detto

véc’, agg. e s.m. =

vecchio, antico, anziano - TO|  fórmài véc’ = formaggio stagionato; vignìi véc’ = invecchiare; i nòś véc’ = i nostri antenati

vèc’, agg. e s.m. =       

vecchio, antico, anziano – MO | i nòś vèc’ = i nostri antenati

vécio, s.m. =

padre; alpino anziano (bòcia = recluta alpina)  |  ‘l me vècio = mio padre

veciǜra (veciǜri), s.f. =

prestazione e costo del trasporto per conto terzi  

vedèl (vedéi), s.m. =

vitello – TO

vedèl (vedèi), s.m. =

vitello - MO

vedèla (vedèli), s.f. =

vitella

védesc’, s.m. =

salicone delle capre, pianta simile al salice, ma meno flessibile, gattice – TO

vèdesc’, s.m. =

salicone delle capre, pianta simile al salice, ma meno flessibile - MO

Vèdescia, s.f. =

casa di riposo per anziani in comune di Dubino  |  l’è ura de ‘ndàa a la Vèdescia = oramai sei vecchio

vèdof, s.m. =

vedovo  |  mal dèl vèdof = male del vedovo (detto scherzosamente di un dolore acuto ma passeggero)

vèdova, s.f. =

vedova

vedràas, s.m. =

erba infestante che piace molto alle galline, parietaria, muraiola, vetriola

vedràda (vedràdi), s.f. =

vetrata

vedrèta (vedréti), s.f. =

vedretta, ghiacciaio – TO

vedrèta (vedrèti), s.f. =

vedretta, ghiacciaio – MO

védro (védri), s.m. =

vetro, lastra di vetro  |  rampegàs sǜ ‘n di védri = sostenere l’inverosimile

vée, inter, =

salve 

vèet, s.m. =

vento | òl vèet l’è òl pertegadù de li vedovi = il vento fa cadere le noci alle vedove, perché le donne sole non sono in grado di usare la pertica per bacchiare (perticare) le noci  

végia (végi), agg. = e s.f. =

vecchia, antica, anziana

végiàt, s.m. =

vecchietto

végiàta, s.f. =

vecchietta

véi, inter, =

salve

véila, inter, =

salve

vèisc’, v. tr. = e intr.

vincere, prevalere

vèl (vèi), s.m. =

velo

vèla (vèli), s.f. =

vela  |  càmbia vèla! = cambia atteggiamento!

véla, inter, =

salve

velée, s.m. =

veleno, sostanza tossica

velenàs, v. rifl.=

avv.=elenarsi, intossicarsi

velenóos, agg. =

velenoso, tossico

velenósa (velenósi), agg. =

velenosa, tossica

velǜ, s.m. =

velluto  |  ‘n pèer de bràghi de velǜ = un paio di pantaloni di velluto

véna (véni), s.f. =

vena; sorgente - TO  |  discórs tra dói góti de sànc: - te vèdi  gió de móral,- làghem stàa ca ‘ncṍö so mìga ‘n véna  = colloquio tra due gocce di sangue:  ti vedo giù di morale,  lasciami perdere che oggi non sono in vena

vèna (vèni), s.f. =

vena; sorgente - MO  |  ‘na vèna de àcqua = una sorgente

venadǜra (venadǜri), s.f. = 

venatura, striatura | chìli às li gh’à ‘na bèla venadǜra = quelle assi hanno una bella venatura

vendardì, s.m. =

venerdì  |  vendardì sànt = venerdì santo

vendèmia, s.f. =

vendemmia

vendǜl (vendǜi), s.m. =

valanga, slavina | l’è ‘ndàc’ ià òl vendǜl = la valanga di neve si è sciolta

vénech, agg. =

essere arrabbiato

venespól (venespói), s.m. =

nespola (frutto) | col tèep e la pàia ‘l marǜda àach i venespói = col tempo e la paglia maturano anche le nespole

venespólèer, s.m. =

nespolo ( pianta)

vènt, v. tr. =

vendere  |  fan da vènt = combinarne di tutti i colori

ventǜsc’, s.m. =

ventaccio, vento freddo

véra (véri), agg. =

vero  |  l’è pròpri véra = è proprio vero

véera, s.f. =

vera, anello nuziale

vérda (vérdi), agg. e s.m. =

verde, non essiccata, acerba  |  lègna vérda = legna non  essiccata

verdù, agg. e s.m. =

verdone; uccello dalle piume verdi, grande come una gazza

verdǜra (verdǜri), s.f. =

verdura, ortaggio

verdüràt, s.m. =

venditore di ortaggi, fruttivendolo

vèrgna (vérgni), s.f. =

pianto lamentoso e fastidioso - TO  |  fa mìga vérgni = smetti di lamentarti

vèrgna (vèrgni), s.f. =

pianto lamentoso e fastidioso - MO  |  fa mìga vérgni = smetti di lamentarti

vergógnàs, v. rifl.=

vergognarsi

vergógnóos, agg. =

vergognoso, che prova vergogna, timido, impacciato, chi subisce soggezione e prova vergogna

vermanèla, s.f. =

orbettino  |  vedere “orbanéla” | se la vìpera la gh’è sintìs e l‘orbanèla la gh’è vedés pòca gèet ‘l  gh’è sarés = se la vipera ci sentisse e l’orbettino ci vedesse poca gente ci sarebbe

vernìis, s.f. =

vernice

vernisàa, v. tr. =

verniciare, pitturare

vernisàat, agg. =

verniciato, pitturato

vernisàda (vernisàdi), agg. =

verniciata, pitturata

verṍl, s.m. =

perno di legno,  anche zeppa di legno

vèrom, s.m. =

biscia

vèrs, prep. =

verso, direzione  |  ‘ndàa vèrs Tiràa = andare verso Tirano

vèrs, s.m. =

fianco, lato, senso, modo   |  gh’è mìga vèrs da fàghela capìi = non c’è modo di fargliela capire | da en vèrs = al rovescio

vèrsa

usato solo nell’ espressione “ vignìi a la vèrsa” = farsi vedere, finire un lavoro 

vèert, agg. =

aperto | òl sportèl dèl pulèer de li galìni l’è amò vèert = lo sportello del pollaio delle galline è ancora aperto

vért, agg. e s.m. =

verde, non essiccato, acerbo | chèsto póm l’è amò vért = questa mela è ancora acerba

vèrta (vèrti), agg. =

aperta | ‘l gh’à lagàat la pòrta vèrta = ha lasciato la porta aperta 

verticàal (verticàai), s.m. =

organetto di Barberia = caratteristico piano meccanico a manovella dei suonatori ambulanti, montato su un carretto a due ruote; jukebox dei primi del 1900

vèrtüs, s.f. =

scriminatura dei capelli = linea sottile che segna la spartizione dei capelli  |  l’è pecenàat a la vèrtüs = è pettinato con una linea sottile, al centro della testa, che segna la spartizione dei capelli: metà a destra e metà a sinistra

vérza (vérzi), s.f. = 

verza cavoli  |  gh’è pòoch da sfoiàa vérzi = siamo agli sgoccioli

vès fó, v. intr.=

essere arrabbiato – TO

vès fò, v. intr.=

essere arrabbiato – MO

vès gió, v. intr.=

essere depresso

vès ià, v. intr.=

essere assente, essere lontano

vès rèet, v. intr.=

stare (seguito da gerundio)  | l’è rèet a maiàa = sta mangiando   

vès scià, v. intr.=

essere arrivato

vès sóta, v. intr.=

essere alle dipendenze di qualcuno; essere di turno nel gioco del nascondino

vès, v. ausiliare e intr.

essere;  vedere anche “ès”  | vès è no ès = essere e non essere, tutto sommato 

vèscof, s.m. =

vescovo  |  a ògni mòrt de vèscof = ad ogni morte di vescovo, raramente; fa cóor ‘l vèscof = prendere a sberle

vèspa (véspi), s.f. =

vespa, motoscooter - TO |  ‘na òlta li véspi li ‘ndàva sǜ in di stróns, adès i è i stróns ca i va sǜ ‘ndèli Véspi = una volta le vespe andavano sugli stronzi, adesso sono gli stronzi che vanno sulle Vespe

vèspa (vèspi), s.f. =

vespa, motoscooter - MO |  ‘na òlta li vèspi li ‘ndàva sǜ in di stróns, adès i è i stróns ca i va sǜ ‘ndèli Vèspi = una volta le vespe andavano sugli stronzi, adesso sono gli stronzi che vanno sulle Vespe

vespèer, s.m. =

vespaio, nido di vespe  |  l’à fac’ vignìi fò ‘n vespèer = ha suscitato forti contrasti e accese discussioni

Vèspor, s.m. =

vespro, funzione pomeridiana della domenica

vèsta (vèsti), s.f. =

veste, abito, ogni indumento femminile; abito talare

vestè, s.m. =

guardaroba, armadio che contiene i vestiti

vestiàri, s.m. =

vestiario, vari capi di abbigliamento

vètro, s.m. =

pancia, ventre | chi che dìs ‘l vètro, chi che dìs la pànsa, ogni paès al ga la sua üsànza = chi dice il ventre, chi dice la pancia, ogni paese ha la sua usanza

veturinàri, s.m. =

veterinario

vià gió, v. tr. = 

inghiottire, trangugiare, subire, adattarsi a sofferenze e dolori

viàc’, s.m. =

viaggio, trasporto di merci | gh’ò fàc’ ‘n viàc’ da càa = ho fatto un viaggio da cane

viagiàa, v. intr.=

viaggiare; procedere speditamente

viagiatóor, s.m. =

viaggiatore, agente di commercio

viamèet, s.m. =

diarrea  |  gh’ò töc’ gió l’òli de rìcet, pègio viamèet = ho preso l’olio di ricino e mi è aumentata la diarrea (nel passato si pensava che l’olio di ricino fosse il toccasana per tutti i mali)

viciǜra (viciǜri), s.f. =

prestazione e costo del trasporto per conto terzi, vedere “veciǜra “

vidìch té, v. intr.=

capire un problema, avere attitudine – TO

vidìch tè, v. intr.=

capire un problema, avere attitudine – MO

vidìch, v. intr.=

vederci

vidìi, s.m. =

solo nell’espressione “al  fa ‘n bèl vidìi” = si presenta bene, ha un bell’aspetto

vidìi, v. tr. =

vedere  |  ‘l  la vìt gna tǜta = è innamorato pazzo | ‘l vṍl vidìi tǜt = vuole vedere tutto

vidìna (vidìni), s.f. = 

piccola vite

vidìs, v. rifl.=

frequentarsi, incontrarsi | quànca ‘n pṍö vidìs? = quando possiamo vederci? 

vidisciù, s.m. =

tralcio della vite tagliato alla potatura    |  ‘n mazṍl de vidisciù = una fascina di tralci  

vidìsela, v. tr. =

vedersela  |  vidìsela brüta = vedersela brutta; correre un grosso rischio

vìdola, s.f. =

convolvolo (vedere “ìdola”) 

vìdoli, s.f. =pl.

fusilli (pasta)

vidrìna (vidrìni), s.f. =

vetrina | vardàe itè ‘ndèla vidrìna = guardare dentro una vetrina

vìif, agg. =

vivo, vispo, vivace, pimpante  |  fàs vìif = farsi vivo

vìif, v. intr.=

vivere

vigliàca (vigliàchi), agg. = e s.f. =

vigliacca  |  a la vigliàca = alla carlona, cosa fatta malamente

vigliacàda (vigliacàdi), s.f. = 

vigliaccata

vigliàch, agg. e s.m. =

vigliacco  |  vigliàch sa al se fa sintìi = figuriamoci se si mi chiama

vìgna (vìgni), s.f. =

vigna, vigneto

vignìch sǜ, v. tr. =

far tornare alla memoria, risolvere un problema, capirci qualcosa

vignìghen fó, v. intr.=

districarsi, risolvere una situazione difficile – TO

vignìghen fò, v. intr.=

districarsi, risolvere una situazione difficile – MO

vignìi fó, v. intr.=

uscire, balzar fuori – TO

vignìi fò, v. intr.=

uscire, balzar fuori – MO

vignìi gió, v. intr.=

scendere, cadere; apparire in un ritratto  |  l’è gnüut  gió  trènta ghèi de nìif = sono caduti 30 centimetri di neve

vignìi ià, v. intr.=

allontanarsi da un luogo

vignìi ité, v. intr.=

entrare, venire dentro – TO

vignìi itè, v. intr.=

entrare, venire dentro – MO

vignìi réet,  v. intr.=

seguire  |  vègnem rèet = seguimi

vignìi scià, v. intr.=

dare profitto (specialmente nelle coltivazioni)  |  al me gnüut scià dèes quintài  de üa = ho prodotto dieci quintali di uva

vignìi sǜ, v. intr.=

salire, spuntare  |  l’è gnüut sǜ l’ansalàta = è spuntata l’insalata

vignìi, v. intr.=

venire; spettare: al te vèe a amò mìla franch = ti spettano ancora mille lire; diventare: dòpo un pòo vègni stüf = dopo un po’ mi annoio; crescere: vignìi grànt = diventare grande

vignṍl, s.m. =

piccolo vigneto

vignulìi, s.m. =

vigna di ridotte dimensioni

vìi, s.m. =

vino

vìit, s.f. =

vite, arbusto che produce uva

vìit, s.f. =

vite, organo meccanico filettato

vilàa, agg. e s.m. =

villano, maleducato, sfacciato

vilàna (vilàni), agg. = e s.f. =

villana, maleducata, sfacciata

vinàsci, s.f. =

vinacce

vinasciṍl (vinasciṍi), s.m. =

vinacciolo, ciascuno dei semi dell’uva vite che si trovano immersi nella polpa degli acini dell’uva

vinèl, s.m. =  

vinello | par vignìi bùu ‘l vinèl l’a da brüsàa ‘l dosèl  = per avere un buon vino deve fare bel tempo

vinténa (vinténi), s.f. =

ventina – TO

vintèna (vintèni), s.f. =

ventina – MO

vìnti, agg. e s.m. =

venti

viṍla (viṍli), agg. =

viola (colore)

viṍla (viṍli), s.f. =

viola (fiore)

vìpera (vìperi), s.f. =

vipera | l’è ‘nviperìit = è arrabbiato in modo esagerato

visàa, v. tr. =

avv.=isare, avv.=ertire, mettere al corrente  |  vìsem quànca te sèe prónt = avv.=isami quando sei pronto

viscèl (viscéi), s.m. =

ramo con le foglie secche che serviva come cibo, in inverno, per le pecore e le capre; i rami venivano tagliati in estate, quando le foglie avevano accumulato il massimo nutrimento . Le due piante più adatte per fare i "viscéi" sono el "fràśen" e "védesc' " - TO

viscèl (viscèi), s.m. =

ramo con le foglie secche che serviva come cibo, in inverno, per le pecore e le capre; i rami venivano tagliati in estate, quando le foglie avevano accumulato il massimo nutrimento . Le due piante più adatte per fare i "viscèi" sono el "fràśen" e "vèdesc' "  - MO

vìs-cia (vis-ci),  s.f. =

verga, frustino

vìs-cia sǜ, v. tr. =

frustare

vis-ciàda (vis-ciàdi), s.f. =

frustata

vìscol (vìscoi), agg. =

vispo, vivace, gaio  |  sta sǜ vìscol! = stammi bene!

vìscola (vìscoli), agg. =

vispa, vivace, gaia (anche di facili costumi) |  l’è vègia ma l’è amò vìscola = è vecchia ma è ancora in piena efficienza 

visdecàz, s.m. =

mascalzone, maleducato  |  sòo fiöl dèl pà pìscen e dèla màma grànda visdecàz chi m’el dómanda = sono figlio del papà piccolo e della mamma grande, maleducato chi me lo chiede

visèna, s.f. =

vino scadente e qualche volta con aggiunta di acqua

visìga (visìghi), s.f. =

vescica  |  la visìga dèl ciù = la vescica del maiale, veniva utilizzata per avv.=olgere alcuni insaccati

visìi, agg.  e avv.=

vicino, attiguo; accanto vedi “aprṍöf”

visìna (visìni), agg.  e avv.= 

vicina, attigua; accanto | l’è ‘na mia visìna de ca = è una mia vicina di casa

visinànsa, s.f. =

vicinanza

visinàs, v. rifl.=

avv.=icinarsi, accostarsi

vìsita (vìsiti), s.f. =

visita, visita medica, visita militare

visitàa, v. tr. =

visitare, sottoporre a esame medico

visitàs, v. rifl.=

sottoporsi a visita medica

vìsta, s.f. =

vista, capacità di vedere  |  al me va ‘nsèm la vìsta = vedo doppio

vistìi, v. tr. =

vestire, rivestire  |  vistìi sǜ ‘n pàal al sèmbra ‘n cardinàl = vestire un palo, sembra un cardinale, l’apparenza inganna

vistìit, s.m. =

abito, vestito  |  vistìit dala fèsta = abito per i giorni festivi

vistìs, v. rifl.=

vestirsi, rivestirsi

vìta (vìti), s.f. =

vita  |  fàa ‘na bèla vìta = spassarsela

vìta, inter, =

guarda! (espressione di sorpresa e di meraviglia)

vìta, s.f. =

tronco del corpo dalle anche alle spalle  |  sta sǜ ‘n vìta! = stai eretto!

vitàscia, s.f. =

vitaccia  |  fàa ‘na vitàscia = vivere male

vìtel lì, inter, =

guardalo! (espressione di sorpresa e di meraviglia)

vìtel, inter, =

guardalo! (espressione di sorpresa e di meraviglia)

viulìi, s.m. =

violino

vìva (vìvi), agg. =

viva, vispa, vivace, pimpante

vìzi, s.m. =

vizio, capriccio  |  fàa vìzi = far capricci; l’è mìga abót par i sṍö vìzi = la paga che prende è insufficiente

viziàat, agg. =

viziato, capriccioso

viziàda (viziàdi), agg

viziata, capricciosa | gh’è chilò ària viziàda = c’è qui aria viziata

vócabólàri, s.m. =

vocabolario

volentéra, avv.=

volentieri

vólp, s.f. =

volpe, sinonimo di “bólp”

voltac’, s.m. =        

voltaggio | ‘n bòt ‘l voltac’ dèli lampadìni l’era a 125 volt

voltàa gió, v. tr. =

piegare all’ingiù i tralci della vite, dopo la potatura

voltàa ià, v. intr.=

concludere, finire affrettatamente  |  gh’ò voltàat ià da lavàa gió i piàt = ho finito di lavare i piatti

voltàa scià, v. intr.=

sbrigarsi, concludere  |  vòlta scià! = sbrigati!

voltàa, v. tr. =

voltare, rivoltare; deviare, svoltare, prendere una deviazione  |  voltàa ‘l fèe = rivoltare il fieno nel prato (per favorirne l'essiccazione)

voltàda (voltàdi), s.f. =

svolta, curva, tornante

vòs, agg. =

vostro  | òl vòs pà = vostro padre

vǜ, pron.  pers.=

voi (allocutivo reverenziale o di cortesia, una volta era usato anche nell’ambito familiare, i figli davano del “voi” ai genitori); vedere  anche“ǜ”

vulìi, v. intr.=

essere sul punto di (specie riferito al tempo)  |  al vṍl piööf = sta per piovere

vulìi, v. tr. =

volere  |  chèl che Dìo völ l’è mai tròp = bisogna accettare la volontà di Dio | völ = vuole

vulturàa, v.tr. =

pagare un debito

źafràa, s.m. =

zafferano

zàino (zàini), s.m. =

zaino, sacco da montagna (sin. rótsàch)

źambrót, s.m. =

piatto di cibi mollicci e brodosi; persona pasticciona e inconcludente

źambrótàda (źambrótadi), s.f. =

cosa confusa, cosa di poco conto; brodaglia, piatto preparato con ingredienti eterogenei  |  l’à fac’ sǜ ‘na źambrótàda = ha farfugliato frasi senza senso

zàmpa (zàmpi), s.f. =

zampa

źampógn, s.m. =

campanaccio  |  si mette al collo delle mucche.

zànca (źànchi), s.f. =

zanca

źànfa (źànfi), s.f. =

erba dei prati simile all’angelica 

zànfàa, v. tr. =

agguantare, acciuffare, afferrare

źanfrógn, s.m. e agg. =    

pasticcione, incapace, inadatto, schiappa

źanfrógna (źanfrógni) s.f.  e agg. =

pasticciona, incapace, inadatta, schiappa

zàngola (zàngoli), s.f. =

zangola, attrezzo che serve per produrre il burro (vedere penàc’)

źàpa (źàpi), s.f. =

zappa

źapàa, v. tr. =

zappare

źapàda (źàpadi), s.f. =

zappata, colpo di zappa

źapèl (źapèi), s.m. =

tacca nel legno; accesso ad un fondo; irregolarità nel taglio dei capelli

źapèta (źapéti), s.f. =

piccola zappa – TO

źapèta (źapèti), s.f. =

piccola zappa – MO

źapètàa, v. tr. =

zappare utilizzando la “źapèta” o  il “źapitìi”

źapìi, s.m. =

uncino da boscaiolo, formato da un robusto manico di legno al quale era fissato un arpione di ferro, che veniva utilizzato per muovere e trascinare tronchi

źapitìi, s.m. =

zappa piccola che si usa nell’orto

źapù, s.m. =

piccone, attrezzo utilizzato per scavare terre compatte e rocce tenere

źapunàa, v. intr.=

picconare, scavare con il piccone

źapunàda (źapunàdi), s.f. =

picconata, colpo di piccone

zardàs, v. rifl.=

azzardarsi, arrischiarsi, osare  |  zardèt mìga! = non provarci!

zàta (zàti), s.f. =

zampa; mano

zèca (zéchi), s.f. =

zecca, parassita di pecore e di altri animali – TO

zèca (zèchi), s.f. =

zecca, parassita di pecore e di altri animali – MO

zecàat, agg. =

azzeccato

zegàa, v. tr. =

istigare, indispettire, molestare | a füria de zegàa la bròstola te gh’è ruàat a fàa vignìi fò òl sànch = hai continuato a toccare la crosta della ferita fintanto che hai fatto uscire il sangue

zeghìna, s.m. =

ragazzetto dispettoso

zèmbro

pino cembro

zeneór, s.m. =

ginepro

zèp, s.m. =

colmo | l’è piée zèp = è colmo, è pieno zeppo

zéro (zéri), s.m. = 

zero, nulla

zèrp, s.m. =

terreno incolto e improduttivo

zìa (źìi), s.f. =

zia

źibrèta (źibréti), s.f. =

ciabatta – TO

źibrèta (źibrèti), s.f. =

ciabatta – MO

zìch, s.m. =

piccola quantità, pezzettino

zichìi, s.m. =

diminutivo di zìc

źicòria, s.f. =

cicoria

źifól (źifói), s.m. =

zufolo, fischietto, persona sciocca e stupida  |  un tempo i ragazzi di campagna si costruivano uno zufolo con la corteccia dei giovani virgulti di castagno

źifolàa, v. intr.=

fischiare, fischiettare, zufolare

źifulìi, s.m. =

fischietto

źifulìna, agg. =

usato solo nell’espressione “gàmba źifulìna” = gamba malata, imperfetta, zoppa

źighèr, s.m. =

sigaro, vedere “tóscano”

źigherèta (zigheréti), s.f. =

sigaretta, vedere “sigarèta” – TO

źigherèta (zigherèti), s.f. =

sigaretta, vedere “sigarèta” – MO

zìnco, s.m. =

zinco

zingàat, agg. =

zincato, rivestito da uno strato di zinco

zingàda (źingàdi), agg. =

zincata, rivestita da uno strato di zinco  |  ‘na lamèra źingàda = una lamiera zincata

źinghèn, s.m. =

zingaro, gitano

źinghèna (źinghèni), s.f. =

zingara

źinźìn, s.m. =

minima quantità di qualsiasi cosa  |  dàmen ‘n źinźìn = dammene un pochino

zìo (zìi), s.m. =

zio

źìpria, s.f. =

cipria

zitèla (zitéli), s.f. =

zitella – TO

zitèla (zitèli), s.f. =

zitella – MO

źòca (źòchi), s.f. =

fossa nel terreno, buca  |  fàa gió źòchi = scavare fosse nella vigna per piantare le viti o per concimarle; źòca dèla gràśa = concimaia, letamaio; giügàa a cìca źòca = giocare al gioco delle biglie

źòch, s.m. =

piccola buca nel terreno (più piccola della “źòca”)  |  l’è tǜt źòch e dòs = è un terreno molto irregolare, sconnesso

źochèl, s.m. =

diminutivo di “źòch”

źòcol (zòcoi), s.m. =

zoccolo; battiscopa  

źocolàda (źocolàdi), s.f. =

zoccolata, colpo inferto con uno zoccolo

źocolàt, s.m. =

zoccolaio, venditore di zoccoli

źòfrech, s.m. =

zolfo

źofregàa, v. tr. =

solforare, cospargere le foglie e grappoli della vite per combattere l’oidio e il mal bianco

źómp, s.m. =

salto  |  trà ‘n źómp = saltare

źómpàa, v. intr.=

saltare, spiccare salti

źòp, s.m. =

zoppo, claudicante  |  ‘ndàa źóp = zoppicare

źòpegàa, v. intr.=

zoppicare

źǜca (źǜchi), s.f. =

zucca, testa, cervello  |  te ghée la źǜca ṍida = hai poco cervello

źücàda (źücàdi), s.f. =

testata, colpo battuto con la testa

źücarṍla, s.f. =

grillotalpa

źǜcher, s.m. =

zucchero  |  dach źǜcher a l’àsen al te pìca la cùa sǜl mǜüs = dare zucchero all’asino ti pesta la coda sulla faccia

źüchèra (źüchèri), s.f. =

pianta che produce le zucche

źüchìi, s.m. =

zucchino; cittadino svizzero o tedesco  

źücù, s.m. =

zuccone, testone, individuo duro di comprendonio

źücùna (zücùni), s.f. =

zuccona, testona

źufrighìi, s.m. =

zolfanello, fiammifero