Brunetta

di Paolo Piani - 28 Settembre 2009


BRUNETTA, QÈSTO PISCEN GRANT OM!

Chèsta  l’è la storia del  Brunetta Renato,               1)

l’óm pusè malvist en di ufizi de Stato!

En bel dì ca de prèsa al  caminava,

a sé scapüsciàat en di ‘na fava,

 

… u forse, l’era en pisèl ?

L’ha fac’ gió en cülmartel !                              2)

(… l’era già brüt, ma dopo sta bota

al ghe ignüt ol müüs come na sciota …)          3) – 4)

 

al se spianàat fò  lonch e tiràat

e la sbatüut  ol nas sül selciàat

propi davanti a n’ufizi statal:

che brüta figura, al ghe restàat  mal!

 

Lì defò ghe n’era cinq a fumàa;

tüc’ ensèma, a-i se mes a grignàa:

“brao nano, coma te se snodàat,                    5)

al Circo Togni te sarisèt ben pagàat!”

 

Quan ca ià vist ol so müüs pelàat,

ol sanch ‘n deli veni al ghe gelàat:           

sicome l’è olt come en scrignol,                      6)

a-i ciamava i genitori da vignii a tol!                7)

 

Quant ca al ghe ruàat a tras empée,            8)

ai ià squadrac’ tüc’ bée bée;

l’ha vardàat löör, l’ha vardàat l’ufizi,

la òia de vendicas la süperàat ol strimizi!

 

Löör, ca l’era ‘n ministro e miga en formagél,    9)

a-i le podeva miga  de certo savél!                  10)

I-era 'mbambolàac’  a fisal  a buca vèrta:

“Mama sa l’è  brüt, tréch sǜ na cuèrta!”          11)

 

L’è scapàat  ià de gamba lèsta,

coma n’Orango en de la forèsta: 

coma 'n türco entàat al fümava

ma col brasc’ gió ric’ la ghe se smorsava:         12)

 

la zigarèta sǜ la strada la strüsnava,

e lüu sempre pusè al se ‘ncazzava;

adès ve sistemi mi, par li fésti,

ve faròo laoràa tüc’ come bésti!

 

Basta 'nfrüensi, basta fregiór,                      13)

a ogni starnüt ve mandi ol dotór,

gnàa i bisogn podarée ca pù fàa,                  

anca sül water ve fòo controlàa …

 

'Ntàat ca’l pensava  a chi da fregàa

al ghè ignut ol müs gialt come zafràa:    

pòro Brunèta, la rabbia pruada,

la ta brüsàat  ol fidèc e po’ aa la corada!            14)

 

Ai dis ca l’è pòch, òl tèep che ghè resta,

tüc’ i statai ai se sènt già ‘n  festa;

l’è già bèla che pronta la  Circolar:

giornada pagada òl dì del füneral!      15)

 

Albosaggia, 28 Settembre 2009  Paolo Piani

NOTE

1) Brunetta Renato, ha ricoperto dal 2008 al 16 novembre 2011 la carica di Ministro per la pubblica amministrazione e l'innovazione.

2) curmartel = capitombolo

3) sciota = per chi non è contadino: pupù della mucca, che cadendo da così in alto si spiattella

4) müüs - viso

5) snodat = sciolto, agile nei movimenti

6) scrignol = piccolo scrigno, di altezza limitata, usato anticamente per conservare la farina e altri alimenti.

7) vignii a tol – venire a prenderlo

8) tras empée – tirarsi in piedi

9) ca l’era ‘n ministro e miga en formagèl – che era un ministro e non una piccola forma di formaggio (si allude all’altezza …)

10) a-i le podeva miga de certo savél – non potevano certamente saperlo

11) trec  na cuèrta = stendetegli sopra una coperta

12) ma col brasc’ giò ric’ la se smorsava - … essendo corto di gambe … con il braccio giù dritto la sigaretta gli si spegneva, in quanto sfregava contro l’asfalto

13) enfruensi, fregiór – influenze, raffreddori (tutte cause di assenteismo).

14) Corada - polmoni

15) legge del contrappasso; povero Brunetta, si girerà nella tomba sapendo che il giorno del suo funerale, tutti gli statali saranno in permesso pagato.

BRUNETTA, QUESTO PICCOLO GRANDE UOMO!

Questa è la storia di Brunetta Renato.

l'uomo più malvisto negli uffici dello Stato !

Un bel giorno che camminava di fretta,

si è inciampato in una fava,

 

... o forse, era un pisello ?

È ruzzolato di brutto ! (capitombolo)

(... era già brutto, ma dopo questa botta

gli è venuto il muso come "sciota" di mucca...)

 

si è spianato per terra lungo e disteso

e ha battuto il naso sul selciato

proprio davanti ad un ufficio statale:

che brutta figura, c'è rimasto male !

 

Li di fuori c'erano cinque a fumare;

tutti insieme, si son messi a ridere:

"bravo nano, come sei agile,

al Circo Togni saresti ben pagato !"

 

Quando hanno visto il suo viso sbucciato,

il sangue nelle vene gli si è gelato:

siccome è alto come un piccolo scrigno,

chiamano i genitori per venire a prenderlo !

 

Quando è riuscito a rimettersi in piedi,

li ha osservati tutti bene bene;

ha guardato loro, ha guardato l'ufficio,

la voglia di vendicarsi ha superato lo spavento 

 

Loro, che era un ministro e non una forma di formaggio,

non potevano saperlo !

Erano imbambolati a fissarlo a bocca aperta:

"Mamma se è brutto, buttategli addosso una coperta !"

 

È scappato via a gambe levate,

come un Orango in una foresta:

come un turco intanto fumava

ma col braccio giù dritto gli si spegneva:

 

la sigaretta sulla strada sfregava,

e lui sempre più incavolato;

adesso vi sistemo io, per le feste,

vi farò lavorare tutti come bestie !

 

Basta influenze, basta raffreddore,

ad ogni starnuto vi mando il dottore,

neanche i bisogni potrete più fare,

anche sul water vi farò controllare....

 

Intanto che pensava a quelli da sistemare

gli è venuto la faccia gialla come lo zafferano:

povero Brunetta, la rabbia provata,

ti ha bruciato il fegato e anche il cuore !

 

Dicono che è poco, il tempo che gli rimane,

tutti gli statali si sentono già in festa;

è già belle che pronta la Circolare:

giornata pagata il giorno del funerale !

 

'l ghè nè amò