Cansù di dódes mìis


di Paolo Piani   30-12-2019

LA CANSÙ DI DÓDES MÌIS

 

Al vegnarà Ginèer, silensióos, lengéer,

con la pansa piena, sensa penséer,

lengéer come l’Ada ‘ndormentàda,

lengéer come ‘na bèla rüśümàda.

I è destèndùuc’ gió a L’ìsola biànch pràac’

tüso moróos ca i sè apèna amàac’,

tüso moróos ca i sè apèna basàac’,

parché ‘n di dì de la mèrla l’è fréc’

se da stàa tacàac’ gióegn e véc’!

 

Sùbet Feorèer al sarà ruàat

parché ol prüm mìis l’è già ulàat

come i sòldi de la pinsiù,

ca tüc ai màia ol cànone de la televisiù!

Ma tra quài dì Carnevàal al sarà ruàat,

l’anvèren l’è amò lónch e gelàat

ma ol Giupìi dai trìi gòos

al portarà i-à òl fréc’ e àà‘l balòos!

 

A canc’ al ruarà Màars matochèl

ca ‘l farà crès l’acqua ‘n dèl vaigèl,

ca ‘l farà sfesciàa ol vìi de la bót granda

quant ca la luna la sarà … calanda!

Empinìs òl ciapèl fin sǜ a l’ör

bìel fó tùt còi töi amìis del cör,

ensèma a l’anvèren manda via

rabbia, solènch e malincunia!

 

Oh dì, oh mìis ca sèmpri ulìi via

sèmpri come ótri l’è la vita mia,

tüc’ i àgn divèrsa ma sempri bèla

sa ghée ‘n póo de salùt e ‘na sorèla!

 

Con i dì mósc’ ca la òia da durmìi

i te la fa truàa sòta ‘l cusìi,

ol mìis de April, duls e gnagnerèl

l’è scià, sbusàat dal sò ventusèl

‘Ndi töö dì l’è bèl ‘ndormentàs,

apröf a la tua fèmma come ‘n tàs,

e lée ca la sciòrgna come en compresór,

ma ti te sée ignüt sòrt … grazie Signòr!

 

Uriséch li pórti al mìis de Mac’,

par lüü ‘na scüdèla de pulènta e lac’,

parchè l’è ol mìis ca li röśi li fiurìs,

‘nsèma a n’amór nöf, sa ‘l véc’ al finìs.

En de ‘stò mìis mi sóo nasüut,

en dì ca ol fée l’era già marüut:

sevi en mas-c’ ma sevi mòrt: che pecàat,

i ma puciàat-gió ‘nde l’acqua e sóo resuscitàat!

 

Oh Giügn ca te ghe dée vita a l’astàat,

de ti ol Signór al va ringraziàat:

còl sùul còlt ca te scià ‘n de li màa,

tüti li fémmi, te fée sbiotàa.

Nùu óm me varda coi óc’ bramosi

chili formi iscé dulsi e armoniosi,

chèl pontasèl iscé armoniös e duls

ca ‘l fa tremàa ol cór e i puls!

 

Oh dì, oh mìis ca sèmpri ulìi via

sèmpri come ótri l’è la vita mia,

già tàac’ àgn béi me regalàat,

come èn cél de stéli ricamàat!

 

Con i dì lónch piée de colóor

òl mìis de Lüi al pizza ‘l motóor,

a la nòsa vita al ghe dà vìif argènt

e ogni véc’, èn leù al se sènt!

Ol mìis de Aóst, se usa ca laoràa

sempri en feri se usa ‘ndàa,

e ‘nciocàs de vìi e de calóor

‘nde chili ùri pieni de torpóor!

 

Setèmbre l’è ‘l mìis ca ‘l fa marudàa

l’üa ca ‘ndè la vigna l’è gió a pośàa;

e ti te préghet ca ‘l cuntinui a fa bèl,

iscé ca ‘l végnes sǜ èn bèl vinèl.

Sentàat al sùul ca ‘l se fa bass,

ü ‘ntàat ca atóren te fée quatro pass,

te vàrdet òl bósch ca l’ cambia colór,

e ‘l te torna la òia da fàa l’amór!

 

Sò ca sa tüc’, Ótóri, i à capìit,

sa ‘l tò grant regàal i à gradìit:

òl móst ca ‘l böi gió ‘ndèla tina,

la bót piena ca te ghée ‘n cantina,

e li castegni ca debòt li marudarà,

e nüü a vìi e braschèer, re me sarà;

e i rèdes de scóla che giuga amó lengéer

ai spazza da la crapa i brüc’ penséer!

 

Oh dì, oh mìis ca sèmpri ulìi via

sèmpri come ótri l’è la vita mia,

tüc’ i àgn divèrsa ma sempri curiósa,

bèla come i óc’ de la tua prüma morósa!

 

Al rua Noèmbre e se cuprìs i òrc’,

ol segónt dì se festegia i mòrc’,

èn cal de lüna se prepara la légna,

èn crès de lüna i cavéi se segna;

li prümi gelàdi li fa marudàa,

versi e patati, par pudìi fàa,

pizòcher a la moda de nüü Bosac’,

sènsa avarizia de butéer e formac’!

 

E ndóo a léc’ e ‘l me sógn pusé bèl

ti Dicèmbre càar, ca te sùnet al cancèl

par dimm ca prüma ca l’an al sarà finìit

col pusè grant regàal te marée stupìit:

‘na bèla rèdesa, dopo quatòrdes agn

la mia fèmma la truarà sóta ‘l pedàgn,

Maria Chiara me la ciamarà

… e la nòsa vita par sempre la scoldarà!

 

Oh dì, oh mìis ca sèmpri ulìi via

sèmpri come ótri l’è la vita mia,

ma con la mia fiöla ca la lusìs come ‘na stèla

ogni giornada ca vivi la sarà sempri bèla!

 

'l ghè nè amò

LA CANZONE DEI DODICI MESI

 

Verrà Gennaio silenzioso, leggero,

con la pancia piena, senza alcun pensiero,

leggero come l’Adda addormentata,

leggero come una frittata .

Sono distesi lungo il fiume bianchi prati

come morosi che si sono appena amati,

come morosi che si sono appena baciati,

perché i “giorni della merla” sono assai secchi,

devono stare abbracciati giovani e vecchi!

 

Subito Febbraio sarà arrivato

perché il primo mese è già volato

come i soldi della pensione,

che tutti si mangia il canone della televisione!

Ma fra qualche giorno Carnevale sarà arrivato,

l’inverno sarà ancora lungo e gelato,

ma Gioppino dai tre gozzi, in un istante

si porterà via il freddo e il furfante!

 

A canti arriverà Marzo pazzerello

che farà crescere l’acqua nel ruscello,

che farà travasare il vino della botte grande

quando la luna sarà … calante!

Riempi fino all’orlo i tuoi bicchieri,

bevilo tutto con i tuoi amici sinceri,

insieme all’inverno manda via

rabbia, tristezza e malinconia!

 

Oh giorni, oh mesi che volate via

sempre come voi è questa vita mia,

tutti gli anni diversa ma sempre bella

se c’è un po’ di salute ed una sorella!

 

Con i giorni mosci che di dormir la voglia

ti fan trovare, della stanza passata la soglia,

Il mese di Aprile, dolce e svogliatello

è arrivato, spinto dal suo venticello.

Nei tuoi giorni è bello addormentarsi,

vicino a tua moglie come un tasso sdraiarsi,

e lei che ronfa come un compressore,

ma tu sei diventato sordo … grazie Signore!

 

Aprite le porte al mese di Maggio,

per lui una scodella di polenta e formaggio,

perché è il mese in cui si vedon le rose fiorire,

insieme all’amore nuovo, se il vecchio va a finire.

In questo mese io sono nato,

un giorno in cui il fieno veniva falciato:

han detto che ero un maschio ma ero morto,

mi hanno immerso nell’acqua e son risorto!

 

Oh Giugno che dai vita all’estate,

di te al Signore laudi van cantate:

con il sole caldo che tieni nelle tue mani care,

tutte le donne belle, tu fai spogliare.

Noi maschi guardiamo con occhiate bramose

quelle forme così dolci ed armoniose,

quel terrazzo così armonioso e bello

che fa tremare il nostro cuore ridarello!

 

Oh giorni, oh mesi che volate via

sempre come voi è questa vita mia,

già tanti anni belli mi avete regalato,

come un cielo di stelle ricamato!

 

Con i giorni lunghi pieni di colore

Il mese di Luglio accende il suo motore,

alla nostra vita dona vivo argento

ed io che son vecchio, leone mi sento!

Il mese d’Agosto, non si usa lavorare,

sempre in ferie si usa andare,

e ubriacarsi di vino e di calore

in quelle ore piene di torpore!

 

Settembre è il mese che fa maturare

l’uva che nella vigna se ne sta a riposare;

e tu preghi che continui il tempo bello,

cosicché si produca un ottimo vinello.

Seduti al sole che si fa basso,

o mentre intorno si fa qualche passo,

tu guardi il bosco che cambia colore,

e ti torna la voglia di fare l’amore!

 

Non so se tutti, Ottobre, hanno capito,

se il tuo grande regalo hanno gradito:

il mosto che bolle giù nella tina,

la botte piena che hai in cantina,

e le castagne che presto andranno a maturare,

e noi a vino e caldarroste, re diventare;

e i bambini di scuola che giocano ancor leggeri

spazzano dalla nostra testa i cattivi pensieri!

 

Oh giorni, oh mesi che volate via

sempre come voi è questa vita mia,

tutti gli anni diversa ma sempre curiosa,

bella come gli occhi della prima morosa!

 

Arriva Novembre e si coprono gli orti,

il secondo giorno si festeggiano i morti,

in calo di luna la legna si procura,

con luna crescente i capelli ci si cura;

le prime gelate fanno maturare,

verze e patate per poter fare

pizzoccheri alla moda di noi Bosaggi,

senza avarizia di burro e di formaggi!

 

E vado a letto, ed il mio sogno più bello

tu Dicembre che suoni al mio cancello

per dirmi che prima che l’anno sia finito

col più bel regalo mi avrai stupito:

una bella bambina, dopo quattordici anni

mia moglie troverà sotto i suoi panni,

Maria Chiara la chiameremo

… e il cielo della nostra vita sarà sempre sereno!

 

Oh giorni, oh mesi che volate via

sempre come voi è questa vita mia,

ma con mia figlia che luccica come una stella

ogni giornata che vivrò sarà sempre bella!