Cara mama

testo di Marco Candiani - dialèt bòsac' di Vittorio C. 25-08-2022


Cara mama

Cara mama te canti stasira li paroli ca t'óo forsi mai dìc'; 
l'era 'n pèzz ca ölevi 'nventàla 'na cansù facia aposta par ti.

Òo cantàat par tüc', tati stori de s-cèti, de pastóor e barbù, 
'l me mancava la cansù par la mama, adèss la canti e ti scólta èn paradìis.

Paròli ca t'óo mai dìc' te li disi adèss 
e ciama a 'l pà, ciàpel par màa, 
sentéf èn den cantù del paradìis 
dai, scóltìi la cansù ch'óo fàc' par tì.

Se fòrsi t'óo fàc' piansc dal dispiesé 
Te mandi cènt basìi par fàm perdunàa 
e te süghi tüti li lagrimi in facia con d'òtri basìi e carezi 
pò te strengi compàgn dè'na òlta quanca fasevi tròp tardi la noc'.

Chissà mai ca 'n bèl dì sü par aria mi e ti co'l pà 'n pödarà 
'ndà a spàs sü 'ndena niola ròośa e 'nsomiàs 'ndèl ciél piee de steli.

Vöresi vignìt amò sü scòs par scoltà dèli béli stòri e durmìi 
e pò 'nsomiàs dèla fata türchina ca par mi l'era bèla mè ti.

Paròli ca t'óo mai dìc'  te li disi adès 
par fat capì el bée ca t'óo ulüut.

Se pò certi olti te mè sèntet ca,
me tachi a 'n ragio de Luna e vègni sü mì.

Dai, cara mama, sü brontóola 'n póo 
Par dimm ca sóo patìit, 
parchè fumi tròp, 
vörési sentìt ca te óset, 
te borbòtet parché mi stò èn gìr 
e parché foo tròp tardi la sira, 
ma te taset, te diset pù nient.

Chisà mai ca 'n bèl dì sü par aria mì e tì co'l pà 'n pödarà
'ndà a spàs sü 'ndena niula ròośa e 'nsomiàs 'ndèl ciél piee de steli.

Musica di Claudio Merli
https://www.youtube.com/watch?v=6E-295o2Vhs

Cara mamma

Cara mamma ti canto stasera le parole ch eforse non ti ho ami detto;
era un pezzo che volevo inventare una canzone solo per te.

Ho cantato canzone per tutti, tatnte storie di ragazze, di pastori e barboni,
mi mancava la canzone per la mamma "adesso la canto e tu ascolta in paradiso".

Parole che non ti ho mai detto te le dico adesso
e chiama anche il papà, prendilo per mano,
seduti in un angolo del paradiso
dai, ascolta la canzone che ho scritto per te.

Se forse ti ho fatto piangere per il dispiacere
ti mando cento baci per farmi perdonare
e ti asciugo tutte le lacrime in faccia con altri baci e carezze
poi ti stringo come una volta quando facevo troppo tardi la notte.

Chissa mai che un bel giorno su per aria io e te con il papà possiamo 
andare a passeggio su una nuvola rosa e sognare nel cielo pieno di stelle.

Vorrei venire ancora in grembo per ascoltare delle belle storie e addormentarmi
e poi sognarmi della fata turchina che per me era bella come te.

Parole che non ti ho mai detto e ti dico adesso
per farti capire il bene che ti ho voluto.

Se poi a volte non mi senti
mi attacco ad un raggio di luna e vengo su io.

Dai, cara mamma, su brontola un po'
per dirmi che sono patito,
perché fumo troppo,
vorrei sentire che urli,
borbotti perché io sono in giro
e perché faccio troppo tardi la sera,
ma taci, non dici più nulla.

Chissa mai che un bel giorno su per aria io e te con il papà possiamo 
andare a passeggio su una nuvola rosa e sognare nel cielo pieno di stelle.