Chèl mazzöl de vidisciù

di Angelo Giugni -26 marzo 2020


Chèl mazzöl de vidisciú

Che góo fogió i la vigna

Laga miga chè'l se bagna

Ca l'è grama pò pizzàa

 

Pizzàl par fàa braschèer

Se no ca fóo da scena?

Góo de vìch la pansa piena

La diss la mia morósa

 

La dicc la mia morósa

"Tüti li ólti na süada

L'è ca'bòtt la resümada

Par chèl ca te da fàa"

 

Par chèl ca góo da fàa

Chiló èn quarantena

A sa l'è ina balena

L'è mei dach a traa

 

L'è mei de dach a traa

Sa la trua ca i braschèer

L'è propri 'n brüt mestéer

La me maia fó anca mi.

'l ghè nè amò

Quel mazzolino di tralci

che ho nella vigna

fa che non si bagni

altrimenti poi non brucia

 

Accenderlo per fare le caldarroste

altrimenti che faccio di cena ?

Devo avere la pancia piena

Dice la mia fidanzata

 

Dice la mia fidanzata

"Tutte le volte una sudata

non basta l'uovo sbattuto

per quello che devi fare"

 

Per quello che devi fare

qui in quarantena 

anche se è una balena

è meglio ascoltarla

 

È meglio che l'ascolti

se non trova le caldarroste

è proprio un brutto mestiere

 mangia anche me.