Disgrazi de'n bòt


libera interpretazione e traduzione di Vittorio Crapella   22-10-2019

DISGRAZI DE 'N BOT    1821 - Di Carlo Porta, tradotta in Bosàc'

De già ca 'n sè sül descors

de chìi prepoténc' de Francés,

adèss te cünti cos ca 'l mè sucès

ier sira tra li növ e mèzza e li dees.

 

Pròpi 'n chèla ca vegnevi ià,

stüff e stracch coma 'n'asen, dal laóràa,

sivi chilò al Tursciù,

'ndavi bèlbèll come se fà

e zìfolavi da par mi 'na bèla cansù.

 

Quanca sóo gió al Cantù, 'ndua 'l stà

chèl del torc' ca 'l ghà de fö li brénti nöoi,

me senti tüt de'n bòtt a dìi: <Chi va là ?>

 

Vardi denaz, e òo capìit

dal rumóor dei scarpù coli stachéti

ca l'era sens'otro 'na ronda ca la vée,

me fermi ilò sènza möves.

 

Quanca i mè adòss, ca quasi i mè usma 'l fiàat,

'l prüm de tüc', stò asnù pòrch,

al mè sbàat 'n facia la lüm

e 'l mè fà idìi tüt 'ndèn bòtt, sùul, lüna, stèli,

a ris-cio de fàm orp coma 'n fringuèll.

 

S'eri talmèet danàat da chèl modo de fàa

ca sóo ca coma òo fàc' a tignìm;

'n sciör ca l'era ilò a pari dè chèsto brigant,

ca'l sarà stàc' ol pusée gradüàat sens'otro,

dopo vìmm bée 'nlüminàat, 'l me dìss:

- Chi ca te sée ? Che mestéer te fée? e 'ndua? cünta sù.-

 

<Chi ca sóo ?> respondi franch, <'n dua 'ndóo ?

Sóo galantóm e 'ndóo par i facc' mée;

'nquant al mestéer ca fóo,

te guadégnet vargòt a ulìi savìl ?

Fóo ol scióor, vivi de rèndita, e adès!

Ghè giontée forsi vargòt del vòs ?>

 

Al me pàr de vìi parlàat pulìto,

e pür al pareva ca'l gh'eves

'na gran voia de tacàa lìt,

lè pruabèl ca ol dì 'l ghè sies 'ndàc' tüt sbièss;

al me mèt a tóren òt o des di söo,

e al me iè canta dal bùu.

 

Òo cercàat dói o trei òlti de difèndem,

tàat par respondèch vargòt a mi,

ma lüu al torna dapé a 'ntèrogàm.

 

<Nel nòm dè la lege>, al taia córt;

<'n nòm dè la lege besogna parlàa.>

E lì sübèt bota e resposta,

<Chi ca sìi ?> - Sóo 'l Gioanìi -

<La parentèla ?> -Di Chèca -

<Che mester fìi ?> - Réet a pagn frusc' -

<Da chìi ?> - Dal Giusèp Gabìi -

<'Ndua ?> - Sǜ 'ndi Frèer -

<'N dìi a spàss ?> - 'Ndóo a bàita -

<'N cà de chi ?> - A cà mia -

<'Nghée?> - Al Cantù -

<Al Cantù ! En che porta ?>

- 'Ndua ghè püturàat la Madóna -

<Al numèr ?> - Sètcèntott -

 

Adèss sìi sudisfac'; ghè nìi asé ?...

Forsi par la mia ös sücüra

o ca i gheva pü negòt da domandam

i và e i mè pianta ilò coma 'n salàm.

 

Ah, chèsto ca 'l mè capitàat l'è nóma l'inizi,

lè nóma 'n züchirìi 'n reguard al rèst;

ol bèl lè chèl ca cünti sǜ adèss.

 

Gris coma 'n sciàtt córi a cà

quasi vedi ca gnàa la strada;

fóo par urìi 'l portèll de cà

e 'l trui avèrt sbarlatàat ....

 

Stà a idìi, disi sübèt, ca a chiló

ghè 'na gabola amò cuntra de mì

magare sa'l fodeés 'n terno al lott,

ca almanch 'sta olta 'ngivini!

 

Vóo ditè, sò réet a ciapàa sǜ la scala,

dóo a mèet ... e senti sǜ li às de legn

de sura, sǜnsóm, arènt al spazzacà

coma 'n caorèt a soltà.

 

Mi 'ncèrt stóo iló: fermo col pè

süla scala... e me ris-ci ca a andà sǜ,

e ósi: <Chi ca ghè sǜ de sura ?>

 

'Ntàat al respond ca negüu, e chèsto trich trach

al crèss, ansi lè réet a vignìi gió da bàs...

Ghè ciami amò püsée fòrt: <Chi ca l'è ?> ,

ma l'è pegio ca parlàa coi sàs;

'nfìi ósi: <Se pö savìi chi ca l'è 'na buna ölta, sì o no ?>

 

Cristo! quac' penseer 'l mè pasàat par la cràpa

'n chèl àtem ca sevìi réet a ósàa !

Al mè fina ignüu en mèet, ósósmaria,

chèl fóss 'n spirèet de 'nquai mort de cà

cal comparìs ilò 'nscé a fà pènitensa

par chi poch pècac' ca'l ghà sǜ la coscensa.

 

Ol fàto l'è ca ol frecàss al crèss amò,

e senti própi i pàs de 'n géet ca la vée 'n gió;

mi ilura seri fò ol portèll e stóo ilò

ca se al völ 'ndàa de fò,

là de pasàa da chilò, là de pasàa.

 

'N sè al dunque finalmèet,

vedi al ciar de la lantèrna üu dè stràa

a vignim 'n cutra, 'n acidènt

de'n militar francés de chìi danac',

ca al taia córt e 'l mè dìs:

<Seet vù el marì de chèla fèmm che stà lì desura ?>

 

Mi, col müs dür còma ol sò,

respondi: <Uì, gè suì moà; parché ?>

- Parché -, al replica, - voter fèmm, monsù,

lè trè giolì, sant diò, la mè piàas.-

 

<O giolì o nò>, ghè disi, < lè la fèmm

de moà, de mi: coss' 'l ghà de cüntam ?>

-Sè, ca moà ghè völ cucé con ell. -

 

<Cucé ?>, respondi, <che cucé d'Egitt !

Ca'l vaghi a fà cucé 'n dè 'na stàla;

là lè ol lṍöch giüst de cucé s'el ghà besògn !

Ca'l vaghi fò di cojon da chì !

Al ghè ca cucé ca tegn, avè capì ?>

 

Chèl òtro al mè solta denaz, el dìs:

- Coman, a moà cojon ? -...

e 'l olsa 'na màa par damli.

<Oh vei, trua requi coli màa,

varda de miga tucàm, parché

sedenò, sóo bùu a mi de picàa...>

E lüu 'n chèla al me mola 'n sciavatù.

 

E üu, e dùu ! <Fàl ca pü parché te li döo!>

E lüu 'nchèla al me da 'nòtro cazòtt;

sénti ca 'l tènt a spetasciam ol cóo;

e mi sóta col' anema de leù;

e lüu tonfeta !... 'nòtro sc-iafù.

 

Ah sacramento! Con 'n cólp de chèla sort

me sóo sentüut i cavei drizàs sǜ ric',

e se'l fodès ca stàc' par i spirec' dei mée póor morc'

ca i ma ütàat, sarèsi ca chilò a cüntàla,

se ciapi ca 'n póo d'aria, sènsa 'nfall,

stà òlta fóo 'n sprèposet coma 'n màt caval !

 

'l ghè nè amò

DISGRAZIE DI UNA VOLTA

Già che siamo sul discorso

di quei prepotenti Francesi,

adesso ti racconto cosa mi è successo

ieri sera tra le nove e mezza e le dieci.

 

Proprio mentre venivo via,

stufo e stanco come un asino, dal lavoro

ero qui al Torchione,

andavo pian piano come si fa

e fischiavo da solo una bella canzone.

 

Quando sono arrivato a "Cantù" dove sta

quello del torchio che ha fuori le bigonce nuove,

sento tutto ad un tratto dire: <Chi va là?>

 

Guardo davanti, e ho capito

dal rumore degli scarponi con le bullette

che era senz'altro una ronda militare che veniva,

mi fermo lì immobile.

 

Quando mi sono addosso, che quasi mi annusano il fiato,

il primo di tutti, questo porco asino ,

mi sbatte in faccia la lanterna

e mi fa vedere tutto d'un colpo, sole, luna e stelle,

a rischio di accecarmi come un fringuello.

 

Ero talmente dannato da quel modo di fare

che non so come ho fatto a trattenermi;

un signore che era lì alla pari di questo brigante,

che sarà stato certamente il più graduato senz'altro,

dopo avermi ben illuminato, mi disse:

_ Chi sei ? Che mestiere fai ? e dove ? Racconta _

 

<Chi sono ?> rispondo con franchezza, <dove vado ?

Sono un galantuomo e vado per i fatti miei;

in quanto al mestiere che faccio,

guadagni qualcosa a volerlo sapere ?

Faccio il signore, vivo di rendita, e adesso !

Ci rimettete forse qualcosa del vostro ?>

 

Mi sembra di aver parlato educatamente,

eppure pareva che avesse

una gran voglia di litigare,

è probabile che il giorno gli sia andato tutto storto;

mi attornia in otto o dieci dei suoi militari,

e mi da una gran sgridata.

 

Ho cercato due o tre volte di difendermi,

tanto per rispondere qualcosa anch'io,

ma lui torna daccapo a interrogarmi.

 

<In nome della legge>, taglia corto;

<In nome della legge bisogna rispondere.>

E subito inizia botta e risposta,

<Chi sei ?> - Sono Giovannino -

<La parentela ?> - Di Chèca -

<Che mestiere fate ?> - Lavoro dietro a panni usati -

<Da chi ?> - Da Giuseppe Gabìi -

<Dove ?> - In località Frèer -

<Andate a spasso ?> - Vado a casa -

<A casa di chi ?> - A casa mia -

<Dove ?> - In località Cantù -

<Al Cantù ! In quale porta ?>

_ Dove c'è il quadro della Madonna -

<A che numero ?> - Settecento otto -

 

Adesso siete soddisfatti, ne avete abbastanza ?...

Forse per le mie risposte sicure

o perché non avevano più nulla da chiedere

se ne vanno e mi lasciano lì come un salame.

 

Questo che mi è capitato è solo l'inizio,

è solo uno zuccherino rispetto al resto;

il bello è quello che racconto adesso.

 

Grigio come un rospo corro a casa

quasi non vedo nemmeno la strada;

faccio per aprire la porta di casa

e la trovo completamente aperta...

 

Vuoi vedere, penso subito, che anche qui

c'è un altro imbroglio ancora contro di me

magari fosse stato un terno al lotto,

che almeno questa volta indovino!

 

Entro, sto per fare il primo gradino della scala,

mi fermo ascolto... e sento sulle assi di legno

del pavimento di sopra, su in cima, vicino al solaio

come un capretto che saltella.

 

Incerto rimango lì: fermo col piede sul gradino della scala....

non mi arrischio a salire,

e urlo: <Chi c'è su di sopra ?>

 

Intanto non risponde nessuno, e questo trich trach

aumenta, anzi sembra che stia venendo verso il basso...

Chiamo ancora più forte: <Chi è ?> ,

ma è peggio che parlare con i sassi;

infine urlo: <Si può sapere chi è una buona volta, si o no ?>

 

Cristo! quanti pensieri mi sono passati per la testa

in quel attimo che stavo urlando !

Mi è perfino venuto da pensare, Gesu-Maria

che fosse uno spirito di un qualche morto di casa

che compare qui per fare penitenza

per qui pochi peccati che ha sulla coscienza.

 

Il fatto è che il fracasso cresce ulteriormente,

e sento proprio i passi di una persona che scende;

allora chiudo la porta e rimango lì

così se vuole uscire

deve passare da qui, deve passare.

 

Siamo al dunque finalmente,

vedo al chiaro della lanterna uno di strano

a venirmi incontro, un accidente

di un militare francese di quelli dannati,

che taglia corto e mi dice:

<Siete voi il marito di quella donna che sta lì di sopra?>

 

Io, col muso duro come il suo,

rispondo: <Si, sono io; perché ?>

_ Perché -, replica, - La vostra donna, signore,

è molto bella, santo Dio, mi piace. -

 

<Bella o no>, gli dico, < è la signora

mia, di me: cosa vuoi raccontarmi ?>

_ È che io voglio dormire con lei. -

 

<Dormire ?>, rispondo, <che dormire d'Egitto !

Che vada a dormire in una stalla;

là è il luogo giusto se ha bisogno !

Che vada fuori dai coglioni da qui !

Non c'è dormire che tenga hai capito ?>

 

Quell'altro mi balza davanti, e disse:

- Come, a me coglioni ? - .....

e alza una mano per suonarmele.

<Oh vei, stai fermo con le mani,

guarda di non toccarmi, perché

altrimenti, sono capace anch'io di picchiare...>

E lui nel frattempo mi molla un man rovescio.

 

E uno, e due ! <Non farlo più perché te le suono !>

Lui in quel istante mi da un altro cazzotto;

sento che è intento a spaccarmi la testa;

e sotto che le prendo con l'animo di un leone;

e lui "tonfeta !"... un altro schiaffone.

 

Ah sacramento! Con un colpo di quella sorte

mi sono sentito i capelli rizzarsi su dritti,

e se non fosse stato per gli spiriti dei miei poveri morti

che mi hanno aiutato, non sarei qui a raccontarla,

se non prendo una boccata d'aria, senz'altro,

questa volta faccio uno sproposito come un cavallo matto.

Carlo Porta 1817