Ghè ca pü negüu

di Vittorio Crapella - 18-09-2020


Ghè ca pü negüu

 

Ià tàcàat sü ol capèl al cióot

e 'l campàc' defò dala stàla,

üu a la ölta ià smorsàat 'l föoch

i vèc' cüstödi dei nòs löoch.

 

Dala pasiù di lóor pà ià 'mparàat,

de chìi òm coli pezzi ai genöc' süli bràghi de velü,

e dal capèl stramüsciàat,

dali scarpi gròsi coli stachéti, al ghè nè ca pü.

 

Iè finìic' chi da li rüghi, da li crèpi süli màa

e ol müus dal sùul scarmuntìit

ca col’sò scàgn e 'l sadèl en màa,

i 'ndava a muisc' li vachi 'ndèl pràat fiurìit.

 

Chi custödi che lasü i’è cresüuc',

chè la tèra ià mai bandunàat,

quata acqua ià idüut pasàa sòta i pùuc',

a caminàa dal nàs dol sùul al tramónt,

sü 'ndi sentéer de chèl mónt...

 

Géet ca düur ià tügnüut,

ià mai molàat fìn ca ià püdüut,

chèl dì ca iè partìit

'na cröos ‘nfilsada 'ndèl cör ià sintìit.

 

Ghè sarà pü i àngei cüstodi

sü 'ndè chìi pràac' e bösch,

‘n chili stàli, 'n chili bàiti

ca'l par òrmai tüt fösch.

 

I fiöi vignüut grànc',

lasü i và óntera despèss,

ma i ghà curüut réet al progrès,

iscé ià fàc' la cà in pianüra,

parché a vìif sü 'n chìi mùuc',

l'era ignüda sèmpre püsé düra.

 

'l ghè nè amò

 

Non c'è più nessuno

 

Hanno appeso il cappello al chiodo

e la grande gerla fuori dalla stalla,

uno alla volta hanno spento il fuoco

i vecchi custodi delle nostre terre.

 

Dalla passione dei loro padri hanno imparato,

di quegli uomini con le pezze alle ginocchia sui pantaloni di velluto,

e dal cappello spiegazzato,

dalle scarpe grosse con le bullette, non ce ne sono più.

 

Sono finiti quelli delle rughe, dalle crepe sulle mani

e il muso dal sole scottato e raggrinzito

che con il suo sgabello e il secchio in mano,

andavano a mungere le mucche nel prato fiorito.

 

Quei custodi che lassù sono cresciuti,

quella terra non hanno mai abbandonato,

quanta acqua hanno visto scorrere sotto i ponti,

a camminare dal nascere del sole al tramonto,

sui sentieri di quel mondo...

 

Gente che duro hanno tenuto,

non hanno mai mollato fino a che hanno potuto,

quel giorno che sono partiti

una croce infilzata nel cuore hanno sentito.

 

Non ci saranno più angeli custodi

su in quei prati e nel bosco,

in quelle stalle, in quelle baite

che pare ormai tutto fosco.

 

I figli diventati grandi,

lassù vanno volentieri frequentemente,

ma hanno inseguito il progresso,

così hanno costruito la casa in pianura,

perché a vivere su in quei monti,

era diventata sempre più dura.

Sintesi vocale in italiano