'L progrès

Vittorio Crapella 22-09-2022


'L progrès

Qunaca la gèet la pareva meno 'nteligèta de adès 
par pizza ol föch la ghéva ca de domandàa ol permès;

èn cà a vardàa la televisiù te ca de süàa
ol riscaldament a gàas tè de sbasàa;

par sparmìi già i nòs véc'
iera bùu dè sbróà gió a frec'; 

chi ca'i ne sa 'na pagena püsé dè tüc', 
a piàa piàa i öl i töo früc';

par dat 'na màa,
ai te comanda da lontàa;

'ncödì lè tüt püsé 'nteligènt,
a ol cüntadóor dèla corènt;

quanca, a sensa ol tò permès, i völarà,
noma la lüus tè pödarée pizà;

iscé sa te ghée la machèna da cargàa,
par pùdìi 'ndà 'ngìr tarée da speciàa;

tüt chèsto i lè ciama progrès
ma 'l par 'n grant regrès;

beśògna tornàa àla vàca 
par tignìi andàa la baràca.

'l ghè nè amò

Il progresso

Quando la gente pareva meno intelligente di adesso,
per accendere il fuoco non aveva bisogno di chiedere il permesso;

in casa a guardare la televisione non devi sudare,
il riscaldamento a gas devi abbassare;

per risparmiare già i nostri vecchi,
erano capaci di sbollentare a freddo;

chi ne sa una pagina più di tutti,
pian piano vuole i tuoi frutti;

per darti una mano,
ti comandano da lontano;

oggigiorno è tutto più intelligente,
anche il contatore della corrente;

quando, anche senza il tuo permesso, vorranno,
solo la luce potrai accendere;

così se hai l'auto da ricaricare,
per andare in giro, dovrai aspettare;

tutto questo lo chiamano progresso,
ma pare un gran regresso;

bisogna tornare alla vacca,
per mandare avanti la baracca.