La córt

di Paolo Piani - 13-11-2019


LA CÓRT

Me regórdi, iè ca pasàc’ tàac’ agn,

embòt an ghera la córt al pòst del bagn,

e miga con li paréet de piastreli decoradi

ma nòma quai tàoli a la men pegio ‘nciodadi;

 

sa te sévet furtunàat, quatro paréet la ghéva,

con en pù, ‘na purtina de legn ca la fava leva

sǜ dü tochéi de coràm fisàac' a ‘n pàal de castàa,

ca con ótri trìi i-la tegneva en pée sènsa croàa,

 

e sa te végnevet fó da ‘na famiglia èntevedüda,

magari n‘ òtra às a fàa da tec’ i l’ariss metüda

(ma quai olti, pütròp, la ghera gnàa chèla,

e sà ‘l piöeva, te duévet tó-réet l’ombrèla);

 

sà ‘nvéci i töi iera en pö agri en del rangiàss,

nòma de trei parèet te dùevet contentàss,

e iscé, sa la te scapava, te dóvevet speciàa

ca ‘ndi lööch atóren ghe fóss nügüu a laoràa

 

par miga fàs vidìi con li braghi gió a tólombola,

… ma l’era pusé malfàa che véisc’ a tómbola!

Però, sicome par tüc’ l’era iscé ca l’andava,

sa ‘l sucedeva, la crapa da l’òtra i girava !

 

(Ghée da savìi ca ‘sti córt se li fava-sù, despès,

propi apröof apröof a li cà, en del regréss:

ieva da vèss comodi, a portada de màa,

parchè sà ghé ‘l beśógn, se pö ca ‘ndügiàa,

 

e segónt mì, ol pràat defó de cà, g’arìsi gnàa da dil,

l’è própi par ‘sto mutìif cà a-i l’ha ciamàat curtil !)

Ma l’è gnàa mó finìit ‘stò progèet universàal,

portée n’àtem de paziensa e ve cünti ol finàal:

 

Nòtra às, pugiada a travèrs bén bée,

tüso ‘na türca par pugiach sǜ i pée,

la completava l’aredamènt de ‘stò pustüsc’,

sura a ‘n gran bóc’, cuerciàat de patüsc’!

 

Dè sücüur de duévet ca vìi sógn

en del mòment del tò besógn:

ghéra miga da sentàs con li paróli crosadi,

li Sitimani Enigmistichi a-i ieva càach 'nventadi,

 

e purtròp ghera gnàa niént da tacàs,

e sa ‘l te capitava, par la prèsa, da scapüsciàs,

te duevét nóma speràa en de quai Sant,

par miga piombàa gió ‘ndèl böc’… con tüto quant!

 

  • - * - * -

A pensàch adès, al par róbi de l’òtro mónt,

ma ilùra as ghè fava gnàa càas fina’n fónt;

la còrt par i sö biśógn e ‘l bagnìi par lavàs,

e guai al mónt sa t’évet da lamentàas!

 

Però che bèla ròba ca l’è ‘l progress!

‘Na òlta sa te ghévet da ‘ndàa al cèss,

te scapàvet defó par miga spant l’odóor,

adès, te córet en cà par salvàa l’onóor! -

IL GABINETTO

Mi ricordo, non son passati tanti anni,

una volta avevamo “la córt” invece del bagno,

e non con le pareti di piastrelle decorate

ma solamente alcune assi alla men peggio inchiodate;

 

se eri fortunato, quattro pareti aveva,

ed inoltre, una porticina di legno che faceva leva

su due pezzi di cuoio fissati ad un palo di castagno,

che con altri tre teneva tutto in piedi senza crollare,

 

e se proprio provenivi da una famiglia illuminata,

magari un'altra asse a far da tetto l’avrebbero posata

(ma qualche volta, purtroppo, non c’era neanche quella,

e se pioveva, dovevi portarti seco l’ombrello);

 

se invece i tuoi erano un po’ agri nell’arrangiarsi,

di sole tre pareti, ti dovevi accontentare,

e così, se ti scappava, dovevi aspettare

che nei dintorni non ci fosse nessuno a lavorare,

 

per non farsi vedere con i pantaloni calati,

… ma era più improbabile che vincere alla tombola!

Però, siccome per tutti era così che andava,

se succedeva, la testa dall’altra parte si girava!

 

(Dovete sapere che queste “córt” venivano costruite

vicinissime alle case, nelle aree di pertinenza:

dovevano essere comode, a portata di mano,

perché se c’è il bisogno, non si può indugiare,

 

e secondo me, il prato fuori casa, non dovrei dirlo,

è proprio per questo motivo che l’han chiamato cortile!).

Ma non è ancora finito questo progetto universale,

portate un attimo di pazienza e vi racconto il finale:

 

Un’altra asse, appoggiata ben bene di traverso,

tipo un bagno alla turca, per poggiarvi i piedi,

completava l’arredamento di questo postaccio,

sopra ad un gran buco coperto di fogliame!

 

Di sicuro non dovevi aver sonno

nel momento del tuo bisogno:

non potevi sederti con le parole crociate,

le Settimane Enigmistiche non le avevano ancora inventate,

 

e purtroppo non c’era niente per attaccarsi,

e se capitava, per la fretta, di inciamparsi,

bisognava solo sperare in qualche Santo,

per non caderci dentro … con tutto quanto!

  • * - * -

A pensarci adesso, sembrano cose dell’altro mondo,

ma allora non ci si faceva neanche caso fino in fondo;

la “còrt” per i propri bisogni e la tinozza per lavarsi,

e guai al mondo se qualcuno osava lamentarsi!

 

Però che bella cosa è il progresso!

Una volta se dovevi andare al cesso,

te ne scappavi all’aperto per non spandere l’odore,

adesso, invece, corri dentro casa per salvare l’onore!

 

 'l ghè nè amò