La creaziù

di Paolo Piani - Albosaggia, 24.2.2010


La Creaziù

 

Ol nòs Signór l’è propi ‘na crapa ingignìola;

de óm e de besti prüma d’empignii la Tèra,

al se sentàat giò, a pensàa, sura ‘na nìola:

coma pos fàa ‘n modo cà a-i se faghès cà la guèra?

 

Al ga pensàat trenta dì e po’ a mo dés: 1) riferimenti Biblici: 40 giorni

“sa mi ciapi n’elefante, na vaca e ‘n gat

e ghe dóo forsa e inteligensa en base al pés

cà l’elefante al véisc ai l’è capis aa‘n mat!

 

Bisogna cà trui n’idea divèrsa,

gh’enventi na gabola che faghès balansa,

se nò la quistiù da popolàa ‘l mont l’è bèle pèrsa:

sempre ol püsé fort al metarà ol debol giò ‘n dè la pansa!”

 

Dopo tant rimuginàa, varda che fürbizia:

chi granc’ e gros a-i föo en pöo margnach

a chi piscèn, ghe döo n’èto de malizia!

E po, entàat cà l’era gna mo’ strach,

 

al na pensada n’otra a mo’ püsé fina:

tant la bèstia l’è grosa, tant la föo pigra,

se enveci l’è piscèna e minghirlina,

ghe méti l’agitaziù de ‘na furmiga nigra!

 

En pù: bunasc’ föo chi granc’ e gròos,

mentre tüc’ i ötri, piscèn e catiif:

se al piscèn ol grant al ghe sta sul gòos,

par miga ciapali, la sua rabbia al se la biif!

 

Se ‘nveci al sarà ol gross a sübii n’intort

prüma cà al ghe monti la rabbia, te ghée oia:

al sarà già scapàat da sücüra mort,

chèl birbantèl cà ‘l ghe dava noia !

Albosaggia, 24.2.2010 Paolo Piani

(Dedicata a Luisa, abbarbicata sull’armadio …)

La Creazione

 

Il nostro signore è proprio una testa  ingegnosa;

prima di riempire la terra di uomini e bestie,

si è seduto, a pensarse, sopra una nuvola :

come posso fare  in modo che non si facciano la guerra ?

 

Ha pensato per trenta giorni e poi ancora dieci:

"se prendo un elefante,  una mucca e un gatto

e gli do forza e intelligenza in base al peso

che l'elefante vince lo capisce anche un matto !

 

Bisogna che trovi un'idea diversa,

invento un trucco equilibrato,

altrimenti di popolare il mondo è belle e persa,

sempre il più forte metterà il debole in pancia !"

 

Dopo tanto pensare, guarda che furbizia:

quelli grandi e grossi li faccio un po' tonti

e a quelli piccoli gli do un etto di malizia !

E poi, intanto che non era ancora stanco,

 

ne ha pensata un'altra più fine:

tato più la bestia è grossa la faccio pigra,

se invece è piccola e mingherlina,

la faccio agile come una formica nera !

 

E in più: bonaccioni faccio quelli grandi e grossi,

mentre tutti gli altri, piccoli e cattivi:

se il piccolo non sopporta il grosso,

per non prenderle, si tiene la sua rabbia !

 

Se invece sarà il grosso a subire un torto

prima che si arrabbi, ai voglia:

sarà già scappato da sicura morte,

quel birbantello che gli dava noia !

 

 'l ghè nè amò