La frecia dela machena

di Paolo Piani


LA FRECIA (DE LA MÀCHENA)

Ghè ‘n penséer ca ‘ l me tó ol sógn;

da sfogas con ótri senti ‘l beśógn:

come mai li màcheni ca a-i vènt adès,

(grandi u piscéni, l’è par tüti istès),

 

con tüc’ i euri ca ‘l ghè ól a crumpali,

da mètech li freci, gnàa par li bali?

Ca ‘l siès Biemvü, Mèrcedes u Balila,

ca ‘l ghe vàghes li freci … una sǜ mila!

 

U i padrù de la fabrica iè ignüt avàar ,

u l’è ‘na quai fiśèma de n’archistàar:

“le frecce sono vetuste, stantie, demodé”

(… spó ca toghen fó, sa ‘l ghe ne ca itè!).

 

Se nò, me spiegarisi gnè ‘l mutìif gnè la reśù

ca a mett fò la frecia l’è iscè na quistiù;

sopratütt chèla a màa ricia, a funsiunàa

l’è pusè rara che vidìi ‘na cométa pasàa!

 

Par miga parlàa di Rondò, ‘sti gran barach:

te vedet ‘na frecia che fa tich tach

ogni mort de Vescof confesór

… e magari a-i la mèsa fó par erór!

 

Forse la géet la crit ca guidàa ‘n biroc’, * trabiccolo

l’è coma andàa a cascia de paseroc’: * passerotti

prüma de met-fò la frecia, sta atènt,

te da vich ol porto d’armi, miga la patent!

 

Ma forsi sö stac’ catìif ‘ndèl criticàa:

l’è miga semplice la levèta aziunàa ,

èe ‘ntàat giràa ‘l vulant, n’sms spidìi,

e ol nàas coi dìic’, come ‘n camì ripulìi!

 

Sigh sigh sigh (al me vée da piaisc’)

di Paolo Piani - gennaio 2019

LA FRECCIA (DELL’AUTO)

Un pensiero mi assilla, non posso addormentarmi;

sento il bisogno con voi di sfogarmi:

come mai le auto in commercio adesso ,

(grandi o piccole, per tutte il problema è lo stesso),

 

con tutti gli euro che bisogna sborsare,

di metterle le frecce, neanche a pensare?

Siano BMV, Mercedes o Balilla,

che si vedano le frecce funzionare …una su milla! * licenza poetica

 

O i padroni della fabbrica son diventati avari neri,

oppure è un’idea stramba di qualche “Boeri”:

“le frecce sono stantie, demodé, vetuste”

(… non si può cavare vino dalle rape anguste!).

 

Altrimenti, non mi spiegherei la ragione

che azionare la freccia sia una tale questione;

soprattutto quella di destra, vederla funzionare

è più raro che scorgere una cometa in ciel passare!

 

Per non parlare dei Rondò, strane faccende:

si vede una freccia che il tic tac accende

ogni morto di Vescovo confessore

… e magari l’hanno messa per errore!

 

Forse la gente crede che guidare una vettura

sia come andare a caccia in mezzo alla natura:

prima di azionare la freccia, state attenti,

occorre il porto d’armi, mica le patenti!

 

Ma forse sono stato ingiusto nel criticare:

non è così semplice la levetta azionare,

e intanto girare il volante e l’sms spedire,

e il naso con le dita, come un camino, ripuilire!

 

Sigh sigh sigh ( pianto disperato)

 

 'l ghè nè amò