La montàgna

di Vittorio Crapella - 01-12-2019


La montàgna

Al pàr ca'l tàs la montàgna

ma ogni tàat la caràgna,

e nùu, del cambiamèet, 

'n völ dàch la cólpa al tèep.

 

Ma chi fiüm gròs 

iè i söo lagrimù, 

ca tròp spès i và adòs

a li cà gió 'nfont al tiradù.

 

Orami da parlee l'è restàda

e 'npóo tüta l'è franàda,

pǜ negüu ai fa 'n pàs

par fàa sǜ 'n müur de sàs.

 

Ià lagac' i véc' pastóor 

murìi da parlóor,

e li föi ai rèma ca pǜ, 

iscè de acqua li se 'mpiòmba sǜ.

 

Al se fà 'na diga 

ca la se ròmp sènsa fadiga,

tüt 'nsèma co'la tèra al partìs

e gió al piàa adòs a vargòt 'l finìs.

 

A i tòrènc' iè piée,

al crès sǜ de tüt a cuminciaa dai pée,

e nóma dòpo 'n quai lǜt

se provét a nètàa sǜ tüt.

 

Li vàchi la pastüra ià dè maiàa,

amò lasǜ ma de tornàa;

se me cüràa la montàgna,

'mpóo tüc' a'n ghè guadàgna.

 

PAROLE CHIAVE PER LA TUA FRASE;  DIALETTO: lasü, cüràa - ITALIANO: lassu, curare

 

 La montagna

Sembra che tace 

ma ogni tanto piange,

e noi, del cambiamento,

vogliamo dargli la colpa al tempo.

 

Ma quei fiumi grossi

sono i suoi lacrimoni,

che troppo spesso vanno addosso

alle case giù in fondo agli avvallamenti.

 

Ormai da sola è rimasta

e un po' tutta è franata,

più nessuno fa un passo

per costruire un muro di sasso.

 

Hanno lasciato i vecchi pastori

morire da soli,

e il fogliame non viene più raccolto,

così di acqua si inzuppano.

 

Si crea una diga

che si rompe senza fatica,

tutto insieme con la terra parte 

e giù al piano addosso a qualcosa finisce.

 

Anche i torrenti sono pieni,

cresce di tutto a partire dai piedi,

e solo dopo qualche lutto

si provvede a ripulire tutto.

 

Le mucche la pastura devono brucare,

ancora lassù dobbiamo tornare;

se curiamo la montagna 

un po' tutti ci guadagniamo.

 'l ghè nè amò