La móntanèla


di Vittorio Crapella - 25-11-2019

LA MÓNTANÈLA

Quànca ol sùul lè fiàch còma 'na fiamèla,   

al va 'ndèla tàna a drumii a la móntanèla,

e debòt, da la nìif, ol böc' dela sua tàna,

al vee cuerciàat còma sa'l fódés làna.

 

La rèsta tüt l'anvèren ditè a durmìi,

e la pö nóma 'nsomiàs 

de maiàa èrba bùna e tàac' fiurilìi,

ca'i crèseva ilò tacàac' ai sàs.

 

Ntàat al se cunsüma ol sò gràs,

ma 'mbèl póo al düra,

parché lee la pó ca agitàs,

sa defò al crès ca dapé la pastüra.

 

Oramài lè scià la prümavéra, 

 'l sùul còlt al delegua la nìif,

e ol gèlt al pàsa ca'l pàr gnàa véra,

iscè a lee dapé la tórna a vìif.

 

Lè ormai ura de mèt defò 'l müus,

a piàa la tórna a möof i prüm pàs,

la rùa sǜ l'üs de cà e la vìt 'na grànt lüus,

lè 'l sùul ca lè réet dapé a pizàs.

 

La ghà ca 'mèet gnamò da fischiàa,

ma la ol truàa vargòt da maiàa,

e subét, 'ndèla scèspeda pòoch ilà,

coi sóo déec, l'èrba tèndra la strèpa scià.

 

Lè cresüut li lavazzi e marüut a'l parǜ,

debòt 'l ruarà 'l pastór co'li vàchi

e la móntanèla la se 'ndrizarà sü

a ziföla par fàa ca tüti li scàpi.

 

A'l pastóor al sènt li móntanéli a fischiàa,

iè varda, iè spìa, ma pó iè laga stàa,

al ghà d'òtro da fàa,

al ghà li vachi da cüràa.

 

Ol tèep de mèt a pòst la cà, de 'ngrasàs,

e fàa la gnàda par 'ngrandìi la caśàda,

ca lè già ura 'notra òlta de 'ndàa a piacàs,

a mò 'nbòt tüt 'l se ripét e al cèsa ogni fracàs.

 

 'l ghè nè amò       

 LA MARMOTTA

Quando il sole è fiacco come una fiammella, 

va nella tana a dormire (letargo) anche la marmotta, 

e presto, dalla neve, il buco della sua tana, 

viene coperto come se fosse lana. 

 

Rimane dentro tutto l'inverno a dormire, 

e può soltanto sognarsi 

di mangiare erba buona e tanti fiorellini, 

che crescevano lì vicino ai sassi.

 

Intanto si consuma il suo grasso,

ma dura un bel po' 

perché lei non può agitarsi 

se all'esterno non cresce ancora il pascolo.

 

Ormai è arrivata la primavera, 

il sole caldo scioglie la neve, 

e il gelo cessa che non sembra nemmeno vero, 

così anche lei può tornare a vivere.

 

È ormai ora di mettere fuori il muso,

pian piano torna a muovere i primi passi,

arriva sull'uscio di casa (tana) e vede una gran luce,

è il sole che si sta riaccendendo di nuovo.

 

Non ha ancora in mente di fischiare,

ma vuol trovare qualcosa da mangiare,

e subito, in un cespo poco in là,

con i suoi denti, strappa l'erba tenera. 

 

È cresciuto il romice e maturo pure è lo spinacio selvatico,

presto arriverà il pastore con le mucche

e la marmotta si drizzerà in piedi

a fischiare per segnalare un pericolo a tutte le altre. 

 

Anche il pastore sente le marmotte fischiare,

le guarda, le spia, ma poi le lascia stare,

ha altro da fare, 

ha le mucche a cui badare.

 

Il tempo di sistemare la tana, di ingrassare,

e fare il nido per ingrandire la famiglia,

che è già ora un'altra volta di andare in letargo,

ancora una volta tutto si ripete e cessa ogni rumore.

   link esterno su Facebook