La pastiglia miracolòsa

di Paolo Piani


 

LA PASTIGLIA DE L’INTELIGENSA

Tӧss, fregióor, catàr e ótri fastedi: 

cuntra ognantùu sa truàat rimedi! 

Ma la sciensa l’ha pèrs ogni spèransa, 

da scuprii ‘na cüra cuntra l’ignoransa!                                 1) 

 

L’ignoransa l’è ‘na bestia propri cativa, 

cà ogni otra malizia en see la cultiva;                                  2) 

d’envedia, cativeria, odio e violènsa, 

la persona ignoranta l’è mai sènsa! 

 

Capisée tüc’ l’urgènsa de ‘na suluziù, 

cà, se po’ dii, la interesa ogni Naziù; 

ma pürtrop la natura stèsa del difèt, 

a-i le mèt al ripàar da ogni precèt!                                        3) 

 

Par mei spiegàa chèl ca ‘ntendi dii, 

vöi fàa n’esempi cà tüc’ a-i po’ capii: 

se n’óm en di ‘na gamba al se fa màal, 

ol sò scervèl al ricéf en gran segnàal, 

 

ma sa ‘l scervèl l’è öit come ol mè bursii,                     4) 

gné ‘l fidech, gné la corada a-i l’è pö sustitüii!            5) 

L’è come en gàt ca öl maias la cua … 

al se gira, al se gira e mai a-i le trua! 

 

Par gionta, tanto pü en tal l’è rebambiit, 

tanto meno da sta idea al vee culpiit, 

parché ol stüpet al viif sempre contèet… 

… da vich en difèt al ghe vée gnàa en mèet! 

 

E ilura, al ghe ölaris propi ‘na grand scopèrta, 

ma propi granda … da lagàa a buca vèrta: 

la “PASTIGLIA DE L’INTELIGENSA”: … che envinziù!… 

… ensema a l’obligh da tola gió a colaziù !!!                    6) 

 

di Paolo Piani - 24 maggio 2013

NOTE:

1) L’ignoransa, in dialetto non deve intendersi come una “non conoscenza”, bensì come una grave forma di stupidità.

2) En see: in seno.

3) Precet: regola, norma.

4) Oit come ol me bursii: vuoto come il mio portafoglio.

5) Corada: polmoni.

6) Insieme alla invenzione della pastiglia, è necessaria la norma che ne renda obbligatoria l’assunzione ogni mattina … altrimenti ogni sforzo è vano!

 

LA PASTIGLIA DELL’INTELIGENZA

Tosse, raffreddore, catarro e ogni altro tedio:

contro ognuno si è trovato uno specifico rimedio!

Ma la scienza ha ormai perso ogni speranza,

di scoprire una cura contro la stupida ignoranza!

 

L’ignoranza è una bestia proprio cattiva;

che ogni altra malizia in seno coltiva;

di invidia, cattiveria, odio e violenza,

la persona ignorante mai è senza!

 

Tutti voi capite quanto sia urgente una soluzione,

che, si può affermare, interessi ogni Nazione;

ma purtroppo, la natura stessa del difetto,

fa sì che sfugga ad ogni regola e precetto!

 

Per spiegare meglio ciò che intendo dire,

voglio fare un esempio affinché ognuno possa capire:

se un uomo in una gamba si fa male,

il suo cervello riceve un forte segnale,

 

ma se il cervello è piccolo come due ceci,

quale altro organo ne può far le veci?

Sembra di vedere un gatto la sua coda inseguire….

gira, gira, gira senza poterla ghermire!

 

Per sovrappiù, tanto più si è rimbambiti,

tanto meno da questo concetto si è colpiti,

ed inoltre, siccome lo stupido vive giocondo …

… di avere un difetto, non ci pensa un secondo!

 

E allora, ci vorrebbe una grande scoperta,

ma proprio grande … da lasciare a bocca aperta:

la “PASTIGLIA DE L’INTELIGENSA”: … che invenzione!…

… unitamente all’obbligo di ingerirla a colazione !!!

 

 'l ghè nè amò