Lè stàc' 'n'àn trìst

di Vittorio Crapella 22-12-2021


Lè stàc' 'n'àn trìst

sevi réet a segàa,
al sè mès a piöof, 
al piantava ca pü ilò
e mi a speciàa;

'n dì, duu, trìi,
ma de sùul 
'n vedevi ca ignìi;

ó ca mólat la fòlsc',
l'óo tügnüda 'n màa,
a gh'n'evi amò da segàa;

ol sógn 'l ma ciapàat,
iscé me sóo ndormentàat;

bindina dendomàa 
a 'l sùul le ruàat, 
ma me sóo ca pü svegliàat,

cola fòlsc' amò 'n màa
ilò réet i ma truàat.

 

È stato un anno triste

stavo falciando
si è messo a piovere,
non smetteva più
ed io ad aspettare;

un giorno, due, tré
ma di sole 
non ne vedevo arrivare;

non ho mollato la falce,
l'ho tenuta in mano,
avevo ancora da falciare;

il sonno mi ha preso,
così mi sono addormentato;

finalmente di mattino
il sole è arrivato,
ma non mi sono più svegliato,

con la falce ancora in mano
li intorno mi hanno trovato.