Li falìvi

Le faville


di Vittorio Crapella 15-12-2019

Li falìvi

Iè sentàac' gió i rèdes 'ntóren al fuglàa

co'li fàci béli rósi iló a vardàa,

li falìvi ca li sparìs sǜ par ol camì,

prüma de durmìi par speciàa notro dì.

 

Bunanoc' falìvi lüsenti e béli

ca 'ndìi sǜ a truàa li stéli,

a li scaréli al pàr ca li vè ciàma

'ntàat ca li brüsa col rumóor dèla fiàma.

 

Adès i rèdes iè 'ndàc' a léc',

la fiàma la sè smorsàda,

però 'n pìt de bràśa lè amò restàda

ma lè réet a vignìi fréc'.

 

La nòna, sentàda sǜ 'ndèl sò sgabèl,

lè amò ilò a fàa sǜ ol gamüsèl,

cóma la fàva 'n bòt prüma de spósàs

ma a lée cóma 'na fiàma la pàr réet a smorsàs.

 

Ai se sèra dal sógn i sóo öoc;

ilura la leva sǜ ma la sènt màal ai giönṍc’

e al ghè vée en méet tüti li fadìghi

a portàa chi gérli piée de gràsa sǜ 'nsóm a li rivi.

 

Órmai la sà, ca debòt cóme li falìvi béli

la varà en ciel 'nsèma a li sói sóreli;

la nòc' la sè fàcia scüra e fónda,

la và a lèc' e 'nd'èn sógn lónch la sprofónda.

 

Le faville

I bambini sono seduti attorno al focolare

con le facce belle rosse a guardare,

le faville che spariscono su per il camino,

prima di andare a dormire per aspettare un altro dì.

 

Buonanotte faville lucenti e belle

che salite in alto a trovare le stelle,

anche i ceppi di legna sembra che vi chiamano

intanto che bruciano con il rumore della fiamma.

 

Adesso i bambini sono andati a nanna,

la fiamma si è spenta,

però un poco di brace è ancora rimasta

ma sta diventando freddo.

 

La nonna, seduta sullo sgabello,

è ancora lì a fare il suo gomitolo,

come faceva una volta prima di sposarsi

ma anche lei è come una fiamma che pare spegnersi.

 

Si chiudono dal sonno i suoi occhi;

allora si alza ma sente male alle ginocchia

e gli viene in mente tutte le fatiche

a portare quelle gerla di letame su in cima ai prati.

 

Ormai sa che presto come le faville belle

andrà in cielo assieme alle suo sorelle;

la notte si è fatta scura e fonda,

va nel letto e in un sonno lungo sprofonda.

 

 'l ghè nè amò