Li scarpi

di Paolo Piani 16-03-2021


SCARPI

Quant ca s’eri èn rèdès, sevi ‘na sbréga:

la mia mama ià dal Meago la me portava,

ca sünsóm a li pianti al gheva botéga,

e ‘n pèer de scarpi la me crumpava:

 

“Me racomandi, tégneli a màa,

parché par la mia pinsiù, iè grévi”

ma mi àla bòcia n’evi òia da giügàa

e de scarpi, nòma chèl pèer mi ghevi!

 

Ma a ‘sti póreti, dopo la céntesema pesciàda,

la sóla denàaz la ghè se stacava:

la fava la bèsciola, tüta scolàda,

ca ‘l sarìs ca gió a tolòmbola la ‘ndava,

 

e caminàa al diventava èn trebüléri

parchè ogni dü pass te se scapüsciàvet,

a ris-cio de dagió e fàss dagn séri,

e anca la figüra dèl salàm te risciàvet.

 

Òl Meago, ca l’era àa scarpulìi,

'na quai òlta a giüstàli al ghè la fava,

ma nòma chìli mi ghevi par i mée piscìi:

dopo póoch dì, la sóla amó la se scòlava!

 

Adès ca sóo véc’ de scarpi ghe nóo tàati:

par quant ca l’è bèl tèep e par quant ca ‘l pìöof,

de chìli dai tǜc’ i dì e de chìli da la fèsta,

 

béli lüstri ‘nde la sua scàtola, pundàadi,

ògni pèer quasi mai usàat, quasi nöof

ma rimpiangi li mei da ‘n bòt, con fàcia mèsta,

 

… e la mia mama ca la me baiava,

ma ‘ntàat còi öc’ la me maiava!

PAROLE CHIAVE PER LA TUA FRASE;   DIALETTO: bòcia, scarpi - ITALIANO: pallone, scarpe

 

'l ghè nè amò

SCARPE

Quando ero bambino, ero una piccola sbrega:

la mia mamma a Sondrio dal Meago mi portava,

che in cima a Piazzale Bertacchi teneva bottega,

ed un paio di scarpe nuove mi comperava:

 

“Mi raccomando, abbine gran cura,

perché sono pesanti per la mia pensione”

ma per me era cosa molto dura

rinunciare a giocare a palla, la mia passione!

 

Ma a queste poverette, dopo la centesima pedata,

la suola sul davanti le si staccava:

diventava come un labbro pecorino, scollata,

cioè tutta a penzoloni se ne andava,

 

e camminare diventava impresa dura

perché ogni due passi ti inciampavi,

a rischio di cadere e farsi male (che paura),

e anche di fare la figura del salame, rischiavi.

 

Il Meago, che era anche calzolaio,

qualche volta ad aggiustarle riusciva,

ma per i miei piedi avevo solo quel paio:

dopo pochi giorni, la suola ancora si scuciva!

 

Adesso che sono vecchio, di scarpe ne ho tante:

per quando fa bel tempo e per quando piove,

di quelle per i giorni feriali e di quelle per i dì di festa,

 

belle lustre, di aspetto carino e intrigante,

tutte quasi mai usate, quasi nuove,

ma rimpiango le mie di una volta, con faccia mesta,

 

… e la mia mamma che mi sgridava,

ma intanto con gli occhi mi mangiava!