L'infiniit

di Anna Gherardi 12-06-2019


L’infiniit

Al m’è sèmpre stacc’ car sto dosèl empée

E chèsta sciesa, ca la piaca ià

Pròpi belebée de chel che sta giò ‘nfónt.

Ma ilò sentàat a miràa, da la ià da chèla,

Spàzi che pó ca finii, e silénsi

Ca i’è ca de sto mónt, e ‘na pàas fonda

Al me pàr da sintii; ca quasi quasi

Ol cör al se strimìss. E còma ‘l vèet

Ca senti scürlii li fraschi, mi chèl

Spazi ‘nfiniit a chèsta öös

Méti a spari: e ‘l me vée ‘n mèet l’etèrno,

E lì stagiù pasàdi, e chèla de adèss

E l’è viva e la sua müsica. Iscé ‘nde chèsta

Imènsità ol me pénséer al néega:

E iscé, al me vée duls pèerdès en de stò màar.

by Anna Gherardi

 

 'l ghè nè amò

L’infinito

Sempre caro mi fu quest'ermo colle,

E questa siepe, che da tanta parte

Dell'ultimo orizzonte il guardo esclude.

Ma sedendo e mirando, interminati

Spazi di là da quella, e sovrumani

Silenzi, e profondissima quiete

Io nel pensier mi fingo; ove per poco

Il cor non si spaura. E come il vento

Odo stormir tra queste piante, io quello

Infinito silenzio a questa voce

Vo comparando: e mi sovvien l'eterno,

E le morte stagioni, e la presente

E viva, e il suon di lei. Così tra questa

Immensità s'annega il pensier mio:

E il naufragar m'è dolce in questo mare.

by Leopardi