L'órs el tòr dèla Piana de Caiöl

di Vittorio Crapella - 22-11-2020


L'orso e il toro della Piana di Caiolo

'N tòr l’à fàc' la rènga col órs, ca'l gheva 'n gràn stàzza,
parché al dava fastedi ai bes-ciàm dèla sùa ràzza; 
al scorèntava vàchi, manzi, vedéi e ciunìi 
sü ‘ndèli màlghi dèla Piàna, apröof al Püblìi. 

E iscé, ‘na nòc' ca 'l ghéra la lüna tonda, 
itè ‘ndèl bàrèch de müràca a forma rodonda, 
'stì dùu bestiù, còli  zàti giò bàs 'ndèla tèra,  
i sé mès a fà sót par fafò a la guèra.

Quanca ‘l tòr, col sò crapù, l’à 'nviàat ià la sùa vendèta, 
sü 'ndèli zàti l’órs al s’è 'ndrizzàat 'mpée par schivàa chèla saèta. 
Però miga en prèsa abòt, par molàch ‘na zatàda 
e iscé 'l s’è becàat ‘na treménda scorgnàda…

E giò 'ndèla tèera, sü ‘ndèli quatro zàti, stìnch l’è cródàat;
co'l tòr che “ùrca vàca” l’à mögiàat: 
 “stò diaólàsc', 'l me pàr da capìi,
l’è ‘na bèstiàscia de chili düri a murìi!” 

Ilùra 'l tòr par finìfò la quistiù 
l’è partìit de corsa a mò a saèta col sò crapù. 
Ma ‘stà òlta l’órs, al s'è pü 'ndizzàat sü e giò bàs l'è rèstàat, 
‘l tòr cùntra la müràca al la spatasciàat.  

Stà storia al me l’à cuntàda el mè àaf caśèer,  
'na sìra gèlta de ‘n mìis de ginèer. 
Lüu al’èva scoltàda da ‘n vèc’ pastóor 
ca ‘l ghèva la bàita sü en cöo ai Vitóor. 

Adès, vargüu coli bràghi de fustàgn, 
al farà ol paragù coli rógni de ‘sti ültèm àgn 
par scuprìi ca negòt de nöof al gh’è sü chèsta tèra:  
la gèet la siguìta a rógnàa e a fàs la guèra. 
 
E 'nscé trà chi ca i veisc' e chi ca i pèert,  
el s’è slungàat la fìla dei malcontèec',  
propri coma la rènga trà 'l tòr e l’órs 
 ca chèstà storia di nòs vèc’ l’à öl fà cógnós.

Un toro ha lottato con un orso che arrivava dalla Piazza
perché dava fastidio alle bestie della sua razza;
insidiava mucche, manze, vitelli e maialini
della malga dell'alpeggio Piana, vicino al Pubblino.

E così, una notte di luna piena,
dentro il recinto di sassi a forma rotonda,
questi due bestioni, con le zampe piantate a terra,
si sono messi a litigare per farsi la guerra.

Quando il toro, col suo testone, ha cominciato la sua vendetta,
su due zampe si drizzò l'orso per schivare quella saetta.
Ma non di fretta per riuscire a mollare una zampata
e così si è beccato una tremenda cornata.

E cosi per terra con le sue zampe, stinco e caduto;
con il toro che "porca vacca" ha mugugnato:
"questo diavolaccio, mi sembra di capire, 
che è una bestiaccia dura a morire!"

Allora il toro per finire la questione
è partito di corsa ancora con il suo testone.
Ma questa volta l'orso, non si è più rizzato in piedi e giù per terra è rimasto,
il toro contro una sassaia la rovinosamente scaraventato.

Questa storia me l'ha raccontata il mio nonno casaro,
una sera gelida di un mese di gennaio.
Lui l'aveva ascoltata da un vecchio pastore
che aveva la baita su in cima ai Vittori.

Adesso , qualcuno con i pantaloni di fustagno,
faranno il paragone con le beghe di questi anni
per scoprire che su questa terra non c'è nulla di nuovo:
la gente continua a litigare e a farsi la guerra.

E così tra quelli che vincono e quelli che perdono,
si è allungata la fila dei malcontenti,
proprio come la lotta tra il toro e l'orso
come questa storia dei nostri vecchi ci fa capire.