Miracol a Natàal

di Polo Piani


MIRACÒL A NATÀAL … Ü QUASI!  

Pèna ca la mia sósèra en Paradìis la ruava,

ghéra sǜ l’ ǜs la mia mama ca i-le speciava:

“Cara, te se scià! L’era pó ùra!”, la diséva,

e ‘ntàat a-i le basava, e de gioia la piaigéva !

 

“Ven! Me da ‘ndaà ité sübèt dal nòs Signór:

al ga da dach en rèdès ; l’è, ϋ no, ol Creatór?”

Dito ‘n fato, i-è pasadi ité: “permès?

An garìs bisogn d’en piasé, sübèt adès!”

 

(… la mia mama, pór puìi cunfϋs,

da fal da parlée, la ghéva ca mϋs …

… con la mia sósèra al so fianch,

l’aris scalàat àa ‘l ol Monte Bianch !)

 

Se sentüut discǜtt en bèl momènt,

… sensa parolasci, sota ós,naturalmènt …

“Trìi pèer de scalfaròc ‘ par i angioléc’,

‘na cuèrta de lana par i póri véc’!”

 

E n’òtra cundiziù, vès u nò vès!

La creatura la podeva ca nàs ol dì stès

del so Fiöl destinàat a salvàa ‘l mònt …

dopo de Lǜu, almeno d’en segònt!

 

E iscé l’è stàcia: la nòsa rèdesa l’è nada,

dopo quatòrdes agn ca me la speciada,

òl di de San Stèfen pèna cuminciàat,

sóta en ciél de stéli trapuntàat!

 

Par tǜc’ ótri, n’augurio própi uguàal:

da vif con la stèsa gioia ogni Natàal

iscé coma nϋ me la pasàat

l’an ca ‘sto miracòl l’è capitàat! 

 

 'l ghè nè amò 

MIRACOLO A NATALE … O QUASI!

Nel mentre mia suocera in Paradiso arrivava,

c’era sull’uscio mia mamma che l’aspettava:

“Cara, sei giunta! Era ora!” lei diceva,

e intanto la baciava, e di gioia piangeva!

 

“Vieni! Andiamo subito dentro dal nostro Signore:

deve donargli un figlio; è o non è il Creatore?”

Detto fatto, son passate dentro: “permesso?

Avremmo bisogno di un favore, subito adesso!”

 

(… mia mamma, povero pulcino bagnato,

da sola, l’ardire non aveva ancor trovato…

adesso, con la consuocera al suo fianco,

avrebbe scalato anche il Monte Bianco !)

 

Si è sentito discutere un bel momento,

...senza male parole, sottovoce, naturalmente …

“Tre paia di calze per gli angioletti,

.. una coperta di lana per i vecchietti!”

 

Ed un’altra condizione, prendere o lasciare!

La creatura il dì stesso non poteva sbocciare

del suo Figlio destinato a salvare il mondo …

dopo di Lui, almeno di un secondo!

 

 

E così è successo: la nostra bimba è nata,

dopo quattordici anni che l’abbiamo aspettata,

il giorno di Santo Stefano appena iniziato,

sotto un cielo di stelle trapuntato!

 

Per tutti voi, l’augurio di un bene uguale:

di vivere con la stessa gioia ogni Natale

così come noi l’abbiamo passato

l’anno che questo miracolo è capitato!

Bun Natàal Buon Natal