'Na gran turtüra

di Paolo Piani - 02-02-2020


‘NA GRAN TURTÜRA (… EH EH EH …)

Mi ‘l só ca parché a nüü Bosàc’,

ògni òlta ca a Sóndri ‘n sé ‘ndàc’,

dòpo vès lavàat- gió ‘l müs ‘ndèl cadìi,

(parchè èn cità i paesàa, i è varda de fìi),

 

e da la staziù fin èn piazza Campèl,

‘nsé pasàac’ sǜ còl nòs pàs gavèl,

magari èn dì ca ‘l ghéra òl marcàat,

par crumpàa vargót dopo vil tratàat,

 

e finìic’ i nòs afari, ‘ndréet ‘n s’è vòltàat

par tornàa en chèl paés iscé amàat,

tüti li ólti al me sücès, réet a la strada,

èn fastédi ca a spiegàl fóo ‘na gran süada:

 

con paróli magri e bióti, al se tratàrìs

tüso ‘n somèlech ca sül müus ‘l te culpìs,

‘na sòrt de spìich ca òl scervèl al te fùra,

e ‘l cöör al te fa sbarbèlàa da la gran pùra,

 

e tè pódet ca tignìi la crapa ricia

con chèsta lüüs ca la te ‘mpicia,

ca come èn ciòot la te trapàna,

còma al fa en tupìi con la sua tàna.

 

Te camìnet coi öc’ gió ‘n scarsèla,

pòor Bosàc’, tè pèrs la mèla?

Coma chèla d’èn ciocàt la tua ‘ndadüra,

chi che te vìt i pènsa: pòra creatüra!

 

Ògna pàs te ris-cèt da scapüsciàs,

a l’òtra géet te ghè ùlet quasi ‘n bràsc’,

te vée inàaz nòma a palp e a tentù:

chèl lì, dè vìi, al na biüüt èn brentù!

 

Ma pèna pasàat ol pùut, la finis ‘sta turtüra:

l’aria frèsca de Albosagia l’è ‘na gran cüra:

chèl ca l’è sücès, l’ó ca capìit fina èn fónt,

ma che gioia vìif ‘n dèl paés püsé bèl al mónt!

'l ghè nè amò

 

UNA GRANDE TORTURA (… EH EH EH …)

Io non so perché a noi Albosaggesi,

ogni volta che a Sondrio siamo scesi,

dopo esserci lavati il muso nel catino,

(perché in città i paesani si guardan di fino),

 

e dalla stazione fino in piazza Campello,

siamo saliti con il nostro passo "stortarello",

magari un giorno in cui si teneva mercato,

per comprare qualcosa dopo averlo contrattato,

 

e finite le incombenze, indietro abbiamo voltato

per tornare nel nostro paese tanto amato,

tutte le volte ci è successo, lungo la strada,

questo fastidio che a spiegarlo è una gran sudata:

 

si tratterebbe, con parole scarne e vuote

quasi come un lampo che sul viso ti percuote,

una spina che il cervello sembra perforare,

e il cuore dalla gran paura fa tremare ,

 

e non puoi tenere dritta la faccia

con questa luce che ti impaccia,

che come un chiodo ti trapana,

come fa un topolino con la sua tana.

 

Cammini con gli occhi in tasca,sfinito,

povero Bosàc’, la roncola hai smarrito?

Come quella di un ubriaco la tua andatura,

chi ti vede, pensa: povera creatura!

 

Ad ogni passo rischi di inciampare,

all’altra gente in braccio quasi di volare,

avanzi ciecamente e a tentoni:

quello lì, di vino, ne ha bevuto due galloni!

 

Ma appena passato il ponte, finisce questa tortura:

l’aria fresca di Albosaggia, è una gran cura:

quel che è successo, non l’ho capito fino in fondo,

ma che gioia vivere nel paese più bello al mondo!