Natàal de spèransa

di Paolo Piani 20-12-2020


NATÀAL DE SPÈRANSA    

Già a otóri óo fàc’ àlber e prisipìi

parché spèravi ca ‘l nasés sitimìi

òl Gesù Bambìn ‘sto àn disgraziàat

… e sübet èn rimedi l’àris truàat:

 

‘na rizzèta cuntra ‘sto brüt tafanari,

ca li persóni dèboli , li püsè cari,

òl coronavirus, brüt e traditóor,

i-è pòrta ià sènsa fiàat e daparlóor!

 

Mi sóo persüàas ca própi par salvam

òl Signór al nasarà ‘stò àn sgréc’ e gram;

vedi già la Sua Mama ca i le varda sül müus,

‘ntàat ca la prega par nùu, déboi e cunfüus!

 

Al grigna òl Bambin con la Sua buchina,

al ghe schiscia n’óc’ a la Madunina:

“I se regorda miga parchè sóo naśüut,

parchè al mónt mi sóo ignüut?

 

La cróos ca sül Calvari portaróo

la sarà la mia gòma e cancelaróo

ògna trebüléri ca adès i tormènta

i mei fradéi sü ‘sta tèra soferènta”!

 

Bùn Natàal

 

'l ghè nè amò

NATALE DI SPERANZA

Già in ottobre ho fatto alberello e presepino

perché speravo nascesse settimino

il Gesù Bambino in quest’anno disgraziato

… e subito un rimedio avrebbe trovato:

 

una ricetta contro questo brutto affare

che le persone deboli, le più care,

il coronavirus, brutto e traditore,

se le porta via senza fiato, abbandonate e sole!

 

Io sono persuaso che proprio per darci una mano

il Signore nascerà in quest’anno aspro e gramo;

vedo già la Sua Mamma che lo guarda negl’occhi

mentre prega per noi, Suoi fragili marmocchi !

 

Ride il Bambinello con la Sua boccuccia Santa,

fa l’occhiolino alla Madonna così affranta:

“Non si ricordano perché sono nato,

perché al mondo sono stato regalato?

 

La croce che sul Calvario porterò

sarà la mia gomma e cancellerò

ogni tribolazione che adesso tormenta

i miei fratelli su questa terra sofferente”!

 

Buon Natale