Noc’ Santa de Natàal

di Paolo Piani


NOC’ SANTA DE NATÀAL

Quan’ ca l’Angel al ga parlàat:

Ave Maria, piena di grazia

l’èsagera, lée l’ha pensàat …

ll Signore è con te!

Mi ricambi con tüt ol cór!

Tu sei benedetta fra le donne

… ol so müs l’ha pèrs colór…

e benedetto il frutto del seno tuo, Gesù!

li gambi li ghè se mesi a tremàa …

parché ol sò Giusep l’eva tignüt lontàa:

l’era stabilìit dal fidansamènt,

pusé che ‘n cuntràt, en giuramènt!

Ol sò morös l’ha fac’ ciamàa sü dü pée:

“’n’Angèl al ma dic’: en Rèdes te garée !

Mi te giüri ca tö mai tradìit,

ma ti, fa chèl ca la lege l’ha stabilìit!”

Pór Giusèp! Ol so cór al sfrigolava:

a salvala da sücüra mòrt , coma se fava?

Ma l’Angel en sógn, la nòc’ stèśa

al ga dic’ da tóla de gran prèśa;

ol nóm del Rèdes l’è già decìis,

la Sua misiù: portàa tüc’ en Paradìis!

La tua fèmna la da vèss Maria:

la mia Parola, la tua garansia!

L’è noc’: ol Bambin l’è nàat!

Defó, tüt ol mont al té ol fiàat;

domatòst, quan’ ca ‘l süul al spuntarà

la Sua via crucis al cuminciarà!

La trèma la Madòna a ‘sto penséer,

parché en còr la intüis già ol sentéer:

ma adès fin ca la nòc’ la dura,

l’è nòma sua ‘sta Creatüra!

Pusé de dumila agn l’è pasàat,

e ogni an ol miracòl al se rinovàat …

… e adès fin ca la nòc’ la dura,

l’è nòma mia, nòma tua, ‘sta Creatüra:

Lüu l’è nòs, adès l’è noma nòs!

Me pó basal a pü non pòs!

Adès, al lüm de ‘n ciel stelàat,

adès ca ‘l tèep al se coma fermàat ……….

Gesú l’è ‘l fiöl ca te mai aüut,

l’è ol fiöl càar ca te perdüt,

l’è ol fiöl ca te già cresüt:

adès ognantüu l’è Mama e Pà,

fin ca ‘sta Santa Nòc’ la durarà!

 

Bun Natàal a tuc’ - Paolo Piani 2018

Deuteronomio 22, 23-25

NOTTE SANTA DI NATALE

Quando l’Angelo Le ha parlato:

Ave Maria, piena di grazia

sta esagerando, Lei ha pensato …

Il Signore è con te!

Ricambio con tutto il cuore!

Tu sei benedetta fra le donne

… il suo viso ha perso colore …

e benedetto il frutto del seno tuo, Gesù!

le gambe le si son messe a tremare …

perché a Giuseppe aveva intimato di aspettare:

era stabilito dal fidanzamento,

più che un contratto, un giuramento!

Il suo promesso ha fatto chiamare in tutta fretta:

“Un Angelo mi disse: nel seno tuo un Bimbo aspetta!

Io ti giuro che non ti ho mai tradito,

ma tu, fa ciò che la legge ha stabilito!”

Povero Giuseppe! Il suo cuore friggeva:

salvarla da morte certa, come si faceva? …

Ma l’Angelo in sogno, la notte seguente

gli ha detto: sposala immantinente;

il nome del Bambino è già deciso,

la Sua missione: portare tutti in Paradiso!

Tua moglie deve essere Maria:

La mia Parola, la tua garanzia!

E’ notte: il Bambino è nato!

Fuori, tutto il mondo trattiene il fiato;

domattina, quando il sole spunterà

la Sua via crucis, Lui comincerà!

Trema la Madonna a questo pensiero,

perché in cuor suo già intuisce il sentiero:

ma adesso fin che la notte dura,

è solo sua questa Creatura!

Più di duemila anni, di tempo è passato

e ogni anno il miracolo si è rinnovato …

… e adesso fin che la notte dura,

è solo mia, solo tua, questa Creatura:

Lui è nostro, adesso è solo nostro!

Possiamo baciarlo a più non posso!

Adesso, al lume di un cielo stellato,

adesso che il tempo si è come fermato ..

Gesù è il figlio che non hai mai avuto,

è il figlio amato che hai perduto,

è il figlio che hai già cresciuto:

adesso ognuno è Mamma e Papà,

fin che questa Santa Notte durerà!

Buon Natale a tutti - Paolo Piani 2018

 

 'l ghè nè amò