Ode a li personi disurdinadi

di Paolo Piani


ODE A LI PERSONI DISURDINADI (COME MI!)

Fin da piscèn ó sempri envidiàac’

li femmi e i óm iscé urdinàac’;

chi ca, sa-i cerca en ciòot da piantàa,

subèt a-i le trua, sensa trebulàa!

‘Na Tavola Pitagorica, ol so scervèl:

cinq col quatro, ai trua ol penèl,

cinq col sées, adiritura,

anca la tòla de la pitura,

endùa i dùu numer a-i se ‘ncrósa,

te podèt truàa … àa morósa!

Coma ai farà, ó mai capìit,

ma subèt i-ha scià àa ‘l casciavìit!

Te cerchèt mudandi e maglìi?

Lór a-incrosa ol sèt col trìi !

Te pers ol panèt dal margòt?

Trebula miga … ol sèt col òt!

Par ogni ròba ca te pundàat,

ca te sévet sucür da vìi salvàat,

adès ca la ocór, gnàa ca murìi …

A lór al ghe basta dùu col trìi!

Ecco: mi brusi dal nervóos!

L’améti, sóo propi ‘nvidiós …

E la mia ‘nvedia la ga miga speransa,

ol me disórden l’è fó d’urdinansa!

Ó pèna pundàat ‘na quai ricevuda;

dopo dùu dì l’è bèla perduda …

la cerchi de chi, la cerchi de là,

reolti i caséc’ de tüta la cà,

ma da truàla ghé propi pù vèrs …

‘Ndóo ‘ndèla vigna a ligàa sǜ mèrs,

con la lusinga ca ‘l me torni ‘n mèet,

‘ndùa ò lagàat ol sintimèet !!!

Pó en bèl dì, ma propi en dì de fèsta,

urisi ol giornàal e ol tìtol de tèsta,

a caràter cubitai,

da pudìi léigel àa sènsa ogiai:

SON BEN PIU’ CREATIVE LE PERSONE DISORDINATE !!!

LO DICEVA GIA’ ESIODO, DELLA GRECIA GRANDE VATE!

E adèss?

Mi li róbi li perdi istèss,

ma te ölet mèt la diferènsa?

Pruma en difèt, adèss ‘na sciènsa!

Ah ah ah ah ah

Paolo Piani - gennaio 2019

ODE ALLE PERSONE DISORDINATE (COME ME)

Fin da piccolo sempre ho invidiati

le donne e gli uomini tanto ordinati;

quelli che, se cercano un chiodo da piantare,

subito lo trovano, senza tribolare!

Una Tavola Pitagorica, il loro cervello:

cinque col quattro, trovano il pennello,

cinque col sei, addirittura,

anche il barattolo con la pittura,

dove i due numeri si vanno ad incrociare,

perfino la fidanzata … si può trovare!

Come faranno, voi lo capite?,

ma subito appare il cacciavite!

Cerchi mutande e magliette?

Loro incrociano il tre col sette !

Hai perso il fazzoletto da naso?

Il sette con l’otto, e non per caso!

Per ogni cosa che hai riposto,

di cui eri sicuro, al giusto posto,

adesso che serve, neanche a crepare!

A loro, basta il due col tre sposare!

Ecco: io brucio dal nervoso!

Lo ammetto, sono proprio invidioso …

E la mia invidia è senza speranza,

il mio disordine è fuori ordinanza!

Ho appena riposto qualsiasi ricevuta;

dopo due giorni, è bell’e perduda …

la cerco ovunque, l’anima di bile pervasa,

rivolto i cassetti di tutta la casa,

ma trovarla … non c’è niente da fare!

Vado nella vigna i tralci a legare,

che mi torni in mente, intanto aspetto,

dove ho lasciato il ben dell’intelletto !!!

Poi un bel giorno, proprio un giorno di festa,

apro il giornale ed il titolo di testa,

a caratteri cubitali,

da poterlo leggere anche senza occhiali:

SON BEN PIU’ CREATIVE LE PERSONE DISORDINATE !!!

LO DICEVA GIA’ ESIODO, DELLA GRECIA GRANDE VATE!

E adesso?

Io le cose le perdo lo stesso,

ma vuoi mettere la differenza?

Prima un difetto, adesso una scienza!

Ah ah ah ah ah

 

'l ghè nè amò