Ol ciù del nono

di Paolo Piani - 03-12-2019


OL NONO E ‘L CIÚ

Ghera ‘na òlta n’óm ca propi l’amava

ogni animài ca en cà al levava:

a tüc’ al ghé dava èn bèl nóm ‘ngiuìnàat,

coma sa de üu de la famiglia al se fós tratàat!

 

Fra tüc’ i animài ca ià maiàat ol so fée

ghè stac’ àn ‘bèl ciunìi, propi dabée;

lüü ‘l lè ciamàva miga tüc’ i dì, ma despès,

e ìl ciùnìi, contèet al coreva fó dal très!

 

(Ghé da savìi ca ‘sto óm òl müradór al fava,

e ‘ndèl periodo del ciù, l’era èn caśa ‘ntegraziù);

dùnca, òl ciù defò l’era già saltàat,

parchè ‘l séva ‘ndùa ol padrù i larìs portàat,

 

fò ‘ndèla rógia, a fàa èn bèl bagnèt,

própi ‘ndùa la formava quasi en laghèt,

‘nga li fémmi li vava a lavàa con la bradèla

braghi, cólsi, mudandi e compagnia bèla!

 

Òl pòro ciù al se lagodeva come ‘na s-cèta

a fàa ‘l bàgn gió ‘n de ‘sta acqua bèla nèta:

al se girava, al se pirlava, al se lavava

e ‘l vigniva  nèt e lüsènt come ‘na fava!

 

E dopo, chèl óm iscé bùu de cór

da maiàa del sambüghèer i fiór

al ghèn dava èn bèl brasciöl,

… e ‘l ciù l’era contèet come ‘n fiöl!

 

Còma sà l’és mai maiàat, al mastegava

‘sti früc’ duls, e iscé ‘ l se sbrodolava,

e ‘l so müus colór del sanch al vegnéva

… e i óc’ del ciù dal contèet i piaigéva!

 

Quànca a cà i decideva de tornàa,

li fémmi sentadi gió a ciacolàa,

i vedeva ‘sto ciù còl müus ensanguinàat,

li ósava: ca te ghée fàc’, te le cupàat?

  • * - * -

Al ghera ‘n rèdes (*) ca a truài l’andava,

ol nòno e ‘l ciù, tüc’ dùu al carezava:

ì’era própi néc’ compagn: dùu amìis

par òl so cöör amó ghèrp e ‘ndecìis!

 

Ma ‘n bèl dì, ca l’è ‘ndàc’ a truàa 

'n sò compàgn de scóla par giügàa,

e chèl al ghà dìc’ tüt orgoglióos: 

te fóo idìi òl ciù del nòno: meraviglióos!

 

Lüü i le varda, sbarlàta i öc’ 

al vìt èn ciù nigro dal stróc’:

“Eh nò, il ciù del mio amico Aldo, giüri sǜ l’onòor

l’è nèt e biànch,  e ‘l ghà gnàa ‘sto brüt odóor! 

 

(*) Daniele

IL NONNO E IL MAIALE

C’era una volta un uomo che proprio amava

ogni animale che in casa allevava:

a tutti dava un bel nome proprio indovinato,

come se un membro della famiglia fosse stato!

 

Fra tutti gli animali che da lui si sono cibato

anche un bel maialino affettuoso, c’è stato;

lui lo chiamava, non tutti i giorni ma di frequente,

e il maialino usciva di corsa dalla stalla, felicemente!

 

(Dovete sapere che quest’uomo il muratore faceva,

e nel tempo del maiale, in cassa integrazione giaceva);

dunque, il maiale fuori era già saltato ,

perché sapeva dove il padrone l’avrebbe portato,

 

fuori nel ruscello, a fare un bel bagnetto,

proprio dove si forma quasi un laghetto,

dove le donne appoggiano l’asse per pulire 

pantaloni, calze, mutande a non finire!

 

Il povero maiale si divertiva come un bambino

a fare il bagno in quest’acqua come in un catinobella:

si girava, si rivoltava, si sdraiava, si lavava

e ne usciva pulito e lucente come una fava!

 

E dopo, quell’uomo di cuore tanto generoso

gli dava da mangiare del sambuco il frutto odoroso,

gliene dava a iosa, un bel mucchietto,

… e il maiale era felice come un figlioletto!

 

Come se non avesse mai mangiato, masticava

questi frutti dolci, e così tutto si sbrodolava,

ed il suo muso si tingeva del color del vino,

i suoi occhi luccicavan come quelli di un bambino!

 

Quando decidevano a casa di tornare ,

le donne sedute fuori a chiacchierare,

vedevano il maiale col muso insanguinato,

urlavano: cosa gli hai fatto, l’hai ammazzato?

- * - * -

C’era un bambino (*) che a trovarlo andava,

il nonno ed il maiale, tutti e due accarezzava:

erano entrambi ugualmente puliti: due amici precisi

per i suoi amori ancora immaturi ed indecisi!

 

Ma un bel giorno, che è andato a trovare 

un suo compagno di scuola, per giocare,

e quello gli ha detto tutto orgoglioso: 

ti mostro il maiale di mio nonno: meraviglioso!

 

Lui lo guarda, alza il suo sguardo al cielo, 

rimirando questo maiale, cui la sporcizia faceva velo:

“Eh no, il maiale del mio amico Aldo, giuro sull’onore,

è pulito e bianco, e non ha questo brutto odore! 

(*) Daniele

 

'l ghè nè amò