Ol coldarìi dela pulènta

di Paolo Piani  - 06-11-2019


OL COLDARÌI DELA PULÈNTA

Tanto càar te me sée, coldarìì da la pulènta,

con la tua forma de ram, rodónda, lüsènta;

come 'n sùul te me scòldet, sura al fööch,

a vardàt te me fée amàa amó püsé i mée lööch,

 

chi lööch ‘ndùa, ti, da rè te sempre fac’ ,

còl sfamàa generaziù a pulènta e lac’;

sensa de ti la miseria la sarìs stacia chèvezza,

per mèret tò, ‘sga mèss  sǜ  ‘na pèzza!

 

E a-ca dèss, coldarìi, quan’ ca te dupéri, 

par mì l’è sempri ‘na gran fèsta, disi sül séri:

te ‘mpinisi de acqua, te méti sura la pigna,

te pizzi sóta coi vidisciù de la mia vigna,

 

e dopo ‘n momènt, l’acqua vìta la ciapa,

prüma a piàa, ‘na bùla ògni mòrt de papa,

quasi coma sa l’és vargógna da fàss idìi,

e à-lato come ‘n furmighèer ca ‘spö ca tignìi;

 

giónti gió la sàal, pèna 'n branchèl,

a piàa öidi gió la farina dal sachèl:

en póo de bramada, en póo de fiorèt,

ca sempri tegni de scòrta ‘ndèn casèt,

 

e sùbet cuminci a mès-ciala col tarai ,

parché i grùmoi, la düarìs ca fai;

quai òlti a màa ricia e quai a manvèrsa, 

par n’ùrascia la giri e la pirli, bèla fèrsa:

 

ecco, se sènt già en bèl prüfümìi,

ca coma ‘n fiór al ve  sǜ  dal coldarìi:

la pulènta l’è prónta, sè pü da ‘speciàa,

curìi, la 'mprüni, sentés gió a maiàa!

IL PAIOLO PER LA POLENTA

Tanto caro mi sei, paiolo della polenta,

con la tua forma di rame, rotonda, lucente;

come un sole tu mi scaldi, sopra al fuoco,

guardarti mi fa amare ancor più i miei luoghi,

 

quei luoghi dove, tu, da re hai sempre agito ,

sfamando generazioni a polenta e latte;

senza di te la miseria sarebbe stata pesante,

per merito tuo alla bell’e meglio si è rimediato!

 

E anche ora, paiolo, quando ti adopero, 

per me è sempre una gran festa, dico davvero:

ti riempio di acqua, ti metto sopra la stufa,

ti accendo sotto con i viticci della mia vigna,

 

e dopo un momento, l’acqua prende vita,

prima adagio, un bollore rado come morte di papa,

quasi come se si vergognasse a farsi vedere,

e subito dopo come un formicaio incontenibile;

 

aggiungo il sale, appena un pugnetto,

adagio verso la farina dal sacchetto:

un po’ di bramata, un po’ di fioretto,

che sempre tengo di scorta nel cassetto,

 

e subito comincio a mescolarla col “tarai” ,

perché di grumoli non deve farne;

qualche volta a dritta e talvolta a rovescio, 

per n’ora buona la giro e rigiro, bollente:

 

ecco, si sente già un bel profumino,

che vien su dal paiolo come un fiore;

la polenta è pronta, non bisogna più aspettare,

ecco, la rivolto, sedetevi a mangiare!

 

'l ghè nè amò