Òl gróp sül panet

di Paolo Piani


ÒL GROP SÜ ‘N DEL PANET

Li Médi, a Sondri hóo cuminciàat,

sül Cunvit … 'l sécol pasàat;

da Albosagia, col me biciclitìi,

envèren, prumavèra e somartìi!

En Piazza Quadrivi, ‘na botéga

panuscìi coi fich la vendeva:

la mama la me dava ogni domàa,

‘na moneda par 'l mè disnàa:

“Perdèla ca, càar òl me s’cèt,

fa su ‘n góp en del panèt”

(òl panèt, la nösa casafòrt,

col gróp streìgiut fòrt fòrt).

E iscè, tϋc’ i dì, lì me fermavi,

tolévi 'l panìi e pó ‘l pagavi;

contèta la botéga del sò prufit,

contèet àa mi ca ‘ndavi al Cunvit!

Ma ‘na matina storta e malnada,

ghèra ‘na cliènta tüta piturada:

entàat ca ‘l me gróp desligavi,

tüt concentràat su che ca favi,

en grignèt da piach al ghe scapàat,

en ségn con la crapa pèna abozàat;

la botegàra, stèsa pèl maligna,

la ricambia l’ógiada e la grigna.

En di chi öc’ mi góo leìgiϋt

en penséer che me ca pìasüt:

“Pòro rèdes, … al sarà ‘n Bosàc’!”

Pòri fèmni, a-i l’és mai fàc’!

Tàac’ agn a Sondri mi só ‘ndac’,

a scöla, a laoràa ö par i mée fàc’

ma de chèl negozi disgraziàat

mi la porta gó pü pasàat!

di Paolo Piani

IL NODO SUL FAZZOLETTO

Le Medie, a Sondrio ho cominciato,

su al Convitto … il secolo passato;

da Albosaggia, con la mia biciclettina,

inverno, primavera e autunno!

In Piazza Quadrivio, una bottega

pane con i fichi, vendeva:

la mamma mi dava ogni mattina,

per la mia colazione una monetina:

“Non perderla, caro il mio ragazzo,

fai su un nodo sul fazzoletto”

(il fazzoletto, la nostra cassaforte,

con il nodo stretto forte forte).

E così, tutti i giorni, lì mi fermavo,

prendevo il panino e lo pagavo;

contenta la bottegaia per il suo profitto,

contento anch’io che andavo al Convitto!

Ma una mattina storna e malnata,

c’era una cliente tutta truccata:

intanto che il mio nodo disfacevo,

tutto concentrato su quanto facevo,

un sorrisetto di nascosto gli è scappato,

un segno con la testa appena accennato;

la bottegaia, stessa pelle maligna,

ricambia l’occhiata e sogghigna.

In quei occhi io ho letto

un pensiero che non mi è piaciuto:

“Povero bambino … sarà uno di Albosaggia!”

Povere donne, non l’avessero mai fatto!

Tanti anni a Sondrio sono andato,

a scuola, al lavoro o per i fatti miei

ma di quel negozio disgraziato

io la porta non ho più varcato!

 

'l ghè nè amò