Ol mèrlo

 di Vittorio Crapella 22-01-2020 


LA LEGENDA DEL MÈRLO

Tàat tèep fà ca l'era gnàa mò nasüut gnàa 'l pà

tüc' i mèrli i gheva li piümi bianchi coma 'n fior de mac'

ca i pareva puciac' gió ndèl làc',

iera  'm-macolac' e püur, prüma de vignìi scüur.

 

Pò 'n dì lè capitàat 'n fàto ca tüt la cambiàat !

Coma lè 'ndacia chèsta facenda al lè dìs la legenda

e se 'n póo de paziensa ghìi, chilò la scoltarìi!

 

Ol mèrlo al le sà che de fèorèr frec' al fà

e ca la nìif suspisa la vée gió  dal ciél  ca la pàr 'n vél,

lè a mò 'nvèrèn e al colt sà de stàa par pudìi campàa.

 

Par cercàa ol modo de scoldàa la gnada, 'ntóren 'l se varda

e da 'n téc', ilò apröf, 'l vìt a vigìi sǜ füm nigro da 'n camì bel nöof.

Ilò sura al se puguàat e subèt 'l se scoldàat,

iscé al ghè vée 'na gran pensada, chèl da fà ilò la sua gnada.

 

Adès lè ca pǜ 'n crüzi gnàa 'l gèlt, ilò sura al còlt, ol téep al pàsa svèlt,

ormai 'l fréc' e'l gèlt iè 'ndàc' e ol mèrlo 'l völ fàa 'n viac';

apèna fò da la gnada 'l fà 'na gorgoiada:

Iösösmaria, c'aróo büut, nigro coma 'n corf sóo ügüut !

 

Sóo ca pǜ bianch e püur ma sóo tüt scüur

li piümi góo de lavàa, ndèla rögia ò da prüàa

gió ndèl'acqua a nodàa ma ghè negòt da fàa,

li piümi nigri a la fìi ghóo de tignìi.

 

Da ilura, par incant tüc' i mérli iè nasüuc' nigri ma amò col sò cant.

Quanca 'l piöof gió 'ndèl'acqua deli pózzi amò i se möof 

ma noma per lavàs, ormai i ghà ca pü 'mèet de sbiancàs.

Ol sò bèch gialt le restàat bèl da idìi avèert o àa seràat.

LA LEGGENDA DEL MERLO

Tanto tempo fa che non era ancora nato nemmeno il padre

tutti i merli avevano le piume bianche come i fiori di maggio

che parevano inzuppati nel latte,

erano immacolati e puri, prima di diventare scuri.

 

Poi un giorno è capitato un fatto che tutto ha cambiato !

Come è andata questa faccenda lo racconta la leggenda

e se un poco di pazienza avete qui l'ascolterete !

 

Il merlo sa che di febbraio fa freddo 

e che la neve soffice vine giù dal cielo che pare un velo,

è ancora inverno e al caldo si deve stare per poter campare.

 

Per cercare il modo di scaldare ilo nido, attorno si guarda

e da un tetto, li vicino, vede salire del fumo nero da un camino nuovo.

Lì sopra si appoggia e subito si scalda,

così gli vine una gran pensata, quello di fare lì il suo nido.

 

Adesso non è più un problema nemmeno il gelo, lì sopra al caldo, il tempo passa velocemente,

ormai il freddo e il gelo se ne sono andati e il merlo vuole fare un viaggio;

appena fuori dal nido fa una parlata:

Mamma mia, cosa avrò bevuto, nero come un corvo sono diventato !

 

Non sono più bianco e puro ma sono tutto scuro

le piume devo lavare, nel ruscello devo provare

giù nell'acqua a nuotare ma non c'è nulla da fare,

le piume alla fine così devo tenere.

 

Da allora, per incanto tutti i merli sono nati neri ma ancora con il loro canto.

Quando piove giù nell'acqua delle pozze ancora si muovono

ma solo per lavarsi, ormai non hanno più in mente di sbiancarsi.

Il loro becco giallo è rimasto, bello da vedere aperto o anche chiuso.

 

'l ghè nè amò