Òl vocàbolari al tèep del curunavirus

di Paolo Piani 04-05-2020


ÒL VOCÀBOLARI AL TÈEP

DEL CURUNAVIRUS

 

Èn bòt, sa te ‘ncuntràvet n’amìis,

e lüü al ghéva gió lónch i barbìis

parché ‘na quai preocupaziù

la ghe fava ca trùàa ‘ndèl léc’ la pusiziù,

 

ti te cercàvet da tiràl sǜ de moràal:

de paróli béli te tiràvèt-fó l’arsenàal,

frasi adeguadi , pieni de speransa,

ca li fava pènt al bée la sùa balansa!

 

“Tüt al se sistemarà, te vedarée,

dopo ogni temporàal, al rua òl sarée,

l’è inütel ciapasla par ‘sti mutìif …

tira ‘l fiàat e cerca da vès pusitìif”!

 

Ma adès, sa a vargüu, còl cór èn màa,

con l’intinsiù ligitèma da ulìl ‘ncoragiàa

téset da dich ‘sta paròla bèla …

sübèt al canarüz al te pónta la mèla!

 

di Paolo Piani 04-05-2020

IL VOCABOLARIO AL TEMPO DEL CORONAVIRUS

 

Una vola, se incontravi un amico,

con una faccia lunga fino all’ombelico

perché qualche grave preoccupazione

non gli faceva trovar a letto la giusta posizione,

 

tu cercavi di tirarlo su di morale:

di belle parole sfoderavi l’arsenale,

frasi adeguate , piene di speranza,

che facevano pendere al bello la sua bilancia!

 

“Tutto si sistemerà, vedrai, in un baleno,

dopo ogni temporale, torna il sereno,

è inutile prendersela per questo motivo …

tira il fiato e cerca di essere positivo”!

 

Ma ora, se a qualcuno, col cuore onesto,

con l’intenzione vera di fare un bel gesto,

tu dovessi dire questa parola accalorata …

alla gola ti punterebbe la roncola affilata!

 

'l ghè nè amò