Pastór al Parlaméet


di Paolo Piani 12-12-2019

I PASTÓR AL PARLAMÈET DE L’EUROPA

Setèmbre, ‘ndèm. L’è ura òl pòst da cambiàa,

adès en tèra del Belgio me da migràa:

ma àa de Ginèer, Feorèer, Màrs, April,

me rifà ‘sta matocada: gnàa da dil!

 

Stès mestéer a Mac’, Giugn, Lüi e Aóst,

ca quant ca l’è gió ol sùul, l’è fósch,

e àa de Otóri e Noèmbre l’è própi bèll

tornàa da Strasburgo, fina a Brüzzèl;

 

par miga parlàa del mìis che rèsta

ca già da par lüü, par metà l’è fèsta;

da laoràa, i trüa mai òl momènt,

i è sempri èn viac’, al Parlamènt!

 

Adès, trìi dì i-è già pasàac’, l’è ùra,

i-à da svegliàss dendomàa a bunùra,

par lagàa de Strasburgo la montagna

e ‘ndàa gió a Brüzzèl ca ‘l màar la bagna;

 

l’è ‘na gran discesa, ö Dio bèl,

cènt-trenta metri de dislivèl:

vintisèt dì, iló i arà da pasàa …

sensa bétoli a portada de màa!

 

Già i süa: parchè i-à réet la cà e ‘l téc’

quant ca i va dal paés nöf a chèl véc’:

montagni de valìis (cantines li vée ciamadi)

de formài, vìi e ducuménc’ ‘ncalcadi.

 

Prüma dè ‘nviàs, i à biüüt a sadéli

Sciató e Sciampàgn sóta li stéli,

iscé ca ‘l saór di früc’ de la tèra

al pòrtes penséer de pàas e miga de guèra.

 

E i va contéec’ par ‘sta campagna desèrta,

i pènsa tüc’ al bèl früt de la trasfèrta,

ca dói ólti al mìis la sgunfia ‘na paga,

ca già daparlée la slarga la braga!

 

Adèss i-è ruàac’ ‘ndè la strada principàal:

dè fiànch òl màar, còl so litoràal,

e tüc’ nùu pégori che ‘nghè bat li màa,

sensa idìi chèl ca ‘ndèl cù ‘nsé réet a ciapàa!

 

Ah, che bèl sa àa mi sarìs ‘nsèma lór,

e ‘nvéci dè vès l’àsen, fós òl pastór!

I PASTORI AL PARLAMENTO EUROPEO

Settembre, andiamo. E’ tempo il posto di cambiare,

adesso in terra di Belgio dobbiamo migrare:

ma anche a Gennaio, Febbraio, Marzo, Aprile,

dobbiamo rifare questa stupidata: neanche da dire!

 

Stessa faccenda a Maggio, Giugno, Luglio e Agosto,

che quando è calato il sole è fosco,

e anche a Ottobre e Novembre è proprio bello

tornare da Strasburgo, fino a Bruxelles;

 

per non parlare del mese che resta

che già preso da solo, per metà è festa;

di lavorare, non trovano mai il momento,

sono sempre in viaggio, al Parlamento!

 

Adesso, tre giorni son già passati, è ora,

devono svegliarsi al mattino di buonora,

par lasciare di Strasburgo la montagna

e andare giù a Bruxelles che il mare bagna;

 

è una gran discesa, oh Dio bello,

centotrenta metri di dislivello:

ventisette giorni lì dovran passare …

senza comodi bar dove potersi satollare!

 

Già stan sudando: portan seco cose che non dico

quando vanno dal paese nuovo a quello antico:

montagne di valige (cantines vengono chiamate)

di formaggio, vino e documenti stipate.

 

Prima di avviarsi, han bevuto a crepapelle

Chateau e Champagne sotto le stelle,

affinché il sapore dei frutti della terra

porti pensieri di pace e non di guerra.

 

E vanno contenti per questa campagna deserta,

pensano tutti al bel frutto della trasferta,

che due volte al mese ne gonfia le prebende,

che già da solo i pantaloni obesi rende!

 

Adesso sono arrivati nella strada principale:

di fianco il mare, con il suo litorale,

e tutti noi pecoroni che le mani battiamo,

senza vedere quello che nel didietro prendiamo!

 

Ah, che bello se anch'io fossi insieme a loro,

e invece di essere l’asino, fossi il pastore!

 

'l ghè nè amò