Poesia 'ncazzada

di Paolo Piani (sesta/42 al concorso Poesie dialettali di Sondalo marzo 2019)


POESIA ‘NCAZZADA

Ai prüm de Aóst s’eri sül magènch

par combàt ol còlt e ol solènch;

evi giϋsto finìit chi quatro mestéer

e ho decìis da ciapàa sǜ en bèl sentéer

 

che da Bricéra al porta a San Salvadù,

cola scüsa de cercàa fónch u ghislù.

Dopo 'n póo ca camini bèl bèl

so ruàat- sǜ en d’en pianèl:

 

praticamènt en Paradìis, da vidìi

col bèl mϋsc’, circondàat dai malacrìi:

a bütas gió a totolàs al te ‘nvidava

con chi ol tò amór al ricambiava!

 

Ma ‘na butiglia de plastica tüta schisciada

sübèt la rót la magia de la giornada:

fra li radìis d’en pésc’ la osàat

tüt ol dolóor dèl bósch violentàat!

 

‘Na gran rabbia la ma streigiϋt ol cór

ensema a la vargogna e al dolór

parchè chèl tarlòch ca fac’ ‘sta bravada

l’è en nòs Fradèl, puìi de la stèsa gnada!

 

E ilura me rivolgi a ti, a mϋs a mϋs:

forsi chèl dì te serét en póo cunfüs,

parché en salida, col zaino sǜ la schéna,

te portàat la butiglia bèla piéna …

 

da riportala óida, gió en discesa,

al te pareva trop granda l’impresa?

L’è come l’acqua Lete ol tò scervèl:

al ga nòma 'n “cellulino” … e ‘l dorma àa chèl

di Paolo Piani

POESIA INCAZZATA

I primi giorni di Agosto ero sul mio maggengo

per combattere il caldo e la malinconia;

avevo appena finito quei quattro mestieri

e ho deciso di incamminarmi su un bel sentiero

 

che da Bricéra porta a San Salvatore,

con la scusa di cercare funghi o mirtilli.

Dopo un po’ che cammino piano piano

sono arrivato su in un piccolo pianoro:

 

praticamente un Paradiso, a vederlo,

col bel muschio, circondato dai rododendri:

di buttartici si sopra a coccolarsi, ti invitava,

con chi il tuo amore ricambiava!

 

Ma una bottiglia di plastica tutta schiacciata

subito ha rotto la magia della giornata:

fra le radici di un pino ha urlato

tutto il dolore del bosco violentato!

 

Una gran rabbia mi ha stretto il cuore

insieme alla vergogna ed al dolore

perché il deficiente autore di questa bravata

è un nostro Fratello, pulcino dello stessa nidiata!

 

E allora mi rivolgo a te, muso a muso:

forse quel giorno eri un po’ confuso,

perché in salita, con lo zaino sulla schiena,

hai portato la bottiglia bella piena …

 

di riportarla vuota, giù in discesa,

ti sembrava troppo grande l’impresa?

E’ come l’acqua Lete il tuo cervello:

ha solo un “cellulino” … e dorme pure quello!

 

'l ghè nè amò