Prümavéra

di Paolo Piani 12-05-2020


PRÜMAVÉRA
 

Dopo òl lètargo esageràat

ca ‘sto virus al ma ‘ntimàat,

adèss, a piàa piàa la rua

la fìi de ‘sta gran prua:

 

‘na prümavéra, ‘n póo ‘n ritart

ma con li idéi ciari sül traguart:

ol svegliàs de la natüra liberada

ca ògni scèspeda la öl colorada.

 

Prüma al rua la prìmula generósa,

‘n de la sèlva ümeda e ombrósa,

e sùbet dopo li margheriti adoradi

da li s-céti inamoradi: sfoiadi

 

par savìi sa ‘l so amór l’è ricambiàat

da chèl bagài ca'l ghe tó ‘l fiàat,

lóor ca i-è còme li violéti sincéri,

inocénti e pieni de sógn e desidéri;

 

püsè tardi i narcisi, dal sùul coloràac’,

i portarà alegrìa ‘ndi giardìi cultivàac’,

‘nsèma ai geràni ca da ògni balcù

i ségna Màc’ còl vèrs gioiós del cucù.

 

E a cènt a cènt, mila ótri fióor,

ognantüu ‘n prüfüm, ognantüu ‘n colóor,

i spiarà i nòs öc de giòia bagnàs ,

come quanca ‘nredès ndi ‘na cà ‘l nàs!

 

Ma la natüra, ca l’è ‘na mama ‘ntevedüda,

la sa ca ògni ròba a sò tèep la marüda:

miga tüt ‘nsèma, èn cunfusiù e baraónda,

ma pòoch a la òlta, par ‘na giòia profónda!

 

Àa nùu adès

me da fàa istès:

póoch a la òlta, miga belebée,

… par miga fàa ca ‘l contagio al torni ‘ndrée!

 

di Paolo Piani 12-05-2020

 

PRIMAVERA

 

Dopo il letargo esagerato

che questo virus ci ha intimato,

adesso, piano piano sembra arrivare

di questa gran prova il gran finale:

 

una primavera un po’ in ritardo

ma con le idee chiare sul traguardo:

il risveglio della natura liberata

che ogni zolla vuole colorata.

 

Prima arriva la primula generosa,

nella selva umida e ombrosa,

e subito dopo le margherite adorate

dalle ragazze innamorate: sfogliate

 

per sapere se il loro amore è ricambiato

da quel ragazzo che le toglie il fiato,

loro che sono come violette sincere,

innocenti e piene di sogni e desideri;

 

più tardi i narcisi, dal sole colorati,

porteranno allegria nei giardini coltivati,

insieme ai gerani che da ogni balcone

segnano Maggio, del cucù con la canzone.

 

E a cento a cento, mille altri fiori,

ciascuno un profumo e tutti di diversi colori,

spieranno i nostri occhi di gioia inumiditi ,

come in una casa di un bimbo i primi vagiti!

 

Ma la natura, che è una mamma sapiente,

sa che ogni cosa matura separatamente:

non tutto insieme, in confusione e baraonda,

ma poco per volta, per una gioia profonda!

 

Anche noi adesso

dobbiamo fare lo stesso:

pochi alla volta, non tutti i giorni

… per non far sì che il contagio ritorni!

 

'l ghè nè amò