San bèl

di Paolo Piani


di Paolo Piani   - 12 febbraio 2010 

SAN BÈL

Còo còo còo, la canta la galina,

chicchirichiii al canta òl gal:

envece de scapàa ià a Culurina

iè chìló tranquii a miràa gió la Val !

 

Li pignati i-è già sül fööc,

ogni tàol l’è già preparàat,

già l’ha mulàat i söi cortéi òl cööc;

e lòor ai bèca pacifèch sül selciàat!

 

Pio pio pio, bèla poiata laghèt ciapàa,

fa istès anca ti, caro ‘l me gàal,

i ca da vich pura, i miga da scapàa,

vedarée ca ‘ve fòo ca del màal …

 

La ghè dà a mèet la pora galina,

subèt al ghè cór réet anca ‘l gal:

iè stüpec’ coma i gióegn cà-i ciapa la pulvirina, 1)

parchè tanto e ai ghè dìs cà la fa cà mal …

 

E adès iè chilo sül piàt béi rustiic’,

e chi ca iè miga rustiic’, iè fac a lès;

i fals cumpliméc' iè tüc’ finiic’:

si fac’ ciapàa coma pulastri; an vè mangia istès!

NOTE

1) i gióegn ca'i ciapa la pulvirina – i giovani che si drogano

SAN BELLO

Còo còo còo, canta la gallina,

chicchirichii canta il gallo:

invece di sacappare verso Colorina,

sono qui tranquilli a guardare il fondo valle !

 

Le pentole sono già sul fuoco,

ogni tavolo è già preparato,

già ha affilato il coltello il cuoco;

e loro beccano tranquilli sul selciato !

 

Pio pio pio, bella pollastra lasciati prendere,

fai lo stesso anche tu gallo,

non dovete avere paura, non dovete scappare,

vedrete che non vi faccio del male ...

 

Gli da ascolto la povera gallina,

subito gli corre dietro anche il gallo:

sono stupidi come i giovani che si drogano,

perché gli dicono che non fa male....

 

E adesso sono qui sul piatto belli abbrostoliti,

e quelli che non hanno arrostito, li hanno cotti a lesso;

i falsi complimenti sono tutti finiti:

vi siete fatti prendere come polli; vi mangiamo ugualmente !

 

'l ghè nè amò