Sant Natàal 2019


di Paolo Piani 17-12-2019

L’È NÀAT OL SIGNÓR

Mi ‘l só ca sa l’era fiocàat

l’anvèren ca ‘sto miracòl l’è capitàat;

dè sücür ghéra stac’ ol censimèet

e par li stradi al viagiàva tata gèet,

 

parché ognantüu l’éva da registràs

própi ‘n de chèl paés ‘ndùa se nàs;

fra i tàac’ ca ‘ndava, àa düu cristià

diréc’ a Betlemm, ma a piàa a piàa:

 

Maria sentada a caval de n’asnìna,

Giusèp ca-i-le cürava còme n’ööf en pilisìna

(l’era ‘ncinta e scürlidi la podéva ca ciapàa

sǜ chèla stradüscia ca la fava scapüsciàa!)

 

E quanca, strach come àsegn, iè ruàac’,

‘n den léc’ volenteri i sé sarìs slongàac’,

ma par lór ghèra ca pü post sóta ’ n tèc’,

nóma ‘na masùnascia, al scür e al fréc’!

 

Ma ‘n gha ca da fàsen maravéa, adès,

l’è pasàat dumìla àgn ma l’è amó stès:

àa ‘ncödì, par chi ca rua mìser e disperàac’

i pòsc’ par truàa requi, iè sempri seràac’!

 

Però ol Gesǜ Bambìn ca stanoc’ l’è nàat,

al conoseva già ol nòs cóor sfaltàat:

própi par chèsto, la sua vita la ulüut baratàa

par pudìi chèla mìsera di Sói fiöi salvàa!

 

E adès, al ghè'n fa niént da durmìi

en de’na prisìif sensa cuèrti e cusìi:

la pianta del Sò cóor già la marüda i früc’

par nutrim en di dì béi e ‘nde chìi brüc’!

 

E Ti, Madunina Santa, ca adès mama Te sée,

varda ca i nòs pecàac’, cuntinua a ulìm bée:

prega par nüü ‘n tèra e par chi ‘n ciél te ciamàat

ma chiló ‘ndèli nósi baiti 'n grant vöit i-à lagàat !

Fa ca la Tua preghiera al sìes ol nòs regàal …

e àa chèsto al sarà 'n bèlisem e Sant Natàal!

È NATO GESÚ

Non so se fosse nevicato

l’inverno che questo miracolo è capitato;

di sicuro c’era stato il censimento

e per le strade viaggiava tanta gente,

 

perché ognuno doveva registrarsi

esattamente nel proprio luogo natio;

fra i tanti che andavano, anche due persone,

dirette a Betlemme, ma piano piano:

 

Maria seduta a dorso di un’asinella,

Giuseppe che la curava come un uovo senza guscio;

(Lei era incinta e scossoni non poteva prendere

su quella stradaccia che faceva inciampare!)

 

E quando, stanchi come bestie, sono arrivati,

su un letto volentieri si sarebbero buttati,

ma per loro non c’era più posto sotto un tetto,

solo una stalla malmessa, al buio e al freddo!

 

Ma non dobbiamo meravigliarcene, adesso,

duemila anni son passati ma è lo stesso:

anche oggi, per coloro che arrivano miseri e disperati

i posti per trovar pace, sono sempre sprangati!

 

Però il Bambino Gesù che stanotte è nato,

conosceva già il nostro cuore asfaltato:

proprio per questo la sua vita ha voluto barattare

per poter quella misera dei Suoi figli salvare!

 

E ora, non gli importa niente di dormire

in una mangiatoia senza coperte e cuscino:

la pianta del Suo cuore già matura i frutti

per nutrirci nei giorni belli ed in quelli brutti!

 

E Tu, Madonnina Santa, che adesso sei mamma,

non guardare i nostri peccati, continua ad amarci:

prega per noi in terra e per chi in cielo hai chiamato,

ma qui nelle nostre case un gran vuoto ha lasciato!

Fa che la Tua preghiera sia il nostro regalo …

e anche questo sarà un bellissimo e Santo Natale !

 

'l ghè nè amò