Tramónt

di Paolo Piani    10-02-2020


TRAMÓNT 

Mi ‘l só ca sa vargüu de ótri, ‘na sira

Ia furtüna i ghà büut de ‘sta bèla mira:

òl sùul ca ‘l va-gió e ‘l salüda ‘ntàat

‘sto bèl paés de-scià da l’Ada slongàat.

 

Tanto òl so despiasé l’è profónt,

fin ca l’à fac’ nòtro gìr ol mònt

da miga pudìi scoldàl còl so afèt

‘sto pòst iscè bèl … quasi perfèt,

 

ca, coi söö ragi tacàs al völarìs

a li nósi montagni e chi béi pìz,

e ‘ntàat al piàisc colór disperàac’

ca gnè ‘l Giòto ü ‘l Rafaèl ià sognàac’:

 

l’agitaziù dèl so cöör inamoràat,

‘nsèma a li niòli ca i l’à speciàat,

ol ciél al tèisc’ con penèladi gènèrósi

dè ‘n rós prüfümàat coma pétai de rósi,

 

e ‘nsèma viöla coma 'n ciclamìi, 

azzür come i óc’ curióos de ‘n ridisìi,

mes-ciàac’ a l’armunia de l’aranciù,

còlt e duls coma 'n bèl baciù,

 

e l’argènt di cavéi de li nósi nóni,

par i sói neudìi i püsé béi dóni,

‘nsèma al ròsa dèl fiòch sǜ la pòrta,

quànca ‘na rèdèsa la tua cà la confòrta,

 

e la lüüs di öc’ ca i ta fac’ sintìi biòt

ol dì ca òl tò amór te ‘ncuntràat, ghiót,

con la tua ànema ghèrba, sorprésa,

a vidìi tata belèzza ca la te mirava ‘ndifésa,

 

e ‘l giàlt dèl canarìi ca en gabbia al canta

la cansù dèl so paés ca ‘n cöör al vanta,

quànca lìber al vulava ‘ndi söö céi,

‘nsèma a de mila colór ótri üseéi!

 

E tüc’ ‘sti fantastèch, straurdinari regài

i se mès-cia come ‘n ciél i fóoch artificiai

quànca òl dì de la fèsta dèl paés se spara

e ogni colóor con l’òtro al se tara!

 

L’è sira: dòl sùul se vìt nòma i sprüzi

deréet de li sèt soreli li scimi güzi,      1)

ma i sói ràgi, come i dìic de ‘na màa, 

ai salüda: ciào Bosàc’, ‘n sé vit domàa!

 

NOTE

  1. Montagni de la Val Màsen, ca a vardali da Albósàgia, ‘sti sèt scimi tüti compagni, li par própi sèt soréli.

TRAMONTO 

Io non so se avete già avuto occasione

di mirare questa meravigliosa visione:

il sole che tramonta e saluta dolente

questo bel paese di qua dall’Adda giacente.

 

Tanto il suo dispiacere è profondo,

fin che non avrà fatto un altro giro il mondo

di non poter scaldare con il suo affetto

questo posto così bello … quasi perfetto,

 

che, con i suoi raggi attaccarsi vorrebbe

alle nostre montagne e quelle cime ebbre,

e intanto piange colori disperati

che né Giotto o Raffaello hanno sognati:

 

l’agitazione del suo cuore innamorato,

con l’aiuto delle nuvole che lo hanno aspettato,

il cielo tinge con pennellate generose

di un rosso profumato come petali di rose,

 

e insieme viola come un ciclamino, 

azzurro come gli occhi curiosi di un bambino,

mischiato all’armonia dell’arancione,

caldo e dolce come un bel bacione,

 

e l’argento dei capelli delle nostre nonne,

per i loro nipotini come tante Madonne,

insieme al rosa del fiocco sulla porta,

quando una bambina la tua casa conforta,

 

e la luce di quegli occhi che ti han fatto sentire biotto

il giorno che il tuo amore hai incontrato, ghiotto,

con la tua anima acerba, sorpresa,

nel vedere tanta bellezza che ti mirava indifesa,

 

e il giallo del canarino che in gabbia canta

la canzone del suo paese che in cuore vanta,

quando libero nei suoi cieli i suoi voli eseguiva

e ad altri uccelli di mille colori si univa!

 

E tutti questi fantastici, straordinari regali

si mischiano come in cielo i fuochi artificiali

quando il giorno della festa del paese si spara

e ogni colore con l’altro a fatica si separa!

 

È sera: del sole si vedon già appena gli spruzzi

dietro delle sette sorelle i vertici aguzzi, 1)

ma i suoi raggi, come le dita delle mani, 

salutano: ciao Bosàc’, ci vediamo domani!

 

NOTE

  1. Montagne della Val Masino, che da Albosaggia si vedono come sette cime allineate e somiglianti, appunto le sette sorelle

'l ghè nè amò