Vedi amò chèl óm

di Vittorio Crapella - 18-09-2021


Vedi amò chèl óm

L'era scià la fìi de aóst,

'l me par de idìl amò adès,

iló sentàat gió defó dèla stala

ca'l martelava la fòlsc',

contèet a cantàa la sua cansù,

'ntàat ca li sóoi vachi li mögiava con tàata pasiù.

 

Pó lò vìst sü'nsóm ala riva,

senti amò ol rumóor dela sua fòlsc',

e gió bàs al ghéva già 'n'andana 

dala rosada amò bagnada.

 

Là 'mpinìit de èrba 'l campàc' 

ca'la ciapàat sü a spala e pò lè 'ndàc',

li vachi li sènt i sóo pàs, 

amò li mögia ca li par danàs.

 

'Ntàat pensavi a qunca ghé 'ndavi rée,

l'ütavi a spnant e oltà 'l fée,

e prüma cal calàs li umbrìi 

'nsèma sé 'ndava a 'muntunàa.

 

Dópo vì mulgiüut, e finìit de darigòla,

ó töc sü 'l brèntàl del làc' a spala,

lüu l’à ‘mpìzàat la lantèrna e l’me dìs: 

”tégnela ‘n màa, la fà ciàar da pudìi cór coma 'n bìs,

 

'Mpara parché mi ghe saróo ca sempri";

èn gió de corsa sóo 'ndàc' 

par portàa a cà ol lac',

ma 'mpó 'nsürìit a pensàa

a chèl "sempri", a chée cal völeva dìi.

 

'l ghè nè amò

Vedo ancora quell'uomo

Era quai la fine di agosto,

mi sembra di vederlo ancora adesso,

lì seduto fuori dalla stalla

che batteva la falce,

era contento, cantava ancora la sua canzone,

e i suoi animali muggivano con tanta passione.

 

Poi l’ho visto in cima la ripa,

e ho sentito di nuovo il rumore della sua falciata,

in terra c’erano colonne d’erba

bagnate di rugiada.

 

Ha riempito d’erba la grossa gerla,

l’ha messa su una spalla ed è andato,

gli animali sentono i suoi passi,

muggiscono che sembravano dannarsi.

 

Intanto pensavo a quando lo aiutavo

a spargere l’erba e a voltare il fieno,

prima che calassero le ombre,

insieme si andava ad ammucchiare il fieno.

 

Dopo aver munto, e finito di accudire gli animali,

mi sono messo in spalla la brenta del latte,

lui ha acceso la sua lanterna e mi ha detto:

”tienila in mano, fa luce da poter correre come una biscia,

 

impara perché io non ci sarò sempre";

in giù di corsa sono andato

per portare il latte a casa,

ma un po' triste a pensare

a quel "sempre", a che intendeva dire.