Al dipènt còma te la leigét


di Vittorio Crapella 11 ottobre 2019

Al dipènt còma te la leigét

'Ncöö l'è stàcia la giórnàda pǜsée brǜta dè sèmpri

e pruàa ca a convincem ca

'l ghè vargót dè bùu ògni dì

parché sà te vardet da prṍf,

ol mònt l'è ´n pòst pütòsto màal mès

àa sà

'n póo dè gentiléza ògna táat la ghè

soddisfaziù e la contentéza li düra ca.

e l'è ca véra ca

'l stà tǜt ´ndela cràpa e ´ndel cṍör

parché

la véra contentéza la se ottégn

nóma sà la nòsa condiziù l'è da sciór

l'è ca véra chè ol bée l'eśìst

sóo sücǜr ca te sée d’acòrdi ca

la situaziù real

la fà

la mia manéra dè vès,

l'è tǜt fó dal mè contról

e gnáa trà 'n miliù dè àgn te me sentarée dìi chè

´ncöö l'è stàcia 'na bèla giórnàda.

 

Sà te sée ruáat fìna chiló a léisc e la fà ca al tò càas,

prùa léigela rìga par rìga a 'ndàa en sǜ.

DIPENDE COME LA LEGGI

Oggi è stata la giornata più brutta di sempre

e non provare a convincermi che

c’è qualcosa di buono ogni giorno

perché, se guardi da vicino,

il mondo è un posto piuttosto malvagio.

Anche se

un po’ di gentilezza ogni tanto traspare

la soddisfazione e la felicità non durano.

E non è vero che

sta tutto nella testa e nel cuore

perché

la vera felicità si ottiene

solo se la nostra condizione è da signori

non è vero che il bene esiste

sono sicuro che sei d’accordo che

la situazione reale

crea

il mio modo di essere,

è tutto fuori dal mio controllo,

e nemmeno tra un milione di anni mi sentirai dire che

oggi è stata una bella giornata.

 

Se sei arrivato fino a qui a leggere e non fa al caso tuo prova leggi riga per riga andando in su.

 

 'l ghè nè amò