Al ministro dèla difesa

traduzione di Vittorio C. - 02-08-2018


AL MINISTRO DELA DIFESA 

Sciór Ministro dèla Difesa,

Sòo rèet a speciàa da vès ciamàat a fàa la nàia, gh'òo 24 àgn e me sóo spósat da pòoch con 'na vèdova de 44 àgn ca la gh'à 'na fiöla de 25 àgn ca l'è pó ignüda àa mia fiöla.

Òl me pà, bé vès en póo sǜ de età, l'à maridàat chèsta fiöla de 25 àgn, ilùra adès 'l me pà l'è pó àach 'l me gèndro vìst che la maridàat la mia fiöla.

Ma se tàat 'l me da tàat la mia fiöla le pó àa la mia madrìgna vist ca la maridàat 'l me pà.

Mi e la mia fémna en gh'à üt da pòoch 'n redisìi ca 'l restarès pó àa fradèl dèla fémna del me pà e iscè dùnca àa cügnàat del me pà.

L'è pó a me zio parché l'è òl fradèl dè la mia madrìgna.

Dùnca 'l me fiöl le pó àa 'l me zio, iscè pös vès contèet ca quànca vedi lüu en del stès tèep vedi àa 'l me zio.

Sübet dòpo ca la mia fémna la gh'à üt òl sò redès àa la fémna del me pà la gh'à üt 'n mascìi biónt.

Iscè gh'ò 'n òtro fradèl biónt a lüu cóme mi; sóo propi tüt contèet, èe l'è contèet al me pà.

Al me pà 'l gh'è pareva gnàch véra de vim dàc' 'n neudìi e la mia fémna la tucàva gnàa gió bàs dal tàat ca l'era contèeta de vès diventàda ava del me fradèl.

Mi sóo stàc' 'l püsèe fürtünat, gh'òo 'n fradèl ca l'è àach ol me neùt, mìga a tûc' 'l pó capitàch 'na ròba compàgna.

E sa mi sóo òl pà dèla fiöla dèla mia fémna, ilùra mi e la mia fémna en se diventac àaf tüc' dùu.

Se po' gh'è pensi ca chèsto neùt, ca sóo ol só àaf, l'è me fradèl, ilùra mi sóo 'l me àaf.

Chesta l'è la ròba püsèe bèla ca 'l me pödeva capitàa.

Sciór ministro 'l me dispiàs 'n póo de ca pudìi fàa la nàia ma l'è la lége ca l'è permèt ca; la dis ca l'àaf, 'l pà, fiöl e neùt i pó ca fàa la nàia en de stès tèep, siché ghè domandi de fam avìi ól fói con sǜ scriüt che sò ca bùu par la nàia.

P.S. Òl matèl en quistiù la ca fàc' la nàia e sǜòl foi i gh'à scriüt: "... parché l'è 'ndàc fò de cràpa par chèl ca la cüntat sǜ e àa idüut en che guìsa sgarboiàda i se trua tüc' i söo".

(Vittorio C. - 02-08-2018)

Signor Ministro della Difesa,

Sto aspettando di essere chiamato per il servizio militare, ho 24 anni e mi sono sposato da poco con una vedova di 44 anni che ha una figlia di 25 anni che è poi diventata anche mia figlia.

Mio padre, anche se un po' anziano, ha sposato questa figliola di 25 anni, così adesso mio padre è anche mio genero visto che ha sposato mia figlia.

Ma se tanto mi da tanto mia figlia è poi anche la mia matrigna visto che ha sposato mio padre.

Io e mia moglie abbiamo avuto un bambino che rimarrebbe poi anche fratello della moglie di mio padre e così anche cognato di mio padre.

È poi anche mio zio perché è il fratello della mia matrigna.

Dunque mio figlio è poi anche mio zio, così quando lo vedo nello stesso tempo vedo anche mio zio.

Subito dopo che mia moglie ha avuto il figlio, anche la moglie di mio padre ha avuto un maschietto biondo.

Così ho un altro fratello biondo anche lui come me, sono proprio contento come pure è contento mio padre.

A mio padre non gli sembrava nemmeno vero di avermi dato un nipotino e mia moglie non toccava nemmeno per terra dal tanto che era contenta per essere diventata nonna di mio fratello.

Io sono stato il più fortunato, ho un fratello che è anche mio nipote, non a tutti può capitargli una cosa simile.

Ho pensato anche, che se io sono il padre della figlia di mia moglie, allora io e mia moglie siamo diventati nonni entrambi.

Se poi penso che questo nipote, di cui sono nonno, è mio fratello, allora io sono il mio nonno.

Questa è la cosa più bella che mi poteva capitare.

Signor ministro mi dispiace di non poter fare il servizio militare ma è la legge che non lo permette; dice che il nonno, il padre, figlio e nipote non possono fare il servizio militare nello stesso tempo, pertanto le chiedo di farmi pervenire il foglio in cui risulta che non sono abile per il servizio militare.

P.S. Il giovanotto i questione è stato riformato e sul foglio gli hanno scritto: "... perché risulta essere instabile di mente per quello che ha raccontato e vista anche la situazione ingarbugliata in cui si trovano tutti i suoi famigliari".

'l ghè nè amò