An vec' e an nöf

di Vittorio Crapella - 01 gennaio 2019


ispirandomi alla poesia " 'l prìm d' l'an " di Ebe Crapella
voce di Anna Gherardi

AN VEC' E AN NÖF

'N òtro àn l'è pasáat

e chèl nöf l'è órmài cuminciàat.

 

Iér sìra, l' àn véc’ lò idüt 'ndàa ià,

ma gió 'ndel sàch negót de bùu 'l ghèva scià.

 

Ghóo domandáat 'ndùa 'ndàva,

'l ma respondüt, 'ntàat ca 'l tremàva:

 

" 'Ndóo chiló apröf,

a murìi prüma ca 'l nàses l'àn nöf ".

 

"Ma parché ?" ghò dic',

'ntàat cal tirava ric'.

E lüu: "Parché, a stò mònt, 'l resta nóma i sàs,

tüt òl rèst prüma o dòpo la dè rivinàs".

 

Ò 'ncuntráat chèl nöf, stadómàa

e ghóo tucàat sǜ la màa.

 

L'era gióen, con furóor ma giò 'ndel sàch

àa lüu negòt de valóor.

 

Ne àgn nöf ne véc’

i pö tiram fó dal fréc’.

 

Par fàa 'ndàa tüt bée,

beśògna fidàs nóma di nòś pée.

di Vittorio Crapella - 01-01-2019

<<Òl tèep, da par lüü, magàri 'l marüda i venespói, ma 'l marüda ca gné la géet gné chi ca i comanda: 'l tèep da par lüü 'ncrespa òl scèrvel e 'l porta ala mòrt.

 

ANNO VECCHIO E ANNO NUOVO

Un altro anno è passato

e quello nuovo è ormai cominciato.

 

Ieri sera l' anno vecchio l'ho visto andare,

ma giù nel sacco aveva nulla di buono.

 

Gli ho chiesto dove andava

e mi ha risposto, intanto che tremava:

 

"Vado qui vicino

a morire prima che nasca l' anno nuovo".

 

"Ma perché?" gli ho domandato,

intanto che tirava dritto.

"Perché, a questo mondo, rimangono solo i sassi,

tutto il resto, prima o poi, deve rovinarsi".

 

Stamattina ho incontrato quello nuovo

e gli ho stretto la mano.

 

Era giovane con furore ma nel sacco

anche lui niente di valore.

 

Né anno nuovo né vecchio

può tirarci fuori dal freddo (dai nostri problemi).

 

Per fare andare tutto bene

bisogna fidarsi solo dei nostri piedi.

 

Il tempo, da solo, forse matura le nespole, ma non matura né le persone né le istituzioni: il tempo, da solo, sclerotizza e porta alla morte. >>

 

 'l ghè nè amò