Cènt àgn fà la pö vès 'ndacia iscé:

di Vittorio Crapella - 20-09-2020


Cènt àgn fà la pö vès 'ndacia iscé:

<Santuli ! ca te ghè adòs 'ncöo, la ròola ?, te pìchèt giò 'l stradegù de spetòrgna.>

"Sóo falìit falidento, stadomàa ò ca maiàat gnàa 'n tochèl de fòrmai, óo büüt mòma mèz ciapèl de serù e 'n cazèt de scòcia; adès góo adòs 'n rügamèet de vèetro. Ghè ölarés 'na rüsümada par tiràm sü."

<Dai adès carga giò ol gèrlo cola gràsa stradegada ca dopo 'n và laitésü 'ndèl lischèt, töi réet la folsc' e 'l campàc' iscè seghi scià chili quatro filonghi e pò dopo an tràfò la gràsa.

Chèst'àn la ca rendüut tàat chèla lisca, la códega lè sacia, ghè öl quai gèrli de gràsa par smorbiàl 'mpóo; iscè n'òtràn al früa vargòt de pü.>

"Ilura 'ntàat ca ti te seghéet mi porti sü quai gèli de gràsa e töi réet ol ra-sc' par spantègala fò bée."

<Tö réet a ol rastèl ca te me ütèt a remàa scià la rösöa prüma de 'ngrasàa ol lischèt.>

.....

"Adès ca ma finìit góo li travecòli, al mè ügnüu fàm, vedi già ol coldarìi dèla pülenta cocia... 'ncóo an pö pò fala 'mbòt taragna ca an ghà ilò chèl moltàl de bütéer bèl frèsch ca óo lagàat endréet aposta."

<Te ghè resù, ma pó àa laoràat belebée, 'mbèl taragnìi al ghè stà.>

 

di Vittorio C.

Cento anni fa può essere andata così:

< Santo cielo !  cosa ti prende oggi, la svogliatezza ? , pesti il forcone sul mucchio di letame con indolenza.>

" Sono spossato, questa mattina non ho mangiato nemmeno un pezzo di formaggio, ho bevuto solo mezza tazza di siero del formaggio un piccolo mestolo di siero della ricotta; adesso mi da fastidio il ventre. Ci vorrebbe  un uovo sbattuto per riprendermi.

<Dai adesso metti il letame spezzettato nella gerla che dopo andiamo lassù nel praticello, mi porto dietro anche la falce e la grossa gerla così falcio quella poca erba e dopo spargiamo il letame.

Quest'anno quel prato  ha reso poco, la cotica e dura, ci vuole un po' di gerle di letame per renderlo più fertile; così un altr'anno renderà qualcosa di più.>

"Allora intanto che tu falci io porto su qualche gerla di letame e mi porto dietro anche il tridente per spargerlo bene."

<Portati anche un rastrello che mi aiuti a raccogliere i rimasugli d'erba tagliata  prima di concimare.>

........

"Adesso che abbiamo finito ho le traveggole, mi è venuta fame, vedo già il paiolo della polenta cotta... oggi possiamo farla una volta taragna che abbiamo anche un bel panetto di butto fresco che ho tenuto in disparte apposta.

<Hai ragione, abbiamo anche lavorato molto, una bella polentina taragna ci sta.>